Facebook: siamo tutti spiati dalla Polizia

 


Dopo l’attentato di Massimo Tartaglia a Silvio Berlusconi, precursore di quello gravissimo a Maurizio Belpietro (a proposito, qualcuno ne sa più niente, se non questo e questo?), il ministro Maroni cavalcò il fantomatico clima di odio per puntare l’indice contro la rete e contro Facebook. Ottenne un incontro a porte chiuse con i rappresentati dei più grossi social network, specialmente con Facebook. Un atto degno del modello cinese, antidemocratico ed estremamente più pericoloso delle leggi vergogna tentate contro la rete. Una legge la puoi contestare: come fai ad esprimere dissenso nei confronti di risoluzioni segrete, maturate in forza di un probabile ricatto commerciale?

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Nel frattempo le stranezze e, in alcuni casi, le vessazioni palesi che occorrono quotidianamente sui profili di chi sceglie di usare la rete per esercitare i propri diritti democratici e fare un po’ di informazione si moltiplicano. E’ la stessa Google ad evidenziare come l’Italia sia all’ultimo posto per le libertà su YouTube, con il più alto tasso di interventi governativi per rimuovere contenuti video, mentre un sondaggio proposto lo scorso 12 maggio da byoblu.com dal titolo “E’ libera internet in Italia?” metteva in evidenza che oltre la metà dei partecipanti (58%) è consapevole dell’esistenza di un filtro, mentre la parte restante ritiene comunque che si ponga una questione di trasparenza.

Ora, secondo l’Espresso, sarebbe finalmente chiaro l’esito dell’incontro di Maroni che, in rappresentanza del Ministero dell’Interno e quindi in nome e per conto degli italiani, avrebbe consentito il libero accesso dei profili, delle chat e dei messaggi di 17 milioni di italiani a 400 agenti della Direzione Investigativa della Polizia Postale.
Questo allo scopo di prevenire le attività criminose, in perfetto stile precrime, alla Minority Report, per intenderci. E già che ci sono, per tutelare l’immagine delle personalità pubbliche, e per tutte le altre attività lecite unicamente in un paese dove il Presidente del Consiglio telefona in procura per liberare una ladruncola marocchina di 17 anni.

E’ giunto il momento di richiedere a gran voce una legge che tuteli il navigatore rispetto alle questioni di privacy e all’arbitrarietà dei comportamenti vessatori dei grossi social network, che di fatto detengono il monopolio degli scambi di informazioni tra i cittadini e sono quindi tenuti a rispettare l’ordinamento democratico, favorendo l’esercizio dei diritti costituzionali, la trasparenza e la circolazione libera delle idee fugando ogni ombra che possa prefiguarare una consistente violazione della privacy e qualsiasi attività di censura delle idee e delle libere opinioni.

Chiunque, in questo paese, nasca o venga per fare business, deve rispettare l’articolo 21, social network compresi. Zuckerberg e gli altri pubblichino quindi il testo degli accordi sottoscritti con il nostro Ministero dell’Interno. E prima ancora, lo faccia immediatamente il nostro dipendente Maroni.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

28 risposte a Facebook: siamo tutti spiati dalla Polizia

  • 14
    blastlikecrazy

    Una cosa che non riesco a capire e’ cosa significa “17 milioni di italiani” ???? Quali sono gli italiani e quali sono gli altri perche’ se puoi spiare puoi spiare senza limiti Facebook. Chi stabilisce chi sono gli italiani che puoi spiare e chi sono gli altri che non puoi spiare?? Io posso avere un nome italiano e trovarmi in Indonesia e viceversa. Sono italiano ed ho amici di tutto il mondo. Quindila chat spiatacoinvolge anche gli altri. Quindi la realta’ e’ che la polizia Italiana o altre polizie del mondo hanno accesso a facebook e a TUTTI i suoi contenuti. Voi sapete dell’accordo di Maroni, ma quanti altri accordi cosi’ ci saranno al mondo?

    Facebook e’ nato con lo scopo di spiare e di catalogare. E’ evidente e logico se ci pensate. E’ nato e con il denaro della CIA o chi fa’ per lei. Quindi bisogna accettarlo cosi’. Se avete timore di farvi spiare non usate Facebook come molti amici miei che non gradiscono l’occhio del “grande fratello”.

    E vi diro’ di piu’: oltre  a spiare possono creare fatti come quello di Tartaglia. Io guardavo come salivano i fan minuto per minuto. E’ impossibile nella realta’ una cosa come quella. Mille fan al minuto!!! per favore rendiamoci conto che Facebook ti spia e puo’ anche manipolare le cose a piacimento di chi o di coloro che lo controllano.

    Il modo va’ cosi’!!! Volete continuare ad accettare??? Se si smettiamola con il lamentarci e “mangiamo questa minestra”. Se no facciamo qualche cosa perche le cose saranno sempre peggio e non meglio questo e’ evidente.

    Il disastro e’ a livello mondiale e non nazionale come molti di voi credono. Non e’ da noi che “succedono certe cose” ma ovunque nella nostra bella democrazia che ci e’ stata data con il solo scopo di farci credere di essere liberi. 

    • 14.1
      Gengy67

      Noi preoccupiamoci del nostro, Anche perchè alla Postale Italiana glie ne frega ben poco di monitorare il mondo intero. La plizia postale è un organo della Polizia di Stato e dipende da ???  MINISTERO DEGLI INTERNI…  e chi è il Ministro degli Interni ??? Ancora ci facciamo domande sulle cose scontate ??? E’ l’ennesimo epissodio di fascismo. Lasciatelo correre, se volete. Io no. Io ci provo a fermare questa ascesa alla dittatura.

    • 14.2
      blastlikecrazy

      “Noi preoccupiamoci del nostro” e’ un discorso sbagliato. E’ appunto simile a come lavora la nostra medicina. Cura i sintomi e non vede le vere cause che sono ben piu’ complesse e coinvolgono a volta organi che sembrano non avere sintomi.  Fino a che non si comprende la causa della malattie non si curera’ mai nulla. Consiglio a tutti qualli che vogliono veramente capire perche’ le cose stanno come stanno di allargare i propri orizzonti. L’italia non e’ al centro dell’universo. Segue solo la linea dettata da chi ha veramente in mano le redini della societa’ occidentale.

    • 14.3
      blastlikecrazy

      Quindi la polizia postale italiana spia tutti gli iscritti a facebook e non solo gli italiani. Quando accede ai dati accede ai dati di tutti i 500 milioni. Cosi’ anche le altre polizie del mondo. Quindi i grandi fratelli sono tanti e spiano tutti. Il problema non e’ solo degli italiani, ma di tutti coloro che usano facebook.

    • 14.4
      Gengy67

      17 milioni sono gli Italiani iscritti a FB. Siamo più di 6 miliardi nel mondo, ma su FB ce ne sono solo 500 milioni. Anche se l’Italia è  abbastanza avanti con la tecnologia, non tutti si iscrivono a FB. Mica è un’anagrafe…

  • 13
    pop

    Manipolano le menti gli anziani con la tv, i bambini con la scuola e gli altri con FB… ???

     

    • 13.1
      Gengy67

      Ecco… lo sai e ti sta bene, lo assecondi ??? Se la nostra democrazia è basata sulla manipolazione E’ SOLO PERCHE’ NOI LO ABBIAMO PERMESSO E LO PERMETTIAMO. L’ho scritto sopra, in un altro post… e leggetevi sta Costituzione con un bel po di attenzione… dopo vediamo se TUTTI INSIEME CI INc**zIAMO se potrà ancora essere cosi. Art. 1… è già sufficente per capire che le cose non stanno cosi, se noi non lo vogliamo.  Ma suggerisco di non fermarsi al primo articolo, se si legge, più si va avanti più si capisce come la Costituente ci abbia tutelato da quanto stiamo vivendo. Ed è ovvio, visto che hanno scritto la Carta Sacra subito dopo aver sconfitto il fascismo. Le pecore che permettono che tutto questo accada SIAMO NOI !!! Se iniziassimoa sentirci lupi, tutti insieme, la pacchia dei governanti che, invece di servirci si sentoono i nostri padroni, finisce in 10 minuti. Se volete mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi, fate. Però, allora, abbiate la compiacenza di non lamentarvi. Serve solo di unirci . Come diceva uno slogan della rivoluzione cubana, EL PUEBLO UNIDO JAMAS SERA’ VENCIDO. E li si combatteva una dittatura. QUi sarebbe tutto molto, ma molto più semplice. Basta non assecondare il divide et impera che di rende sudditi da 65 anni, più tutti quelli prima dove era più normale eessere sudditi. E non serve alcuna violenza per esercitare i nostri diritti. Serve solo che RICORDIAMO CONTINUAMENTE A CHI ELEGGIAMO CHE LA LORO E’ UNA SCELTA PER SERVIRE IL POPOLO. SE LO SERVONO MALE , VANNO A CASA, SE NE APPROFITTANO, IN GALERA. LORO SONO  NOSTRI DIPENDENTI E NON NOI I LORO SCHIAVI!!! 

    • 13.2
      blastlikecrazy

      La nostra bella democrazia si basa sulla manipolazione delle masse con il controllo dell’educazione e dei media. Chi detiene il potere al mondo non ci avrebbe mei dato la possibilita’ di avere dei governi “democratici” se non avesse avuto gia’ in mano il mezzo per manipolare i pensieri delle masse.

      Per questi individui l’essere umano e’ solo un pollo del loro pollaio libero di razzolare, ma nel loro cortile dove lui crede di essere libero.

  • 12

    Scusa Claudio, ma c’è qualcosa che non quadra. Per due anni ci siamo battuti affinchè non venissero limitate le intercettazioni, ora ci battiamo per difendere la privacy su Facebook. Non ti sembra una contraddizione?

    • 12.1

      La palese differenza è che le intercettazioni partono solo se ci sono i presupposti per poterlo fare (serve l’autorizzazione a procedere).

      Sui social network in base a cosa siamo tutti spiati, senza motivazione alcuna?

    • 12.2

      Maxso… ti ha già risposto D Rep, direi con chiarezza.

      Aggiungo solo che un conto è fare le cose nel rispetto di una normativa chiara e trasparente, un conto è siglare accordi a porte chiuse e poi consegnare le chiavi di casa di 17 milioni di italiani, le cui conversazioni sono alla mercè di centinaia di persone, e soprattutto le cui comunicazioni possono essere preventivamente oscurate o rese difficoltose.

      VOGLIAMO LA PUBBLICAZIONE INTEGRALE DEI TERMINI DEGLI ACCORDI INTERCORSI TRA IL MINISTERO DELL’INTERNO E I RAPPRESENTANTI DEI PRINCIPALI SOCIAL NETWORKS.

      Se rinunci a questo, allora non c’è più nessun diritto da proteggere.

  • 11

    byoblu ha scritto :
    Maxso… ti ha già risposto D Rep, direi con chiarezza. Aggiungo solo che un conto è fare le cose nel rispetto di una normativa chiara e trasparente, un conto è siglare accordi a porte chiuse e poi consegnare le chiavi di casa di 17 milioni di italiani, le cui conversazioni sono alla mercè di centinaia di persone, e soprattutto le cui comunicazioni possono essere preventivamente oscurate o rese difficoltose. VOGLIAMO LA PUBBLICAZIONE INTEGRALE DEI TERMINI DEGLI ACCORDI INTERCORSI TRA IL MINISTERO DELL’INTERNO E I RAPPRESENTANTI DEI PRINCIPALI SOCIAL NETWORKS. Se rinunci a questo, allora non c’è più nessun diritto da proteggere.

     

    Invece di fare tutto quest casino, non sarebbe meglio uscire da questo “dannato” “Facebook” e tornare all’informazione telematica via blog e forum? Non ci dimentichiamo che Facebook è stato sempre considerato l’anagrafe della CIA… Dobbiamo leggere il testo dell’accordo(come hai menzionato tu nel post). Tra l’altro, quelli della Polizia Postale hanno dichiarato che c’è bisogno dell’autorizzazione del magistrato per procedere. Chi mente? L’espresso o la Polizia Postale? Nell’articolo dell’Espresso viene menzionata anche un’altra cosa. Le forze dell’ordine già da diverso tempo si sono infiltrate su Facebook attraverso profili fasulli…

    • 11.1
      giovadino

      Caro Claudio,

      quanto ho appreso dal tuo blog è allo stesso tempo spaventoso e preoccupante ma non mi coglie di sorpresa. E’ chiaro che un Governo che getta le sue basi sulla informazione distorta stia facendo carte false per chiudere la bocca alle uniche voci fuori dal coro. Santoro, Facebook e i blogger come te messi sotto scacco dal decreto Romani.

      Ma con Facebook il discorso è diverso,non si colpisce l’amministratore o il conduttore ma tutti gli utenti indistintamente e a loro insaputa! Premetto che non ho mai avuto un profilo FB e non intendo crearlo, ma dicevo, non sono stato colto di sorpresa perchè ho capito che è uno strumento divenuto troppo pericoloso per chi lo usa. In passato mi sono interessato a varie teorie cospirazioniste e se c’è una cosa che ho capito è che si vuole ottenere qualcosa dal popolo, piuttosto che ottenerlo con la forza devi giocare su meccanismi psicologici sottili allo scopo di far sì che siano loro a concedertelo e per di più essendo felici di farlo. Nel caso di FB in  ballo ci sono nostre informazioni personali, i nostri gusti, ma soprattutto idee ed orientamenti. Il tutto sotto gli occhi di tutti perchè chi li posta è spinto a farlo per ottenere reazioni da chi già conosce (senza immaginare che a leggere ci sono establishment del proprio paese, CIA e chissà chi… meglio non sbilanciarsi).

      Quindi max solidarietà per i 17 milioni di italiani che rischiano di subire un processo alle idee e al miliardo di terrestri iscritti e ugualmente intercettati. Ma penso che sia un modo ingenuo di comunicare, internet offre un mondo in cui potersi confrontare senza essere spiati e senza dover pagare per le proprie idee (che sono idee di legalità e democrazia). Senza parlare del fatto che se un giorno io venissi a scoprire una notizia bomba, pubblicandola su facebook metterei in pericolo tutta la mia relazione di amici che avrebbe potuto saperla da me.

      Chiudo con un ultimo dubbio: E se tra questi 17 milioni, ne sono stati identificati 2 mila iscritti al popolo viola, o grillini, o ascoltatoti di Messora, Travaglio, Martinelli, che fine fanno questi nomi? Qual è il reato contestabile? Potranno mai presentarsi per un concorso pubblico?

      In Italia a pensar male ci si indovina SEMPRE!!!

      Ciao Claudio, continua così

    • 11.2

      Invece di fare tutto quest casino, non sarebbe meglio uscire da questo “dannato” “Facebook” e tornare all’informazione telematica via blog e forum?

      Io vivo qui, sul mio blog, ospitato su un server dedicato, da molto tempo. Rendere difficoltosa la comunicazione non è difficile, volendolo fare, basterebbe limitare la banda cammuffando la cosa con momenti di particolare intensità del traffico, però per sequestrare un blog ci vuole ancora un’ordinanza scritta della magistratura: fino a quel giorno sarò libero di scriverci dentro senza alcuna censura.

      Il problema è: le porti fuori tu 17 milioni di persone che si sono ammassate in un social network, nel quale vivono, dormono, mangiano, bevono e soprattutto… si informano? Siccome la percezione del nostro ordinamento democratico su un social network così popolare e così “privato” (dal quale non è possibile far migrare tutti) è facilmente manipolabile, non resta che chiedere trasparenza e regole.

  • 10
    Cicciopasticcio

    Propongo di postare su fb un porno al giorno! così anche i ns controllori si sollazzano! ;)

  • 9

    Ciao Claudio, la notizia “secondo l’Espresso, sarebbe finalmente chiaro l’esito dell’incontro di Maroni che, in rappresentanza del Ministero dell’Interno e quindi in nome e per conto degli italiani, avrebbe consentito il libero accesso dei profili, delle chat e dei messaggi di 17 milioni di italiani a 400 agenti della Direzione Investigativa della Polizia Postale.” è risultata (per fortuna!) un pacco. Subito infatti è arrivata la smentita della polizia postale che potete leggere qui: http://www.pinobruno.it/2010/10/l%E2%80%99espresso-la-polizia-su-facebook-senza-l%E2%80%99autorizzazione-di-un-%20magistrato/ o (stessa cosa) http://www.tomshw.it/cont/news/la-polizia-ci-spia-su-facebook-senza-autorizzazione/27776/1.html

    Per fortuna non siamo ancora messi così male…. per ora…

    Ciò non toglie che i problemi che citi esistano eccome nel nostro Paese…

  • 8
    blastlikecrazy

    Gia’ si sapeva che con facebook c’era di mezzo la CIA. E cosa credete che solo la CIA  ci puo’ spiare????

    Questo succede anche a livello nazionale ed ecco che anche la nostra polizia lo fa’.

    Non mi stupisco assolutamente.

    Cosa credetee che Facebook ci e’ stato dato gratuitamente perche’ siamo belli e buoni e ci hanno fatto il regalo di natale??? Non esiste babbo natale e NESSUNO TI DA’ NIENTE PER NIENTE!!! Quindi oltre a vendrere i nostri dati ad agenzie di marketing li danno anche alla polizia. Il mondo funziona cosi’. Non e’ il Maroni o qualche altro imbecille di turno il responsabile, ma e’ la nostra societa’ occidentale “democratica” che tanto difendiamo e cerchiamo di diffondere su tutto il globo che funziona cosi’.

    Lo sapete perche’ hanno fatto le leggi sulla privacy facendoci firmare sempre fogli che nessuno mai hala voglia e il tempo di leggere??? Per farci credere che esiste una tutela. Mentre in realta’ la privacy esisteva molto di piu’ in passato quando queste stupide leggi non esistevano. Le leggi sono fatte solo per il pollaio, per illudere i polli. Chi controlla il pollaio non le rispetta. L’esempio l’abbiamo a casa nostra con il nostro presidente del consiglio ed i suoi amici.

    Resta solo la rivoluzione. Si intende pacifica. non serve violenza oi altri atti incivili, basta solo smettere di collaborare con il nemico.

    Ricoradatevi che nella “democrazia” non e’ destra contro la sinistra, ma lo stato contro tutti i cittadini

  • 7
    daliatreviso

    Bravo Claudio, sempre puntuale !!!

  • 6
    Nick Frost

    È un po’ diverso.

    Le intercettazioni telefoniche vengono fatte su mandato della magistratura se servono alle indagini. Qua si parla di intercettazione preventiva senza autorizzazione di alcun giudice.

  • 5
    Gengy67

    Per cose che sono accadute alla mia comoagna su Facebook, qualche giorno fa, io ho fatto una denuncia ed una richiesta di essere controllato. Ma che mi si controlli la posta privata, anche sollo quella di fb, senza un motivo, senza un avviso di garanzia e senza un ordine di un Giudice, non mi sta bene. E io sono uno di quelli che usa Facebook per informarmi, informare e, soprattutto, esprimere le mie idee, completamente antiberlusconiane. Signori siamo in regime fascista e questa ne è un’altra prova. Leggetevi la storia dal 22 al 45, toglieteci la guerra mondiale e poi ditemi che c**zo cambia, tra quel periodo e adesso.

    Avete dubbi ??? Guardate Terzigno http://www.facebook.com/note.php?note_id=157744807597463&id=125042394211541&ref=mf , oppure guardate cosa è successo alla Regione Lazio meno di un mese fà http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=122043 . Tenete presente che nell’articolo non è ben specificato, ma 30 sindaci, 30 primi cittadini eletti direttamente dai loro comuni, sono stati respinti dalla Polizia in tenuta antisommossa. Uno dei 30 lo conosco, lo ho sostenuto nella sua campagna elettorale e vi garantisco che non è un Hooligan, un teppista o un terrorista e dubito che lo siano anche gli altri 29. O, come diceva Claudio, il fatto che il nostro “amatissimo” premier si possa permettere di far scarcerare una ragazza, rea di furto. Ma davvero volete andare avanti cosi ??? Io no e mi batterò con tutti i mezzi che mi da la Costituzione per liberarmi da questo vergognoso Governo. Se aspettiamo e non ci avvaliamo di questi mezzi noi, che ci informiamo e che ci teniamo a tenere atteggiamenti civili, succederà che qualcuno che sta scontando 3 o 5 anni per aver rubato per fame, quando esce di galera e non avendo più niente da perdere, farà degenerare questa rivolta civile in una guerra civile. Perchè se quell’ex carcerato avrà ragione e noi saremo coerenti, non potremo assistere alla sua crocifissione, visto che una cittadina marocchina, minorenne e bona, la ha scampata per un intervento del Presidente del consiglio e il nostro carcerato si fa 3 anni perchè non sapeva come far mangiare il figlio. Il governo sta letteralmente esagerando, in tutto e per tutto. E’ ora che tutti, donne comprese, ci prendiamo in mano le palle ed usiamo quello che ci ha lasciato la Costituente per mandare a casa questo Governo ed ai processi quelli di loro che devono subire i processi. E ritengo sia giusto pure che tutti rispondano dei vari attentati che hanno fatto alla nostra Costituzione ( alcuni molto ben riusciti). NON SI DEVONO DARE GIUSTIFICAZIONI ! ADESSO BASTA !!! Ricordate sempre che chi sta in parlamento, al senato o al governo, ha scelto di servirci. NON SIAMO NOI I LORO SCHIAVI!!! E leggetevi sta c**zo di Costituzione, una volta per tutte, con un bel po di attenzione, e riprendetevi  LA VOSTRA ITALIA. IO SONO SOVRANO PER 1/60MILIONESIMO e non immaginate quanto mi girano per quello che I NOSTRI DIPENDENTI ci stanno facendo. Voi ??? che aspettate a farvele girare ??? Non serve alcuna violenza per liberarci di loro. Ad usarla hanno già iniziato loro da un pezzo (vedi sempre Terzigno, tanto per dirne una recente). Serve di capire che se il Popolo si unisce e dice basta è IL RE che ha detto basta. E’ molto più semplice di quanto sembri o di quanto la stampa e le Tv di regime vi facciano credere. Ribelliamoci civicamente e civilmente, prima che sia troppo tardi.

  • 4
    amelia

    E’ risaputo che è così da sempre.

  • 3

    Ma volendo il ministro Maroni poteva far pure a meno di interpellare Zukerberg http://www.downloadblog.it/post/13271/firesheep-il-nostro-account-di-facebook-alla-portata-di-tutti

  • 2
    macunaima

    Be potremmo sostituire tutti la foto del nostro profilo con un bel membro in erezione. Sarebbe un pó come dire: spiatemi sto c…!!!

  • 1

    E’ giusto CHIEDERE quali siano gli accordi tra gli interni ed i SN… MA in ogni caso il vero materiale sensibile e’ nel WEB!

    La vera liberta’ di internet e’ nel WEB… nella possibilita’ di ognuno di avere un proprio sito, un proprio dominio e poter pubblicare cio’ che vuole! questa liberta’ non ce la toglie nessuno… cio’ che possono fare e’ farci credere che FB sia internet… FB e’ una cosa “farlocca” e’ un gioco da NON prendere sul serio.

    Vogliono spiare?! che lo facciano… ANZI, lo hanno sempre fatto… FB (per dirne uno) e’ un grande database ad uso e consumo del mercato, manipolabile e strumentale alla politica ed all’economia. Esiste proprio per questo.

    Ma una volta che ci avranno spiato quali benefici avranno?? sapranno forse i nomi dei “dissidenti”?? di chi manda AFf***ulO il premier o di chi da della p****nA alla ministra di turno?? di chi condivide video “particolari” o di chi “diffama”?? CERTO… e questo mi rende ancora piu’ felice, perche’ vuol dire che il mio “vaff***ulo” non e’ rimasto inascoltato! quanti siamo? 20 milioni?? siamo piu’ forti noi E LORO lo sanno.

    Abbiamo gia’ vinto… non si sa cosa, ma abbiamo vinto :-PP

     

    • 1.1

      CERTO!

      Ed infatti e’ compito di chi usa le rete per informare di EDUCARE l’utente all’uso corretto di internet.

      Senza conoscenza non c’e’ liberta’… chi crede che FB sia internet non e’ libero.

      Anche adesso non e’ raro vedersi bannati per aver aperto una pagina “scomoda”… ma di certo IL MIO sito web non lo puo’ toccare nessuno ^__^ (semmai ce ne fosse uno…)

      Cosi’ come del resto e’ molto triste vedere come nessuno piu’ sappia anche solo dell’esistenza dei gruppi di discussione… preferendo o peggio confondendoli con i forum!

      Mi sembra di essere un cavernicolo ^__^

       

    • 1.2

      il problema non è solo nell’essere “spiati”, ma nella possibilità concreta che la diffusione dei contenuti venga ostacolata, con tecniche ovviamente difficilmente rintracciabili per chi non ha in mano la gestione del sistema.

      Tu mi risponderai: chi se ne frega, c’è tutta una rete a disposizione per chi vuole scambiarsi informazioni, che non sta nè su YouTube nè su Facebook. Vero, ma purtroppo bisogna fare i conti con l’incuneamento di 17 milioni di italiani su Facebook. Per costore internet è Facebook e non ne escono. Quando uno strumento, anche privato, arriva ad essere così potente, ha una grandissima responsabilità perché può incidere sul tessuto democratico di un paese e modificarlo, per questo gli devono essere chiesti requisiti di trasparenze estremi. Diverso sarebbe se su Facebook ci fossero quattro gatti.

  • 0
    Cool

    Feisbuk non l’ho sopportato dall’inizio. Ho sempre avuto una percezione negativa dell’ammassarsi della gente in un unico servizio privato.

    Mi ha fatto piacere sentire che ora è in calo.Finalmente incominciano a capire le persone stordite che può fare solo danno.

    Di fatto quando entri in feisbuk sei una cavia alla quale vengono posti vari quiz sondaggi giochi e altre assurdità,  tutte per capire quali prodotti compreresti più volentieri quando vai a fare la spesa.

    Saluti

     

    Cool

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>