il futuro dei social network

In merito all’espropriamento del mio account Google, (e quindi del mio canale YouTube, dell’account Adsense e di quello Analytics), di cui oggi riporta anche Beppe Grillo che ringrazio, vorrei precisare che il punto non è banalmente la cancellazione della posta o la semplice perdita dei dati. Si tratta di una questione più ampia e molto più centrale che non va ridotta a una semplice attività di backup. Tra l’altro, i backup dei contenuti video li ho tutti: svariati tera costantemente in aumento che mi costringono ad acquistare sempre nuove attrezzature, sulle quali è certo meglio non lesinare.

Chi si è impadronito delle mie credenziali, utilizzando un sistema che attualmente è materia di indagine, si è impadronito anche del mio account YouTube. Può farne quindi ciò che vuole, compreso eliminare singoli video, l’intero profilo o semplicemente inviare messaggi o scrivere commenti a nome mio, magari diffamatori.

Perché è così grave un’eventuale eliminazione dei contenuti, se si hanno i backup degli stessi?

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Il valore degli sforzi nel web 2.0 non risiede come si potrebbe essere indotti a pensare nei file, che possono essere ricaricati, ma nella complessa costruzione relazionale conseguita con il duro lavoro di anni. Cancellare un account significa cancellare tutte le indicizzazioni nei motori di ricerca (di gran lunga il danno peggiore), tutto il patrimonio di commenti, le 10 mila iscrizioni, i 4 milioni di visualizzazioni che costituiscono un fondamentale strumento di comunicazione, di trasferimento di conoscenza. I contenuti, magari in settimane di sforzi e a colpi di gigabyt, possono essere ricaricati, ma le relazioni non si ricostruiscono se non in un tempo analogo perlomeno a quello che ci è voluto per crearle, dando per scontato che abbiano la stessa sorte.

Questa è la reale implicazione del danno, che dunque non si risolve semplicemente “con un backup”. E mi meraviglia continuare a sentire commenti semplicistici in tal senso.

Dovremmo piuttosto interrogarci sui diritti di cittadinanza digitale. Se investiamo tutta la nostra vita nella produzione di contenuti, e quindi nella valorizzazione del contenitore, costituendo dunque una ricchezza per chi offre i servizi digitali e non il contrario, per poi ritrovarci nudi di fronte a una serie di procedure automatiche quanto inefficaci, senza un numero di telefono da chiamare, senza un sistema per inoltrare un documento di identità, senza una risposta mentre il tuo lavoro va in fumo, allora c’è una asimmetria tra i nostri diritti e i nostri doveri che è bene cominciare ad affrontare. E non si tratta di una mera questione contrattuale, si tratta di guardare la luna e non il dito, perchè i contratti restano tali fintanto che non subentrano ragioni per modificarli. Domandiamoci: abbiamo ragioni per costruire insieme un percorso che abbia come obiettivo un mondo dove l’utente non è semplicemente un utonto, ma costituisce un prezioso valore da tutelare?

Avete per esempio lavorato per anni al vostro account Facebook, creando valore. Un incommensurabile valore relazionale, un tesoro di collegamenti, di immagini, documenti, pagine, eventi. Lo avete fatto contribuendo alla ricchezza e al valore di un’azienda che fonda sul vostro tempo la sua quotazione. Improvvisamente, una mattina, vi svegliate e vi accorgete che non avete più nulla. Non potete chiamare nessuno, se non rispondere a domande preconfezionate che non risolvono il vostro caso particolare, in seguito alle quali nessuno vi contatta, perché non siete nessuno, non valete più niente e non avete i ganci giusti per parlare con chi viceversa potrebbe risolvere tutto con una telefonata. Ma sarebbe giusto farla, quella telefonata? Non dovete chiedervi se ‘avete fatto il backup‘ o cosa diceva ‘la ventesima postilla della quarantunesima pagina del contratto‘. Dovete chiedervi: è giusto che io venga trattato così? Perchè sono le vostre aspirazioni, sono le vostre visioni che determinano il futuro in cui vivrete. E’ la vostra convinzione della necessità di un cambiamento che creerà le condizioni per un riequilibrio di questa enorme disparità di valore.

L’impossibilità di contattare chicchessia, nel momento in cui la tua vita relazionale web 2.0 va in fumo, per i motivi più disparati tra i quali la chiusura dell’account sic et simpliciter, senza spiegazioni da parte del fornitore di servizi (facebook in primis), deve essere oggetto di riflessione più approfondita. Anni di relazioni sociali sviluppate in rete sono un valore che necessita di maggiore attenzione e di maggiore tutela da parte di chi tutto sommato eroga un servizio che si basa esclusivamente sulla capacità produttiva degli utenti, sulla loro vita, quasi che fossero attori di un film che il produttore gira in un enorme reality show al quale tutti partecipano inconsapevolmente, senza scrittura, senza compenso, mentre i loro nomi gonfiano le quotazioni di borsa della casa di produzione. A maggior ragione in un tempo in cui si parla di nuvole (cloud computing) e un’oligarchia di pochi soggetti accentra ed esternalizza sempre di più i dati e perfino le applicazioni. Presto vivremo in un mondo dove i computer domestici torneranno ad essere terminali di un server remoto, localizzato e replicato da qualche parte, laggiù, nella nuvola. I nostri dati non saranno più nostri, i nostri software non saranno più nostri, o lo saranno fintantoché un abile cracker non riuscirà a sottrarci le chiavi di casa. Allora dormiremo fuori, non importa quanto freddo faccia e quanto ci sgoliamo, perché se resti senza documenti, senza abiti, senza accesso, sei solo un povero pazzo che urla per strada di notte.

Ogni evoluzione richiede la maturazione di processi cognitivi, di una disciplina in grado di gestirne le implicazioni e, talvolta, le complicazioni. Non tutto quello che si può fare, va fatto solo perchè è possibile farlo. Come la scienza dovrebbe avere l’obbligo etico di chiedersi: ‘è giusto farlo? ‘ prima di infilare una cannula nel cervello di una creatura vivente, così nell’era dei numeri puntati (2 punto 0, 3 punto 0) bisogna contemperare l’esigenza di avere strumenti sempre più evoluti con la cura e l’attenzione che si conviene all’inviolabilità della nostra persona, dei nostri valori, della nostra privacy e al rispetto che di questo patrimonio è giusto chiedere ed ottenere. Niente accade se non si forma la giusta consapevolezza, se nella coscienza collettiva non si realizza un’aspettativa.

E’ necessario prendere coscienza della visione che presiede ai nostri tempi e non ridurre tutta la nostra capacità di analisi e di predeterminazione del corso degli eventi sociali a una banale rappresentazione “contrattuale” o “tecnica”, come può essere ad esempio limitarsi a suggerire un backup o a ricordare i termini contrattuali.

Qui è in gioco qualcosa di più di una postilla contrattuale, magari vessatoria. E’ in gioco il modello di diffusione della conoscenza e dell’informazione che stiamo creando con le nostre mani e che lasceremo a chi verrà dopo di noi.


Ringrazio una mia affezionata lettrice, Marianna Micciarelli, che ha creato una pagina facebook in mio sostegno, e una petizione da firmare online per chiedere la restituzione del profilo YouTube e di tutti gli altri servizi.

 

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

74 risposte a il futuro dei social network

  • 42
    danzatriceorientale

    Perdonatemi il cinismo e la crudezza, ma a questi di facebook e vari colossi non gliene può frega’ de meno di valori che non abbiano a che fare con quello della pecunia, ragion per cui finché sei buono a far camminare la fabbrica, OK, quando non servi più, ciao còre e chi s’è visto s’è visto.

    Magari i fondatori erano dei pezzenti, prima di farsi i soldi grazie a noi, ma poi, una volta arrivti in alto, byebye, ognuno è uno dei tanti: succede a chi guadagna la partnership u youtube, di montarsi la testa, quindi figuriamoci a chi, come Zuckerberg  i fondatore di google, si è fatto i milioni grazie all’utenza.

    Boicottarli serve a poco, in questi casi, se su milioni  milioni di utenti si cancellano per protesta soltanto in 500, ma se su 12 milioni se ne cancellassero più della metà? Il fatto è che oramai siamo talmente assuefatti a questi media e convinti che certe cose tanto a noi non accadranno mai, che non ce ne frega niente di protestare e boicottare un’azienda per solidarietà ed ecco poi a cosa si arriva.

  • 41
    kautostar86

    byoblu ha scritto :
    kautostar86 ha scritto : ” Ma il contratto tra un social network, e i suoi utenti, è un contratto tra privati, in cui la politica non c’entra nulla, youtube è tenuta al rispetto delle leggi, e della privacy di terze persone, e dei suoi utenti,” C’entra, nel momento in cui qualcosa diventa talmente diffusa da influire sul tessuto sociale e sul meccanismo di rappresentanza democratica, ci vogliono regole più chiare e trasparenti. Per esempio i contenuti. In un paese dove molti. sempre di più,  si formano un’opionione politica sulla base proprio dei contenuti pubblicati, se un soggetto ha la facoltà di rimuovere questi contenuti in maniera non trasparente, non c’è contratto che tenga: la politica ha precisamente l’obbligo di stabilire i limiti e i riferimenti normativi entro cui muoversi. Se no la politica cosa ci sta a fare? Sarebbe un Far West. Le cose cambiano, caro Kauto, proprio perché cambiano le sensibilità e qualcuno propone una nuova visione. E questo è precisamente il compito della politica. Ora: vogliamo lasciare che la politica faccia i suoi giochi comunque, ma sempre a svantaggio dei cittadini, come l’incontro a porte chiuse di Maroni con i player dei più grossi social network e il viaggetto premio della Polizia Postale in America? Ah, lì non è un banale contratto tra privati? Lì invece si può intervenire? Se si può intervenire lì, allora implicitamente è segno che la politica ha voce in capitolo. Usiamo questa voce per modificare la consapevolezza e creare una nuova alba nella percezione della cittadinanza digitale.

    Caro Byoblu, secondo me i politici non dovrebbero intromettersi troppo, perchè poi possono sempre usare questo potere per le finalità più meschine di censura e limitazione della libertà, quindi non giustifico nemmeno gli interventi di Maroni di cui parli.

    Mi vuoi dare un servizio? Bene, ma non può essere vessatorio. Stabiliamo un quadro di riferimento a cui tutti si dovranno adeguare. Se non si vorranno adeguare, se ne andranno. Vedrai che qualcuno disposto a raccogliere 60 milioni di utenti italiani dandogli qualche garanzia in più lo troviamo di sicuro. Stanne certo. Se poi vuoi continuare a dire.. “eh, ma il contratto dice…”, sei libero. Io voglio una generazione di cittadini che forgia e plasma il proprio futuro, non che subisce il futuro che forgiano gli altri.

    Io non ho detto “ehm ma il contratto dice”, io ho detto solo che allo stato attuale, essendo realisti, youtube il servizio particolare che vuoi tu te lo può dare solo a pagamento, e solo a chi rinuncia all’anonimato(anche se l’anonimato totale non esiste quasi mai, si può sempre risalire a qualcuno tramite l’ip)

    Pensandoci meglio qual’è il problema fondamentale? è che youtube ha una responsabilità penale sui contenuti che carichi, e per questo se riceve una segnalazione, o specialmente una diffida da uno studio legale, rimuove tutto senza pensarci 2 volte. Non essendo un vero editore, che glielo fa fare di rischiare il c**o per te?

    Come si potrebbe risolvere questo problema? io non me ne intendo molto, non so se è fattibile, ma si potrebbe risolvere tramite passaggio di proprietà formale.

    Ovvero vuoi pubblicare materiale, senza che venga mai rimosso da youtube, assumendoti personalmente tutte le responsabilità penali e civili della tua attività?potresti fare un contratto in cui youtube ti cede formalmente la proprietà di tutto lo spazio web che consumi. Per fare questo contratto dovresti fornire a youtube i tuoi dati personali verificabili, e a questo punto ogni segnalazione ai tuoi video verrebbe girata direttamente a te.

    Mettiamo che che l’avvocato Ghedini mandasse a youtube una diffida per diffamazione, se non rimuove un tuo video immediatamente. Youtube girerebbe la diffida direttamente a te, e darebbe a Ghedini i tuoi dati personali. Poi saresti tu a decidere se rischiare, e affrontare la denuncia, o togliere il tuo video!

    Youtube se ne laverebbe totalmente le mani.

    Penso che questo potrebbe essere un modo per impedire la sparizione improvissa dei video,  chi vuole gestirsi la sua attività senza interferenze, si assuma personalmente tutte responsabilità del materiale che produce e carica, e esoneri google e youtube da qualunque respondabilità in merito.

    Ovviamente però senza obblighi, chi non vuole assumersi tutta la responsabilità dei suoi video e dei suoi scritti, potrebbe continuare ad usare youtube alle condizioni attuali

    Che ne dici? potrebbe essere un compromesso accettabile?

    • 41.1

      Bravo. Lo vedi? Già solo da te sono arrivate due idee interessanti. Figurati se ci mettiamo intorno a un tavolo in dieci o in venti.

      Cmq non ti concentrare troppo su Youtube, qui l’attore più vessatorio è anzi Facebook, dove spesso i profili vengono rimossi da un giorno con l’altro e non per questioni di copyright. Oppure svaniscono le pagine con centinaia di migliaia di iscritti tre giorni prima delle elezioni…

  • 40
    rudiano

    Bravo Claudio

    Raramente ho visto qualcuno riuscire a trasformare la rabbia in qualcosa di costruttivo così rapidamente. Mi riferisco al fatto che hai realmente pensato a noi, dove per noi intendo le persone che non hanno attenzione riguardo le implicazioni che hanno simili attacchi (come quello che hai ricevuto). Non avevo idea di alcune delle cose che hai menzionato, anche se ne avevo il sospetto. Tipo facebook: chi decide che il tuo post verrà letto sulla home page dei tuoi contatti? Mi è successo di condividere dei post un po’ scottanti e di non vederli pubblicati neppure sulla mia homepage… figuriamoci su quella degli altri.

    Se ti può confortare in qualche modo non posso che essere concorde con i tuoi sospetti. Io non ho dubbi che se sei stato attaccato volontariamente. Le prove servono ai fini legali, ma l’istinto mi dice che sei risultato scomodo a qualcuno.

    In questo video sei stato chiaro e illuminante… è il tuo stile… anche se questa volta si è potuto vedere il Claudio versione “inc**zato” (vorrei dire!!). Hai arricchito la mia conoscenza riguardo le lacune che spesso molti, me compreso, hanno riguardo il "vigilare" sulla libertà di informazione in rete. C’è una cosa più importante della libertà di espressione e cioè l’importanza della tutela "attiva" dello spazio che ci garantisce questa libertà. Fino ad oggi, credo molti di noi, non avevano la minima attenzione su questo aspetto. Ed è chiaro che bisogna prenderti come esempio, perché sei una persona che fa in modo che la propria libertà di espressione in rete sia strutturata per autoalimentarsi.

    Probabilmente siamo stati abituati già dalla prima repubblica che “qualcuno ce lo doveva dire", "qualcuno ci doveva pensare", “ qualcuno doveva provvedere”. “QUALCUNO” SIAMO NOI !!! Un susseguirsi di governi “troppo chioccia" (chiamiamoli così) ha trasformato 2 generazioni di italiani in "persone democraticamente impedite" (passami i termini). Come dei figli, rimasti troppo sotto la campana di vetro creata dai propri genitori, abbiamo dimenticato cosa sia realmente la libertà. Come canarini, troppo abituati alla gabbia, non sappiamo volare.

    Postare sul proprio blog è tecnicamente facile, che il blog sia conosciuto o poco conosciuto non ha importanza. Raggiungere più persone possibile è tecnicamente arduo, ma possibile. Garantire che in italia si possa fare per sempre è la prossima vera sfida.

    Un giorno tornerò a scrivere “italia” e “italiani” con la “i” maiuscola…

  • 39

    ciao Byoblu

    Sono massimo

    io ho il mio canale principale (pokko1974) e non mi è mai capitata una cosa del genere anche perchè questo account di youtube non è x niente associato a nessun account di google

    Da qualche settimana però ho creato un altro canale youtube (VideoKlip74) più come canale di "emergenza" che per altri motivi.Qui ho caricato pochi video uno ha raggiunto quasi 15000 visite…

    Bene,a differenza del primo canale questo ha un account google associato..

    Un giorno guardando il video di VideoKlip74  dal mio canale principale con mio grande stupore mi accorgo della presenza di un banner verde 500gratis.net

    Stupito sono entrato di corsa nell’altro canale pensando me lo avessero rubato,ma non era così fortunatamente…ho cambiato la password principale(che era semplicissima e di 5 cifre)con un’altra molto più complessa…e tutt’ora la situazione sembra tranquilla.

    Credo che l’anello debole sia la Mail di google facilmente hackerabile,più di hotmail che è una gruviera °.°

    Infatti sul mio canale principale che ,ripeto,non è associato a nessun account google, non ho mai avuto  questi problemi…

    Spero che tu riesca a recuperare il tuo canale e che tutto torni tranquillo come prima…assistenza youtube e/o google permettendo.

    Continua così e non arrenderti!

    Con Stima

    Massimo

  • 38
    Marco Poletto

    Penso che tu abbia colpito un problema gigantesco che riguarderà gli anni futuri. Non capisco perchè nessuno voglia vederlo: come in un video spieghi l’evoluzione dei "profeti" di pari passo va l’evoluzione dei sopraffattori. Google ha cominciato a comportarsi in maniera non più degna di fiducia da qualche anno. La sua grandezza, la grandezza di altre società web (eccetto forse wikimedia) impone a chiunque i dubbi che ti sei posto. Enormi, fondamentali, puri fino alla filosofia. La privacy viene scassinata attraverso il passaggio o la memorizzazione dei dati in rete il controllo è stretto e sempre più dettagliato. Il potere di queste aziende è qualcosa che non è mai esistito prima (pari alle opportunità che finora abbiamo avuto noi) e la distanza siderale unita alla quasi immaterialità di queste ditte incute terrore. Terrore perchè stiamo affidando buona parte delle nostre speranze e dei nostri pensieri in mano a questi signori che sembrano non dover rispondere a nessuno

  • 37
    M.C.

    Eccomi!!!… che fastidio, vero?

    Questa volta (sempre ringraziandoti dello spazio che ci metti a disposizione) vorrei chiederti una cosa per me importante (per farmi un’idea della tua vera essenza):

    Perché nell’elenco dei sostenitori del blog, oltre a mettere nome e cognome, (senza esserne autorizzato [almeno credo]) hai riportato accanto ad ogni nome il relativo importo: tu hai dato 1, tu hai dato 20, tu un misero euro! Cosa hai creduto di fare: mettere i più influenzabili in competizione tra loro?

  • 36
    Marco Poletto

    Penso che tu abbia colpito un problema gigantesco che riguarderà gli anni futuri. Non capisco perchè nessuno voglia vederlo: come in un video spieghi l’evoluzione dei "profeti" di pari passo va l’evoluzione dei sopraffattori. Google ha cominciato a comportarsi in maniera non più degna di fiducia da qualche anno. La sua grandezza, la grandezza di altre società web (eccetto forse wikimedia) impone a chiunque i dubbi che ti sei posto. Enormi, fondamentali, puri fino alla filosofia. La privacy viene scassinata attraverso il passaggio o la memorizzazione dei dati in rete il controllo è stretto e sempre più dettagliato. Il potere di queste aziende è qualcosa che non è mai esistito prima (pari alle opportunità che finora abbiamo avuto noi) e la distanza siderale unita alla quasi immaterialità di queste ditte incute terrore. Terrore perchè stiamo affidando buona parte delle nostre speranze e dei nostri pensieri in mano a questi signori che sembrano non dover rispondere a nessuno

  • 35

    Google mi ha disattiva un account dopo sei anni di onorato servizio. Ho perso tutte le email degli ultimi sei anni (là confluiva tutto quello che ricevevo), i dati analytics, adsense… una tragedia

  • 34
    Nicolo

    Salve Claudio. Mi dispiace per quello che ti è capitato ed è utile quello che ci spieghi.

    Per sapere la data di registrazione dell’account Gmail ti può aiutare una mail inviata da un account Gmail di un tuo amico come "Invito" a registrarti ("Invita in Gmail"). Anni fa si poteva entrare solo con invito. Controlla la data di ricezione di quella mail.

     

    So che ti sembrerò idiota con questo suggerimento ma è un modo per aiutare.

     

    Buona fortuna.

    Nicolò

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hey, Lorenzin, fai un decreto su questo! 1250 morti all’anno per il DieselGate

DieselGate - Concentrazione e MortalitàIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, ha causato in Italia 1.250 morti all'anno. A quantificare le conseguenze del Dieselgate sono l'Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa, in uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters da cui emerge che il nostro...--> LEGGI TUTTO

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>