Non vi possono uccidere tutti

  Paolo Borsellino aveva un’agenda. Rossa. Quelli che lo hanno fatto saltare in aria, l’hanno fatta sparire. Dentro, probabilmente c’era scritto tutto. Annotazioni meticolose sugli incontri, sulle soffiate, sulle trattative che lo stato portava avanti con la mafia. Anzi no, non lo stato: uomini dello stato. Singoli individui pagati per rappresentare e tutelare i nostri interessi. Corrotti, collusi o semplicemente impauriti.

 La mafia non è uno stato, non ha frontiere né palazzi istituzionali. La mafia è un sistema, un approccio, un modo di pensare. Chi ha rapporti con la mafia, è a sua volta mafioso perché, relazionandosi con essa, ne accetta implicitamente il sistema. Chi porta avanti una trattativa con la mafia, è mafioso. Chi lascia che in lui prevalga la viltà, adottando il sistema – mafioso – dell’omertà, è un mafioso. Chi sapeva e ha taciuto, chi ha detto e poi ha ritrattato, chi ha mentito negando ogni evidenza è mafioso come quello che, da Castello Utveggio, ha messo il dito sul detonatore. Ai bambini cattivi la befana porta il carbone. Ai più grandicelli, se non fanno i compiti, il sistema mafioso porta il tritolo. 100Kg, per l’esattezza. E cosa volete, non ci stavano in una calza, l’unica era infilarli in una Fiat 126.

Ce la prendiamo con i politici: governo ladro! Ma un politico non nasce come i funghi di notte. Un politico emerge dal tessuto sociale. Se il tessuto sociale è malato, opportunista, indifferente, creerà le condizioni perché emergano politici che lo rappresentano degnamente, manderà nelle istituzioni chi fa del compromesso il suo stile di vita, chi meglio si destreggia nell’arte del do ut des, chi ha preso voti proprio per avere dimostrato di essere il peggiore. La democrazia è come la tecnologia atomica: non è buona o cattiva in sé, dipende dall’uso che se ne fa. Quale uso ne abbiamo fatto? Abbiamo lasciato che per trent’anni un burattinaio ci ubriacasse con i suoi spettacolini da sagra paesana. L’abbiamo lasciato combinare affari loschi, con soldi di dubbia provenienza, mentre ci lustravamo gli occhi con il culo delle veline. Abbiamo permesso che portasse a compimento il suo piano, nonostante fosse ormai stato scoperto fin dal 1981, e quando Antonio Di Pietro ha levato di mezzo la prima repubblica, abbiamo permesso che usasse showgirl, cabarettisti e presentatori per vincere le elezioni, dopo essersi impadronito della Mondadori mediante corruzione, e de Il Giornale cacciando di fatto Montanelli.

Abbiamo messo a dirigere il paese uno che aveva rapporti con la mafia, che ospitava un mafioso a casa sua e ricapitalizzava le sue aziende con soldi di dubbia provenienza mafiosa. Di cosa ci si stupisce? L’editore più liberale della storia, quello che poco prima di scendere in campo disse alla redazione di Montanelli “d’ora in poi qui si fa la politica della mia politica“, quello che mandò Biagi, Santoro e Luttazzi a spalare neve in Siberia, quello che è talmente liberale da avere comprato tutto, di modo che l’unica libertà rimasta fosse la sua, questo capitalista chesièfattodasolo, casualmente figlio di un funzionario di Banca Rasini, la banca della mafia, la banca di Bernardo Provenzano, di Totò Riina, di Pippo Calò, …la banca di Silvio Berlusconi. Se la mafia è un sistema, quale sistema è più sistema di questo?

Paolo Borsellino non era parte del sistema, e quando tutto intorno a te è sistema, non puoi che restare solo. Lui restò solo, insieme alla sua agenda rossa. Bastava farli sparire entrambi. La rete, oggi, forse lo avrebbe salvato. Se Borsellino avesse avuto un laptop e una chiavetta per collegarsi ad internet, allora avrebbe potuto criptare le informazioni preziose contenute nella sua agenda e tenerle sincronizzate con uno o più dischi virtuali sparsi per il mondo, depositando codici e password di accesso in qualche cassetta di sicurezza nota esclusivamente ad amici e professionisti fidati. La rete avrebbe reso inutile l’omicidio di Paolo Borsellino e il furto dell’agenda rossa, perché i dati sarebbero saltati fuori lo stesso, e i mandanti della strage sarebbero emersi così come i moventi e i nomi di chi portava avanti la Trattativa con i mafiosi, essendo di conseguenza mafioso a sua volta.

Impariamo a distribuire la conoscenza e assicuriamoci che qualcun’altro, in circostanze eccezionali, possa ricostruire tutte le informazioni di cui siamo in possesso. Non possono mica uccidere tutti, e quindi finiranno per non uccidere più nessuno.


APPUNTAMENTI:

L'informazione e il web 2.0: il caso Giuliani  Lunedì 12 ottobre 2009
Giulianova Dalle 10.30 alle 12.30, Università degli Studi di Teramo, Facolta di Scienze Politiche, C. di Laurea Sc. Turismo e Sport.
Via Gramsci – Giulianova (TE)
L’informazione e il web 2.0: il caso Giuliani
.Il gruppo facebook: L’informazione e il web 2.0

Gioacchino Genchi Byoblu Claudio Messora  Sabato 17 ottobre 2009
   Fano Alle 18:00, appuntamento in viale Cairoli, 52, zona Lido, con Claudio Messora e Gioacchino Genchi per un convegno sul tema delle stragi, da quelle mafiose a quelle del terremoto, e sul tema dell’informazione.Il gruppo facebook: Io sto con Genchi
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

14 risposte a Non vi possono uccidere tutti

  • 3
    giunano

    Mi permetto di aggiungere ancora una nota,Berluskaz dice di avere una
    aderenza popolare del 68%,ora come ben noto gli itaglioti si informano attraverso la televisione.Ciò vuole dire RAI 1eCANALE 5,l'80%vede esclusivamente questi notiziari,ciò nonostante un 12% non lo apprezza comunque.Questo ce la dice grossa.

  • 2
    Helene

    Stiamo tutti prendendo la sana abitudine di dire esattamente come stanno le cose… Ricordo che i primi tempi, quando per esempio scrivevo sul mio stato che Dell’Utri era un mafioso o Berlusconi era un mafioso, la gente si scandalizzava, mi dicevano che non dovevo dirlo in quel modo, che non stava bene… e invece è proprio questo quello che bisogna fare!!!

    Mi piace!!!!

    Bravooooo, sempreeee!!!

     

  • 1
    thebigbug

    Devo dire che è il più bel post che ho letto sul tuo blog.
    Coerente, logico, crudo e lucido.
    Mette in luce, se ce ne fosse bisogno, i ruoli di ciascuno in questo mondo corrotto e corruttibile.
    Complimenti Claudio

    Roberto

  • 0
    Giulio74

    Pesante……veramente pesante!!!!
    Questa è roba da denuncia!!!!!!!
    Mi fa drizzare i capelli per quello che leggo.
    Poi si parla di libertà di informazione.
    Qui si vuole la libertà di offendere e impiccare il prossimo.
    Si vuole togliere di mezzo chi è scomodo a una fascia politica.
    E' questa la dittatura!!!!!
    Che ipocrisia. Non ho parole!!!!!
    Qui si da del mafioso pluriomicida senza prove al nostro presidente del consiglio della nostra republica italiana eletto dal popolo. Da noi!!!!
    Dato che questa non è libertà di informazione ma tuttaltro io spero che queste manifestazioni di odio vengano punite e prese per quello che sono.
    Diffamare, offendere e incolpare publicamente un altra persona senza prove è reato ed è giusto che sia tale.

    • 0.1
      pierluigi

      Leggero…..veramente leggero!!!!
      Questa è roba autentica!!!!!
      Mi fà ondulare i capelli per quello che leggo.
      Sì! Parliamo di libertà d’informazione.
      Qui non si vuole offendere o impiccare il prossimo, si vuole solo avere la libertà di capire.
      Prima lo togliamo di mezzo, meglio staremo noi ed anche tu (se non sei un compare).
      E’ vera democrazia!!!!
      La tua è vera ipocrisia. Non ho parole!!!!!
      Se leggi un po’ di più, di prove ne trovi a iosa. La TV fà male alla testa! Speriamo che si riesca a processarlo, almeno per “parcheggio in doppia fila”, perchè è il vostro presidente del consiglio, eletto dal suo popolo. Non da noi!!!
      Proprio perchè questa è libertà dinformazione, probabilmente saremo puniti.
      Diffamare, offendere e incolpare publicamente un altra persona senza prove è reato ed è giusto che sia tale.
      Giustissimo!!! Peccato che dimentichi CHE LE PROVE CI SONO!!

    • 0.2
      ark

      prove. questo sta ancora a cercare le prove. gli atti giudiziari delle procure di milano e roma, le varie sentenze "castrate", le testimonianze dei pentiti… ah, ma probabilmente sei certo che la giustizia sia gestita dalle toghe rosse, i giornali in mano alla sinistra. forse hai ancora gli occhi troppo impegnati a guarda il c**o secco delle veline piuttosto che vede le prove.

    • 0.3
      brgegio

      smettiamola con questa storia tecnicament falsa (e che solo una maniata di ignoranti si possono sorbire) che il "premier" e' eletto dal popolo italiano.

      1) Nessun articolo della costituzione richiede l'elezione diretta del premier.

      2) Tant'e' vero che non c'e' neanche bisogno che il premier sia eletto al
      parlamento.

      3) Il potenziale premier riceve incarico dal Presidente della Repubblica di formare un governo – il Presidente della Repubblica non e' vincolato nella sua scelta, se non dalla probabilita' che la persona da lui/lei indicata riesca a…

      4) ….ottenere i consensi dei prendenti voto in parlamento al voto di conferma del Governo.

      Il Premier non e' "eletto" piu' di quanto non lo sia il Presidente della Repubblica, che e' a sua volta scelto dal Parlamento.

      Ora, non entrando nel merito della bonta' di tale sistema….faccio una preghiera a Berlusconi (e mi riferisco a lui solo perche' fa uso costante di questa falsita' giuridica) e tutti gli altri ingoranti che ripetono cio' che sentono senza avere la minima idea di cio' che dicono: SMETTETELA DI DIRE CHE IL PREMIER E' L'UNICA CARICA LEGITTIMA DELLO STATO PERCHE' E' ELETTO DAL POPOLO!

      RIPETO, NON VOLENDO ENTRARE NEL MERITO DEI VOSTRI CONVICIMENTI POLITICI (gia' queste due ultime parole messe insieme dovrebbero far riflettere chi ha un minimo di materia grigia…come si fa ad avere "CONVICIMENTI", tantomeno "POLITICI", quando NON SI SA RIMAN' SCHIAR' JUORN'), ALMENO NON STRAVOLGETE LA REALTA' DEI FATTI CHE SONO FACILMENTE CONSTATABILI….basta leggersela una volta la Costituzione (non e' una lettura pesante, tutt'altro, e farebbe bene a tutti) per sapere che questa del premier eletto dagli italiani e' una falsita' giuridica!

  • -1
    Francy

    http://www.repubblica.it/2009/10/sezioni/tecnologia/censura-web/censura-web/censura-web.html

    coraggioso il tuo titolo, ti ammiro
    però vedi all'epoca di internet ancora si può soggiogare un intero popolo, vasto di gran lunga più dell'italia
    e inoltre c'è da ricordarsi che il web aiuta noi, ma aiuta anche loro

    non serve il papello se anche difronte alla realtà, gli italioti non cambiano… siamo ancora troppo pochi, disorganizzati, frantumati, sparsi qua e là, a litigare in chi ci rappresenta, a non trovare un accordo
    pochi, disorganizzati, senza leader e con l'anarchia non si arriva da nessuna parte
    è vero da qualche parte bisognerà pur cominciare, dopo la spazzatura, solo che non trovo dov'è la "qualche parte"

    • -1.1
      Singsonghio

      ….L'@narchia…..potrebbe  essere quella  "qualche parte"…….
      A  parte  la  parte, Francy…Eliminando  tutte  quelle  che  non si sta….
      Puoi trovare  quella  che  ci  va…E  quelle  che  non si  sta  sono  chiare  ed  evidenti…O No ?

  • -2
    FALSO70

    Salve a tutti,
    mi sono appena iscritto e voglio dire la mia sulla questione. Ho smesso di credere e di combattere per la politica da qualche anno. Da allora le idee mi si sono schiarite pian piano. Un tempo votavo Berlusconi e mi sono anche candidato per Lui. Oggi la penso come Claudio. Credo che per vederci chiaro bisogna uscire dalla nebbia di una certa politica e diventare semplicemente cittadini. In merito all'eliminazione di Silvio credo che noi italiani non siamo abbastanza maturi per farlo…. però magari possiamo sperare in Cosa Nostra!! se queste riflessioni rendessero il premier scomodo anche a loro??? Chissà cosa potrebbe accadere……………..

  • -3
    Guastatore1986

    Questa storia qua mi fa venire in mente il Videogioco “Mafia” In cui interpreti un cosiddetto “Picciotto” nell’America degli anni 1930. è Vero: se la Rete fosse esistita 10 anni fa, a quest’ora un sacco di Mafiosi sarebbero in Gabbia, Compreso Berlusconi. Berlusconi non solo ci ha distratto con le Veline, ma anche con gli unici Cartoni animati Giapponesi decenti in circolazione!!!!

  • -4
    Redscorpion

    Lo votano perchè credono alle sue parole,alle sue grida di complotto,dicono che "se davvero fosse colpevole perchè non lo processano?"…credono più alla tv che ai video su utube,dicono che i video possono essere montature…ci sono persone vicino a me che lo hanno votato,e credono alle sue parole,alle sue grida di persecuzione giudiziaria…io rispondo così…

    "Dopo aver scritto assieme a Elio Veltri il libro L'odore dei soldi era stato citato in giudizio da Silvio Berlusconi per diffamazione; il tribunale civile ha stabilito che il libro non è diffamatorio ed ha condannato Berlusconi a pagare le spese processuali."
    …e sottolineo IL LIBRO NON é DIFFAMATORIO!

  • -5

    Quell'agenda rossa se fosse finita in mani "pulite" forse avrebbe cambiato in positivo la storia italiana degli ultimi 15 anni. Una cosa però non mi torna, perchè nonostante le prescrizioni i proscioglimenti ci sono persone che credono ancora a Berlusconi. Sono tutti criminali o sono tutti plagiati?

    • -5.1
      Jako

      Gli italiani continuano a votarlo credo per due principali motivi: il primo è che il centro sx in questi ultimissimi anni non ha fatto altro che far scatenare lotte intestine all'interno della coalizione guidata da Prodi: la caduta del suo governo ha contribuito a dare alla sinistra un'immagine di inaffidabilità, debolezza. L'altro motivo, forse ancora più importante di questo, è che a moltissimi italiani non glie ne frega una mazza di tutte le cose che ha combinato e continuerà a combinare Berlusconi e quindi un pò plagiati anche dall'informazione che gira in questo periodo un pò dal menefreghismo continuano a votarlo PER INERZIA.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>