Il Delitto Mediatico

C’è un governo. Un governo guidato da un Presidente che ha fondato un movimento politico negli anni ’90, e che da allora detiene più o meno continuativamente il potere. Un governo che controlla cinque canali televisivi, privando nel contempo della concessione delle frequenze una televisione che ne aveva pieno diritto.

Questo governo ha appena presentato una proposta di legge che non ha nessun riscontro nella storia dei paesi democratici. Istituisce un nuovo reato: il delitto mediatico. Quattro anni di prigione per chiunque divulghi informazioni false, manipolate o deformate. Quattro anni di galera per quanti manipolano le notizie allo scopo di trasmettere una falsa percezione dei fatti. A stabilire se l’informazione sarà corretta o tendenziosa, legittima o manipolata; a decidere come dovranno essere letti i fatti per non essere considerati deformati sarà il governo stesso. Un fatto sarà originato da chi, in seguito, avrà anche il potere di stabilirne la corretta interpretazione. E’ l’istituzionalizzazione della censura.

Un’ultima cosa… Il governo di cui stiamo parlando non è l’Italia ma il Venezuela, e il Presidente in questione non è Silvio Berlusconi ma Hugo Chavez. Ma se il dubbio vi è venuto, allora significa che ci stiamo pericolosamente assuefacendo al peggio.

La proposta di legge sul Delitto Mediatico viene dal Procuratore Generale del Governo Luisa Ortega, dopo soli sei giorni dal suo insediamento all’Assemblea nazionale per la Massima Autorità del Ministero Pubblico, l’istituzione che in Venezuela si fa garante della legalità. Un termine, quest’ultimo, che non racchiude in sé alcuna implicita eticità, perché se il corpus giuridico di cui si fa garante è stato promulgato in difesa di uno stato di regime, allora legalità significa tutto ciò che è negli interessi di pochi a scapito di quelli dei più. Il lodo Alfano – che lodo non è -, per esempio è una cosa legale, ma incostituzionale. Così come talvolta perfino l’assenza di una norma, come quella del conflitto di interessi, rende legale ciò che è profondamente contrario agli interessi della comunità.

Ora, in Venezuela, un PM e un giudice decideranno se una notizia sarà stata data con un taglio corretto oppure tendenzioso. Nel secondo caso, si apriranno le porte del carcere. La marcia di Chavez sugli organi di informazione era in atto da tempo ed era culminata con l’oscuramento di RCTV, il canale televisivo con oltre cinquant’anni di trasmissioni alle spalle. Nel 2007 non è stata rinnovata la concessione delle frequenze, che sono state assegnate alla nuova rete pubblica governativa: TEVES, Televisora Venezolana Social.
Noi, almeno in questo, siamo all’avanguardia: abbiamo lasciato che Francesco Di Stefano vincesse le frequenze per Europa7. Certo, perché siamo un paese democratico, cosa che ci impone delle regole. Ovvero non tanto che la censura vada evitata, ma per esempio che vada abilmente dissimulata. Tuttavia le frequenze non gliele abbiamo mai date. Esattamente come Chavez, e molto prima di lui, abbiamo voluto garantire alla nostra Televisora Venezolana Social – Rete4 – di continuare indisturbata a fare propaganda di regime, insieme agli altri canali governativi che in Venezuela si chiamano Venezolana de Televisión, ANTV, Vive, Telesur e appunto Televisora Venezolana Social, mentre da noi rispondono al nome di RaiUno, RaiDue, Rete4, Canale5 e Italia1. Da loro, come da noi, un po’ di opposizione si riesce appena a fare via satellite.

Ora, con l’istituzione del Delitto Mediatico, Chavez potrebbe mettere definitivamente il guinzaglio a chiunque la pensi diversamente da lui. D’Alia, Gabriella Carlucci ed altri teorici della fine della rete sono in trepidante attesa. Ci hanno provato, qui da noi, eccome se ci hanno provato! Non è escluso che lo stesso Chavez si sia ispirato all’emendamento D’Alia, che intendeva chiudere siti web a colpi di machete su indicazione dello stesso governo per la sola ipotesi di apologia di reato.

Io, se fossi in loro, una telefonata a Luisa Ortega gliela farei. Potrebbe avere consigli preziosi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

66 risposte a Il Delitto Mediatico

  • 37
    karmen
    … Obama si ritiene contrario ai blog promuovendo una campagna a favore delle testate gionalistiche in grave crisi… attuerà un piano di "salvataggio" simile a quando furono aiutate le società di capitale al tempo dei subprime (Lehman Brothers   esclusa)…
     
     
  • 36
    Ho appena visto il video e mi sono cadute le braccia.

     
    Il testo del reato di "delitto mediatico" che il governo venezuelano vuole introdurre non è nulla di così eccezionale. Anzi, è molto simile a quelli esistenti in Italia e in Europa. Perché anche nel nostro paese, come in quasi tutto il mondo, è reato diffondere "notizie false e tendenziose". Anche il "procurato allarme" è punito piuttosto severamente dalla nostra legislazione. Non capisco perché il Venezuela non possa dotarsi di strumenti legislativi simili.
     
    A decidere se i fatti riferiti sono falsi NON sarà certo il governo (!), ma la giustizia ordinaria.
     
    Inoltre in Venezuela la stragrande  maggioranza dei mezzi di comunicazione è in mano di poche grandi gruppi finanziari legati all’opposizione, che sistematicamente diffondono disinformazione. Alcuni di questi gruppi mediatici (come rctv e globovision)  hanno avuto addirittura un ruolo importante nel tentato golpe del 2002, organizzato insieme a settori dell’esercito e dell’oligarchia.
     
    RCTV non è stata "oscurata", tant’è che continua a trasmettere liberamente i suoi quizshow, le sue  donnine svestite e le fiction (www.rctv.net). Semplicemente lo fa via satellite e via cavo da quando sono scadute le concessioni. E il fatto che continua a trasmettere dimostra che il Venezuela è più che permissivo. In Europa una televisione che organizzasse un colpo di stato sarebbe stata chiusa senza se e senza ma.
     
    In ultimo, il  fatto che nel video chiami Hugo Chavez "Hugo Sanchez"  è di per sé eloquente.
    Ciao
     
     
  • 35
    mat
    Mi sono legato alla sedia, ho resistito ed ho visto questi tre video fino alla fine.
    Manteniamo la memoria allenata e vigile, nella nostra vecchiaia, se ci arriveremo, ne avremo di cose da raccontare.
     
     
     
    Ogni tempo ha la sua propaganda dipendentemente dalla raffinatezza culturale delle menti da scardinare.
    Guardate questi altri video (ma ce ne sono a iosa in rete) e pensate alle menti semplici di allora, contadine e operaie plasmate dalla propaganda per seguire i leader fino a sacrificare i propri figli:
     
     
     
    Paragonando i tempi, secondo me non c’è nessuna differenza.
     
    Ah si, pensandoci una differenza c’è:
    Hitler ha fatto 20 milioni di morti, Stalin ha fatto 50 milioni di morti, Silvio farà 60 milioni di morti di fame.
     
     
    Berlusconi e la sua cricca usano attacchi di memetica virale per infettare più menti possibili.
    Difendetevi! Informatevi sulla memetica e sulle tecniche di resistenza e vincerete qualsiasi attacco.
     
    Iniziate da qui:
     
     
    "L’intelligenza è utile per la sopravvivenza se ci permette di estinguere una cattiva idea prima che la cattiva idea estingua noi"
    Karl Popper
     
«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>