Beppe Alfano

 

Beppe Alfano viveva in Svizzera. Non quella vera, ma la svizzera siciliana, quella che i mafiosi definivano provincia babba. Un po’ come i babbani per Harry Potter, ovvero gli umani sprovvisti di poteri magici, così il territorio di Messina era sprovvisto di mafiosi. Un comune demafiosizzato. Almeno in apparenza…
In realtà, come in svizzera si esportano capitali per sottrarli al regime di tassazione italiana, la provincia babba pullulava di mafiosi clandestini. Come se potesse esistere poi un mafioso regolarizzato. Ci andavano per passare le ferie in santa pace e, approfittando delle opportunità offerte dal telelavoro – loro sì che erano avanti -, concludevano affari su affari.

 

E chi poteva raccontarlo, questo, se non un insegnante di educazione tecnica? Forse un giornalista? …non sia mai! Quello è solo un modo per appuntarsi un tesserino sulla camicia e usufruire di sconti e convenzioni. Beppe il tesserino non ce l’aveva, non l’aveva mai avuto. Scriveva per la Sicilia, – 5 mila lire a pezzo -, ma lo faceva per passione. Ed è solo la passione che può spingerti a scoprire e denunciare il latitante Nitto Santapaola, celato sotto le spoglie di zio Filippo. E’ solo per passione che puoi avviare un’indagine sul traffico internazionale di armi, e solo grazie alla tua passione puoi individuare e denunciare un ganglo di massoneria deviata, coperto da rito scozzese, che specula sul traffico di arance.
Tanta passione, nessun tesserino: facendo due conti, oggi Beppe Alfano sarebbe stato un blogger.

Fu freddato la sera dell’8 gennaio 1993, a Barcellona Pozzo di Gotto, con tre proiettili calibro 22.

Venerdì scorso ricorreva il diciassettesimo anniversario della sua morte. Come ogni anno, a Barcellone Pozzo di Gotto si è tenuta la commemorazione di Beppe Alfano, che rappresenta l’intenzione di non estinguerne il ricordo, di seminare il germe della coscienza civica e di dare al suo sacrificio un senso superiore.

Ho raggiunto Sonia Alfano telefonicamente. Le ho chiesto di parlare di suo padre. L’intervista, che potete ascoltare nel video, dura 24 minuti, ma vi posso assicurare che ne vale la pena. Dal minuto 18:38  in poi abbiamo parlato anche del caso Tartaglia – Berlusconi, sul quale Sonia esprime una posizione coraggiosa.

 

Intervista a Sonia Alfano


CLAUDIO: senti Sonia, l’8 gennaio, due giorni fa, a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina c’è stata la commemorazione per il 17° anno dalla morte di Beppe Alfano, tuo padre. Ti sentiresti di raccontarci chi era tuo padre e per quali ideali è morto e in quali circostanze?SONIA: guarda, mio padre è persona assolutamente normalissima, con pregi, difetti, testardaggine. Una persona estremamente determinata e soprattutto molto buona e molto altruista. Quello che ho potuto apprezzare anche dopo la morte di mio padre, perché me l’hanno riferita tante altre persone, è che comunque lui aveva un profondo rispetto delle idee altrui. Io ho visto ai suoi funerali esponenti della sinistra siciliana, esponenti di spicco. Poi loro stessi mi raccontarono che più volte avevano avuto modo di confrontarsi con mio padre che invece era un uomo di destra, mi raccontavano insomma dei loro confronti, del fatto che comunque mio padre era uno di quelli che in maniera più determinata accettava questo confronto probabilmente perché forte delle proprie idee. Quindi la presenza di queste persone ai suoi funerali, gli attestati di stima da parte loro sicuramente mi hanno dato un elemento in più su cui riflettere, un elemento che fa poi il corollario della personalità di quest’uomo e mi ha confermato il fatto che comunque mio padre ha avuto anche la capacità – e questo penso che debba essere stato per lui molto forte – di guardare all’interno del proprio schieramento politico e di esaminarne le criticità e di metterle in piazza. Lui denunciò i suoi stessi colleghi di partito, li denunciò pubblicamente e per questo lui fu espulso da quello che ai tempi era il Movimento Sociale Italiano, fu espulso, gli strapparono la tessera. Lui mi ricordo che propose diverse interrogazioni parlamentari che riguardavano le truffe ai danni dei fondi europei e le propose a quelli che erano appunto gli esponenti del Movimento Sociale Italiano e non appena lui capì che questi personaggi lo stavano assolutamente palleggiando lui non esitò due minuti a prendere tutti i suoi carteggi e a proporre le interrogazioni a esponenti dell’allora PDS. Una persona che dal punto di vista politico e intellettuale io ho avuto la capacità di apprezzare anche perché sono arrivati questi attestati di stima. Poi se devo entrare nel privato o nell’intimo io devo dirti che è stato un padre straordinariamente presente, un padre con cui potevi discutere di tutto. Io ricordo che fin da ragazzina raccontavo a mio padre i miei problemi, problemi adolescenziali di ragazzina, le prime cottarelle, e ho trovato una persona molto attenta. Perché io ricordo che le miei compagne invece non parlava con i genitori, soprattutto con il padre, io invece a mio padre raccontavo tutto e lui è stato furbo, molto intelligente, perché l’età dell’adolescenza è un’età molto particolare, io la sto vivendo adesso con i miei figli. Se da genitore non riesci ad intavolare con loro un buon rapporto e non riesci a farti raccontare tutto quello che riempie la vita dei figli, a questo punto ti riesce più difficile controllare e vivere la crescita dei tuoi figli. Per cui mio padre per me è stato questo, una persona con cui poter discutere di tutto senza mai dimenticare il suo ruolo, il ruolo comunque di padre. Per me e per i miei fratelli è stata una persona estremamente presente, si interessava. Io ricordo che a casa nostra molto raramente si cenava o si pranzava con la televisione accesa perché lui voleva sapere tutto quello che si faceva a scuola, quello che si faceva con gli amici, di cosa si discuteva, era molto attento alle nostre amicizie, a chi frequentavamo. Era una persona che a distanza di diciassette anni ancora ti manca. Anzi io posso dirti che più passa il tempo e più manca la presenza di quest’uomo nella nostra famiglia, persona che – ti ripeto – ha sempre determinato il punto fermo in quella famiglia.CLAUDIO: anche se tu probabilmente ne hai elencato le qualità e stai comunque percorrendo la tua carriera nel solco di quelli che erano i suoi ideali, i suoi principi. Ma a beneficio di quelli che non lo sanno, potresti raccontarci in quali circostanze è morto e che cosa stava facendo?SONIA: lui intanto era un insegnante di educazione tecnica alle scuole medie, però ha sempre avuto l’hobby del giornalismo, proprio un pallino fisso. Giornalismo, soprattutto giornalismo di inchiesta, cronaca. Per cui lui ha cominciato prima con le radio private, poi le televisioni private, fino a quando è approdato alla carta stampata e ci è approdato perché ricordo che c’era stata l’ennesima guerra tra clan mafiosi e lui era stato l’unico in grado di leggere l’inizio di quella guerra e cominciò la sua attività con la carta stampata descrivendo il funerale blindato, la morte del figlio del capo mafia ed era una cosa molto particolare perché quella del figlio di Pino Chiofalo detto “Pinu u scieccu” e quello fu un funerale blindato, io ancora lo ricordo per quanto fossi ragazzina. Lui lo raccontò appostato davanti alla chiesa, su un edificio in costruzione, raccontò questo funerale che segnava l’inizio di una nuova guerra di mafia. Lui cominciò a scrivere di fatti di mafia cominciò ad indagare soprattutto. Ecco perché dico giornalismo di inchiesta. Lui arrivava sempre per primo sui luoghi dei delitti. Io ricordo che la nostra zona, la zona del messinese, Barcellona Pozzo di Gotto, più di 120 omicidi in pochissimi anni. Io ricordo che nel ’92 al 7 gennaio c’erano già cinque morti ammazzati. Quindi comunque è una terra disgraziata sotto questo aspetto, terra chiamata sempre “provincia babba” perché nulla doveva succedere in quella zona perché serviva a garantire la roccaforte dei latitanti di un certo tipo come Nitto Santapaola o Bernardo Provenzano. Per cui le sue indagini erano le truffe ai danni dell’Unione Europe, truffa ai danni dell’Aima, nel campo delle arance. Aveva intercettato un traffico di armi internazionali con i paesi del sud America, traffico di droga, spaccio. Si era soffermato tantissimo sugli appalti del Comune di Barcellona, il piano regolatore e anche sull’Aies, una truffa ai danni dell’Aies. Credo personalmente che quello che probabilmente gli è costata la vita è stato il fatto che lui era riuscito a capire da solo che la persona che abitava da qualche tempo quasi di fronte a casa nostra, a circa 30 metri da casa nostra, e che era riverito da tutti, compreso un maresciallo dell’Arma dei carabinieri della locale Stazione, e tutti quanti a Barcellona lo chiamavano “zio Filippo”, mio padre capì subito che quello non era lo zio Filippo bensì era Nitto Santapaola. Lo raccontò a un magistrato che riteneva amico, lo raccontò soprattutto ad alcuni i carabinieri. Mio padre in alcuni appunti che furono poi ritrovati, furono poi salvati nella memoria del suo computer, lui scrive che appunto questa persona per lui è Nitto Santapaola e scrive soprattutto che a suo parere da qualche settimana tutti i venerdì sera dopo le 22.00 nei pressi di casa nostra a suo giudizio si riunivano esponenti di spicco di una loggia massonica coperta da rito scozzese. Lui scrive appunto nel suo computer…CLAUDIO: coperta da… scusa?SONIA: coperta da rito scozzese. È un rito molto particolare. Lui scrive nel suo computer che si riuniscono tutti i venerdì dopo le 22.00. Questo è un particolare agghiacciante se poi consideriamo che mio padre è morto proprio di venerdì, tra le 22.18 e le 22.22.

CLAUDIO: ma c’è una verità processuale?

SONIA: guarda, è una verità processuale molto parziale, della quale noi non ci siamo mai accontentati perché nel ’99 è stato condannato a 30 anni con sentenza definitiva Giuseppe Gullotti perché ritenuto mandante militare, cioè il boss che diede l’assenso. Nel 2006 fu condannato a 21 anni e 6 mesi con sentenza definitiva Antonio Merlino, ritenuto il killer, cioè la mano armata. Però a noi mancano ancora i mandanti, cioè i cosiddetti mandanti di terzo livello, coloro i quali hanno deciso, hanno voluto questo delitto perché mio padre, così come riportato da pentiti del calibro di Di Matteo e di Brusca, mio padre aveva rotto le palle in quel territorio, scusate il termine. Però loro riportarono proprio questa cosa. Si fece proprio una riunione a San Giuseppe Jato alla presenza appunto dei corleonesi e i barcellonesi andarono lì nella persona di Giuseppe Gullotti che ricordo, per chi non lo sapesse, così come stabilito da Brusca nel corso delle sue dichiarazioni, Brusca ha detto che Giuseppe Gullotti, capomafia barcellonese, fornì ai palermitani il telecomando che fece saltare in aria Giovanni Falcone, la moglie e la scorta. Quindi immaginate bene che ruolo ha avuto in certe vicende importantissime il ruolo dei barcellonesi. Per cui, insomma, mio padre ha osteggiato e cercato di ostacolare il percorso di certi personaggi, comunque il percorso mafioso del sistema barcellonese. Per questo lui è stato fatto fuori la sera dell’8 gennaio 1993 mentre rientrava a casa dopo aver preso mia madre dal lavoro. Lui vide queste persone probabilmente, stava già rientrando, era già entrato nel portone, invece vide queste persone passare e probabilmente la sua attenzione è stata richiamata da quella che era la sua convinzione, la presenza di queste persone all’interno di una loggia massonica e rimise l’auto in modo, cercò di andare incontro a queste persone che poi alla fine ne decretarono la morte, gli spararono con tre colpi calibro 22.

CLAUDIO: è cambiata qualche cosa dopo 17 anni a Barcellona Pozzo di Gotto, secondo te?

SONIA: guarda Claudio, bisogna fare un’analisi molto approfondita, perché se no rischieremmo di essere molto qualunquisti. Barcellona ha sempre vissuto questo evento rifiutando, rifiutando anche la figura di mio padre, ma perché da una parte continuiamo ad avere a che fare coi personaggi a cui ovviamente la morte di mio padre forse continua a dare più fastidio adesso, a distanza di 17 anni, e che hanno sempre provveduto artatamente a mettere in giro voci che poi sono le stesse che circolarono su Pippo Fava, su Peppino Impastato, quindi una strategia della mafia, finché hanno screditato e continuano a cercare di screditare la sua figura dicendo che comunque quello non è un delitto di mafia ma un delitto maturato nell’ambiente passionale. Insomma le solite cattiverie studiate. Poi dall’altra c’è una parte della cittadinanza, che ovviamente è la stragrande maggioranza, che però ha paura a schierarsi perché quello è un posto dove si conoscono tutti e bene o male sono tutti imparentati. Quindi c’è la paura a schierarsi, a farsi vedere. Quello che più mi dà forza è che in questi ultimi anni sono stata contattata sempre più da molti ragazzi barcellonesi, ragazzini che comunque chiedono, si informano, voglio materiale processuale, poi si informano, alla fine capiscono, si rendono conto di che tipo di personaggi ci sono a Barcellona, dove c’è un magistrato che oggi ricopre il ruolo di Procuratore generale della Corte d’Assiste d’Appello di Messina, Franco Cassata, che era iscritto, è iscritto, perché è uno dei principali animatori della Corda Frates. Loro la definiscono un’associazione culturale, per me è un’associazione paramassonica. Considera che lui è iscritto a questa associazione culturale – tra virgolette – che si chiama Corda Frates. A questa loggia, a questa associazione ci è iscritto da tanto il senatore Domenico Nania, ci è iscritto il sindaco Candeloro Nania, e tu pensa che all’8 gennaio del ’93 erano iscritti tutti questi personaggi e ci era iscritto anche Giuseppe Gullotti, il mandante dell’omicidio di mio padre. Per loro è assolutamente normale. Quando invece i ragazzi a Barcellona hanno la possibilità di poter leggere atti processuali, di potersi informare, eccetera, di poter anche decidere autonomamente, senza l’influenza magari delle proprie famiglie, dei propri amici, parenti, eccetera, si rendono conto di che razza di ambiente è e quindi se ne distaccano, mi hanno contattato, ci siamo conosciuti, abbiamo fatto delle iniziative insieme. Oggi come oggi se tu mi dovessi chiedere “Barcellona ha meritato la morte di tuo padre?”, io oggi come oggi ti dico no, però sono sicura che col tempo, passeranno tanti anni probabilmente, ma io sono sicura che col tempo cambierà la mia risposta, nel senso che comunque io sono sicura che alla fine vincerà mio padre e dimostrerà che la sua morte ne è valsa la pena, che Barcellona ha meritato la sua morte. Probabilmente io non so se riuscirò a vedere questa cosa, però poi ci saranno i miei figli, continueranno i miei figli in questo, ma io sono sicura che alla fine vincerà mio padre.

CLAUDIO: speriamo, speriamolo anche per tutta l’Italia. Ma se tuo padre fosse ancora vivo forse oggi sarebbe un blogger, avrebbe aperto un blog e queste verità sarebbero state scritte di suo pugno e sarebbero rimaste nella rete a beneficio di tutti. Sonia, per concludere, tu sei stata eletta con i voti della rete e adesso sei al Parlamento Europeo. Ci puoi raccontare in breve quali sono le battaglie che stai conducendo, di cosa ti occupi?

SONIA: guarda, io mi occupo di una commissione molto fondamentale, la Commissione Libertà pubbliche che si occupa anche di giustizia, di sicurezza, affari interni e immigrazione, e sono anche membro sostituto nella Commissione controllo di bilancio. Io mi occupo sostanzialmente di tantissime cose, ho portato al Parlamento Europeo con i miei colleghi la risoluzione sulla libertà di stampa in Italia, una cosa che ho voluto io e porta la mia firma, che poi i miei colleghi hanno sostenuto, così come porta la mia firma l’interrogazione sull’immigrazione e sulla violazione da parte dell’Italia di tutte le norme e di tutte le convenzioni rispetto ai respingimenti dei barconi quest’estate. Sono relatrice unica per il Parlamento per quanto riguarda la rete europea di prevenzione del crimine. Ho portato al Parlamento Europeo lo scandalo della legislazione italiana sulle morti bianche, sugli inceneritori. Adesso mi sto occupando del NO TAV. I miei colleghi del PdL dicono che sono un’antitaliana. Molto più semplicemente io mi ritengo un’antimafiosa e soprattutto cerco di difendere, per quello che mi è possibile, la mia costituzione. Proprio per questo motivo il primo atto che ho presentato al Parlamento italiano, noi ci siamo insediati il 14 luglio, io il 15 luglio, mi pare, ho presentato la prima interrogazione che era sul Lodo Alfano. Quindi il problema è questo, io non sono antitaliana, però se in Italia le istituzioni anziché difendere la propria Costituzione la attaccano allora io sono costretta ad agire in emergenza e quindi mi rivolgo a chi di dovere. Perché ricordiamoci, essere in un paese tra i 27 nell’Unione Europea, dovrebbe – sottolineo dovrebbe – comportare rispetto innanzitutto della Costituzione di appartenenza e poi rispetto delle leggi che sono state stipulate dai 27 paesi europei. Se consideriamo invece che l’Italia è il paese che tra i 27 ha più multe e più condanne da parte dell’Unione Europea e dalla parte della Corte di Giustizia Europea, forse ci rendiamo conto che in questo paese c’è qualcosa che non va e io prima di aiutare chi sta fuori dall’Unione Europea, io preferisco aiutare, ho il dovere di aiutare il mio paese e i miei concittadini. Poi, è ovvio, c’è qualcuno che può anche pensare e che la pensa – è giusto che sia così, vivaddio – in maniera assolutamente diversa da me, però questo dovrebbe avvenire sempre nell’ambito della correttezza e del confronto civile e a me francamente questo manca, devo dire. Perché io sono stata una dei pochissimi ad avere il coraggio – lo ribadisco – di condannare l’atto di violenza probabilmente subita da Berlusconi, ma sono stata una dei pochi a dire che pur condannando la violenza, ma l’avrei condannata per chiunque, non per Berlusconi, che pur condannando l’atto di violenza non ho sentito e non sento la necessità di manifestargli la mia solidarietà, tanto più che ho dei dubbi su quell’aggressione, dubbi che sono stati avvalorati da una trasmissione televisiva tedesca e che soltanto in Italia facciamo finta di non sapere. La verità è che in Italia c’è la maggior parte degli italiani che hanno dei dubbi sulla veridicità di quell’aggressione ma pochi hanno il coraggio di dirlo, perché altrimenti rischieremmo di essere impopolari. Io invece preferisco essere impopolare e dire quello che penso. Io dubito dell’aggressione. Dubito perché purtroppo siamo un popolo che non ha memoria. Abbiamo dimenticato quello che è accaduto venti anni fa, quello che ha fatto Gelli, Andreotti, eccetera. Ma pensa se possiamo ricordare quello che è successo il 9, il 10 di dicembre, per esempio l’11 dicembre quando Berlusconi era a Bonn, al Congresso del PPE (Partito Popolare Europeo) e tra un disegno e l’altro, perché lui stava disegnando gli slip femminili e questo nessuna televisione, nessun giornale italiano lo ha pubblicato, lo ha pubblicato la stampa britannica. Mentre lui stava disegnando slip femminili ha fatto il suo intervento attaccando ovviamente l’istituzione italiana, la Costituzione italiana. Ricordiamoci cosa è successo in quei giorni, quando Fini e Napolitano, il Presidente della Repubblica, chiedevano a Berlusconi conto e ragione delle sue dichiarazioni. Berlusconi era in discesa libera, era in caduta libera in questo paese. Si parlava già di elezioni. Arriva poi quella statuetta del duomo, non so di che materiale è, ma poteva anche essere un modellino riprodotto in cartapesta, arriva quella statuetta e all’improvviso Berlusconi viene beatificato e dimentichiamo tutti quanti, soprattutto la gran parte dell’opposizione dimentica chi è Berlusconi, cioè un corruttore, un frequentatore di mafiosi, visto che lui reclama e sponsorizza la sua amicizia con Vittorio Mangano, dimentichiamo tutti quanti che lui è tessera 1816 della loggia P2. Dimentichiamo tutto questo. Io non lo dimentico. Io condanno l’atto di violenza perché probabilmente è stato subito da Berlusconi, però perché nessuno ha condannato la violenza che hanno subito gli immigrati e che continuano a subire gli immigrati, i clandestini che sembrano essere il problema dell’Italia? Però nessuno parla degli immigrati che passano invece alla frontiera, dai valichi dell’Italia, del nord Italia, perché è frutto di un accordo tacito con la Romania. Questo non lo dice nessuno, non lo dice assolutamente nessuno perché si rischia di essere impopolare. Allora io preferisco essere impopolare, però preferisco dire quello che penso ed essere soprattutto coerente con me stessa. Questo è un paese che dimentica di essere stato un popolo di emigranti. Ma se noi fossimo stati trattati così dagli americani quando siamo andati in America a fare fortuna con le valigie di cartone? Ma stiamo scherzando?

CLAUDIO: noi siamo andati in America con le valigie di cartone e abbiamo esportato la mafia. Ci siamo contraddistinti.

SONIA: appunto. Noi la stiamo esportando dovunque, perché l’abbiamo esportata in Germania, in Spagna, in Olanda, in Belgio. Adesso facciamo tutti i buoni e abbiamo al governo dei ministri che parlano di leggi razziali, che parlano dell’operazione “White Christmas”, ve la ricordate, no? Io impazzisco a sentire queste cose. Ministri che oggi sono ministri della repubblica che hanno detto che col tricolore si pulivano il sedere. Io fossi stato Napolitano…

CLAUDIO: hanno bruciato la bandiera.

SONIA: hanno bruciato la bandiera. Ma stanno scherzando? Questa è gente che ha giurato, che intasca i nostri soldi, che parla di Roma ladrona, però da Roma ladrona muove i tasti del comando e intascano i soldini da parte di Roma ladrona. Allora io non me la sento, non ci sto. Io ho un grandissimo rispetto per le istituzioni. Io ho amato profondamente Sandro Pertini e credo che se tornassimo indietro oggi queste cose ma neanche lontanamente, neanche in minima parte esisterebbero.

CLAUDIO: Sonia, adesso c’è un grosso movimento di cittadini sostenuti da una rete nuova di informazione libera. Ieri, come sai, eravamo al No Craxi Day a Milano, c’era anche Grillo, Di Pietro, c’ero io e c’era Piero Ricca, c’era Martinelli, poi anche Giulio Cavalli con la sua scorta e tanti tanti altri. La speranza è quella che continuando a sensibilizzare, a fare informazione vera, lasciando poi semplicemente parlare gli interlocutori senza tagli, senza cuciture, senza dirottare le interviste per nascondere o manipolare le idee e i contenuti, magari le persone,  anche grazie al vostro preziosissimo lavoro che state conducendo per noi, fuori dal Parlamento italiano, in Europa, gli italiani comincino, un po’ come i barcellonesi del resto, a uscire dalle loro case e a rendersi conto e a cercare di cambiare le cose.
Io ti ringrazio tantissimo per questo tuo intervento e a questo punto speriamo di risentirci presto con delle novità che arrivano da Bruxelles.
Grazie Sonia.

SONIA: grazie Claudio.

Trascrizione di MariaLaura Borruso

A Barcellona Pozzo di Gotto c’era anche Helene Benedetti, una che è sempre in pista. Ecco il suo resoconto.

 Il pullmann che ammutolì l’omertà mafiosa


di Helene BenedettiInformareXResistere

 L’8 gennaio a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, c’è stata la commemorazione per il 17° anniversario dalla morte di Beppe Alfano, insegnante con la passione per il giornalismo ucciso per mano della mafia.
Nessuno ne ha parlato: né i giornali di sinistra, né i giornali di destra, né il giornale nato qualche mese fa e che tutti vantavano e sventolavano come un traguardo per la libertà di informazione. Sembra quasi che anche per la cosiddetta informazione libera le vittime di mafia non facciano notizia. Persone che in nome della verità, della giustizia e dell’informazione hanno dato la propria vita non interessano ai giornalisti. Nessuno li ricorda. Si preferisce parlare sempre e solo di Berlusconi. come se tutto i mali del nostro paese nascessero e si esaurissero ad Arcore.  A Barcellona Pozzo di Gotto è radicata una forte organizzazione di stampo massonico-mafioso, ma la gente si è sempre ostinata a fingere di ignorarlo, non solo evitando di partecipare alla commemorazione annuale organizzata dalla figlia di Beppe Alfano, Sonia, ma cercando anche di  denigrare un uomo morto anche per loro, per amore del proprio paese, per amore della verità e della giustizia.
Guai a dire che a Barcellona Pozzo di Gotto c’è la mafia! Ogni anno, puntuali come un orologio svizzero, secondo uno schema collaudato e funzionale – in uso nel sistema mafioso come nel sistema paese – si presentavano finti contestatori ad urlare che Beppe Alfano fu stato ucciso per un delitto passionale,  nonostante la verità processuale sia un’altra.In occasione della commemorazione, noi liberi cittadini provenienti da tutta l’Italia, decisi a combattere la mafia, abbiamo così  organizzato un autobus. Venivamo da L’aquila, da Pescara, da Vasto, da Bologna,  da Lamezia Terme, da Perugia, da Eboli, da Roma… ci siamo incontrati tutti a Roma, e poi sulla strada abbiamo raccolto altri cittadini, tutti ugualmente arrabbiati e consapevoli che non avrebbero trovato un’atmosfera idilliaca, ma convinti della necessità di scendere in campo!Barcellona Pozzo di Gotto è un paese dove la mafia la guardi dritta negli occhi. Se ne sente il puzzo, riesci quasi a toccarla. Dietro le finestre si intravedono gli abitanti immobili, che non hanno nessuna intenzione di scendere per commemorare un uomo cui la vita è stata tolta anche per loro. I più curiosi scendono in strada, con aria indifferente, appoggiati ai muri o alle macchine parcheggiate. Osservano questi strani individui che hanno fatto chilometri per venire a dimostrare che bastano un po’ di buona volontà e determinazione.Quest’anno, per la prima volta, non c’è stata nessuna contestazione, solo una commemorazione degna,  piena di applausi, di occhi lucidi, di sorrisi densi di solidarietà. Per noi è stata come una vittoria. Si, abbiamo vinto una piccola battaglia: l’8 gennaio 2010 un pullman di gente onesta ha capito che la mafia si può perlomeno mettere a tacere. Adesso non ci fermeranno più.Cari barcellonesi, vi aspettavamo. Eravamo li per liberarvi dalle vostre paure, per incoraggiarvi, per iniziare insieme a voi un cammino difficile ma pieno di speranza. C’eravamo e ci saremo anche l’anno prossimo. Saremo il doppio, saremo sempre di più, fino a quando tutti i barcellonesi onesti non scenderanno in strada insieme a noi!

1, 2 , 3, 4, 5, 10, 100 passi!

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

14 risposte a Beppe Alfano

  • 1
    Lalla70

    E’ indubbiamente difficile metterci la faccia quando si vive in certe realtà, ma con il silenzio e la complicità non si vive degnamente. Soprattutto quando da tutta Italia ti dimostrano di non essere solo a combattere.

    Grazie per la testimonianza.

  • 0

    http://oggi.jimdo.com/

    Qualcuno vorrebbe l’Italia come il Far West, dove chi è più forte (comunque lo sia diventato) costruisce la ferrovia.Beh! se l’Italia viene vista come il Far West,difendiamo la diligenza dall’assalto.

    La diligenza trasporta i nostri valori, i nostri diritti che sono poi i valori e i diritti universali. La diligenza è composta da persone di diverse religioni, di diverse idee politiche, di diverso ceto sociale, di diverse professioni ma da persone uguali nella volontà di veder rispettate le regole del gioco e che non ci stanno a sottomettersi agli attacchi che lungo il cammino subiscono. Gli attacchi alla diligenza arrivano da diverse direzioni:destra, sinistra, sopra, sotto.Chi resiste agli attacchi è unito da un legame, da un filo sottile ma robusto come una fune. RESTIAMO UNITI E RESPINGIAMO GLI ATTACCHI

  • -1
    andrea

    penso di essere ripetitivo e scontato ma non posso che dire

    GRAZIE SONIA

    e grazie Claudio

  • -2
    Adduso

    Non ci sono innanzitutto parole per una figlia che si vede uccidere il Padre. Ancor più quando viene ucciso perché faceva il proprio civile dovere denunciando il noto malaffare che ci sovrasta. Quindi tutta la mia piccola sentita solidarietà. Tuttavia, se è vero che la verità può essere depistata da servizi segreti, massoneria, associazioni varie, ecc., è pure vero che c’è un momento nel quale, per legge, tutto arriva nelle mani della Magistratura. E come ho scritto in un mio post (Malagiustizia Capitolo 3° http://www.facebook.com/note.php?note_id=10150115844113653) per esperienza diretta in trincea giudiziaria, a quel punto a fuorviare i fatti e distorcere i documenti, può essere anche una certa Magistratura. Se non si prende atto di ciò, del fatto che non può esistere Essere Umano, Istituzione o Governo, che non debba dare conto ed avere responsabilità, significa deliberatamente rendersi complici e sottomessi ad altri ‘’poteri’’. Siamo tutti esseri viventi, e poi umani. Credere di avere o che qualcuno possa disporre del dono dell’oggettività eterna o della comprensione assoluta, è solo segno di delirio d’onnipotenza o di dissociazione dalla realtà, in sostanza quelle cose che più volte hanno portato non solo i singoli, ma anche intere comunità sull’orlo del baratro sociale ed economico, se non persino nel precipizio delle oligarchie, delle dittature e delle guerre, oppure nelle braccia della criminalità politica, istituzionale e mafiosa.

  • -3
    monimelija

    Sono orgogliosa che anche il mio voto abbia permesso a Sonia Alfano di sedere al Parlamento Europeo, insieme a Luigi De Magistris.

    Beppe Alfano è uno degli eroi di questa Italia malata e marcia, che rende onore alla parte buona del paese.

    Questo è il nome che vorrei per la via della mia città e di tutte le città d’Italia, altro che Craxi il ladrone.

  • -4
    ciccio

    Tutto il mio microscopico sostegno a Sonia Alfano per quello che ha detto, che rappresenta l’opinione di una stragrande maggioranza di persone informate. Il resto si beve i soliti ordini subliminal-catodici.

     

    P.S. se vedete la guancia di B. dopo il lancio è illesa, mentre nelle prime foto il cerottone gigante copre proprio quella parte illesa…. serve altro?

  • -5
    schumyno

    Credo proprio che non ci sia nulla da aggiungere. Le parole di Sonia toccano il fondo dell’anima, e fanno sperare in un futuro migliore. Anzi, ne sono convinto, perchè con tante persone che si stanno mobilitando, che divulgano e diramano le informazioni di cui vengono in possesso, la possibilità di vincere contro il malcostume e l’assenza di coscenza diventa davvero concreta.

    A riguardo delle allusioni al Il Fatto Quotidiano, condivido le relative critiche, ma ammirando comunque lo sforzo che anche loro stanno mettendo in campo, voglio esser costruttivo e, anzichè “attaccare” senza conoscere i retroscena di una realtà nuova e rischiosa come la loro, preferisco armarmi di pazienza e scrivere loro, consigliando di prestare più attenzione ai concetti profondi che girano in rete, per spingerli a passarli anche sulla loro carta stampata.

    E’ tempo di attivarsi, muoversi: non si può stare tutti sulla sedia dell’arbitro a giudicare chi gioca: come disse un simpatico burlone d’un vecchietto, è tempo di scendere in campo, anche se nel nostro piccolo, con una tastiera e 5 minuti di buona volontà

    Grazie Claudio. E grande Sonia: sono vicino al tuo dolore.

    • -5.1
      Helene

      Schumyno, la mia piccola frecciatina al Fatto Quotidiano voleva essere solo un modo per attirare l’attenzione su questa loro piccola mancanza per spronarli in futuro ad avere un occhio di riguardo verso le vittime delle mafia… io adoro quel giornale, lo leggo, sono abbonata e continuerò a leggerlo 

       

       

      Grazie Claudio 

    • -5.2

      E’ proprio per questo motivo, che poi ieri sera ho scritto a “il Fatto”: proprio perchè credo sinceramente che queste “nuove forze” debbano restare sempre attente e aperte alle critiche costruttive. Spero che Claudio non si offenda se ho proposto loro il suo intervento ad esempio: qui di seguito la mia “lettera” al il fatto:

      “”” Premesso che sono un Vs lettore (e che sinceramente vi sento come “amici”, motivo per cui smetto di usare le maiuscole del caso), anche se abbastanza a corto di fondi (motivo per cui alla fine, nonostante la buona volontà, non ho potuto abbonarmi) e quindi mi limito a leggervi più che altro online, comprando una copia ogni tanto (il video dell’intervista a Borsellino non potevo non averlo), vorrei farvi notare che l’eccessivo quantità di fatti politici, spesso troppo indirizzata a colpire la crema politica, psiconano in testa, vi sta portando a pieno titolo a esser considerati dagli speranzosi affamati di verità come me, simili a chi osteggiate: le altre classi giornalistiche. Non dico che sia vero, ma la verità percepita da chi rabbrividisce, per esempio, davanti ai fatti di mafia di Reggio Calabria e Rosarno tende a esser lontana dallo sdegno verso uno stile di vita arcaico, quasi bestiale, come quello in cui quei fatti si svolgono.
      Ok, mi son perso in concetti e costruzioni dialettiche improbabili, ma non sono un giornalista: solo un bancario, che capisce bene che Berlusconi è solo la persona giusta al momento giusto, e che è il tessuto sociale che deve esser curato, non solo il tumore manifesto. Quindi vi chiedo di leggere e di ascoltare il link qui sotto di Claudio Messora, alias Byoblu

      http://www.byoblu.com/post/2010/01/11/Beppe-Alfano.aspx

      e di prender un po’ più di coraggio, nel lanciarvi nella mischia, e trattare temi più radicalmente culturali, perchè è da lì che bisogna partire, per trovare un giorno un’informazione vera, aperta e che vada a fondo ai problemi, anche con l’aiuto del prossimo.

      mio curriculum?
      oltre voi, Beppe e Byoblu, cerco di ascoltare le opinioni di chiunque abbia la parvenza di non parlare a vanvera di retorica, ma di cercare di esprimere il proprio concetto di verità e di futuro.
      Quel simpaticone di Serafino Massoni, Umberto Galimberti, ma anche l’economia (Domenico de Simone) e la simpatica materia del signoraggio (ci son dentro, ben so come si moltiplicano i soldi e i debiti), le lobbies internazionali, Paolo Barnard (che, con un sorriso, so poco simpatico a Marco – ma caro Marco, ho visto cosa fanno gli israeliani nella striscia di Gaza, tramite Arcoiris e le riprese degli “scudi umani volontari”, e son stato male come davanti ai resti di via D’amelio: davanti alla violenza non esistono bandiere), la Libera Università del Web, per non parlare di Saviano, della Reski (agghiacciante come libro)…
      e tanto altro ancora: la voglia di sapere, di documentarmi, è immensa e passo le ore libere a cercare di rendermi conto del perchè non potrò mai esser veramente libero, chiuso in un sistema in cui posso solo esser  un numero, e non un essere umano. Video, posts, conferenze in streaming.

      Questa è una mia preghiera, un suggerimento, un modo di comunicare: ragazzi, diversificatevi un po’, mollate la presa sul nano. I potenti, quelli veri, quelli marci e nascosti, sanno già che lui cadrà presto, e si stanno riorganizzando. Adesso son più vulnerabili, devono muoversi alla svelta e posson fare errori, e se noi … ps, scusate, voi… spostate un po’ il tiro, alle fondamenta della loro struttura, forse riusciremo (tutti, anche io) a vedere la verità su un mondo sconosciuto ai più.

      E guadagnereste la stima totale del popolo della rete, che ogni tanto vacilla.
      Nate anche dalla rete (mi riferisco al contributo di Marco): ascoltatela, e portate nuove persone in rete, perchè è qui che si formeranno le coscenze future necessarie a interrompere questo scempio del presente, a discapito del futuro dei vostri figli.

      Siete grandi, con affetto e stima

      Claudio “””

      …già, sono un omonimo… :-)

       

  • -6
    uruk-hai

    Interviste come questa dovrebbero essere fatte anche dalla televisione pubblica e trasmesse in prima serata. Grazie Claudio, come al solito riesci ad elevarti sui media (Il Fatto Quotidiano compreso) con la tua capacità di cogliere i fatti veramente importanti che devono essere divulgati per far crescere civilmente le coscienze dei cittadini. E un grazie a Sonia Alfano per l’onestà intellettuale che dimostra. Siete dei punti di riferimento nella tempesta culturale che ci ha travolti.

  • -7
    Zosy
    “Si muore generalmente perchè si è soli o perchè si è entrati in un gioco troppo grande. Si muore spesso perchè non si dispone delle necessarie alleanze, perchè si è privi di sostegno” GIOVANNI FALCONE.
    Grazie Beppe..grazie Sonia..grazia a tutti coloro che continuano con coraggio a combattere la Mafia! E naturalmente..grazie a te Claudio..ormai non possiamo più fare a meno di te! Non arrendiamoci..MAI!
  • -8
    teleabuso

    Sono troppo spensierato per far un commento all’universo di questioni sollevate da Sonia Alfano. Comunque, si potrebbe pensare di dedicare una via a Beppe Alfano, invece che al corrotto latitante Craxi.

    L’accusa di anti-italianità rivolta a Sonia Alfano penso si possa estendere a buona parte della popolazione italiana. E poi da che pulpito viene l’accusa?… Per essere italiani bisogna almeno avere idee e sentimenti chiari, cosa che questa nostra accozzaglia di politici non favoriscono di certo…

    Divergenze parallele

     

  • -9
    Anonimo

    Riscusate l’OT.

  • -10
    nino 61

    Sono una persona di destra, credo di quella destra in cui credeva Beppe Alfano,Sto imparando a conoscere la sicilia ed i Siciliani adesso ( ho vissuto tanti anni al nord )ODIO LA MAFIA ED I MAFIOSI… LA MASSONERIA ED I MASSONI…. Però cara signora ALFANO… mi chiedo se lei si sia schierata con gli uomini giusti….il dubbio è originato dal fatto che qualcuno  dei suoi compagni di partito li ho personalmente conosciuti ( ho vissuto a Palermo tra il 1990 ed il 1994 ), mi creda non sono poi tanto meglio di quei personaggi che Lei, giustamente attacca politicamente…la penso nella medesima maniera. Voglio credere nella sua buona fede e nella sua onestà ( sperando che buon sangue non menta )… ma mi creda stia lontana da certi personaggi…. sono tali e quali a quegli altri se non peggio, sono corvi mascherati da cigni. Nel momento che questo avverrà avrà il mio sostegno…PER QUANTO POSSA SERVIRE O ESSERE IMPORTANTE… ; le faccia le sue battaglie… ma le faccia anche nel territorio dal quale proviene e che ha tanto bisogno di gente per bene. Io sto perendo ogni speranza che questa terra possa cambiare….contro il volere di tutta la m ia famiglia ci sono voluto tornare per il troppo amore che nutro nei suoi confronti, spero un giorno di non dovere chiedere scusa ai mei figli…….

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>