Alla scoperta delle due baie di Sestri Levante

sestrilevante baie

A una trentina di chilometri da Genova e in posizione strategica per una gita alle Cinque Terre, Sestri Levante vive oggi prevalentemente sul turismo: merito della sua bellezza paesaggistica, ma anche a quella delle baie che le hanno assicurato, nel corso degli anni, l’appellativo di Città dei due mari. Se state leggendo quest’articolo, è probabile che abbiate in mente di trascorrere un breve soggiorno a Sestri, e che dunque ne abbiate già sentito parlare: in ogni caso, nelle righe successive ve ne daremo una rapida descrizione.

Le baie, come accennato, sono due: una è detta delle Favole, l’altra, invece, del Silenzio. La prima rende omaggio allo scrittore danese Hans Christian Andersen – autore di capolavori senza tempo quali La principessa sul pisello, La sirenetta e Il brutto anatroccolo –, che scrisse da queste parti sia fiabe che racconti, e che la città onora ogni anno grazie a iniziative come il Premio Andersen e l’Andersen Festival. Restando sulla spiaggia, vi tornerà utile sapere che è in parte sabbiosa e in parte sassosa, e che è per una buona porzione occupata dagli stabilimenti balneari, pur offrendo anche alcuni tratti liberi (in un caso o nell’altro, durante l’alta stagione vi consigliamo di arrivarvi di buon’ora). La vera star di Sestri, tuttavia, è la baia del Silenzio, che deve la sua fama non solo alla limpidezza delle acque, ma anche a un paesaggio che aggiunge ai colori della natura quella delle pittoresche case che si affacciano sul mare. Anche in questo caso, la spiaggia dà il suo meglio alle prime ore del mattino (o, di riflesso, a quelle che vanno dal tramonto alla sera).

Le due baie di Sestri Levante sono tra i motivi principali che spingono, ogni anno, migliaia di turisti a raggiungere quest’angolo di Liguria. Chiaramente, però, le attrattive del territorio non finiscono qui: se siete in cerca di altre ragioni per visitare Sestri, il magazine di Expedia ha pubblicato un approfondimento che potrebbe fare al caso vostro. Buona lettura a tutti!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi