Il colore della morte

Il colore della morte
intervista a Samanta Di Persio

Le chiamano morti bianche, ma il colore giusto è il nero. Tutte le morti sono nere. Il colore della putrefazione, della cancrena. Il colore che risucchia tutti gli altri fino a spegnerli in sé. Così, come la luce entra in buco nero e non sa più uscirne, i nostri sogni, le nostre speranze, e tutto l’amore di cui siamo stati capaci, un bel giorno attraversano un punto oltre il quale non solo svaniscono, ma perdono qualsiasi memoria di se stessi, come se non fossero mai neppure esistiti.

Sì, le chiamano morti bianche, ma la disperazione che si lasciano dietro è nera. Nera come un pozzo nero, come le acque nere, come l’umore nero di chi ha perduto suo marito, suo figlio, suo padre, e nessuno lo aiuterà mai con un solo centesimo di risarcimento. E insieme alle morti bianche ci sono anche gli infortuni bianchi: gente che era nata con due braccia, due gambe, dieci dita, e all’improvviso non gli tornano più i conti. A lungo, l’illusione sensoriale continua a percepire una mano dove non c’è più, ma bisogna stare lontani dagli specchi, è chiaro, altrimenti il giochetto non regge….

Le chiamano morti bianche, nel tentativo di renderle candide, immacolate, innocenti, e sarebbe interessante chiedere ad un uomo che sta precipitando nel vuoto, magari perchè nessuna misura di sicurezza è stata adottata dal suo datore di lavoro, se in quel preciso istante si senta così in pace con se stesso e con la società. Negli anni ’60 li chiamavano omicidi sul lavoro. Meno tranquillizzante, se volete, ma certo più realistico.

Invece, oggi le chiamano morti bianche. Bianche come un bianco Natale, come la biancheria che sa di lavanda, come i capelli di un vecchio. Bianche come le nuvole bianche, come la spuma delle onde del mare, come la panna, come il latte, come la neve che attutisce il dolore ricoprendo ogni cosa di un bianco mantello silenzioso…

Le chiamano morti bianche. E vi prendono per il culo.

A l’Aquila ho intervistato Samanta Di Persio, autrice del libro Morti bianche. Una ragazza davvero speciale. Guardate l’intervista nel video accluso al post.

Oggi, intanto, vi racconto questa storia, la storia di Andrea, tratta da Morti Bianche e anche dal Sacrario virtuale dei Caduti sul Lavoro. Ho messo la foto, così che anche voi possiate guardarlo bene, mentre leggete.

20 giugno 2006

Andrea aveva solo 23 anni e ogni giorno partiva da Porto Sant’Elpidio (Ap) per recarsi al lavoro. Un’ora di auto per andare ed un’altra per tornare, ovvero ottanta chilometri al giorno, con la sua nuova “Opel corsa” nera fiammante da pagare a rate, per recarsi nell’entroterra di Ortezzano dove si trova l’Asoplast, azienda dell’indotto Merloni con un centinaio di operai, florida e moderna come poche nello stampaggio di materiale
in propilene, pvc e tampografia.
Quel fatidico 20 giugno 2006, Andrea si alza alle tre e quarantacinque del mattino per essere sul posto di lavoro alle cinque. Alle sei e dieci la macchina tampografica comincia a dare problemi, come già più volte era accaduto, allora Andrea cerca di risolvere il problema come facevano anche gli altri operai. Mette la macchina in “stand-by” (usando il pannello dei comandi che si trova lontano dal piano di lavoro e deve essere azionato con entrambe le mani) e controlla. In quel momento la pressa riparte da sola lasciando ad Andrea il tempo di lanciare un urlo lancinante e la testa viene colpita da due tamponi che gli spezzano l’osso del collo in pochi secondi.

L’hanno trovato così i compagni di lavoro in una pozza di sangue che usciva copioso da un orecchio. Tutto ciò è accaduto perché quella macchina assassina era priva di mezzi di sicurezza: vale molto di più la produzione che una vita umana… Un operaio viene considerato un numero che può essere facilmente sostituito. Andrea era un ragazzo senza troppi grilli per la testa. Amava la musica e la vita, amico degli amici, di indole fin troppo buona.

Perdere un figlio è un dolore indescrivibile, perché l’attaccamento è viscerale, il cordone ombelicale non si spezza mai, ora il mio cuore è morto insieme al mio sole, la mia vita scorre lentamente, come se l’orologio non avesse più lo stesso ritmo.
Ora Andrea non c’è più, in casa resta un dolore enorme ed un silenzio atroce…
Mancano la musica, il suono della sua chitarra e della sua tromba, mancano i suoi abbracci ed i suoi baci. Mancano… mancano… mancano… Di lui restano solo foto, ricordi ed una fredda tomba dove solo i fiori gli fanno compagnia.

È trascorso un anno da quando il mio angelo se ne è andato. Da quel giorno, la nostra famiglia è distrutta. Nessun aiuto da parte di nessuno, né dai proprietari della fabbrica, che io definisco uomini senza cuore né cervello, né da parte delle istituzioni.
Abbiamo bisogno dello psicologo e dello psichiatra e da parte della Asl mi sento rispondere che gli specialisti lavorano solo al mattino. Ma io lavoro, mia figlia va a scuola, quindi non possiamo usufruire di questo servizio. Una famiglia abbandonata a se stessa e neppure un risarcimento, all’infuori di 1.600 euro per le spese funerarie.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a Il colore della morte

  • 17
    Alberto

    Scusa Claudio, il mio post precedente era per il CENTRO OLI.

  • 16
    MELO

    L’uomo ancora non riesce a capire che non e’ questa la direzione del benessere e del progresso.

    Ciao Claudio (sei un grande). e Ciao a tutti i lettori di Claudio.

  • 15

    Per me questo è il miglior servizio di Claudio Messora. Complimenti vivissimi Claudio per il tuo impegno e per la scelta dell’argomento.

  • 14

    fantastico!!!

  • 13
    OmarValente

    il sacrario virtuale è veramente agghiacciante, mi riprometto di leggere una lettera ogni sera anche alcune sono veramente devastanti. Mia moglie fa la postina ed è sempre su un motrino stracarico in mezzo al traffico per un attimo mi sono immaginato la sua foto li nel mezzo, non riesco neanche a pensarci….. spero che si diffonda e svegli un po’ di persone. Ma su questo argomento il primo cambiamento deve venire dal basso altrimenti non si smuoverà mai niente….

     

    Omar Valente

  • 12
    Alberto

    Pazzesco, siamo alla stessa logica della Sierra Leone, ai diamanti di sangue che hanno precipitato i "fortunati" autoctoni nell’inferno. Mussolini ha portato l’inferno in Africa e oggi la nullità mediatica sta portando la stessa logica infernale in casa nostra, che dire anche "sua" è una bestemmia, gli stegocrati non hanno casa, o meglio ne hanno talmente tante che una buona per loro ci sarà sempre.

    Io abito vicino ad Arcore, per favore piantiamola di considerarlo il regno del male. Quello sta altrove, nella testa dei "benpensanti" che lo votano.

  • 11

    Poetico e realista, sopra la media, bravo. :D

  • 10
    F7

    …opera meritoria, bisogna dare il massimo rilievo a queste ingiustizie quotidiane.

  • 9
    alessandro coltri

    Ho sentito molto parlare di questi argomenti, ma parlare a volte non basta.Quando i controlli non ci sono, le leggi non vengono spesso rispettate(sulla sicurezza), dove puoi trovarti a pagare il processo anche se hai ragione, diritto al risarcimento e un padre di meno, solo perchè l’altra parte è inrintracciabile o senza mezzi, …c’è poco da fare se vuoi giustizia….ognuno pensi secondo la sua coscienza, io non andrei a processi, non ho fiducia, c’è troppo marcio e troppi diritti, ma come fanno certe persone ad avere diritti?Hanno forse il diritto di perseverare?I morti gridano all’ingiustizia.Ho si riesce a smuovere lo stato, far rispettare leggi serie e punire le connivenze seriamente oppure il nostro ordinamneto non ci serve, è meglio la legge della giungla.

  • 8

    Ti seguo da un pò. Complimenti per il tuo lavoro!

    Ti ho linkato nell’ultimo mio post.

    gio

     

  • 7
    OmarValente

     @Mister X:

    Io vivo nella tua città, puoi contattarmi? nathanjtd(a)gmail.com (ovviamente (a) va sostiuito con @)

  • 6

    Penso che la maggior parte di noi muore ogni giorno sul luogo di lavoro…parlo di morte morale, il mobbing e non necessariamente la morte fisica. Con i tempi che corrono lo stress é in aumento e cosi’ l’aggressività. Quante persone cadono in depressione o si suicidono a causa dei soprusi altrui ( capi o colleghi ). Non é forse MORTE l’assenza di VITA ? …che sia fisica o sociale ? Socialmente muoriamo ogni giorno, sempre di più.

  • 5

    finalmente qualcosa sta cambiando e non necessariamente ha uno scopo di lucro, spero che anche la scuola e la riforma della Gelmini prima o poi cada e o scelga questa strada. perché l’istruzione, il sapere, le notizie, l’informazione deve essere libera e gratuita in modo che tutti ne possano usufruire.

    concludo col fatto che sono il primo ad aver visto questo video ed averlo commentato, e mi reputo onorato :)

  • 4

    Bello, molto realista…purtroppo la realtà è questa, anche io mi sono sempre chiesto perchè si chiamassero "morti bianche" nonostante siano cosi assurde e a volte brutali.

  • 3

    Il lavoro è diventato sempre più "povero" d sicurezza: è impegnativa per i lavoratori, k vincolati da operazioni fissate e da svolgere in tempi incalzanti e intensi, fatalmente, la trascurano e la minimizzano.I controlli non esistono e quelli k si effettuano sn inconsistenti e senza ripercussioni o effetti.E se anche ci fossero responsabilità gravi,la giustizia ri-assesta tutto a favore del sistema(economico)k deve riavviarsi…senza troppi fardelli!

  • 2
    Mister X

    Ciao Byo,

    come ormai faccio spessissimo, anche stasera mi sono addentrato nel tuo portale e, come sempre, ho anche stavolta trovato un articolo per me interessantissimo: questo.

    Ti premetto che io lavoro in una multinazionale di trasporti di cui non posso fare il nome, la TNT. Aggiungerei volentieri anche la città, ma non posso farlo…Arezzo.

    Ovviamente non posso dirti altro di me, sperando di non essere individuato da qualche curiosone dei gradini alti…..anche se un pò ci spero in quanto non ho nulla da temere in quanto in ‘piena ragione’.

    Cmq, veniamo a noi, la TNT è una multinazionale presente in vari paesi del mondo con oltre 115.000 dipendenti. Solo in Itaia abbiamo ben 3 aerei di linea privati che svolazzano per le consegne in Calabria, Sicilia e Sardegna.

    La premessa era necessaria per capire bene quanto il problema sia nella realtà più grave di quanto immaginiamo. Infatti, mentre chiunque potrebbe pensare che la piccola ditta non abbia il capitale necessario per mantenere in ‘sicurezza’ i propri dipendenti, tutti saremmo inclini a presupporre che almeno una ‘Multinazionale’ possa in qualche modo garantire la sicurezza di tutti.

    Ma ci sbagliamo di grosso.

    Ecco una lista che descrive le ATTUALI condizioni del mio posto di lavoro:

    Uscite di Sicurezza in parte inagibili per lucchetti, furgoni parcheggiati e persino cumuli di spedizioni che nascondono le porte.

    Percorsi ‘a terra’ dei carrelli elevatori completamente inesistenti. Parlo delle ‘strade’ disegnate nel pavimento del capannone dove i così detti Muletti possono circolare. Ne consegue che i Muletti vanno continuamente ovunque rischiando la vita/incolumità di chiunque.

    Cassette degli Idranti compleamente distrutte, ma comunque inutilizzabili in quanto non arriva acqua dai tubi!!

    Controlli sulla qualità dell’aria praticamente inesistenti, in quanto svolti SEMPRE almeno 2 ore dopo l’uscita dei mezzi dal capannone e 2 ore prima del loro rientro.

    Cavi da 380 volts danneggiati. Quando piove stanno a bagno maria nelle pozzanghere, e comunque sempre sotto i piedi di tutti.

    Potrei continuare con particolari ancora peggiori, non lo faccio soltanto perchè verrei individuato seduta stante. Ma posso garantirti che il mio posto di lavoro è tutto, fuorchè sicuro.

    Per qualche strano motivo, però, non abbiamo mai (in molti anni) avuto controlli da parte degli enti preposti. Eheh, chissà perchè….

     

    Cmq continua così, che sei il migliore!

  • 1

    ottimo video

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Vogliono Abolire le News – Giulietto Chiesa

VOGLIONO ABOLIRE LE NEWS yt Giulietto Chiesa, giornalista e politico, torna sull'argomento delle Fake News e sulla nuova linea di Facebook, che da un lato assegna a "Pagella Politica" il ruolo di determinare se una notizia è vera o falsa, inserendo il famigerato bottone rosso, e dall'altro penalizza le pagine di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>