Il vero costo dei crocifissi

  La Chiesa costa ogni anno ai contribuenti italiani circa 4 miliardi e mezzo di euro. Più del costo del sistema politico. Mezza finanziaria. Quella che presentiamo qui non è che la stima ottimistica. Ce ne sono alcune che arrivano anche a 9 miliardi di euro all’anno.

 L’otto per mille, grazie ad un meccanismo messo a punto a metà degli anni 80 da un consulente del governo Craxi di nome Giulio Tremonti, assegna alla Chiesa Cattolica anche le quote di chi non ha espresso alcuna preferenza. Per fare un esempio, fatta 100 la base dei contribuenti, se ce ne sono 40 che mettono una croce su uno dei destinatari possibili dell’8 per mille, e 30 di questi scelgono la Chiesa Cattolica, i tre quarti degli altri 60 contribuenti che non hanno espresso alcuna preferenza – ben 45 persone – si troveranno a devolvere il loro 8 per mille al Vaticano. Da 30 preferenze reali a 75 con un colpo di bacchetta magica degno di Harry Potter. Un giochetto che porta nelle casse della Chiesa Cattolica circa un miliardo di euro ogni anno. Nel resto dell’Europa diversamente religiosa, naturalmente, la contribuzione è non solo volontaria, ma le quote derivanti dalle preferenze non espresse restano allo Stato.

 Se siete deboli di cuore non leggete la prossima frase. L’Art.47 della legge 20 maggio 1985, n. 222 stabilisce che ogni anno, entro il mese di giugno, lo Stato corrisponde alla Conferenza Episcopale Italiana un anticipo calcolato sulle preferenze espresse dell’anno precedente. Avete capito bene: voi anticipate ogni anno le tasse e l’Iva sulla base dei vostri guadagni passati e della presunzione di quelli attuali. Se non avete guadagnato dovete giocoforza andare a rubare. Lo Stato, viceversa, prende i vostri anticipi e li anticipa alla Chiesa Cattolica. Che glieli abbiate dati o meno. Nel 2007 abbiamo anticipato alla CEI 354 milioni di euro.

Un altro miliardo se ne va per gli stipendi ai circa 22 mila insegnanti di quella che impropriamente viene chiamata ora di religione. In realtà, anche tecnicamente, si chiama Insegnamento della Religione Cattolica (IRC), anche se lo stato non sa bene cosa effettivamente si insegni durante le lezioni, come sostenne lo stesso Berlinguer in un’intervista rilasciata a Famiglia Cristiana. Quello che è certo è che i docenti – pagati dallo Stato italiano – che si azzardano ad accennare alla storia delle altre religioni o a diverse concezioni del mondo, vengono licenziati (in un caso su 250).

Almeno 700 milioni vengono versati da tutti noi per le convenzioni su scuola e sanità. Nel solo 2004, le scuole cattoliche hanno beneficiato di 258 milioni di euro di finanziamento, 44 milioni per le cinque Università cattoliche, 20 milioni per il Campus Biomedico dell’Opus Dei, portati a 30 dall’anno successivo. Con la circolare ministeriale 38/2005, le scuole non statali hanno raddoppiato le elargizioni: 527 milioni di euro, portati a 532,3 milioni a fronte dei tagli all’istruzione. Si impoverisce l’istruzione per tutti, si arricchisce l’istruzione per pochi. Più siete ignoranti, più siete propensi a votare per maghi, ballerine, showgirl e presentatori.
Le convenzioni pubbliche con gli ospedali cattolici ammontano poi a un altro miliardo di euro. Quelle con gli istituti di ricerca a circa 420 milioni mentre le case di cura raggranellano la bellezza di 250 milioni di euro.

Poi ci sono le regalie una tantum. Il Giubileo è stato finanziato con quattro spicci: 3500 miliardi di lire. Uno degli ultimi raduni di Loreto ci è costato 2,5 milioni e così via, per una media annua di circa 250 milioni di euro.

Il mancato incasso dell’Ici vale circa 700 milioni di euro all’anno, ma c’è chi – per esempio Piergiorgio Odifreddi – valutando il patrimonio immobiliare della Chiesa in alcune centinaia di miliardi di euro, arriva a considerare il mancato gettito fiscale pari ad almeno 6 miliardi di euro. Lo sconto del 50% su Ires, Irap e altre imposte ci costa più o meno 500 milioni. L’elusione fiscale legalizzata del mondo del turismo cattolico, con i suoi 40 milioni di pellegrini che ogni anno vanno avanti e indietro dall’Italia, ammonta ad altri 600 milioni di euro.

A questi dati, aggiungo i 52 milioni di euro che ho calcolato personalmente nell’articolo Tele-Vaticano: il subappalto alla Chiesa Cattolica di oltredueterzi del palinsesto del servizio pubblico televisivo, che il trattato di Amsterdam ci obbliga a ricollegare direttamente alle esigenze democratiche, sociali e culturali della società, e all’esigenza di preservare il pluralismo dei mezzi di comunicazione.

Non esiste un altro paese che spende altrettanto per il costo di una religione. Nessun altro paese laico, ovviamente.

A fronte di tutto questo, ieri la Chiesa Cattolica ha diramato un comunicato dove afferma che “non è certo espressione di laicità, ma la sua  degenerazione in laicismo, l’ostilità a ogni forma di rilevanza politica e culturale della religione“. Non oso immaginare quale tributo di sangue dovremmo pagare se non fossimo così ostili a ogni forma di rilevanza politica e culturale della religione. L’Avis al confronto è uno spaccio di succhi di frutta.

Ovviamente non sono tutte rose e fiori. Anche la Chiesa, come la RAI fa con l’AGCOM, deve inviare un resoconto dettagliato allo Stato italiano sull’utilizzo delle somme derivanti dall’incasso dell’otto per mille. L’articolo 44 della legge 20 maggio 1985, n. 222 dispone che la Conferenza Episcopale Italiana trasmetta annualmente all’autorità statale competente il rendiconto relativo all’effettiva utilizzazione delle somme di cui agli articoli 46, 47 e 50, terzo comma, della stessa legge.

Se avete presente gli spot elettorali della CEI per incentivare la preferenza sull’otto per mille, quelli con la musica strappalacrime e i bambini africani che spalancano enormi occhioni scuri provati dalla fame, sapete bene che il mantenimento delle missioni e gli interventi caritativi nel mondo sono un argomento efficacemente usato per convincervi ad apporre la famigerata x. Stupisce quindi che gli interventi caritativi a favore dei paesi del terzo mondo, nel rendiconto relativo all’utilizzazione delle somme pervenute nel 2007, assommino a soli 85 milioni di euro, circa l’8% del totale ricevuto. C’è poi un 12% utilizzato per interventi di carità in Italia e il resto serve all’autofinanziamento: il  35% va agli stipendi dei quasi 40 mila sacerdoti italiani, mentre mezzo miliardo all’anno viene speso per imperscrutabili esigenze di culto, spese di catechesi, attività finanziarie ed immobiliari. “Il Vaticano è il più ricco Stato del mondo per reddito pro capite.” [Curzio Maltese, La Questua, Feltrinelli]

La Chiesa sta diventando per molti l’ostacolo principale alla fede. Non riescono più a vedere in essa altro che l’ambizione umana del potere, il piccolo teatro di uomini che, con la loro pretesa di amministrare il cristianesimo ufficiale, sembrano per lo più ostacolare il vero spirito del cristianesimo.”
 No, non l’ho detto io. L’ha detto trent’anni fa un teologo progressista: Joseph Ratzinger.

Credete ancora che il vero problema siano i crocifissi nella aule?

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

74 risposte a Il vero costo dei crocifissi

  • Pingback: Pagheremo di più la benzina per finanziare la Chiesa? | Byoblu.com

  • 39

    Ciao, ti ringrazio per l’interesse per quello che ho scritto. Come dicevo all’inizio del post la mia era una provocazione quasi polemica, ma è quello che “io” ho letto tra le righe. L’italiano è una bella lingua perché tra le righe chiunque legge e scrive  ciò che ritiene.

    Lo spunto interessante che hai trovato, in effetti è il fulcro di tutti legami tra la Chiesa e lo Stato Italiano, infatti se non ci fosse stata la Chiesa di ieri oggi non ci sarebbe  lo Stato e, senza lo Stato di  oggi la Chiesa sarebbe probabilmente un’altra cosa.

    La storia della confisca dei beni alla Chiesa è avvenuta nel 1866 ad opera del governo  guidato da Bettino Ricasoli, espressione della destra storica italiana.

    Con questa legge venivano confiscati alla Chiesa quasi tutti i beni immobiliari ricadenti all’interno del neo costituito Stato Italiano e venivano sciolti quasi tutti gli ordini e le congregazioni religiose.

    La ragione di questa legge è evidente: si voleva eliminare un concorrente scomodo nella gestione del potere in Italia. Infatti, prima dell’unità, la Chiesa rivestiva un ruolo fondamentale nella vita della nostra nazione. Le scuole, gli ospedali,  gli orfanotrofi, le opere di assistenza,  le banche popolari, l’agricoltura erano gestite, tranne che per qualche rara eccezione, dalla Chiesa.

    La Chiesa infatti, attraverso un complicato sistema di decime, di tasse e balzelli, garantiva la gestione di tutto un sistema che se pur inefficiente dava dei risultati. La cultura e il sapere venivano trasmessi, i contadini avevano di che mangiare, gli ospedali, gli ospizi e gli orfanotrofi accoglievano comunque tutti.

    Il pretesto per emanare questa legge fu il dissesto delle finanze del Regno in virtù dei numerosi eventi bellici. Ma la realtà era, che il Regno non aveva alcun radicamento sociale e nessuna struttura sul territorio, senza le quali non poteva in alcun modo governare. Inoltre le ambizioni della nascente borghesia, affamata di denaro ambiva a mettere le mani su patrimoni ingenti (le banche) posseduti dalla Chiesa.

    L’ultimo atto consumato dal Regno fu l’emanazione delle leggi successive alla Breccia di Porta Pia. Con questi atti i Savoia si impadronivano di tutti i beni ricadenti all’interno dello stato pontificio (Quirinale, Palazzo Madama, Montecitorio etc.), negò agli ecclesiastici i diritti politici e relegò (legge sulle guarentigie) il pontefice all’interno di una struttura subordinata allo Stato.

    Gli effetti di queste leggi sono stati estremamente devastanti, in primo luogo iniziò il fenomeno della corruzione diffusa, alcuni funzionari pubblici gestivano il patrimonio confiscato in maniera personale. Molti monumenti sono stati abbattuti o trasformati in stalle o caserme. Parecchi oggetti di culto di estremo pregio sono stati distrutti. Gli spazi lasciati dagli ordini e congregazioni religiose non sono stati ricreati (scuole, ospedali, orfanotrofi), e i religiosi, specie quelli di origini umili, sono stati mandati a casa senza alcun sostentamento.

    Ma, la conseguenza più dannosa si ebbe in agricoltura, infatti, per effetto della corruzione, i feudi ecclesiali furono venduti, per poche lire, ai nobili compiacenti che avevano appoggiato i Savoia durante l’espansione. Il risultato fu che i contadini prima (con la Chiesa) pagavano la decima, dopo, (con il Regno) per mangiare,  gli rimase solo la decima. Per calmierare i possibili tumulti, in Sicilia, i nobili si rivolsero ai campieri, che con metodi anche violenti controllavano che nessuno si ribellasse. Gli eredi dei campieri sono, tra gli altri, Totò Riina e Bernardo Provenzano.

    Tutta questa situazione portò all’ascesa di Benito Mussolini che ebbe la capacità di superare, con i patti lateranensi,  gli attriti con la Chiesa e pose le basi per la creazione di un nuovo Stato moderno strutturato e sociale. Comunque non sono un fan di Mussolini, ma anche lui, ha fatto qualcosa di buono.

    Lo Stato postunitario si è voluto sostituire alla Chiesa in virtù dell’autorità dei vincitori. Il popolo italiano ha pagato con lacrime e sofferenza questo atto di violenza, ha dovuto subire una dittatura, deve fare i conti con la corruzione diffusa , ha  un capitalismo assistito, incapace di vivere da solo e, soprattutto deve subire il male dei mali: la mafia.

    Una visione laica non può negare questa parte della storia italiana, non può trincerarsi dietro il motto di Cavour “libera Chiesa in libero Stato”. Deve riconoscere, al di fuori del credo, il ruolo di sussidiarietà e complementarietà alla Chiesa. Perché altrimenti, sull’emotività dell’anticlericalismo, rischiamo di fare gli stessi errori del passato.

    Saluti.     

      

      

  • 38

    Ottimo post. Il senso ne è riassunto in chiave comica dall’ultima vignetta di Stefano Disegni.

    Siamo davanti all’ennesimo dramma di qualcosa che tutti noi (blogger + gente informata) sappiamo, ma al “grande pubblico” (quelli che decidono il risultato  delle elezioni) non interessa.

    Come se ne esce?
    Ditemelo voi, perché io non lo so.

  • 37
    blastlikecrazy

    Io abolirei la chiesa, parte della truffa di cui l’uomo e’ vittima. La religione cattolica ha solo il compito di plagiare le menti e allontanarci dalla ragione e dalla verita’. E’ provato che gesu’ e’ un personaggio mitologico con le stesse caratteristiche del dio sole egiziano: Horus. I romani erano in egitto ed hanno portato a roma modificandola parte della loro religione. Il motivo perche’ lo stato paga questi criminali e’ perche’ questi signori tengono il popolo tranquillo con l’ingegno e  non con la forza, permettendo al governo di schiavizzarlo per il beneficio delle banche centrali. Il primo passo verso la liberta’ e’ ripudiare questi ingannatori. Non ne abbiamo bisogno e personalmente i loro falsi e ipocriti insegnamenti servono solo a confondere le idee e a farci accettare tutte le assurdita’ a cui siamo sottoposti quotidianamente. Sta’ arrivando il giorno in cui verranno totalmente smascherati e cosi’ l’uomo compira’ il primo passo verso la liberta’

    • 37.1
      FitTizio

      “E’ provato che gesu’ e’ un personaggio mitologico…”

      Chi lo ha provato? Puoi citare la fonte?

  • 36
    ZaX

    Ciao, bel post!

     

    Ne ho scritto anche io uno sullo stesso argomento… speriamo serva a qualcosa (ne dubito):

    http://logzero.wordpress.com/2009/10/23/soldi-statali-alla-chiesa/

  • 35

    Forse vi interesserà sapere che ci siano in Italia cristiani credenti che la pensano diversamente… è infatti stato dato dai ns. media grande spazio all’inquietudine dei cattolici e …alle captationes benevolentiae “bipartisan” dei politici, ma nessunissima attenzione al plauso dei protestanti italiani dato al tribunale per i diritti umani di Strasburgo. Vi riporto alcuni pareri rappresentativi delle nostre chiese (NB io sono una cittadina laica (e cristiana al tempo stesso!), protestante – valdese per la precisione):

    “Eppure è una notizia il fatto che dei cristiani plaudano a una sentenza che altri cristiani invece criticano vigorosamente“, ha affermato Domenico Maselli, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) e pastore evangelico.  “Dopo le polemiche sul credito scolastico per chi si avvale dell’insegnamento della religione cattolica, e dopo quelle sull”ora di islam’, scoppia ora con clamore un caso sul crocifisso – ha sottolineato Maselli -. “Una sentenza che vediamo favorevolmente perché ribadisce l’idea che la libertà religiosa e il rispetto di tutte le fedi sono alla base di un’Europa pacifica e civile. Chi vede in questa sentenza la negazione delle radici cristiane dell’Europa – ha commentato il presidente Maselli – mostra di non apprezzare il grande merito del cristianesimo di avere aperto le porte alla libertà di ogni uomo e di ogni donna”.

    Anche la moderatora della Tavola valdese, la pastora Maria Bonafede, ha ichiarato: “È una sentenza che tutela i diritti di chi crede, di chi crede diversamente dalla maggioranza e di chi non crede. Ancora una volta emerge la fragilità, logica prima e giuridica dopo, della tesi secondo cui il crocefisso imposto nelle aule italiane non è un simbolo religioso ma sarebbe l’espressione della cultura nazionale. La sfida oggi è invece quella del pluralismo delle culture e della convivenza tra chi crede e chi non crede nel quadro del valore costituzionale della laicità”. “Nessun simbolo è come averli tutti: ognuno può pregare il suo Dio – senza bisogno di vedere appeso al muro il senso della propria fede. Se le aule non avessero simboli religiosi, le scuole sarebbero più libere, laiche e pluraliste.” Positivo anche il giudizio del teologo valdese Paolo Ricca: “Ritengo la sentenza della Corte Europea un provvedimento giusto. In una situazione di pluralismo religioso mi sembra che tale decisione debba essere adottata anche negli uffici pubblici, come le aule dei tribunali, e non solo in quelle scolastiche“. (Tratto da NEV – agenzia stampa evangelica, 5 novembre 2009)

    Spero aver fatto cosa utile e gradita.. a presto! simona (valdese)

  • 34

    Buon giorno, dirò cose che probabilmente non condividerai, quindi se userò termini e parole polemiche, non sarà per “polemizzare”, ma perché la dialettica lo prevede.

    Il titolo con cui inizi credo che equivalga a dire: “Il Crocifisso rappresenta una delle iatture più pesanti per la nostra società”, in quanto rappresenta la Chiesa, un’organizzazione inutile che nega il processo civile e sociale della nostra società.  Anzi, (la Chiesa) si appropria di ingenti risorse dissipandole per scopi puramente personali.

    Posta così  (ossia in maniera più chiara), ci sarebbe poco da  dire per la pochezza delle argomentazioni addotte, ma tu (o lei) argomenti con elementi precisi e, su quest’ultimi vorrei dire poche cose.

    Gli elementi che usi per argomentare le tue accuse sono sostanzialmente tre: I contributi dati alle scuole,università e ospedali cattolici, l’8 per mille e l’ora di religione. In ordine, ti ricordo che attraverso le scuole e le università cattoliche sono state formate delle eccellenze, che oggi il mondo ci invidia. Forse che hanno anche una finalità sociale? Forse che, sarebbe meglio interrogarci sul fatto che le scuole e le università pubbliche, costando molto di più, solitamente non raggiungono alcuno scopo, e sfornano solo disoccupati a zero cultura? Inoltre, oggi attraverso buoni scuola e borse di studio chiunque, se meritevole, può frequentare i licei dei Gesuiti, dei Salesiani o delle Orsoline. Gli ospedali cattolici sono l’ideale prosecuzione dei vecchi ospedali ante unificazione, quando, (e spesso lo si scorda), gli ospedali erano solo cattolici, ossia, solo la Chiesa si occupava dei poveri, che non potendosi permettere le cure domiciliari si rivolgevano agli ospedali (molti ospedali oggi hanno ancora nomi di santi o di uomini di Chiesa). Gli ospedali cattolici forniscono cure altamente specialistiche, che spesso il pubblico non è in grado di fornire, a costi molto più bassi. Gli ospedali cattolici, inoltre, non sono come le cliniche private  (spesso parti di imperi di dubbia moralità), infatti il loro obbiettivo non è l’utile, ma l’uomo e le sue esigenze.  Pongo una considerazione, lo Stato, dopo l’unificazione, ha confiscato la maggior parte del patrimonio immobiliare della Chiesa ed ha sciolto parecchi ordini religiosi. Questo infinito patrimonio costituisce una grossa percentuale ( se non la maggiore percentuale) del nostro patrimonio pubblico.  Come lo Stato ha usato ed usa questo patrimonio? – Perché lo Stato, sciogliendo parecchi ordini religiosi, non si è sostituito nelle azioni socio-assistenziali svolte da quest’ultimi?  La Chiesa non ha mai chiesto una sola lira per la rapina subita da Giolitti e Cavour, mentre i savoiardi hanno tentato di ottenere il risarcimento dei danni.  I trattati concordatari (senza considerare gli aspetti spirituali ed etici), sono stati concepiti anche per sanare gli effetti devastanti  di queste appropriazioni indebite.  Lo stato monarchico-costituzionale dell’unità d’Italia non aveva neppure un garage per svolgere le proprie funzioni tecniche, e senza l’apporto dell’enorme patrimonio immobiliare ed intellettuale della Chiesa oggi non avremmo avuto l’attuale struttura statale che conosciamo.

    L’otto per mille, (tornando alla premessa), serve a moltissimi scopi, in primo luogo sostenta il clero garantendo ad ogni sacerdote un’integrazione del proprio stipendio (guadagnato al di fuori della Chiesa)  fino al raggiungimento di 800 euro mensili. Foraggia tutte le organizzazioni socio-assistenziali (Caritas, comunità di riabilitazione di disabili, comunità terapeutiche, progetti nelle carceri, etc.) che fanno capo alla CEI (Conferenza Episcopale Italiana). Integra le offerte raccolte nelle parrocchie più povere per organizzare oratori o sportelli a sostegno delle famiglie.  Finanzia la costruzione o la ristrutturazione degli edifici di culto. Contribuisce a finanziare le missioni nei paesi del terzo mondo.

    Partendo dal presupposto che lo Stato ha un debito megamiliardario (confisca dei beni) nei confronti della Chiesa, e che gli usi dei fondi dell’otto per mille sono utili alla comunità, in quanto diventano sussidiari rispetto allo stato, non vedo perché ci si debba scagliare contro con tanta veemenza.

    Ultima considerazione sull’ora di religione, oggi l’ora di religione viene gestita quasi in maniera autonoma dall’insegnate, non ci sono programmi che vengono effettivamente adottati e riveste un compito di supporto psicologico  nei confronti degli studenti.  Nessuno è mai stato licenziato per avere insegnato storia delle religioni, anzi nei libri di testo adottati c’è una ampia parte dedicata a questo tema. Cosa dire? A me piacerebbe che si insegnasse religione cattolica, in quanto sarebbe una buona opportunità per educare i giovani ai valori essenziali della nostra società quali tolleranza, accoglienza e carità. Mi piacerebbe che siano gli psicologi a fare gli psicologi, ma anche in questo caso la Chiesa deve tappare i buchi di uno Stato sempre più miope alle esigenze dei propri figli.

    Concludo, però dandoti ragione, se leggiamo il tuo titolo interpretandolo alla lettera, i Crocifissi in effetti costano, perché insieme alle statue della Madonna e dei santi costituiscono il nostro patrimonio storico-culturale e per essere conservati devono essere restaurati e quindi “costano!” ameno che……….

    Saluti,        

    • 34.1

      Ciao, ti ringrazio per l’interesse per quello che ho scritto. Come dicevo all’inizio del post la mia era una provocazione quasi polemica, ma è quello che “io” ho letto tra le righe. L’italiano è una bella lingua perché tra le righe chiunque legge e scrive  ciò che ritiene.

      Lo spunto interessante che hai trovato, in effetti è il fulcro di tutti legami tra la Chiesa e lo Stato Italiano, infatti se non ci fosse stata la Chiesa di ieri oggi non ci sarebbe  lo Stato e, senza lo Stato di  oggi la Chiesa sarebbe probabilmente un’altra cosa.

      La storia della confisca dei beni alla Chiesa è avvenuta nel 1866 ad opera del governo  guidato da Bettino Ricasoli, espressione della destra storica italiana.

      Con questa legge venivano confiscati alla Chiesa quasi tutti i beni immobiliari ricadenti all’interno del neo costituito Stato Italiano e venivano sciolti quasi tutti gli ordini e le congregazioni religiose.

      La ragione di questa legge è evidente: si voleva eliminare un concorrente scomodo nella gestione del potere in Italia. Infatti, prima dell’unità, la Chiesa rivestiva un ruolo fondamentale nella vita della nostra nazione. Le scuole, gli ospedali,  gli orfanotrofi, le opere di assistenza,  le banche popolari, l’agricoltura erano gestite, tranne che per qualche rara eccezione, dalla Chiesa.

      La Chiesa infatti, attraverso un complicato sistema di decime, di tasse e balzelli, garantiva la gestione di tutto un sistema che se pur inefficiente dava dei risultati. La cultura e il sapere venivano trasmessi, i contadini avevano di che mangiare, gli ospedali, gli ospizi e gli orfanotrofi accoglievano comunque tutti.

      Il pretesto per emanare questa legge fu il dissesto delle finanze del Regno in virtù dei numerosi eventi bellici. Ma la realtà era, che il Regno non aveva alcun radicamento sociale e nessuna struttura sul territorio, senza le quali non poteva in alcun modo governare. Inoltre le ambizioni della nascente borghesia, affamata di denaro ambiva a mettere le mani su patrimoni ingenti (le banche) posseduti dalla Chiesa.

      L’ultimo atto consumato dal Regno fu l’emanazione delle leggi successive alla Breccia di Porta Pia. Con questi atti i Savoia si impadronivano di tutti i beni ricadenti all’interno dello stato pontificio (Quirinale, Palazzo Madama, Montecitorio etc.), negò agli ecclesiastici i diritti politici e relegò (legge sulle guarentigie) il pontefice all’interno di una struttura subordinata allo Stato.

      Gli effetti di queste leggi sono stati estremamente devastanti, in primo luogo iniziò il fenomeno della corruzione diffusa, alcuni funzionari pubblici gestivano il patrimonio confiscato in maniera personale. Molti monumenti sono stati abbattuti o trasformati in stalle o caserme. Parecchi oggetti di culto di estremo pregio sono stati distrutti. Gli spazi lasciati dagli ordini e congregazioni religiose non sono stati ricreati (scuole, ospedali, orfanotrofi), e i religiosi, specie quelli di origini umili, sono stati mandati a casa senza alcun sostentamento.

      Ma, la conseguenza più dannosa si ebbe in agricoltura, infatti, per effetto della corruzione, i feudi ecclesiali furono venduti, per poche lire, ai nobili compiacenti che avevano appoggiato i Savoia durante l’espansione. Il risultato fu che i contadini prima (con la Chiesa) pagavano la decima, dopo, (con il Regno) per mangiare,  gli rimase solo la decima. Per calmierare i possibili tumulti, in Sicilia, i nobili si rivolsero ai campieri, che con metodi anche violenti controllavano che nessuno si ribellasse. Gli eredi dei campieri sono, tra gli altri, Totò Riina e Bernardo Provenzano.

      Tutta questa situazione portò all’ascesa di Benito Mussolini che ebbe la capacità di superare, con i patti lateranensi,  gli attriti con la Chiesa e pose le basi per la creazione di un nuovo Stato moderno strutturato e sociale. Comunque non sono un fan di Mussolini, ma anche lui, ha fatto qualcosa di buono.

      Lo Stato postunitario si è voluto sostituire alla Chiesa in virtù dell’autorità dei vincitori. Il popolo italiano ha pagato con lacrime e sofferenza questo atto di violenza, ha dovuto subire una dittatura, deve fare i conti con la corruzione diffusa , ha  un capitalismo assistito, incapace di vivere da solo e, soprattutto deve subire il male dei mali: la mafia.

      Una visione laica non può negare questa parte della storia italiana, non può trincerarsi dietro il motto di Cavour “libera Chiesa in libero Stato”. Deve riconoscere, al di fuori del credo, il ruolo di sussidiarietà e complementarietà alla Chiesa. Perché altrimenti, sull’emotività dell’anticlericalismo, rischiamo di fare gli stessi errori del passato.

      Saluti.     

        

        

    • 34.2

      Ciao,

       Grazie per il tuo contributo interessante. Devo però contrariarti subito. Hai scritto:

      “Il titolo con cui inizi credo che equivalga a dire: “Il Crocifisso rappresenta una delle iatture più pesanti per la nostra società”, in quanto rappresenta la Chiesa, un’organizzazione inutile che nega il processo civile e sociale della nostra società.  Anzi, (la Chiesa) si appropria di ingenti risorse dissipandole per scopi puramente personali.”

      No. Il titolo significa che tra tutti i problemi di cui si potrebbe discutere, discutere se tenere o togliere il crocifisso dalle aule è l’ultimo dei problemi.

      Per il resto, trovo interessante lo spunto sulla confisca da parte dello stato dei beni ecclesiastici. Puoi approfondire?

  • 33
    È vero, il crocifisso è la minore tra le battaglie per la laicità, ma a mio avviso ciò non deve far sì che la lotta cessi o si affievolisca.
    Se il fatto che una cultura appartenga alle nostre radici è una condizione sufficiente per giustificarne l’esposizione dei simboli, allora deve essere esposto il simbolo di ogni altra ideologia che ha attraversato il nostro paese. Per necessità logica, non c’è nulla da fare.
    È stupido non ammettere che ognuno di noi è stato colpito, chi più chi meno, dalla cultura cristiana, ma lo è altrettanto non ammettere che ognuno di noi è un prodotto di differenti culture che ci hanno preceduto, e pertanto non si può prescindere dal resto della nostra storia come se fosse di serie B.
    Levare il crocifisso non è accantonare la cultura cristiana, è rialzare sullo stesso piano di rispetto le altre che hanno attraversato e attraversano tuttora l’Italia. È il tenerlo (o meglio, tenere solo lui) che accantona gli altri modi di pensare e non mi riferisco necessariamente agli immigrati. 
    Non è importante quante e quali persone credano in quella determinata icona, il fatto è che indica un particolare tipo pensiero, di filosofia, ed è inaccettabile che in un luogo pubblico si faccia esposizione del simbolo di un’unica forma di pensiero.

    Per carità, io personalmente non mi offendo del pezzo di legno in sé, ma perché si deve per forza ostentare QUEL tipo di cultura e non tutte le altre?  Perché l’ideologia cattolica può marcare il proprio territorio in Italia come fanno i cani quando pisciano sui pali e gli altri no?

    Io non accetto il crocifisso in aule, uffici pubblici e tribunali non perché sono un vampiro e se lo vedo mi sciolgo, ma perché viene privilegiato un modo di pensare rispetto ad un altro, e il messaggio che ne vien fuori è che, nonostante sulla costituzione siamo tutti uguali, il cristianesimo è “più uguale degli altri”.
    Democrazia non è sancire a maggioranza il non rispetto delle minoranze.
    In secondo luogo, un vero cristiano dovrebbe seriamente prendere in considerazione il vero secondo comandamento:
    «Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù in cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra».
    Per il resto, non mi importa cosa faccia o non faccia la Chiesa, basta che un’istituzione ideologico-religiosa non abbia privilegi tramite fondi pubblici.

     

  • 32
    Geki

    Esistono in Italia una manciata di lauree in Scienze Religiose. Io l’ho portato a termine. Sarei qualificato (a differenza dei Laureati in Teologia, disciplina rispettabile ma cattolicocentrica) ad insegnare “Storia delle Religioni”. Io, i miei colleghi, non gli insegnanti scelti dalla curia. Che poi possano essere bravi, non è rilevante. Gli insegnanti di Matematica hanno la laurea in Matematica o affini, non sono dei Laureati in Archeologia cui piacevano i numeri. E soprattutto, hanno vinto un concorso vero e pubblico.

  • 31
    1884

    Partendo dal presupposto dello stato laico, il problema su cui riflettere, secondo me, è questo: può una persona singola (in questo caso un giudice) obbligare a togliere un simbolo storico, religioso per alcuni, culturale per altri, simbolico di una VERA libertà, uguaglianza, fraternità per altri ancora? Non sarebbero più produttivi dei confronti aperti tra varie personalità, cittadini e magari i genitori e gli insegnanti dei bambini che frequentano le varie scuole? Imporre una cosa di questo tipo per legge, probabilmente accenderà ancora di più il fuoco, creando chiusure invece di aprire all’accettazione delle idee altrui. Sarebbe bello che anche il giudice che ha sentenziato fosse presente all’eventuale incontro…
    Penso che sia difficile togliere, con una sentenza, un simbolo che ha secoli di storia (e, che piaccia o no, ha ricevuto nel corso della storia, una legittimazione dall’umanità maggiore probabilmente di quella ricevuta – con tutto il rispetto – dal giudice stesso). Le guerre di religione dovrebbe aver insegnato qualcosa…

    Non è che questo è l’inizio di ‘Lisbona’?

  • 30

    Caro Byoblu non e’ vero che nel resto dell’Europa la contribuzione e’ volontaria. Nei paesi di lingua tedesca ti sottraggono un bel po’ di soldi OGNI MESE dalla busta paga se non ti dichiari al di fuori della chiesta cattolica/protestante. Io, contrario all’obolo forzato, mi sono dichiarato ATEO pur non essendolo. Chi disgraziatamente ha dichiarato di essere cattolico (e quando lavori all’estero e sei Italiano non ti credono altro) pagavo fino a 12-17 euro su 1000 al MESE di tasse per la chiesa cattolica tedesca!!

     

    … speriamo di non andare all’inferno per la mia ricusazione ;)

  • 29
    teo1102

    purtroppo la fortuna della chiesa sta proprio in questi dibattiti su argomenti abbastanza futili come la questione del crocifisso….

    piuttosto bisognerebbe discutere (e soprattutto divulgare) quanto scritto nell’articolo, e quindi parlare di quanti soldi (nostri) vengano sperperati da e per la chiesa

    ma finche ci barricheremo dietro a questioni unicamente di principio (per quanto condivisibili), come il crocifisso appunto, faremo solo e sempre un enorme favore alla chiesa

    • 29.1

      Io neppure voglio dimenticare da dove veniamo, anche per questo sono contrario al privilegio verso uno solo dei simboli delle diverse culture che ci hanno attraversato, quindi o tutti i simboli (ma poi la lavagna ci entra?) o nessuno. Per di più è anche un segno ideologico, non solo culturale nel senso di arte e letteratura, e uno stato laico non può favorire un’ideologia anziché l’altra.
      D’altro canto simboli di Zeus non ce ne sono in classe eppure se ne continua ancora a parlare.

      Questo riguardo la crocifisso, che ripeto non distrae né me né le più importanti associazioni laiche dai problemi come ben dici più “materiali”.

      Circa questi problemi, come anche per l’ora di religione, possono essere utili a scopo divulgativo questi due link

      http://www.uaar.it/laicita/ora_di_religione

      http://www.uaar.it/laicita/otto_per_mille/

      Così ognuno fa un po’ d’informazione faidate ;-) . Certo, sarebbe meglio se non fossero dell’UAAR perché in questo modo il messaggio sembra solo “di parte”, ma meglio che niente.

       

       

       

       

    • 29.2

      Io non lo ritengo affatto un argomento futile. Semmai si può dire che è la meno spesa, l’ultimo dei problemi sulla laicità, ma è inconcepibile in uno stato laico che una forma di pensiero marchi il proprio territorio come fanno i cani quando fanno la pipì sui pali.

       

    • 29.3
      teo1102

      Ok…forse la parola futile non è la piu corretta

      Condivido quello che dici, anche se sono meno drastico di te, dato che considero il crocifisso nelle aule, piu che un simbolo religioso, un simbolo della nostra tradizione (e secondo me non bisogna mai dimenticare da dove arriviamo). Ritengo decisamente piu nociva alla laicita della scuola pubblica,per esempio, l’ora di religione, soprattutto nelle scuole elementari e medie.

      Ripeto pero il concetto: se ci fossiliziamo sull’argomento crocifisso (per quanto magari ideologicamente corretto), perdiamo di vista i veri problemi.

      Pensiamo piuttosto a come divulgare al maggior numero di persone le cifre descritte nell’articolo, perche (volenti o nolenti) quello che adesso interessa realmente la gente sono i soldi e non i crocifissi. Era questo quello che intendevo dire.

      Ecco perche mi è piaciuto molto l’articolo:ha analizzato il rapporto stato/chiesa non sotto l’aspetto ideologico, ma sotto quello materiale. Chissa come mai, pero, tv e giornali si sono limitati a quello ideologico???

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezzo'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>