LIVE: Ma allora cedere sovranità è finalmente reato? Marco mori risponde alle vostre domande durante la diretta

Un decreto del Tribunale di Cassino, ottenuto da Marco Mori, stabilisce finalmente che non si può cedere sovranità (qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=Rut9A2pnKRc). Si potrà usare per incriminare gli autori delle cessioni di sovranità passate, presenti e future?

Marco Mori, l’avvocato che si batte da anni perché gli autori delle cessioni di sovranità siano puniti, risponde a tutte le domande che gli farete dal vivo nella chat di Youtube, dando la precedenza ai messaggi Superchat. Qui il link per aprire la chat (non fate le domande altrove, o non verranno prese in considerazione):
https://www.youtube.com/live_chat?is_popout=1&v=h8xPye_zJYE

Per iniziare a studiare l’argomento, ecco il video in cui Marco annunciava su Byoblu lo storico decreto:

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • E’ sempre stato reato: Alto Tradimento e Sovversione dello Stato, oltre ad altre fattispecie ancora. La novità sta nel fatto che viene finalmente riconosciuto per tale, mentre per anni ci siamo trovati in una specie di vacanza nella quale era possibile dire e fare tutto. Ne dovrebbero conseguire tutta una serie di azioni che avrebbero per oggetto personalità delle istituzioni, della politica e, infine, la revisione dei trattati internazionali che implicano apertamente la cessione di sovranità. Quindi, dipenderebbe dalla Magistratura e da un eventuale governo che, naturalmente, non sarebbe più questo. E naturalmente, anche dalle forze internazionali che questa cessione hanno pianificato, il che implicherebbe una situazione diplomatica un pò complicata.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi