Convenzioni che uccidono

Facciamo la guerra per le convenzioni, e ci dimentichiamo della sostanza. A Natale bisogna essere buoni, lo dicono la pubblicità e le musiche dei centri commerciali addobbati a festa. Peccato che questo significhi più che altro la licenza di essere cattivi nei restanti giorni dell’anno. Ci scambiamo un segno di pace tra le panche di una chiesa e, con estrema nonchalance, ci schieriamo al fianco di chi invade l’Iraq, tortura i prigionieri e usa le bombe al fosforo. Ci riempiamo la bocca con il nome di un uomo che distrusse le bancarelle dei commercianti davanti al Tempio, gridando “La casa mia sarà chiamata casa di preghiera; ma voi ne fate una spelonca di ladri!“, poi andiamo in pellegrinaggio a Pietrelcina, facciamo shopping e torniamo con le nostre Orecchiette di Padre Pio come si torna da Berlino con un pezzo di muro in mano.

Abbiamo perso il senso, il significato reale delle cose. Siamo farisei: esattamente come loro siamo più interessati al rispetto formale delle scritture che allo scopo per cui sono state formulate. Siamo ottusi bigotti che sacrificano l’uomo al sabato anziché il sabato all’uomo. Non ci importa che il mondo sia giusto, ma di essere chiamati giusti. Difendiamo con la spada chi dalla spada si è fatto trafiggere senza opporre resistenza. Imponiamo con la forza chi è morto per insegnarci che l’unica forza che vale la pena di usare è la forza delle idee. Stabiliamo artificialmente cosa dobbiamo considerare vero e cosa no, imponiamo una mera convenzione e poi ne facciamo una rivelazione divina, un’ideologia per cui si può arrivare a morire, un’ideologia per cui si può arrivare a uccidere.

La Costituzione Italiana non è tanto diversa dai vangeli. I padri costituenti si riunirono nel 1948 e decisero in cosa i cittadini avrebbero dovuto riconoscersi. Nacque la Costituzione. Allo stesso modo, fu solo con il Concilio di Roma del 382 che all’interno della Chiesa iniziò il percorso di selezione che avrebbe portato alla canonizzazione dei quattro vangeli ufficiali, considerati ispirati da Dio. Chiamiamo Vangelo di Marco, di Luca, di Matteo e di Giovanni libri che non furono scritti né da Marco, né da Luca, né tantomeno da Matteo e da Giovanni, ma sono il frutto di rielaborazioni letterarie successive a partire dal 65 d.C. fino a oltre il 150 d.C. Prendiamo altri testi, li chiamiamo apocrifiovvero letteralmente da nascondere – e li destituiamo di ogni valore. Così si fonda una religione, a partire da un atto umano, una convenzione. Una convenzione che prende il sopravvento sulla sostanza delle cose, una convenzione che uccide. Definiamo una verità assoluta, la distilliamo mediante un processo politico collegiale, la imbracciamo come un cannone e partiamo alla conquista di popolazioni indigene, di chi chiamiamo barbaro perché non ha le nostre stesse credenze, degli studiosi che chiamiamo eretici perché si permettono di avere idee nuove, di donne che chiamiamo streghe perché non sono sposate e amano i gatti.

La Costituzione e i Vangeli. Due convenzioni contrapposte ma ispirate dagli stessi valori di fratellanza, giustizia, eguaglianza, ma anche due convenzioni violentate da chi le vuole utilizzare per giustificare la propria bramosia di potere, di impunità, di ricchezza. Qualcuno è perfino capace di sventolarle con rabbia, stringendole forte nei pugni chiusi: una nella mano sinistra, l’altra nella mano destra.

A Galzignano Terme, il sindaco Riccardo Roman ha disposto che i crocifissi debbano essere esposti in tutti gli edifici pubblici, per legge. A far rispettare la norma ci penserà la polizia. Chi verrà trovato sprovvisto di croci al muro, si prenderà una multa di 500EUR.

A Cicciano, nell’entroterra napoletano, lo stesso ha fatto il sindaco Giuseppe Caccavale, questa volta imponendo con un’ordinanza il crocifisso in tutte le aule scolastiche. Anche in questo caso, 500EUR di multa a chi non è d’accordo.

Massimo Bitonci, parlamentare leghista e sindaco di Cittadella (Padova), ha annunciato che controllerà « personalmente la situazione nel polo scolastico cittadellese, per accertarsi che nessun insegnante troppo ze­lante si azzardi a togliere il cro­cifisso ». Rigurgiti di Santa Inquisizione.

Un gruppo di autorevoli teologi e costituzionalisti, su mandato del movimento Italia Nuova, presieduto da Gilberto Di Benedetto, sta studiando una proposta di legge di iniziativa popolare per rendere obbligatorio il crocefisso nelle scuole. Dice Di Benedetto: « l’unico vero sistema per evitare gli attacchi al nostro amato crocifisso è renderlo obbligatorio con una legge, dobbiamo raccogliere 50.000 firme per rendere inattaccabile il simbolo delle nostre radici ». [ndr. la proposta di legge di iniziativa popolare “via i condannati dal parlamento”, portata avanti da Grillo, ha raccolto tutte le firme necessarie ma langue da anni a Montecitorio. Se le firme eventualmente raccolte da Italia Nuova dovessero essere subito prese in considerazione, ci sarebbe di che affilare i forconi…]

Gli unici altri esempi di imposizione del crocifisso si hanno, storicamente, guarda caso solo nel ventennio fascista: due regi decreti del 1924 e del 1928 nei quali si sancisce l’obbligo di esposizione del crocifisso negli uffici pubblici. Sinistre assonanze.

La Costituzione Italiana, quella che secondo Il Giornale èun modesto compromesso realizzato in un’Italia ancora impregnata di fascismo, e per giunta dominata da democristiani solidaristi e da social-comunisti che guardavano a Stalin come al proprio messia“, si occupa dei rapporti tra Stato e Chiesa agli articoli 7,8,19 e 20.

  Art.7
Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

  Art.8
Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.

  Art.19
 
Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.

  Art.19
 
Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d’una associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività.

La Costituzione Cattolica, ovvero i Vangeli, nulla dicono rispetto al crocifisso, anche perché questo simbolo millenario delle nostre radici è a sua volta una convenzione. Fu solo nel 692 d.C., infatti,  che « il Concilio in Trullo impose di rappresentare direttamente la crocefissione con valore di emblema del culto, e fu scelto di ricordarla figurativamente nella forma del crocifisso, con un Cristo calmo, sereno, vincente. Fra i simboli accessori della rappresentazione, figuravano il teschio di Adamo (significando che ivi moriva l’uomo, ma non la divinità), gli angeli o solo gli arcangeli, l’agnello sacrificale, Satana, la Chiesa, la Sinagoga e il pellicano. Quest’ultimo esprimeva un richiamo simbolico al sacrificio, poiché al tempo si riteneva leggendariamente, ma erroneamente, che questo uccello usasse trafiggersi il petto col becco per nutrire i figli col proprio sangue: in realtà era mal compreso l’atto del volatile, che reclina il becco per rigurgitare il cibo che vi stiva».

Difficile considerare un simbolo designato ufficialmente ad essere emblema di culto come un simbolo laico, espressione di valori trasversali della società. Né ha senso parlare di radici, perché le nostre sono lunghe, molto lunghe, e tutto dipende da dove vogliamo tagliarle. Ci fermiamo dunque al 692 d.C.? Possibile, ma forse eccessivamente comodo. Vogliamo proseguire ad una più consona antica Roma, visto che abbiamo conquistato il mondo, e parlare di tradizioni ludiche come cristiani contro leoni, lotte all’ultimo sangue tra gladiatori, pollice verso e pollice su? Vogliamo riesumare i cari vecchi riti pagani e tutte le divinità del caso? Perché non pescare qualcosina anche dalle invasioni vichinghe in Sicilia, o dalle influenze arabe nel sud Italia? E non vorremo mica essere così scortesi da rinnegare la fiorente civiltà villanoviana? In fondo, se la lingua italiana autentica è quella toscana, allora perché gli Etruschi non dovrebbero essere i veri padri fondatori della patria?

La Sentenza della Corte Europea che ha volutamente destato tanto scalpore, in questo paese di pensatori corrotti e venditori di demagogie un tanto al chilo, è stata redatta in risposta ad una richiesta di una cittadina italiana, la signora Soile Lautsi, che adduceva che l’esposizione del crocefisso nell’aula della scuola pubblica frequentata dai suoi bambini era un’ingerenza incompatibile con la libertà di pensiero e di religione e con il diritto a un’istruzione e a un insegnamento conformi alle sue convinzioni religiose e filosofiche. Dunque, tale pronunciamento non asserisce che tutte le scuole debbano togliere il crocifisso, ma solo che se un cittadino subisce come un atto discriminatorio un simbolo con il quale non vuole educare i suoi figli, ha titolo costituzionale per chiederne la rimozione. In quella scuola. In quell’aula. La legge, almeno all’estero, è ancora uguale per tutti.

 Il crocifisso non ha valore di tradizione culturale, e non deve stare nelle aule per quel motivo. Questa è solo un’insalata di retorica ipocrita pensata come il Lodo Alfano fu pensato per salvare Berlusconi dai suoi processi. Provate ad andare a chiedere a Cristo se sia morto in croce per una tradizione culturale e non piuttosto perché credesse fortemente in un Dio Padre, Creatore del Cielo e della Terra.

Il crocifisso è un emblema di culto. In base alle convenzioni che questa società civile ha scelto di darsi non può essere oggetto di imposizione, né per la Costituzione Italiana, né per i valori espressi nella Costituzione Vaticana. Viceversa, chiunque scelga di identificarsi con la figura di un uomo che muore sulla croce ha il diritto di professare liberamente la propria fede religiosa, portarne con sé il simbolo, mostrarlo con orgoglio e confrontarsi in un clima dialogante con quanti portano con sé convenzioni diverse, frutto di tradizioni lontane spesso molto più simili alle nostre rispetto a quanto questo approccio da crociata in terra Santa non abbia mai permesso di appurare.

Allah non è una divinità capricciosa, crudele, vendicativa. Non più di quanto lo stesso non si possa dire di un Dio che chiede ad Abramo di sacrificare il suo unico figlio, così, solo per vedere se avrebbe ubbidito.

In arabo, Allah significa semplicemente Dio. Chi prega Allah, non sta facendo altro che pregare Dio. Se pensate che esista un unico Dio, beh, allora fidatevi: state pregando tutti dalla stessa parte. E’ un po’ come se ci fosse in campo una sola squadra, ma sugli spalti due tifoserie distinte continuassero a darsele di santa ragione.

Così, per… convenzione!

SEGNALAZIONI


Inkarri e Juan Ruiz: il bavaglio a Enzodifrennablog

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a Convenzioni che uccidono

  • 12
    uruk-hai

    Per chi vuole approfondire ulteriormente la religione cristiana può leggere qualcosa QUI.

  • 11
    tejal

    Ho dato 5 stelline a tutti, a Claudio  no perché sennò si monta la testa e poi chi lo ferma!

    Grazie a tutti, leggere i vostri interventi è stata un’iniezione di ottimismo e fiducia, perché mi ha dato conferma che in Italia non ci sono solo persone stolte, arroganti, sciocche, egoiste, intolleranti ….ma anche persone come voi.

    un abbraccio

  • 10
    baluardodipuglia

    Applausi!Applausi!Come tutti i tuoi articoli anzi, più passa il tempo e più migliori!Applausi!!!

  • 9
    giunano

    Bel post,una sola piccola postilla;alcuni studiosi tedeschi hanno notato una stranezza

    nella bella leggenda su Gesù e cioè sembra strano che possa essere stato crocefisso perchè in quel periodo sorico la crocefissione non era in uso ma bensi la lapidazione,per tanto consiglierei a chi proprio non può fare a meno del simbolo della morte di Cristo,di sostituire i crocefissi con dei bei sassoni, che almeno potrebbero essere usati,in caso d’incendio per rompere finestre.

    saluti da Berlino

    • 9.1
      blastlikecrazy

      Infatti la crocifissione fa parte di questa leggenda.

      Horus, il dio sole dell’antico egitto ha esattamente le stesse carateristiche di gesu’, ma era adorato ben prima. Anche lui e’ stato crocifisso ed e’ risorto 3 giorni dopo. La croce rappresenta i punti cardinali ed il sole (Horus e per i romani Gesu’) in mezzo. Le analogie tra’ queste due figure sono tantissime, dal giorno della nascita 25 dicembre, alla crocifissione, alla resurrezione dopo 3 giorni. E’ la storia del sole. Guardate Zeitgeist, nella prima parte parla appunto della religione. E’ molto interessante e vi svelera’ dei segreti che molti di voi non immaginano neanche. 

      http://video.google.com/videoplay?docid=-6866557189571858559#

      Buona visione

  • 8
    pietro il traditore

    Prima di tutto: BELLISSIMO il tuo articolo e molto ben argomentato. Complimenti!

    "Allah non è una divinità capricciosa, crudele, vendicativa. Non più di quanto lo stesso non si possa dire di un Dio che chiede ad Abramo di sacrificare il suo unico figlio, così, solo per vedere se avrebbe ubbidito."

    Dio non ha chiesto ad Abramo il sacrifico del figlio per vedere se avrebbe obbedito. Dio lo sapeva che avrebbe obbedito, perchè altrimenti che Dio sarebbe?

    Dio sapeva che il Faraone avrebbe rifiutato la libertà al popolo ebreo ma manda comunque Mosè a chiderne la liberazione. Lo fa’ perchè il rifiuto insistito del Faraone deve consentire di manifestare al popolo Ebreo e per tramite del popolo Ebreo a tutti i popoli, la grandezza e la potenza di Dio, che è capace di mandare le piaghe d’Egitto, che è capace di aprire il mare e richiuderlo al passaggio degli egiziani, di far piovere dal cielo la manna ecc. ecc.

    Allo stesso modo Dio sapeva che Abramo avrebbe accettato di sacrificare il suo unico figlio, tanto desiderato ed avuto in vecchiaia quando non aveva più speranze di averlo e quando sua moglie era ormai sterile. Un figlio che era un miracolo di Dio un dono, come tutti i figli lo sono. Dio con quella richiesta ha voluto mostrare in anticipo il suo amore per l’uomo per l’umanità che poi si manifesterà mandando il suo unico figlio a mostrare la via la verità e la vita. Lo ha mandato nel suo popolo per la sua salvezza e per la salvezza di tutti gli uomini della terra. Lo ha mandato nella consapevolezza che quel popolo uccideva chi diceva di essere il Figlio di Dio ed avrebbe ucciso chi con il proprio comportamento avrebbe manifestato di essere il figlio di Dio. Lo ha mandato come un agnello in mezzo ai lupi. Gli ha fatto dire la verità anche quando chi lo ascoltava viveva di menzogna e di quella aveva bisogno per andare avanti. Ha fatto tutto questo per amore alla mia vita e per amore alla tua vita. Ha guardato le mie miserie ed ha inviato Gesù che è il mio ed il tuo migliore amico, lo ha mandato anche nella consapevolezza che io lo avrei tradito, come lo hanno tradito San Pietro e gli altri. Ha consentito che morisse di Croce: una morte orrenda, fuori dalle mura come i peccatori, una morte riservata a ladri ed assassini. Ha fatto tutto questo per mostrare all’uomo, a me ed a te, la Resurrezione. Le estreme sofferenze di Gesù si sono sostiute alle sofferenze di Isacco e la sofferenza di Dio a quella di Abramo. Ma Dio ha sconfitto la morte mostrando ad ognuno di noi la via, la verità e la vita.

    Un saluto

    Pietro

  • 7
    Larablu

    “. Vogliamo proseguire ad una più consona antica Roma, visto che abbiamo conquistato il mondo, e parlare di tradizioni ludiche come cristiani contro leoni, lotte all’ultimo sangue tra gladiatori, pollice verso e pollice su? Vogliamo riesumare i cari vecchi riti pagani e tutte le divinità del caso?”

    bellissimo articolo.

    Vorrei porre però una riflessione… Quando si parla di antica Roma (che comunuqe è generico, ma passi: nessuno chiede trattati interi sulla storia della romanità) a livello religioso si ricordano “le divinità del caso” e le torture ai cristiani. A parte che queste ultime, come ci sono state trasmesse, fanno parte della storiografia cristiana (e sarebbe interessante sentire o verificare “l’altra campana” di cui qualche testimonianza c’è, anche se spesso volontariamente dimenticata…chissà perchè), sarebbe giustro ricordare come veniva considerata la libertà religiosa nel complesso del diritto romano,e come quella libertà inizialmente era concessa anche ai cristiani. Basti pensare allo status degli ebrei, oltretutto esonerati dal servizio militare propro perchè questo comportava un giuramento a Marte che loro, per via della loro religione, non potevano fare: ergo potevano non farlo e quindi erano, per legge, esonerati. Ma questo è solo un esempio…

    Per quel che riguarda il “Vogliamo riesumare i cari vecchi riti pagani e tutte le divinità del caso” non si tratta di “riesumare”, quantomai di ricordare che esistono tutt’ora, e che ci sono sempre state (nascosti o meno, a seconda del momento storico). Al giorno d’oggi sono molto più visibili proprio perchè i “pagani” o “gentili” come si fanno chiamare si sentono tutelati dalla legge e dalle dichiarazioni sui diritti umani, anche se non sono molto evidenti sia perchè vengono derisi (1600 anni di bugie sortiscono un certo effetto), sia perchè temono di essere accomunati ad altre realtà poco corrette.La cosa che comunque, da quello che so, essi condividono, sono la totale laicità delle istituzioni, la libertà di professare ognuno la propria religione (pagana, cristiana, di star wars o altro, antica o moderna), nella totale libertà di scelta e senza doversi sentire giudicati per questo.

    Quindi quando si parla di religioni antiche, riti pagani di Roma, ecc. ricordo che queste esistono tutt’ora (anche se sono pochi, qualche decina di migliaia), e che magari potrebbero essere approfondite a scopo informativo giusto per comprendere, con la propria testa, di cosa si tratta, evitando le falsità che spesso vengono messe in giro a livello storico e religioso, in diversi ambiti.

    Un caro saluto e grazie per quello che fai.

    Larablu

     

  • 6
    Rebel

    Per chi e’ cristiano, legge la bibbia e conosce un pochino di storia, sa bene che i dieci comandamenti, il decalogo, e’ stato modificato dalla chiesa cattolica.Il problema del crocifisso non si pone poichè il secondo comandamento dice questo:

    Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso; punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso bontà fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti. 

    Quindi, i simbolismi, l’adorazione di sculture, mi ricordano i Pagani..o no?

  • 5
    Alberto

    Bello anche il video, di Albert bambino che testimonia del suo Dio ebreo.

    Così ci sono tutte e tre le versioni principali (per quel che ci riguarda più da vicino).

    Certo è che strumentalizzare “politicamente” questa faccenda del crocefisso nelle aule scolastiche è vomitevole, più di tutto come tecnica di distrazione di massa. Non se ne può più, non ce ne po’ fregà de meno! In quei comuni delle multe da 500 euri bisognerebbe delegittimare sindaco e giunta, come per le infiltrazioni mafiose, e sostituirgli un commissario fino a nuove elezioni. Non per qualsivoglia considerazione di merito, ma perchè infiltrati dalla non politica, assai peggio di mafia e fascismo. Diciamo basta al rinc*****nimento dilagante, proprio mentre i problemi veri ci stanno seppellendo sotto mari di fango e di m**da.

  • 4

    Concordo in pieno con GranchiF: è (e dev’essere) tollerabile e tollerato che ognuno creda nella propria religione (o non creda affatto) e che porti su di sè i relativi simboli religiosi (se liberamente intende farlo): in questo senso non è rintracciabile omologazione alcuna. Secondo me i simboli religiosi nei luoghi pubblici creano una contraddizione con la definizione di stato laico, e  contemporaneamente la loro non esposizione non è una costrizione per nessuno.

  • 3
    GiovanniMarucci

    Post ampiamente condivisibile, ma in cui si avverte uno spirito di rivalsa nei confronti del cristianesimo, giustificato dal cattivissimo uso che nei secoli se ne è fatto.

    Gesù ha abolito la religione, ma purtroppo nei secoli il cristianesimo è stato anche usato come una religione, con tutto ciò che ne consegue, scandalizzando e marginalizzando tanti cristiani.

    In questo periodo, però, leggo e sento da più parti, una totale voglia di negazione, di revisionismo finalizzato all’azzeramento e cancellazione totale, portando alcuni anche a negare l’esistenza di Gesù (non sono un uomo di cultura, ma mi sembra che nemmeno gli Ebrei sostengano questo).

    Forse è eccessivo il paragone, ma c’è anche un revisionismo riguardo l’olocausto.

    Comprendo e condivido questa reazione perché parte da fatti concreti, da errori grossolani, da tutto ciò che le religioni mettono in campo per addomesticare le persone (al pari dei vari regimi: anche atei), ma ho l’impressione che si stia andando oltre.

    Forse mi sono fatto abbindolare da alcuni ciarlatani e faccio parte di una setta, ma le informazioni riguardo i vangeli apocrifi, sulle simbologie di cui la bibbia è piena, sui generi letterari, gli antropomorfismi, sul fatto che la scrittura ebraica, priva di vocali, possa essere manipolata agevolmente sono diverse.

    Si nomina spesso il “sacrificio di Isacco”, ma a quel tempo era uso comune sacrificare i primogeniti ed Abramo pare che abbia dato una svolta a quella pratica. E’ Dio che lo ha messo alla prova? Ma questo era un modo di pensare del tempo (ed anche da parte di alcuni ai tempi nostri purtroppo).

    La “Geenna” era un luogo dove si praticavano anche sacrifici di bambini, così gli ebrei la trasformarono in discarica, al fine di impedire queste pratiche religiose.

    Non mi dilungo oltre sia perché non sono la persona adatta, sia perché questo non è lo strumento adeguato, ma posso invitarvi a leggere od ascoltare “Alberto Maggi”, “Carlo Molari”, “Lilia Sebastiani”, “Arturo Paoli” …. (la lista sarebbe lunghissima) che hanno da dire ben altro, ma che anche condividerebbero quanto è scritto nel post.

    Ripeto, probabilmente mi sono lasciato ingannare, ma a questo punto andrebbero immediatamente e radicalmente bannati o boicottati Alex Zanotelli, Sandro Ciotti, Bregantini …. in quanto ciarlatani e pericolosi, perché si fondano su una grande favola raccontata ad arte per sottomettere le persone.

     

  • 2
    OmarValente

    E’ da tempo che mi pongo una domanda….

    Libertà, tolleranza e accettazione passano attraverso la rimozione di qualunque tratto distintivo?

    non sono cattolico e non ho un crocefisso in casa, ma penso che se per andare d’accordo dobbiamo tutti forzatamente omologarci forse vuol dire che questa società non è pronta per concetti come tolleranza e accettazione.

    • 2.1
      GranchiF

      No, non è così.

      Ognuno è libero di portare i suoi tratti distintivi con sè (carocifisso al collo, catenina, etc) ma in nessun luogo pubblico di uno stato LAICO può e deve esserci l’obbligo di esposizione di un simbolo religioso.

       

      Io penso che l’unica vera integrazione sia possibile in uno Stato libero da ogni religione o simbolo religioso ma che permette a tutti di portare i propri simboli religiosi su di sè.

       

      P.S.: gran bel post. Davvero stupendo.

  • 1
    dolcezza 44

    Caro Claudio, un post meraviglioso, non che gli altri siano da meno. Ti leggo sempre volentieri e invio i tuoi post anche alle persone che stimo. Questo inno all’unico solo Dio mi ha commossa anche perchè io appartengo ad un altra Fede Religiosa: la Fede Bahà’i, dove ogni religione monosteista è riconosciuta come parola dell’unico vero Dio che si è manifestato in progressione nei tempi attraverso diverse Manifestazioni di cui le più recenti sono Mosè, Maometto, Cristo e Bahà’u’llah. Il Verbo divino portato per l’uomo del tempo, per il mondo conosciuto all’epoca, per i diversi modi di vivere e di capire le cose. Per l’uomo moderno la Manifestazione di Dio è Bahà’ullah che è venuto sulla terra in Iran nel 1817. La Sua parola è magnifica, lungimirante, piena d’amore e comprensione ma anche ricca di suggerimenti per come comportarsi per unire tutta l’umanità, per usare con saggezza le risorse della terra, contro ogni estremo di ricchezza e povertà, dove la Giustizia è tra le virtù più importanti insieme alla Sincerità. Basterebbe che ogni uomo di Fede cercasse di capire la Fede dell’altro per un confronto ed uno scambio per l’unione e la pace invece di sventolare solo simboli davanti alle armate. Ancora grazie per tutto il tuo lavoro e il tuo sacrificio. un abbraccio. Gabry

  • 0
    enrico

    Grazie, Claudio. Impossibile un commento, solo un grazie.

  • -1
    Linus

    Solo una precisazione: il quarto evangelista non è Simone, bensì Giovanni.

     

  • -2
    teleabuso

    Gran bel postaccio! [il suffisso -accio in questa parte di meridione dove asfissio è da intendersi naturalmente in senso opposto a quello spregiativo].

    Sembra di essere ritornati indietro di secoli con queste diatribe del crocifisso, sì da far pensare a un medioevo prossimo venturo. Trovo geniali e illuminanti a tale proposito alcuni degli aforismi e intermezzi, contenuti in Al di là del bene  e del male di Friedrich Nietzsche…

    Non il loro amore per gli uomini, ma l’impotenza del loro amore per gli uomini impedisce ai cristiani di oggi di mandarci al rogo.

    Si è estremamente disonesti verso il proprio Dio: egli non può peccare!

    L’amore per uno solo è una barbarie, poiché essa viene esercitata a scapito di tutti gli altri. Anche l’amore verso Dio. 

    Chi si sente predestinato alla contemplazione e non alla fede, trova tutti i credenti troppo rumorosi e pressanti: si tiene lontano da loro.

    Il diavolo ha verso Dio la visuale più ampia, perciò si tiene  così lontano da lui – il diavolo, cioè il più vecchio amico della conoscenza.

    Il cristianesimo fece bere a Eros il veleno: – in realtà egli non ne morì, ma degenerò in vizio.

     A me personalmente il crocifisso non mi ha dato mai fastidio, anche perché non sono un vampiro, ma adesso si esagerà: multe e sospensioni agli insegnanti per una c**zata del genere, mentre sua eminenza il premier, che ha dissanguato e crocifisso l’Italia, è ancora a piede libero, troppo libero. 

    Cavour non diceva forse “libera Chiesa in libero Stato?”… Tutto cambia e quindi oggi si potrebbe dire adeguatamente: libera Chiesa in Stato libertino

    Le religioni sono tante e nessuna di esse è meglio di un’altra. Dio se esistesse non può essere che uno. Se esistesse dovrebbe morire, come è giusto, perciò – se siamo credenti – riserviamoli almeno una degna superesistenza! Le religioni sono frutto di una sfrenata fantasia, scaturite probabilmente da uno stato di coscienza alterata di qualche individuo anomalo che poi ha fatto scuola e commercio delle sue visioni. Krisna, Dio, Allah, Budda, Giove, Odino, ecc. sono la proiezione delle nostre mancanze delle nostre paure, della nostra ignoranza, poiché siamo profondamente ignoranti e questo ci porta a chiederci e a porci tante domande, tanti perché senza risposta. Il pensiero finisce così per invischiarsi in un circolo vizioso incapace di dare risposte, esaurienti e appropriate, esaurendosi in sé stesso. Non sono un ateo e nemmeno un credente, vale a dire: non mi pongo il problema amletico se credere o non credere. Perché credere o non credere in Dio?… E poi, direbbe qualcuno, Dio crede in me?

    Concordo con Marx sul fatto che la religone è l’oppio dei popoli, il cui scopo in ultima analisi è quello di dominarli, asservirli, perciò Stato e Chiesa (anche se spesso storicamente  in disaccordo fra loro) hanno trovato sempre in un modo o nell’altro un’intesa.

    Dio è un invenzione di estrema utilità perché risponde a un’esigenza profonda dell’essere umano. Questo bisogno di assoluto però viene tradito dalla religione stessa, nel nostro caso il cristianesimo, che di questa esigenza vitale ne ha fatto un sistema di dogmi, di privazioni, di  rituali a volte nocivi: vedi l’infubulazione in certa parte dell’Islam; non parliamo poi delle colpe atroci della Chiesa…

    Il nostro non è uno Stato laico ma uno Stato laido, dedito alla mafia, alle p****ne alla corruzione e premurioso verso i crocifissi. Prima la questione del crocifisso mi era indifferente, adesso sarei disposto anche a pregare Dio, Cristo e la Madonna, affinché tolgano sto c**zo di croficisso dai luoghi pubblici. Bastaaa!…. Dalle mie parti si dice “Ch’i vo’ Criste ci’u preghe” (Chi vuole Cristo se lo andasse a pregare!).

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

CARLO SIBILIA (M5S): BASTA GOVERNI IMPOSTI, ORA POTERE AL POPOLO!

Carlo Sibilia Potere al Popolo Carlo Sibilia, deputato del Movimento 5 Stelle: nazionalizzazione di Monte dei Paschi di Siena, basta governi non decisi dai cittadini e restituzione del potere al popolo. ...GUARDA

VERGOGNOSO: GIULIO SAPELLI INIZIA A PARLARE DI MES E TROIKA E… TAAC: CAMBIANO DISCORSO!

Giulio Sapelli CondizionalitàL'economista Giulio Sapelli, dopo la mossa della BCE che non ha concesso tempo a MPS per la ricapitalizzazione, aprendo così la strada agli aiuti di Stato (e quindi al MES, con il commissariamento che ne deriva), inizia a parlare di MES e di pesanti condizionalità da sopportare. Ma il conduttore...GUARDA

Massimo Fini invoca i Cinque Stelle e un “dictator” per governare su tutti.

scontro-ronzullo-de-sanctis-si-vergogni Massimo Fini invoca un "dictator" per governare su tutti. Poi dà del delinquente a Berlusconi (e chiama "Saluzzi" la De Sanctis), con il plauso di Vittorio Sgarbi. Licia Ronzulli se la prende e offende Federica De Sanctis, Sky Tg24: "Si vergogni, come conduttrice e come donna!...GUARDA

Giulietto Chiesa: ultima chiamata contro il commissariamento

Giulietto Chiesa: ultima chiamata contro il commissariamento Giulietto Chiesa parla del dopo Renzi, richiama l'attenzione sulle insidie del ricorso al fondo salva stati (volgarmente detto Esm o Esm) e lancia la sua proposta per impedire ai ladri di sovranità di portare a termine i loro piani sulla pelle dei cittadini. (altro…)...GUARDA

Claudio Messora su RadioRadio: “Okkio alla Troika”

claudio-messora-radioradio-radio-radio-okkio-alla-troika Questa mattina alle 10 ho informato gli ascoltatori di "Un giorno speciale", in onda su RadioRadio, della necessità di restare in guardia sulla possibilità che un Governo (doppiamente illegittimo, oggi come oggi) chieda di fare ricorso all'Esm, commissariando di fatto l'Italia e imbrigliando qualunque Governo a...GUARDA

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>