L’era dell’informazione di Neanderthal

 


Chi l’ha detto che in Italia la cultura non sia valorizzata? Disponiamo della rete di micromusei più diffusa e capillare del pianeta. Ogni mattina, piccoli monumenti alla storia, delle dimensioni di un chioschetto, aprono i loro cimeli allo sguardo incuriosito dei passanti, sotto la supervisione di un guardiano che all’occorrenza fa anche da cicerone. I manufatti esposti sono stupefacenti, laboriosamente realizzati con la dedizione e la meticolosità tipiche di un amanuense. Come ogni museo che si rispetti, anche qui è possibile acquistare una copia dei reperti da portare a casa e guardarsi comodamente sprofondati sul divano.
Questi piccoli monumenti a Gutenberg, come si conviene per ogni tempio della memoria dedicato a un pubblico anziano, estraneo ai clamori della contemporaneità, aprono molto presto la mattina. E’ possibile visitarli già verso le sei, quando sono disponibili gli ultimi rinvenimenti degli scavi archeologici del giorno precedente. La sovrabbondanza dei reperti disponibili, la loro sostanziale uniformità e l’apparente mancanza di qualsiasi valore letterario ed economico, che solo l’unicità e la rarità dei contenuti sanno conferire, rendono possibile e addiritura legale il mercato nero degli originali. Un pezzo viene via a prezzi stracciati. Si parte da un euro e si può arrivare ad un euro e mezzo, massimo due. Sono un po’ come le pietre raccolte sul monte Sinai, o come i frammenti del muro di Berlino. Tutti possono averne in casa qualcuno. Spesso sono addirittura finti, prodotti di contraffazione che non si distinguono dall’originale per via del fatto che esso stesso è totalmente anonimo e incolore.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Vengono mostrati ai bambini, che sgranano gli occhi  per lo stupore. Non riescono a credere che una volta l’informazione si facesse così. I genitori sorridono teneramente. Anche loro, un tempo, assistitettero all’incredula meraviglia dei loro nonni, quando Antonio Meucci inventò il telefono, abituati com’erano a scrivere lettere che per essere recapitate impiegavano mesi. Ascoltare quelle storie di ordinaria manipolazione, di censura dei fatti, di distorsione percettiva resa possibile dall’organizzazione mediatico-militare di tante piccole teocrazie prostrate innanzi alla divinità del potere, richiama alla memoria quelle storie che si insegnano al primo anno di medicina, di antichi egizi dalle progredite conoscenze che trapanavano le scatole craniche per curare il mal di testa.
Ora va’, su!“, dice il padre al figlio dopo avere fantasticato su un mondo popolato da dinosauri di carta. “Richiudi questa perfetta riproduzione di  giornale, torna su internet e dammi un’occhiata alla rassegna blog“.

Si dice che l’Uomo di Neanderthal non si sia davvero estinto. In realtà non si sa bene che fine abbia fatto. Un’ipotesi accreditata vuole che fra i 30 e i 40.000 anni fa abbia finito per essere geneticamente assorbito dall’Homo Sapiens Sapiensnoi, con l’eccezione di La Russa e Calderoli. Se avete qualche amico con la testa grossa, probabilmente è tutto ciò che resta dell’incrocio fra le due razze.
Oggi l’editoria è in via di estinzione per lo scontro con una civiltà dalla tecnologia superiore: la rete. Probabilmente anche l’Uomo di Neanderthal ha provato a ribellarsi, a promulgare la sua Dichiarazione di Amburgo per cercare di confinare il Sapiens al suo insieme ristretto di regole e convinzioni. Questo non ha fatto altro che accelerare gli effetti dello scontro a anticipare la sua caduta.

Internet non è stata inventata dal Gruppo L’Espresso o da RCS Quotidiani. Sarei curioso di chiedere a Carlo De Benedetti o a Giorgio Valerio cos’è un permalink, ma sarebbe troppo comodo per loro trovare quest’informazione su Wikipedia, gratuitamente.
Come i dinosauri hanno dominato la loro era, così loro hanno dissanguato e inaridito le loro terre fino a renderle totalmente infruttuose. Adesso vogliono invadere e conquistare nuovi territori, imponendo i loro codici e le loro usanze.

Ma non è educato. Non trovate?

INTERVENTO DI STEFANIA PACE ALLA NOTTE BIANCA
trascrizione del video allegato al post

Mi chiamo Stefania Pace, sono una cittadina di Poggio Picenze, un piccolo comune a 15 km da L’Aquila, circa 1000 abitanti, 5 morti per il terremoto del 6 aprile di cui 3 bambini. Ho raccontato i fatti che ho vissuto la tragica notte del 6 aprile in una intervista di Claudio Messora poi pubblicata sul suo blog byoblu e su youtube.
In questo video ho detto che verso mezzanotte e mezza a Paganica girava una persona della protezione civile locale che diceva a chi aveva deciso di trascorrere la notte fuori di rientrare nelle case perché non c’era nessun pericolo ma nel frattempo la prefettura veniva evacuata.
Ho raccontato delle telefonate e degli SMS che ho scambiato con Giampaolo Giuliani , il tecnico di laboratorio, dipendente dell’istituto di astrofisica di Torino che autonomamente conduce ricerche sul radon come precursore sismico. nelle ore che hanno preceduto il terremoto delle 3.32 ci siamo più volte sentiti al telefono e Giuliani mi aveva allertato con largo anticipo che ci sarebbe stata una forte scossa.
L’intervista è stata censurata da youtube per violazione della policy subito dopo la messa in onda di un servizio realizzato da chi l’ha visto il programma di raitre condotto da Federica Sciarelli… di cui parlerò dopo, quando si tentava di aprire il file appariva il messaggio: “questo video è stato rimosso a causa della violazione dei termini e condizioni d’uso”
In che modo ho violato i termini e le condizioni d’uso? Non ho offeso la morale non credo di aver offeso alcun principio religioso o fatto discriminazioni … forse ho offeso la sensibilità istituzionale, non era mia intenzione, era invece mia intenzione raccontare la verità, la mia verità su quello che ho visto e sentito prima e durante quella maledetta notte.
L’offesa alla mia dignità di cittadina invece inizia a dicembre, quando la terra comincia a tremare frequentemente e l’unico provvedimento preso è stato la disinformazione che si è servita di un efficace serpentone ipnotico che ha permesso al terremoto di entrare nella nostra quotidianità, umanizzandolo. Qualunque tentativo di cercare di capire qualcosa in più veniva interpretato come un tentativo di colpevole allarmismo.
Questa è la verità: nei giorni precedenti il sisma su tvuno, emittente aquilana, ma anche su tgr di raitre passava il serpentone: i terremoti non si possono prevedere, non c’è nessun allarme, la situazione è sotto controllo e mio figlio di 10 anni mi diceva: ma se i terremoti non si possono prevedere, come fanno a dire che non c’è pericolo…non ho saputo trovare una risposta allora e non so trovarla neppure adesso.

Finalmente il 31 marzo, dopo la scossa del giorno precedente di magnitudo 4, si riunisce a l’aquila la commissione grandi rischi e dopo una lunga estenuante e difficile discussione delibera: “La comunità scientifica conferma che non c’è pericolo, perché c’è uno scarico continuo di energia; la situazione è favorevole. Questa vicenda deve insegnare due cose: convivere con territori fatti in questo modo, cioè a rischio sismico; mantenere uno stato di attenzione, senza avere uno stato di ansia”
Andiamo per ordine, convivere con territori fatti in questo modo, cioè a rischio sismico che cosa significa? Secondo il serpentone l’unico rischio era l’allarmismo secondo me invece il rischio più grande è stato quello di non essere informati e per saper vivere serenamente in un territorio rosso sulla mappa della sismicità bisogna sapere cosa fare in caso di sisma. Per mantenere uno stato di attenzione senza trascendere nello stato d’ansia bisogna essere educati all’emergenza e soprattutto per questo occorre una corretta informazione, l’improvvisazione in questi casi, aimè non paga.
Ma dopo 5 giorni lo scarico di energia è enorme e sapete tutti quello che è successo.
Ma non tutto il male viene per nuocere…le macerie sono una ghiotta occasione per i nostri politici, un palcoscenico irrinunciabile dove potersi esibire in grandi sceneggiate, quando si ripresenterà uno scenario così? …trecento bare su cui piangere, meglio approfittare, tanto gli aquilani sono forti e gentili e anche un po’ smemorati, dimenticheranno presto tutte le dichiarazioni e i giuramenti fatti in quell’occasione.
L’informazione però ha fatto un gran bel lavoro, non si è limitata a raccontare i fatti, li ha anticipati. Per esempio la tiritera dei terremotati fieri e dignitosi, la glorificazione del carattere degli abruzzesi…non è una constatazione della realtà ma un’anticipazione di essa e un modo di indirizzarla, è un modo per dire a tutta questa gente che ha il sacrosanto diritto di lottare per il proprio futuro, non reclamate, non fate baccano, comportatevi con dignità che equivale a dire non rompete le scatole…anche se le promesse fatte non saranno mantenute.

L’attività dei media prima durante e dopo il terremoto si è sviluppata su due fronti: il primo quello classico dell’omissione, della forma di censura che tutti conosciamo, “patrimonio” che ci è stato tramandato dal ventennio fascista: un esempio eclatante di cui posso darvi testimonianza diretta è la mia esperienza ed in particolare l’atteggiamento dei giornalisti che mi hanno contattato perché ritenevano importante la mia testimonianza. Ogni richiesta di intervista era accompagnata sempre dalla stessa premessa cioè quella di dover rendere conto prima al proprio direttore e puntualmente dopo qualche giorno arrivava una telefonata imbarazzata di scuse che mi informava che per motivi non meglio specificati non era possibile fare l’intervista, un esempio per tutti il quotidiano La Stampa. La televisione poi non ha fatto di meglio, sono stata contattata dalla redazione di chi l’ha visto, sono venuti da me due giornalisti e ho rilasciato loro un’intervista di circa 40 minuti ridotta a un minuto di messa in onda ed anche in questo caso sono seguite telefonate e scuse ormai di rito, in cui con una certa frustrazione mi veniva detto che il servizio era stato rimontato per ben tre volte subendo diversi tagli altrimenti non lo avrebbero trasmesso. Un altro esempio di questo tipo di censura anche abbastanza subdolo , a mio avviso è quello che riguarda il 32enne Marco Giancarli, volontario della protezione Civile del posto, che pur avendo perso tutto si è messo al lavoro nelle tendopoli di Sassa, una località che si trova poco distante da L’Aquila, e si è suicidato i primi di giugno…ma i giornali non ne hanno parlato se non un piccolo trafiletto sulla cronaca locale de “il tempo” , lascio a voi l’interpretazione che preferite riguardo a quest’ultimo fatto.

A mio avviso esiste un altro tipo di censura, più ambigua e poco riconoscibile: la censura dell’iper informazione, quella della schizofrenia mediatica, della valanga di notizie contrastanti tra loro che hanno riempito le pagine dei quotidiani in modo da coprire, da camuffare, da nascondere i fatti e le notizie vere.
Il centro (quotidiano dell’abruzzo gruppo l’espresso) 11 giugno (subito dopo le elezioni, dalle mie parti in questi casi si dice che non hanno fatto neanche raffreddare il morto) titola Respinte dalla maggioranza anche le modifiche preannunciate da Berlusconi, Terremoto, mancano i soldi … sempre il centro 12 giugno titola: Bertolaso: ecco casa faremo “i soldi ci sono, in autunno niente più tende” . Il quotidiano riporta dichiarazioni contrastanti imboccato da chi consapevolmente le ha rilasciate…ma chi dice la verità? Berlusconi o Bertolaso? Anche questo è controllo dell’informazione.
E per finire, i nostri giornali non usano l’errata corrige.
Il mio amico Mario voleva donare il 5 per 1000 della sua dichiarazione dei redditi per la ricostruzione dopo aver letto sul corriere della sera dell’11 aprile che riportava l’annuncio roboante di tremonti : “Destinare il 5 per mille della propria Irpef ai terremotati dell’Abruzzo sarà molto semplice. Con tutta probabilità basterà indicare nella dichiarazione dei redditi un codice numerico. ..un numero d’ufficio di 11 caratteri che sarà reso noto nei prossimi giorni”.il suo commercialista però a fine maggio gli ha fatto presente che non è stato attivato nessun codice per la donazione, nessuno ha smentito la dichiarazione di tremonti
Oggi possiamo stare tutti più tranquilli, nei campeggi a 5 stelle (come li ha definiti rotondi) si sta benissimo, alcune persone della tendopoli di Pile hanno chiesto la connessione internet ma si sono sentiti rispondere: ” a cosa vi serve internet tanto avete la televisione!” Ma cosa vogliono di più gli aquilani? Saranno pure disinformati ma una vacanza così non la dimenticheranno mai! ….io invece ho cercato invano informazioni circa la possibilità di alloggiare con tutta la mia famiglia in una delle famigerate ville…almeno ci si divertiva un po’, ma niente, nessuno è stato in grado di dirmi come fare …e pensare che Berlusconi in lacrime, dopo i funerali di Stato aveva detto che avrebbe messo a disposizione le sue ville per i terremotati, sarà perché ho due figli maschi o forse perché ho superato da un pezzo i sedici anni.

APPUNTAMENTI


Martedì 4 agosto sarò ospite di “Alza la voce! Quando la notizia si fa azione.”, a Carrara.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a L’era dell’informazione di Neanderthal

  • 2
    Tendopoli all’Aquila, la testimonianza di una volontaria
     
    Una volontaria, che ha preferito rimanere anonima, ha raccontato ai microfoni di Ecoradio come si vive nel campo Globo dell’Aquila, e quello che secondo lei va e non va.
     
    "La gente si sveglia con l’inno nazionale cantato dai militari, alle 8. Poi magari ti abitui e non ti svegli neanche più. Subito dopo c’è la lotta ai bagni, e può succedere che finisce l’acqua calda".
    La domenica c’è poi un momento chiamato "la ricrescita dell’Abruzzo", con l’arrivo dei parrucchieri, che costituisce un momento di socialità per le signore.
    La fascia di persone tra i 40 e 50 anni è "quella che sta peggio – continua la volontaria – perché mentre i bambini reagiscono e i vecchi hanno una certa loro saggezza, i quarantenni si sono visti distrutto tutto ciò che avevano costruito".
    Nel campo si trovano attualmente 1.200 persone, "sono 1.200 storie diverse: alcune erano magari ricche e hanno perso quattro proprietà, c’è il signore che stava in affitto, o c’è ad esempio la sede del Centro di igiene mentale che è crollata, per cui i pazienti hanno una loro fila di tende". Realtà diverse che cercano di convivere, ma non sempre riescono a farlo bene.
    Si rischia anche di "formare una quotidianeità che non domini – sempre secondo la volontaria – perché dalla colazione alla cena tutto ti è servito".
    Ci ricorda poi come non venga più dato cioccolato e vino a mensa, e allo stesso siano vietate le assemblee non autorizzate e il volantinaggio. Questo, secondo la sua opinione, "perché altrimenti le persone rischiano di imparare ad autogestirsi, la comunicazione è difficile tra le persone, una lamentela singola la protezione civile la gestisce, una protesta comune non la regge".
     
     
  • 1
    tejal
    Grazie Claudio per aver trascritto l’intervista
    Grazie Stefania per portarci la tua verità
     
    Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
    Bertolt Brecht
     
    Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità…non andare fino in fondo, e non iniziare.
    Confucio
     
     
  • 0
    acimoto
     io amo leggere il blog di Claudio!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Ciao Salvo

Ciao Salvo Ciao Salvo, da lassù, o in qualunque altro posto tu ti trovi, adesso finalmente riuscirai a vedere ogni cosa per come davvero è....--> LEGGI TUTTO

Vaccini: perché la “scienza” va presa con le pinze – Guido Viale

Guido Viale - Vaccini - perché la scienza va presa con le pinze - Play Intervento di Guido Viale, sociologo industriale e saggista italiano, nato a Tokio. Costituzione, Comunità e Diritti - Torino, 19 novembre 2017 La mia relazione riguarda il rapporto tra vaccini, integrità e diritti della persona, visto dal punto di vista di un sociologo. Non...--> LEGGI TUTTO

Vaccini: la Corte Costituzionale boccia il ricorso della Regione Veneto

Corte Costituzionale La Corte Costituzionale boccia il ricorso della Regione Veneto sull'applicazione del Decreto Lorenzin riguardo all'obbligatorietà dei vaccini. Questo il testo diramato dall'ufficio stampa. Ufficio Stampa della Corte costituzionale Obbligo...--> LEGGI TUTTO

Vaccini: la Corte Costituzionale rinvia la sentenza sul ricorso della Regione Veneto a domattina

Vaccini Corte Costituzionale Roma Byoblu Roma - 21 settembre 2017 - Manifestazione dei Gruppi Uniti contro il Decreto Vaccini davanti alla Corte Costituzionale, in attesa della sentenza sul ricorso presentato dalla Regione Veneto. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Salvini mostra il video di Byoblu su Bukovsky ai giovani della Lega.

Salvini mostra video di Byoblu - Play Oggi Matteo Salvini ha chiuso il suo intervento alla scuola di formazione politica della Lega con il video del dissidente politico Vladimir Bukovsky, tradotto e sottotitolato da Byoblu due anni fa su questo blog. Mi fa piacere che quel video, illuminante e anticipatorio dei gulag intellettuali...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>