Quelle centrali nuclari russe a rischio


Gli impianti nucleari sono sicuri. Estremamente sicuri.

Allora sarà per un eccesso di zelo che i militari russi si stanno affannando da giorni a scavare chilometri di fossati intorno alle loro centrali, per difenderle dalle fiamme dell’incendio epocale che sta devastando la Russia, e a fare terra bruciata intorno ai reattori con enorme dispendio di forze (e di ansie). Le centrali insomma sono sicure: sono gli uomini ad essere a rischio.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 
< Come se non bastasse, il pericolo maggiore non è neppure l'estendersi degli incendi. Lo dice la stessa Open Joint Stock Company «Concern for Production of Electric and Thermal Energy at Nuclear Power Plants» («Rosenergoatom» Concern OJSC), la compagnia russa responsabile non solo della sicurezza dei reattori e dei livelli di radiazione, ma anche della produzione e della vendita dell’energia elettrica di 10 centrali nucleari , per una capacità totale di 23.242 MW.
In una nota del due agosto scorso, il gestore russo afferma che i pericoli arrivano dall’interruzione delle linee di approvvigionamento elettrico delle centrali. I danneggiamenti a cavi e tralicci inflitti dalle fiamme mettono infatti a rischio l’alimentazione dei sistemi delle centrali, che non possono sempre fare affidamento sul fatto che i generatori di emergenza si attivino in corrispondenza di ogni black-out.

Andrei Ozharovsky – fisico nucleare laureatosi a Mosca, ecologista e scienziato rispettato e riconosciuto anche dalla stessa Rosenergoatom – rincara la dose.

« Le interruzioni nell’approvvigionamento elettrico e i guasti al trasformatore causano l’arresto di emergenza del reattore. Per un reattore, ogni regime di transizione è molto pericoloso, perché può portare a situazioni imprevedibili. E’ esattamente ciò che successe a Chernobyl quando, dopo numerosi tentativi di accendere e spegnere il reattore, questo finì fuori controllo. »

Fonti interne alla Rosenergoatom hanno confessato al sito web russo Bellona che, nonostante le rassicurazioni ufficiali, ulteriori arresti di emergenza potrebbero verificarsi nelle centrali nucleari di Kalinin, Balakovo, Novovoronezh e Rostov. Le riserve dalle quali viene prelevata l’acqua per i sistemi di raffreddamento delle quattro centrali si stanno riscaldando progressivamente, con temperature che raggiungono i 30 gradi Celsius, cosa che può causare problemi ai reattori. “Se la temperatura dell’acqua si innalza di altri due gradi, dovremo arrestare le centrali“, è la fosca previsione del gestore russo.

Non solo, riprende Ozharovsky, i reattori dipendono fortemente anche dal livello delle acque nei laghi e nei fiumi dai quali si approvvigionano, e periodi prolungati di caldo torrido come questo, che da settimane soffoca la Russia Centrale con temperature al di sopra dei 40 gradi, abbassano l’asticella in maniera critica. Tra l’altro, la dominanza delle quote derivanti da fonti nucleari sul mix energetico russo rende estremamente pericoloso il fermo degli impianti, che oltretutto in situazioni di emergenza economica come questa, a causa del dilagare degli incendi, non potrebbero essere sostituiti da fonti energetiche di altra natura e lascerebbero così vaste aree dell’ex Unione Sovietica letteralmente al buio.

Intanto, nuovi pericolosissimi incendi si sono sprigionati vicino all’All-Russian Research Institute of Experimental Physics, una struttura di ricerca nucleare che si erge a Sarov, nella regione di Nizhny Novgorod. Ed è proprio a Sarov che sono stati dispiegati molti mezzi militari, insieme a un centinaio di veicoli di varia natura, come treni e aerei anti-incendio, dopo che il 2 agosto violenti roghi hanno assediato il pianoterra del centro di ricerca che ospita alcuni reattori nucleari in un’area militare segreta adibita ad operazioni di ricerca e sviluppo. Inconvenienti talmente trascurabili da avere richiesto l’immediata presenza del numero uno di Rosatom, la corporation nucleare di stato russa, Sergei Kiriyenko, che è subito accorso sul luogo.

 

Clicca e ascolta il parere di sei esperti

Andrei Ozharovsky ricorda come il fattore di efficienza di una centrale nucleare non superi il 33%, ragion per cui i due terzi del calore prodotto dagli impianti deve giocoforza essere assorbito dall’ambiente circostante, il chè rappresenta un’impresa ardua in condizioni di calura estrema come quelle attuali. Già nel 2006, in condizioni climatiche simili, numerosi reattori europei e statunitensi erano stati spenti, mentre la produzione energetica di molti altri era stata notevolmente ridotta. La Francia, in quella stessa estate, dovette importare 2.000 megawatts al giorno per affrontare la crisi. Molti sono i paesi ad avere introdotto o adeguato norme chiare circa la temperatura massima consentita alla quale le acque di raffreddamento utilizzate dalle centrali nucleari possono essere scaricate, per evitare ultioriori rischi di tipo ambientale.

Secondo Ecodefense!, gruppo ecologista russo, i piani di costruzione di nuovi impianti porteranno la Russia verso l’instabilità energetica e verso nuovi incidenti, i quali si intensificheranno, dato che le condizioni climatiche estreme sono attese con sempre maggiore frequenza. Appare ovvio, secondo Ecodefense!, che in epoca di importanti cambiamenti climatici, la produzione di energia deve fondarsi su fonti rinnovabili, che stanno diventando sempre più economiche e soprattutto sono sicure per le persone e per l’ambiente.

« Il governo russo si sta condannando con le sue stesse mani. E’ solo questione di tempo prima che le correlazioni antropologiche con le mutazioni climatiche vengano provate definitivamente. Più il tempo passa senza che vengano prese le necessarie misure, più saranno ingenti le perdite economiche che dovrà affrontare », sostiene Vladimir Slivyak, co-responsabile di EcoDefense!

Nel clima generale di garanzia verso la libertà di espressione che ormai accomuna sempre di più il nostro paese all’est europeo, meno di un anno fa Andrei Ozharovsky era stato arrestato ad Astraviec, in Bielorussia, mentre faceva ingresso nel cinema dove si teneva un dibattito sul rapporto preliminare delle valutazioni di impatto ambientale delle centrali nucleari bielorusse, nel corso del quale era stato invitato a parlare. Il suo speech era il terzo in scaletta. Andrei fu avvicinato nella hall da militari bielorussi in abiti civili che gli piegarono il braccio dietro la schiena e lo costrinsero a entrare in una macchina, e dovette scontare 7 giorni di galera, nonostante fosse atteso ad una conferenza a Stoccolma.

I media russi lo definirono come un teppista, ma è difficile immaginare uno scienziato, ex esperto delle Nazioni Unite, con due figli, che si comporta male in uno stato confinante, nella hall di un teatro dove si tiene un evento pubblico nel quale è stato espressamente invitato in qualità di oratore.  Ma si sa: paese che vai, repressione del dissenso che trovi.

Se le centrali nucleari sono sicure per chi le costruisce, di sicuro non lo sono per chi le contesta.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

15 risposte a Quelle centrali nuclari russe a rischio

  • 4
    Renzo C

    E’ solo una questione di soldi, come sempre: il nucleare è gestito da pochi che ci guadagnano bene, mentre le energie alternative sono molto più distribuite, quindi non sono convenienti. Che possano succedere catastrofi ambientali non interessa molto, specie quando hai un bel conto in banca.

    In un certo qual modo ci si può vedere un parallelo coi casalesi: mettono sotto la loro terra rifiuti tossico-nocivi e poi se li mangiano negli ortaggi, carni ecc…

    Tanti anni fa un Grande Uomo disse cose molto sagge, cariche di oscuri presagi:

    “Quando avranno inquinato l’ultimo fiume, abbattuto l’ultimo albero, preso l’ultimo bisonte, pescato l’ultimo pesce, solo allora si accorgeranno di non poter mangiare il denaro accumulato nelle loro banche.”

    “L’uomo appartiene alla terra, la terra non appartiene all’uomo”

    Si chiamava Toro Seduto.

    Saluti

    • 4.1
      Fiorenzo

      -“Dietro ogni fonte energetica c’è business, e il business eolico, visto che magari ti piacciono tanto le alternative è totalmente in mano alla mafia.

       

      La mafia deve essere combattuta, e comunque non dimostra che le fonti alternative sono in sé cosa brutta e cattiva.

       

      (La mafia è infiltrata anche nelle forze dell’ordine, ma questo non dimostra che le forze dell’ordine sono in sé cosa brutta e cattiva.)

       

      -“Anche il nucleare ha bisogno di incentivi pubblici, ma almeno ha un rendimento nettamente più elevato, e quindi un costo in proporzione inferiore

       

      Se il principio con cui giudicare la scelta di un certo tipo di energia è il male minore, allora bisogna privilegiare le fonti alternative.

       

      Le fonti alternative, infatti, rispetto alle possibili catastrofi da radiazione nucleare, sono molto meno pericolose, anzi hanno una percentuale di rischio dello 0%: se si spezza una pala eolica in funzione, non muore nessuno!

       

    • 4.2
      kautostar86

      Ma perchè nelle altre fonti di energia non c’è business? il petrolio non si estrae per il valore economico? le centrali a carbone, metano, o gasolio si fanno per beneficienza? o per VENDERE energia con un giusto guadagno? e degli enormi incentivi pubblici e del colossale giro d’affari che gira intorno all’eolico e al solare? non crederai mica che hanno riempito molte località del sud italia per spirito ambientalista!

       

      Quindi l’argomentazione che il nucleare è malvagio, perchè c’è businness è fondamentalmente una enorme c**zATA!

      Dietro ogni fonte energetica c’è business, e il business eolico, visto che magari ti piacciono tanto le alternative è totalmente in mano alla mafia, c’è una lobby politica-imprenditoriale, e mafiosa che con l’eolico ci incassa miliardi di euro senza nessun rischio d’impresa, perchè tanto vivono di soldi pubblici, e a pagare siamo sempre noi.

      Anche il nucleare ha bisogno di incentivi pubblici, ma almeno ha un rendimento nettamente più elevato, e quindi un costo in proporzione inferiore

      http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=9508

  • 3

    Sapere che in Italia la sicurezza di tali impianti (ma sono sicuro del fatto che non si costruiranno) potrebbe essere affidata al Dott. Zero Veronesi, mi lascia più che perplesso.

    Ne scrive anche Stefano Montanari, sul suo blog:

    Sicurezza a marchio Zero
    http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2016-sicurezza-a-marchio-zero.html

  • 2

    Suggerisco la lettura del libro: PER UN FUTURO EQUO. Autore Wolfgang Sachs.;)

  • 1

    Nella puntata del 29 luglio 2010, a SUPERQUARK il vergognoso breve colloquio finale Angela-Paco volto ad affossare le rinnovabili a favore di combustibili e nucleare..Io ho assistito in diretta e non credevo ai miei orecchi. Cercatelo nell’archivio in rete della Rai.

  • 0
    cloc3

    l’argomento legato al rischio di disastro nucleare, in caso di siccità, è un problema, a mio parere, secondario e accessorio, per quanto i fatti di attualità ne stiano manifestando la drammaticità.

    l’aspetto su cui si dovrebbe riflettere, semmai, sono i costi occulti del nucleare. sicuramente, infatti, il disastro immediato, alla resa dei conti, sarà scongiurato e tutti tireranno un sospiro di sollievo. a nessuno, però verrà in mente di riflettere che, per scongiurare il rischio, si è dovuto riservare l’acqua alle centrali nucleari, lasciando bruciare i boschi, le case della gente e i campi di grano.

    ricordo che in Italia, non molti anni fa, vi fu una siccità persistente che fece abbassare i livelli delle acque del Po. alcune centrali idroelettriche a combustibile fossile furono costrette a rallentare la produzione per problemi di surriscaldamento e si generò un fenomeno di black-out su scala nazionale. nei supermercati furono buttati alcuni sacchetti di cibo congelato.

    se quelle centrali fossero state ad alimentazione nucelare, probabilemnte, avremmo avuto danni molto peggiori,

  • -1
    kautostar86

    Fiorenzo ha scritto :
    -.   Le fonti alternative, infatti, rispetto alle possibili catastrofi da radiazione nucleare, sono molto meno pericolose, anzi hanno una percentuale di rischio dello 0%: se si spezza una pala eolica in funzione, non muore nessuno!  

     

    Anche il nucleare è molto più sicuro di quello che si vuol far credere, basta pensare che l’unico incidente catastrofico è stato Chernobyl, ed è stato causato da tutto un mix di circostanze particolari, dovute anche alla particolare situazione politica (regime comunista), dovute al reattore di vecchio tipo e difettoso, dovuto a una totale irresponsabilità del personale addetto, e le cause di quell’incidente sono state pesantemente aggravate dalla condizione politica.

    Per paura di avere casini col partito comunista, i responsabili della centrale hanno minimizzato i danni per giorni, rallentando gli interventi, e quindi facendo fuoriuscire una enorme nube radioattiva che ha intossicato mezza europa.

    In situazioni politiche normali, in una centrale che non gestita da partiti di regime, gli interventi per arginare i danni, e le fuoriuscite tossiche, e l’evacuazione del centro abitato vicino alla centrale, sarebbero state immediate, e ci sarebbero stati meno intossicati e meno morti.

    Comunque i sistemi di sicurezza delle centrali moderne non sono disattivabili, quindi un incidente uguale a Chernobyl oggi è quasi impossibile

  • -2
    kautostar86

    Fiorenzo ha scritto :
    -.   Le fonti alternative, infatti, rispetto alle possibili catastrofi da radiazione nucleare, sono molto meno pericolose, anzi hanno una percentuale di rischio dello 0%: se si spezza una pala eolica in funzione, non muore nessuno!  

     

    Anche il nucleare è molto più sicuro di quello che si vuol far credere, basta pensare che l’unico incidente catastrofico è stato Chernobyl, ed è stato causato da tutto un mix di circostanze particolari, dovute anche alla particolare situazione politica (regime comunista), dovute al reattore di vecchio tipo e difettoso, dovuto a una totale irresponsabilità del personale addetto, e le cause di quell’incidente sono state pesantemente aggravate dalla condizione politica.

    Per paura di avere casini col partito comunista, i responsabili della centrale hanno minimizzato i danni per giorni, rallentando gli interventi, e quindi facendo fuoriuscire una enorme nube radioattiva che ha intossicato mezza europa.

    In situazioni politiche normali, in una centrale che non gestita da partiti di regime, gli interventi per arginare i danni, e le fuoriuscite tossiche, e l’evacuazione del centro abitato vicino alla centrale, sarebbero state immediate, e ci sarebbero stati meno intossicati e meno morti.

    Comunque i sistemi di sicurezza delle centrali moderne non sono disattivabili, quindi un incidente uguale a Chernobyl oggi è quasi impossibile

    • -2.1
      Fiorenzo

      “un incidente uguale a Chernobyl oggi è quasi impossibile”

      Un incidente potenzialmente catastrofico con una pala eolica che si spezza (e con le fonti alternative in genere) è SICURAMENTE impossibile a priori.

      Davanti al remoto annichilimento totale dei tuoi figli, sceglieresti per loro un rischio quasi nullo o uno sicuramente nullo a priori?

      Io scelgo SICURAMENTE NULLO senza se e senza ma, anche se il prezzo da pagare è una minore opulenza (che per noi occidentali spesso significa solo non poter avere un automobile da 210 km/h e cose simili).

       


  • -3
    Massi

    E’ necessario un forte coordinamento europeo per fare fronte alle spinte nucleariste.

    Ormai e’ a livello europeo che bisogna intervenire.

    Per esempio, io vivo in Spagna, qui la corsa al nucleare sembra inevitable, da destra e sinistra: chi li fermerá?

    Bisogna costruire un movimento antinuclearista europeo che blocchi questo aspetto della follia capitalista.

    A disposizione.

  • -4
    Massi

    E’ necessario un forte coordinamento europeo per fare fronte alle spinte nucleariste.

    Ormai e’ a livello europeo che bisogna intervenire.

    Per esempio, io vivo in Spagna, qui la corsa al nucleare sembra inevitable, da destra e sinistra: chi li fermerá?

    Bisogna costruire un movimento antinuclearista europeo che blocchi questo aspetto della follia capitalista.

    A disposizione.

  • -5
    Massi

    E’ necessario un forte coordinamento europeo per fare fronte alle spinte nucleariste.

    Ormai e’ a livello europeo che bisogna intervenire.

    Per esempio, io vivo in Spagna, qui la corsa al nucleare sembra inevitable, da destra e sinistra: chi li fermerá?

    Bisogna costruire un movimento antinuclearista europeo che blocchi questo aspetto della follia capitalista.

    A disposizione.

  • -6
    kautostar86

    Fiorenzo ha scritto :
    -“Dietro ogni fonte energetica c’è business, e il business eolico, visto che magari ti piacciono tanto le alternative è totalmente in mano alla mafia.”   La mafia deve essere combattuta, e comunque non dimostra che le fonti alternative sono in sé cosa brutta e cattiva.   

     

    Infatti non ho detto che le alternative sono brutte e cattive, ho detto che se nel nucleare c’è business, non è cosa brutta e cattiva, perchè il business sta anche nell’eolico, e le infiltrazioni mafiose nell’eolico sono ancora più facili.

    Quindi chi condanna il nucleare con questa argomentazione, dovrebbe condannare anche le alternative, visto anche li c’è molto business, forse più che sul nucleare

     

  • -7

    Ho conservato 2 pagine di QUATTRORUOTE in cui ci si domanda come potranno essere ricaricate le auto ad energia elettrica senza il nucleare!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Vogliono Abolire le News – Giulietto Chiesa

VOGLIONO ABOLIRE LE NEWS yt Giulietto Chiesa, giornalista e politico, torna sull'argomento delle Fake News e sulla nuova linea di Facebook, che da un lato assegna a "Pagella Politica" il ruolo di determinare se una notizia è vera o falsa, inserendo il famigerato bottone rosso, e dall'altro penalizza le pagine di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>