Il chip RFID? Lo invocheremo a gran voce!

E’ il 14 luglio 2008. I milanesi serrano le file. Ma non è per chiedere di sfollare l’ennesimo campo nomadi, no. Stranamente è per farvi muro intorno. Dicono che se Maroni vuole prendere le impronte digitali ai bambini rom, allora deve cominciare prima di tutto da loro, dagli italiani!

 

Da Strasburgo, gli europarlamentari tuonano: nessuna politica discriminatoria nei confronti di un’etnia. Certo, perchè il Trattato di Lisbona, che l’Italia ha ratificato di soppiatto mercoledì scorso, all’Articolo II-81 recita: ”
1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l’origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l’appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, la disabilità, l’età o l’orientamento sessuale.
2. Nell’ambito d’applicazione della Costituzione e fatte salve disposizioni specifiche in essa contenute, è vietata qualsiasi discriminazione in base alla nazionalità.
“.

Possibile che i nostri politici dilettanti non lo sapessero? improbabile. E’ molto più realistico che stessero cercando un modo per far passare la schedatura integrale e volontaria di tutti i cittadini. Posto di fronte alla scelta tra avallare la discriminazione etnica oppure ergersi a difensore dei deboli, il popolo non ha esitato. Al grido di “e adesso schedateci tutti!” si è messo ordinatamente in fila dietro al pifferaio magico. Che cosa commovente! Del resto, se è il popolo a volerlo.. chi è il Governo per opporsi al volere della piazza? Che schedatura sia, dunque, per tutti! Nel 2010.

La cosa divertente è che penseremo sia stata una nostra scelta.

 

Presto arriverà il chip RFID sottopelle e, statene pur certi, troveranno il modo di farcelo invocare a gran voce.

Nel frattempo, mi scrive Michele Di Mauro del Progetto Nazionale Prometeo Campano, che martedì 29 luglio organizza un evento in piazza Dante, a Napoli, alle nove.
Di seguito il testo dell’appello e i volantini da stampare.

Identifichiamoci!
Martedì, 29 luglio 2008. Napoli. Piazza Dante. Ore 9.00

Siamo proprio sicuri che l’emergenza sia prenderci le impronte? Identifichiamoci! Guardiamoci in faccia l’un l’altro e scopriamo cosa ci rende uguali e cosa ci rende
diversi. Soprattutto, diamoci da fare affinché ciò che ci rende diversi sia una ricchezza, e non un motivo di paura e divisione. Ci vuole solo il coraggio di mettere per un istante in dubbio il fatto che si possa esser delinquenti solo perché appartenenti ad un’etnia. In fondo anche noi italiani non avevamo una buona nomea quando, nel secondo dopoguerra, emigravamo in massa negli Stati Uniti!

I media asserviti ai partiti politici si sono adoperati con tutte le loro forze per farci credere che l’emergenza sicurezza nel nostro Paese sia causata dagli uomini e dalle donne che fuggono da paesi disastrati in cerca
di una speranza di vita in Italia, una nazione che ha sempre avuto, fra i suoi valori, quelli dell’accoglienza e dell’apertura alla diversità, specialmente nel Mezzogiorno.

Abbiamo organizzato questo evento perché siamo convinti che i veri delinquenti nel nostro Paese siano coloro i quali non garantiscono la sicurezza sui luoghi di lavoro; coloro i quali spolpano le aziende e
mandano per strada le famiglie dei lavoratori, cavandosela con leggi ad personam, prescrizioni, depenalizzazioni e liquidazioni milionarie. I veri nemici della nostra sicurezza sono quei politici disposti a sfasciare l’intera macchina della Giustizia per garantirsi l’impunità perpetua. Quegli impresari che costruiscono inceneritori, che sversano rifiuti tossici nelle nostre campagne. Le impronte bisogna cominciare a prenderle ai delinquenti miliardari delle istituzioni e della borsa!
Non ci stiamo a sottomettere la nostra intelligenza, la nostra dignità e quella di chi vive in una situazione di disagio, a provvedimenti razziali, quali prendere le impronte ai bambini Rom e l’aggravante razziale, ovvero una pena maggiore per i crimini commessi dagli stranieri. Simili azioni non differiscono, concettualmente, dall’uso di tatuare il numero di matricola agli ebrei nella Germania nazista. Noi cittadini abbiamo deciso da noi stessi di non aspettare il 2010, come previsto
dal governo, e di identificarci oggi, per dare l’esempio. Ci identifichiamo guardandoci negli occhi, ascoltandoci reciprocamente, conoscendoci e rispettandoci.
È insieme agli altri, non contro gli altri, che vogliamo costruire legalità e percezione della sicurezza!

Ecco alcuni dati sull’azione di governo in materia di sicurezza pubblica:

Processi bloccati: ottenuta l’impunità per le alte cariche dello stato, il governo ha previsto che la norma bloccherà alcuni processi per reati commessi prima del giugno 2006, i quali potranno essere rinviati di un anno e sei mesi.

Tagli di fondi: 1 miliardo di euro in meno per il Ministero della Difesa, 700 milioni in meno per l’Interno e 60 milioni in meno per la Giustizia. Vale a dire che saranno messi in crisi i commissariati e le volanti, senza carburanti e manutenzione. L’organico delle forze dell’ordine, già deficiente di 9000
uomini, verrà decurtato di altre 7000 unità, per un deficit totale di 15000 uomini. Tagli sono stati effettuati anche per la manutenzione delle carceri.

Riduzione di un terzo della pena: per i reati con pene previste sotto i sette anni e mezzo (stupri, rapine, spaccio di droga ecc.) è prevista la possibilità di patteggiare fino ad un terzo della pena, anche se il processo è già cominciato. Ciò vale una riduzione a cinque anni, che per i reati beneficiari
dell’indulto scende a due anni, con i quali si è affidati ai servizi sociali. Il giudice in questo modo non formulerà neanche le motivazioni del verdetto di colpevolezza.

Allegati

Opuscolo Identifichiamoci

Stampa il volantino

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

52 risposte a Il chip RFID? Lo invocheremo a gran voce!

  • 45

    Anche al mio ragazzo, che non ha fatto il militare, ma è obiettore di coscienza … hanno preso le impronte!!Comunque se posso dire la mia, la logica militare è strettamente gerarchica, tende al controllo e all’annullamento dell’individuo. Proprio una vera deriva orwelliana!! e quindi si capisce perché lì prendono le impronte e si capisce anche perché io non ho mai sopportato la vista di 100 uomini che si muovono tutti insieme all’ordine schietto di qualcuno. Forse sarà, che invece a me piace molto dire la mia… anche a costo di esser sempre dalla parte del NO. Una democrazia dove la maggioranza ha l’assoluta libertà di legiferare, non è una democrazia. Se la minoranza, se l’opposizione cede lo spazio al governo per fare le sue leggi … è una democrazia mancata!

  • 44

    chi ci governa presto diventerà chi ci impera…non permettiamo tutto ciò!!!!!!!!!!!!

  • 43
    rebecca

    tu hai fatto la naja,eri un militare, e come tale nn eri più, in quei momenti, un cittadino qualunque.per cui le impronte avevano un loro significato.Ma io, cittadina italiana, rispettosa della legge, che paga le tasse, senza omettere un centesimo,perchè devo vedere le mie impronte digitali sul mio documento d’identità?Cui prodest??A chi giova, a chi interessa??io non sono aprioristicamente dalla parte del si o del no alle decisioni del governo,io ragiono con la MIA testa, e se qualcosa secondo me non va o non mi piace non mi faccio condizionare da NESSUNO, e dico la mia !! A parte il fatto che anche parte dell’opposizione è favorevole al rilevamento delle impronte a tutti gli italiani…per me questa è l’ennesima porcata!

  • 42

    chi ci governa presto diventerà chi ci impera…non permettiamo tutto ciò!!!!!!!!!!!!

  • 41

    Scusami tantissimo ma:”tu hai fatto la naja,eri un militare, e come tale nn eri più, in quei momenti, un cittadino qualunque.”Dai ragazze la naja che si è fatta fino al 1998 circa non si può definire servizio di leva, tra skerzi, canne, e zingarate alle 3 del mattino con fuga dalla caserma e gita in discotecha.Parlare di annullamento dell’individuo mi sembra un pochino esagerato.Ritornando sul tema: la paura di un governo di destra che possa arrivare a fare una legge tale percui siamo tutti skedati e quindi papabili di ingiustizie, è abbastanza fondata ma… c’è sempre la rivoluzione.Pensate che a Praga ci furono ben due defenestrazioni.Ratatatata Ratatatat Ratatat Ratata Ratatata Ratata…Tanto io il militare l’ho fatto! :-)

  • 40
    emanuele rieti

    Intanto ci prendono le impronte, poi ci faranno votare pigiando un tasto e associeranno il nostro voto ad una impronta…..

  • 39

    Ecco cosa siamo. Impronte. Tracce.Cerchiamo di reagire alla nostra scomparsa, ma è da tempo che non ci siamo più. Oggetto di statistiche che fanno della nostra esistenza una probabilità. Siamo come le tracce dei neutrini in un laboratorio di fisica quantistica. Esisteranno? Non esisteranno?L’elettore, il consumatore, l’utente… sono ancora persone? Secondo me viviamo una condizione disumana che neanche sentiamo più, anestetizzati da anni di de-realizzazione ad opera dei media.Quanto alla questione di avere un’identità, è qualcosa che può interessare solo un potere paranoico e poliziesco. A me non interessa per niente. Lasciatemi in pace. Se devo scomparire, scompaio a modo mio. Senza impronte e tracce. Stacco tutto, faccio l’uomo disconnesso e mando tutto e tutti a quel paese. Non avranno il mio dito “digitale”. Il dito è mio, in carne ed ossa e resta sulla mia mano, senza campionamento digitale… mistero insondabile di carne, muscoli, elettricità ed ossa.E avrei un posto da suggerire loro per dove collocarsi eventualmente il chip…

  • 38

    rindario… complimenti… sei appena stato schedato ;)

  • 37

    Davide, sono d’accordo sul fatto che l’immigrazione vada controllata e gestita. Ma credo anche che le impronte digitali siano la soluzione più semplice, e come spesso accade per le strade troppo facili, anche la più inutile o addirittura dannosa. Per reprimere la criminalità basta non togliere la benzina allle forze di polizia o non sovrappesare le denunce di inutili burocrazie. Che siano stranieri o italiani sempre criminali sono! tutti dovrebbero esser puniti allo stesso modo (a questo punto si possono anche prendere le impronte). Come dice Rebecca più sopra, le impronte una volta venivano prese soltanto a coloro che avevano compiuto reati! La presunzione di innocenza è un diritto di tutti! Dimostrare la nostra onestà è un’accusa indiretta, sostenuta da un numero di prove o fatti pari a zero!!!

  • 36

    Caro emiliano Bruno, mi è arrivata la tua mail e spero di trovare un pò di tempo per leggerla con calma e la dovuta attenzione. Nel frattempo sarò lieta di ricevere tue ulteriori e-mail. Non so se sia una questione di server o altro, ma ultimamente ho qualche problema nel leggere la posta…Un salutoNadia

  • 35

    Non vedo il problema impronte, almeno per noi maschietti: abbiamo fatto tutti la visita militare, almeno fino a qualche anno fa, no?Le hanno tutte le nostre impronte, da sempre… il guaio è che poi non le usano, non hanno quei mezzi scientifici infallibili che paventano i telefilms alla CSI, in cui rilevano un quarto di impronta vecchia di 4 anni e inserita nell’AFIS nel giro di un quarto d’ora il sospetto è agli arresti. Non ce la possono fare. L’identificazione di impronta necessita un’impronta INTEGRALE, recente e parecchie ore di ricerca incrociata prima di poter emettere anche solo un mandato di perquisizione.A che cavolo gli serve schedare le impronte dei rom che non possono essere rintracciati anche al momento di un accertamento? Dove lo vai a cercare un rom di cui hai rilevato un’impronta sul luogo di un reato?E’ solo l’ennesima pagliacciata da campagna elettorale, LO VOGLIAMO CAPIRE, italiani?

  • 34

    chi ci governa presto diventerà chi ci impera…non permettiamo tutto ciò!!!!!!!!!!!!

  • 33
    rindario

    si inzia sul serio, eccoci registrati.Ciao

  • 32

    ECCO!! ADESSO HO ANCHE IO UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO!! ;-)

  • 31
    Alessandro

    Schedare le impronte serve a chi desidera sapere cosa votiamo. Una scansione delle schede elettorali porta al riconoscimento del votante. Bello no? Ora parliamo del DNA, grazie allo sviluppo della Genetica potranno creare virus ad Hoc per ammazzare le persone senza nemmeno doverle cercare, un bel aerosol in zona e via. Oppure, sarà possibile ammazzare intere etnie senza doverli snidare da casa e ammazzarli. Arriverà l’eugenetica più forte che mai, e saranno davvero c…i amari per tutti. E poi… i dati finiscono in mani che fino ad oggi hanno simulato attacchi terroristici, fomentato guerre ed assassinato masse di innocenti. Ma davvero dobbiamo consegnare i nostri dati biometrici (che non possiamo cambiare!) a gente che ha sacrificato la propria stessa gente (mi riferisco alla farsa dell’11 settembre 2001) per annientare i diritti di mezzo mondo? E’ una vergogna, e sembra proprio che ci trattino alla stregua delle pecore. Su punto-informatico è apparso l’articolo dell’uso dell RFID sugli umani per scongiurare i rapimenti. Ti impiantano il chip e poi portandoti appresso un ricetrasmettitore ibrido GPS-GSM ti possono rintracciare e salvare! Ma dico.. a cosa serve il chip sotto pelle? Integrate tutto nel marchingegno esterno etc no? Che scusa idiota per iniziare a parlarne! Ragazzi, dobbiamo salvarci ed eliminare la televisione, spegnerla ed impacchettarla. Ragioniamo anche su ciò che leggiamo in rete ed opponiamoci. Non importa se siamo da soli, anche da soli siamo parte di una comunità. Non serve aggregarci, anche se ciascuno di noi pensa e ragiona, alla fine vinceremo. Non pensate mai di essere delle nullità e che conviene fare cio che fanno gli altri, altrimenti farete quello che vogliono i nostri “pastori sadici”. Io mi oppongo a essere schedati, le impronte digitali possono essere clonate abbastanza facilmente, il DNA può e sarà usato per fini bellici. Non consegnatelo, mai. Se ci opponiamo tutti non lo protranno fare. Chi comanda saranno forse 1000 persone e noi siamo miliardi!

  • 30
    davdapovig

    xNadiaHai perfettamente ragione, è sicuramente preoccupante attuare un piano di controllo, come impornte digitali e/o DNA e quant’altro, se si diffida dell’attuale sistema di governo, la sola possibiltà di deriva Orwelliana è un buon motivo che ci deve dar da pensare.Tuttavia non mi piace essere sempre dalla parte del NO, senza dare la possibiltà ad un Governo (putroppo) leggittimamente eletto di legiferare, dobbiamo anche dare un alternativa. Rebecca si sbaglia perchè ti ripeto che chi come me ha fatto la naja ha anche depositato le sue impronte.

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>