Addio a Raimondo Vianello, la nuova televisione è un disastro.

 

Il portone di Casa Vianello, quello che apre su Cologno Monzese, oggi si tinge di paramenti neri. Non è il nero della Repubblica Sociale Italiana, uno stato occulto, fantoccio, alle totali dipendenze del Terzo Reich di Adolf Hitler, dove Raimondo prestò servizio militare in qualità di bersagliere. E’ il nero del lutto, dell’addio.  Il marito annoiato più famoso d’Italia, nato a Roma il 7 maggio 1922, si è spento alle sette meno dieci di questa mattina, all’ospedale San Raffaele di Milano. Stava per compiere 88 anni.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Più di una generazione di italiani, tra cui il sottoscritto, hanno sorriso immersi nei tormentoni comedy delle sue inimitabili gag, del suo irresistibile humour inglese, dei suoi silenzi carichi di sarcastico stupore. Con la moglie, l’inossidabile Sandra Mondaini, Raimondo si faceva interprete dell’italiano medio: pigro, annoiato, il giornale sempre in mano ma disinteressato a tutto ciò che non costituisce un utile personale, preda di improvvise vampate d’entusiasmo che poi, regolarmente, scemano nella disillusione, stemperate nel solito tran-tran quotidiano, un po’ ingabbiato, sognatore frustrato, sempre pronto a tradire la consorte con la nuova vicina di casa. Un perdente, insomma, una diversa incarnazione di Fantozzi, che in Italia ha sempre tirato di più di Rambo.

Per avere militato nella RSI, Vianello pagò con la detenzione nel campo di concentramento alleato di Coltano, tra il maggio e il settembre 1945, insieme ad altri 35mila ex militari. Non fu il solo. Con lui c’erano Walter Chiari ed Enrico Maria Salerno, Enrico Ameri e Luciano Salce. Come non fu certo il solo ad avere aderito alla Repubblica Sociale. Oltre ai compagni di prigionia, potremmo citare tra gli altri Giorgio Albertazzi, Gino Bartali, Dino Buzzati, Dario Fo, Licio Gelli, Marcello Mastroianni, Amedeo Nazzari, Wanda Osiris, Cesare Pavese, Ugo Tognazzi e Giovanni Spadolini. Oppure, nelle file dell’MSI di Milano, nel 1956, Adriano Celentano, o nella Giovane Italia di Bologna (primi anni 60) Lucio Dalla e, ancora, il presunto finanziatore del Soccorso Tricolore de “Il Borghese” dei primi anni ’70, Lucio Battisti con Mogol, alias Giulio Rapetti.
Lui però, Raimondo, non ne fece certo un mistero, e prima della conduzione del Festival di San Remo del 1998, quando una tale dichiarazione poteva costargli cara, disse “Io non rinnego niente”. Tanti non ebbero la stessa dignità e lo stesso coraggio.
Del resto, la detenzione nel campo di concentramento alleato di Coltano non deve essere stata facile. Era considerato uno dei più duri, teatro di violenze inqualificabili come la cosiddetta fossa dei fachiri, una grande buca cosparsa di pietre aguzze dove fino a dieci prigionieri erano costretti a sostare in piedi.

Ho parlato di Raimondo Vianello e della televisione italiana con chi la televisione la conosce bene: Salvatore De Pasquale. In arte Depsa, Salvatore ha scritto – e talvolta vi ha perfino partecipato – una tale quantità di trasmissioni televisive di intrattenimento che per elencarle tutte non basterebbero le pagine del blog: da Scherzi a Parte a Stranamore, da C’é posta per te a Buouna Domenica e Domenica In, dalla Corrida a Matricole, solo per fare qualche nome. Ma Depsa è anche lo pseudonimo sotto il quale firmava canzoni che sono entrate nella cultura popolare italiana, champagne su tutte, e che gli sono valse un primo posto, tre secondi posti e un premio della critica al Festival di San Remo, dove ha partecipato ben 23 volte in qualità di autore e dove è stato anche Commissario Artistico. Insomma, se c’è uno che la televisione la conosce bene, quello è lui. Televisione di puro intrattenimento, certo, eppure sentite cosa pensa della trasformazione che anche questo genere, pur necessario, ha subito negli ultimi trent’anni.

Ma prima di lasciarvi all’intervista, permettetemi di fare un saluto.

Se è vero che le persone sono fatte di ricordi, allora io sono fatto anche di te, caro Raimondo. A presto.

 LA NUOVA TELEVISIONE E’ UN DISASTRO
 intervista a Salvatore De Pasquale (Depsa)

 

Claudio Messora: Salvatore De Pasquale buongiorno.Depsa: Ciao Claudio.CM: Senti, questa mattina l’Italia si è svegliata con una notizia… ABbiamo perso il grande, mitico Raimondo Vianello. Tu sei un autore televisivo che ha fatto la storia della televisione italiana, con programmi che tutti conoscono. Da Scherzi a Parte, a Stranamore, a Domenica In. Hai lavorato nei Telegatti, hai fatto anche la Corrida. Ci puoi fare un quadro della figura di Raimondo, se lo hai conosciuto? Che cosa se ne diceva nell’ambiente?

Depsa: Guarda, generalmente l’ambiente parla sempre male di qualcuno, nel senso che si parla sempre male. Di Vianello, sinceramente, non se ne è mai parlato male, nel senso che, veramente, quello che sembrava, cioè la sua simbolicità era assolutamente riconosciuta da tutti. E anche la sua modernità, perchè Vianello è stato di un’ironia, di un’autoronia anche, di una modernità incredibile. Veramente è stato un grande insegnante per tutti.
Io ho avuto il piacere di incontrarlo più volte durante i Telegatti. Devi sapere che io facevo i Telegatti coma autore, ne ho fatti sedici edizioni, dal 1990 al 2005, e tutte le volte che avevamo bisogno di farci due risate per alzare gli indici di ascolto mettevamo Vianello o come premiato, o come premiatore ed eravamo sicurissimi che funzionasse, perché come riusciva a prendere in giro lui i vari Mike Bongiorno e tutti gli altri… Era fantastico! Cioè aveva un’ironia, una perfidia, una cattiveria, ma sempre garbata, elegante, o forse pungente, pungente ma elegante. Riusciva cioè a dire delle cose cattivissime facendo sorridere la vittima. Al di là di questo, sappiamo tutto quello che ha fatto, quindi veramente se ne è andato via un grande. Generalmente si dice sempre così, ma in questo caso è veramente così.

CM: Credo che sia uno dei protagonisti di situation-comedy, di varietà e di film più amati in assoluto in Italia. Tu conosci Sandra Mondaini. Credo che non sia un buon momento per lei.

Depsa: Penso proprio di sì. Sandra Mondaini è una donna molto coriacea, molto forte, nel senso che sia lei che il marito combattevano contro una brutta malattia e lo sappiamo. Sono stati anche testimonial, lei in particolare. Sandra… beh, sono brutte situazioni, anche perché l’età si fa sentire anche per lei. Non dimentichiamoci che anche lei è stata una grande soubrette, veniva dal teatro di Macario, ha fatto la storia della televisione e dello spettacolo. Quello che manca adesso è proprio questo. Queste persone, Vianello, la Mondaini, prima di lavorare in televisione hanno fatto una gavetta che adesso non si fa più. Adesso si arriva prima in televisione e poi si diventa famosi.

CM: Tu ti riferisci ai grandi reality show, il Grande Fratello, l’Isola dei Famosi, che lanciano dei personaggi che magari nella vita reale fanno tutt’altro tipo di lavoro, se lo fanno, e poi si trovano a gestire una popolarità, una serie di trasmissioni di cui vengono loro affidate le conduzioni, ma senza un background specifico che una volta passava anche per il teatro.

Depsa: Quasi sempre! Tieni presente che… ed io sono di una generazione successiva a quella di Vianello e della Mondaini, ma comunque sia, se mi ricordo, da bambino, l’abbiamo visto tutti la televisione cos’era. Era un punto di arrivo di tutti quelli che facevano teatro, che finalmente diventati bravi, andavano in televisione. Adesso succede il contrario, cioè succede che incominciano a farti fare televisione, così tu impari facendola. Il che è una follia, ti fa capire che c’è un livello bassissimo, cioè si è abbassata tantissimo la qualità della televisione, e come vedi poi non esistono più Vianello e Mondaini, cioè nel senso che dopo sei mesi, dopo un anno sei bruciato, e arrivederci e grazie.

CM: In parte hai anticipato una domanda che ti volevo fare, perché tu, come abbiamo detto all’inizio, sei un rappresentante storico della televisione in Italia. Della televisione, al di là del fatto che ultimamente ci metti la faccia, come autore, e abbiamo elencato alcuni dei programmi che hai fatto. Quello che volevo chiederti è proprio questo, cioè se ti piace la televisione di oggi, che cosa è cambiato e che cosa salvi, a questo punto, e cosa credi che vada buttato via.

Depsa: Guarda, ormai la televisione se la fa chi la guarda, che ovviamente è una rivoluzione, anche perché comunque c’è l’influenza di internet, di youtube, sono due linguaggi diversi. Sicuramente c’è un linguaggio diverso. Io non sono contrario all’innovazione, nel senso che questa è la televisione di adesso. Questo è il linguaggio di adesso. Io per primo passo le serate al computer, su YouTube o su altri network anzichè guardando la televisione, pur facendola. Questo non vuole dire che però non ci debba essere maggiore professionalità. In questo momento manca la professionalità. Ci sono i vecchi, ci sono i nuovi e i nuovi sono un disastro, nel senso che c’è un’improvvisazione totale. Un’improvvisazione che viene usata anche nei programmi, perché poi i programmi si vede che sono improvvisati. Prima ci volevano sei mesi per preparare un programma. Adesso in tre settimane si prepara un programma, un programma televisivo. Purtroppo gli effetti si sentono. Anche questa frammentazione che c’è di tutti i programmi, cioè il fatto che ci siano tanti canali, rendiamoci conto che gli italiani sono sempre sessanta milioni scarsi, i giovani continuano a non guardare la televisione… Comunque sia, i soldi sono sempre meno, quindi è ovvio che si abbassa anche la qualità dei programmi.

CM: Un ultima domanda, Salvatore. Ne approfitto che tu sia qua. Noi ci occupiamo di informazione, qua sul blog. Questo non è il tuo campo, tu ti occupi di varietà, hai sempre fatto svagare tantissime persone e ci sei riuscito benissimo. Però, insomma, hai vissuto il mondo della produzione televisiva dall’interno. Secondo te c’è libertà nel panorama televisivo degli autori o hai percepito, nel tuo cammino professionale, una specie di direttiva editoriale tesa a fare emergere più questo o quel contenuto a seconda delle convenienze, che in alcuni casi potrebbero essere addirittura politiche?

Depsa: Allora, facendo intrattenimento puro, perché io ho sempre fatto intrattenimento puro, che ne so… da Scherzi a Parte a C’è posta per te, io non trovo censure, nel senso che l’intrattenimento vive una situazione abbastanza tranquilla. Probabilmente se avessi fatto informazione, probabilmente avrei sofferto.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

12 risposte a Addio a Raimondo Vianello, la nuova televisione è un disastro.

  • 1
    Viola

    Raimondo e Sandra coppia straordinaria,li ho sempre visti volentieri,hanno fatto parte della mia vita come Mike del resto.Io ho quasi 60 anni e sono cresciuta con loro ancora con la TV bianco-nero.Rallegravano anche le mie giornate molto tristi.Mi dispiace tanto,davvero, ma persone cosi non ci lasciano MAI.   RAIMONDO VIANELLO TI PORTERO’ SEMPRE NEL CUORE PER TUTTE LE GIOIE CHE MI HAI DATO   GRAZIE!                                     

  • 0
    Guastatore1986

    Se n’è andato un altro mostro sacro della TV ormai diventata un enorme pattumiera di Pivelli tutto fumo e niente arrosto

  • -1
    gaetano

    caro  raimondo vianello nn ti potremmo mai scordare tutti gli italiani xk tu ci hai fatto passare momenti stupendi insieme a te tvbbbbbbbbbbbb ci mancherai tantissimo… un pensiero enorme x la povera sandra rimasta sola con quella brutta malattia che porta con se …..addio raimondo 6 unico

  • -2
    Marsicano

    Quando dice che l’intrattenimento puro non subisce censure, dice una enorme bufala.

    Striscia la C………ta è continuamente censurato, e a mio avviso Ezio Gregio è uno dei pericoli maggiori per i tele-u-tonti.

    Ricordiamo che Striscia è visto da circa 10.000.000 milioni di italiani, è chiaro che è una bomba atomica in mano al proprietario di Mediaset.

    • -2.1
      Marsicano

      Non credo la censura sia più sottile, o meglio, è velata agli occhi di chi comunque usa ancora la tv in maniera più o meno assidua. Per uno che si è disintossicato da tale mezzo di distrazione di massa, la censura è palese e tossica. Una volta sviluppati gli anticorpi a tale sistema, lo riconosci in un batter d’occhio.

    • -2.2
      dl31

      ohhhh….ERA LA STESSA PRECISA IDENTICA COSA CHE AVEVO INTENZIONE (MENTRE LEGGEVO) DI SCRIVERE ANCH’IO !!!!!!!

      mentre leggevo i commenti pensavo a come dovevo gia dirla, poi sono arrivato al tuo e mi sono stupito !!!!!!!

      comunque sono convinto che sia un tipo di censura diversa…più sottile e comunque ormai credo che la cosa sia diventata del tipo: il comandante che dice al suo soldato ” va li e fai questo, tu non pensare !!!!! “.

      NON POSSO PROPRIO FARE A MENO DI RINNOVARE I MIEI COMPLIMENTI A QUESTO BYOBLU……

      COMPLIMENTI CLAUDIO MESSORA…….COMPLIMENTI VERAMENTE !!!!!!!!

      ci fai ragionare troppo alla grande……ed a me stai insegnado anche a scrivere !!!! (un grazie personale è dovuto)…..

      UN GRAZIE SEMPRE PERSONALE VA A RAIMONDO VIANELLO ED A TUTTI QUESTI MAGNIFICI ATTORI DI QUELL’EPOCA, CHE LOTTAVANO CONTRO CHISSÀ QUALE FORZA, LA STESSA CHE MAGARI A NOI VIENE MOSTRATA OGGI IN UNA VESTE DIVERSA !!!!!

    • -2.3
      dl31

      ohhhh….ERA LA STESSA PRECISA IDENTICA COSA CHE AVEVO INTENZIONE (MENTRE LEGGEVO) DI SCRIVERE ANCH’IO !!!!!!!

      mentre leggevo i commenti pensavo a come dovevo gia dirla, poi sono arrivato al tuo e mi sono stupito !!!!!!!

      comunque sono convinto che sia un tipo di censura diversa…più sottile e comunque ormai credo che la cosa sia diventata del tipo: il comandante che dice al suo soldato ” va li e fai questo, tu non pensare !!!!! “.

      NON POSSO PROPRIO FARE A MENO DI RINNOVARE I MIEI COMPLIMENTI A QUESTO BYOBLU……

      COMPLIMENTI CLAUDIO MESSORA…….COMPLIMENTI VERAMENTE !!!!!!!!

      ci fai ragionare troppo alla grande……ed a me stai insegnado anche a scrivere !!!! (un grazie personale è dovuto)…..

      UN GRAZIE SEMPRE PERSONALE VA A RAIMONDO VIANELLO ED A TUTTI QUESTI MAGNIFICI ATTORI DI QUELL’EPOCA, CHE LOTTAVANO CONTRO CHISSÀ QUALE FORZA, LA STESSA CHE MAGARI A NOI VIENE MOSTRATA OGGI IN UNA VESTE DIVERSA !!!!!

    • -2.4
      dl31

      ohhhh….ERA LA STESSA PRECISA IDENTICA COSA CHE AVEVO INTENZIONE (MENTRE LEGGEVO) DI SCRIVERE ANCH’IO !!!!!!!

      mentre leggevo i commenti pensavo a come dovevo gia dirla, poi sono arrivato al tuo e mi sono stupito !!!!!!!

      comunque sono convinto che sia un tipo di censura diversa…più sottile e comunque ormai credo che la cosa sia diventata del tipo: il comandante che dice al suo soldato ” va li e fai questo, tu non pensare !!!!! “.

      NON POSSO PROPRIO FARE A MENO DI RINNOVARE I MIEI COMPLIMENTI A QUESTO BYOBLU……

      COMPLIMENTI CLAUDIO MESSORA…….COMPLIMENTI VERAMENTE !!!!!!!!

      ci fai ragionare troppo alla grande……ed a me stai insegnado anche a scrivere !!!! (un grazie personale è dovuto)…..

      UN GRAZIE SEMPRE PERSONALE VA A RAIMONDO VIANELLO ED A TUTTI QUESTI MAGNIFICI ATTORI DI QUELL’EPOCA, CHE LOTTAVANO CONTRO CHISSÀ QUALE FORZA, LA STESSA CHE MAGARI A NOI VIENE MOSTRATA OGGI IN UNA VESTE DIVERSA !!!!!

  • -3

    Era l’ultimo dei Grandi comici… e come sè avessi perso un nonno, gli volevo bene veramente, e come sè fosse sempre stato nella mia famiglia, non sò sè vedremo ancora un telento cosi in giro. Non avrei mai voluto arrivasse questo momento… sono triste perchè tu ci ha dato grandi gioie, e nessun’altro mi farà ridere come hai fatto tu! Addio!

    Fabio

  • -4
    BLUE

    mi deludi con questo post. Ma se ha preso per anni soldi dalla tessera 1816 e viveva pure a Milano 2!

    • -4.1

      Preso soldi dalla tessera 1816? Ma stai scherzando? Non ti senti un po’ qualunquista solo a pensarlo? Mio padre lavorava a Rete4. Era uno dei tanti impiegati (erano decine di migliaia). Ha preso soldi da un piduista? Quindi era un piduista anche mio padre? Quindi lo sono anche io?

      Bisogna essere in grado di tracciare una linea di demarcazione oltre la quale spingersi diventa altrettanto immorale dell’immoralità che si tenta di denunciare.

      Vianello era un comico, un attore, un presentatore. Allora Muccino prende soldi dalla tessera 1816? E’ un piduista?

      Per favore: equilibrio e ragionevolezza. Inoltre, come ho scritto nel post di oggi, allora la questione era percepita in maniera differente (non c’era la rete e molte cose non si sapevano). La questione era: se Berlusconi non scende in politica, ci portano via le televisioni, e addio lavoro per decine di migliaia di persone.

      Inquadriamo le cose nel loro giusto contesto storico e non generalizziamo. Sono passati VENTI ANNI. Questa non è la storia del fascismo nè stiamo parlando delle fosse ardeatine. Stiamo parlando di spettacolo, di lavoro e di opinioni politiche. Al fanatismo c’è un limite.

    • -4.2
      dl31

      BLUE……non lo sapevo però me l’aspettavo !!!!!!

      certo poveretti questi …….a quei tempi cosa potevano fare……le cose che sappiamo oggi avrebbero pototo farli ragionare, ma a quei tempi io credo che loro si ci ritrovavano dentro senza capirne proprio niente (presi dalla foga) per poi all’ultimo capire di essere delle pedine…….a quel punto cosa avrebbero potuto fare……alcuni decisero di abbandonare, altri come loro, decisero di continuare, ma cercando forse dare qualche cosa buona di loro, magari cercando di portare a conoscenza il popolo dei problemi in maniera criptica un po come i tempi prima dell’illuminismo (il barocco) in cui è stata aperta la porta della conoscienza al pubblico !!!!!!!

      io credo che il male non potra vincere mai….non potra riuscire mai a comandare gli spiriti tutti per intero, qualcosa gli sfugge sempre dal controllo…….com’è solito dire in questi casi ” il diavolo ha fatto le pentole, ma ha scordato i coperchi “…….secondo me i veri VIANELLO  e tutti gli altri ritrovandosi in quella situazione hanno cercato poi di sfruttarla !!!!!!

      volendo cosa avrebbero fatto di cosi malvaggio……lasciando perdere i soldi della tessera, altre malefatte quali potrebbero essere…..analizziamoli insieme se vogliamo……io sono pronto a condannarli tutti quanti, se sara dimostrato un effettivo cattivo comportamento di questi (poveretti) !!!!!!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>