La bambola assassina

Usano la rete e credono che sia un giocattolo. Ma se fosse un giocattolo, per loro sarebbe la bambola assassina. Con il suo piccolo bisturi li fa a minuscole fettine, li disseziona alla ricerca delle più piccole imperfezioni. A dire la verità qui sarebbe bastato un machete, tanto la pantomima è grossolana.
Non poteva sfuggire ad un nodo operoso della rete, Gianni Smarrelli, segretario di Pescara in Comune by Amici di Beppe Grillo. Ecco come, grazie ad internet, i cittadini dormienti possono risvegliarsi, e contagiare con prove ed evidenze i loro amici.

LA SPALLA DEL COMICO

Ogni comico ha bisogno di una spalla. Ogni Bat-man di un Robin. Ogni Ollio di uno Stanlio. Ogni Don Camillo di un Peppone. Ma fanno sempre parte dello stesso gioco, della stessa recita, dello stesso palcoscenico. Oggi l’ennesima prova di questa farsa bipartisan che è la finta diatriba PDL-PDmenoELLE sul Decreto Intercettazioni. Ecco alcune dichiarazioni provenienti dal PD sul decreto appena votato in senato.

Paolo Gentiloni (Pd): Il governo protegge la privacy di pochi. «Con questo ddl la scelta proposta è tra la protezione della privacy di pochi e quella della sicurezza di tutti: noi scegliamo la seconda opzione e votiamo no». Così Paolo Gentiloni (Pd) nella sua dichiarazione di voto. «Con questo testo – ha spiegato – c’è la rinuncia sostanziale allo strumento più efficace per fare indagini. Non si potranno usare le intercettazioni quando servono e si potranno usare quando non serviranno. Quanti trafficanti, assassini e pedofili resteranno a piede libero dopo questo voto? Da ora sarà più difficile salvare vite umane, ed il Paese abbassa la guardia in materia di sicurezza». E questo, ha puntualizzato Gentiloni, solo per garantire la privacy degli inquilini delle stanze del potere e anche delle stanze di qualche villa».
[Fonte: www.ilsole24ore.com]

Anna Finocchiaro (Pd): «Anche oggi Berlusconi nasconde dietro tante parole di propaganda pericolosi annunci sulla giustizia e sulle intercettazioni. […] Sulle intercettazioni, al di là delle ovvie considerazioni sulla privacy, tempi e modi non ci convincono. Quando si arriva agli indizi di colpevolezza l’indagine è già finita. E sinceramente le intercettazioni, che hanno permesso di individuare tantissimi reati, diventano inutili.»
[Fonte: www.asca.it]

Dario Franceschini (Pd): «Per combattere la criminalita’ le intercettazioni sono uno strumento irrinunciabile.»
[Fonte: Yahoo Notizie]

Lanfranco Tenaglia (Pd): «Mettete al primo punto dei lavori d’aula le intercettazioni. E sapete perché? Perché per voi l’unica vera e assoluta priorità sono gli affari del premier». Tenaglia boccia senza appello il provvedimento sul quale il governo ha posto la questione di fiducia e ricorda che se fosse già diventato legge questo testo «non si sarebbero potute fare infinite indagini a cominciare da quelle sullo stupro della Caffarella. Questo è il peggiore dei testi possibili.»
[Fonte: www.ilmattino.it]

BUFFONI!!!

Ecco cosa c’è scritto, TESTUALMENTE, nel programma elettorale del PD per le scorse elezioni politiche, al punto 4.b:

 b) Intercettazioni sì, violazione dei diritti individuali no.
Lo strumento delle intercettazioni di comunicazioni telefoniche, informatiche e telematiche è essenziale al fine di contrastare la criminalità organizzata ed assicurare alla giustizia chi compie i delitti di maggiore allarme sociale, quali la pedofilia e la corruzione. Bisogna conciliare tali finalità con diritti fondamentali come quello all’informazione e quelli alla riservatezza e alla tutela della persona.
Il divieto assoluto di pubblicazione di tutta la documentazione relativa alle intercettazioni e delle richieste e delle ordinanze emesse in materia di misura cautelare fino al termine dell’udienza preliminare, e delle indagini, serve a tutelare i diritti fondamentali del cittadino e le stesse indagini, che risultano spesso compromesse dalla divulgazione indebita di atti processuali. E’ necessario individuare nel Pubblico Ministero il responsabile della custodia degli atti, ridurre drasticamente il numero dei centri di ascolto e determinare sanzioni penali e amministrative molto più severe delle attuali, per renderle tali da essere un’efficace deterrenza alla violazione di diritti costituzionalmente tutelati.”

Tradotto in lingua corrente significa che sì, le intercettazioni sono state uno strumento indispensabile per la giustizia, SINORA. Ma che oggi ci sono altri diritti da tutelare, quelli della privacy dei cittadini. Di quali cittadini? Di quelli intercettati, cioè quelli che sono sospettati di non essere stinchi di santi. E che spesso poi si scopre che non lo sono. Pertanto, continuando a tradurre, si rendono necessarie le misure di riduzione drastica dell’impiego delle intercettazioni e sanzioni per chi le pubblichi e le utilizzi. Un capolavoro di paraculaggine, nel perfetto stile “ma anche” di Walterloo Veltroni.

Complimenti ai cervelli dell’attuale opposizione.
Per quanto vi riteniate assolti, siete per sempre coinvolti.

SEGNALAZIONI


 Salve, chiedo gentilmente se puoi mandare un appello ai tuoi sostenitori per dare un sostegno alle famiglie e ai marittimi rapiti in Somalia. Questo gruppo non ha fini politici, ma vuole soltanto dare sostegno alle famiglie dei marittimi coinvolti.
Mio padre per pura fortuna non si è trovato sul rimorchiatore: ci sarebbe stato pure lui se non si fosse sentito male qualche giorno prima della partenza dal porto di Singapore.
Se raggiungiamo un numero sufficiente di persone vorrei fare una petizione da sottoporre all’attenzione del ministro Frattini e anche alla Farnesina. Colgo l’occasione per ringraziarti davvero di cuore! 

Distinti saluti
http://www.facebook.com/group.php?gid=92943171315&ref=mf

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

18 risposte a La bambola assassina

  • 9.1
    Stefano Bellini
     ATTENZIONE: SEGUE FANTAPOLITICA
     
    1) Al referendum elettorale vincono i SI;
    2) Il PDL, essendo l’attuale Parlamento eletto con il Porcellum, chiede e ottiene lo scioglimento delle Camere elezioni anticipate;
    3) Elezioni politiche con la legge riformata dal referendum: vince il PDL con 32% ed ottiene la maggioranza assoluta in Parlamento.
     
    UN GOLPE A NORMA DI LEGGE.
     
    Attuali posizioni sul referendum dei partiti politici presenti in parlamento:
     
    Per l’astensione: LEGA e IDV;
    Libertà di coscienza/Sì: PDL;
    Si: PD.
    MA SECONDO TE E’ NORMALE??????
     
    Stefano Bellini
     
     
  • 8
    Loris147
    Ciao Claudio,
     
     
    Sono convinto che se una persona è pulita, delle intercetazioni non li frega nulla (questo il mio parere)
     
     
    Quindi ben vengano le intercettazioni,ma che siano usate veramente per ripulire il più possibile dal marciumeche abbiamo.
     
     
    Sono un Italiano, ma indignato di avere un governo e una classe politica così …
     
     
    Saluti.
     
    Loris V.
     
     
  • 7
    Caro Claudio,
     
    ecco come la vedo io sul piano della sistematica delle regole del diritto, sempre che io le abiia ben comprese.
    Innanzitutto mi sembra opportuno premettere che a molti sembrerà ovvia, ma che ad altri non lo è, vale adire che il tema della intercettazioni è un tema sensibile e delicato in cui la scelta perfetta non è possibile. Detto in parole povere, non è possibile salvare capra e cavoli. Si impone una decisione, la perdita o il sacrificio di qualcosa delle parti in gioco per salvaguardare ciò che nel complesso è più imporatante.
    Per volerla trattare per un un attimo in maniera ingenua (cercando, cosa molto difficile, di dimenticarmi di ciò che avviene oggi in Italia dove governa imperdonabilmente una persona in manifesto conflitto di interessi), ci sono due diritti contrapposti: uno alla privacy, l’altro all’informazione e da questa alla possibilità di formarsi una opinione basta su fatti, criticamente attrezzata.
    Come spesso si fa in diritto in queste occasioni, si deve operare un bilanciamento.
    Il peggiore bilanciamento possibile è quello di mettere alla stessa altezza i valori in gioco: 50% e 50%. Preimpostati. Salomonicamente.
    2 esempi estremi per rendere l’idea:
    – se l’informazione che ci troviamo a valutare è di tipo esclusivamente pruriginoso, gli si dà peso tendente a 0. In questo caso la privacy ha tutto il diritto di esplicarsi e prevalere, per mancanza di cause giustificatrici di affievolimento;
    – se dall’informazione derivano fatti pubblicamente valutabili come importanti politicamente rilevanti, o peggio, penalmente rilevanti, la comunità ha tutto il diritto di conoscerli per potersi tutelare. Ciò è maggiormente vero in presenza di un rapporto impari di potere rispetto a persone che rivesto cariche e mandati pubblici (che a mio avviso, molto giustamente Grillo qualifica come dipendenti degli amministrati). In tal senso al potere conferito al politico corrisponde SEMPRE, per definizione, un contrappeso, e cioè il potere di controllo da parte dell’amministrato sul politico e pene aumentate per il politico. Ciò si basa elementarmente, per ciò che ho capito, sulla concezione (storicamente ed empiricamente fondata) della maggior tendenza a delinquere di chi ha il potere.
    Perciò concluderei che il contratto di mandato pubblico, dovrebbe prevedere in linea di massima, un considerevole affievolimento del diritto alla privacy per chi esercita tale mandato.
    Infatti mi oppongo in linea di principio a chi mi chiede, nel conferirgli poteri in nome e/o per conto mio, di credergli sulla parola: con rispetto parlando per chiunque assumesse tale potere, non rinuncerei mai a controllarne l’operato, ed anzi tale rinuncia sarebbe per me totalmente inconcepibile.
    Un saluto,
    Claudio S.
     
  • 6
    Superkon
    certo  ragazzi non te ne fovrebbe fregare nulla XD
    ma se chiama l’amante(viene intercetato)
    poi  si scoccia e pretende milioni dallo stato xp<—- però secondo me è questo che vogliono raggiungere e spero non lo facciano….se la gente vota si, vi do una grande stretta di mano a tutti voi, prendo le valige e  me ne vado in un posto migliore sperando che muoia prima che  pure quello  diventi  una discarica
     
     
    si vive nelle mani  di peccatori quelli  che vogliono fare quello   che non sanno fare, ma lo fanno  solamente per  loro ripicchae arroganza , come i vip credo che i politici non centrino niente  nel loro impiego(pochi sono degni) il resto sarebbe da licenziare
     
    il voto non ci mostra affatto  la loro competenza prima di farli diventare politici dovrebbero sgobbare con impieghi pre-governativi u.u
    lo dimostra il fatto che  ci deludono con affermazioni e azioni come in questo post rigorosamente   scritto da byoblu
     
    se io ho studiato in un mese   riuscendo quasi a raggiungere la promozione, perchè loro non possono farlo   salvando l’italia? u.u
     
     
  • 5
    Secondo me questa è mistificazione. Va di moda sputare fango sul PD e voi vi adeguate al coro, facendo il gioco del PDL che vuole proprio che il PD venga screditato.
    E’ evidente e palese che le idee tra PD e PDL sono diverse: nel programma del PD si dice espressamente (ma forse sono rimasto il solo a saper "tradurre in lingua corrente"?) che NON VOGLIONO VIETARE LE INTERCETTAZIONI E IL LORO UTILIZZO ma solo LA PUBBLICAZIONE SUI GIORNALI. Il che è MOLTO DIVERSO da quello che hanno fatto i signori della destra, che invece hanno vietato l’utilizzo delle intercettazioni stesse.
    Insomma, siete i soliti qualunquisti. ma almeno siete abbastanza onesti da citare le fonti per cui gridate "BUFFONI!", e quindi mi date la possibilità di sbugiardarvi direttamente, senza neanche dover mettere link esterni…
    il vostro grido ve lo rigiro: Buffoni voi!, che non siete neanche capaci di leggere un programma del PD dove si dice espressamente
    "divieto assoluto di pubblicazione … fino al termine dell’udienza preliminare" e non affatto "divieto di intercettare".
    L’autore di questo pezzo è un qualunquista, e mi sono sinceramente stufato di questo qualunquismo, è colpa vostra se Berlusconi vince sempre.
    • 5.1
      Gaetano Fiaccola
      i "centri di ascolto" da ridurre non sono quelli dei giudici che intercettano ma dei giornalisti che "intercettano" le trascrizioni di informazioni secretate e poi le pubblicano.
      In pratica, il pezzo di programma citato dice
      – "Lo strumento delle intercettazioni … è essenziale"
      – "Il divieto di pubblicazione tutela le stesse indagini, che risultano spesso compromesse dalla divulgazione indebita di atti processuali"
      – "Il Pubblico Ministero è responsabile della custodia degli atti" [cioè è sua responsabilità non far trapelare le registrazioni delle intercettazioni]
      – "ridurre drasticamente il numero dei centri di ascolto" [cioè le "fonti anonime" di tanti giornali]
      – "determinare sanzioni molto più severe [per chi pubblica] per renderle un’efficace deterrente"
       
      non capisco come si può stravolgere le cose fino a insinuare che questo è uguale a quello scempio di legge che ha fatto la destra tutt’altro-che-moderata al governo.
       
      A questo però ci tengo a precisare una cosa: neanche a me piaceva quel programma. Era una accozzaglia di frasi contraddittorie messe lì per accontentare contemporaneamente persone "ex PCI" e teodem "ex DC" tipo Bobba e Binetti. Era il Veltroni-pensiero che sinceramente era da abbandonare, perché tenere il piede in due scarpe vuol dire non avere un’idea unica e chiara su niente. Ma credo anche che in questi mesi siano stati fatti parecchi importanti passi avanti in questo senso… Credo in sostanza che il PD stia faticosamente già uscendo da quel "limbo" senza opinioni in cui è nato… piano piano si costruisce un’identità.
       
      Questa volta mi sono impuntato non tanto per una questione "di parte"; ma semplicemente perché leggendo il passo citato non mi sembrava affatto così immediato trarne le stesse conclusioni dell’autore, per questo ho ritenuto doveroso dire la mia.
      (Un grosso Grazie a chi ha letto tutto il commento fino a qui :)
       
      Ciao
    • 5.2
      Giacomo
      ridurre drasticamente il numero dei centri di ascolto
       
      Allora spiegaci cosa vorrebbe dire questa frase?
       
       
       
  • 4
    Stefano Bellini
     Ciao Claudio,
     
    anche se concordo sul fatto che tra PDL e PD esiste una "farsa bipartisan" (basti pensare alla posizione presa dal PD nel Referendum Elettorale…) non posso certo condividere la chiave di lettura data all’articolo del programma elettorale del Partito Democratico. Spiego perché.
     
    Innanzitutto bisogna precisare una cosa: il nostro processo penale è di tipo accusatorio. La PROVA si forma in dibattimento, mentre il Pubblico Ministero e la Polizia Giudiziaria ricercano e raccolgono FONTI DI PROVA, finalizzate a dimostrare la COLPEVOLEZZA (talvolta anche l’innocenza) dell’indagato. Questa premessa è fondamentale per capire che:
     
    1) se, come prevede il nuovo DDL, si subordina la possibilità di intercettare all’esistenza di "elementi di colpevolezza", l’intercettazione diventa solo una conferma di una situazione già accertata. Dunque se ne snaturano le finalità. Se poi pensiamo anche ai limiti di materia e temporali introdotti, si può legittimamente sospettare un tentativo di privare la magistratura di uno strumento che si è dimostrato in passato determinante, se non vitale, per le indagini;
     
    2) la pubblicazione di una FONTE DI PROVA prima del termine delle indagini preliminari è contraria allo spirito stesso del nostro procedimento penale, che vuole l’imputato giudicato in dibattimento dal giudice e non sui giornali dall’opinione pubblica. In Italia esiste il "malcostume" di pubblicare le fonti di prova (stralci di intercettazioni, copie di decreti e di verbali) prima del dibattimento: dico "malcostume" non nell’ottica della privacy dell’indagato ma in quella del buon andamento del processo.
     
    Ma tra il MALCOSTUME e il REATO passa un oceano: prevedere il divieto di pubblicazione e sanzioni penali è una misura sicuramente eccessiva.
     
    Io ritengo che il programma elettorale del PD percepisce il descritto malcostume e, individuando il PM come il responsabile della custodia degli atti, auspica sanzioni penali e amministrative verso coloro i quali infrangono questa regola di custodia (esempio pratico: l’ufficiale di PG, che intercetta, fotocopia una trascrizione di una telefonata e la da al giornalista senza il nullaosta del magistrato). Questa centralità del ruolo del magistrato è importante: a mio parere il magistrato dovrebbe avere una ampia discrezionalità nel dare pubblicità a quelle indagini in corso su reati i cui effetti costituisco un immediato pericolo sociale. Si pensi indagini su omicidi seriali, pizzo, prodotti pericolosi, farmaci killer, truffe, operazioni commerciali o finanziarie nocive e tanti altri. Non si può certo anteporre la riservatezza dell’indagato al perpetuarsi degli effetti del crimine con pericolo o danno per la comunità: sarebbe inaccettabile.
     
    Tutto questo sul piano del diritto. Altra valutazione è quella sul piano politico: il fatto che PDL e PD sposino la stessa causa avversa alla pubblicazione delle intercettazioni è da ricondurre non certo alla sopravvenuta urgenza di tutela della privacy dei cittadini, quanto al fatto che le recenti pubblicazioni di intercettazioni telefoniche hanno dimostrato agli italiani la consistenza della classe dirigente degli attuali maggiori partiti di governo e opposizione. Ed è sintomatica della incapacità dei partiti di affrontare una seria "questione morale": è più facile tappare la bocca alla stampa che non essere onesti e non dare motivo per farsi intercettare. E se si dispone per il futuro è perché si teme la pubblicazione di nuove intercettazioni che potrebbero influire negativamente sull’opinione pubblica.
     
    Aggiungo un’ultima cosa: per quanto non esista un vincolo di mandato tra elettore ed eletto, concordo con Claudio S. sul fatto che chi si propone alla dirigenza del paese non possa lamentare l’affievolirsi del proprio diritto alla privacy, specie se fa una eccessiva commistione tra il proprio incarico pubblico e la propria vita privata (tipo "Mens nana in corpore nano" il quale svolge a Villa Certosa i compiti che dovrebbe svolgere a Palazzo Chigi).
     
    Stefano Bellini
     
    • 4.1
      Caro Stefano,
      complimenti per il tuo complimento.
      In particolare ritengo fondamentale il tuo chiarimento sull’insussistenza di vincolo di mandato nel rapporto tra e lettore ed eletto nell’esercizio della funzione di parlamentare, sulla quale concordo appieno, e il suo rango cosituzionale (art. 67).
      Ciò mi dà modo di formulare due osservazioni:
      1. se da una parte il rispetto del programma elettorale risponde ad esigenze di modernizzazione e trasparenza prettamente attinenti ad un vincolo di tipo politico-particolaristico, è vero tuttavia che, istituzionalmente ha senso che l’eletto risponda del suo operato nei confronti non solo dei propri elettori, ma anche di tutti gli altri elettori e anche di chi non ha diritti politici attivi, sulla base della capacità di realizzazione degli interessi del Paese; ciò non costituisce a mio avviso un problema insanabile in ordine alla possibile conflittualità tra vincolo di programma E tutela della totalità dei cittadini; semplicemente il bravo politico deve perseguire contemporaneamente la seconda (prima di tutto) ed il primo (residualmente);
      2. la precedente considerazione indica chiaramente che la prestazione del politico è oggettivabeile e misurabile; in definitiva, l’assenza di vincolo di mandato NON fornisce argomenti al politico per potersi schermire e nascondere dal pubblico giudizio, ma anzi, ne aggrava le responsabilità accostando, accando ai criteri forniti dal programma, tutti quelli estrapolabili della cornice di principio dell’art. 67. Cost.
       
      Un saluto,
      cs
       
  • 3
    Nulla di nuovo devo dire, ma questa è la conferma…. come ormai si dice è il PDmenoL.
     
    Ottima la citazione di DeAndrè ;)
  • 2
    Invito tutti coloro che intendono difendere la libertà di informazione a firma l’appello di Barbacetto, Corrias, Gomez, Ruotolo e Travaglio su MicroMega all’indirizzo internet
     
     
  • 1
    pilgy
    Claudio, per favore, puoi dare risalto anche tu al video sul nucleare e legambiente che è pubblicato oggi su beppegrillo.it?
    Dobbiamo far arrivare la voce a tutti.
    Per favore,
    Grazie.
     
  • 0
    Jessica
    ..sono senza parole.
    Indignazione.
  • -1
    Paolo
    io dico solo una cosa, se hai la coscenza pulita delle intercettazioni non te ne frega nulla………
  • -2
    Bel lavoro di Cultura Democratica.
    Marco
  • Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


    Non sono consentiti:
    * messaggi non inerenti al post
    * messaggi privi di indirizzo email
    * messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
    * messaggi pubblicitari
    * messaggi con linguaggio offensivo
    * messaggi che contengono turpiloquio
    * messaggi con contenuto razzista o sessista
    * messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
      (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
    * messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
    * messaggi eccessivamente lunghi
    * messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

    Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

    I Mini Blu

    La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

    Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

    Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

    M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

    Ce lo chiede Beppe

    Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

    Notizie dal web

    La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

    Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

    La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

    la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

    Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

    votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

    CURIOSITA’

    Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

    Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

    Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

    Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

    I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

    I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

    Categorie
    Le vostre email

    Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

    Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

    tasto_newsletter
    Video dal web

    Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

    Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

    Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

    Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

    Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

    Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

    Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

    Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

    La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

    la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

    Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

    Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

    Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

    Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

    Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

    Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

    Film, libri e Dvd

    Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

    Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

    Le cuffie migliori per la musica

    Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

    Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

    LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>