SUDDITI PER SEMPRE

Democrazia significa governo del popolo. L’Italia, fino a prova contraria, è formalmente una democrazia, dunque è il popolo che sceglie i suoi rappresentanti e si autogoverna. Alcuni cittadini si candidano a gestire la cosa pubblica ed espongono le loro idee durante una competizione elettorale. Dopo avere sentito tutti – ma proprio tutti – si vota. Qualcosa non è chiaro?

La nostra è una democrazia rappresentativa. Significa che una volta eletti, i cittadini ci rappresentano per tutta la durata del mandato. Se non esistono regole ferree, il potere che deriva dal governo delle istituzioni può essere usato per falsare il meccanismo democratico stesso. Per esempio, manipolando l’opinione pubblica al fine di conservare il consenso elettorale, a vantaggio di se stessi o di soggetti terzi in realtà collusi con il sistema di potere stesso che si è andato consolidando.

Le regole ferree in Italia non esistono, perché non c’è una legge sul conflitto di interessi. Quando doveva farla, la sinistra ha glissato, perché appartiene allo stesso consolidato sistema di potere che l’ha tutelata dall’utilizzo delle intercettazioni di Fassino e D’Alema, disposto da Clementina Forleo e negato da Berlusconi.  Attraverso il conflitto di interessi il potere tutela se stesso, che si tratti della proprietà di Mediaset, del furto delle frequenze ad Europa7 o della lottizzazione partitica della Rai. Avere il controllo dei mezzi di informazione, facendo un paragone spiccio, è come controllare tutti i testimoni nel corso di un processo, o se volete è come disporre della fedele lealtà di tutti gli amici di famiglia  e indurli a convincere vostra moglie che voi e la vostra segretaria siete solo ottimi amici.

Esiste una regolamentazione sulla par condicio, studiata appositamente per essere infranta da chi se lo può permettere, quindi non dal comune cittadino. Semplice come bere un bicchier d’acqua (cfr: Le elezioni manipolate). Ovvero: io sancisco che ogni forza politica debba avere pari risalto sui media e poi stabilisco una penale che rappresenta un efficace deterrente per le formazioni minori ma una risibile elemosina per chi detiene saldamente il controllo del sistema economico, istituzionale e informativo. E’ successo in Sardegna, dove spregiudicati affaristi hanno acquisito il controllo dell’isola investendo in multe dell’autorità di garanzia delle comunicazioni esattamente come si accantona una quota del business per il tacitamento del racket. Succede immancabilmente a tutte le politiche ed è successo alle scorse regionali, per esempio nel Lazio, dove il candidato Presidente del movimento La Rete dei Cittadini, Marzia Marzoli, è stato escluso da tutte le apparizioni televisive. L’AgCom ha inflitto 100 mila euro di multa al TG1 e al TG5 per il mancato rispetto della par condicio: una sanzione che equivale alla mancetta settimanale dei vostri marmocchi, per chi attraverso l’influenza esercitata sugli organi di informazione controlla giri di affari di centinaia di milioni di euro in conseguenza del controllo politico-istituzionale che gliene deriva.

Come se non bastasse, recentemente Silvio Berlusconi ha dichiarato di voler ulteriormente modificare la par condicio perché stabilisca i tempi di antenna tenendo conto dei rapporti di forza tra le diverse formazioni politiche. Sostiene che non è accettabile che ad un partito come il PDL, durante una campagna elettorale, debba venire concesso lo stesso spazio sui media rispetto a un piccolo movimento di cittadini.
Sarebbe come dire che in una gara automobilistica – non a caso si usa il termine competizione elettorale – le posizioni di partenza si debbano assegnare non in base ai risultati dei giri di prova, con un inappuntabile criterio meritocratico, bensì tenendo conto del numero di sedi e di dipendenti impiegati da ogni marchio. Oppure sarebbe come dire che alle Olimpiadi gli scalmi di partenza delle prove di velocità debbano essere opportunamente distanziati per avvantaggiare i centometristi che abbiano già vinto in passato, accorciando la distanza che devono percorrere per arrivare al traguardo.

Cosa abbiamo fatto di male per meritare una classe dirigente tanto palesemente in cattiva fede, e cittadini così inetti da consentirgli di continuare a fare scempio della democrazia? A parte Orazio Fergnani e David Rorro, ovviamente, che sulla privazione del diritto costituzionale alla propaganda politica perpetrato ai danni della Rete dei Cittadini hanno presentato ricorso al TAR. Un ricorso che si dibatterà in aula il prossimo 21 ottobre e al quale tutti dovremmo volgere la massima attenzione possibile.

A meno che non si voglia restare sudditi per sempre.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

9 risposte a SUDDITI PER SEMPRE

  • 2
    fabio p.

    Nozioni semplici e basilari della democrazia, come la legge di Ohm in elettronica o la legge di Newton in fisica… sono le regole del gioco c@zzo e per tantissime persone sono tutt’altro che ovvie, anzi credo che molti siano pronti a dare ragione alla teoria dello spazio dedicato in proporzione al bacino elettorale del partito… pazzesco dove stiamo finendo, siamo senza cultura e senza cervello.

  • 1
    daliatreviso

    Sono daccordo con te, il centro sinistra avrebbe dovuto fare la legge sul conflitto di interessi  ma ti immagini il can can che avrebbero sollevato i mezzi di informazione di proprietà di Berlusconi? Avrebbero detto che la cosa era fatta unicamente contro il…… capo dell’opposizione!!! Spero comunque che si arrivi , non troppo tardi, ad una soluzione di questo enorme problema.

    Dalia

  • 0

    A questo punto sono davvero curioso di vedere come Antonio Padellaro (Il Fatto Quotidiano) terrà fede alla promessa fatta a Rete dei Cittadini di dar loro spazio “in futuro” dopo averglielo negato, al pari e peggio delle altre testate giornalistiche, in occasione delle elezioni.

    Alle lamentele di un suo lettore (ed elettore Rete dei Cittadini), il direttore de Il Fatto ebbe a rispondere:

    «Mi dispiace risponderle quando ormai la frittata è fatta ma non sempre riusciamo a fare le cose per bene. Speriamo di poterci occupare di Marzia Marzoli in seguito. Un saluto
    Antonio Padellaro
    »
    http://retedeicittadini.it/?p=3947

    Naturalmente non confido per nulla in una sentenza del TAR che annulli le elezioni (anche se così dovrebbe essere, leggi alla mano), ma accendere un riflettore su questa storia non potrebbe altro che far bene alla democrazia, facendo capire ai cittadini quali sono i perversi meccanismi di un sottile regime legislativo e mediatico che pervade ogni aspetto della nostra quotidianità: alzi la mano chi, fuori dalla rete, ha mai sentito parlare di Rete dei Cittadini, prima lista presentata alle elezioni regionali del Lazio e prima lista accolta senza alcuna furberia o giochetto tipico dei partiti.

    In bocca al lupo a rete dei Cittadini e in bocca al lupo alla Democrazia.

  • -1

    Industriale infedele:


    Tu  sei un industriale e, per speculare, 
    porti il lavoro all’estero
    (ad esempio in Serbia – vedi Omsa)
    mettendo sul lastrico centinaia di famiglie italiane?
    Allora per me non sei più italiano, sei serbo.
    Vattene via che per me hai perso ogni diritto.
    Non hai più cittadinanza italiana, 
    né diritto al voto.
    Questo, dovrebbe dire un governo che si rispetti!

     


     (Ermanno Bartoli)  

    http://www.webalice.it/barlow

    • -1.1
      paolobarbiere

      … lascia però tutto qui (macchinari, soldi, proprietà acquisite con il lavoro degli altri…)

      prima di DELOCALIZZARTI PER SEMPRE!

  • -2
    roberto p.
    roberto p.

    Il marcio parte da lontano.

     La legge 361/57  all’art. 10 recita che  “non sono eleggibili …coloro che… risultino vincolati con lo Stato… per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica”. Nel 1994, quando Berlusconi fu eletto, fu presentato ricorso, ma in Parlamento (con un terzo dei deputati assenti) la Giunta per le elezioni rigettò il ricorso, grazie anche ai voti favorevoli (o astenuti) di una parte dell’allora PDS di Massimo D’Alema e dei Progressisti.

    Come avrebbero potuto fare una legge sul conflitto d’interessi ?               

  • -3
    Mario Circello

    Ciao, vi consiglio di leggere questo libro: Sudditi – manifesto contro la democrazia, di Massimo Fini, pubblicato da Marsilio nel 2004

    È illuminante!

  • -4

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>