I partigiani della libera informazione

I topi e il pifferaio magico
Il nuovo partigiano non imbraccia fucili: gira armato di notebook e WI-FI. Il nuovo partigiano non si nasconde nelle cantine, e anzi non si nasconde per niente! Il nuovo partigiano non ascolta una radio su frequenze clandestine, ma apre un blog e commenta i video dei suoi fratelli in rete. Il nuovo partigiano non ha frontiere da difendere, perchè finalmente è chiaro che non ci sono nemici da respingere, tranne uno: l’informazione. Controllata. Asservita. Vilipesa. Strumentalizzata.
Non esiste nessuno scontro di civiltà. Esistono brave persone indotte a credere di dover compiere una scelta tra il bene e il male. Esistono soldati che muoiono per difendere gli interessi di altri, credendo di fare i propri. Esistono contrabbandieri di idee, pifferai magici che incantano orde di topi disinformate, e se ne liberano scagliandole le une contro le altre.
Il nuovo partigiano lo sa. Sa che l’ultima e la più importante delle guerre da combattere sarà quella per la libertà e la condivisione delle informazioni. E allora il nuovo partigiano, questo uomo, si fa nodo della rete, si fa strumento nelle mani della mente collettiva. Si fa egli stesso neurone e sinapsi per collegare altri nodi e condividere la memoria. Il nuovo partigiano è uno spacciatore di conoscenza, una sveglia che attiva le coscienze e desta i topi dall’incantesimo. E i topi svegli sono tanti, molti di più del pifferaio.

Del resto, è risaputo che i topi, alla fine, erediteranno il mondo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

12 risposte a I partigiani della libera informazione

  • 3

    Tutto sta andando come già era previsto nei piani di qualcuno: tra le righe di un programma elettorale mai spiegato, ma soltanto propagandato; nell’esperienza di precedenti governi, nella lunga fedina penale di Berlusconi e nella gran quantità di delinquenti che lasciano marcire il nostro parlamento e la democrazia italiana. I telegiornali parlano a gran voce di tutto ciò che ha minima importanza e pronunciano sotto voce poche parole sui fatti salienti. Siamo nel 2008 e la nostra costituzione compie sessantanni e, come tutti gli anziani, viene emarginata e considerata incapace di far fronte alla modernità. Una modernità che probabilmente non la merita, per l’individualismo egoista che la caratterizza, per la fede estrema e isterica nel denaro, per la mancanza di valori condivisi e della capacità di immaginare una vita migliore e più dignitosa per tutti (questi oggi li chiamano moralisti!).In realtà se in Italia fossero regolarmente applicati, anche solo in 1/3 dei contenuti costituzionali, potremmo considerarlo un paese più civile di quanto lo sia oggi.E invece, i potenti uomini incravattati, nell’aulico mondo in cui si decide segretamente il destino di noi tutti, calpestano la dignità della nostra Repubblica, l’orgoglio di essere italiani (ben diverso dal festeggiare la vittoria di una mera partita di calcio agli europei) e la bellezza della nostra terra e cultura. Tra uno spumante e una mortadella, un’astensione teatrale e grossi paroloni insignificanti, svuotano il senso di tutto un passato, di tutta una storia. Se i partigiani, quelli con i fucili, avessero saputo davvero per cosa stavano lottando, se avessero potuto avere a loro disposizioni una palla di vetro… allora sarebbero diventati, forse, sostenitori fedeli del fascismo.I veri italiani di oggi sono gli anti-italiani.

  • 2
    jordan

    …ad agosto mi nasce la quarta figlia…sono contentissimo…ma posso dirvelo?…o rischio qualche anno di galera? …mi preoccupano soprattutto le sanzioni economiche…forse però mi daranno il premio per il nascituro!Spero che questo nuovo pifferaio non ci trascini in qualche guerra come il predecessore…ma in quanto ai topi che erediteranno il mondo…lo avevano già ereditato…che tristezza!Fatemi un favore…fate un buco alla chiglia del panfilo di d’alema!

  • 1

    Condivido le argomentazioni di Nadia.Partigiani ce ne sono, Fabrizio. Basti pensare a Travaglio, Martinelli e Leonardo Facco Editore, che hanno pubblicamente dichiarato che pubblicheranno il materiale delle intercettazioni quando non sarà più secretato, cioè sarà pubblico, rischiando la galera. Questo è metterci la faccia.Io stesso “ci metto la facci”. Interventi come “Lo strano caso del Dr.Silvio e Mr.Biagi” piuttosto che “Berlusconi e Mubarak” sono argomentazioni, chiare, decise e frontali dirette al sistema, e la mia faccia nonchè il mio indirizzo sono esposti senza nessuna garanzia nè alcuna formazione politica che mi protegga le spalle.E anche chi non pubblica direttamente può fare il resto, condividendo le informazioni, mettendo a disposizione e ripubblicando gli interventi, facendo tam-tam, organizzando manifestazioni in caso di interventi coercitivi. Questa è la nuova partigianeria.C’è gente che rischia davvero. Va supportata.

  • 0

    Nadia, hai anticipato quello che avrei con tutta probabilità  suggerito di fare io.Complimenti :)

  • -1

    quello scritto da nadia lo reputo molto interessante ma la domanda è: quanto si è disposti a rischiare del proprio orticello?, ho riletto molto attentamente il post originale e l’unica cosa che contesto è il termine partigiano, pechè usare un termine che ha un significato ben preciso legato alla resistenza e all’insurrezione, non credo che siamo pronti a rischiare quello che hanno rischiato persone che si sono dati alla macchia per garantire la libertà futura, per questo dico quanto si è disposti a rischiare… secondo punto è la visione globale dell’informazione; è charo che la situazione italiana è quella che ci viene più facile commentare, ma la nostra informazione ha un andamento globale oggi per esempio il tg2 a fatto un servizio di 20 min su cosa devono mangiare i cani in estate quando la settimana scorsa c’è stato l’ennesimo fallimento della riunione della fao, questa sera il tg3 ha parlato del bullismo dei bambini dell’asilo notizia veramente assurda, e poi a detto che un imprenditore si faceva pagare 1500€ da sei marocchini per farli lavorare in nero, scusate ma qual era la notizia del bullismo..?questo per dire che per me si è una lotta di civiltà, camuffata da scontro sociale, dove alla base c’è proprio la gestione dell’informazione…

  • -2

    quello scritto da nadia lo reputo molto interessante ma la domanda è: quanto si è disposti a rischiare del proprio orticello?, ho riletto molto attentamente il post originale e l’unica cosa che contesto è il termine partigiano, pechè usare un termine che ha un significato ben preciso legato alla resistenza e all’insurrezione, non credo che siamo pronti a rischiare quello che hanno rischiato persone che si sono dati alla macchia per garantire la libertà futura, per questo dico quanto si è disposti a rischiare… secondo punto è la visione globale dell’informazione; è charo che la situazione italiana è quella che ci viene più facile commentare, ma la nostra informazione ha un andamento globale oggi per esempio il tg2 a fatto un servizio di 20 min su cosa devono mangiare i cani in estate quando la settimana scorsa c’è stato l’ennesimo fallimento della riunione della fao, questa sera il tg3 ha parlato del bullismo dei bambini dell’asilo notizia veramente assurda, e poi a detto che un imprenditore si faceva pagare 1500€ da sei marocchini per farli lavorare in nero, scusate ma qual era la notizia del bullismo..?questo per dire che per me si è una lotta di civiltà, camuffata da scontro sociale, dove alla base c’è proprio la gestione dell’informazione…

  • -3

    quello scritto da nadia lo reputo molto interessante ma la domanda è: quanto si è disposti a rischiare del proprio orticello?, ho riletto molto attentamente il post originale e l’unica cosa che contesto è il termine partigiano, pechè usare un termine che ha un significato ben preciso legato alla resistenza e all’insurrezione, non credo che siamo pronti a rischiare quello che hanno rischiato persone che si sono dati alla macchia per garantire la libertà futura, per questo dico quanto si è disposti a rischiare… secondo punto è la visione globale dell’informazione; è charo che la situazione italiana è quella che ci viene più facile commentare, ma la nostra informazione ha un andamento globale oggi per esempio il tg2 a fatto un servizio di 20 min su cosa devono mangiare i cani in estate quando la settimana scorsa c’è stato l’ennesimo fallimento della riunione della fao, questa sera il tg3 ha parlato del bullismo dei bambini dell’asilo notizia veramente assurda, e poi a detto che un imprenditore si faceva pagare 1500€ da sei marocchini per farli lavorare in nero, scusate ma qual era la notizia del bullismo..?questo per dire che per me si è una lotta di civiltà, camuffata da scontro sociale, dove alla base c’è proprio la gestione dell’informazione…

  • -4

    Se ad esempio, Travaglio pubblicasse in internet le intercettazioni e migliaia e migliaia di persone copiassero e incollassero il tutto nel medesimo istante, come potrebbero metterci tutti in galera? Come minimo dovrebbero fare due o tre indulti in contemporanea! Anche perché non ci sarebbero le strutture necessarie. ;-) Sono d’accordo, c’è gente che rischia davvero e non può che meritare non solo il nostro appoggio, ma anche la nostra più profonda stima.

  • -5

    Molto interessante l’argomento! Io dico, che:L’opinione non è informazione, ma non esiste informazione senza opinione. Tuttavia ci sono -a mio parere – più modi in cui esprimere una propria opinione:1. Argomentando su dati e fatti reali, facendo quindi uso della logica e della razionalità, mirando ad una qualche oggettività (anche senza mai raggiungerla).2. parlando per luoghi comuni, senza approfondire, in modo generico, superficiale, facendo quindi prevalere la nostra parte emotiva e irrazionale, facendo prevalere la soggettività. Credo che il male peggiore della nostra informazione stia nel cambiamento del linguaggio, dal primo al secondo. La notizia non risponde più a una verità dedotta in modo logico e razionale, ma è la proiezione delle paure, delle speranze e dei sentimenti degli italiani. I Telegiornali stanno usando lo stesso registro linguistico dei reality show e dei programmi cult! Parlano di moda, gossip, storie tenere di cuccioli o animaletti vari, alternate a scenari di guerra e disastri, di morti bianche e bambini rapiti. Mirano al cuore e non alla testa, del popolo e non più dei cittadini. A mio avviso, quindi, il problema non è l’imparzialità, giacché è impossibile trovare la pura oggettività; ma la mancanza di programmi che parlino alla testa, alla razionalità, alla logica dei cittadini, con un linguaggio nuovamente ricco, elegante e dotto.

  • -6
    jordan

    …ad agosto mi nasce la quarta figlia…sono contentissimo…ma posso dirvelo?…o rischio qualche anno di galera? …mi preoccupano soprattutto le sanzioni economiche…forse però mi daranno il premio per il nascituro!Spero che questo nuovo pifferaio non ci trascini in qualche guerra come il predecessore…ma in quanto ai topi che erediteranno il mondo…lo avevano già ereditato…che tristezza!Fatemi un favore…fate un buco alla chiglia del panfilo di d’alema!

  • -7

    per quanto mi riguarda credo che il problema dell’informazione non sia tanto nel discutere dell’informazione ma come viene riportata la prima notizia, è questo il vero problema dell’informazione, mi spiego, la sotto rete non da informazione ma da una versione propria della notizia, ma commentando un qualsiasi evento significa già che non si è daccordo con quello che si è sentito o su come l’evento è stato riportato. il problema è l’mparzialità, che comunque non si può chiedere all’informazione, i vari testi di storia hanno sempre due versioni, secondo il punto di vista. a questo punto subentra il ruolo del cronista il quale per definizione deve o dovrebbe solo riportare la notizia lasciando poi all’utente il modo di commentarsela. gli esempi più pratici di manopolizzazione dell’informazione da parte dei cronisti si sono avuti negli eventi successi negli anni passati in sud america vedi cile vedi venezuela e su tutti vedi cuba. per me un partigiano è e rimane un partigiano uno che da un cambiamento radicale con il passato con un atto estremo e francamente in questo mondo di addormentati si da troppo valore alle cose virtuali e molto spesso si dimentica che per liberare la strada che ti ostacola il passaggio devi scendere dall’auto e rimuovere gli ostacoli con le mani.ho da poco scoperto il tuo blog che comunque tovo molto interessante.

  • -8

    Io sono vigliacco e in galera non ci voglio andare :)I pifferai magici ci vogliono scagliare “gli uni contro gli altri”… Questa frase di Claudio mi fa riflettere. Non dovremmo pensare ad uno scontro diretto. Non siamo preparati a questo. Avremmo perso in partenza.Pensiamo in modo positivo… e continuiamo ad “evolverci” e ad essere creativi. Ed aumentare di numero. E’ un pensiero minimo ma soddisfacente… per ora.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>