Casaleggio sarebbe uscito dal Movimento, piuttosto che fare un Governo col PD

Luigi Di Maio dica se del Movimento non capisce nulla lui, oppure se non capiva niente Gianroberto Casaleggio.

14 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La situazione di allora non è quella di oggi per cui non è detto assolutamente che Casaleggio riconfermerebbe la stessa opinione. Usare questa dichiarazione datata per impedire a Di Maio di tessere la sua tela che consiste pure nel fare pressing su Salvini, è perlomeno inopportuno.
    Che sia iniziato questo fuoco di sbarramento prima ancora che ci sia stata una qualche dichiarazione d’intenti del M5S sulla strada da percorrere è avvilente.
    Lasciamogli fare tutti i passi che ha in programma e poi giudichiamo i risultati di questa azione:
    Del resto una cosa è certa: il M5S non ha i numeri per governare da solo ma non li ha neppure per governare con la Lega con un minimo di sicurezza, tenuto conto che la parte maroniana è nelle mani di B.
    Quindi che fare? Ha senso sperare in un governo che faccia la legge elettorale e ci riporti a votare tra 6 mesi? Assolutamente no!
    Per cui: inutile storcere la bocca preventivamente. Giudichiamo il leader M5S sui risultati che porterà a casa.

    • Non so cosa farebbe Casaleggio oggi, ma credo che sarebbe coerente con la linea tenuta nella campagna elettorale (questa peraltro fatta senza la sua regia e quindi non so se sarebbe stata condotta nel modo in cui è stato fatto) e se in campagna elettorale e nel programma proposto il PD è stato definito a dir poco come partito di inetti ed incapaci ed il suo operato di governo come “gli è tutto da rifare”, come avrebbe detto il “Bartali”, non credo che Casaleggio chiederebbe l’appoggio del PD. Se fossi movimentista e non lo sono, mi sentirei un po’ preso per il naso, pur comprendendo che soli non si va da nessuna parte.
      Credo anche che Casaleggio non chiederebbe l’appoggio del PD per un secondo motivo: dei componenti del PD, almeno di alcuni che ancora hanno peso all’interno, tutto si può dire nel bene e nel male, ma non che sono stupidi e non credo che questi siano disponibili a rimangiarsi tutto quello che hanno fatto solo per ritornare al governo subito e a condizioni non dettate da loro.
      Ricordiamo come operava il PSI di Craxi, cui l’attuale PD comincia ad assomigliare un po’. A furia di mettere un bullone qui e toglierne uno là, alla fin fine era quello che faceva e sfaceva e sempre partiva dall’opposizione per poi governare sulle sue basi che non erano esattamente quelle della DC o del PLI o del PRI. Sia mai che il Movimento accetti compromessi con questo PD, alla prossima votazione sarebbe il Movimento a perdere consenso.

      Giuseppe M. Pellegatta

  • Che il movimento sia cambiato e si sia strutturato diversamente anche in ottica di governo è un dato di fatto. Però aspetterei a dare un giudizio negativo. Io osservo e se noto un canbiamento truffa ne prenderò atto. Vorrei vedere un governo che agisce per dare una sistemata vigorosa al sistema politico italiano. E’ ancora possibile, dipende da 5s e Lega. Possono farlo. Poi noi italiani giudicheremo i fatti.

  • Se i 5 Stelle hanno scelto lo scontro con la coalizione di centrodestra allora vuol dire che avevano, fin dall’inizio, in mente un governo con il PD, il partito più europeista e iperliberista, ma potrebbero avere in programma anche di lasciare a Gentiloni la nuova legislatura che è proprio la soluzione che cerca la Germania, la UE, le banche d’affari e i Fondi di Investimento pronti ad intervenire sul mercato nazionale per fare man bassa di quello che resta della ricchezza del paese, e sotto sotto anche al nostro presidente della Repubblica andrebbe bene una legislatura Gentiloni. In questo caso le voci che complottavano di accordi tra Di Maio e la finanza londinese che vanno a discapito degli interessi italiani e che vedrebbero nel M5S la mano che ci stringe definitivamente il cappio al collo, non sarebbero allora infondate. Ai 5 Stelle è stato chiesto di prendere il testimone lasciato da Renzi per portare avanti la scalata, da parte delle grandi corporation, dell’Italia S.p.a con il secondo provvedimento dell’unificazione delle Agenzie delle Entrate, dopo quello della unificazione delle banche popolari e banche di credito cooperativo.

    • Quella di Salvatore Penzone è un’analisi che non si discosterebbe molto dalla realtà, se si guardano attentamente determinati eventi e dichiarazioni fatte recentemente da Mattarella, PD e Di Maio…
      Un vecchio politico che oggi non è più tra noi disse: in politica tutto può succedere, anche l’impensabile ed in questo caso si potrebbe dire: M5S l’eccezione che conferma la regola.. Mi auguro di sbagliarmi di grosso…

  • “Lasciamogli fare tutti i passi che ha in programma e poi giudichiamo i risultati di questa azione”
    POTREBBE ESSERE TROPPO TARDI!

  • La situazione di stallo che il M5S sta mantenendo per la formazione del nuovo governo è assurda, inattesa, inaccettabile e tradisce la fiducia che in tantissimi hanno dato al movimento e quello che più mi danna l’anima che Di Maio, Grillo ecc.. stanno rimangiandosi quello che avevano detto in campagna elettorale e quindi o erano in mala fede allora o lo sono adesso e mi spiego. Il punto è il seguente, come si può cercare un accordo con il PD che lo stesso Di Maio aveva affermato essere in mala fede e di aver tradito i cittadini ed i loro stessi elettori con i 20 miliardi che avevano sborsato con i soldi dei contribuenti a favore delle banche.. ed ancora i privilegi riservati ai politici, la questione vitalizi ecc.. Mi domando adesso, come si può cercare un accordo con questi delinquenti politici tra cui spicca il peggio del peggio, ovvero Renzi.. e poi Di Maio e me ne dispiace immensamente, non riesce a capire che un governo con il PD è impossibile perché Renzi ed i suoi farebbero mancare i voti alla fiducia e quindi il 20% dei consensi ricevuti si ridurrebbe del 6,2% e tenendo conto del 33% dei voti ricevuti dal M5S alla Camera comunque non avrebbe la maggioranza. Insomma, una incoerenza inaccettabile che distruggerebbe tutta l’immagine che si è voluta dare al M5S definendolo diverso dalle altre forze politiche, mentre queste scelte direbbero l’esatto contrario e me ne dispiace tantissimo, in quanto ci avevo messo il pensiero che il M5S poteva dare una stoccata decisa per cambiare le sorti di questo paese distrutto da anni di politiche che il PD ha svolto a favore della massoneria orribile di questo paese, incrementando la disoccupazione, la disperazione, con un debito pubblico da paura e le pensioni minime che non servono a nulla..
    Infine, circa la possibilità di allearsi con la Lega mettendo fuori Berlusconi e la Meloni è comunque una soluzione senza futuro. Pertanto, Di Maio e Grillo, invece di illudere i loro elettori e perdere tempo in accordi impossibili che mai si realizzerebbero, farebbero meglio a presentarsi dal presidente della Repubblica e dire chiaramente e senza perdere ulteriore tempo, che stando la legge elettorale criminale ed idiota voluta dal PD e compari, non è possibile avere una maggioranza che riesca a governare e quindi passare la palla nelle mani del Presidente Mattarella, il quale pur dovendo dare un governo a questo paese, direbbe al governo dimissionario di Gentiloni di rimanere in carica pro tempore, fino a quando da nuove elezioni e con una legge elettorale seria, si riesca a dare un governo con i giusti numeri per governare… A questo punto Grillo e Di Maio scatenerebbero l’inferno agitando e facendo incazzare gli animi già incazzatissimi degli elettori, spingendoli a votare ancora una volta per il M5S che a loro dire voleva cambiare il paese, ma il PD, Napolitano ecc… glielo hanno impedito e quindi sfruttare questa occasione ennesima elettorale per prendere tantissimi voti alle prossime elezioni che potrebbero svolgersi entro giugno 2018… Insomma, una grandissima delusione se andasse così ed a questo punto il M5S si sfalderebbe amaramente per tutti questi errori che non avrebbero dovuto mai fare, oltretutto, senza nemmeno governare… Mi auguro di sbagliarmi, ma non credo ci possano essere altre soluzioni per formare un governo adeguato alla grave emergenza che vive questo paese.
    Questa la mia umile opinione che mi farebbe piacere se fosse completamente sbagliata ed il M5S dimostrasse con i fatti quello che loro hanno promesso ai loro elettori alle ultime elezioni politiche 2018!!

  • DI MAIO e’ un irresponsabile non sa che se fara’un alleanza con il pd parecchin attivisti come me se ne andranno dal movimento e moltissima gente non li votera’ mai piu’ questo tentativo di agganciarsi al pd gia’ ci fa pensare che siamo in mano ad un incompetente totale arrivista non si ricorda piu’ chi sono quelli del pd tutti e non sara’ certo DI MAIO a redimerli dalle sue ruberie sono una massa di ladroni e contro la gente che lavora tuttte le promesse fatte dal movimento andranno a farsi benedire l ‘importante pero’ per certi grillini e DI MAIO e’ che diventi capo del governo prossimo potetico e irresponsabile GIANROBERTO era oltre il fondatore del movimento aveva un intelligenza non indifferente e diceva cose giuste

  • Di Maio è il cavallo di troia dell’Elite che lo ha infilato nei 5 stelle per fargli fare poi, come sl solito, quel che lei decide. Ed infatti lui da sempre strilla che non si deve uscire dall’Euro.

    Lo si capiva dal giorno, mesi fa, in cui di colpo i media, che pur continusvano a parlare dei” pentastellati”” i grillini” cominciavsno a parlare susseguiosi di Di Maio. Vuol dire che l’Elite lo aveva scelto. Come aveva scelto Renzi, che fu messo lì sul davanzale della finestra degli Itslisni, un giorno dal nulla, dai media.
    Sarebbe interessante sapere quanfo e da chi Di maio partecipó alle riunioni della trilatersle o Bildenberg.

    Suvvia.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi