Attenti a quel geologo!

Pubblico un’intervista a Piero Farabollini, vice-Presidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche, che chiarisce alcuni aspetti poco investigati sulla ricostruzione nei territori colpiti dal sisma.

Claudio Messora: «Piero Farabollini, dell’Università di Camerino, in provincia di Macerata. Vice-Presidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche. Geologo a sua volta. Sei qui per raccontarci che cosa?»

Piero Farabollini: «Del terremoto si dice sempre che è impossibile da prevedere. Però quelle aree che possono generare terremoti, tra cui le faglie sismo-genetiche e così via, orma sono conosciute, classificate, etichettate, comunque anche sulla base dei terremoti cui hanno dato luogo nel passato. Sono state mappate, riportate su delle carte di dettaglio. Nella fattispecie, per quanto riguarda il terremoto aquilano, nel 1995-96-97, attraverso un progetto d’ambito nazionale,  si è realzzata una cartografia geologica alla scala 10.000 che poi è stata trasferita alla scala 50.000, di dettaglio del territorio. Sicuramente non è esaustiva per la conoscenza del territorio, ma è una base di partenza molto importante, molto più aggiornata rispetto alla vecchie carte del 1955. Di queste carte per esempio non se ne conosceva l’esistenza, o comunque ne è stata ignorata l’esistenza. Queste carte cercavano di evidenziare i vari depositi che caratterizzavano la conca dell’Aterno. Allora le faglie si conoscono. In parte, i depositi si conoscono. Si conosce una realtà geologica con un dettaglio buono o molto buono.»

Claudio Messora: «E ciononostante i geologi non vengono consultati prima di concedere i terreni edificabili ai costruttori…»

Piero Farabollini: «In sostanza è questo. Molto spesso si consultano magari queste carte che seppur molto buone non sono esaustive del territorio, soprattutto perchè rilevamenti effettuati a quella scala non sono mai rilevamenti mirati alla piccola area che poi viene interessata dalla successiva edificazione. In quel caso sarebbe opportuno procedere con indagini più specifiche e più dettagliate, per confermare, per avvalorare, o al limite anche per modificare quello che magari le vecchie carta riportano, in scala più generica. La normativa stessa richiede che per qualsiasi opera di utilizzo del territorio che vada a interferire con il sottosuolo ci sia appunto una relazione geoloica.»

Claudio Messora: «Questo avviene?»

Piero Farabollini: «Io… spero di sì! Sia come ordine professionale che come ricercatore universitario. Però succede che in molti casi ci si affida alle conoscenze pregresse, perchè ovviamente determinate indagini sono costose, perchè magari richiedono un’attrezzatura molto più particolare, perchè magari sono realtà morfologiche, litologiche difficili da attraversare con le tecniche di indagine…»

Claudio Messora: «…perchè siamo in Italia!»

Piero Farabollini: «Perchè siamo in Italia.» [ride]

Claudio Messora: «Nella ricostruzione attuale di L’Aquila e delle altre aree colpite dal terrmoto, che tu sappia, c’è stata una consultazione con i massimi esperti di Geologia, oppure è un aspetto ancora poco chiaro?»

Piero Farabollini: «Sicuramente è un aspetto poco chiaro, o comunque poco conosciuto e divulgato, perchè quello che è passato attraverso l’informazione è soltanto la volontà di ricostruire, ma non si è parlato mai di geologia del territorio. Cioè non si è parlato appunto di quelle indagini che sono necessarie anche per individuare le aree su cui mettere temporaneamente, per esempio, le strutture insediative per togliere le persone dalle tendopoli. Anche in quella fase sarebbe necessario…»

Claudio Messora: «…i famosi quindicimila alloggi temporanei?»

Piero Farabollini: «Esattamente. I famosi quindicimila alloggi temporanei che comunque avrebbero necessità se non altro di sapere su che cosa si va a costruire. Della conca dell’Aterno si è detto di tutto. Si è detto anche che gli spessori dei sedimenti sono risolvibili in pochi metri, per cui la situazione è anche più facile di quanto si possa pensare, ma non è così! Tant’è vero che vi è un diffuso danneggiamento anche delle nuove strutture, perchè ci sono delle località dove ci sono edifici ancora in costruzione estremamente danneggiati o inutilizzabili. Questo evidenzia che, nella buona fede di chi ha realizzato l’edificio, ovviamente ci sia anche una carenza delle conoscenze geologiche del territorio, o comunque della possibilità che questi territori possano generare la cosiddetta amplificazione del segnale sismico, per cui vi è un effetto di danneggiamento maggiore rispetto a quello che sarebbe avvenuto dove c’è un terreno privo di problematiche.»

Claudio Messora: «Ma è stata fatta una classificazione del territorio in base al rischio sismico?»

Piero Farabollini: «L’INGV, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, presieduto da Enzo Boschi, da anni lavora in questo senso, proprio nella mappatura delle faglie e nella caratterizzazione dal punto di vista del potenziale sismico. Tant’è vero che sia con il terremoto Umbria-Marche, che con il terremoto di San Giuliano di Puglia, è stato riclassificato il territorio nazionale. L’ordinanza 3274 del Consiglio dei Ministri riclassificava il territorio nazionale. Il potenziale sismico è conosciuto, perchè l’area aquilana ha dato terremoti storici: si conoscono almeno due eventi sicuri, del  1374 – o qualcosa del genere – e quello del 1703, che hanno generato terremoti analoghi come magnitudo a quella attuale. Eppure il territorio di L’Aquila era considerato di seconda categoria, e non di prima categoria come sarebbe stato necessario. Forse perchè vi è un aspetto prettamente scientifico, per cui c’è una classificazione sismica che si basa su dati scientifici, raccolti sul campo, presi dall’osservazione dei terremoti, presi da studi storici, che da un’idea poi di quelle che sono le aree dove appunto le faglie sono in grado di dare terremoti di una certa magnitudo, ma poi l’Italia è suddivisa in territori comunali, territori provinciali e territori regionali

Claudio Messora: «Ma è il sindaco del comune che poi accetta questa classificazione o meno.»

Piero Farabollini: «Sì, esattamente, perchè il sindaco ovviamente dovrebbe tener conto di alcune informazioni che derivano appunto da un organo che è preposto alla valutazione del potenziale sismico, l’INGV, che aveva classificato l’Aquila come un territorio a massima pericolosità, mentre è stata recepita come un territorio di seconda categoria, per cui non la massima pericolosità ma una pericolosità media

Claudio Messora: «Quali sono le conseguenze, i vantaggi o gli svantaggi, per un’amministrazione comunale di essere classificata come un territorio ad altissimo rischio sismico piuttosto che a rischio medio?»

Piero Farabollini: «Beh, infatti, questo è proprio il lato effettivamente pratico della questione. In queste situazioni è ovvio che la diversa classificazione del territorio sismico comporta anche diverse norme e regole nell’edificato. E’ ovvio che se un edificio deve resistere a un terremoto con magnitudo pari a 6 piuttosto che a un terremoto con magnitudo pari a 4 o 4 e mezzo, cambia molto. Cambia la struttura dell’edificato, nell’elevato dell’edificato…»

Claudio Messora: «Quindi meno probabilità di concedere i terreni per l’edificazione, più perizie da dover svolgere con aggravio di costi…»

Piero Farabollini: «Sicuramente aggravio di costi, perchè la normativa comunque prevede che uno studio geologico a monte ci sia sempre, Quello studio geologico ti permette di dire che quel terreno è in grado di sopportare una sollecitazione pari a tot, piuttosto che una sollecitazione moltoi più forte che comporta una struttura molto più solida, per cui molto più costosa

[IL RESTO DELLA TRASCRIZIONE DEL VIDEO, CHE CONTIENE IL RESTO DELL’INTERVISTA, SARA’ PUBBLICATO A BREVE]
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Attenti a quel geologo!

  • 4
    Guastatore1986
    Claudio, Con questa intervista, mi viene in mente la Notizia Succulenta che mi sono lasciato sfuggire e che ho menzionato su Facebook
  • 3
    tejal
    ottimo intervento, l’ho subito segnalato sul sito on line del paese dove vivo, visto che è a rischio sismico 2. Fatto che negli ultimi anni, ha comunque permesso ai vari sindaci di non opporsi ad un intenso e poco oculato sorgere di ville, villette e palazzine.
    Grazie
  • 2
    luigi
    Osservo un certo comportamento dissociato, le scienza ufficiale se dice che Giuliani è un farlocco, mente per sporchi interessi e ci si immagina complotti orditi dall’arconte berluska, se invece afferma il contrario è credibilissima…
  • 1
    gallucpa

    … CIAO byoblu, 1) la legge italiana non prevede l’indagine geologica, L’INDAGINE GEOLOGICA E’ OBBLIGATORIA PER LE COSTRUZIONI E LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE …. 2) LE RELAZIONI GEOLOGICHE E QUINDI I GEOLOGI SONO SEMPRE AMBIGUE/I, NON HO MAI AVUTO NOTIZIA DI RELAZIONI CHE AFFERMASSERO L’IMPOSSIBILITA’ DI COSTRUIRE, …, ASPETTO PROVE CONTRARIE ….! L’ORDINE DEI GEOLOGI CONOSCE QUESTA SITUAZIONE! 3) … LA BUONA FEDE NON CENTRA NIENTE CON LE RELAZIONI GEOLOGICHE,LA RELAZIONE GEOLOGICA IN GENERALE SI COMPONE DI UNA SERIE DI INDAGINI CHE VARIANO COME METODO E NUMERO CHE , MOLTO SPESSO, VENGONO CALCOLATI … COME CONVIENE … A SECONDA DEL GUADAGNO DI TUTTE LE PARTI, DAL COMMITTENTE AL PROGETTISTA, ALLA DITTA CHE COSTRUISCE, AL GEOLOGO CHE REDIGE LA RELAZIONE, AL LABORATORIO GEOTECNICO CHE ESEGUE LE ANALISI, … . L’ORDINE DEI GEOLOGI CONOSCE QUESTA SITUAZIONE! byoblu … è una storiaccia, in Italia in generale, ma nel meridione soprattutto si rasenta la follia, e lo sanno tutti gli addetti ai lavori ….! se viaggi lungo costa, tanto per fare un esempio, osservi le costruzioni fatte a settanta-novanta centimetri sul livello del mare, secondo te è sicuro? Alla prossima intervista chiedilo a un Geol…. . sempre lungo costa le case costruite sotto le falesie sono sicure? una autostrada che serpeggia lungo costa a trenta metri di distanza dalla battigia e in mezzo … ci sono anche le case … sicura? zona Flegrea nord di Napoli, Pozzuoli … qualcuno pensa davvero che quelle case siano sicure … sai quante relazioni … . cito intorno al Vesuvio … SANTO PLINIO … l’ospedale in zona … pericolosissima … mi viene da ridere, quasi non ci credo IL GEOLOGO CHE HA FATTO LA RELAZIONE HA MAI SEGUITO UN CORSO … da diplomatico …? Si! ponte STRETTO MESSINA … dove sono pubblicati i lavori di dettaglio per delle aree dove verrà poggiato? aspetto con …. desiderio dati bibliografici. i viadotti con le … zampe storte … forse i geologi non sapevano che sotto c’era una graziosa argilletta o un gentile deposito di detrito del secolo scorso … storiella Due Paleontologi hanno saputo che, in un cantiere dove si stava costruendo un palazzetto dello sport, erano stati fatti una trentina di carotaggi continui profondi una trentina di metri l’uno. … e vai … dati a tempesta sul sottosuolo andiamo a guardare … 88IISerie … arrivano sul posto … parlano con il capo cantiere che conoscevano… gentilissimo … gli indica i contenitori dei campioni e gli consegna anche una copia della planimetria della zona con l’ubicazione dei trenta carotaggi …… eccezionale si può ricostruire il sottosuolo di un’area estesissima … e vai … non è tutto il capo cantiere gli dice che il giorno dopo gli avrebbe dato una altra planimetria con altri carotaggi … i due paleontologi stanno per arrivare alla commozione …. . Si avvicinano alle cassette portacampioni … sono circa una ventina (!!!!?) … in ognuna ci sono conservati circa sette metri di carota (?????)…. il capo cantiere dice che effettivamente erano un pò pochini … perché sicuramente erano sta portati in un deposito per conservarli …. ma di non preoccuparsi perche il giorno dopo il direttore dei lavori ci avrebbe sicuramente indicato dove trovarli …..???????? … . MAH ?????. Il giorno successivo il capo cantiere dice ai Due Paleontologi che la seconda planimetria con gli altri pozzi non era riuscito a procurarla … . Il direttore dei lavori concede ai Due Paleontologi udienza davanti ad un panorama stupendo … una mega colata di calcestruzzo eseguita da un’orchestra di una decina di betoniere … i Due Paleontologi sono ormai al delirio …, il direttore dei lavori afferma che ha sovraddimensionato la struttura … fortuna che ci siano gli ingegneri … perche i geologi non capiscono un c**zo … si … disse proprio così. Quindi voltandosi verso i Due Paleontologi … disse: voi siete geologi? Il più vecchio Paleontologo ormai aveva lo sguardo fisso nel vuoto … negli ultimi quindici minuti si era beccato a raffica circa quindici ictus, la media di uno al minuto, e la temperatura non aiutava … 40°… . Il più giovane, … ugualmente provato, con uno sguardo che esprimeva … assenza dal mondo reale … rispose : … noo, noi geologi? NO, noi siamo paleontologi! Lo studio su quell’area si interruppe, i Due Paleontologi andarono a ri-cercare … in altri … lidi. Piero Farabollini – Geologo – queste cose le conosce, ha un bel curriculum… non dovrebbe essere diplomatico.ciao luca.

    • 1.1
      tottina55
      a proposito….è finito il G8 e si ricomincia a ballare…e pure in "crescendo"! Notizie dal Guru?
  • 0
    alessandro coltri
    un intervento molto azzeccato.
    Comunque personalmente non credo molto nei metodi usati, in particolare del carotaggio, infatti se io faccio un carotaggio e non riesco a scendere, non sempre c’è roccia infatti potrebbe trattarsi di un terreno, con alcuni grossi sassi , quindi il dubbio mi rimane, pultroppo poi spesso si risolve il tutto con una nuova tassa da pagare senza aver fatto nessun carotaggio ne controllo, naturalmente parlo di casi che conosco.Inoltre in un paese dove ho abitato per più di 20 anni. cavaion veronese in prov. di vr, in più di un’occasione al momento di fare le fondazioni, in particolare di un albergo, di un discount e di varie abitazioni private. si è trovata una sorgente di acqua e durante tutti i lavori c’erano pompe che andavano giorno e notte, non mi sembra che l’acqua faccia bene alla stabilità degli edifici, a zevio sempre in provincia di vr, un mio zio mi diceche una volta si tenevano distanti dal fiume adige e anche casa sua in caso di violenti temporali h agli scantinati con le pompe sommerse che funzionano e negli ultimi anni hanno costruito sempre più vicino al fiume…vince sempre la speculazione sulla sicurezza, sempreil problema credo che sia sempre nelle responsabilità:se chi sbagliasse pagasse con anni di galera, a san giuliano si è trovato un colpevole o è stato il caso, il fato, i terremoti ci sono sempre stati…anche l’etna è pericoloso ma si costruisce sulle pendici…catastrofe annunciata anche questa?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>