Peter Gomez – La mafia a Milano

Milano non è terra di conquista delle mafie. Milano è stata ampiamente conquistata.

Tutto è iniziato molti anni fa con la legge sul soggiorno obbligato, che ha portato in Lombardia nel nord Italia centinaia e centinaia di uomini d’onore. Nel corso degli anni però abbiamo assistito a una sostituzione nelle gerarchie criminali. Milano non è più terra di cosa nostra ma è terra di ndrangheta, la mafia che dal punto di vista militare in questo momento è più forte in Italia e forse nel mondo. Non è un segreto per nessuno che comuni dell’hinterland di Milano come Buccinasco vengono oggi chiamati dagli stessi investigatori la “Platì del nord“, e questo è particolarmente vero ed emerge quando si esaminano due settori economici: ai vertici della scale e in fondo alla scala. Ci sono tutta una serie di settori dell’economia che sono saldamente in mano alle mafie calabresi. Non c’è movimento terra a Milano e in Lombardia che non sia in qualche modo appaltato agli uomini della ndrangheta. Andando più in alto, partendo dagli uomini della ndrangheta, è possibile accorgersi come davvero la mafia sia arrivata nel cuore della city, nel cuore milanese. Recentemente un’inchiesta ha dimostrato che una società dell’hinterland, la “Creiamo“, che faceva capo di fatto a una serie di uomini legati alle cosche ndranghetiste calabresi, fosse arrivata ad aprire uffici in via Montenapoleaone.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

La cosa che ha colpito noi del Fatto Quotidiano, esaminando le carte di questa inchiesta che riguardavano la Creiamo e riguardavano in particolare i rapporti di due esponenti, di due colletti bianchi che facevano anche politica, ma che venivano considerati dai magistrati l’interfaccia delle cosche, dei Barbaro, è quanto si muovessero in ambito politico. Noi abbiamo raccontato la storia di Iorio, la storia di Madaffari. Iorio è il figlio di un coordinatore della Pdl a livello locale in Lombardia. Ci siamo resi conto che Iorio, al momento accusato di corruzione ma con l’aggravante dell’articolo 7, ovvero l’aggravante mafiosa, aveva rapporti di altissimo livello con una serie di consiglieri regionali lombardi e deputati nazionali. In occasione delle elezioni, le elezioni di due anni fa, le microspie degli investigatori hanno ricostruito con precisione come gli uomini delle cosche calabresi si dessero da fare per infiltrare la politica. Attualmente, in Regione Lombardia, siedono una serie di consiglieri regionali che si sono avvalsi del loro appoggio. Non sempre è dimostrabile che i consiglieri regionali in questione fossero perfettamente al corrente delle persone con cui avevano a che fare. In altri casi accadono degli episodi che sono assolutamente sconcertanti e che dimostrano come anche in Lombardia la nostra classe politica sia incapace di selezionare le proprie classi dirigenti sulla base del rischio mafia. Ricordo che per esempio in Regione Lombardia siede il Consigliere Regionale Colucci, che quattro anni fa fu ripreso dalle forze di polizia mentre entrava ed usciva da un ristorante in cui avveniva una cena a cui partecipavano una serie di esponenti delle cosche calabresi, tra cui uno dei figli di Morabito. Quando questa cosa è stata scritta, Colucci ha tentato prima di smentire. Poi non ha smentito più niente, e l’ufficio dei probiviri dell’allora Forza Italia non è intervenuto. Colucci oggi ha fatto carriera.

C’è una sottovalutazione assoluta verso il fenomeno, da questo punto di vista, in Lombardia. Mancano anche le inchieste. Sui giornali, lo ha scritto Libero, ci sarebbe da mesi in preparazione una grande inchiesta sulle cosche in Lombardia che dovrebbe portare a centinaia di arresti. Io non so se questa cosa sia vera. Fatto sta che, sostanzialmente, oltre che una mancanza dal punto di vista dell’intervento politico c’è stata una mancanza, in questi anni, anche dal punto di vista della repressione penale. Di fatto, di grandi operazioni anti-mafia, in Lombardia non ne avvengono dai primi anni ’90. Altre inchieste hanno poi fotografato dei rapporti che nemmeno sorprendono più. Abbiamo visto come gli uomini della cosca Piromalli si rivolgessero a Marcello Dell’Utri, per telefono, incontrandolo in via Senato, per cercare di perorare la causa di un loro congiunto che era detenuto. Anche in questo caso, nonostante i fatti, magari difficili da quantificare dal punto di vista dei codici ma sicuramente rilevanti dal punto di vista dell’etica politica, fossero evidenti, non c’è stato nessun intervento da parte della politica. Sostanzialmente non dalla maggioranza, che ovviamente protegge Dell’Utri, ma nemmeno dall’opposizione, che non ha fatto di tutto questo materia di campagna.

Eppure le cose stanno cambiando. Nell’ultimo anno nell’hinterland milanese ci sono stati sette omicidi legati alla criminalità organizzata. Anche da noi quindi si comincia a sparare e non ci si limita solamente a gestire gli appalti o a gestire i flussi di capitali. Per quanto riguarda invece cosa nostra la situazione è più complicata e anche più affascinante. La mafia siciliana, sicuramente meno forte dal punto di vista militare rispetto a quella calabrese, è forse più abile nel fare affari. A Milano noi sul Fatto Quotidiano abbiamo raccontato la storia di centinaia di cooperative legate ai familiari o alle familiari di Vittorio Mangano, che in questi anni si sono occupati di pulizia, di logistica e dei rapporti con le pubbliche amministrazioni e non solo con le grandi aziende come Fininvest, Publitalia e quant’altro. Le pulizie, per esempio, a Fininvest e a Publitalia “le facevano” i soci o le familiari dell’ex fattore di Arcore, Mangano. La cosa singolare è che, andando ad esaminare chi è entrato all’interno di queste società, assistiamo a quella che sembra essere una sorta di alleanza tra calabresi e siciliani.

Insomma, a Milano la piazza è grande e all’ombra della Madonnina la mafia ha fatto un passo avanti e si è evoluta. Io credo che nelle prossime settimane scopriremo che è entrata nelle istituzioni, anche in Lombardia, fino ai vertici più alti.

 Peter Gomez

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

8 risposte a Peter Gomez – La mafia a Milano

  • 1
    skatro

    La mafia a milano c’è, basta guardare bene! c’è pure nei piccoli paesi del nord italia, special modo calabrese. L’errore che si fa più spesso è di pensare che la mafia sia un problema solo del sud Italia. Almeno cominciamo a renderci conto che una cosa così grossa è ovvio che si sia espansa un po’ ovunque.. -.- purtroppo..!

  • 0
    fansss

    Gomez è un’altra bella testa nel panorama itaiiano dell’informazione: chiaro, competente, analitico.

    Una delle migliori firme che ci sono a giro.

    (… Santoro? Secondo me, ha fatto il suo tornaconto come al solito confermandosi un individualista accorto; pollice in basso)

  • -1
    TerzaPosizione

    Nell’hinterland milanese abbiamo anche un ridente comune che prende il nome da una localita’ che e’ anche il nome di un ‘ndrina : Bruzzano 

    • -1.1
      bruzzano fieri

      Bruzzano è un QUARTiERE di Milano e non un ridente comune il nome non lo prende dalla mafia calabrese ma dal nome "Bruzzano dei due borghi" che era comune vicino a quello di AFFORI e UNITI e Cormano.

      Non si tratta di un quartiere che prende il nome da una cosca o un comune calabrese. 

  • -2

    Nicola Gratteri, uno dei massimi esperti di ‘ndrangheta, racconta come e perchè l’organizzazione criminale calabrese non è più una manifestazione agricolo pastorale di malavita.

    Gli interessi odierni della ‘ndrangheta si fondono, oltre che con la politica, con la finanza internazionale, con la massoneria (la Calabria è la seconda regione in Italia per numero di logge massoniche), con la chiesa… E’ un salto di qualità avvenuto nel più assoluto silenzio e con la complicità più o meno consapevole di tutti.

    http://www.youtube.com/watch?v=b6kl-ZVIS5I

    http://www.youtube.com/watch?v=JSPA38uocnk

    http://www.youtube.com/watch?v=j-EyoSp1tUQ

  • -3
    GinaB

    Sottovalutazione del fenomeno in Lombardia?

    Non serve anche a questo la legge bavaglio?

    Mi pare che l’anno scorso la Moratti ad Annozero,davanti all’evidenza dei filmati che denunciavano la presenza delle mafie a Milano,arrabbiata,quasi in lacrime,accusa la trasmissione di voler buttare fango sulla laboriosa e onesta Milano.

    Qualcuno dica alla Moratti che ovunque c’è la presenza mafiosa,ci sono laboriosi e onesti cittadini che subiscono questa presenza che rende la vita invivibile.Sono chi ha paura di ritorsioni,gli ignoranti per scelta,i collusi o i complici che negano il fenomeno. Si può comprendere chi ha paura,le altre categorie no.

  • -4
    skatro

    ok è ufficiale: Santoro lascia la conduzione di AnnoZero e pare la RAI..

  • -5
    Viola

    Milano da oltre 20 anni e’ la vera capitale della mafia ne fa un quadro il libro :”Milano ordina uccidete Borsellino”dove dice che i boss hanno trovato complici ideali all’interno dei suoi insospettabili salotti per riciclare e moltiplicare le centinaia di miliardi guadagnati con il traffico internazionale degli stupefacenti,banchieri,imprenditori,finanzieri.Anche se e’ diverso da cio’ che vorremmo purtroppo e’ cosi. Anche la chiesa naturalmente che non manca mai all appello.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>