L’uomo interconnesso

Internet non cambierà il mondo. L’ha già cambiato!

Inarrestabile e pervasivo, l’avvento della rete è stato soprattutto fulmineo. Una pandemia ancora priva di vaccino.

In soli 15 anni decine di milioni di italiani hanno avuto accesso a notizie, musica, video. Ma soprattutto alla loro condivisione.

 

Guarda il video su YouTube

Il potere si deve evolvere. Ha sempre avuto nella non-informazione la sua più grande alleata. Fino a pochi anni fa bastava che il telegiornale non dicesse. Da oggi è costretto a smentire, minimizzare. Da oggi è costretto a fare disinformazione. Deve screditare. Tutto si gioca sulla credibilità. Nella rete è difficile mentire. Per essere autorevoli si deve essere ineccepibili. Trasparenti. Tutto deve essere documentato. Accessibile. Opere, intenzioni, perfino il reddito. Tutto deve poter essere monitorato in tempo reale. Intercettabile. In un mondo di sotterfugi, le gente vuole potersi fidare.

Chi vuole assumersi una responsabilità sociale deve essere disposto a vivere sotto un metal detector. Se è mosso da passione autentica, se crede in quello che dice, non avrà difficoltà perchè non avrà nulla da temere. Le intercettazioni non devono essere ordinate dai magistrati, devono essere pubblicate dagli stessi protagonisti. Le conversazioni telefoniche nell’ambito dell’esercizio della carica pubblica devono essere trasmesse in streaming 24 ore su 24. Disponibili in download. Un politico che chiama un dirigente RAI non ha diritto alla privacy, perchè rappresenta un ruolo istituzionale. Le sue parole avranno influsso sul destino della collettività. Ha di fatto un telefonino aziendale, pagato dal più grosso imprenditore che sia mai esistito: il popolo. Strategie segrete, connivenze, alleanze strumentali: nulla è più giustificabile. Tutto deve essere finalizzato al bene comune, passando dalla dichiarazione di intenti all’azione attraverso una linea retta. Niente manovre, niente compromessi finalizzati all’acquisizione e al mantenimento del potere. Giochetti superati. L’Homo Sapiens Sapiens si è evoluto. E’ nato l’Homo Coniunctus, l’uomo interconnesso.

Un centro di monitoraggio lo segue. Se riporta informazioni incongruenti, l’Uomo Interconnesso è chiamato a risponderne. In mancanza di spiegazioni attendibili, perde i suoi privilegi. Viene sostituito. La selezione naturale applicata all’etica. Il modo di fare politica ne uscirà stravolto. Il candidato risponderà alla gente, e non al suo partito. Se non lo farà, il suo mandato verrà ritirato. La maggioranza dei mestieranti della chiacchiera dovrà cambiare lavoro. Avremo un Ministro della Sanità che fa gli interessi dei malati, e non di chi brevetta i farmaci. Un Guardasigilli che migliora la macchina giudiziaria e assicura la legalità, invece di paralizzarla. Avremo un Presidente del Consiglio che risponde esclusivamente agli interessi del paese, e non ai suoi. Fa quello che gli chiedono i suoi concittadini. Con le priorità da loro assegnate.

Non è vero che non si può cambiare il mondo. Lo stiamo già facendo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

135 risposte a L’uomo interconnesso

  • 123

    spero solo che non facciano come in Cina dove viene censurato anche in internet…….Sei forte Claudio

  • 122
    gnubit

    Non è un caso che la scienza si chiami informatica e non computeristica, è la scienza per la gestione del flusso delle informazioni.Sono Homo Interconnessus da secoli, da quando ancora il privilegio di avere internet si pagava a suon dii soldoni.L’anno prossimo saranno 20 anni di vita appesa ad un cavo.Ricordo internet senza il www, quando le informazioni si ottenevano spulciando metodicamente migliaia di messaggi sparsi nella rete dei newsgroup.Quasi subito ebbi la fortuna di capirne le potenzialita, condivisione di informazioni senza limiti, internet non ha confini.Purtroppo internet è un mondo creato dall’uomo e come tale ne presenta pregi e difetti. Agli inizi mondo per pochi eletti, era ambiente di pura divulgazione culturale, ora è è anche P2P, Porno e varie altre amenità di dubbio interesse sociale.Le cose veramente serie hanno perso molta visibilità, nel marasma informativo di internet.17 anni fa “un pazzo” annunciò al mondo che insieme si poteva creare qualcosa di nuovo e che lui aveva iniziato il lavoro, un sistema operativo gratuito creato dagli utenti.Molti di noi primi interconnessus hanno sacrificato notti alla caccia di maggiori informazioni, armati di modem 2400b, di assistere più da vicino alla nascita di questa stella.Ora è tutto più difficile, trovare le cose importanti in mezzo a tante inutility è molto più arduo e temo che la tendenza non si invertirà.Panem et circenses.

  • 121
    emilianobruno

    Lo dite anche molti di voi, è ora di passare ad una concreta proposta di partecipazione. Ma per provare a risolvere “subito” molti dei problemi che stanno pesando come macigni su molti concitadini, magari che non hanno più la possibilità di preoccuparsi di quali notizie circolano.Questo, per affrettare la comprensione della mia proposta e fare in modo che il progetto diventi di tutti, di ognuno dei visitatori di Byoblu, è un sunto introduttivo del documento completo. Dal prossimo documento inserirò informazioni utili per trovare ogni altro post già inserito.PROGETTO “UN VIVERE MIGLIORE”! (I° doc. tecnico di 4)Introduzione a una nuova socioeconomia ovvero sul perché e come si può realiz-zare un Circuito Virtuoso, non solo economico, in costante crescita incentivata e regolamentata.Studiando l’attività e l’esperienza fatta dalla Grameen BanK del premio Nobel Muhammad Yanus, viene spontanea l’idea che si potrebbe fare in modo che il microcredito diventi un diritto civico per tutti. Ma l’idea e intuizione è che insieme possiamo fare molto di più. Il microcredito può e deve diventare un diritto di cittadinanza, non solo ma soprattutto per le persone escluse dai normali circuiti del credito e senza un lavoro. E questo diritto trasfor-mato in un ausilio economico temporaneo da rimettere ad altri partecipanti con una quota mensile, potrebbe poi diventare anche un’opportunità di lavoro e reddito per chiunque: un “Circuito Virtuoso”. Tutto ciò, semplicemente promovendo ad altri l’adesione ad un ausilio e a una Rete Solidale per il soccorso e l’assistenza, non solo economica, tra soci – amici.La povertà oggi viene definita in termini di reddito, di consumo pro capite, di speranza di vita sin dalla nascita, di tassi di mortalità infantile e di livello di istruzione raggiungibile. Ma il problema dei problemi della povertà e dell’emarginazione sociale consiste nella mancanza di un reddito sufficiente, acquisito autonomamente e nel rispetto della dignità umana. È evidente che è più facile fare la carità che parlare di giustizia sociale e di come diffonderla.Però, se c’interessiamo davvero all’ “Uomo”, se ci vogliamo dedicare alla dignità umana e al diritto al lavoro, visto che nel mondo padroneggia un libero mercato fatto di Capitali che dominano il lavoro e le merci, in qualche modo è proprio del capitale che si deve parlare. Con questa proposta, dopo il raggiungimento di una massa critica, un numero adeguato di adesioni, in modo virtuale i partecipanti si trasformerebbero in un Capitale Economico, Comunitario. Difatti con una modesta quota, ognuno parteciperebbe a creare e a beneficiare di un inarrestabile Flusso Virtuoso, non solo economico, che circolerebbe direttamente tra i soci. Così, con questo nuovo modo di fare circolare il denaro direttamente tra i partecipanti, ogni associato avrà sia la possibilità di ottenere un conveniente ausilio temporaneo, che di aiutare prima altri partecipanti ad ottenerlo e ricevere poi differito, ma con vantaggio, il proprio. Ma promuovendo la proposta chiunque avrà, appunto, anche l’opportunità di crearsi un introito extra e, a poco a poco, potrà imparare a trasformarlo in un lavoro e un reddito alternativo. Detto in altre parole, in cambio di un’attiva partecipazione atta a diffondere il progetto e/o a un’azione civica solidale tra quelle previste, si potrà ricevere un dono sociale per il proprio merito: “un nuovo modo di crearsi un reddito, senza mettere in discussione l’attuale sistema e perciò senza provocare gravi reazioni negative”. Dunque, il progetto consentirebbe a chiunque di partecipare a nuove forme di lavoro e reddito attraverso varie attività civiche di utilità sociale. E solo i vari miti che in ogni epoca le società s’inventano per giustificare i propri errori e i fallimenti potrebbero ostacolare questa idea e il progetto. Ma contro tale pericolo ci sono queste valide motivazioni fondate su dati positivi facilmente riconoscibili: a) la possibilità di rispettare l’uomo e la sua capacità imprenditoriale; b) la possibilità di combinare un nuovo modo di partecipare e combinare lavoro e capitale per creare risorse e ricchezza, non solo economiche; c) l’importanza della fiducia nello scambio reciproco per fondare relazioni sociali ed economiche durature; d) il bisogno di rendere congrue le parole e appropriati gli atti, per uscire dall’alienazione sociale e mentale che viene continuamente alimentata da questa civiltà delle immagini. Il sistema di credito e debito multilaterale, proposto, creerebbe un rapporto non più tra me e te o bilaterale, ma, appunto, multilaterale, tra me e tutti i membri del Circuito Virtuoso in cui ognuno sarà sia debitore, che creditore e un socio – amico d’ogni altro partecipante. La fiducia, la reciprocità e la responsabilità, oltre al dono sociale, diverrebbero la vera forza del Circuito. Questo progetto potrebbe permettere a chiunque, un po’ alla volta, di uscire dal lavoro inteso come schiavitù o dipendenza per appena sopravvivere e di conquistarsi la libertà. È un paradigma da tempo noto: secondo il sociologo-economista Vilfredo Pareto ognuno può migliorare il proprio benessere solo e sempre a danno di qualcuno (molte volte in modo lecito, altre volte in maniera moralmente discutibile, illecita o, peggio ancora, criminosa). All’interno del “Circuito Virtuoso” si potrà sostituire questo paradigma con un nuovo modello sociale: chiunque migliorerà la propria vita, se aiuterà anche il prossimo a migliorarla. Come già spiegato, partecipando con una modesta quota mensile, “che non sarebbe a fondo perduto”, ognuno diverrebbe un socio – amico d’ogni altro partecipante e contribuirebbe a creare risorse e valore aggiunto.Nessuno raccoglierebbe però il denaro: in ordine progressivo cronologico, esso circolerebbe direttamente tra i partecipanti; un crescente ausilio, in modo condizionato e frazionato, passerebbe da più soci a chi ne ha diritto. A chi, cioè, impegnato sul proprio onore rimetterebbe poi l’ausilio ad altri soci con la propria quota mensile. E aggiungerebbe alcune quote, un decimo in più di quanto ottenuto, come dono sociale per riconoscenza dell’aiuto ricevuto. Un valore aggiunto che in vari modi sarebbe poi ridistribuito a beneficio di tutti i partecipanti. Infatti, con pari opportunità, chiunque potrebbe partecipare anche alla distribuzione della ricchezza comunitaria creata, secondo la partecipazione scelta e il merito sociale. Dunque, si potrebbe ottenere un ausilio economico temporaneo, o ottenerne uno vantaggioso, ma differito; chiunque potrebbe però anche essere gratificato con l’elargizione di un ausilio per il proprio merito sociale e aumentare così il proprio reddito e/o crearsi gradualmente un’alternativa all’attuale modo di ottenerlo. Inoltre, con l’aiuto di un gruppo di partecipanti, si potrebbe far ottenere un ausilio elargito per solidarietà a chi ne ha i requisiti: soprattutto, ma non solo, a famiglie o persone indigenti o con un improvvisa grave difficoltà economica. A nessuno interessa di discutere un cosa che sembra così importante per incominciare un cambiamento??Davvero vi basta fare i complimenti a Claudio Byoblu o anche delle critiche. Insomma di dire la vostra e basta?Ma allora come pensate che le cose potrebbero incominciare a cambiare davvero per opera dello spirito santo o di Beppe Grillo??Io provo a informarvi su cosa si potrebbe fare e su come si potrebbe farlo, ancora per un po’. Poi incomincerò davvero a pensare di ritirarmi in qualche parte dell’europa dove mi può arrivare la pensione e il clima è più o meno sempre primaverile.Auguri a tutti, emilianobruno

  • 120

    “Un politico che chiama un dirigente Rai, non ha diritto alla privacy.” Ecco il nodo. :) Bravo!

  • 119
    emilianobruno

    Lo dite anche molti di voi, è ora di passare ad una concreta proposta di partecipazione. Ma per provare a risolvere “subito” molti dei problemi che stanno pesando come macigni su molti concitadini, magari che non hanno più la possibilità di preoccuparsi di quali notizie circolano.Questo, per affrettare la comprensione della mia proposta e fare in modo che il progetto diventi di tutti, di ognuno dei visitatori di Byoblu, è un sunto introduttivo del documento completo. Dal prossimo documento inserirò informazioni utili per trovare ogni altro post già inserito.PROGETTO “UN VIVERE MIGLIORE”! (I° doc. tecnico di 4)Introduzione a una nuova socioeconomia ovvero sul perché e come si può realiz-zare un Circuito Virtuoso, non solo economico, in costante crescita incentivata e regolamentata.Studiando l’attività e l’esperienza fatta dalla Grameen BanK del premio Nobel Muhammad Yanus, viene spontanea l’idea che si potrebbe fare in modo che il microcredito diventi un diritto civico per tutti. Ma l’idea e intuizione è che insieme possiamo fare molto di più. Il microcredito può e deve diventare un diritto di cittadinanza, non solo ma soprattutto per le persone escluse dai normali circuiti del credito e senza un lavoro. E questo diritto trasfor-mato in un ausilio economico temporaneo da rimettere ad altri partecipanti con una quota mensile, potrebbe poi diventare anche un’opportunità di lavoro e reddito per chiunque: un “Circuito Virtuoso”. Tutto ciò, semplicemente promovendo ad altri l’adesione ad un ausilio e a una Rete Solidale per il soccorso e l’assistenza, non solo economica, tra soci – amici.La povertà oggi viene definita in termini di reddito, di consumo pro capite, di speranza di vita sin dalla nascita, di tassi di mortalità infantile e di livello di istruzione raggiungibile. Ma il problema dei problemi della povertà e dell’emarginazione sociale consiste nella mancanza di un reddito sufficiente, acquisito autonomamente e nel rispetto della dignità umana. È evidente che è più facile fare la carità che parlare di giustizia sociale e di come diffonderla.Però, se c’interessiamo davvero all’ “Uomo”, se ci vogliamo dedicare alla dignità umana e al diritto al lavoro, visto che nel mondo padroneggia un libero mercato fatto di Capitali che dominano il lavoro e le merci, in qualche modo è proprio del capitale che si deve parlare. Con questa proposta, dopo il raggiungimento di una massa critica, un numero adeguato di adesioni, in modo virtuale i partecipanti si trasformerebbero in un Capitale Economico, Comunitario. Difatti con una modesta quota, ognuno parteciperebbe a creare e a beneficiare di un inarrestabile Flusso Virtuoso, non solo economico, che circolerebbe direttamente tra i soci. Così, con questo nuovo modo di fare circolare il denaro direttamente tra i partecipanti, ogni associato avrà sia la possibilità di ottenere un conveniente ausilio temporaneo, che di aiutare prima altri partecipanti ad ottenerlo e ricevere poi differito, ma con vantaggio, il proprio. Ma promuovendo la proposta chiunque avrà, appunto, anche l’opportunità di crearsi un introito extra e, a poco a poco, potrà imparare a trasformarlo in un lavoro e un reddito alternativo. Detto in altre parole, in cambio di un’attiva partecipazione atta a diffondere il progetto e/o a un’azione civica solidale tra quelle previste, si potrà ricevere un dono sociale per il proprio merito: “un nuovo modo di crearsi un reddito, senza mettere in discussione l’attuale sistema e perciò senza provocare gravi reazioni negative”. Dunque, il progetto consentirebbe a chiunque di partecipare a nuove forme di lavoro e reddito attraverso varie attività civiche di utilità sociale. E solo i vari miti che in ogni epoca le società s’inventano per giustificare i propri errori e i fallimenti potrebbero ostacolare questa idea e il progetto. Ma contro tale pericolo ci sono queste valide motivazioni fondate su dati positivi facilmente riconoscibili: a) la possibilità di rispettare l’uomo e la sua capacità imprenditoriale; b) la possibilità di combinare un nuovo modo di partecipare e combinare lavoro e capitale per creare risorse e ricchezza, non solo economiche; c) l’importanza della fiducia nello scambio reciproco per fondare relazioni sociali ed economiche durature; d) il bisogno di rendere congrue le parole e appropriati gli atti, per uscire dall’alienazione sociale e mentale che viene continuamente alimentata da questa civiltà delle immagini. Il sistema di credito e debito multilaterale, proposto, creerebbe un rapporto non più tra me e te o bilaterale, ma, appunto, multilaterale, tra me e tutti i membri del Circuito Virtuoso in cui ognuno sarà sia debitore, che creditore e un socio – amico d’ogni altro partecipante. La fiducia, la reciprocità e la responsabilità, oltre al dono sociale, diverrebbero la vera forza del Circuito. Questo progetto potrebbe permettere a chiunque, un po’ alla volta, di uscire dal lavoro inteso come schiavitù o dipendenza per appena sopravvivere e di conquistarsi la libertà. È un paradigma da tempo noto: secondo il sociologo-economista Vilfredo Pareto ognuno può migliorare il proprio benessere solo e sempre a danno di qualcuno (molte volte in modo lecito, altre volte in maniera moralmente discutibile, illecita o, peggio ancora, criminosa). All’interno del “Circuito Virtuoso” si potrà sostituire questo paradigma con un nuovo modello sociale: chiunque migliorerà la propria vita, se aiuterà anche il prossimo a migliorarla. Come già spiegato, partecipando con una modesta quota mensile, “che non sarebbe a fondo perduto”, ognuno diverrebbe un socio – amico d’ogni altro partecipante e contribuirebbe a creare risorse e valore aggiunto.Nessuno raccoglierebbe però il denaro: in ordine progressivo cronologico, esso circolerebbe direttamente tra i partecipanti; un crescente ausilio, in modo condizionato e frazionato, passerebbe da più soci a chi ne ha diritto. A chi, cioè, impegnato sul proprio onore rimetterebbe poi l’ausilio ad altri soci con la propria quota mensile. E aggiungerebbe alcune quote, un decimo in più di quanto ottenuto, come dono sociale per riconoscenza dell’aiuto ricevuto. Un valore aggiunto che in vari modi sarebbe poi ridistribuito a beneficio di tutti i partecipanti. Infatti, con pari opportunità, chiunque potrebbe partecipare anche alla distribuzione della ricchezza comunitaria creata, secondo la partecipazione scelta e il merito sociale. Dunque, si potrebbe ottenere un ausilio economico temporaneo, o ottenerne uno vantaggioso, ma differito; chiunque potrebbe però anche essere gratificato con l’elargizione di un ausilio per il proprio merito sociale e aumentare così il proprio reddito e/o crearsi gradualmente un’alternativa all’attuale modo di ottenerlo. Inoltre, con l’aiuto di un gruppo di partecipanti, si potrebbe far ottenere un ausilio elargito per solidarietà a chi ne ha i requisiti: soprattutto, ma non solo, a famiglie o persone indigenti o con un improvvisa grave difficoltà economica. A nessuno interessa di discutere un cosa che sembra così importante per incominciare un cambiamento??Davvero vi basta fare i complimenti a Claudio Byoblu o anche delle critiche. Insomma di dire la vostra e basta?Ma allora come pensate che le cose potrebbero incominciare a cambiare davvero per opera dello spirito santo o di Beppe Grillo??Io provo a informarvi su cosa si potrebbe fare e su come si potrebbe farlo, ancora per un po’. Poi incomincerò davvero a pensare di ritirarmi in qualche parte dell’europa dove mi può arrivare la pensione e il clima è più o meno sempre primaverile.Auguri a tutti, emilianobruno

  • 118

    …e speriamo che questa Nuova Fase sia vicina! ….. qui a Napoli le masse sono già pronte, inc**zate al punto giusto, basta solo che questa orda rabbiosa venga incanalata nella giusta direzione!

  • 117
    emilianobruno

    Lo dite anche molti di voi, è ora di passare ad una concreta proposta di partecipazione. Ma per provare a risolvere “subito” molti dei problemi che stanno pesando come macigni su molti concitadini, magari che non hanno più la possibilità di preoccuparsi di quali notizie circolano.Questo, per affrettare la comprensione della mia proposta e fare in modo che il progetto diventi di tutti, di ognuno dei visitatori di Byoblu, è un sunto introduttivo del documento completo. Dal prossimo documento inserirò informazioni utili per trovare ogni altro post già inserito.PROGETTO “UN VIVERE MIGLIORE”! (I° doc. tecnico di 4)Introduzione a una nuova socioeconomia ovvero sul perché e come si può realiz-zare un Circuito Virtuoso, non solo economico, in costante crescita incentivata e regolamentata.Studiando l’attività e l’esperienza fatta dalla Grameen BanK del premio Nobel Muhammad Yanus, viene spontanea l’idea che si potrebbe fare in modo che il microcredito diventi un diritto civico per tutti. Ma l’idea e intuizione è che insieme possiamo fare molto di più. Il microcredito può e deve diventare un diritto di cittadinanza, non solo ma soprattutto per le persone escluse dai normali circuiti del credito e senza un lavoro. E questo diritto trasfor-mato in un ausilio economico temporaneo da rimettere ad altri partecipanti con una quota mensile, potrebbe poi diventare anche un’opportunità di lavoro e reddito per chiunque: un “Circuito Virtuoso”. Tutto ciò, semplicemente promovendo ad altri l’adesione ad un ausilio e a una Rete Solidale per il soccorso e l’assistenza, non solo economica, tra soci – amici.La povertà oggi viene definita in termini di reddito, di consumo pro capite, di speranza di vita sin dalla nascita, di tassi di mortalità infantile e di livello di istruzione raggiungibile. Ma il problema dei problemi della povertà e dell’emarginazione sociale consiste nella mancanza di un reddito sufficiente, acquisito autonomamente e nel rispetto della dignità umana. È evidente che è più facile fare la carità che parlare di giustizia sociale e di come diffonderla.Però, se c’interessiamo davvero all’ “Uomo”, se ci vogliamo dedicare alla dignità umana e al diritto al lavoro, visto che nel mondo padroneggia un libero mercato fatto di Capitali che dominano il lavoro e le merci, in qualche modo è proprio del capitale che si deve parlare. Con questa proposta, dopo il raggiungimento di una massa critica, un numero adeguato di adesioni, in modo virtuale i partecipanti si trasformerebbero in un Capitale Economico, Comunitario. Difatti con una modesta quota, ognuno parteciperebbe a creare e a beneficiare di un inarrestabile Flusso Virtuoso, non solo economico, che circolerebbe direttamente tra i soci. Così, con questo nuovo modo di fare circolare il denaro direttamente tra i partecipanti, ogni associato avrà sia la possibilità di ottenere un conveniente ausilio temporaneo, che di aiutare prima altri partecipanti ad ottenerlo e ricevere poi differito, ma con vantaggio, il proprio. Ma promuovendo la proposta chiunque avrà, appunto, anche l’opportunità di crearsi un introito extra e, a poco a poco, potrà imparare a trasformarlo in un lavoro e un reddito alternativo. Detto in altre parole, in cambio di un’attiva partecipazione atta a diffondere il progetto e/o a un’azione civica solidale tra quelle previste, si potrà ricevere un dono sociale per il proprio merito: “un nuovo modo di crearsi un reddito, senza mettere in discussione l’attuale sistema e perciò senza provocare gravi reazioni negative”. Dunque, il progetto consentirebbe a chiunque di partecipare a nuove forme di lavoro e reddito attraverso varie attività civiche di utilità sociale. E solo i vari miti che in ogni epoca le società s’inventano per giustificare i propri errori e i fallimenti potrebbero ostacolare questa idea e il progetto. Ma contro tale pericolo ci sono queste valide motivazioni fondate su dati positivi facilmente riconoscibili: a) la possibilità di rispettare l’uomo e la sua capacità imprenditoriale; b) la possibilità di combinare un nuovo modo di partecipare e combinare lavoro e capitale per creare risorse e ricchezza, non solo economiche; c) l’importanza della fiducia nello scambio reciproco per fondare relazioni sociali ed economiche durature; d) il bisogno di rendere congrue le parole e appropriati gli atti, per uscire dall’alienazione sociale e mentale che viene continuamente alimentata da questa civiltà delle immagini. Il sistema di credito e debito multilaterale, proposto, creerebbe un rapporto non più tra me e te o bilaterale, ma, appunto, multilaterale, tra me e tutti i membri del Circuito Virtuoso in cui ognuno sarà sia debitore, che creditore e un socio – amico d’ogni altro partecipante. La fiducia, la reciprocità e la responsabilità, oltre al dono sociale, diverrebbero la vera forza del Circuito. Questo progetto potrebbe permettere a chiunque, un po’ alla volta, di uscire dal lavoro inteso come schiavitù o dipendenza per appena sopravvivere e di conquistarsi la libertà. È un paradigma da tempo noto: secondo il sociologo-economista Vilfredo Pareto ognuno può migliorare il proprio benessere solo e sempre a danno di qualcuno (molte volte in modo lecito, altre volte in maniera moralmente discutibile, illecita o, peggio ancora, criminosa). All’interno del “Circuito Virtuoso” si potrà sostituire questo paradigma con un nuovo modello sociale: chiunque migliorerà la propria vita, se aiuterà anche il prossimo a migliorarla. Come già spiegato, partecipando con una modesta quota mensile, “che non sarebbe a fondo perduto”, ognuno diverrebbe un socio – amico d’ogni altro partecipante e contribuirebbe a creare risorse e valore aggiunto.Nessuno raccoglierebbe però il denaro: in ordine progressivo cronologico, esso circolerebbe direttamente tra i partecipanti; un crescente ausilio, in modo condizionato e frazionato, passerebbe da più soci a chi ne ha diritto. A chi, cioè, impegnato sul proprio onore rimetterebbe poi l’ausilio ad altri soci con la propria quota mensile. E aggiungerebbe alcune quote, un decimo in più di quanto ottenuto, come dono sociale per riconoscenza dell’aiuto ricevuto. Un valore aggiunto che in vari modi sarebbe poi ridistribuito a beneficio di tutti i partecipanti. Infatti, con pari opportunità, chiunque potrebbe partecipare anche alla distribuzione della ricchezza comunitaria creata, secondo la partecipazione scelta e il merito sociale. Dunque, si potrebbe ottenere un ausilio economico temporaneo, o ottenerne uno vantaggioso, ma differito; chiunque potrebbe però anche essere gratificato con l’elargizione di un ausilio per il proprio merito sociale e aumentare così il proprio reddito e/o crearsi gradualmente un’alternativa all’attuale modo di ottenerlo. Inoltre, con l’aiuto di un gruppo di partecipanti, si potrebbe far ottenere un ausilio elargito per solidarietà a chi ne ha i requisiti: soprattutto, ma non solo, a famiglie o persone indigenti o con un improvvisa grave difficoltà economica. A nessuno interessa di discutere un cosa che sembra così importante per incominciare un cambiamento??Davvero vi basta fare i complimenti a Claudio Byoblu o anche delle critiche. Insomma di dire la vostra e basta?Ma allora come pensate che le cose potrebbero incominciare a cambiare davvero per opera dello spirito santo o di Beppe Grillo??Io provo a informarvi su cosa si potrebbe fare e su come si potrebbe farlo, ancora per un po’. Poi incomincerò davvero a pensare di ritirarmi in qualche parte dell’europa dove mi può arrivare la pensione e il clima è più o meno sempre primaverile.Auguri a tutti, emilianobruno

  • 116

    “In soli 15 anni, decine di milioni di italiani hanno avuto accesso a notizie, musica, video…” e sono cmq finiti a votare per la terza volta il biscione, in 15 anni… Mi sa ke ‘sta rete non è servita a molto!

  • 115

    Una rivoluzione è tale quando diventa di massa. Aspettate e vedrete. Quoto al 100%, la rete sta cambiando l’uomo e in seguito la società.

  • 114

    La principale colpa è della gente. E’ più facile sentirsi dire quel che è vero che faticare per scoprirlo. E’ più facile vivere secondo modelli prestabiliti che costruirsene uno dopo moltitudini di errori che possono costare caro. E’ bello però vedere che esiste gente ottimista e vogliosa di cambiare le cose! E’ un bene! Una boccata d’aria fresca. Almeno fino alla successiva caduta a picco anche di un ipotetico nuovo sistema. Ma è di questo che siamo fatto. Cadute e rinascite. Tnx per il video!

  • 113
    emilianobruno

    Ps. Chiedo scusa, ma non è causa mia se è stato postato 3 volte,è stata una causa tecnica.

  • 112

    Concordo pienamente con il servizio proposto!

  • 111
    alsalto

    Ma allora anche io posso essere un uomo interconnesso! Oddio che bella notizia!!! Ale’ e’ bellissimo…..a..che e’…aia..cos’e’?…che male..aia…sento che mi sto’ interconnettendo…a..pero’ che dolore….ma mica lo avevi detto che ci si interconnette per via rettale! Aia…che bruciore….c’e’ sempre qualcosa che non sai…e puntualmente questa arriva da dietro…aia!!!! Che brucioreeeee!!!! Interconnettetevi dai…da subito fa’ un po’ male ma poi…e’ bello, ci si fa’ l’abitudine…hahahahha

    • 111.1

      Di solito la gente si interconnette utilizzando altre parti dell’organismo umano, come quelle che servono espressamente per comunicare.
      Ma se tu preferisci farlo per via rettale… sei ovviamente libero. L’importante è che non ti fai seguire da una telecamera nel mentre. In questo caso potremmo derogare.
      W la democrazia!

    • 111.2
      alsalto

      Un primo elogio alla rapidita’ con il qiale rispondi.
      Un secondo all’ironia.
      Un terzo per associarmi al W la democrazia.

      Permettimi un’appunto, e qui faccio fede a tutta la tua capacita’ di discernimento. Esiste una metodologia dialettica chiamata SARCASMO.
      Quest’ultimo spesso viene intepretato per l’esatto opposto.
      Me lo voglio porre questo problema, ossia di quali siano i rischi per l’uomo interconnesso, perdona il modo in cui ho ironizzato, se lo hai trovato di cattivo gusto me ne rammarico, non era mia intenzione risultare offensivo o peggio ancora volgare. Spesso mi capita di dire "le cose" nel modo sbagliato, colpa della mia pessima attitudine dialettica.
      Confido che tu abbia capito cio’ che intendevo….

      Rinnovo i saluti.
      Francesco

      ps: bhe’ se poi fossi realmente interessato alla cassettina di golosita’ in questione…son disponibile, ti do nel caso i miei dati, cosicche’ possa tu stesso ordinarne il ritiro tramite corriere…abito nel Pinerolese, ne’.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

LIVE: Ma allora cedere sovranità è finalmente reato? Marco mori risponde alle vostre domande durante la diretta

Marco Mori - LIVE - CEDERE SOVRANITA ORA E REATO Un decreto del Tribunale di Cassino, ottenuto da Marco Mori, stabilisce finalmente che non si può cedere sovranità (qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=Rut9A2pnKRc). Si potrà usare per incriminare gli autori delle cessioni di sovranità passate, presenti e future? (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>