L’apocalisse della plastica

 

« Spiagge, immense ed assolate […] In questa azzurrità, fra le conchiglie e il sale »

Così cantava Renato Zero all’inizio degli anni ’80. Se dovesse scrivere questo stesso testo oggi, sarebbe costretto a eliminare il riferimento alle conchiglie e ad aggiungere qualcosa che faccia rima con plastica.

La plastica ha invaso il mondo. Nel 1997 è stata scoperta la prima, immensa, gigantesca isola di spazzatura galleggiante del mondo. Si trova nel Pacifico e misura oltre dieci milioni di metri quadrati. La sua estensione va dalle coste della California fino a quelle cinesi. Stiamo parlando di un grande, immenso continente in movimento sospinto dal North Pacific Gyreil vortice del Nord Pacifico -, frutto della concatenazione di quattro correnti fondamentali: la corrente di Kuroshio, la corrente del Nord Pacifico, la corrente della California e quella nord equatoriale.

Ha una massa di circa 3 milioni e mezzo di tonnellate, più che raddoppiata in soli cinque anni! Ha uno spessore medio di 10 metri ed è composta per oltre l’80% da plastica, per la precisione l‘86,2%. Poi c’è un 3,8% di gomma, un 2,9% di carta e cartone, un 1,4% di tessuti, mentre metalli vari e vetro ammontano rispettivamente allo 0,8% e allo 0,1%. Il resto, circa il 4,9%, sono schiume. E’ come un minestrone, una zuppa con una densità che varia da 20mila a oltre 200mila frammenti per chilometro quadrato. I campionamenti diretti hanno stabilito che l’acqua ha una concentrazione di plastiche fino a sei volte superiore a quella del plancton e non c’è modo, nessuna possibilità di rimediare: ripulire gli oceani dalla plastica è un’operazione che trascende il budget di qualsiasi stato, paese o nazione.

 

Non esiste solo la grande isola di rifiuti dell’Oceano Pacifico. Recentemente la Sea Education Association ne ha appena scoperta una anche nell’Oceano Atlantico dove, in un’area che corrisponde all’incirca al Mar dei Sargassi, tra il 1986 e il 2008 sono stati raccolti, grazie ad un particolare tipo di pesca a strascico a maglie fini, circa 64mila pezzetti di plastica che misurano mediamente meno di un centimetro e pesano meno di 0,15 grammi. Le dimensioni globali della nuova isola galleggiante non sono ancora chiare, ma è molto probabile che siano simili a quelle della sua gemella del Pacifico, così come appare evidente che ce ne possano essere molte altre, in giro per il mondo. Possibili candidati sono un’area in prossimità del Cile ed una seconda zona tra il Sud Africa e l’Argentina.  Il problema è che le scie di spazzatura sono traslucide, per cui non sono visibili dal satellite e possono solo essere scoperte mediante la navigazione ravvicinata.

La plastica arriva solo per il 20% dalle navi e dalle piattaforme petrolifere. L’80% proviene direttamente dalla terraferma, dove ogni anno ne produciamo oltre 250 milioni di tonnellate. Solo negli Stati Uniti, sui voli di linea delle compagnie aeree, ogni giorno vengono utilizzati oltre 4 milioni di bicchierini di plastica. Nessuno di questi è riutilizzato o riciclato. Numeri che, nonostante tutto, scompaiono di fronte a quello dei bicchierini di carta che, sempre nella sola area degli Stati Uniti, vengono distribuiti per le bibite calde, principalmente caffè: 40 milioni ogni 24 ore.
Se li mettessimo uno sull’altro, impilati dietro alla statua della libertà, tanto per dare un riferimento sulla scala, ecco il colpo d’occhio che se ne potrebbe trarre (lo sfondo è composto da soli bicchierini impilati):

Come ci arrivano in mare? Perlopiù la colpa è nostra, che gettiamo bottigliette e tappi per strada, i quali vengono lavati via dalla pioggia e finiscono prima o poi in un tombino. Da lì si incanalano negli scarichi fognari, che a loro volta spurgano nei fiumi, e non ci vuole Sherlock Holmes per immaginare che fine fanno. Solo una percentuale inferiore al 5% di plastica, in tutto il mondo, viene riciclata. Di seguito il grafico che mette in relazione i tassi di produzione e di riciclo di plastica negli Stati Uniti dal 1960 al 2007.

Il riciclo della plastica è molto difficoltoso, innanzitutto per l’incapacità congenita dell’essere umano a preoccuparsi per l’ambiente che lo sostiene, e quindi a provvedere ad una corretta raccolta differenziatanon a caso siamo le sole creature animali che producono rifiuti inorganici che non vengono smaltiti dall’ecosistema -, ma anche per le oggettive difficoltà di trattamento. La plastica non si può recuperare con il normale trattamento di fusione, come avviene per il vetro e per l’acciaio. L’alluminio fonde a 660,32 gradi centigradi, il vetro a circa 1000/1500 gradi, l’acciaio più o meno a 1500°/1600°. Alcune plastiche invece iniziano a sciogliersi sotto alla temperatura di ebollizione dell’acqua, già a 98°, altre a 250°. Inoltre non si separano dai contaminanti oleosi, per i quali al contrario agiscono come una spugna. Per di più ci sono plastiche che, se riscaldate, bruciano direttamente.
A completare il quadretto idilliaco, il corpo delle bottigliette di acqua è composto da PoliEtilenTereftalato (PET) che, tra le altre cose, nell’acqua affonda, mentre i tappi sono prodotti in stabilimenti diversi, a partire da plastiche diverse come il polipropilene, fondono circa a 165° e se immersi nell’acqua galleggiano. Curiosamente, non sono coperti dai cosiddetti Bottles Bills, ovvero il deposito previsto dalle leggi americane che viene corrisposto al momento dell’acquisto di un contenitore e che viene restituito quando il contenitore stesso viene riportato dall’utilizzatore a un centro di smaltimento autorizzato. Ciò significa che non interessa a nessuno dare una mano per riciclare i tappi, che non a caso sono una delle principali sorgenti di materiali inquinanti che invadono i mari e le coste. Ogni cinque minuti, gli Stati Uniti d’America consumano una media di due milioni di bottigliette di plastica, con i loro due milioni di tappi satelliti, ovvero 576 milioni di unità al giorno, cioè oltre 210 miliardi di bottigliette all’anno, molte delle quali vanno ad alimentare le isole di plastica che stanno lentamente divorando i nostri mari.

Quali sono le conseguenze di questo disastro ambientale sulla vita? Le più evidenti sono i danni diretti, per ingestione, per soffocamento o per altre curiose interazioni con delfini, tartarughe e altri grandi animali che vengono a contatto con le parti meno appariscenti ma potenzialmente letali di una bottiglietta di plastica, come per esempio l’anello che blocca in posizione il tappo. Questo è ciò che può fare ad una tartaruga marina che sfortunatamente lo incrocia sulla sua strada e decide che può essere divertente passarci dentro.

Tuttavia, questo è il meno. La plastica, nel tempo, si frammenta, dando luogo ad un vero e proprio minestrone che resta in sospensione per migliaia di anni. Un tempo la sabbia delle spiagge si formava grazie alla frammentazione di rocce e coralli: oggi iniziamo già ad avere le prima spiagge di plastica.  Inoltre, centinaia di campionamenti su piccoli pesci, pescati in un’area grande il doppio del Texas, circa dieci miglia al largo delle coste americane, hanno mostrato come oltre un terzo del pescato avesse plastica nello stomaco. Il record appartiene ad un pesciolino lungo appena 6,4 cm, che aveva nella pancia ben 84 piccoli pezzetti di plastica.
Ma cosa succede quando la plastica arriva a triturarsi fino a diventare polvere? Succede che viene ingerita da moltissimi organismi marini filtratori, che ingurgitano pericolosi composti, come i policlorobifenili, introducendoli di fatto nella catena alimentare.

Ecco come una bottiglietta gettata via senza criterio può ripresentarsi sulle nostre tavole e, silenziosamente, condannarci a morte.

Tornare indietro non si può. Gli oceani sono spacciati perché non esiste alcun modo di ripulirli, nè economicamente nè praticamente, ovvero senza dare il colpo di grazia alle specie marine che ancora li popolano. La sola cosa da fare è cerare di limitare i danni  facendo molta, molta attenzione a dove gettiamo via la plastica già in circolazione.

E, possibilmente, evitando di produrne di nuova.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

47 risposte a L’apocalisse della plastica

  • Pingback: Cronistoria del Movimento cinque stelle | / ca gi zero /

  • 11
    roby

    l’uomo è come un virus nel corpo umano, se non arriva un antibiotico distruggerà il pianeta!

     

    • 11.1

      Concordo al 100%. E’ la stessa immagine che vedo io ogni volta che guardo le “concrezioni” umane e i loro escrementi che ricoprono come un film la superficie del pianeta vista da un aereo o dal satellite.

    • 11.2

      Taci, concrezione!

    • 11.3
      kautostar86

      Chi la pensa così dovrebbe almeno per coerenza suicidarsi!

    • 11.4
      kautostar86

      M’è venuta una bellissima idea, perchè non fare una grande manifestazione di ambientalismo coerente? Tutti in piazza,grillini, popolo viola, popolo blu, popolo dell’amore, popolo della libertà, popolo della legalità, popolo dell’antimafia, popolo dei centri sociali ecc…. tutti in un grande suicidio di massa, in diretta mondiale su Byoblu! Tu diventeresti il più grande giornalista del mondo e ci liberiamo di un po di scorie tossiche eheh…

  • 10
    Alenico

    Complimenti Claudio, un post stupendo… soffro di una quasi misantropia da tempo oramai; non sopporto come l’uomo stia distruggendo il pianeta in cui vive..

     e noi ( umani) ci definiamo superiori agli "animali"… per il raziocinio? i sentimenti? l’intelligenza?

    Ma mi chiedo, queste qualità le possiede l’uomo? ahimè, forse le ha possedute, millenni fa, ora non di certo…

  • 9

    Bisognerebbe dirlo alle donne che hanno il punto G nella G di shoppinG!!!

    ed a tutti coloro che cercano di riempire vuoti con l’avere e non con l’essere.

    i mercatini sono pieni di persone che comprano e ricomprano cose che già hanno e che non gli servono.

    p.s. ma è possibile che mia moglie abbia sempre bisogno di prodotti della tupperware?

    La rappresentante è sempre in casa mia.

    PURE LEI DEVE CAMPARE… 

  • 8
    roby

    l’uomo per natura è egoista e tende ad autoconservarsi,questo fino ad ieri;oggi questa tendenza all’autoconservazione è diventata autolesionismo e lo si vede in tutti i campi,economici, finanziari,politici, ambientali .

  • 7
    d.tower

    Complimenti Claudio,

    sempre notizie interessanti, che ci colpiscono e ci fanno meditare.

    Buona Pasqua a tutti!

    Rilassati e pensa alle uvova di Pasqua, e alle sorprese, che guarda caso, sono di solito dentro una capsula di plastica!!  Non basterebbe un sacchettino di carta, almeno prima o poi si decompone…

     

     

  • 6
    maat

    La nostra specie è l’unica che si è sviluppata tanto rapidamente. In pochissimo tempo abbiamo occupato l’intero pianeta senza rallentare la nostra espansione.

    Cosa vi ricorda?

    Ve lo dico io: il cancro; noi siamo il cancro di questo pianeta e prima o poi l’organismo troverà la cura e ci spazzerà via.

    Solo perché siamo la specie dominante pensate che dobbiamo divorare la terra senza pagare pegno?

    L’estinzione arriverà anche per noi e spero di esserci perché almeno mi godrò lo spettacolo…

  • 5
    dl31

    pero non sono d’accordo che non si possa far niente !!!!!

    dai siamo progrediti o no ? caspio !!!!

    intanto penso che invece si potrebbe sviluppare mooolto lavoro per tutti quanti (magari si mandano a lavorare li chi deve scontare delle pene)…….

    ………si potrebbero organizzare dei bei barconi che raccolgono a strascico la plastica la imballano automaticamente e si ci fanno delle isole…oppure non lo so, ma intanto si tolgono dal mare, poi credo che se cerchiamo/studiamo meglio tutti quanti sulla terra si ci possa arrivare ad un composto che distrugga la plastica in maniera non nociva !!!!!

    attiviamoci veramente richiedendo ai governi di organizzare la maniera migliore per andare a togliere quello schifo !!!!

  • 4
    teleabuso

    “Ma che politica che cultura…” Un super-post pre-pasquale… Bravo Messora! Una delucidazazione stupenda questa che, sono convinto, piacerebbe sicuramemente a Stefano Montanari, se si trovasse per caso a leggerla. lui stesso non avrebbe saputo spiegare meglio questo Mar dei Carcassi (sic) della demenza umana…  (e Montanari scrive in modo mirabile!) Complimentacci di nuovo Claudio, sei super. Questo post è da incorniciare. [A volte penso se Messora scrivesse un libro… Un libro è qualcosa di diverso rispetto a un post, è un sedimentazione di esperienze e di sapere… Un libro, due, tre, ecc… su vari argomenti. Non sto scherzando. Visto che scrivi in modo egregio…]

    Al mio paese viene fatta la raccolta differenziata e mi rendo conto della spazzatura che produco… mi rendo anche conto che Montanari, Tamino & co. hanno perfettamento ragione, dicono il vero… Il 50-60 % dei rifiuti sono imballaggi, belli quanto inutili. Eliminando gli imballaggi (non producendoli) e utilizzando il cosiddetto rifiuto umido come concime possibilmente si ottiene la risoluzione del problema dei rifiuti del 80-90%. Altro che le st****te che blattera De Luca, affermando al colmo del suo delirio che con il tempo il riciclaggio si ferma al 40% . Mi rendo perfettamente conto che se ci si assume le responsabilià delle proprie azioni e dei propri comportamenti quotidiani si può arrivare quasi al 100%, cercando prima di tutto di non produrre rifiuti. Poi il riuso e il riciclo prima di tutto.

     

     

     

    • 4.1
      teleabuso

      P.S. – Basta osservare quello che accade a un palmo dal naso per capire la situazione, senza necessità di andare a vedere quel che succede nei mari dei Carcassi (anche se la situazione globale è senz’altro qualcosa di sconcertante!). Sempre nel mio bel paese, c’era (ci dovrebbe essere ancora) una sorgente naturale, dove molta gente si approvvigionava di ottima acqua potabile. Essendo allora il luogo un po’ impervio, il sindaco e l’amministrazione comunale  ebbero la felice idea di crearvi un comodo sistema di pompaggio manuale… In poco tempo distrutto (da vandali?). Il luogo (scosceso) venne adibito a discarica abusiva… e con gli anni si è accumulata tanta di quell’immondizia, periodicamente bruciata (onde aumentarne la tossicità), sì da creare l’inquinamento della falda acquifera. Anche se si potesse recuperare, la sorgente sarebbe del tutto inutilizzabile. Fatto sta che adesso l’acqua da bere la si compra!… in bottiglie di plastica!… Voglio dire, non si è fatto niente inizialmente per recuperare il sistema di pompaggio e nemmeno la fonte; si è lasciato tutto all’abbandono… una discarica a cielo aperto.  Il paese è piccolo, la gente mormora imputando la colpa ai venditori di acqua, imbottigliata, che avevano interesse a vendere… C’è sempre un tornaconto recondito a inquinare… In fondo si tratta sempre del solito “liber(tin)ismus belusconensis” [al di là della persona riprorevole di Berlusconi] e la politica c’entra sempre, così come la cultura… dell’ignoranza, che va coltivata e inculcata pervicacemente nella coscienza della gente. Il resto è solo riflesso condizionato, una coazione a ripetere all’infinito i propri errori od orrori (r)appresi…

  • 3
    Antonioscogna

    Questo è ciò che è riuscito a combinare il capitalismo nelle sue diverse e più nocive declinazioni (industrializzazione, boom economico, globalizzazione): è riuscito a disintegrare l’ambiente terrestre nel volgere di poche generazioni! E’ di gran lunga il peggior virus che si sia mai manifestato sul pianeta, e quel che è peggio, ci sta uccidendo rimpinzandoci come maiali all’ingrasso. Noi ingrassiamo e la natura muore…

    La politica e i giornali? Asserviti ai grandi poteri finanziari, la vera mafia, quella con la M maiuscola. Mentre chi si batte contro queste aberrazioni è trattato come un terrorista o un’ostacolo all’innovazione.

    In cosa possiamo sperare?

  • 2

    Io lavoro in ambito sanitario ed è, da sempre, stato un mio pensiero ricorrente il trovare mille similitudini/analogie tra uomo e virus. Oltre ai rifiuti pensiamo a cosa si può vedere dall’alto, da un satellite ad esempio, guarando il pianeta terra nel nostro tempo….cemento….una crosta di cemento che pian piano ricopre e soffoca ogni cosa. E su questo cemento un brulicare di “virus” che ogni giorno portano avanti la loro insignificante vita senza curarsi dell’organismo che è stato infettato e che li sta ospitando! E come tutti i virus che si rispettano noi ne condividiamo anche la stupidità….alla fine l’organismo colpito morirà….e noi con lui! E vogliamo parlare del riscaldamento globale? E se fosse solo una prima reazione al virus uomo?…diciamo una semplice “febbre”? La terra in fondo è un organismo vivente con equilibri complessi e delicatissimi….non so come non si possano non vedere queste cose che sono ogni giorno sotto gli occhi di tutti. E invece purtroppo siamo ancora qui a considerare il pianeta come una misera risorsa da sfruttare e basta….pensiamo solo al dio denaro e a tutti gli altri “dei” che ogni “differente ceppo del virus umano” si inventa! Purtroppo non ho la soluzione al problema….suicidarsi come diceva quella “concrezione” che ha scritto poco fa non mi sembra una soluzione…diciamo che se arrivassimo tutti a prenderne coscienza sarebbe già un passo avanti verso una, improbabilissima, salvezza! Vabbè….l’unico dispiacere che ho è avere un bimbo di 5 anni e vedere cosa gli stiamo lasciando. Ciao ;(

    • 2.1
      kautostar86

      Ciao la mia era solo una battuta, siccome molti ambientalisti estemi(e anche animalisti) stanno sempre a predicare la razza umana come male assoluto del pianeta, sognano e profetizzano catastrofi ogni secondo, e odiano profondamente l’umanità, che diano il buon esempio invece di puntare sempre il dito contro i propri simili. Altrimenti sono come i preti, che predicano bene e razzolano male!

      La verità è che bisognerebbe essere molto più prudenti prima di prevedere certe catastrofi, e soprattutto usare certi deliri catastrofisti per imporre agli altri il proprio interesse economico e politico, perchè in fin dei conti è a questo che serve un certo tipo d’ambientalismo, a favorire gli interessi di pochi, usando argomentazioni pseudoscientifiche, pronosticando catastrofi e diffondendo paura (e la paura è il miglior strumento di dominio)

      Il riscaldamento globale è una teoria, solo una teoria, una teoria dalla quale molti scienziati si dissociano… non è una verità assoluta come molti cialtroni tipo Al Gore vorrebbero farci credere(per estorcere denaro pubblico)

       

      Per esempio guardati questo documentario

       

       

  • 1

    Sono diventato un mostro e vi spiego subito perchè:

    quando dice Claudio che gli oceani sono spacciati perchè non esiste modo per ripulirlo, provo un piacere neanche tanto nascosto perchè è quello che voglio che accada.

    Il genere umano deve sparire dalla faccia di questo pianeta.

    Mi spiace per coloro che non lo meritano. 

     

    • 1.1
      dl31

      non sei un mostro……..è la realtà !!!!!!  è nella nostra natura sbagliare, sbattere al muro, farsi male ed imparare dagli errori !!!!!!

      il problema è che chi ci dovrebbe illuminare si è ribellato…..noi essendo troppo deboli di mente e di spirito facciamo degli errori a cui dovremmo rimediare, ma in un mondo dove non puoi riflettere (non hai il tempo e non solo) tutto va a p****ne !!!!!

      meno male che esiste la frequenza base divina !!!!!! che fa risvegliare tutte le entità che colpisce mentre naviga libera nel cosmo !!!!!

      apriamoci le porte…….immaginiamo di essere alberi, alziamo le bracia al cielo di tanto in tanto e percepiamone il contatto, facciamola entrare dentro di noi libera-mente e scarichiamola, mentre respiriamo, a terra tramite le nostre lunghe radici……..sbloccherà tutti i nodi negativi e vi sentirete ed agirete piu liberi !!!!!!! esistono angeli, entità spiritiche naturali, reazioni naturali, addetti a questi massaggi…fateglieli fare per tutto il corpo e vedrete come vi sentirete !!!!!! sentirete punzechiarvi qua e la e voi continuate a rilassarvi facendo entrare l’energia orgonica…sentirete alla fine come un flusso continuo che vi percorre dentro (mooooooolto potente)….

  • 0
    Rebel

    Ciao Claudio,

    sono circa 10 anni che per passione personale studio e mi occupo di ambiente e rifiuti.

    Le leggi di Lavosier, sono state ampiamente studiate,dimostrate e discusse per secoli. Sarebbe sufficiente studiare la semplicissima legge sulla conservazione della massa, stimolare qualche neurone per capire che la stragrande maggioranza delle nostre abitudini distruggono la nostra vita e quella delle future generazioni. Corretta la tua esposizione sul “riciclo” della plastica.Qualcuno potrebbe chiedersi dove finisce la plastica allora raccolta? Finisce negli inceneritori.La plastica ha un fortissimo potere calorifico insieme alla carta e il legno.Purtroppo contiene cloro.Bruciando produce diossina, che e’ il piu’ potente veleno conosciuto nel mondo per l’uomo.Capite tutti ora perche’ si differenzia? Per bruciare meglio… La bottiglia bruciata non svanisce.. Si trasforma.. Indovinate dove va a finire risalendo tutta la catena alimentare? Il cancro e tutte le malattie autoimmuni, che ingoiano ogni anni milioni di euro di ricerca; che divora e distrugge la vita di milioni di persone e’ da ricercare proprio esattamente nel ciclo dei rifiuti. L’impianto di Vedelago è obsoleto.Come è obsoleto acquistare posate,bottiglie,bicchierini e via dicendo di plastica.Il riutilizzo è e rimane l’unica risorsa possibile. Andate a farvi un giro in una discarica.Scoprite che significa percolato e provate a seguirlo e capire dove finisce.Scoprite che cosa combina la plastica se a contatto con la terra per un lungo periodo.Finisce tutto dentro di noi… E noi.. a farci le chemio e ascoltare Veronesi che ci racconta che dagli inceneritori non esce nulla.Nel 1940 una persona su sedici si ammalava di cancro.Oggi una su tre. Sarebbe bello aprire un forum permanente sui rifiuti gestito da mr.Messora.Sarei felice di discutere con voi.Anche perchè molti, da quanto leggo, non hanno le idee molto chiare.

    Statemi bene.

     

  • -1
    Chiara

    Mentre leggevo ho sentito dei brividi su per la schiena..abbiamo letteralmente rovinato l’intero ecosistema , e non c’è niente che possiamo fare…tutto cio’ è a dir poco tremendo.

  • -2
    Francy

    io invece penso all’isola dei cassa integrati, cui va tutta la mia solidarietà, o quasi

    il quasi è legato a questa ostinazione per la produzione del pvc, che inquina produrlo e smaltirlo: ma possibile che nessun imprenditore o ente statale ha il coraggio (economico, chiaro, soprattutto) di un progetto ambizioso di riqualificazione e sviluppo turistico? magari eco-compatibile anche energeticamente, tra sole e vento? anche in quel carcere, perchè no: è una struttura che ha molto da raccontare, in un posto meraviglioso

    una struttura di accoglienza turistica, ristorante, negozi, un porto turistico, qualcosa che dia futuro e dignità a quei ragazzi e ai loro figli, che valorizzi l’ambiente e le tradizioni sarde: altrimenti la speranza per quei bambini sarà ancora legata all’invasione della plastica e all’inquinamento delle loro terre per produrlo

    possibile che l’unico progetto ambizioso sardo sia stato villa certosa?

  • -3
    kautostar86

    X Byoblu:

    x curiosità il tuo blog è “connesso”, insomma in una specie di gemellaggio col blog di Beppe Grillo?? perchè ho notato che gli argomenti coincidono spesso, se grillo parla di un certo argomento politico, se ne parla spesso anche qua, se grillo parla di ambiente e isole di plastica, se ne parla anche qua…

    Insomma raramente capita che gli argomenti non siano in parte allineati.

    Ovviamente potrebbero anche essere semplici coincidenze

     

    Buona Pasqua

    Andrea

    • -3.1
      kautostar86

      Scusa mi correggo, in questo caso è grillo che ha diciamo copiato l’articolo da te, visto che il suo sulla plastica è stato inserito alle 22 di ieri(mentre questo alle 17)

    • -3.2

      Non c’è nessun collegamento tra i due blog. E se c’è qualcuno che ogni tanto si ispira, come puoi vedere sempre dalle date di pubblicazione, quello non sono certo io.

      Grazie per la segnalazione.

    • -3.3
      dl31

      claudio…ricorda che sei sempre in italia….se fai le cose bene tutti ti copiano, se fai un micro-errore ti gettano nel north-pacific-ocean (tanto per restare in tema), se fai una serie di errori ti appendono a testa in giù…..

      ….quindi ricordalo sempre che sei in italia !!!!! ho imparato col tempo che se vuoi stare in pace in italia devi essere al 100% puro di cuore, di mente, e di spirito ogni giorno…se un giorno sei no, non scrivere e non fare niente perche qui l’atmosfera è sempre carica al massimo e basta una scintilla………

      se nò te ne devi fottere altamente di tutto e di tutti e accontentarti di essere seguito solo da pochi !!!!!!

    • -3.4
      kautostar86

      Scusa mi sono sbagliato, è Beppegrillo il copione!

  • -4
    uruk-hai

    Non voglio sembrare un bastian contrario ma io non ho ancora visto in giro una sola foto di questa fantomatica isola di plastica; che non si veda dal satellite va bene, ma fare una foto da una nave oppure in immersione o ancora una foto satellitare con gli infrarossi o qualche altra diavoleria che usano i militari: impossibile che non ci sia modo di fotografarla. Sono scettico inoltre per il fatto che se ne parli solo da qualche mese, prima invece nessuno l’ha mai menzionata. Ma un’isola di rifiuti grande come un continente non l’aveva vista nessuno prima? Oppure non era una notizia degna di merito? E tutte le navi che ci transitano sopra, con un’isola così grande dovrebbe essere notizia quotidiana di danni alle eliche delle imbarcazioni? Non so, sono sicurissimo che stiamo distruggendo il ramo su cui siamo seduti, che siamo una specie animale che sarebbe meglio si estinguesse per il bene del pianeta, ma sono anche convinto che l’ecologia estremizzata è una buona scusa per introdurre nuove tasse (vedi ad es. la carbon tax di cui tanto parlano) e compiere atti estremi che ci toglieranno ulteriore libertà sociale. Naturalmente ciò non toglie che la non produzione di materiali inquinanti e il riciclo massiccio sia la soluzione migliore.

    Mi sembra un po’ la storia del riscaldamento globale: ancora non ho capito se veramente è colpa dell’uomo visto che parecchi scienziati dicono che l’innalzamento della temperatura sta avvenendo in tutto il sistema solare, oppure quanto incida l’uomo su questo innalzamento naturale della temperatura. Non c’è dubbio invece che stiamo inquinando pesantemente il pianeta.

    Insomma, sono fin troppo abituato a vedere come “il potere” utilizza falsi allarmismi per creare paura nella popolazione e di conseguenza introdurre limitazioni alla libertà o nuove tasse, giustificare guerre, macelleria sociale e quant’altro. Giusto per fare un breve riassuntino delle cose più note:

    • I gerra mondiale: affondamento della nave Lusitania per giustificare l’entrata in guerra;
    • crisi economica americana del ’29: creata dalle banche per togliere la sovranità monetaria all’america e introdurre la banca centrale Federal Reserve totalmente privata;
    • II guerra mondiale: attacco a Pearl Harbor conosciuto dagli USA ma deliberatamente lasciato attuare per giustificare l’entrata in guerra;
    • Vietnam: l’incidente nel Golfo del Tonkino che ha giustificato l’entrata in guerra degli USA non è mai avvenuto e lo provano documenti americani desecretati;
    • 11 settembre 2001: impossibile che quattro talebani che vivono nelle caverne abbiano messo sotto scacco la più grande e moderna macchina da guerra del mondo; di prove che sia stato un auto-attentato ce ne sono a milioni ma basta anche solo il buon senso per capirlo (3 torri in acciaio che, causa incendio, crollano perfettamente su se stesse con velocità da caduta libera? Non ce n’è mai stata una sola in tutto al mondo fino a quel momento, compresi grattacieli andati a fuoco completamente in tutti i piani). Con questa scusa hanno introdotto un nemico invisibile e che non può essere sconfitto perchè chiunque può essere un terrorista e quindi sarà una guerra infinita.
    • guerra in Iraq: nessuna arma di distruzione di massa come ammesso da americani e inglesi;
    • crisi economica del 2008: creata dalle banche e risanata con soldi pubblici regalati…alle banche stesse;
    • pandemia influenza suina: una mega truffa perpetrata ai danni della salute dei cittadini di tutto il mondo solo per ingrassare le case farmaceutiche.

    Non so voi, ma io se non vedo e tocco di persona qualcosa non ci credo più.

    • -4.1

      Vediti anche questo. Se capisci l’inglese spiega bene, ma ce ne sono altri più esemplificativi:

      http://www.youtube.com/watch?v=FrAShtolieg&feature=related

    • -4.2

      Comincia con questo http://www.youtube.com/watch?v=ISaGrlpK2zE  e poi cerca che ne trovi a decine.

      In ogni caso, isola o non isola, ci sono migliaia di foto di fiumi, spiagge e aree di mare ridotte a discariche di plastica. Non ti basta? Cos’altro ti serve per dire BASTA?

    • -4.3
      uruk-hai

      Vorrei chiarire una cosa che forse è stata fraintesa nel mio primo commento: io non giustifico assolutamente l’inquinamento, anzi sono un granitico sostenitore del riciclaggio (e ancora più convinto che non si dovrebbero prorpio produrre materie inquinanti e trovarne alternative eco-compatibili) tanto da smontare il più possibile ciò che devo buttare (divido le parti di plastica dal corpo in alluminio dei deodoranti e simili, divido le etichette di carta dalle bottiglie di plastica quando ci sono, divido le rilegarture di metallo dai libretti/calendari/agende ecc.) pur sapendo che tanto poi ributtano tutto assieme per alimentare l’inceneritore delle mie zone (filmato da una tv locale tempo fa). Non butto mai nemmeno una carta di caramella per strada e anzi, prenderei i fumatori che impiastrano le strade e le spiagge con i loro maledetti e schifosi mozziconi e glieli farei mangiare. Mi deprime vedere plastica ed immondizia varia lungo le strade, sulle spiagge e in ogni dove. Vivo in provincia di Varese, la zona dei laghi, e m’intristisco a sentire che mio padre da piccolo faceva il bagno nei laghi o nei fiumi che oggi invece non si riescono nemmeno ad avvicinare per la puzza che emanano. Non metto in dubbio che stiamo uccidendo il pianeta e noi stessi e non sono cieco, vedo bene il danno ambientale che stiamo causando, ma metto in dubbio ciò che non vedo e di cui non ho le prove. Forse i filmati che mi hai consigliato (entrambi caricati su YouTube nel 2009) spiegano che questa isola di plastica è stata scoperta 20/30 anni fa ma allora mi chiedo perchè se ne parla diffusamente solo da poco tempo.

    • -4.4

      Permettimi di rettificare la tua affermazione che è “solo da pochi mesi” che si parla di questa inquietante faccenda delle isole di plastica negli oceani.

      Se ne parla da quando si sono scoperte, e parliamo di un paio d’anni ed oltre.

      Io lo segnalavo nel 2008:
      http://current.com/groups/top-news-italy/89272141_un-oceano-di-rifiuti-in-mezzo-al-pacifico.htm

      Ne parlava Greenpeace:
      http://www.greenpeace.org/international/campaigns/oceans/pollution/trash-vortex?MM_URL=http://oceans.greenpeace.org/en/our-oceans/pollution/trash-vortex

      Che proponeva anche un’animazione delle correnti oceaniche che, nel loro vortice, compattano queste isole di plastica:
      http://www.greenpeace.org/international/news/trashing-our-oceans/ocean_pollution_animation?12

      Buone feste a tutti.

    • -4.5
      uruk-hai

      @ Godot.74

      Ok, tu ne parlavi già 2 anni fa, Greenpeace non so da quando visto che non c’è la data dell’articolo (bruttissimo vizio quello di non mettere le date sui post nei siti internet) ma dal testo sembrerebbe che l’hanno scoperta in una spedizione del 2006, ma il concetto non cambia: un’isola di spazzatura grande come un continente non si forma in 4 anni ma in decenni durante i quali qualche avvisaglia sarebbe dovuta uscire. Visto che si conoscevano già le correnti oceaniche non sarebbe stato difficile prevedere quest’effetto da molto, molto, molto tempo e comunque il formarsi “dell’isola” avrebbe suscitato interesse giornalistico appena venuti a conoscenza. Il mio dubbio è appunto perchè solo adesso se ne parla. Dell’inquinamento dell’aria se ne parla da decenni eppure è invisibile e non crea continenti fluttuanti; dunque perchè invece una cosa materiale, tangibile e devastante come un continente di plastica è uscito solo negli ultimissimi anni? Non dico che non sia assolutamente vero, dico solo che ci crederò quando lo vedrò.

  • -5
    frafra

    dal 17 al 24 aprile “porta la sporta” iniziativa nazionale contro l’utilizzo delle buste di plastica http://www.portalasporta.it/

  • -6

    Benissimo. La fine è vicina allora.

  • -7
    gallago

    Claudio,

    penso che per far capire le cose alla gente comune e specialmente nell’incivile Italia del “io mi faccio i c**zi miei”, l’unica via per migliorare le cose è puntare direttamente al portafogli.

    Oltre al giustissimo bando dei sacchetti in plastica, bisognerebbe tassare le bottiglie in plastica. 1€ di tassa per quelle da 0.5l, 2€ per quelle da 1l e oltre.

    Il mercato CROLLEREBBE e l’ambiente ne guadagnerebbe. Questo è uno dei tanti modi. Vieterei per es. le confezioni in plastica per la pasta obbligando l’utilizzo delle confezioni in cartoncino.

    Istituire per legge il vuoto a rendere, tassare i detersivi con contenitore usa e getta e incentivare quelli alla spina (io compro solo quest’ultimo ma spesso costano meno quelli non alla spina!).

    Tassare, tassare tutti quei contenitori e imballaggi inutili. Ci sarebbe tanto da fare ma come sempre, non interessa a nessuno.

    Come ti ho già accennato prima, il picco del petrolio da questo lato ci darà una mano. Ma abbiamo già ridotto il pianeta un’immensa discarica.

    P.S. Data la tua grande visibilità sul web (ovviamente meritatissima), spero tu possa fare al più presto, informandoti tramite l’associazione ASPO, un post sul picco del petrolio e delle sue conseguenze (altro che la balla della speculazione che ci menano i tg quando aumenta la benzina).

    E’ un argomento molto, molto importante ma molto, molto tenuto nascosto.

    Un abbraccio

  • -8
    dl31

    certo capisco chi vuole sdrammatizare un po la questione facendo qualche battuta, perche veramente è insostenibile il peso della coscenza vedendo quel che facciamo…..

    un po capisco chi vuole vedere quest’isola piu da vicino per crederci……

    forse si possono avere dubbi su chi veramente stia facendo riscaldare il pianeta…..

    pero non vi seccate nessuno se dico che l’umanità è tutt’altro che progredita….questo non è progresso, al contrario è regresso bello e buono…..altro che progrediti….trogloditi-ultra-tecno-logici direi…..

    non si puo negare che comunque sia l’uomo la causa di tutti i mali, sia alla terra, che alle persone…

    non ci vuole molto, ad esempio, a capire cosa fa un incerenitore, caxxo lo dice la stessa parola !!!! è normale che si ci buttano le cose li dentro e si ci fanno bruciare….il fumo che fanno, se lo mangiano???  lo purificano magari !!! ed escono da li dentro rose e fiori e vero ???? 

    se, arrivati al punto in cui siamo, continuiamo a domandarci chi sia stato, se l’uomo o la gallina, allora veramente sarebbe meglio suicidarsi !!!!!

    • -8.1
      FitTizio

      Io credo che lo stato dovrebbe fare la sua parte. I singoli inseguono il profitto? Ok, lo stato dovrebbe adottare politiche per limitare i danni.

      Mi spiego. Produrre imballaggi e contenitori di plastica monouso è folle? La plastica finisce così per invadere il mondo creando un impatto ambientale enorme? Ok, lo stato dovrebbe quantificare il danno ambientale e tassare in proporzione la produzione di tali imballaggi e contenitori. D’altronde è lo stato che poi deve spendere per rimediare ai danni, e non è giusto privatizzare i profitti e socializzare le perdite.

      Stesso dicasi per la produzione di energia elettrica. Occorre mettere nel conto dell’energia non solo i meri costi ma anche l’impatto sull’ambiente e sulla salute delle persone. Produrre energia bruciando carbone costa poco ma inquina molto? Ok, lo stato dovrebbe quantificare questo danno e farselo dare sotto forma di tasse dalle società produttrici.

      Mettendo nel conto quantificando ben bene anche le conseguenze di certe azioni, come l’inquinamento, si potrebbe verificare che il modello attuale di capitalismo si adatterebbe anche a diventare eco-compatibile…

    • -8.2
      dl31

      @kautostar…caspio da te non me l’aspettavo proprio !!!!  pensavo che tu fossi uno dei pochi che conosceva il mondo delle alternative bene !!!!

      se non lo conosci bene credimi che è dura, perche il settore è bloccato dagli interessi petroliferi soprattutto e tutte le novita migliori te le devi andare a cercare !!!!!

      intanto sbagli approccio…….ma perche non conosci le vere alternative….esistono piccoli generatori eolici domestici ad esempio:

      1. http://www.energia-eolica.it/vendita_generatori_eolici_ad_asse_verticale
      2. http://www.energia-eolica.it/generatore_eolici_ad_asse_verticale_geol
      3. http://www.energiefuture.info/32/3/Mini-generatori-eolici–una-alternativa-da-Taiwan.html

      questi link sopra sono solo un esempio dei primi tre trovati con google ora……vedete anche i video girano praticamente senza vento, e ne esistono di piu grossi da utilizzare anche come cartelloni pubblicitari e credimi producono tutti mooolti kw…..

      riguardo il solare vedi che se fai (o cerchi bene sulla rete) qualche calcolo ti accorgerai che basta un pezzetto del deserto del sahara per soddisfare l’intero fabbisogno mondiale, ma questo escludilo sai perchè ??? bèh perche volendo si potrebbero mettere file e file kilometriche per tutte le autostrade e non solo,….

      esistono tantissime altre soluzioni oltre il solare, ad  esempio esistono anche delle piattaforme che le metti nel mare e con le onde producono veramente tanta ma tanta energia, ma non finisce qui, io ad esempio sono molto affezionato alla fusione fredda che ormai te la puoi creare anche tu a casa…….

      potrei continuare non so per quanto, ma il punto non è questo, il punto è che se i governi invece di prendere per il c**o tutti quanti dicendo che vuole salvare l’ambiente e poi non fa niente, perche invece non comincia ad organizzare quartiere per quartiere invitando tutte le università a cominciare dai geometri, ingegneri, architetti a fargli progettare tutta la citta nuova e sviluppare il lavoro che ci servirebbe per andare avanti tutti quanti….e non solo (pensa al riciclaggio e ad un eventuale pulizia delle discariche esistenti, riguardo al nostro lavoro)

      te lo dico io perche non vogliono far partire questi bei progetti !!!!!!!   si guardano bene dal farli partire cosi…..loro devono controllarli per prima cosa, e poi non gli serve cosi tanta gente sulla terra, alcuni devono morire, per loro……… secondo loro siamo troppi per stare sulla terra, percio è meglio che non si sviluppi tanto progresso perche poi tutti stiamo bene e prolifichiamo di piu e diventiamo troppi……e loro moriranno (pensano)

      infatti l’unica possibilita che hanno di andare avanti, per loro sarà o un eventuale controllo mentale tramite scie chimiche ogm e quant’altro o una bella guerra organizzata a mestiere tipo seconda guerra mondiale e far scomparire un bel po di persone (prima di tutto) e poi un bel po di sapere e di conoscenza, in maniera tale che quelli che resteranno (intontiti dalle bombe) saranno di nuovo ignoranti come nel 45′ !!!!!

    • -8.3
      uruk-hai

      @ kautostar86

      Credo che pochissimi sarebbero disposti a tornare alla vita di 1000 anni fa, anzi anche solo di 50 anni fa, me compreso. Il punto non è abbandonare tutto e tornare nelle capanne, il punto è utilizzare la nostra tecnologia e intelligenza in modo più sensato. Basterebbe cambiare il sistema su cui si basa la vita di oggi, cioè il profitto; la maggior parte delle persone addirittura non riescono nemmeno a concepire un mondo in cui non ci sono i soldi. Abbiamo tutto ciò che ci serve: un pianeta ricco di risorse e l’intelligenza per sfruttarlo con buon senso rispettando l’ambiente e noi stessi. Non serve mollare tutto e rientrare nelle caverne.

      Consiglio questo articolo sull’energia solare solo per portare un esempio su come potremmo già ora migliorare la nostra vita senza rinunciare a nulla di ciò che il progresso ci ha donato.

    • -8.4
      kautostar86

      Hai ragione ma per il momento da quello che ho letto purtroppo il fotovoltaico ha rendimento scarso, infatti tutto il business del solare in italia e anche nel resto d’europa si basa su incentivi statali e sul fatto che l’enel è costretta a acquistare una certa quota di energia alternativa a prezzi altissimi(che ovviamente si riflettono sulla nostra bolletta). In un libero mercato, non sostenuto artificialmente coi soldi pubblici, solare ed eolico sarebbero davvero poco diffusi. Ma quando si tratta di creare un grande business con efficienza energetica scarsissima a spese della collettività (con un gran bel guadagno per i nostri politici) allora la scarsissima efficienza e i costi enormi passano in secondo piano!

      Poi bisognorebbe anche sfatare il mito che eolico e solare sono a impatto ambientale 0. X esempio se il solare attualmente è poco efficiente significa che per diventare una fonte primaria, bisognerebbe ricoprire di pannelli una superficie enorme, togliendo spazio a campi, togliendo spazio a terreni edificabili ecc ecc…

      Sull’impatto ambientale dell’eolico invece basterebbe farsi un giro nel sud italia per vedere lo scempio che hanno fatto con gli incentivi, tutto a vantaggio della mafia politica, e tutto pagato coi soldi pubblici!

      Guardati questo video

      Ovviamente io non sono contro l’eolico x partito preso, magari in futuro diventerà più efficiente, me lo auguro, ma per il momento è un’energia secondaria che andrebbe bene solo in zone parecchio ventose, e se si sta costruendo anche dove non soffia un filo di vento è solo x interessi economici(drogati dagli incentivi pubblici)

    • -8.5
      bellatrix

      Ambientalismo ipocrita.

      Mah.

      Allora, io credo che bisogna essere decisamente idioti non vedere nè capire cosa l’essere umano sta combinando a questo pianeta.

      Vediamo.. "bisogna vedere i punti di vista.. per la natura è cattivo, per l’uomo è vero"… e chi l’ha detto che per noi questo andazzo va bene? MA COME CAVOLO SI PUO’ SOSTENERE UNA COSA SIMILE PORCA EVA!?!??! E’ bene utilizzare il70%delleterre coltivate per ingrassare miliardi di animali da destinare alla bistecchina? (faccio notare che, l’industria della carne, è il maggior fattore inquinante del pianeta.. documentarsi per credere). E’ bene incenerire i rifiuti e respirare i fumi? E’ bene inondare il pianeta di cemento? E’ BENE distruggere l’habitat per far posto a SEI MILIARDI di persone che non sanno che c**zo fare nella loro vita se non mangiare e distruggere e inquinare????

      Quando ci saremo MANGIATI tutto, quando non avremo più un albero nè aria da respirare… CDIREMO ANCORA CHE è BENE QUESTO "PROGRESSO"??????

      Questo non è progresso. Mi dispiace. E’ solo antroponcentrismo. "Noi vogliamo vivere bene, chi se ne frega se la foresta amazzonica va a p****ne". CHissà.. magari un giorno il cemento e le auto ce li mangeremo, visto che non rimarrà nient’altro.

       

      Ecco. L’ambientalismo ipocrita è quello che sostiene che possiamo continuare così senza pagare dazio. L’ambientalismo ipocrita è quello coinvinto che la Terra possa ospitare altri 10miliardi di stronzi. L’ambientalismo ipocrita è quello a cui gli si stringe il c**o appena uno dice "l’umanità è un cancro".. perchè la verità fa sempre stringere il c**o ai bacchettoni. L’ambientalismo ipocrita è quello che si prodiga per i pesci rossi e poi a tavola ingoia 20kg di cadavere condito da antibiotici e ormoni. L’ambientalismo ipocrita è quello dagli slogan facili che non affronta mai le questioni NEL CONCRETO.

      DIre che siamo un virus è una presa d’atto concreta. Sono fermamente convinto che solo chi si rende conto di questo ha davvero a cuore il futuro di questo pianeta. Perchè il futuro del pianeta ha al suo interno il NOSTRO FUTURO. Il resto è solo "magnamo oggi che  è mejio".

      AVatar insegna.

      Prima o poi la terra ci cagherà fuori. E farà pure bene.

      Stiamo uccidendo la nostra madre. E ce ne rallegriamo!!!

      Beh, io francamente avrei preferito andare ancora in bicicletta ma avere un ambiente salubre, ricco e pieno di vita.

      E’ questo il grande errore. Creedere che il progrsso di oggi ci renda migliori. NOn è così. POniamoci una domanda… ilmotore  a scoppio è stato inventato.. quando? Negli anni 10 del 900?… sono passati 100 anni… com’è che ancora giriamo su questi reperti archeologici???????

      Ora datevi una risposta.

    • -8.6
      kautostar86

      Se ti riferisci ai miei commenti io ho solamente detto in sostanza che mi sta sul c**zo un certo ambientalismo ipocrita (quello alla Greenpeace, quello stile Al Gore tanto per intenderci).

      Io preferisco analizzare le cose in maniera più ragionevole e con la mia testa, preferisco non ascoltarli proprio certi slogan cretini, e certe campagne martellanti basate sulla paura.

      Sicuramente l’uomo ha un impatto sulla natura, ma io a differenza degli ambientalisti non lo definirei negativo, può essere negativo dal punto di vista della natura, ma non sempre dal punto di vista dell’umanità.

      Bisogna mettere seranemente sul piatto della bilancia effetti positivi ed effetti negativi, e valutare ogni scelta di conseguenza. Andrebbero limitati gli sprechi, ma non i consumi davvero utili per noi stessi e per tutta la società, andrebbero studiate nuove tecnologie per cercare di inquinare meno senza compromettere il tenore di vita. Io preferisco vedere le cose da un punto di vista umano, per cui anche gli impatti sulla natura, io li valuterei più dal punto di vista umano. Ad esempio mettiamo di trovarci di fronte al dilemma di abbattere parecchi ettari di foresta amazzonica, per creare nuovi campi coltivabili e migliorare nettamente il tenore di vita degli abitanti del sudamerica. Se il disboscamento non ha ripercussioni tali sull’ecosistema da mettere a repentaglio anche la vita umana, perchè no? i benefici x quelle persone superebbero di gran lunga i danni!

      Voi sareste disposti a tornare a vivere come si viveva 1000 anni fa? o meglio ancora 4000 anni fa? io no, e se guardate le vite dei più famosi ambientalisti militanti manco loro! Facile fare ambientalismo con la vita e coi soldi degli altri!

  • -9

    il centro di riciclo di vedelago puo’ essere l’inizio per tramutare la plastica in ORO,

    sosteniamo queste attività e il M5S.

    Saluti da Farmajet la TUA farmacia ONLINE

  • -10
    gallago

    Ognuno deve fare il suo ed evitare il più possibile di acquistare plastica. Prima si fa questo e poi quella che proprio non si può fare a meno di acquistare si differenzia.

    Bicchieri e posate di plastica non vanno più acquistati, ci sono quelli in materbi se proprio c’è il bisogno di usarli. L’acqua bevetela dal rubinetto e privilegiate le bevande in bottiglie di vetro e i barattoli in vetro.

    Claudio non sono sicuro che non verrà mai ripescata quella plastica. Quando il peakoil sarà conclamato, il barile a 300/400€ e la società petroliferà comincerà a collassare (questione di alcuni anni) allora sarà utile riciclare pure quella.

    Ti consiglio vivamente questi due siti:

    http://www.aspoitalia.it

    http://www.aspoitalia.blogspot.com

  • -11
    Francy

    acimoto ha scritto :
    Bisognerebbe dirlo alle donne che hanno il punto G nella G di shoppinG!!!ed a tutti coloro che cercano di riempire vuoti con l’avere e non con l’essere.i mercatini sono pieni di persone che comprano e ricomprano cose che già hanno e che non gli servono.p.s. ma è possibile che mia moglie abbia sempre bisogno di prodotti della tupperware?La rappresentante è sempre in casa mia.PURE LEI DEVE CAMPARE… 

    così hai la coscienza pulita? il mouse che stai usando di cosa è fatto? e il cruscotto dell’auto? e il telefonino nelle tua mani? il router? la scocca del portatile? la tastiera? la penna con cui scrivi?

    per altro, possono piacere o meno, ma quantomeno i tupperware non sono usa & getta, anzi la filosofia è quella di un uso eterno, nessuna donna o uomo getta un contenitore utile

    questa pasqua pensavo alla miriade di piatti e bicchieri di plastica del picnic, nonchè agli ovetti di plastica dentro le uova, che non sono pet e quindi non riciclabili, una valanga di packaging da smaltire…

  • -12
    blue

    Mi si è raccapponata la pelle! Byoblu i tuoi post sono informazione allo stato puro.

    Io che non butto mai niente in giro, io che riciclo carta, vetro, alluminio e plastica…riciclo… porto tutto nei diversi contenitori….

    Io che accumulo tappi per consegnarli a chi mi hanno detto ne farà uso per delle sedie a rotelle e sto contagiando tutti con la raccolta dei tappi.

     

    Mi sconvolge il cerchietto e la disgraziata fine nel corpo delle tartarughe. Mi sconvolge la quantità di plastica nel pesciolino.

     

    Mangiamo pesce che é sano!!!! Non bastavano le navi dei veleni! Ma la cosa che mi rattrista p che a leggere probabilmente i tuoi post siano già persone civili, mentre chi getta rifiuti? Speriamo si arrivi un giorno alla civiltà e al rispetto.

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>