Fede vuole chiudere Facebook

 

Il 78% degli italiani vuole chiudere la rete. Cioè… non la rete: Facebook e “quei siti di Facebook“.

Lo dice uno dei più autorevoli sondaggisti del momento: Emilio Fede, su un campione di 2600 telefonate giunte in seguito alla domanda “FACEBOOK? RISPONDI: SI o NO“. Una domanda chiara, inequivoca, tesa ad evitare ogni possibile ambiguità. Ora è chiaro dove prende i sondaggi Silvio Berlusconi, quando dice che il suo consenso personale è al 73%. E’ Fede che lancia la grafica: “BERLUSCONI? RISPONDI: DENTRO o FUORI?“. E 73 italiani su cento ovviamente rispondono dentro.

Storie di ordinaria manipolazione. Così come il montaggio delle interviste, articolato nel seguente modo.

Giornalista: “Tempo al giorno dedicato a Facebook?
Ragazzina 1
: “3 ore la sera
Ragazzina 2: “3 ore al giorno
Giornalista: “Quanti anni hai?
Ragazzina 3: “14
Ragazzina 4: “Un’oretta e mezza, anche se mia madre è spesso lì, lei vuole vedere cosa faccio“.
Giornalista: “Perché lo ritiene pericoloso?“.  [N.d.R.: accosta il concetto di pericolosità a facebook, drogando implicitamente  la risposta] Ragazzina 4: “Sì. Pensa che possano infiltrarsi persone che possano essere pericolose“.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Mamma 1: “Permette a persone che non conosci bene di entrare nella tua vita. Di vedere le tue foto, di vedere chi sono i tuoi amici” [N.d.R.: No, lo permette solo a quelli cui lo consenti. Facebook ha tutti gli strumenti per tutelare la privacy e per decidere chi esattamente può vedere cosa. Se poi ne fai un uso più libertino, autorizzando tutto e tutti, sei tu che lo permetti, non facebook. Ma questo la giornalista non lo dice. Forse non lo sa. Anzi, probabilmente. O magari deve confezionare un bell’abitino su misura.]

Giornalista: “Lei riesce a controllare suo figlio quando va su Facebook?” [N.d.R.: suggerisce implicitamente nella domanda la necessità di un controllo, data per scontata, inquinando in questo modo la risposta della mamma] Mamma 1: “Assolutamente no“. [N.d.R.: L’espressione perentoria contrabbanda il concetto che non vi sia nessuna possibilità di controllo sul fenomeno] Mamma 2: “Si iscrive chiunque, girano filmati, comunque sia, dalla pornografia, comunque scene anche violente che loro si guardano” [N.d.R.: La signora è contrariata dal fatto che possa iscriversi chiunque. Forse vorrebbe che la rete fosse riservata ad una ristretta élite. Subito dopo viene accostato a facebook il richiamo alla pornografia (per fortuna nessuno ha evocato l’immarcescibile spauracchio della pedofilia). Incorrere in immagini pornografiche, in rete, può accadere ovunque, ma non è una peculiarità di Facebook: in linea teorica può sfuggire ma personalmente non mi è  MAI capitato. In ogni caso, almeno resta possibile applicare criteri di privacy. In televisione, invece, basta fare un po’ di zapping per vedere cose sulle quali non si ha alcun controllo, compreso il telegiornale di Fede. Per quanto riguarda le scene violente, vale analogo discorso. Con l’aggravante che la maggior parte di queste sono contenute nei film trasmessi dalla televisione che passano con nonchalance alle 21, in piena fascia protetta.] Mamma 3: “Pericoloso perché ci si possono infiltrare delle persone adulte che hanno cattive intenzioni, che sfruttano questo strumento per poter agganciare i ragazzini” [N.d.R.: Come non detto: ecco l’immarcescibile spauracchio della pedofilia. Può succedere, certo. Come al bar, come fuori dalla scuola, come alla fermata dell’autobus, come accadeva una volta con il fermoposta… Non è una peculiarità di Facebook. In ogni caso, anche qui, basta autorizzare solo i propri amici reali, o coloro dei quali si può risalire con certezza all’effettiva identità. Nella vita reale questo invece non è possibile, quindi potremmo dire che paradossalmente esiste maggiore controllo su Facebook che non quando mandiamo nostra figlia a comprare il latte]

A questo punto l’ignoranza telematica di Emilio Fede si sprigiona in tutta la sua magnificenza. Sentite quante assurde sconcezze, che deformano e plagiano l’opnione pubblica di massaie e canute nonnine, riesce ad inanellare in una manciata di secondi.

Emilio Fede: “E’ un dramma vero, autentico. Al di là che milioni di italiani sono presi da una sorta di PARANOIA… Sentiamo la POLIZIA POSTALE, l’organo che più degli altri dovrebbe intervenire. Ovviamente le difficoltà per poter CHIUDERE UN SITO sono tantissime, ma QUALCOSA BISOGNA FARE E SUBITO.

Quindi per Emilio Fede chi è iscritto a Facebook e lo usa per restare in contatto con amici e conoscenti, oppure lo usa per scambiarsi informazioni in tempo reale – quelle che sul suo telegiornale non trovano spazio – è un paranoico. Poi paragona il più grosso social network del momento, ospitato da centinaia di server distribuiti e privo di contenuti propri, se non quelli pubblicati dagli utenti in quello che potremmo definire il più grosso flusso mediatico condiviso che la rete abbia mai conosciuto, a un sito. Che va chiuso. Perché è evidente che qualcosa bisogna fare e subito. Anche gli italiani avrebbero dovuto fare qualcosa con il tuo telegiornale, Fede, abusivo in quanto trasmette su frequenze prive di concessione governativa. E la pornografia dell’informazione cui si assiste nei servizi e negli editoriali del TG4 è la migliore in circolazione.

A dare spessore al tono del servizio ci pensa un’intervista alla polizia postale, nel quale un funzionario afferma: “Sono sempre più frequenti gli spazi virtuali che si trovano in rete, vuoi i blog, vuoi i forum, vuoi i social network, in cui le persone possono essere attaccate in beni fondamentali quali la reputazione e l’onore. Sicuramente Facebook è il social network più diffuso in Italia, quindi automaticamente si concentrano in questo la maggior parte delle situazioni“.

Il funzionario non fa riferimento né alla pornografia né alla pedofilia, bensì a problematiche più legate all’informazione, quali l’offesa alla reputazione e all’onorabilità, tematiche in voga per la questione delle diffamazioni a mezzo internet. Per di più, come è naturale l’accento viene poi spostato dalla presunta centralità di Facebook nella rete ad un ruolo di attore comprimario, al pari dei blog e dei forum di discussione. Poi viene il bello, perché i toni e gli accenti fuori misura usati dal TG4 per demonizzare facebook si rivelano dalle contraddizioni che inevitabilmente emergono nel servizio stesso. Ogni mese, sarebbero più di cento le segnalazioni di molestie che pervengono alla polizia postale. Più di cento… Caspita. Se il premier confonde i milioni con i miliardi di euro, Fede ha decisamente parecchie difficoltà con le proporzioni. Sono milioni e milioni gli italiani iscritti a Facebook. Ogni giorno una mole impressionante di comunicazioni, presumibilmente almeno qualche decina di milioni, transita sui profili, nei gruppi, tra i commenti e nei messaggi di posta privata. In questo contesto, cento denunce per molestia al mese, con la certezza quasi granitica che il dato si riferisse al complessivo di internet e non al solo social network, sono una quantità talmente insignificante da far pervenire alla conclusione che sia molto più sicuro far iscrivere i propri figli a Facebook che mandarli in discoteca o a scuola.

Poi il gran finale. Non si capisce bene con chi ce l’abbia, ma Fede cerca di caricare l’audience: “BISOGNA FARLO. BISOGNA FARLO ASSOLUTAMENTE. BISOGNA TENTARE DI PRENDERLO CON LE MANI DEL SACCO.. QUEI DELINQUENTI… SONO AUTENTICI DELINQUENTI… QUELLI CHE PROPONGONO, RIPETO… CI SONO SITI NEI QUALI SI DICE IL NOME DI UNA PERSONA… DICE: UCCIDIAMOLO“.

Sono basito. Emilio, hai bisogno di un’iniezione di Valium. Va bene giocare sporco, va bene tirare l’acqua al tuo mulino, va bene manipolare, distorcere, deformare, strumentalizzare, negare l’evidenza ed altre arti nelle quali indubitabilmente eccelli, ma qui emergono con chiarezza i sintomi del disagio psicologico prima ancora che fisico. Non c’è nessuna lucidità, nessun rapporto di consequenzialità logica fra le premesse e le conclusioni, nessun soggetto. E’ un’accozzaglia di populismo demagogico, di luoghi comuni, un taglia e cuci di nonsense. A chi ti riferisci? Di cosa parli? Emilio, te lo ricordi almeno come ti chiami? Te lo dico io: ti chiami Emilio Fede. Stai calmo, va tutto bene… Ora ti porto un calmante.

Dopo avere fatto questo po’ po’ di premesse, attenendosi scrupolosamente a tutte le regole che i promotori di un’indagine devono rispettare per non influenzare le risposte, parte il sondaggio: “Facebook? Rispondete: SI o NO?”. Lui lo spiega, cosa vuol dire: “potete intervenire dicendo sì o no all’intervento subito rigoroso contro Facebook e in generale“. Chiaro, no? Parliamo di Facebook… e parliamo anche in generale. E vuol dire no, mentre no significa inequivocabilmente . Non c’è alcun dubbio su questo. Ma poi del resto le parole contan poco, quello che conta è la grafica a video. E la grafica parla chiaro.

E infatti il 78% dice sì’. Non fa niente che probabilmente stia dicendo: “Facebook? Sì“. L’importante è poter affermare che il 78% degli italiani vuole chiudere Facebook eingenerale. Cioè l’Italia in massa vuole chiudere la rete.

Proviamo a rifare il sondaggio. Rifacciamolo come si deve.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

69 risposte a Fede vuole chiudere Facebook

  • 48
    ant1988

    E già…questo sì che è un giornalista….come no…così lo potrei fare pure io..

  • 47
    Elios

    Pensa che solo nel tuo blog, caro Claudio, già vedo che in circa 1800 persone abbiamo votato quasi all’unanimità l’opposto del “sondaggio” fatto da Emilio Fede. Figurarsi se votassimo tutti noi italiani, io credo che si supererebbe tranquillamente il 90%.

  • 46
    Elios

    Pensa che solo nel tuo blog, caro Claudio, già vedo che in circa 1800 persone abbiamo votato quasi all’unanimità l’opposto del “sondaggio” fatto da Emilio Fede. Figurarsi se votassimo tutti noi italiani, io credo che si supererebbe tranquillamente il 90%.

  • 45
    Elios

    Pensa che solo nel tuo blog, caro Claudio, già vedo che in circa 1800 persone abbiamo votato quasi all’unanimità l’opposto del “sondaggio” fatto da Emilio Fede. Figurarsi se votassimo tutti noi italiani, io credo che si supererebbe tranquillamente il 90%.

  • 44
    Singsonghio

    Le Parole sono armi  a double taglio

    Emilio Fede…E’ un dramma vero, autentico…..Al di là che milioni di italiani sono presi da una sorta di PARANOIA….BERLUSCONIBISOGNA TENTARE DI PRENDERLI CON LE MANI DEL SACCO.. QUEI DELINQUENTI… SONO AUTENTICI DELINQUENTI… UN’’offesa alla reputazione e all’onorabilità,DICO: UCCIDIAMOLI.?

     …QUALCOSA BISOGNA FARE E SUBITO.”http://www.facebook.com/profile.php?id=1410258353&ref=name#/event.php?eid=295429635596&ref=mf

               Buon Proseguimento

                                       

  • 43
    granduca60

    Due parole: Fede Ammazzati!!!!!!

  • 42
    Redscorpion

    EHI,avevo lasciato un commento ieri!..che fine ha fatto??..spariscono anche quì???

  • 41
    myers

    Fede per una volta nella vita sei il mio idolo, fogliamo di mezzo face……………!!!!

  • 40
    Redscorpion

    Ah,no…eccoli per fortuna…oggi sta succedendo un casino su internet…

  • 39
    El Diablo

    Ohhh Emilio Fido, ma va a cagare!

  • 38

    Io proprio non concepisco queste cose, mi fanno solo venir voglia di andarmene da questo paese ormai diventato mercé dei palazzinari!

    • 38.1
      Singsonghio

      Ma no , resta.!!!

       Il “Fido” sta  solo  lavorando per il padrone….leccando.

      E un difetto  che hanno in tanti…e  non  solo in  Italia. Ciao

       

  • 37
    spazzola

    Ormai alle st****te di emilio ci crede solo lui. A pardon, anche quei poveri idioti che vedono il suo telegiornale, tramite il decoder si intende. Dico io spendere i soldi per il decoder per vedere emilio? Altro che l’ultima follia di mel brooks

  • 36
    Guastatore1986

    Questa qua di Fede è soltanto una mossa da Lecchino per chiudere l’ultimo baluardo d’informazione Libera (insieme a “Il Fatto Quotidiano”, l’unico cartaceo). Su Facebook mi sono iscritto per esprimere le mie opinioni a te e Di Pietro e ho come amici quelli che mi sono fatto nella vita (e nemici) insieme a quelli che mi sono fatto su internet. L’unica Libertà di Facebook che uso è soltanto quella di mostrare il mio numero telefonico per la ricerca di lavoro e le persone che ho fotografato nei vari concerti e altri eventi tra cui il Lucca Comics and Games.

  • 35
    Dom78

    fede sei ridicolo…non sai neanche di cosa stai parlando!!

  • 34
    Guastatore1986

     Byo, Questa cosa qua, mi puzza soltanto come un classico attacco da parte di Berlusconi e dei suoi scagnozzi per Boicottare la Rete! Io non sono contro Facebook! Anzi è uno dei modi per chiederti delle opinioni!!!!

  • 33
    Roberto Fanti

    Per prima cosa, Emilio Fede non è capace di parlare.

    Secondo, potrebbe anche essere più neutrale quando parla di qualcosa, non come se Facebook fosse un luogo di disadattati pronti a torturare i nuovi arrivati.

    Qualcuno mi parla di Second Life che è tramontato, non è vero, solo perchè non se ne parla in televisione non vuol dire che è sparito.Funziona esattamente come prima di essere presentato in televisione come “novità”, ci sono persone, ci si diverte, lo si può trattare come un gioco, come svago dopo lavoro oppure lo si può trattare come momento di creatività.

    Allora parliamo di WoW,anche li allora è pieno di loschi individui,però nessuno ne parla e quindi è ovvio che se in televisione non si accenna che esiste WoW la gente non lo conosce e non lo usa nessuno.

    Il sondaggio era chiaro però: Facebook? Si o No? la maggioranza ha detto Si, e quindi la gente lo vuole, è stato Emilio Fede che ha ribaltato i voti continuando ad affermare la sua tesi.

  • 32
    Anonimo

    Partito da un’idea geniale, post assolutamente di parte: ergo non autorevole per un’oggettiva analisi.

    Peccato, davvero… :/

    • 32.1

      Non c’è nessuna idea geniale iniziale, così come il post non è di parte, se non dalla parte del buon senso, a meno che, certo, quello di Fede non ti sembri un telegiornale.

      A me sembra che quello poco autorevole sia tu. Del resto, difficile essere “autorevoli” mascherandosi dietro un nome “Anonimo”.

  • 31
    Lillà

    Non so di quand’è questa puntata del Tg4, ma se è recente come penso Fede stava solo anticipando l’articolo de “Il Giornale”, in cui si parla di uno del PD che ha messo, nella propria pagina di Facebook, la frase “Ma santo cielo, possibile che nessuno sia in grado di ficcare una pallottola in testa a Berlusconi?”.

    Spero che non si attacchino a questo per cominciare a mettere delle limitazioni su Internet  e/o chiudere siti Y_Y

  • 30
    merit

    Siamo alle solite. Sì, perchè le cose in Italia vanno così: ho visto un ufo, e giù le trasmissioni sugli ufo. Ho visto le scie chimiche, e vai con le trasmissioni. I sondaggi, si sa, sono sempre truccati. Non lo fanno apposta, è solo che la gente non conosce la matematica e la semantica che si nasconde dietro ogni indagine statistica. 

     

  • 29

    Fino a qualche giorno fa c’era un’applicazione su facebook “anti-fede”

     

    Al momento non funziona più!

    http://apps.facebook.com/antifede-bacefg/index.php?_fb_fromhash=752a352c6f135783395126a9b870edfe

     

    Hanno cominciato in fretta però …

  • 28

    Come mai i sondaggi rivelano dati opposti? (domanda molto retorica) 

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>