Irlanda e Trattato di Lisbona: le ragioni del no.

Le proteste al parlamento europeo per l’assenza di un referendum sul Trattato di Lisbona

Il Trattato di Lisbona: 70 articoli per riscrivere la Costituzione Europea.
In questo post avevamo sollevato il cofano e iniziato a gettare uno sguardo su puleggie e rotelle. Doveva entrare in vigore dal 1° gennaio 2009, senonchè qualcuno aveva fatto i conti senza l’oste. L’oste in questo caso è l’Irlanda, che in un referendum del 12 giugno 2008 ha detto un secco no alla riforma. Così i 24 paesi che hanno già ratificato il trattato (oltre all’Irlanda mancano ancora la Svezia e la Repubblica Ceca) dovranno aspettare, almeno fino a quando l’Europa non avrà deciso come affrontare il risultato referendario. Se l’oste è l’Irlanda, i conti in questo caso li ha fatti The Gallup Organization, una società che da più di 70 anni studia la natura e il comportamento dell’essere umano. Alla Gallup hanno fatto un po’ di telefonate, e hanno pubblicato i risultati di un sondaggio post-referendario, nel quale sostanzialmente si chiedeva conto ai pel di carota della loro posizione.

Alla domanda “per favore, mi dica le ragioni del suo voto contrario al Trattato“, ecco come gli irlandesi hanno risposto.

 

%risposta

22% Perchè non ne so abbastanza e non voglio votare qualcosa di cui ho scarsa conoscenza
12% Per proteggere l’identità irlandese
6% Per salvaguardare la neutralità irlandese in materia di sicurezza e difesa
6% Non mi fido dei nostri politici
6% Perderemo il nostro diritto di avere un commissario irlandese in ogni commissione
6% Per proteggere il nostro sistema di tassazione
5% Sono contro all’idea di un’Europa unificata
4% In segno di protesta contro le politiche del governo
4% Per evitare che l’Europa si pronunci all’unisono su questioni globali
4% Perchè i grossi stati membri decidono le politiche europee
3% Per proteggere l’influenza dei piccoli stati
2% Porterebbe all’introduzione anche in Irlanda della legislazione europea in materia di matrimoni gay, aborto, eutanasia
1% Per evitare il flusso immigratorio
1% Perchè l’Europa va bene così, non ha bisogno di alcun aggiustamento
14% Altro
3% Non sa – non risponde

 

Da notare che sono soprattutto i giovani ad essersi espressi in maniera contraria. Nella fascia di età compresa tra i 18 e i 24 anni hanno detto no ben il 61.2% dei votanti, e lo stesso hanno fatto il 54,6% degli adulti tra i 25 e i 39 anni. E’ una coincidenza che i no siano maturati soprattutto tra coloro che presumibilmente usano internet come mezzo di informazione integrativa?

In ogni caso, agli irlandesi essere consultati piace, tanto è vero che quasi il 66% risponde di volere ulteriori referendum sulle questioni di un certo rilievo nazionale.
Agli italiani invece sarebbe stato inutile fare qualsiasi domanda, perchè a decidere la ratifica ci hanno pensato le camere, senza che il minimo risalto venisse dato alla faccenda, tra il 23 e il 31 luglio scorsi, con piena unanimità – 837 voti favorevoli su 837.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

37 risposte a Irlanda e Trattato di Lisbona: le ragioni del no.

  • 37
    cris75

    siamo proprio un paese di m**da non vedo luce per il domani di noi giovani troppa ignoranza.

    GD Star Rating
    loading...
  • 36
    anna

    Quando ho saputo da un giornale radio la notizia che il trattato di Lisbona era stato aprovato in Italia e che persino la Lega Nord l’aveva aprovato sono rimasta senza parole, parlano tanto di liberta del nord e poi approvano untrattato che rendera "nulla"l’Italia come stato regredendola a "provincia d’Europa"  dove TUTTE le decisioni inportanti le prendera il parlamento europeo che secondo me è INLEGITTIMO dato che essendo in democrazzia i deputati dovrebbero essere votati dal popolo ma io non ricordo di aver votato nessun Euro Parlamentare quindi che diritto anno questi "signorotti"di decidere leggi per tutti quando NESSUNO LI HA VOTATI??? Di questo ho chiesto spiegazzioni alla Lega Nord atraverso E-mail ,era il 2 luglio, sto ancora aspettando una risposta….. 

    GD Star Rating
    loading...
«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

tasto_newsletter
I MINI-BLU

Un milione e mezzo di italiani poveri, altro che Grecia!

Occupazione Italia 2015 Una foto pubblicata da Claudio Messora (@byoblu) in data: 28 Lug 2015 alle ore 01:53 PDT Una persona su tre è a rischio poverta al Sud. E' quanto emerge dalle anticipazioni del rapporto Svimez 2015...leggi

#IoStoConChristianRosso, E TU?

Io Sto Con Christian Rosso Dunque abbiamo un'azienda di trasporti che non garantisce un servizio all'altezza delle aspettative. Abbiamo un dipendente di quest'azienda che, esasperato dai continui disservizi e dalle lamentele dei viaggiatori che non ricevono risposta, usa la rete per informare i suoi concittadini circa la sua esperienza. Questo dipendente,...leggi

La sorella di Paolo Becchi in Austria leader della petizione No-UE

Sorella di Paolo Becchi in Austria La sorella di Paolo Becchi, che in Austria è conosciuta con il nome d'arte Inge Rauscher, è il leader di IHU (Initiative Heimat & Umwelt) e gira in lungo e in largo gli studi televisivi per sostenere le ragioni della petizione popolare per l'uscita dell'Austria dall'Unione...leggi

Categorie
Commenti più votati