Welby e la paura di morire.

La vita è un diritto.
Ma se la vita è un diritto allora non c’è nessuna alternativa: anche la morte è un diritto.
Interessante l’etica quando è cucita sulla pelle altrui.
Interessanti le dichiarazioni in nome di Dio, della morale.
Ognuno parla di cose che non gli sono proprie, e presenta il conto a chi non può difendersi.La morte è un diritto tanto quanto la vita. Perchè se io ho il diritto di nascere, come viene spesso sostenuto (ma se non sono ancora stato concepito, non esisto: come posso avere diritti?), allora ho anche il diritto di morire. Sarebbe come dire che io ho il diritto di entrare ma non di uscire; che ho il diritto di comprare un libro, di leggerlo ma non di finirlo; che posso partire ma non arrivare.La medicina avrebbe dunque il compito di aiutare gli uomini a vivere meglio ma, nel caso, dovrebbe avere anche quello di aiutarlo a morire meglio.
La medicina ha il compito di curare. Ma curare deve significare quanto più possibile guarire, non trattenere in bilico sopra il baratro.

Se nessuna medicina esistesse, la vita scivolerebbe semplicemente nella morte secondo quanto la natura stessa ha previsto, complici le condizioni ambientali e lo stile di vita.
Duecento anni fa, per esempio, ma forse non c’è bisogno di andare così indietro, di peritonite si moriva a iosa. Oggi spesso (forse) ci si salva. Ci si salva perchè la medicina ha sviluppato una cura adeguata, efficace (l’operazione chirurgica). Una cura è efficace quando ti permette di ristabilire le condizioni di salute precedenti alla malattia. Ma se questo fosse il solo principio regolatore, allora un’amputazione ad una gamba in cancrena non sarebbe considerata una valida cura, perchè alla fine della stessa non si potrebbe più correre liberi su un prato, non con una gamba di legno. La cura non avrebbe guarito, ma messo una pezza, prevenuto complicazioni peggiori. In un certo senso avrebbe guarito la malattia successiva, quella derivante dalla degenerazione di quella per cui la cura è stata somministrata.
Andrebbe bene lo stesso? Sì e no. Dipende.
Andrebbe bene per me. Forse non andrebbe bene in una società primitiva, dove la capacità di sfuggire alle prede passa soprattutto dalla velocità. In quel caso, forse, la cura non risolverebbe nulla. Prolungherebbe solamente l’attesa dell’inevitabile. Allungherebbe il finale ad una pellicola che avrebbe forse anche potuto essere divertente e ben congegnata, purchè lunga il giusto e non di più, quanto basta.

Ci sono casi poi nei quali una cura non guarisce nè mette una pezza. Casi in cui si cerca solamente di frenare il compiersi di un inderogabile destino.
Cosa accadrebbe se si scivolasse giù per una scarpata, procurandosi traumi e lussazioni fino a varcare l’orlo di un crepaccio per essere poi afferrati in extremis da una (im)provvida mano, con l’unica possibilità di essere trattenuti per il bavero, penzolanti sopra un baratro, con gli occhi sbarrati per il terrore e il corpo straziato dall’urto con le rocce aguzze? Certo, una bella fortuna! Ma se questo qualcuno non fosse in grado di tirarci su, se non ce la facesse, se tutto si riducesse ad un’attesa spasmodica, mentre centimetro dopo centimetro la presa si allenta, il bavero si sfila, le cuciture saltano… Se con uno sforzo sovrumano noi riuscissimo a guardare negli occhi chi ci ha teso una mano solo per prolungare la nostra agonia, con la consapevolezza che saranno solo la paura, il terrore e l’angoscia ad avere il controllo della nostra mente, dei nostri ultimi pensieri fino a che finalmente non saremo lasciati ad un destino ineluttabile, al formicaleone in attesa in fondo al buco.. Se riuscissimo a fermare lo sguardo, le pupille sulle sue per un istante lungo un battito di ciglia, ..cosa gli diremmo? Cosa gli chiederemmo davvero?
Certo, potremmo sempre nutrire la speranza che qualcun altro, accorso in seguito ai nostri richiami, possa aggiungere le sua mani alle nostre mani, la sua forza alla nostra forza e tirarci su.. Ma se per quanti rinforzi accorressero, il poco spazio sul ciglio del burrone non consentisse a più di una persona alla volta di protrarsi per afferrarci, ed una sola persona fosse sempre troppo poco per salvarci, oggi come domani come in tutti i giorni a venire..

Ecco. Se fossimo perduti, oscillanti sull’abisso, e qualcuno in nome di una riflessione teorica, una sega mentale, ci impedisse di porre fine al nostro tormento, di spegnere l’interruttore per cullarci nell’illusione di un nuovo mondo o semplicemente della pace del ritorno.
Cosa chiederemmo allora a quello sguardo che incrocia il nostro? Accetteremmo quella cura così inadeguata, o lo supplicheremmo di lasciarci seguire la nostra strada?

La cura per la peritonite restituisce una persona alla sua vita normale. La cura per la cancrena ad una gamba resituisce una vita che può essere giudicata accettabile o meno. Ma l’ultimo tipo di cura, quello restituisce solamente il dolore che trova, e lo amplifica. Essa non è una cura: diviene parte della malattia stessa.

Si dice che gli elefanti vadano a morire in un cimitero segreto. Gli animali sentono la morte avvicinarsi e smettono di mangiare, sono liberi di rifiutare le cure. Seguono la vita in tutto ciò che essa consiste, a cominciare dall’inevitabilità della morte.

L’uomo, che di tutti gli animali è il più evoluto, ha perso il diritto di morire.
Altri uomini glielo hanno rubato: i politici, gli opinionisti, Ippocrate.

E i preti.
Welby non ha potuto avere funerali religiosi.

E’ questo il Dio che la chiesa ha predicato nel corso dei secoli? Un Dio che ti toglie tutto, che ti chiama a sè ma che non ti vuole se poi scegli di raggiungerlo in maniera consenziente?

L’accanimento contro Welby è la nostra paura di morire. Se noi acconsentiamo a che una persona sia lasciata morire (e non uccisa), allora un giorno qualcuno potrebbe lasciar morire noi, e questa è una possibilità intollerabile.
Così cerchiamo con tutti i mezzi di esorcizzare il nostro terrore imponendo a chi ha avuto gli attributi per superarlo un’esistenza di pura sofferenza.

La nostra vita non esiste. E’ una pura invenzione. Una fantasia letteraria. Una figura retorica.
La nostra vita siamo noi stessi. Tant’è vero che non potrei essere vivo senza esistere, ed io non esisterei senza essere prima di tutto vivo.
Dunque io non posso privarmi della vita come si tolgono dieci euro dal portafoglio.

Io sono io, e dunque implicitamente mi appartengo. E siccome io e la mia vita coincidiamo, allora la mia vita mi appartiene.

Nessuno può averne il copyright.

Anche la morte non esiste. La morte è una conseguenza della vita. La morte non è che una negazione, così come lo zero degli arabi serve solo a fare i conti, è una convenzione: tutti sanno che non esistono zero sassi. O ci sono dei sassi o non ci sono, e se non ci sono non li puoi contare!
La morte è un qualificatore della vita stessa, così come la nascita. Sono due estremi che inducono in errore. Ci ingannanno elevandosi ad entità reali.
Ma è falso. L’unica cosa che esiste è la vita.
Possiamo solo vivere. Vivere poco, vivere a lungo. Ma vivere.
E siccome vivere è l’atto originario che scaturisce dall’esistere, nessuno può condizionarlo dall’esterno.
Vivere è la qualità fondamentale che ci caratterizza. Più del nome, più dell’aspetto fisico. Prima ancora di tutto viene il fatto che siamo. Non si discute.

Se io ho sovranità assoluta ed ontologica sulla mia vita, e se la morte non esiste se non in quanto caratteristica della vita stessa, allora io ho il diritto di esigere che la mia vita raggiunga il suo fine ultimo, la sua meta.
Ho il diritto di lasciare che la mia vita si compia.

La vita di Welby si è finalmente compiuta.
Ma quanta fatica!

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

La demonetizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Consultazioni – Conferenza stampa M5S: QUALUNQUE GOVERNO CALATO DALL’ALTO ILLEGITTIMO

La conferenza stampa del Movimento 5 Stelle (M5S) dopo essere stati ricevuti da Sergio Mattarella, per il rito delle consultazioni che si svolgono al Quirinale....GUARDA

SGARBI: MPS? PAGHI IL PD! PAGHINO D’ALEMA E PRODI!

Vittorio Sgarbi: "Il salvataggio di Monte Dei Paschi di Siena lo paghi il Pd. Se lo paghino Massimo D'Alema e Romano Prodi. Il Monte dei Paschi di Siena di Mussari era un potere dello Stato! Non lo devono pagare i cittadini. Lo deve pagare chi lo...GUARDA

CARLO SIBILIA (M5S): BASTA GOVERNI IMPOSTI, ORA POTERE AL POPOLO!

Carlo Sibilia Potere al Popolo Carlo Sibilia, deputato del Movimento 5 Stelle: nazionalizzazione di Monte dei Paschi di Siena, basta governi non decisi dai cittadini e restituzione del potere al popolo. ...GUARDA

VERGOGNOSO: GIULIO SAPELLI INIZIA A PARLARE DI MES E TROIKA E… TAAC: CAMBIANO DISCORSO!

Giulio Sapelli CondizionalitàL'economista Giulio Sapelli, dopo la mossa della BCE che non ha concesso tempo a MPS per la ricapitalizzazione, aprendo così la strada agli aiuti di Stato (e quindi al MES, con il commissariamento che ne deriva), inizia a parlare di MES e di pesanti condizionalità da sopportare. Ma il conduttore...GUARDA

Massimo Fini invoca i Cinque Stelle e un “dictator” per governare su tutti.

scontro-ronzullo-de-sanctis-si-vergogni Massimo Fini invoca un "dictator" per governare su tutti. Poi dà del delinquente a Berlusconi (e chiama "Saluzzi" la De Sanctis), con il plauso di Vittorio Sgarbi. Licia Ronzulli se la prende e offende Federica De Sanctis, Sky Tg24: "Si vergogni, come conduttrice e come donna!...GUARDA

Giulietto Chiesa: ultima chiamata contro il commissariamento

Giulietto Chiesa: ultima chiamata contro il commissariamento Giulietto Chiesa parla del dopo Renzi, richiama l'attenzione sulle insidie del ricorso al fondo salva stati (volgarmente detto Esm o Esm) e lancia la sua proposta per impedire ai ladri di sovranità di portare a termine i loro piani sulla pelle dei cittadini. (altro…)...GUARDA

Claudio Messora su RadioRadio: “Okkio alla Troika”

claudio-messora-radioradio-radio-radio-okkio-alla-troika Questa mattina alle 10 ho informato gli ascoltatori di "Un giorno speciale", in onda su RadioRadio, della necessità di restare in guardia sulla possibilità che un Governo (doppiamente illegittimo, oggi come oggi) chieda di fare ricorso all'Esm, commissariando di fatto l'Italia e imbrigliando qualunque Governo a...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>