La Firenze di “Amici Miei”: una passeggiata sulle orme del cult di Monicelli

Amici Miei Firenze

Amici Miei (1975) è un film di Pietro Germi, diretto dal maestro Mario Monicelli, che racconta le avventure picaresche di un gruppo di amici cinquantenni, oggi considerate una pietra miliare nell’immaginario cinematografico nazionale. Opera fortemente evocativa, può offrire una guida originale alla scoperta di una Firenze insolita, tra location di incredibile fascino, magari poco conosciute, e luoghi imperdibili del capoluogo toscano. Ecco dunque le tappe principali di uno dei più famosi film su Firenze, racchiuse in un itinerario imperdibile per i cinefili, ma anche per tutti coloro che desiderano seguire un percorso di visita alternativo a quelli più battuti.

Il tour può iniziare nel centro storico fiorentino, in via Magliabechi, dove si trova il palazzo de “La Nazione” per cui il Perozzi lavora come capocronista. A due passi, in via Borgo Santa Croce, si incontra il bar in cui il nostro eroe va a fare colazione all’inizio del film, proprio a due passi da piazza Santa Croce –  una delle principali piazze del centro storico di Firenze. Approfittatene per visitare la celeberrima Basilica di Santa Croce, famosa, oltre che per l’estetica neogotica, per essere il luogo di sepoltura di personaggi di spicco della storia nazionale – Michelangelo, Galileo e Machiavelli in primis.

Si può poi proseguire con un breve tour per le altre piazze cittadine che hanno fatto da cornice alle rocambolesche vicissitudini dei nostri quattro: Piazza Lorenzo Ghiberti, Piazza dei Peruzzi e Piazza San Felice – nei pressi di Palazzo Pitti. Con una piacevole passeggiata sul Lungarno si può poi raggiungere il Bar Necchi, oggi Bar Negroni, in Via dei Renai 17. Di fronte al bar si trova il piazzale dove il Righi attende i quattro amici per riconsegnarli lo zucchero, fermamente convinto che sia droga.

Da qui, si può raggiungere Piazza San Lorenzo, dove si trova la scalinata della chiesa che fece da teatro al tentativo di Mascetti di piazzare una gamba finta: il consiglio è di visitare la piazza al mattino, quando si tiene lo storico mercato fiorentino, uno dei più grandi d’Italia. Un’altra tappa immancabile è di certo la Stazione di Santa Maria Novella, dove si svolge una delle scene più famose del film, in cui i protagonisti schiaffeggiano i passeggeri affacciati dal finestrino del treno in partenza. Il tour non può che concludersi in Piazza Santo Spirito, dove, nella chiesa omonima, viene celebrato il funerale del Perozzi, tra l’incredulità generale e il dolore degli amici.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi