Andrea Canevaro: la Gelmini demolisce la scuola e crea sudditi docili.

  Su richiesta di molti di voi, ho attivato la donazione mediante Carta PostePay.
Presto vi farò vedere cosa ho fatto dei primi soldini.

 

Guarda l’intervista telefonica a Andrea Canevaro,
il pedagogista membro dell’Osservatorio sull’Integrazione Scolastica
che si è appena dimesso.

 

Cosa sia normale e cosa no, è una questione filosofica di non facile soluzione. Normale non implica giusto. Tra i militari delle SS, durante la seconda guerra mondiale, era normale vessare e bruciare gli ebrei. Questo significa che fosse anche giusto? In uno sperduto villaggio turco, al confine con la Siria, vivono uomini quadrupedi, afflitti dalla Sindrome di Uner Tan, dal nome del professore che li ha scoperti. Nella loro famiglia, loro sono certamente normali. E’ dunque giusto che se ne vadano in giro a quattro zampe? Se avessero figli che camminano eretti, dovrebbero considerarli anormali?

Spesso le anomalie nascondono una chiave evolutiva vincente. L’uomo di Neandertal aveva il naso grosso. Poteva disperdere il calore più velocemente. Questo lo rendeva estremamente adatto a vivere nell’Europa dell’Era Glaciale. Se disperdi il calore in fretta, è meno probabile che tu possa sudare. Credetemi: quando fuori fa un freddo cane, se avete il sudore che vi si ghiaccia addosso avete un problema!

La scuola ha il compito di educare. Educare significa far venire alla luce qualcosa che è nascosto. Ognuno nasconde il suo tesoro in un luogo diverso. Per questo non può esistere una scuola che si prefigge di uniformare i bambini. Quello che funziona per me non funziona per te, addirittura può essere controproducente. Qualsiasi scienziato vi spiegherà che alla base della vita si pone il concetto di diversità. La diversità degli individui di un gruppo è la sola strategia possibile per allontanare la fine. E’ solo attraverso il continuo sacrificio del diverso che la vita trova nuovi sentieri da battere. La diversità è un valore cui dedicare tutta la nostra attenzione.

Ci sono bambini con Bisogni Educativi Speciali. Non devono essere isolati, ma integrati. Educare la società all’integrazione significa iniziare dai nostri figli, insegnando loro a vivere in una realtà variegata e multicolore. Quando saranno cresciuti, sapranno rispettare tutti i modi in cui si esprime la vita. Anche se faranno i fotografi per conto della Disney al Carrefour di Assago.

Andrea Canevaro e Dario Ianes hanno speso una vita per i bambini con Bisogni Educativi Speciali. Fino a pochi giorni fa, erano parte dell’Osservatorio sull’Integrazione scolastica del Ministero della Pubblica Istruzione. Poi, di comune accordo, hanno dato le dimissioni dall’incarico. Ho chiamato Andrea al telefono. Ecco cosa ci siamo detti.

Byoblu: «Andrea, potresti spiegare in cosa consiste l’Osservatorio sull’Integrazione Scolastica

Andrea: «L’Osservatorio è stato costituito, perchè la legge prevede che esista, dal Ministro della Pubblica Istruzione. E’ costituito da persone che si occupano professionalmente di persone con bisogni speciali, che vanno a scuola e che hanno nell’integrazione nella scuola il loro  percorso per il progetto di vita. Ha un compito, quello di tener conto della realtà, ma soprattutto della realtà che nasce, cioè quella che non è ancora espressa, dei bisogni, e quindi dei bisogni che forse non sono ancora espressi totalmente. Deve tener conto di quelli che sono già dei consolidati, che non possono essere demoliti, ma deve anche soprattutto capire come far meglio. Non far peggio è già un bel traguardo! Far meglio sarebbe auspicabile.»

Byoblu: «Da quanto tempo esiste l’Osservatorio?»

Andrea: «Io ho fatto parte di un primo osservatorio che aveva come coordinatore Sergio Neri. Se mi domandi le date precise non le so, ma stiamo parlando di epoche remote. Il Ministro dell’Istuzione era Berlinguer. »

Byoblu: «Tu ne sei quindi un membro storico.»

Andrea: «Ho avuto una sola interruzione, quando il Ministro Moratti fece un nuovo Osservatorio. Io, come tutti gli altri che facevano parte dell’Osservatorio di allora, non ricevetti neanche due righe per dire ‘Il vostro compito è finito, vi ringrazio’. Sapemmo poi da fonti esterne che c’era un nuovo Osservatorio di cui non eravamo parte. Allora io questa volta ho pensato, con il collega Ianes, di non subire gli eventi, ma di precederli se possibile. Prima di tutto facendo una constatazione, cioè che mi pare che le cose procedano in modo tale  il tema Integrazione di Soggetti con Bisogni Speciali nella Scuola sia accompagnato da una politica più generale che non ha coerenze. Si mettono in difficoltà soggetti che provengono da altre culture. Se si parla di integrazione dei disabili, bisogna evitare che diventi un’operazione quasi privilegiata dei disabili. E’ come se uno avesse il lavoro solo se è disabile. E’ successo purtroppo nella nostra storia italiana che ci sono state false certificazioni. falsi disabili proprio per ottenere il lavoro. Era più semplice, ma queste sono anomalie che vanno corrette. E allora già ho rilevato questa operazione molto complicata, e l’ho fatto tenendo presente anche un aspetto che mi sembra molto interessante, e cioè: era uscito in quei giorni la traduzione italiana di un volume di uno scrittore, uno studioso statunitense, Philip Zimbardo, che aveva a suo tempo fatto una sperimentazione che lo aveva spaventato [ndr: The Stanford Prison Experiment, 1971], nel senso che aveva messo delle persone assolutamente normali, cittadini, studenti universitari, che avevano una vita tranquilla a fare il carceriere, e altri li aveva messi nel ruolo di carcerati, in una simulazione che era fatta come si fanno le cose negli Stati Uniti, con molte disponibilità, quindi  un carcere modello se vogliamo. Aveva visto con sbigottimento e un certo raccapriccio, che ci faceva il carceriere prendeva talmente sul serio il proprio ruolo finto, da diventare crudele. Io avevo da gestire delle cose per lui, che voleva condurre l’esperimento, ma non riuscendo più a gestirlo hano chiuso tutto. Con questo volevo ricordare che creare dei ruoli di controllo degli altri con delle gerarchie, e dare continuamente messaggi di tolleranza zero, significa qualche cosa che poi diventa incontrollabile, molto pericoloso per chi dovrebbe tenere conto che lavora per il bene comune.  Ci sono fior di studi in proposito, si finisce per mettere in moto una dinamica che non si riesce più a fermare.»

Byoblu: «Nella sostanza potresti spiegarci quali sono le linee guida di questo ministero della Gelmini

Andrea: «Dunque, Claudio, le linee guida di questo ministero a me sembra che siano soprattutto quelle di cercare di demolire il sistema pubblico scolastico. Questo mi sembra che sia l’elemento principale. Per farlo meglio ci sono anche delle manovre diversive. Si attira l’attenzione di tutta Italia sui grembiulini, sul maestro unico, su cose che sono anche importanti, ma non sono il nocciolo della questione. Il nocciolo della questione è quello per esempio della contrattazione individuale. Ogni scuola può contrattare l’insegnante individualmente. Spariscono i contratti collettivi. Sparisce la rappresentanza sindacale [ndr: anche la lotta alle rappresentanze sindacali era un obiettivo dichiarato della P2], sparisce il sistema pubblico insomma, nella sostanza. Una volta che è demolito, la ricostruzione è complicata, complicata. La demolizione è fatta con queste manovre di distrazione, ed è portata avanti molto rapidamente, ormai è fatta

Byoblu: «Qualche giorno fa, tu e il professor Dario Ianes avete dato le dimissioni, corretto?»

Andrea: «Sì, bravo. Io ho avuto, e penso che anche il mio collega Dario, manifestazioni di solidarietà, e in alcune di queste notavo anche un senso di disastro: ‘Siamo arrivati al disastro: anche tu ti dimetti!’.  E allora ho voluto precisare, ed esprimo cose che anche il mio collega condivide, dato che ci lega una profonda e fraterna amicizia, che noi abbiamo voluto non tanto dire ‘Non lavoriamo più!‘, quanto dire ‘Attenzione: la distanza si allarga tra il sentirsi al servizio di chi cresce e il sentirsi al servizio del Ministro‘. E allora se si allarga troppo a un certo punto io devo scegliere. A chi do retta? Io do retta a chi cresce

Byoblu: «Andrea, la rete di Byoblu.Com si sta chiedendo se secondo te, dietro al disegno della Gelmini, ci sia solo la necessità di tagliare un settore considerato in perdita, non strategico, o se invece non ci sia un piano volto a indebolire le future generazioni di cittadini individui, rendendoli più ignoranti e quindi controllabili di quanti invece dispongono di strumenti culturali per conoscere, informarsi, giudicare e scegliere. E’ ipotizzabile questo, secondo te?»

Andrea: «Io direi di , che questa seconda ipotesi è possibile. Io non conosco personalmente la ministra, ma non credo che sia del tutto consapevole di questo, ma è un indotto. E’ l’indotto che sta dominando, che è quello appunto di avere sudditi docili. Per me è stato rivelatore il Primo Ministro, quando appoggiando la Gelmini, ha parlato anche di un investimento massiccio. Quasi a dire: attenzione, non è che noi non daremo fondi alla scuola, ma investiremo in attrezzature. Avremo lavagne interattive, eccetera. Io dico: son più docili le lavagne interattive che non i docenti che litigano, che hanno bisogno di essere ascoltati, che hanno delle rappresentanze sindacali. Non credo che le lavagne interattive avranno rappresentanze sindacali. E’ sicuramente più semplice il governo delle lavagne interattive. Oltretutto si fa un investimento: qualcuno che produce le lavagne ne esce arricchito. Anni fa c’erano i corsi per gli Insegnanti di Sostegno. Erano affarismo di bassa lega, in confronto era una roba da dilettanti in affari. Si facevano molte furbate. Per esempio, le prove di selezione per entrare costavano anche quelle, e avevano l’abitudine di disporle in modo tale che facevano legna su tre prove se facevano corsi uno vicino all’altro. Tutti correvano, c’era una truppa di persone che correva da un posto all’altro a fare queste prove, pagava la tassa per la prova, e la pagava tre volte. Ma questo, appunto, era un mercato da poveracci. Adesso passiamo a un mercato un po’ più consistente, perchè le lavagne interattive tra qualche anno avran bisogno di essere sostituite da  trovate molto più efficienti. Quindi si ricomincia daccapo.»

Byoblu: «Andrea, hai ricevuto qualche comunicazione dal Ministero, qualche reazione?»

Andrea: «No. No e non me l’aspetto, perchè mi pare che lo stile sia quello di non curarsi di gente come noi

Byoblu: «C’è stata una qualche reazione dei media?»

Andrea: «Alcune persone che conosco, che lavorano in giornali, mi hanno chiesto di poter comunicare, di potermi intervistare. Altre persone come te, che non conoscevo e mi fa piacere di averti conosciuto, mi hanno interpellato. C’è ancora la possibilità di essere ascoltati da qualcuno.»

Byoblu: «Sei ottimista o pessimista per il futuro?»

Andrea: «Guarda, io sono piuttosto ottimista nel senso che ho l’impressione che un’attività come quella che stanno producendo sia talmente destinata al fallimento, che fallirà! Certamente però ogni fallimento è doloroso. Questo certamente. Adesso faccio un paragone esagerato, ma se avessi vissuto in epoche hitleriane e qualcuno mi avesse chiesto ‘Sei ottimista?‘, avrei risposto ‘Certo, perchè non può che finire.’. Con che tragedia però finiscono queste cose! »

Byoblu: «Andrea, ti ringrazio tantissimo di avere parlato con noi.»

Andrea: «Grazie a te, Claudio. Io ho parlato con la libertà che per ora mi sento di avere. Perchè dovrei usare delle prudenze alla mia età? Permettetmi almeno di essere tranquillo e sereno

Byoblu: «Guarda, dopo le esternazioni di Cossiga che si fa scudo della sua età, le tue sicuramente sono perle di saggezza

Andrea: [ride] «Grazie Claudio, buon lavoro!»

 

 

I vostri video

 

Perchè manifestiamo contro la Riforma Gelmini

Video affini

 

La storia di Barbara al Carrefour di Assago

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

26 risposte a Andrea Canevaro: la Gelmini demolisce la scuola e crea sudditi docili.

  • 15

    Anche dietro le riforme scolastiche si celerebbe quindi l’oscuro disegno dello psiconano di creare futuri cittadini ignoranti ed inconsapevoli più semplici quindi da manipolare mentalmente…che mondo orribile! bisogna fermare tutto e al più presto!

  • 14

    Fa piacere sentire qualcuno che quando parla, anche attraverso un video su internet, trasmette un senso di vicinanza, di trasparenza, che non ha quel gusto orrido di propaganda (alla Berlusconi, tanto per intenderci). Una persona normale, non un esaltato, non un nano che si vanta super uomo. Non uno che nella vita ha fregato lo stato continuamente e fa credere a tutti di essere quello che per lo stato sacrifica la sua vita. Che lo fa per il bene del suo paese! Come fanno a credergli? Come fanno gli italiani ad amare questi individui? E’ il cattivo gusto, lo stesso gusto di chi trascorre la propria vita guardando quella di personaggi di plastica e arriva a credere che sia tutto reale. E se reale fosse, che gusto c’è a guardare la vita di un altro, mentre la propria la si brucia in poltrona? Un paese per metà surreale, tanto innamorato di un mostro che vede come il principe azzurro. Un mostro dalla faccia piatta che assume le sembianze dei parassiti che ospita. Che fuori è sempre uguale ma si trasforma schiacciando un tasto e la sua luce può creare il buio. E’ proprio ora che arrivi qualcuno che faccia pulizia, un pò di spazio e basta parassiti!

  • 13

    ottima intervista ! 5*

  • 12
    cris75

    bisogna stare molto attenti perchè questi personaggi che siedono nei piani alti oggi stanno prendendo il paese e lo stanno smontando e ri montando a comodo loro sanità ,alitalia,scuola ecc,ecc pezzo a pezzo, c’è da preoccuparsi.

  • 11

    Io odio quella donna :/

  • 10

    in tutto e per tutto, quoto ed approvo anche le tue virgole.

  • 9

    Byoblu che dire…io avevo avuto questa impressione ma volevo pensare che non fosse così.Non ci volevo credere,invece quì sembra davvero di tornare indietro nel tempo.Feudi monarchici oh mio Dio. Che il futuro degli Italiani sia nelle mani di Piersilvio????? CE lo dimentichiamo spesso lui….

  • 8

    Ci sono i "consumatori dell’informazione in pillole", abituati alla superficialità, da chiunque venga propinata, purchè mediaticamente visibile. E ci sono i desiderosi di informazione approfondita che non aspettano altro se non di avere materiali come i tuoi su cui ragionare e farsi un’opinione, il più delle volte lontana dalla distorta realtà che l’informazione ufficiale costruisce e porta avanti con successo. Per cui non posso che unirmi al commento di F7 ringraziandoti a mia volta.

  • 7

    rimango basito :-O
    Ottimo,non c’è che dire.

  • 6

    mi associo anche io ai complimenti a byoblu. bravo!! preciso e sempre sul pezzo come un giornalista deve fare!
    la rete è nata in tempi (quasi) non sospetti ma senza adesso non sopravviveremmo!!!

    ottimo lavoro anche stavolta!
     

  • 5

    Bellissimo il paragone con il regime di Hitler…

  • 4
    Claudio.farna

    La p2 con questa mossa si avvicina alla meta, roba da non credere.

    CLaudio è vergognoso parlane perfavore.

    http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/politica/giustizia-12/lodo-carnevale/lodo-carnevale.html
     

  • 3

    Bellissima intervista e Canevaro mi sembra davvero una persona in gamba… infatti si è dimesso -.- Solo un appunto: quando Canevaro cita il ministro dell’istruzione Berlinguer credo di riferisca non a Enrico, bensì a Luigi, suo cugino.

  • 2
    F7

    Ottimo byoblu!
    …sempre meglio…
    Bravo e Grazie per il servizio che rendi a tutti quelli che hanno voglia di usufruirne…

  • 1

    Sì Daniel,

     l’immagine associata a Berlinguer non è corretta. Una svista.

  • 0

    Bravo, buon punto. Credo pero’ che l’uso della ragione non nasce nei banchi di scuola ma nella coscienza privata di ogniuno, dell’intuizione personale. C’e’ gente ignorante oggi come al tempo del fascismo proprio per l’opposto motivo, proprio perche vengono istruiti dalle scuole i cui libri di testo devono essere insindacabili. Ringrazio il mio prof. di ragionera che mi chiamava POLEMICA, un grande complimento in quanto mettevo in discussione ogni cosa che si diceva e ponevo i miei dubbi.

  • -1

    bellissimo questo post!!

    complimenti!!

    chicca

     

  • -2

    personalmente non sono d’accordo ritengo che la gelmini stia facendo un’ottimo lavoro,e non approvo il paragone fatto con hitler…

  • -3

    Sono anni che il progetto crea sudditi funziona….a meraviglia! Bambini a casa,è meglio.

  • -4

    Grazie Claudio!! .. Sei il nostro giornalista DOC!! ;)

  • -5
    ELSY63

     

     

    Purtroppo non viviamo in un paese sensibile ai bambini , o meglio la gente comune lo è, chi ci comanda no!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!loro non appartengono alla razza umana ! e per favore denunciate pubblicamente le ingiustizie…a giornali locali, radio, tv,quotidiani dell’opposizione perche non vorrei che i signori ns padroni iniziano a pensare che siccome stiamo zitti acconsentiamo! Si sbagliano di grosso!….

     

    http://petizioni.tiscali.it/sign/list/bastaaitaglisulsostegno

     

    http://www.santeramolive.it/news/news.aspx?idnews=1559

    Con preghiera di sottoscrizione e diffusione della ns petizione.
     

  • -6

    Tanti anni fa ho letto il libro di Canevaro e ancora oggi penso che purtroppo ancora tanti bambini si perdono nel bosco, ma non solo quelli disabili.

  • -7

    Ottimo, come sempre. ah ah ho visto la foto del tuo piccolino. ma quanto é bello. ti somiglia anche un sacco:) mi sembra che abbia il tuo stesso sorriso.

  • -8
    OmarValente

     @gladioitalaino87: ovvero? puoi dettagliare per cortesia ?

  • -9

    :OOOO

  • -10

    Semplicemente complimeti… Come sempre..

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>