TU QUANTO SEI IN CRISI?

  C’è la crisi. C’era da prima che lo dicessero, quando ci chiamavano cassandre. C’è stata quando dicevano che non era vero, e ci invitavano a consumare febbrilmente perché l’ottimismo è il sale della vita. C’è adesso e, se tutto va bene, continuerà ad esserci a lungo, specialmente in un paese che scambia il Parlamento per il calcio mercato e intanto relega il PIL italiano agli ultimi posti in Europa per crescita media.
Basterebbe questo perché  tutta la classe dirigente venisse invitata ad andare a casa, esattamente come si sostituirebbe un management aziendale se, in situazioni di emergenza di bilancio, perdesse più tempo in faide interne che a risanare i conti. Ma la cosa pubblica, si sa, in questo paese è come una puttana: è di tutti. C’è addirittura chi la usa senza pagare, e senza sentirsi in colpa.

Personalmente, nonostante l’ultima frontiera dell’informazione libera sia curiosamente proprio il videoblogger, e nonostante in america sia un mestiere riconosciuto anche dalle aziende (che pagano per farsi aiutare nella pianificazione delle campagne di marketing da chi ha dimostrato di saperci fare, mentre qui da noi ti dicono che hai delle idee politiche e quindi ti evitano come la peste, anche se li vuoi solo intervistare), a giorni sarò definitivamente costretto a chiudere questo spazio. Questa volta davvero.
Il motivo contingente è che il 19 scade il contratto di locazione del server dedicato (il computer sul quale gira la piattaforma) e ho finito persino la possibilità di indebitarmi per pagare altri tre mesi (quasi 500EUR). Spostare il blog ad uno spazio gratuito non si può, per ragioni tecniche che non sto a spiegarvi, dunque chiudere significa anche rendere indisponibile tutto il patrimonio di informazioni e video accumulati in questi tre anni.

Farò in modo da raccogliere tutto in un libretto pdf, un lavoro lungo che non posso permettermi di fare da solo – devo andare a scaricare formaggi, baby – e che verrà ripagato da chi acquisterà l’enciclopedico manualetto. Magari, perché no, a prezzo libero. E per le mie saltuarie velleità giornalistiche, quando proprio non ce la fai a non scrivere, userò magari uno spazio gratuito (qualcuno ha voglia di realizzarlo?). Anche se, non avendo le chiavi di casa, non avrò la possibilità di fare quello che faccio adesso. Magari potrei  usare il nuovo spazio sul Fatto Quotidiano online. O magari no.

Poi c’è Europa7. Finalmente sta partendo. Giovedì scorso sono andato a Roma per chiudere il cerchio delle interviste che realizzai a Francesco Di Stefano nel 2008 (qui la prima, qui la seconda e qui la terza parte). Entro ottobre pubblicherò sul mio canale YouTube il lungo servizio che ho girato. Per chi si chiedesse quanto sia costato, solo quello, vi do un dato: oltre 300EUR spesi in una sola giornata. Inoltre in treno mi hanno anche alleggerito del portafoglio, con documenti, soldini e via discorrendo. Poi uno dice che piove sul bagnato.
Di Stefano è persona corretta e mi ha confermato che su Fly, il suo canale di informazione libera (che verrà trasmesso in chiaro), troveranno spazio tutti quei giornalisti che hanno dimostrato di non avere mai piegato la schiena. Ma se ne parla tra diversi mesi, forse un anno se tutto va bene. Nel frattempo continua a piovere.

Di Internet for Giuliani sono fiero. Un lavoro che, a dispetto del titolo, illustra con obiettività e trasparenza tutti i punti di vista sulla possibilità di prevedere i terremoti. Un equilibrio che mi è stato riconosciuto perfino dai ricercatori dell’INGV che l’hanno visto. Un nuovo modo di usare la rete per produrre informazione dal basso, quando quella dall’alto non ci viene incontro. E se quelle tremila copie non sono state raggiunte, significa solo non avere risolto la questione personale, ma 700 persone che hanno aderito entusiasticamente sono un segnale di speranza che magari, replicato su vasta scala, con altri mezzi e un’altra visibilità, può davvero rappresentare un precedente per un futuro di indipendenza informativa. Forse i nostri figli lo vedranno.

Nel frattempo non voglio sentirmi solo. Così ho pensato di chiedere anche a voi come ve la cavate. Certo, la situazione è diversa. La mia è una scelta in anticipo sui tempi (italiani), aggravata dal problema che viene percepita quasi come una missione etica per monaci di clausura, per cui qualsiasi fonte di denaro e di sopravvivenza diventa una terribile minaccia all’indipendenza intellettuale. Così, però, si finisce per lasciare l’informazione libera a chi si può permettere di farla a tempo pieno (e chi se lo può permettere, di solito, si è già scelto la misura della catena).
Voi, invece, avete meno colpe. Voi non volevate essere in anticipo su nessun tempo. Volevate semplicemente vivere il vostro, ma lui si è rifiutato.

Voi, dunque… come ve la cavate? Rispondete a questo probabile ultimo sondaggio.
(i dati sono salvati in forma totalmente anonima. In nessun modo è possibile risalire all’identità di chi risponde alle domande).

p.s. …intanto ho trovato questo sito interessante, che fa decisamente al caso mio: www.scappo.it

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

52 risposte a TU QUANTO SEI IN CRISI?

  • 36
    freelance

    Perché invece di censurare non mi rispondi?

  • 35
    Torky

    sono uno studente di vent’anni nato e cresciuto in un paese mentalmente morto… per un ragazzo nelle mie condizioni economiche e culturali uscire dal “tunnel” (per usare un’espressione alla caparezza) non è cosa facile… quando ogni volta che usi spirito critico e poni delle domande i tuoi coetanei ti deridono, ti ridicolizzano dandoti del rompic*****ni o del terrorista o del comunista (anni fa non sapevo neppure chi fossero i comunisti, chissà se loro lo sapevano), per non parlare delle professoresse cielline o bigotte, beh inizi a pensare se non sia tu stesso quello sbagliato, quello che si pone troppe domande… il COMPLOTTISTA ! oooohhhhh… quello strano che non guarda uomini e donne o il grande fratello… quello che non va a messa e pretende di criticare… di usare il cervello…

    carlo, se sono uscito dal tunnel in questi ultimi due anni è anche grazie al tuo blog… ti ringrazio di cuore e spero in qualche modo di poter continuare a seguirti…

    grazie…

  • 34

    Siamo in trepida attesa per il servizio su Europa7HD..

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>