Attacco alla Rete

 


Il Decreto Romani, con il quale l’Italia da attuazione alla direttiva europea AVMSD (Audiovisual Media Services Directive), interpreta in maniera tutta italiana il principio condivisibile della Commissione Europea, secondo il quale la trasmissione di materiale audiovisivo deve rispondere agli stessi criteri indipendentemente dal media sul quale transita.
Quello cui il governo si guarda bene dal dare attuazione è il considerando 16 della stessa direttiva europea, che chiarisce inequivocabilmente cosa deve rientrare in questa regolamentazione e cosa no.

«La definizione di servizio di media audiovisivo non dovrebbe comprendere le attività precipuamente non economiche e che non sono in concorrenza con la radiodiffusione televisiva, quali i siti internet privati e i servizi consistenti nella fornitura o distribuzione di contenuti audiovisivi generati da utenti privati a fini di condivisione o di scambio nell’ambito di comunità di interesse.»

Romani avrebbe potuto ricopiare il testo tale e quale, ma non sarebbe stato Romani, cioè il paladino del protezionismo televisivo e del controllo dell’informazione. Così ridefinisce nel seguente modo la direttiva europea:

«Non rientrano nella nozione di servizio media audiovisivo i servizi prestati nell’esercizio di attività principalmente non economiche e che non sono in concorrenza con la radiodiffusione televisiva, fermo restando che rientrano nella predetta definizione i servizi, anche veicolati mediante siti internet, che comportano la fornitura o la messa a disposizione di immagini animate, sonore o non, nei quali il contenuto audiovisivo non abbia carattere meramente incidentale.»

Sparisce il riferimento ai siti internet privati, sparisce il riferimento agli utenti privati  così come spariscono i riferimenti alle paroline magiche: condivisione, scambio, comunità di interesse. In cambio, con una tortuosità degna del miglior azzeccagarbugli, si dice che se pubblichi video per uno scopo non precipuamente economico, non rientri nella definizione (qui fingono di recepire le indicazioni), fermo restando che ci rientri (e qui si fanno i cazzi loro) perchè metti a disposizione immagini animate (ma che è… un manga?), sonore e non (infatti la rete è piena di clip muti) nelle quali il contenuto audiovisivo non ha ovviamente carattere incidentale.
Carattere incidentale? In quale video, sul tubo, il contenuto video potrebbe mai avere carattere incidentale? Sarebbe come aprire una concessionaria all’interno della quale la presenza di automobili avesse carattere incidentale, o come farsi una scopata nella quale l’attività sessuale abbia carattere puramente incidentale.

Io credo che l’unica cosa davvero a carattere incidentale è il cervello del legislatore italiano, o più precisamente la sua onestà.

Ieri sera tardi ho incontrato Guido Scorza alla stazione centrale di Milano. Guido è il Presidente dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione. E’ avvocato, giornalista, membro di mille consigli, ma soprattutto è un uomo ragionevole e di buon senso. Se conosciamo con largo anticipo gran parte delle minacce che la banda bassotti IV perpetra costantemente ai danni della rete, lo dobbiamo anche e soprattutto a lui.

Perchè non posso avere uno Scorza come Ministro dei Beni e delle Attività Culturali? Anzi, lo voglio a capo di un nuovo ministero che subito istituirò, alla mia prima Presidenza del Consiglio: il Ministero della Rete.

IL DECRETO ROMANI E L’EQUO COMPENSO


Intervista a Guido Scorza

GUIDO: Con il nuovo anno il Governo ha presentato al Parlamento la bozza del cosiddetto Decreto Romani, attraverso la quale l’Italia dovrebbe recepire la direttiva europea cosiddetta AVMS, ovvero quella sulla TV senza frontiere. Il Parlamento nei prossimi giorni dovrà esprimere il proprio parere su questa bozza. È un decreto, un provvedimento di fondamentale importanza per il futuro della comunicazioni in rete.
Di cosa parla il decreto? Il decreto stabilisce un principio sul quale è difficile non trovarsi d’accordo e sul quale d’altra parte il Governo italiano non è chiamato a decidere se trovarsi d’accordo o meno, ma soltanto a darvi attuazione o meno, principio secondo il quale le emittenti televisive, che siano trasmesse attraverso il web, attraverso il satellite o attraverso una piattaforma analogica, devono scontare lo stesso regime giuridico.
Sin qui nulla di cui preoccuparsi né tantomeno sorprendersi. Sarà così domani in tutti i paesi europei. Ma c’è un ma come in tutte le storie italiane che si rispettano. Il Governo sembra infatti intenzionato a cogliere al balzo l’occasione e ricordare a tutti gli internauti e a tutti gli amanti della rete una volta in più che questo è il paese della televisione e che come ha già scritto Alessandro Giglioli su L’Espresso, invece, non è proprio il paese per internet.

Nella bozza di decreto in questi giorni, in esame in Parlamento, infatti il Governo ha per così dire gonfiato la definizione di fornitore di servizi media audiovisivi di modo che dentro la definizione contenuta nel decreto possano rientrarci un po’ tutti quanti i videoblog, quello ad esempio di Claudio sul quale finirò di qui a poco, così come tutti gli aggregatori di contenuti audiovisivi, pensate semplicemente a Youtube, ma a qualsiasi altra piattaforma che non si sogni neppure di fare televisione ma che abbia piuttosto intenzione di aggregare video prodotti da soggetti terzi.

Cosa significa questo? Significa che stiamo per diventare un po’ tutti emittenti televisive e soprattutto significa che un po’ su tutti noi di qui a qualche settimana si corre il rischio che cada la scure della responsabilità editoriale. Da quel momento in poi ,che io sia un blogger o che piuttosto io sia quello che nell’Unione Europea e in tutti gli altri paesi si chiama ancora intermediario della comunicazione, il risultato non cambia. Un giudice domani potrebbe chiamarmi a rispondere dei contenuti immessi in rete anche da soggetti terzi attraverso la mia piattaforma, esattamente come se io fossi un canale televisivo.

Potrebbe essere già abbastanza per dire che l’anno è iniziato non nel segno migliore per il digitale e per la rete, ma non è così. Dall’altra parte di Palazzo Chigi infatti ci ha pensato il Ministro Bondi a dare una brutta notizia a tutti gli amanti delle nuove tecnologie. Il 30 dicembre il Ministero Bondi, rimasto al Ministero mentre gli italiani iniziavano a prepararsi a stappare le bottiglie di champagne, decideva di firmare il cosiddetto Decreto sull’Equo Compenso.
Cos’è l’equo compenso? Cominciamo col dire che è un compenso, probabilmente tutto fuorché equo. È uno di quei casi in cui il nome trae in inganno. Vorrei dire che siamo di fronte ad un palese esempio di pubblicità ingannevole di stampo istituzionale. Altro che pubblicità progresso. L’equo compenso muove dal presupposto che chiunque utilizzi un dispositivo o un supporto idoneo, in astratto, ad ospitare contenuti audiovisivi debba utilizzare effettivamente questo supporto o quel dispositivo per effettuare la cosiddetta copia privata di un film o di una canzone o comunque di un’opera protetta da diritto d’autore e sia pertanto giusto, o se preferite equo, che riconosca nel momento in cui acquista quel supporto o quel dispositivo una certa percentuale ai titolari dei diritti.
Sin qui nulla di cui stupirsi, l’equo compenso esiste in molti altri paesi europei, anche se per la verità non tantissimi. Ciò che davvero sorprende è il novero dei dispositivi o dei supporti sui quali è previsto che da domani ogni italiano debba versare questo balzello. Si va dai telefoni cellulari per i quali è previsto un equo compenso di 0,90 centesimi di euro per ogni pezzo, ai computer con o senza masterizzatori per i quali si arriva sino a 2,40 euro per ogni pezzo, per proseguire poi con tutti i supporti di memorizzazione che la fantasia umana, più che la tecnologia, riesce a concepire e quindi le pen drive, gli hard disk esterni, il set-top box delle tv satellitari e digitali terrestri attraverso le quali si ricevono appunto i contenuti audiovisivi trasmessi dalle emittenti televisive.
Il concetto è piuttosto semplice, per sovvenzionare l’industria audiovisiva si finisce con il penalizzare due categorie di soggetti: l’industria tecnologica italiana, che infatti non ha mancato già di far sentire forte la sua voce, e naturalmente i consumatori su cui l’industria audiovisiva, l’industria tecnologica italiana finirà con il riaddebitare il costo dell’equo compenso.

Per chiudere, soltanto un paio di numeri che valgono a farci rendere conto di quanto rilevante sia il regalo di natale che il Ministro Bondi ha appena fatto all’industria audiovisiva. Nel 2008 la SIAE ha incassato a titolo di equo compenso 61 milioni di euro, nel 2010 allo stesso titolo la SIAE incasserà circa 300 milioni di euro. Un altro numero che forse dà il segno di ciò di cui stiamo parlando: sempre nel 2008 la SIAE ha incassato diritti d’autore complessivamente per 600 milioni di euro – euro più, euro meno. Con il Decreto Bondi naturalmente nel 2010 SIAE incasserà un importo che andrà tra i 900 milioni di euro e il miliardo di euro.
Sostanzialmente stiamo dicendo che c’è un modello di business alternativo al quale l’industria audiovisiva potrà guardare con favore nel 2010: resto ferma, non produco assolutamente nulla eppure porto a casa 300 milioni di euro l’anno. Per un momento di crisi diciamo che c’è almeno un comparto industriale in Italia che può davvero dire che il 2010 è l’ultimo anno di crisi e dopodiché si uscirà fuori. Ringraziamo il Ministro ma lo facciamo naturalmente solo a nome dell’industria audiovisiva. I consumatori e l’industria tecnologica italiana viceversa troverà evidentemente altri paesi e probabilmente un ministro che a natale preferisca andare a sciare.

CLAUDIO: Proprio per questa ragione noi ci incontreremo davanti all’Ambasciata americana a Roma, in una giornata meglio da definire, verso la fine di febbraio. Io, Enzo Di Frenna, tutti quelli che vorranno partecipare e invito anche te ufficialmente, Guido. Saremo davanti all’Ambasciata con un enorme striscione in mano, con scritto “Mister President help internet in Italy“, perché vogliamo che passi il messaggio che la rete internet in Italia è trattata in una maniera che non ha eguali nel mondo occidentale cosiddetto civilizzato. Lo faremo senza le scarpe, a piedi nudi per terra, con dei bracciali, uniti da una lunga catena così come incatenati erano gli schiavi che non avevano diritti, non potevano andare a scuola, non potevano informarsi, talvolta non potevano neppure parlare o rivolgersi al padrone. Il padrone in questo caso sono le grosse reti televisive mentre gli schiavi ovviamente sono tutti coloro che fanno dell’informazione da sé, in maniera autonoma, sfruttando il meccanismo più democratico che è mai esistito da quando l’uomo ha inventato la ruota. Mi auguro, Guido, che vorrai essere dei nostri.

GUIDO: Grazie mille dell’invito. È una iniziativa alla quale penso dovrebbero aderire tutti quelli che hanno a cuore le sorti della libertà di informazione in Italia e non solo. Internet è una straordinaria occasione, oltre che per liberare davvero il pensiero di tanti cittadini, anche per incrementare e sviluppare finalmente l’impresa italiana così tanto in crisi. Non si tratta di difendere la pirateria, non si tratta di avercela con i signori del mercato audiovisivo e neppure con i vecchi signori della televisione. Si tratta semplicemente di non voler vedere andar sprecata una grande occasione come quella che ci viene offerta ogni giorno, se solo vogliamo e possiamo coglierla, attraverso le nuove tecnologie.

Ci vediamo all’Ambasciata americana con lo striscione in mano, e mandiamo tutti insieme una email a Mister Obama.

trascrizione a cura di MariaLaura Borruso
DIFFONDI LA PROTESTA SUL TUO BLOG



Iscriviti al gruppo su facebook.(*)

(*) in quanto pericoloso terrorista

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

25 risposte a Attacco alla Rete

  • 12
    EC2

    E’ finita, oppure sta lentamente finendo. Non ha più senso combattere contro queste persone, non serve a nulla resistergli. Loro hanno piani precisi e sono molto ben organizzate in piccoli gruppi di potere; si aggregano perseguendo fini comuni legati ad appalti di vario genere e tendenti a garantirsi un futuro tranquillo ed al riparo da controlli e conseguenze legali di ogni tipo. La nuova legge sul processo breve non serve ad altro che a questo. E non ci illudiamo che qualcuno ci venga a proteggere poiché ciò che succede in val di susa descrive un plotone di poliziotti che non si vergognano nemmeno ad essere utilizzati come mercenari al soldo di chi diventerà sempre più ricco sfruttando quella terra. Noi dobbiamo solo continuare a vivere rassegnandoci a farci comandare da questi soggetti che sono di fatto i nostri padroni. Prima capiremo questa realtà, meglio sarà per noi. Imprecare da dietro una tastiera è secondo me inutile visto che alla fine non è certamente un tipo di azione che possa cambiare lo status quo. Forse serve a trovare una valvola di sfogo ma nulla più di questo. Moriremo piano piano tra centrali nucleari, inceneritori, processi brevi e troie in TV, anche noi che stiamo cercando di rimanere svegli e che non ci accorgiamo di essere stati chiusi a nostra volta in una riserva, riserva che restringeranno ogni giorno che passa in modo da lobotomizzarci con la nostra stessa droga: internet.

  • 11
    Sandro

    Claudio c’è un aspetto che non m’è chiaro. Io so che sei contento se i suoi video vengono condivisi su Facebook o su altri blog (giustamente mi dicesti in tempi recenti su Facebook: è un dovere morale).

    Il mio dubbio è: se tu hai un video blog (con tanto di necessaria autorizzazione ministeriale che a quanto mi risulta occorrerebbe avere se passasse il decreto Romani) e crei dei video (quindi non parliamo del divieto, su cui comunque si potrebbe discutere, di inserire on line spezzoni tratti dalla televisione) ed io, che non posseggo questa autorizzazione, desidero condividere sul mio blog un tuo video non potrei farlo? Dovrei eliminare dal blog i video che ho già pubblicato?

  • 10
    mapy

    ciao claudio innanzitutto grazie per il  tuo continuo e assiduo lavoro che ci permette di mantenerci informati. non si finisce mai di rimanere allucinati su tutto quello che il governo italiano trova per imbavagliare,con decreti, leggi,ecc.,quello che è la libera informazione!!la rete li spaventa,la rete unisce e fa ragionare liberamente a molte persone.è questo loro non lo vogliono. Spero tanto che a Roma partecipino in tanti contro questo grave attacco alla libera informazione,alle nuove tecnologie,alla rete.un saluto

  • 9

    Ormai ci provano gusto questi parla(e)lementari del kaiser. Equo compenso, ragionevole durata dei processi… Ma chi credono di prendere per il c**o?… Ma come facciamo ancora a resistere, a sopportare questi lacchè-ladri di m**da?  Proporrei disobbedienza civile ad oltranza, onde evitare di farsi prendere dal raptus di entrare in forza in Parlamento e prenderli tutti a calci nel c**o. 

    Anche e forse soprattutto l’Europa dovrebbe fare qualcosa, visto che si sta cercando di travisare furbescamente un direttiva europea, o mi sbaglio?

  • 8
    Noa

    Ecco, bravi!

    Ora, Claudio, per fare un’intervista a Giuliani e metterla su YouTube devi incidentalmente incontrarlo per starda e, sempre incidentalmente, dovrai avere con te una videocamera che, dovendo stringere la mano a Giuliani per salutarlo, appoggerai incidentalmente su un supporto che un giapponese ha dimenticato incidentalmente proprio lì.

    Ma vaff***ulo, va.

    Sai le risate in un processo che si scannano per determinare la incidentalità di un video sulla rete. Ma come si fa a scrivere una legge in questo modo?

    Parlamentari: braccia incidentalmente rubate all’agricoltura.

  • 7
    daliatreviso

    NO 

    Un saluto

  • 6
    pda
  • 5
    pda
  • 4

    Sono triste ed ubriaco, proprio come nella leggenda del santo bevitore. Insomma, ubriaco nel vero senso della parola, …. ora voglio affidarmi alle parole di Zarathustra, i suoi consigli sono una variabile e molto utili. Mi sento triste perchè ancora una volta il potere non si esprime secondo la sua vera natura, e quindi s’impone con la prepotenza. L’informazione su internet è scomoda, pericolosa. Mi piacerebbe tanto esserci davanti all’ambasciata americana. Fammi sapere la data esatta, se non ho capito male. Ciao

    • 4.1

      Caro Roberto, tu saresti un’altra vittima attiva, come me, del Decreto, se passa in questa forma. Le vittime passive sarebbero tutti gli italiani che si informano in rete. Perché non so quanti avrebbero ancora le forze di espletare tutte le pratiche burocratiche per aprire o mantenere un videoblog, con la programmazione e i palinsesti da gestire, immagino dei costi e così via…
      Insomma… non si può censurare, e allora si rende la vita difficile, così difficile che pochi riescono a continuare.

  • 3
    skatro

    Avevo scritto un post ricco di passione ma per la foga l’ho cancellato refreshando la pagina.

    Sto male per questa cosa.

    Non se ne può più.

    Ma questi ministri come fanno a guardarsi allo specchio? Ma chi la scriverà la parola “FINE” una buona volta.. Non è possibile creare la “Repubblica di Byoblu I”? le leggi ce le facciamo noi, altro che votare gente scelta da loro per non fare un c**zo o far danni nel migliore dei casi..

  • 2
    topo.ruggente

    Mi chiedevo …

    Come possono applicare questa normativa?
    Di certo i siti stranieri non potranno essere gravati di una legge italiana.
    Come tale il tubo chiude la sede italiana e smettendo di essere un’entità giuridica in italia smette di essere sottoposto alle leggi italiane.

    L’intestatario del blog Byoblu è l’entità giuridica Sig. Claudio Messora, cittadino italiano, residente in italia e sottoposto alle leggi italiane, ma se il dominio fosse intestato ad un cittadino residente in altro paese.

    Io come residente all’estero posso postare i video del sig. Claudio Messora? Quì nessuna legge me lo impedisce.
    Il sito è fruibile anche in italia, beh io questo non posso evitarlo, semmai sarà lo stato che dovrà gestire una immensa blacklist per offuscare tutti i siti stranieri che postino video.

    Mhhhhh, mi sa che li abbiamo battuti sul tempo, nemmeno fatta la legge, già trovato l’inganno?

  • 1
    Francy

    Noa ha scritto :
    Ecco, bravi!Ora, Claudio, per fare un’intervista a Giuliani e metterla su YouTube devi incidentalmente incontrarlo per starda e, sempre incidentalmente, dovrai avere con te una videocamera che, dovendo stringere la mano a Giuliani per salutarlo, appoggerai incidentalmente su un supporto che un giapponese ha dimenticato incidentalmente proprio lì.Ma vaff***ulo, va.Sai le risate in un processo che si scannano per determinare la incidentalità di un video sulla rete. Ma come si fa a scrivere una legge in questo modo?Parlamentari: braccia incidentalmente rubate all’agricoltura.

    perdonami ma contadino scarpe grosse e cervello fino…

    io quelli lì non li voglio neanche a coltivare i cibi che poi mangiamo noi… attività di gran lunga più nobile di quanto stan facendo in questi minuti

    • 1.1
      topo.ruggente

      Beh dai a spalare il letame ce li manderei.

      Badile ??? Quale badile, con le mani.

      Comunque era ovvio che qualcosa del genere dovesse uscire, l’unica cosa che Gelli non aveva prevesto era la nascita di un canale di informazione diffuso e impossibile da controllare.

      Che facciamo mettiamo un Fede o un Feltri per ogni blog della rete?

  • 0
    Francy

    Francy ha scritto :
    nel mio palazzo la gente quasi non si conosce; solo una volta tutti son venuti a bussare alla porta: quando facendo lavori in casa x caso ho toccato l’antenna condominiale, è stato un pomeriggio da incubo, ragazzini in crisi da astinenza da tv, donne senza soapopera e mariti senza tiggì e partite, apriti cielo.ora leggevo sui giornali… il problema è sempre quello, prirorità massima in sto paese: il calcio e il porno.”In Lombardia lo switch off dal 15 settembre al 20 ottobre; in Emilia, Veneto e Friuli dal 21 ottobre al 25 novembre. Evitare concomitanze con le regionali di marzo e i mondiali di calcio””Guerra tv, stop ai film vietatidecreto li blocca tra le 7 e le 23 L’emittente più colpita è ancora una volta Sky. La normativa proibisce le trasmissioni vietate (anche ai 14 anni) in orario diurno e in prima serata. Crispino (Conto Tv): “Verremo danneggiati, è una violazione della libertà personale”ma chi è poi, a margine, sto genitore cretino che lascia vedere film vietati o canali pornografici ai bambini?!ma davvero non sappiamo più vivere senza tivvù? proclamiamo il NO TELEVISIONE DAY ? vediamo quanti son capaci, almeno un giorno solo…non è possibile che il tema della giornata sia la televisione!

    ops ho postato il commento nell’articolo sbagliato, mi riferivo a quanto scritto oggi ;-) sorry

  • -1
    skatro

    occhi sgranati fino all’ultima riga :) ottimo sarcasmo, 10+!

  • -2
    pappagallopolem

    il video è fatto troppo bene, oggi sei riuscito quasi a farmi piangere…complimenti, grazie per tutto quello che fa, è l’ennesima volta che te lo scrivo

  • -3
    Francy

    nel mio palazzo la gente quasi non si conosce; solo una volta tutti son venuti a bussare alla porta: quando facendo lavori in casa x caso ho toccato l’antenna condominiale, è stato un pomeriggio da incubo, ragazzini in crisi da astinenza da tv, donne senza soapopera e mariti senza tiggì e partite, apriti cielo.

    ora leggevo sui giornali… il problema è sempre quello, prirorità massima in sto paese: il calcio e il porno.

    “In Lombardia lo switch off dal 15 settembre al 20 ottobre; in Emilia, Veneto e Friuli dal 21 ottobre al 25 novembre. Evitare concomitanze con le regionali di marzo e i mondiali di calcio”

    “Guerra tv, stop ai film vietati
    decreto li blocca tra le 7 e le 23
    L’emittente più colpita è ancora una volta Sky. La normativa proibisce le trasmissioni vietate (anche ai 14 anni) in orario diurno e in prima serata. Crispino (Conto Tv): “Verremo danneggiati, è una violazione della libertà personale”

    ma chi è poi, a margine, sto genitore cretino che lascia vedere film vietati o canali pornografici ai bambini?!

    ma davvero non sappiamo più vivere senza tivvù? proclamiamo il NO TELEVISIONE DAY ? vediamo quanti son capaci, almeno un giorno solo…

    non è possibile che il tema della giornata sia la televisione!

  • -4
    skatro

    Dai non è possibile.. già l’industria tecnologica ti serve col contagocce, ogni mese esce un nuovo modello di qualsiasi cosa solo per indurti a comprarlo, nella spasmodica lotta a chi ha l’ultima versione. Negli ultimi 10 anni non è stato inventato praticamente nulla. Si limitano al perfezionamento di quello che già c’è, introducendo optional e quant’altro. Se poi gli mettiamo pure le catene stiamo freschi..

    Ditemi dove abita Romani mi faccio martire e mi esplodo sotto casa sua. (scusa Claudio se faccio apologia di reato-.-)

  • -5
    Paolo 2.0

    Invece io sono d’accordo con Romani, penso che un blogger debba avere le stesse responsabilità di un editore, e credo che sia giunto in momento che la Rete smetta di essere quel crogiolo di anarchia e disordine morale in cui ciascuno si informa da chi gli pare e, addirittura, pretende di informare gli altri. Ma che scherziamo? Basta, ma che è questa libertà di cui ci riempiamo la bocca? A forza di libertà si andrà verso la disgregazione sociale. Qui ci vuole uno che comanda, uno con le idee chiare che decide lui, che controlli la situazione, e mica puoi metterti a contestare ogni volta che ti pare, o a decidere tu cosa è giusto o sbagliato, a sceglierti la verità che ti fa più comodo. Mica possiamo essere tutti capitani sulla nave. Bisogna stringersi a coorte e marciare uniti verso un radioso futuro fatto di ordine e disciplina.

    Scherzo.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Raffaele De Dominicis: l’Assessore più veloce del West!

raffaele de dominicis l'Assessore più veloce del west Raffaele De Dominicis, l'assessore più veloce del West, nominato al Comune di Roma come successore a Minenna solo due giorni fa, e silurato il giorno dopo (ieri), rilascia un'intervista al vetriolo a Repubblica, nella quale definisce il Movimento 5 Stelle inadatto alla politica, un "asilo infantile"...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Trump: “Barack Obama e Hillary Clinton hanno fondato l’Isis”

Trump Donald Trump, Barack Obama, Hillary Clinton e l'Isis Donald Trump , dal palco della Florida, mercoledì 10 agosto, non ha dubbi: "Barack Obama e Hillary Clinton hanno fondato l'Isis". E no, non hanno solo "colmato uno spazio politico lasciato vuoto", l'hanno proprio fondato (l'uno) e co-fondato (l'altra). Intervistato...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>