I comandamenti dell’informazione libera

ATTENZIONE:
Ultima ora: il video “L’uomo che ci salvò la vita”, che era stato oscurato, è stato reso di nuovo disponibile da YouTube.
http://www.youtube.com/watch?v=GvQ2IRsBbGk

La Casa della Libertà, in Italia un nome sinistro che evoca il suo esatto contrario. In inglese è più tranquillizzante: FreedomHouse.
Dal 2009 l’informazione in Italia è agli arresti domiciliari. Siamo un paese semilibero. Neppure in libertà vigilata, visto che qui non vigila nessuno.
FreedomHouse.org è stata fondata da Ann Eleanor Roosveltfirst lady statunitense dal 1933 al 1937. Se Veronica Lario volesse davvero fare un dispetto a Silvio, potrebbe fare come la sua collega e fondare una Casa della Libertà proprio ad Arcore, che ogni anno misura l’entità del conflitto di interessi di suo marito.

Cosa significa che l’informazione dalle nostre parti non è libera?

Aiutami a continuare a fare informazione libera
Qual’è il mix di presupposti che ci mancano? Ecco la metodologia seguita per classificare il grado di libertà di stampa. Vi invito a scorrere le varie voci una ad una. Mettete una X immaginaria dove credete che il criterio non sia soddisfatto. Fate una buona scorta di X, mi raccomando…

 Ambito legale

  1. La Costituzione e le leggi fondamentali contengono provvedimenti designati per proteggere la libertà di stampa e di espressione? Sono rispettati?
  2. Il Codice Penale, le leggi in materia di sicurezza e in generale qualsiasi legge che restringe le libertà dei cittadini, possono in qualche modo avere l’effetto di rendere perseguibili i giornalisti per quello che scrivono?
  3. Sono previste sanzioni per la diffamazione di funzionari e dello stato? Sono rispettate?
  4. La magistratura è indipendente? I tribunali giudicano in maniera imparziale le cause dove sono coinvolti i media?
  5. Esiste un corpus giuridico a tutela della libertà di informazione? I giornalisti possono avvalersene?
  6. Esiste la possibilità per privati o aziende di stabilire e mettere in esercizio punti vendita privati senza pressioni o interferenze?
  7. Esistono autorità di garanzia che regolamentano e controllano le attività di comunicazione? Sono in grado di operare liberamente e in maniera indipendente?
  8. E’ possibile diventare giornalisti liberamente e praticare l’attività senza ostacoli? E’ possibile per gruppi professionali o sindacati supportare i diritti e gli interessi dei giornalisti?

Ambito politico

  1. Qual’è l’entità dell’influsso esercitato su giornali e sull’informazione dal governo o da particolari interessi di parte?
  2. L’accesso alle fonti ufficiali o non ufficiali è controllato?
  3. Esiste censura, di tipo ufficiale o ufficioso?
  4. I giornalisti praticano l’auto-censura?
  5. I cittadini hanno accesso a un bouquet di media robusto che riflette la diversità dei punti di vista?
  6. I giornalisti nazionali ed internazionali sono liberi di occuparsi di qualsiasi notizia?
  7. I giornalisti e i media sono soggetti ad intimidazione extra-legale o violenza fisica dalle autorità statali, o da altre realtà?

Ambito economico

  1. Fino a quale punto i media sono detenuti o controllati dallo Stato, e questo influenza la diversità dei punti di vista?
  2. La proprietà dei media è trasparente, permettendo così ai consumatori di giudicare sull’imparzialità delle notizie?
  3. La proprietà dei media è fortemente concentrata? Questo influenza la diversità dei contenuti?
  4. Vi sono restrizioni nella stampa e nella distribuzione dei giornali?
  5. Vi sono costi elevati per aprire ed esercitare un’attività di informazione?
  6. Lo Stato o terzi cercano di controllare i media attraverso il finanziamento pubblicitario o una forma di sovvenzione?
  7. I giornalisti vengono pagati da soggetti pubblici o privati il cui intento è quello di influenzare il loro lavoro?
  8. La situazione economica del paese accentua la dipendenza dei media dallo Stato, dai partiti politici, dalle lobby o da altri soggetti politici di rilievo per il reperimento di fondi?

Carlo Vulpio è un giornalista del Corriere della Sera attualmente in aspettativa. Si occupava delle inchieste relative al caso Why Not. A De Magistris hanno avocato le indagini. A Vulpio hanno avocato le cronache. Non c’è persona migliore con la quale chiaccherare di giornali, libera informazione, blog e bloggers, magari davanti a un panino.

Il video in cima al post dura mezz’ora. Non me la sono sentita di tagliarlo. Fate un fioretto: guardatelo, magari in più volte. Se volete, su YouTube ho caricato tre parti già tagliate a dieci minuti l’una. Così non dovete fare la fatica di ricordarvi dove eravate arrivati.

– 1° parte: http://www.youtube.com/watch?v=LcDWw_ilK6w
– 2° parte: http://www.youtube.com/watch?v=EkahNv9uAI0
– 3° parte: http://www.youtube.com/watch?v=3xocqd8KPWQ

– Playlist:  http://www.youtube.com/view_play_list?p=40A019822E70EA68

 

Discorrendo con Carlo Vulpio
Blogger e giornalisti

Claudio Messora: «Carlo Vulpio, giornalista professionista del Corriere delle Sera, con una storia molto particolare alle spalle. Conosce dall’interno i meccanismi dei grossi mainstream, come appunto il Corriere della Sera. Io sono stato oggetto, recentemente, di una campagna proprio da parte del Corriere della Sera del Giornale, della Repubblica, dei TG che non si occupano mai di niente ma quando devono screditare la Rete si impegnano molto. Ho realizzato parecchie inchieste di cui non si sono mai occupati, ma nel momento in cui c’è stata l’occasione di screditare un blogger, che forse viene vissuto come una zanzara fastidiosa, non hanno esitato a muoversi compatti. Come hai vissuto tu questo tipo di operazione? C’è veramente un controllo sui grossi media? Possono muoversi in maniera coesa come se ci fosse un ordine impartito dall’alto?»

Carlo Vulpio: «Adesso, questo caso specifico lo conosco appena, ma quello che mi sento di dire è che probabilmente la carta stampata reagisce nei confronti della Rete direi quasi per un istinto di sopravvivenza. A volte, quando è in ballo un prodotto della Rete, i giornali stampati sono diffidenti o in qualche modo nemici, soprattutto quando sulla Rete circolano alcune notizie, si fanno degli scoop. E’ chiaro, la carta stampata è messa in difficoltà dall’esistenza stessa delle Rete.»

Claudio Messora: «Eppure ti posso garantire che ci sono tanti giornalisti della carta stampata che seguono gli articoli dei blog e che spesso cercano di interfacciarsi per carpire informazioni e redigere servizi basati sugli scoop che i blogger fanno.»

Carlo Vulpio: «Infatti, quello che tu dici completa e non contraddice quello che stavo dicendo prima. Cioè che le cose buone che vengono prodotte in Rete sono una fonte comoda, anche gratuita, alla quale attingere per poi magari confezionare anche dei servizi ben fatti sulla carta stampata. Ovviamente però quando delle cose vengono in evidenza sulla Rete, la carta stampata che oggi è un pò agonizzante, claudicante, che vive questa concorrenza con la Rete con grande difficoltà,  evidente che cerchi, nel momento in cui viene surclassata dalla Rete, di dire che la Rete è male, che non è affidabile. Ora, che delle cose poco affidabili circolino in Rete, è dire una banalità perché molte altre cose altrettanto poco affidabili, molte volte volutamente poco affidabili, circolano sui giornali.
Per rispondere alla tua domanda di prima, a volte c’è un controllo. Ovvero si orienta un giornale o una testata in una certa direzione, certe cose si raccontano e altre no. Magari poi vediamo nello specifico con qualche esempio. Altre volte invece, questo accade quasi per un riflesso condizionato. Cioè non c’è sempre un grande vecchio o un direttore, che dice andiamo in quella direzione, diciamo le cose in questo modo. Nel caso di molte cose che riguardano la Rete, spesso accade come un riflesso condizionato, ripeto, perché la Rete viene vissuta come un concorrente che mette a nudo i limiti dei giornali. Cioè si vive la Rete e i Blog come un prodotto più fresco, immediato, libero. I giornali invece tutto sono oggi, fuorché freschi, immediati e liberi. E allora la reazione è persino comprensibile, per quanto non condivisibile. E’ chiaro che una testata, un mainstream, più è un grande giornale, più deve stare attento a ciò che pubblica. Questo viene fatto molte volte con buone intenzioni, molte altre volte con intenzioni poco buone. Non è un caso che, posso parlare anche per me, ho visto molte delle mie inchieste non trovare spazio sul mio giornale. Come è capitato a me, sarà capitato a decine, forse centinaia di colleghi giornalisti. Solo che io lo dico. Non solo oggi, perché magari sono in aspettativa, ma già da prima, l’ho sempre detto, ci sono i miei interventi scritti. Altri non lo dicono. Ma non sono solo io a dirlo. Voglio dire, non passi l’idea che c’è un eroe, pochi eroi, contro una categoria di infingardi. Tutt’altro. Esistono molti bravi giornalisti, soprattutto di piccoli giornali, giovani e molto bravi, che nessuno conosce e che purtroppo sono destinati a rimanere nell’ombra, perché appena cercano di fare il proprio lavoro come si deve, vengono, come si dice, uccisi da piccoli. Oggi i giornali avrebbero necessità di rinnovarsi con questa trasfusione di sangue fresco, dando la voce proprio a questi giornalisti più giovani, più liberi e più vogliosi di fare informazione. Sul perché i giornali poi non la facciano, sul perché… insomma… mi facciano scrivere sul rigassificatore di Agrigento fino ad un certo punto… Beh,  è evidente. Perché magari un argomento come quello del rigassificatore di Agrigento non trova il consenso delle multinazionali che lo costruiscono…»

Claudio Messora: «…che per vie traverse sono proprietarie dello stesso giornale…»

Carlo Vulpio: «…sono proprietarie, fanno la pubblicità, direi che è ovvio. Dico una ovvietà. Però questa ovvietà va detta, questa ovvietà va ribadita!»

Claudio Messora: «E soprattutto  è importante che la ribadisca, la dica una persona come te che la vive dall’interno e che non siano sempre i soliti detrattori, dietrologi italiani che magari si muovono sul web e che possono non avere il polso reale della situazione.»

Carlo Vulpio: «Guarda, qui c’è poco da essere detrattori… c’è solo un’operazione verità da fare, c’è solo da dire come stanno le cose. Anche gli imbecilli capirebbero come stanno le cose quindi non si sta gettando fango contro nessuno. Non è un mistero per nessuno che i quotidiani, le TV non gradiscano certe cose. Infatti oggi la nostra informazione è messa così: l’ultimo dato di FreedomHouse dice che siamo un paese ad informazione semilibera. Sai che consolazione essere un po’ più avanti rispetto a quelli per nulla liberi. Un paese come il nostro non può accontentarsi di essere semi-libero. Nella classifica di FreedomHouse, fondata da Eleanor Roosvelt ed da altri, non solo da lei…»

Claudio Messora: «Quale futuro vedi per i blogger, l’informazione libera che passa attraverso la rete, visto che non hanno comunque uno statuto giuridico, non sono inquadrabili in nessun contesto normativo e magari a volte non hanno neanche una fonte di sostentamento?»

Carlo Vulpio: «Mah, guarda… se non chiudono, non imbavagliano, non legiferano in maniera tale da creare mille ostacoli ai blog e ai bloggers io vedo davvero un grande futuro perché poi, come nel giornalismo scritto degli inizi, alla fine questi diari di bordo, questi blog sono un lavoro di giornalismo. Cioè non  che uno è giornalista perché ha un tesserino che dice che egli è giornalista. Uno è giornalista perché ha imparato a trovare le notizie, a osservare i fatti e ha imparato a raccontarli scrivendo, montando un filmato, tutto qui! Poi, con l’insegnamento, con la collaborazione di persone più esperte, può fare una specie di tirocinio, di vero e proprio artigianato, come avveniva nelle botteghe rinascimentali… questo è il lavoro del giornalista e del giornalismo! Un grande prodotto di grande artigianato! Ovviamente, animato da che cosa… come nei lavori ben fatti, del falegname, del tornitore, da una etica che senza stradire e strafare, l’etica di chi vuol far bene il proprio lavoro. Quindi ci sono dei principi da rispettare, per costruire un badile fatto bene, e ci sono dei principi da rispettare per tirar fuori, per raccontare con onestà intellettuale, non con obiettività – l’obiettività  una favola per i gonzi! Non esiste! – con onestà intellettuale, dichiarando anche da che parte si sta, qual è la propria chiave di interpretazione, persino la propria faziosità.»

Claudio Messora: «Infatti io quello che intendo per informazione libera che a volte da qualcuno, da uno sparuto gruppo mi viene contestato è proprio che informazione libera non significa libera da sé stessi o dalle proprie opinioni ma significa libera da un editore, cioè da un terzo che ti forza ad avere un’opinione, mentre l’onestà intellettuale  quello che sta alla base ovvero dichiarare sé stessi per quello che sono le proprie idee..».

Carlo Vulpio: «Appunto! Libera da qualunque forma di condizionamento: può essere un editore, può essere la pubblicità, può essere un padrino o un sottopancia politico, può essere l’economia, può essere persino… diciamo così… la seconda finalità che non sia quella di informare la gente. Può darsi che la seconda finalità di un giornalista sia quella di far passare con una forma di pubblicità occulta un certo prodotto, di preparare la propria scalata… non so… in un ente economico, in un partito politico… Tutto ciò rende serva l’informazione! L’informazione libera deve rispondere soltanto all’attività di chi la fa. E ovviamente deve tutti i giorni fare i conti con queste forme di condizionamento. Il giornalista libero non è quello che è libero perché ha fatto 10 articoli, 10 servizi, 100 servizi, 100 articoli che lo hanno fatto percepire come libero dal pubblico. E’ quello che il giorno dopo riprende la sua battaglia per essere libero nuovamente. Non sei libero per quello che hai fatto, sei libero se ti impegni a fare bene quello che ancora devi fare.
E’ questa la scommessa di tutti i giorni ed è anche il fascino di un lavoro del genere. E’ ovvio che però… insomma, molte volte… anche il controllo viene esercitato non solo perché si devono tutelare degli interessi, supponiamo economici – facevamo prima l’esempio del rigassificatore come quello di Agrigento che si vuole fare proprio sulla valle dei Templi e proprio vicino al parco letterario e la casa di Pirandello… A me è capitato per esempio nei primi tempi quando si parlava di immigrazione che arrivassero queste decine di migliaia di persone in Italia. Ovviamente la prima reazione era molto… così… non solo di attenzione ma anche xenofoba, era di paura. Tutto quello che vogliamo… comprensibile per un fenomeno nuovo… ma insomma… bisognava stare bassi. Allora cosa succedeva: se ti capitava di parlarne, coma a me è capitato di parlarne addirittura con una studentessa dell’Università di Bologna che ha fatto una tesi su questo e io sono finito in questa tesi di laurea, come esempio virtuoso, voglio dire… Se tu ne parlavi come un fatto qualsiasi, senza avere il filtro del pregiudizio nei confronti del curdo, dell’albanese, dell’irakeno, del turco, del kosovaro che in quel momento veniva in Italia, beh, trovavi sempre o spesso un caporedattore che ti diceva: “Eh, ma forse qui…insomma dovremmo essere un po’ più…”. Cioè cercava di spostare magari l’asse del discorso sul problema dell’ordine pubblico. Cioè, il problema sociale immigrazione diventava un problema di ordine pubblico. Perché lo faceva? Mica perché prendeva i soldi o era ricattato, lo faceva perché poi… così poi mi si diceva quando io poi rifiutavo di correggere il tiro in questi articoli… mi facevano parlare, dopo il caporedattore, con il caporedattore centrale, con il vicedirettore, su fino al direttore. E’ normale. Ma anche questo è una dialettica normale. Fin quando c’è questa dialettica va bene. Quando comincia a diventare un ordine va male!»

Claudio Messora: «Perché lo faceva?»

Carlo Vulpio: «Perché mi dicevano “sai, siamo un giornale edito a Milano, siamo in Lombardia, il nostro pubblico, i nostri lettori votano Lega, sono della Padania, sono del Nord, quindi dobbiamo cercare di dare una informazione sull’immigrazione che un po’ si adegui alla domanda dei nostri lettori…” Cioè domanda di sicurezza, cioè di ordine pubblico. Quindi il problema dell’immigrazione, grande problema sociale, diventava immediatamente un problema criminale prima ancora di svelare problemi di natura criminale che pure si sono svelati con il tempo, non voglio stare a fare qui il demagogo, però capisci… sono tante le ragioni… Allora mantenere la schiena dritta e dire: “questo è quello che ho visto e che racconto. E questo resta!” è difficile anche in queste circostanze non soltanto quando c’è una ENEL che vuole fare a tutti i costi QUEL rigassificatore e magari cerca di fare in modo che tu NON scriva che il sindaco di Porto Empedocle, il territorio nel quale dovrebbe ricadere questo rigassificatore, è un dipendente dell’ENEL. Allora io non ce l’ho mica con il sindaco di Porto Empedocle che sarà uno dei piccoli ingranaggi di questa vicenda, però voglio dire… giornalisticamente, è o non è una notizia, che se il sindaco del posto in cui l’ENEL fa un rigasificatore è un dipendente dell’ENEL un cronista, un giornalista debba aguzzare la vista ancora di più? Domando. Chiaro, la mia domanda è retorica. E’ tutto questo è ciò che sta oggi mettendo in discussione anche la qualità del giornalismo italiano, dell’informazione italiana… cioè dobbiamo capire che non si possono servire due padroni: o tu servi il lettore o servi l’azionista.»

Claudio Messora: «Però questo è un problema di difficilissima soluzione perché si potrebbe pensare che se per esempio un grosso quotidiano non avesse come controllore le lobbies e i poteri economici potrebbe essere più libero, ma abbiamo appena dimostrato che anche nel caso in cui gli editori fossero solo ed esclusivamente i lettori, il quotidiano che comunque dipende da questi lettori per il suo sostentamento, cercherebbe comunque sempre di non deluderli e quindi di andare sempre nel solco da loro desiderato. Allora questo quotidiano per sopravvivere, l’informazione per essere veramente libera, da chi deve trovare fonte di sostentamento?»

Carlo Vulpio: «Allora, questo  vero! Non ci sarà mai il paradiso terrestre del giornale totalmente puro, libero, e questo la storia del giornalismo lo conferma. Tuttavia vi sono dei paesi e vi sono dei periodi in cui è possibile avere l’informazione più libera possibile Ci sono altri momenti –  quello che sta vivendo l’Italia per esempio – in cui l’informazione è agonizzante, precipita. Allora, qual è il punto: tenere il più separate possibile la proprietà delle testate giornalistiche dalla direzione politica di queste testate. Perché non è la stessa cosa se tu sei il proprietario di una fabbrica di automobili e produci automobili o se tu sei il proprietario di un giornale ed editi un giornale. Non sono due cose uguali. Dal punto di vista industriale lo sono ma il contenuto del prodotto giornale, cioè l’informazione,  è una merce affatto particolare, perché è anche un servizio. E’ soprattutto un servizio. L’auto è un prodotto, un paio di scarpe sono un prodotto. L’informazione è sì un prodotto ma è anche un servizio e quindi è una merce molto particolare. Di conseguenza, deve essere un momento di separazione tra chi è proprietario di giornali, e di TV, e l’attività che i giornali fanno perché l’informazione è informazione pubblica anche quando a farla sono le testate private, anche quando la fa un blog, un blogger, anche quando la fa il giornalino della parrocchia, anche quando la fa il Corriere della Sera, anche quando la fa Mediaset, o il servizio pubblico RAI – noi diciamo servizio pubblico RAI per dire che è di proprietà pubblica, ma è servizio pubblico anche Mediaset perché l’informazione è pubblica per definizione, chiunque la faccia. E questo dimostra che l’informazione è un prodotto del tutto particolare che richiede attenzioni particolari. Invece le attenzioni particolari che riesce ad attrarre su di sé sono inconfessabili, vanno in tutt’altra direzione. Ritengo però che questo sia un errore, perché c’è miopia anche in un modo di fare l’editoria oggi così come viene fatta in Italia. Cioè si ritiene per esempio che, indipendentemente dal contenuto dei giornali, i giornali, tra gadgets, pubblicità, possano stare nei costi o addirittura guadagnare. Invece, proprio grazie anche alla concorrenza delle rete che, come dicevamo prima, propone prodotti di informazione più freschi, più veloci ma anche molte volte più approfonditi, quindi non c’è la contraddizione tra approfondimento e velocità, non è vero.»

Claudio Messora: «Si chiama sintesi.»

Carlo Vulpio: «Chiamiamola sintesi… Questa concorrenza mette a nudo un limite nei giornali e cioè che se tu giornale non contieni il prodotto che ti deve caratterizzare cioè i fatti, le notizie, nel breve e lungo periodo, non puoi poggiare le tue sorti neanche più sulla sola pubblicità perché la mancanza di notizie e di fatti deprezza il giornale, lo dequalifica, ed il giornale – lì sì vale la legge di mercato – viene acquistato sempre meno e se viene acquistato sempre meno diventa anche meno appetibile per l’inserzionista pubblicitario che pure vorrebbe condizionarlo al punto da farne una propria appendice. E questo è quello che sta succedendo oggi ai giornali. Guarda… dirò una cosa che farà inorridire: sai chi ha capito negli ultimi tempi questo dal punto di vista del proprio utile, non per una ragione di etica, di natura politica, morale… ma proprio da un punto di vista utilitaristico? L’ha capita lo squalo dell’informazione: Murdoch. Murdoch è stato quello che ha detto quello che avrebbero dovuto dire i giornalisti, che su questo spesso sono assenti, o i grandi direttori di grandi giornali e di grandi televisioni e cioè: io investo nei giornali nelle TV perché ritengo che oggi i giornali non possono che risalire dato che non contengono informazione. Cioè Murdoch dice che bisogna restituire l’informazione ai giornali affinché essi risollevino le proprie sorti… ma parlava di giornali di carta stampata, non parlava delle colpe della rete, parlava delle colpe dei giornali. E dicendo questo, secondo me, ha lanciato anche un altro messaggio significativo, cioè uno come Murdoch che investe sui giornali, che crede nei giornali, vuol dire che ha capito, e secondo me ha ragione, che i giornali fatti bene con la rete possono convivere, non moriranno perché li ucciderà la rete, potranno morire davvero soltanto se si suicidano.»

Claudio Messora: «Non a caso, skytg24 è uno dei pochi giornali che spesso pubblica degli interventi video dalla rete, me ne hanno già chiesti un paio, quindi…»

Carlo Vulpio: «Beh, quindi c’è una qualche verità in quello che dico, invece gli altri sembrano essere diventati allocatori di risorse pubblicitarie, sembrano essere preoccupati soltanto di accontentare i cosìddetti editori di riferimento. Per scrivere anche su grandi giornali un’inchiesta, per parlare di un fatto ma come si deve, senza fare sconti a nessuno, anche se magari fra costoro qualche volta c’è qualche azionista, bisogna fare un pellegrinaggio a piedi nudi fino alla Madonna di Medjugorie, per chi vuole andare all’estero o a Pompei, più vicino insomma. Madonne anche più prestigiose.»

Claudio Messora: «Tu hai vissuto sulla tua pelle questo meccanismo perverso dell’informazione controllata e che cosa è successo? Tu ti occupavi dello scandalo why not, ti occupavi di seguire come cronaca la telenovela che ha avuto come protagonista De Magistris. A un certo punto, credo che fosse Paolo Mieli, ti ha, per usare una terminologia giudiziaria, avocato l’inchiesta

Carlo Vulpio: «Si è successo semplicemente questo, una telefonata “non ci occupiamo più di questo“, senza motivazione e via ma questo è stato solo l’ultimo avvenimento di una vicenda molto delicata, forse la più delicata inchiesta che in quel momento era in piedi nel nostro Paese, i cui strascichi stiamo vivendo ancora oggi. Ma non è stato l’unico episodio, cioè episodi come questi spesso sono all’ordine del giorno, esiste però per noi giornalisti un modo per difendersi: se una qualunque direzione, in questo caso non era la direzione Mieli, volesse importi di scrivere un servizio in un modo anziché in un altro, un giornalista può, sempre secondo le prerogative di legge che tutt’ora sono in vigore, che nessuno ha abrogato, ritirare la firma. Io una volta l’ho fatto, ho ritirato la firma, ho detto “non modifico questo articolo secondo i desiderata di nessuno, questo  il pezzo, se vi va bene lo pubblicate se no, poiché ne avete il potere, io ritiro la firma e voi lo pubblicate con una sigla qualunque, come pezzo impersonale della redazione per la quale in quel momento io scrivevo questo pezzo“.
Cioè, voglio dire, ci sono anche le possibilità di non dire sempre di si. Il problema spesso oggi è che si dice di si, ma questo accade in tutte le redazioni di tutti i giornali, si dice di si anche quando nessuno te lo chiede, c’è quasi una coazione a ripetere, per cui il sì scatta ancora prima che venga fatta una richiesta in quel senso e questo la dice lunga sulla necessità, sull’esigenza che oggi c’è di avere autonomia di pensiero e un’ indipendenza di giudizio, soprattutto tra i giornalisti. Perché questo essere yes man non nasce soltanto da un’imposizione e dobbiamo essere onesti, spesso i servi sono più sciocchi dei padroni e anche più pericolosi, quindi non è che nasce sempre da chi ha funzioni di comando, di gestione o di proprietà, spesso nasce proprio da chi invece dovrebbe rivendicare la libertà e l’autonomia come elemento caratteristico, elemento fondante del mestiere che fa. Che cos’è un giornalismo senza libertà, non è niente,  è come dire un giornalismo senza passione civile: non esiste. Quindi questo è un altro degli argomenti su cui riflettere, secondo me.»

Claudio Messora: «Tu hai avuto il coraggio di cambiare, hai avuto il coraggio di dire no, quali conseguenze hai pagato?»

Carlo Vulpio: «Guarda, io ho pagato le conseguenze che mi hanno tolto delle inchieste, non mi hanno pubblicato altri pezzi, potrei farne un elenco lungo in vent’anni di carriera, sarà capitato a tutti. Forse la differenza  è che io ed altri diciamo queste cose, altri ancora preferiscono non dirle, io ed altri non le accettiamo supinamente e magari non ci facciamo molti amici, ci rendiamo antipatici a colleghi, a direttori, forse ad azionisti, forse a politici e altri invece ritengono che la via giusta sia un’altra. Guarda, il problema è tutto di scelte, io tra il non risultare antipatico e il rimanere libero, scelgo di rimanere libero. Non potrei fare questa chiacchierata qui con te, in questo modo, se qualcuno da qualche parte, in qualsiasi momento, potesse alzarsi e potesse dire: “Vulpio, ti ricordi che, come quel tuo collega – che esiste e del quale non farò il nome ed è anche molto noto -, ti ho fatto fare una pagina intera sul rigassificatore di Agrigento, dicendo il contrario delle cose reali, delle cose così come tu le hai raccontate.»

Claudio Messora: «Chi si adegua è ricattabile.»

Carlo Vulpio: «Ma ìi, nessuno può dire di me, come di altri, questo. Poi è chiaro, questo significa magari non fare carriera, significa magari non avere aumenti di stipendio. Ma viviamo lo stesso.»

Claudio Messora: «Credo che ci sia una forma di compensazione, perché poi il tuo pubblico, la gente, quando sente che tu hai la schiena dritta, forse l’editore non ti viene dietro ma il pubblico si.
Allora puoi aprirti un blog, puoi fare informazione indipendente, puoi seguire la tua strada. Quale consiglio ti senti di dare ai tuoi colleghi giornalisti, che magari ancora non hanno fatto questa scelta?»

Carlo Vulpio: «Ma guarda, io non do consigli a nessuno, perché chi è già giornalista sa qual’è la strada. Quindi, che io mi metta a dare consigli non serve: non faccio né il predicatore né devo fare il messia con nessuno, sanno qual’è la retta via, che la imbrocchino, se ritengono. Invece un consiglio lo do ai più giovani, i tanti ragazzi che vogliono fare questo mestiere, che è sempre più difficile fare, dico loro che la prima cosa che devono fare , appunto, è avere uno sviscerato, smodato, estremistico amore per la libertà. Poi tutto si può superare, le congiunture negative, la crisi della carta stampata, quella di internet, il mercato, tutto si può superare ma non si può superare la perdita della libertà o il disamoramento verso la libertà, questo non porta da nessuna parte. Voglio dire un’altra cosa: se io fossi l’editore di un giornale o il direttore di un giornale, non mi circonderei di mezze calzette. Oggi nei giornali, come nei partiti una volta, si selezionano i quadri intermedi, i più analfabeti, i mediocri, salvo qualche eccezione. Questo perché chi seleziona i quadri non vuole brillantezza, diversità, autonomia, perché sono tutte merci pericolose, anche per la propria leadership e quindi uno cerca di conservare più a lungo se stesso, scegliendo i quadri intermedi che siano dei veri e propri signor sì. Ma questo dovunque, nei partiti la cooptazione era questo ed è qualcosa di rovinosissimo in qualsiasi ambito, ma nei giornali diventa immediatamente rovinosissima una politica di questo tipo, perché non porta avanti i migliori. Il giornale di per sé, come ogni mezzo d’informazione,  è il luogo della vivacità, della discussione, è un luogo anche della discussione accesa, è un luogo in cui ogni giorno vi deve essere una scarica di adrenalina positiva, è un luogo che deve fare ringiovanire, non invecchiare. Invece adesso sono sempre più camposanti di zombie.»

Claudio Messora: «Carlo, un’ultima domanda. Secondo te il giornalismo, in Italia, per come si è evoluto, per come si è venuto configurando, ha una via d’uscita oppure no? E se si, qual’è?»

Carlo Vulpio: «Io spero sempre. Sono ottimista! Una via d’uscita ce l’avrà per forza di cose. Il primo motivo è che quando economicamente non avrà dove sbattere la testa, quando avranno esaurito tutti i gadget, tutta l’overdose di pubblicità regresso, si ricomincerà da capo. Si comincerà a dire, “cosa manca in questo giornale?, mancano le notizie, proviamo un po’ a metterle le notizie, magari ce lo comprano anche senza pubblicità il giornale in edicola con un euro”. I lettori lo farebbero, secondo me, lo farebbero senz’altro. Poi c’è questa novità della Rete e anche questa pluralità attraverso i canali televisivi satellitari. I blog e la Rete accelereranno questo processo. Io non sono pessimista, ritengo che però vivremo ancora dei momenti di imbavagliamento, di chiusura, di difficoltà, però non si può invertire il corso del fiume.»

Claudio Messora: «Ma i blog sostituiranno i giornali o i giornali integreranno i blog?»

Carlo Vulpio: «Secondo me, se le cose vanno secondo il discorso che stiamo facendo, i blog e i giornali vivranno un’idillio. I blog avranno un’ulteriore esplosione, saranno seguitissimi e diventeranno essi stessi dei giornali telematici e i giornali vivranno lo stesso, ci sarà spazio per tutti. Anzi, non può che migliorare, perché questo sarebbe uno dei veri trionfi, quando ad esempio si parla del mercato, che si regge sulla concorrenza e non sul monopolio, perché parlano di mercato e di rivoluzione liberale, guarda caso, sempre i monopolisti o gli oligopolisti. Ecco, questo, davvero virtuosamente, consentirà come pluralità di fonti espressive, di soggetti in campo, proprio una spinta in avanti, innescherà un circolo vizioso, sono sicuro che accadrà così.»

Claudio Messora: «Una domanda un po’ scomoda, che direttore è Paolo Mieli?»

Carlo Vulpio: «Paolo Mieli? Ti sorprenderò con questa risposta. E’ il più intelligente dei direttori che io abbia avuto.»

( Trascrizione a cura di Maria Cristina Crisci, Simone Cupellini, Luca V )

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

18 risposte a I comandamenti dell’informazione libera

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hanno radiato quest’uomo. Io invece lo voglio Ministro della Salute! Dario Miedico

Dario Miedico - Ministro della Salute - Play Questo è Dario Miedico, il medico radiato ieri dall'Ordine dei Medici. A questo mondo dove un Ordine farisaico, una casta medioevale si permette di radiare un uomo che parla in questo modo, io rispondo dicendo senza mezzi termini che voglio quest'uomo Ministro della Salute subito! E la Lorenzin...--> LEGGI TUTTO

Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine!

Ivan Cavicci vs Virologo Pregliasco Ordine dei Medici Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine. Il filosofo dell'Università Tor Vergata Ivan Cavicchi affronta il virologo Fabrizio Pregliasco. Il secondo è l'emblema dell'atteggiamento dei cosiddetti gran sacerdoti della scienza (anche in senso posturale, durante il confronto, fateci caso), verso il buon senso...--> LEGGI TUTTO

Cari M5S, uscite dall’angolo sui vaccini e menateje duro!

GRILLO LORENZIN VACCINIFinalmente Beppe Grillo comincia a contrattaccare sulla vergognosa strumentalizzazione delle questione vaccini ad opera del Pd farmaceutico nei confronti del MoVimento 5 Stelle. "L’oggetto della delinquenziale banda di medici, professori, lobbisti e amministratori delegati, sono le persone malate e la terapia del dolore, fare test di validazione...--> LEGGI TUTTO

Adesso vogliono privatizzare anche la Rai? Magari la diamo a Soros?

Fazio GentiloniLo ha appena detto il conduttore Fabio Fazio, riferendosi alla Rai: «ci sono Paesi che hanno dismesso o venduto le reti. Non è detto che l’assetto attuale sia quello giusto. Si può discutere, ma per farlo bisogna essere in buona fede». Cos'è.. adesso...--> LEGGI TUTTO

Stefano Montanari: “Non vogliono il confronto perché li terrorizza”.

Stefano Montanaririceviamo e pubblichiamo la lettera di Stefano Montanari al blog. di Stefano Montanari direttore scientifico di Nanodiagnostics Caro Claudio, Ho ascoltato con molto interesse il tuo intervento in cui chiami in causa il prof. Burioni. È evidente che tu Burioni non lo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>