Fortezza Montecitorio

Roma via Uffici del Vicario

La Gelmini ha il paese contro. Non serve discutere punto per punto gli aspetti della sua “riforma”. Basta guardare il video qui sopra.
Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Questa mattina Montecitorio è presidiata da decine e decine di blindati della polizia e dei carabinieri. Tutte le vie di accesso sono precluse. Maroni ha collocato intorno a Montecitorio centinaia di agenti che stanno affilando i manganelli. Più che un atteggiamento da riforma condivisa, sembra l’arroccamento di pochi rivoluzionari che hanno conquistato il fortino e non hanno altra scelta che difenderlo con le unghie e con i denti.

Vedetela come volete, ma un paese dove la legge si impone con la forza e contro i cittadini non assomiglia a una democrazia. Evoca piuttosto sinistre analogie con i regimi totalitaristi.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

24 risposte a Fortezza Montecitorio

  • 7
    kautostar86

    Mario Circello ha scritto :

    In merito all’università di Camerino (9’000 iscritti – da wikipedia, pari allo 0.015% della popolazione italiana) che citi ad esempio, vorrei farti notare che in altre università, siedono in due o tre aule e di conseguenza, ti ricordo che Camerino (7’000 abitanti – da wikipedia, perché sul sito del comune non ci sono i dati) è sì in Italia, ma non è l’italia (è lo 0.011% dei suoi abitanti) – così come la sua università, non è tutte le università d’Italia;

    E manco quelli che protestano a Roma, o in altre città rappresentano tutti gli studenti universitari d’Italia!

     delle 18e41: dove dici che “Uno si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico, in una sparuta minoranza di studenti e docenti-ricercatori esaltati e violenti che creano scompiglio in una città, occupano monumenti, per cercare di imporre la propria volontà anche a scapito di quegli studenti favorevoli, che vorrebbero studiare in pace, e sono costretti a subire i disservizi creati da questi docenti stronzi, e dai loro compagni fannulloni(e pure fuoricorso!)”, osservo e ti faccio notare, che: 1° L’uno che “si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico…”, palesemente sei tu; quello che c’è di democratico, è il diritto di manifestare il proprio dissenso e di esprimere le proprie idee

    Si ma quando per esprimere il tuo dissenso, blocchi e impedisci di seguire le lezioni e studiare in santapace, anche a chi non la pensa affatto come te, sei tu l’antidemocratico! Esprimi pure il tuo dissenso, ma non rompere i c*****ni a chi questo dissenso non lo condivide. Invece in alcune università stanno danneggiando anche chi è favorevole alla riforma

     

    2° Quella che definisci “una sparuta minoranza” se la riferisci all’univerità di Camerino, può essere vero – non lo so – ma non fa testo,

    Come non fa testo, quando tu o Messora dite che tutta l’Italia è contro la riforma!

     

    4° quando si è esasperati, si può anche finire col diventare “violenti”

    D’accordo, ma poi si accetti che la Polizia difenda  chi violento non  è, e si paghino le conseguenze della violenza senza tanto vittimismo!

    5° Aborro la violenza, ma sono consapevole che a volte “creare scompiglio in una città, occupare monumenti” può essere l’unico modo per farsi sentire e far valere il propri diritti

    E allora non piangere quando i cittadini danneggiati dalla tua protesta, pregheranno la polizia di prenderti a manganellate

    6° manifestare il proprio dissenzo, non vuol dire “imporre la propria volontà”

    Se impedisci a uno studente che non la pensa come te, di seguire le lezioni, si, significa proprio IMPORRE VIOLENTEMENTE E IN MANIERA ANTIDEMOCRATICA LA PROPRIA VOLONTA’

    7° i veri “disservizi” sono ben altri, di origini più antiche e sono imputabili a chi governa, non certo a chi li subisce, e a causa di ciò protesta

    Se qualche ricercatore, qualche docente, o qualche studentello stronzo e teppista mi impediscono di seguire una lezione, la colpa non è certo di chi governa!

    8° definisci i docenti “stronzi” e questo ti qualifica

    Certo i docenti che per protestare creano disservizi anche a chi vorrebbe studiare e laurearsi quanto prima, solo per difendere i loro meschini interessi, sono degli stronzi! Dove sta scritto che un docente non può essere stronzo? sono tutti santi e nel giusto per definizione, in quanto tali?

    9° se uno è “compagno fannullone” e mantenuto dalla sua famiglia, sono squisitamente affari suoi e della sua famiglia* L’argomento del post, è l’inaccettabile – in uno Stato di diritto, democratico – uso sistematico e spropositato della violenza, per reprimere il dissenso (degli operai, dei terremotati, degli stranieri, dei pensionati, degli studenti…), modalità questa, che appartiene ai regimi totalitari (fascismo, comunismo…); quindi, sta cercando di aprirti gli occhi, per renderti conto di come stanno le cose nella realtà, prima che sia definitivamente troppo tardi. Cordiali e civili saluti.

    Appunto in uno stato democratico, e libero, ci dovrebbe essere anche il diritto di dissentire da chi protesta contro una riforma(secondo me) condivisibile e buona sotto diversi punti di vista, specialmente se chi protesta, danneggia anche chi non c’entra niente, ma vorrebbe semplicemente studiare(o lavorare, perchè a Roma, con la protesta, hanno danneggiato anche tante attività economiche)!

  • 6
    kautostar86

    http://www.chicago-blog.it/2010/11/30/della-protesta-universitaria-del-furto-di-futuro-economico/#more-7740

     

     

    Vi consiglio di leggere questa analisi di Oscar Giannino che secondo me ha inquadrato abbastanza bene la protesta e il problema. Io la penso più o meno come lui, i motivi per protestare ci sono, ma che la protesta degli studenti s’è fusa insieme a quella dei docenti, dei ricercatori e dei rettori universitari, è assurdo!

    Gli studenti si dovrebbero lamentare perchè la riforma non è abbastanza incisiva contro le baronie universitarie, e contro la gestione costosa e fallimentare, e lo spreco di risorse, che hanno portato al degrado l’Università italiani negli ultimi anni(forse decenni). Secondo me è assurdo protestare perchè tutto resti così com’è!

    • 6.1
      Ambient84

      – la protesta degli studenti s’è fusa insieme a quella dei docenti, dei ricercatori e dei rettori universitari, è assurdo!

      Non è assurdo, semplicemente non è questa tutta la verità. Manca una parte! La protesta degli studenti si è unita a quella di maggior parte dei precari della scuola e dei ricercatori in particolare.

      Parte dei rettori si è detta favorevole alla protesta, ma in concreto non hanno fatto nulla, eccetto il rettore dell’università di Firenze, accusato dalla Gelmini di essere un 68ino. Gli altri rimangono dei Baroni!! Allo stesso modo i docenti, quelli più influenti, si sono trincerati dietro la trincea scavata da NOI STUDENTI! Questo è assurdo.

      – Infatti scrive Giannino, fucina in cui si forgia l’identità di una nuova generazione, proprio perché sulle ali dell’entusiasmo molti studenti si sono lasciati trascinare da leader studenteschi violenti, ma altri si son lasciati trascinare dal proprio ideale di bravo studente, serio, studioso e che non c**zeggia.

      Chi non si lascia trascinare vede anche le sfumature di verità che sfuggono a molti!

      – “Gli studenti si dovrebbero lamentare perchè la riforma non è abbastanza incisiva contro le baronie universitarie, e contro la gestione costosa e fallimentare, e lo spreco di risorse”.

      Concordo in parte con te. Infatti pochi studenti che manifestavano si accorgono di essere soli e poco incisivi per il fatto che i baroni dicono e non dicono: apparenza e poca sostanza! Dovremmo attaccare tanto il governo, quanto i media, i rettori e i docenti che fanno gli ignavi! BISOGNA RIFIUTARE LE BANDIERE E LE IDEOLOGIE! Questo è quello che ha reso strumentalizzabili i cortei e le occupazioni dei monumenti dalla stampa e dai politici di ambo le parti!

  • 5
    Ambient84

    Secondo me non centra nulla “affilare i manganelli”, “contro i cittadini” “regimi totalitaristi”.

     Claudio, inutilissimo far vedere il dopo, quando non si parla del prima. Giorni fa gli studenti son penetrati in senato. E mica La Russa è stupido e le forze dell’ordine son sceme e manganellatrici. Ci si poteva aspettare questa forte prevenzione.

    – Come mai hai tralasciato di parlare del Ddl Gelmini, perché non hai spiegato pro e contro, come per esempio ha fatto Repubblica?

    – Perché il Tg1, Rete4, Matrix,, il Giornale, e tutto l’impero non hanno chiarito in specifico la riforma viste le balle di quel ripetente di Bersani col 30 e lode? 

    – Perché ieri Saviano ha iniziato a parlare degli studenti eppoi, totalmente fuori tema ha finito col compatirsi? 

    – Perché AnnoZero quest’anno non ha fatto nulla per l’università a differenza di 2 anni fa?

    – Perché i rettori si dicono d’accordo con la protesta, ma la capeggiano, dando così ragione alla ministra Gelmini quando dice: cari studenti, non fate che proteggere i privilegi dei baroni universitari? 

    Non centrano i regimi totalitari, è proprio l’italiano medio che è un Fantozzi e delega il proprio potere, la propria stima, i propri obblighi e doveri a persone sbagliate!


  • 4
    Ambient84

    Ancora a Krautostar86 

    – Se qualche ricercatore, qualche docente, o qualche studentello stronzo e teppista mi impediscono di seguire una lezione, la colpa non è certo di chi governa!

    Cito la mia risposta al commento che hai fatto poco sopra “Hanno protestato anche Scuola Normale Superiore e il Sant’Anna, università rinomate per la loro violenza, per il numero di fuoricorso, stronzi, fannulloni, per essere le migliori d’Italia, per aver sfornato geni e talenti intellettuali riconosciuti nel mondo e spesso vincitrici del titolo di miglior studente d’Italia”.

    La colpa, secondo me è di chi governa e di chi detiene il potere (rettori e baroni che non si fanno avanti). Solo il rettore di Firenze ha sospeso le lezioni. A torto o a ragione. Forse nel resto d’Italia gli studenti hanno impedito in parte il normale svolgersi delle lezioni, a torto o a ragione, ma non puoi generalizzare dicendo che gli studenti hanno bloccato l’università più di quanto non l’abbiano fatto il governo, i rettori, i docenti, i ricercatori e gli studenti che sono stati fermi.

    Questa situazione va avanti dal 2008 don il Ddl 133. L’unica cosa che vedo sono i tagli alla cultura di Bondi e alla scuola della Gelmini. Le strumentalizzazioni degli studenti fatte dalla sinistra. E Bossi che dice: “un po hanno ragione”. Ma la cultura è il motore di una nazione. Un motore ad energia rinnovabile!

    Invece di migliorare le cose, qui si polemizza e si generalizza su chi abbia più colpe. E allora rispondi punto x punto a quanto ho commentato sopra. E lo stesso faccia Messora per questo video.

     

    • 4.1
      sil lan

      Leggo sempre Byoblu e sono quasi sempre d’accordo con le sue idee, come in questo caso. Mi piace molto seguire le discussioni, quando sono seriamente argomentate e civili, e qui spesso lo sono, a differenza di altri blog. 

      Perché a me, che non sono più giovane (anzi, per la verità sono decisamente anziana), interessa molto capire ciò che pensano e “sentono” i giovani.

      Non amo affatto i proverbi, ma a volte me ne viene in mente uno: “Non v’è peggior sordo di chi non vuol sentire”.

      Tuttavia, vorrei ancora sperare che non sia del tutto inutile discutere anche con i sordi volontari…

    • 4.2
      Ambient84

      E’ proprio con quelli che bisogna parlare, con i sordi volontari. L’opposizione ed il governo devono cooperare invece si lanciano giavellotti di colpe. Lo scaricabarile che odio tanto.

      E’ più giovane il tuo pensiero che quello caduco di molti giovani che non vedono le mezze misure e le sfumature. Ecco perché gli studenti s’ammazzano, chi protesta è dei centri sociali ed è violento, chi studia a casa è un vero studente. Invece secondo me, le colpe le hanno tutti quelli che si ritrovano in una delle 2 frasi che ho scritto poco sopra!

      Invece di stare uniti per i NOSTRI DIRITTI, e venirsi incontro!!!!

  • 3
    kautostar86

    Mario Circello ha scritto :

    In merito all’università di Camerino (9’000 iscritti – da wikipedia, pari allo 0.015% della popolazione italiana) che citi ad esempio, vorrei farti notare che in altre università, siedono in due o tre aule e di conseguenza, ti ricordo che Camerino (7’000 abitanti – da wikipedia, perché sul sito del comune non ci sono i dati) è sì in Italia, ma non è l’italia (è lo 0.011% dei suoi abitanti) – così come la sua università, non è tutte le università d’Italia;

    E manco quelli che protestano a Roma, o in altre città rappresentano tutti gli studenti universitari d’Italia!

     delle 18e41: dove dici che “Uno si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico, in una sparuta minoranza di studenti e docenti-ricercatori esaltati e violenti che creano scompiglio in una città, occupano monumenti, per cercare di imporre la propria volontà anche a scapito di quegli studenti favorevoli, che vorrebbero studiare in pace, e sono costretti a subire i disservizi creati da questi docenti stronzi, e dai loro compagni fannulloni(e pure fuoricorso!)”, osservo e ti faccio notare, che: 1° L’uno che “si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico…”, palesemente sei tu; quello che c’è di democratico, è il diritto di manifestare il proprio dissenso e di esprimere le proprie idee

    Si ma quando per esprimere il tuo dissenso, blocchi e impedisci di seguire le lezioni e studiare in santapace, anche a chi non la pensa affatto come te, sei tu l’antidemocratico! Esprimi pure il tuo dissenso, ma non rompere i c*****ni a chi questo dissenso non lo condivide. Invece in alcune università stanno danneggiando anche chi è favorevole alla riforma

     

    2° Quella che definisci “una sparuta minoranza” se la riferisci all’univerità di Camerino, può essere vero – non lo so – ma non fa testo,

    Come non fa testo, quando tu o Messora dite che tutta l’Italia è contro la riforma!

     

    4° quando si è esasperati, si può anche finire col diventare “violenti”

    D’accordo, ma poi si accetti che la Polizia difenda  chi violento non  è, e si paghino le conseguenze della violenza senza tanto vittimismo!

    5° Aborro la violenza, ma sono consapevole che a volte “creare scompiglio in una città, occupare monumenti” può essere l’unico modo per farsi sentire e far valere il propri diritti

    E allora non piangere quando i cittadini danneggiati dalla tua protesta, pregheranno la polizia di prenderti a manganellate

    6° manifestare il proprio dissenzo, non vuol dire “imporre la propria volontà”

    Se impedisci a uno studente che non la pensa come te, di seguire le lezioni, si, significa proprio IMPORRE VIOLENTEMENTE E IN MANIERA ANTIDEMOCRATICA LA PROPRIA VOLONTA’

    7° i veri “disservizi” sono ben altri, di origini più antiche e sono imputabili a chi governa, non certo a chi li subisce, e a causa di ciò protesta

    Se qualche ricercatore, qualche docente, o qualche studentello stronzo e teppista mi impediscono di seguire una lezione, la colpa non è certo di chi governa!

    8° definisci i docenti “stronzi” e questo ti qualifica

    Certo i docenti che per protestare creano disservizi anche a chi vorrebbe studiare e laurearsi quanto prima, solo per difendere i loro meschini interessi, sono degli stronzi! Dove sta scritto che un docente non può essere stronzo? sono tutti santi e nel giusto per definizione, in quanto tali?

    9° se uno è “compagno fannullone” e mantenuto dalla sua famiglia, sono squisitamente affari suoi e della sua famiglia* L’argomento del post, è l’inaccettabile – in uno Stato di diritto, democratico – uso sistematico e spropositato della violenza, per reprimere il dissenso (degli operai, dei terremotati, degli stranieri, dei pensionati, degli studenti…), modalità questa, che appartiene ai regimi totalitari (fascismo, comunismo…); quindi, sta cercando di aprirti gli occhi, per renderti conto di come stanno le cose nella realtà, prima che sia definitivamente troppo tardi. Cordiali e civili saluti.

    Appunto in uno stato democratico, e libero, ci dovrebbe essere anche il diritto di dissentire da chi protesta contro una riforma(secondo me) condivisibile e buona sotto diversi punti di vista, specialmente se chi protesta, danneggia anche chi non c’entra niente, ma vorrebbe semplicemente studiare(o lavorare, perchè a Roma, con la protesta, hanno danneggiato anche tante attività economiche)!

  • 2
    Godot_74

    «Vedetela come volete, ma un paese dove la legge si impone con la forza e contro i cittadini non assomiglia a una democrazia. Evoca piuttosto sinistre analogie con i regimi totalitaristi»

    E pensare che quelli che fino a pochi anni fa avremmo definito “regimi”, oggi, grazie a persone giovani, motivate e capaci, ci danno lezioni di governo.

    Mi sono imbattuto in quest’intervista al presidente Rafael Correa, Ecuador.

    Voglio condividerla con i lettori del blog ed invitarli ad una riflessione sull’abisso che separa i nostri governanti, le loro idee (?), i loro modi, il loro operato e presidenti come Correa. Mi sentirei di definire più statista questo giovane presidente che non i nostri allupati e preistorici uomini delle istituzioni.

    PARTE 1: http://www.youtube.com/watch?v=7DW-2zwZtig
    PARTE 2: http://www.youtube.com/watch?v=zj8aO-ZliQ8

  • 1
    Mario Circello

    A Godot_74: concordo con il tuo commento e grazie per i link

    A kautostar86:

    Con il dovuto rispetto, non posso esentarmi dal farti notare quanto segue.

    Era da un po’ di tempo, che mi chiedevo dove fosse finito il “bastian contrario” del blog, et voilà di colpo riappare…

    Premessa: spessissimo, ai tuoi commenti – che molto raramente mi vedono concorde – ho preferito non replicare, perché “non c’è miglior sordo di chi non vuol sentire” (anche se, nell’ 80% dei casi, dopo un’estenuante scambio di commenti col povero malcapitato di turno, hai riveduto e corretto, le tue posizioni – il che dimostra, che non sei proprio sordo, ma che perlomeno hai gravi problemi d’udito, o in alternativa, sei duro di comprendonio)

    In merito al tuo commento delle 18e17:

     – prima chiedi a Claudio, “come fai a dire con tanta certezza che la maggioranza degli italiani è contro la riforma?” Non lo ha detto né con, né senza tanta certezza, ha solo usato un’espressione enfatica, per poi introdurre l’argomento* del post (che come sempre ti sfugge!)

     – poi commetti l’errore di cui accusi Claudio, cioè asserisci con certezza, che “quelli che sono scesi in piazza a fare proteste violente in questi giorni non sono nemmeno la maggioranza degli studenti!” Non ha parlato di una maggioranza di studenti violenti scesi in piazza, ma ha usato l’espressione “paese contro”, che è data dalla sua percezione soggettiva della realtà (che personalmente, condivido)

    Io non sono uno studente, non sono un docente, non sono sceso in piazza a fare proteste violente, ma non essendo daccordo con praticamente nulla della riforma Gelmini (fra l’altro, mi chiedo quali siano le sue competenze specifiche ed i suoi meriti, per rivestire un incarico così importante in una società), faccio parte di quel “paese contro” che tu, né vedi, né percepisci, ma che esiste!

    In merito all’università di Camerino (9’000 iscritti – da wikipedia, pari allo 0.015% della popolazione italiana) che citi ad esempio, vorrei farti notare che in altre università, siedono in due o tre aule e di conseguenza, ti ricordo che Camerino (7’000 abitanti – da wikipedia, perché sul sito del comune non ci sono i dati) è sì in Italia, ma non è l’italia (è lo 0.011% dei suoi abitanti) – così come la sua università, non è tutte le università d’Italia;

    Concludendo, critichi Claudio che ha fatto un discorso “generico”, basando le tue critiche sulla tua percezione soggettiva, figlia della tua presunzione di interpretare il pensiero dello 0.01% della popolazione… (Sic!) il che, è decisamente un po’ pochino per argomentare.

    In merito al tuo commento delle 18e41:

    dove dici che “Uno si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico, in una sparuta minoranza di studenti e docenti-ricercatori esaltati e violenti che creano scompiglio in una città, occupano monumenti, per cercare di imporre la propria volontà anche a scapito di quegli studenti favorevoli, che vorrebbero studiare in pace, e sono costretti a subire i disservizi creati da questi docenti stronzi, e dai loro compagni fannulloni(e pure fuoricorso!)”, osservo e ti faccio notare, che:

    L’uno che “si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico…”, palesemente sei tu; quello che c’è di democratico, è il diritto di manifestare il proprio dissenso e di esprimere le proprie idee

    Quella che definisci “una sparuta minoranza” se la riferisci all’univerità di Camerino, può essere vero – non lo so – ma non fa testo, se invece è la tua percezione, essendo soggettiva, rimane solo la tua percezione

    non si tratta “di studenti e docenti-ricercatori esaltati”, ma di persone con senso civico che mettono a repentaglio se stessi, per i diritti di tutti (anche di quelli che pur dissentendo o “tengono famiglia…” oppure hanno cose più importanti da fare, tipo interessarsi di calcio, di moda, di grandi fratelli, giocare alla playstation e a farmville…), compresi i tuoi

    quando si è esasperati, si può anche finire col diventare “violenti”

    Aborro la violenza, ma sono consapevole che a volte “creare scompiglio in una città, occupare monumenti” può essere l’unico modo per farsi sentire e far valere il propri diritti

    manifestare il proprio dissenzo, non vuol dire “imporre la propria volontà”

    i veri “disservizi” sono ben altri, di origini più antiche e sono imputabili a chi governa, non certo a chi li subisce, e a causa di ciò protesta

    definisci i docenti “stronzi” e questo ti qualifica

    se uno è “compagno fannullone” e mantenuto dalla sua famiglia, sono squisitamente affari suoi e della sua famiglia

    * L’argomento del post, è l’inaccettabile – in uno Stato di diritto, democratico – uso sistematico e spropositato della violenza, per reprimere il dissenso (degli operai, dei terremotati, degli stranieri, dei pensionati, degli studenti…), modalità questa, che appartiene ai regimi totalitari (fascismo, comunismo…); quindi, sta cercando di aprirti gli occhi, per renderti conto di come stanno le cose nella realtà, prima che sia definitivamente troppo tardi.

    Cordiali e civili saluti.

    • 1.1
      kautostar86

      Mario inutile andare tanto per il sottile, Byoblu vuole far credere che tutta l’italia sia contraria alla riforma Gelmini. Ma come fa a dirlo con tanta certezza? l’ha chiesto uno ad uno a tutti gli studenti?

      Io conosco anche più di qualche studente inc**zatro nero per i disservizi creati dai teppisti che stanno protestando in questi giorni!

      Il problema è che 100-200-300mila stronzi che mettono a soqquadro una città, fanno tanta notizia, mentre se 500mila studenti tacciono, perchè più o meno acconsentono, e non sono contrari alla riforma, ovviamente non li nota nessuno, non fanno alun rumore.

       

    • 1.2
      Ambient84

      – “Byoblu vuole far credere che tutta l’italia sia contraria alla riforma Gelmini. Ma come fa a dirlo con tanta certezza? l’ha chiesto uno ad uno a tutti gli studenti?”

      Semplisemente analizza i fatti Byoblu, peccato che mostra solo le camionette, a parere mio non basta per dimostrare che siamo vitteme del manganello e di uno stato totalitario. Vada in Iran per vedere quello che scrive!!!

      – “Io conosco anche più di qualche studente inc**zatro nero per i disservizi creati dai teppisti che stanno protestando in questi giorni!”

      Ne conosco altrettanti che sono inc**zati neri per il contrario, ne conosco altri che hanno prodotto documenti che dimostrano come la manovra sia economicamente svantaggiosa.

       “Il problema è che 100-200-300mila stronzi che mettono a soqquadro una città, fanno tanta notizia”.

      Fanno tanta notizia tanto che il Tg1 ha falsificato la notizia degli scontri e il giorno dopo è stato costretto a una rettifica. Anche Emilio Fede sfrutta questo rumore, incoraggiando le forze dell’ordine a manganellare (incitamento alla violenza), senza parlare delle proteste pacifiche come quelle di Pisa e tante altre Università italiane. Anno Zero e Matrix se ne fregano! Inoltre fra questi stronzi – ti scrivo per la terza volta – ci sono le Università più importanti e prolifiche d’Italia come Il Sant’Anna e la Scuola Normale Superiore.

      Non fare il sordo.

  • 0
    kautostar86

    Ma come fai a dire con tanta certezza che la maggioranza degli italiani è contro la riforma??quelli che sono scesi in piazza a fare proteste violente in questi giorni non sono nemmeno la maggioranza degli studenti!

    per esempio all’università di Camerino a fare proteste sono solo una sparuta minoranza, e ci sono anche non pochi studenti che sono a favore. Certo ovviamente gli studenti che scendono in strada con spranghe e sassi, fanno molto più rumore(e vengono anche molto strumentalizzati dalla stampa d’opposizione) di quelli che vanno regolarmente a lezione, ma che i contrari siano la maggioranza è tutto da verificare, non ci metterei la mano sul fuoco!

     

    • 0.1
      Ambient84

      …. e VAFf***ulO!

    • 0.2
      Ambient84

      Anche Cossiga e la legge penale dicono che vaff***ulo non è un offesa, è un modo di sottolineare quanto devi stare lontano da me.

    • 0.3
      Ambient84

      Ecco l’esempio del problema italiano: pressapochismo mischiato al niente.

      “Certo ovviamente gli studenti che scendono in strada con spranghe e sassi, fanno molto più rumore(e vengono anche molto strumentalizzati dalla stampa d’opposizione)…”. Difatti questo rumore ti ha frastornato i neuroni inconsciamente. Lo stesso rumore strumentalizzato dalla stampa di destra: http://www.youtube.com/watch?v=e1kuyiOQzww. Non ti fermare ai dettagli del video perché non è questo il succo della questione. Si parla di strumentalizzazione e disinformazione della stampa. Ma ha ragione Emilio Fede quando dice di bastonare gli studenti, ma quelli come te che stanno in classe, i professori e rettori che lasciano che gli studenti siano strumentalizzati, e resi così carne macellata.

      Da questo primo pregiudizio si passa al secondo. Infatti tu poco prima hai scritto: “quelli che sono scesi in piazza a fare proteste violente…”, rispondi ora alla tua stessa domanda: “Ma come fai a dire con tanta certezza che la maggioranza…” delle proteste fosse violenta. Premettendo che per violenza intendo quelle fisica, verbale e morale, quasi tutte le proteste sono state pacifiche. Ti cito l’esempio di Pisa che ho vissuto in prima persona. Non è volato un uovo, non c’erano spranghe e non c’erano sassi. Le forze dell’ordine non hanno nemmeno sforzarsi di ristabilire l’ordine, perché non c’era assolutissimamente caos. Ti invito a smentirmi.

      Ma la cosa che più mi fa sbellicare dalle risate e avvelenare il sangue è la tua mancanza di critica di quello che scrivi. Solo critichi Claudio per partito preso e qualcuno ti chiama anche bastian contrario, mentre sei solo… (nulla). Scrivi alla fine del tuo intervento: “a scapito di quegli studenti favorevoli, che vorrebbero studiare in pace, e sono costretti a subire i disservizi creati da questi docenti stronzi, e dai loro compagni fannulloni(e pure fuoricorso!)”. AUhuahuHAUhuaH. Stamane abbiamo occupato la stazione ferroviaria per 5 ore, la Fi-Pi-Li e 2 giorni fa la torre pendente. La conosci -_- ?! Nel corteo di protesta erano presenti la Scuola Normale Superiore e il Sant’Anna, università rinomate per la loro violenza, per il numero di fuoricorso, stronzi, fannulloni, per essere le migliori d’Italia (scusa per Camerino), per aver sfornato geni e talenti intellettuali riconosciuti nel mondo e spesso vincitrici del titolo di miglior studente d’Italia. Ma che c**zo scrivi?! E cito Sgarbi che amo tanto: leggi capra, capra, capra!

      “occupano monumenti, per cercare di imporre la propria volontà anche a scapito di quegli studenti favorevoli”. Innanzitutto i cortei e le occupazioni di monumenti si svolgono la mattina, quando queste strutture sono aperte ai turisti, non è che si butta giù il portone. In quelle ore, tu caro mio, dovresti essere a studiare. O no?! Forse sei in biblioteca  a rompere il c**zo al vicino chattando su Facebook e guardando youporn?! Spiegami ora come l’occupazione di un monumento, puta caso la Torre, possa andare a scapito degli studenti. Magari dei turisti.

      C’è una leggenda che dice che chi sale sulla torre prima di essersi laureato, non si laureerà mai! Figurati quanto hanno rischiato salendo sulla torre :D A parte gli scherzi, l’occupazione di un monumento è un simbolo: tagliando la cultura si taglia il benessere e il futuro. Ma forse non parli il filosofese e allora ti parlo di cifre. L’ateneo Pisano ha 55.000 studenti, di cui 45.000 fuori sede, principalmente dal sud. Ogni studente, pagando le tasse, versa 200 euro annui a comune e regione. Gli affitti vanno dai 300 ai 450 euro per una singola; fra i 150 e 250 per una doppia. L’università elargisce 2000 borse di studio, 800 alloggi e pasti gratis. Ogni alunno spende almeno 5 euro al giorno in un qualsiasi negozio in città. Ogni alunno spende in mensa 5 euro fra pranzo e cena.Arriviamo a questo: gli studenti di Pisa lasciano in media 22,5 milioni di euro al mese in città. Occupare un monumento non significa solamente esprimere il proprio dissenso. Si manda un messaggio: grazie alla cultura girano soldi.

      Come tu stesso scrivi ecco “cosa c’è di tanto democratico, in una sparuta minoranza di studenti e docenti-ricercatori esaltati”. Investire in cultura è più utile che comprare 131 nuovi caccia bombardieri per 14 miliardi di euro creando appena 1000 posti di lavoro http://www2.forum.rai.it/lofiversion/index.php/t245023.html. Sai quanti sono i precari della scuola e della cultura in generale e in ginocchio?! Oltre 200.000. Investire in cultura è più produttivo che investire in Bond, comprare oro o vendere Gas, perché la cultura è il futuro, oltre ad essere quella che ti ha permesso di scrivere queste c**zate mediante un computer.

      Se la torre di Pisa è patrimonio dell’ Unesco significa che lo è la cultura in generale. Proprio quella che Bossi, Tremonti, Maroni, Bondi e la fuori corso Gelmini stanno schiacciando. La cultura e i cervelli che stranamente fuggono all’estero http://www.cervelliinfuga.com/, quella cultura che per mezzo di studenti e turisti tiene ancora alto il nome del nostro glorioso e bene amato Paese, a differenza di quanto scrivono le ambasciata U.S.A a riguardo di Berlusconi, di quanto gli dicono i magistrati e i giornali che non ricadono sotto il suo monopolio.

      L’Italia non mi piace, per questo non me ne vado, perché voglio cambiarla, proteggerla da persone bieche, ottuse, disinformate e cariche di pregiudizi come te.

    • 0.4
      Mario Circello

      Caro Ambient84, ti devo delle scuse    .

      Quando ho scritto il sotto-commento 02 al mio commento 02, non avevo ancora letto i tuoi successivi commenti e quindi ho commesso l’errore di associarti a kautostar86.

      Sono mortificato e ti chiedo umilmente scusa per averlo fatto.

      Dopo averli letti, mi appare evidente che siete come il diavolo e l’acqua santa (dove diavolo è riferito a kautostar86), perciò rettifico:

      ritiro tutto quello che ho scritto dopo Dire che questo modo di ragionare è infantile, è dire poco!

      Rimane ovviamente valido, all’indirizzo di kautostar86.

      Sperando tu voglia accettare le mie scuse, ti invio cordiali e civili saluti.

    • 0.5
      kautostar86

      Uno si potrebbe anche chiedere cosa c’è di tanto democratico, in una sparuta minoranza di studenti e docenti-ricercatori esaltati e violenti che creano scompiglio in una città, occupano monumenti, per cercare di imporre la propria volontà anche a scapito di quegli studenti favorevoli, che vorrebbero studiare in pace, e sono costretti a subire i disservizi creati da questi docenti stronzi, e dai loro compagni fannulloni(e pure fuoricorso!)

  • -1
    sil lan

    E per concludere…. (momentaneamente, s’intende):

    A tutti gli studenti:

    “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra forza.”

    (A. Gramsci)

     

     

  • -2
    Oflas

    Condivido questa bella allegoria che ogni giorni si trasforma in realtà mentre la democrazia diventa sempre più una favola per i bambini. Quello che più mi fa tristezza siamo noi che nn riusciamo a trovare un modo di sfondare questo muro di gomma che è stato costruito sulle coscienze dei nostri concittadini.Rimanendo tanti Don Chisciotte che sembrano sempre più pazzi.Avrei solo una richiesta ai signori commentatori, potreste evitare lo sproloquio?Grazie e buona giornataMP

  • -3

    Ambient84 ha scritto :
    “non è un’evocazone, ma è una prova apodittica del fatto che viviamo in un regime totalitario.” E scrivi più avanti: “noto che nella pressoché totalità delle cosiddette democrazie occidentali, sia la stessa cosa”. Vai in Iran, in Cina o in Cambogia, protesta e se ce la fai torna qui a riferircelo. Oppure vai in Sud America dove l’Equador è fra le poche realtà che si stà dando una svegliata. Vai in Africa. Ti accorgerai che il cosiddetto Occidente, sia in realtà molto meglio di come lo dipingi tu stesso.

    Caro Ambient84, non mi risulta che Iran, Cina, Cambogia, Sud America e Africa, facciano parte delle democrazie occidentali, alle quali facevo riferimento.

  • -4
    Mario Circello

    Ciao Claudio,

    ci dici di vederla come vogliamo e che a te “evoca sinistre analogie con i regimi totalitaristi”.

    Bene, io la vedo così: non è un’evocazone, ma è una prova apodittica del fatto che viviamo in un regime totalitario.

    Pur non credendo per nulla al luogo comune “mal comune mezzo gaudio” (anzi lo ritengo un’enorme idiozia, usato come psicofarmaco per sedare eventuali menti reattive), noto che nella pressoché totalità delle cosiddette democrazie occidentali, sia la stessa cosa.

    Vivendo in Svizzera, una cosa che mi fa arrabbiare – anzi no, mi fa proprio inc**zare – è che dall’esterno, grazie all’immagine che si è costruita nei secoli (l’Italia si appresta a festeggiare il 150°, la Svizzera si appresta a festeggiare il 720°), tutti la vedano come un esempio e viene sempre lusingata per essere una democrazia diretta, ma nella realtà, è esattamente come tutti gli altri paesi occidentali. L’applicazione della repressione da parte della polizia, è sistematica.

    Esempi? A bizzèffe! Basta mettere “repressione polizia svizzera” nella casella di ricerca, per ottenere 73’700 risultati, naturalmente approfondendo la ricerca, ne trovai parecchi di più; metto qualche link durante la visione dei quali, devi sempre tenere in considerazione che la Svizzera ha 7’350’000 abitanti e il Ticino 327’000 – giusto per avere le debite proporzioni.

     – in ordine sparso: Resoconto della giornata a BernaFoto di fucili puntati ad altezza d’uomo (da mezzo metro di distanza!) – sul Manuale antirepressione, trovi diversi altri episodi –

     – in occasione del WEF: qui trovi un’archivio generale dei fattacci del WEF e altri – Iniziato l’impiego dell’esercito (5000 soldati!) – La democrazia si è fermata a LandquartWEF 2010/2012 di Davos. Impiego dell’esercito…Reso conto della giornata antiwef

     – in occasione del meeting internazionale “azzurri nel mondo” tenutosi in un lussuoso hotel, di proprietà di un miliardario russo (amico di Vladimir… – l’amico di B. – che coincidenza…): Repressione a Morcote: la stampa rassegnata (da non perdere) – Repressione al presidio contro Berlusconi – Ferita una ragazza a Vico Morcote – Fermi e schedature al presidio contro Berlusconi

     – in occasione del G8 a Evian: Martin Shaw e Gesine Wenzel, due attivisti appesi al ponte di Aubonne con delle funi per srotolare uno striscione di protesta, hanno rischiato di morire perché la polizia tagliò le funi (Martin Shaw è precipitato da ventitre metri d’altezza, ed è rimasto paralizzato, in seguito alle numerose fratture e per la rottura della schiena!) e alla fine le autorità, incredibilmente, in maniera scandalosa, assolvono i poliziotti e si autoassolvono! Martin, ha commentato così la sentenza: “Sarò invalido per tutta la vita […] Mentre tutti i commercianti sono stati risarciti per le vetrine spaccate, gli attivisti con le ossa rotte dalla polizia svizzera, non vedranno un centesimo. Questa è la loro democrazia.”Non possiamo tagliare la corda (breve riassunto per capire i fatti, che menziona tra l’altro l’esistenza di un video, che ritrae i poliziotti taglare le funi) – G8: quasi tutti contenti nonostante la violenza

    Mi fermo. Questa breve rassegna di quanto accade nella democratura elvetica, perché finché non si capisce che la violenza di stato è un cancro del mondo e non della singola nazione dove si abita, non se ne esce. Loro – governi e polizie – si sono globalizzati e dobbiamo farlo anche noi, per avere un minimo di speranza per migliorare le cose.

    Cordiali e civili saluti.

    • -4.1
      Mario Circello

      Caro Ambient84 (amo molto l’ambiente ’84, perché è l’ambiente in cui è nata mia figlia…), in sintesi il senso di quello che dici è che “un ladro è meglio di un assassino“. Ciò non toglie, che anche il ladro si comporta in modo deprecabile – violando la legalità, il comportamento civile, il rispetto per gli altri ed il buon senso.

      Oppure, sarebbe come se al rimprovero di tua madre per il disordine e la sporcizia nella tua stanza, tu rispondessi che quella di Franco, di Giuseppe, di Pippo, sono più in disordine e sporche della tua. Ciò non toglie, che la tua stanza sia in disordine e sporca.

      Questo assurdo modo di ragionare, porta a situazioni paradossali; come nel caso di un politico della regione in cui vivo, che quando gli fu rimproverato di aver rubato dai soldi pubblici 200’000fr, rispose dicendo che un altro politico esponente della fazione avversaria, ne aveva rubati 450’000. Come se la differenza fosse il quanto hai rubato, anziché il fatto di aver rubato.

      Dire che questo modo di ragionare è infantile, è dire poco!

      Ti ricordo che i totalitarismi, i regimi, non nascono dalla sera alla mattina (tranne nei casi di colpi di stato militari), ma sono il risultato di tante piccole sciagurate decisioni, che sommandosi nel corso degli anni, trasformano un paese da libero a schiavo.

      Se questa discussione anziché oggi, la stessimo facendo negli anni precedenti il fascismo, tu e kautostar86 con la vostra superficiale – ingenua ed illusa – visione della realtà, contribuireste, ad instaurare quel regime.

      Vi arrampicate sugli specchi, cercando il pelo nell’uovo…

      Cordiali e civili saluti.

    • -4.2
      Ambient84

      “non è un’evocazone, ma è una prova apodittica del fatto che viviamo in un regime totalitario.” E scrivi più avanti: “noto che nella pressoché totalità delle cosiddette democrazie occidentali, sia la stessa cosa”.

      Vai in Iran, in Cina o in Cambogia, protesta e se ce la fai torna qui a riferircelo. Oppure vai in Sud America dove l’Equador è fra le poche realtà che si stà dando una svegliata. Vai in Africa. Ti accorgerai che il cosiddetto Occidente, sia in realtà molto meglio di come lo dipingi tu stesso.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Deficit Strutturale? Avevo ragione: nient’altro che numeri arbitrari.

Gutgeld - Deficit Strutturale parametro arbitrario Il 17 gennaio, durante un'intervista rilasciata a Giulietto Chiesa, vi raccontavo di come funziona quella particolare branca della disciplina economica che attraverso la Commissione Europea ci impone regole severe e inappellabili. Si tratta di assiomi (principi veri a priori, dogmi ritenuti religiosamente inoppugnabili) che la corte dei...--> LEGGI TUTTO

Che cos’è il sovranismo? – di Paolo Becchi

bandiera italiana di Paolo Becchi Il “ritorno” degli Stati-nazione. Si dice che dopo Donald Trump il mondo sia destinato a cambiare. Ma il mondo, in realtà, è già cambiato. Se lui, infatti, è diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America non è...--> LEGGI TUTTO

Borrelli (M5S): incentivare lavori meno stabili.

Borrelli Incentivare popolazione a svolgere lavori meno stabili Qual era il mantra dei neoliberisti in salsa JP Morgan all'attacco della Costituzione e delle libertà fondamentali dei cittadini? Semplice: abbattere l'articolo 1 che dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, magari aggiungendo l'aggettivo "precario" o "saltuario" in coda. Ci hanno provato, riuscendoci, negli...--> LEGGI TUTTO

Equacoin? Parliamone – Mirko Da Corte, DigiCanDo

MIRKO DA CORTE - EQUACOIN PARLIAMONE - Play Marco Saba ha presentato sabato 28 ottobre, su questo blog, il suo progetto di moneta democratica e decentralizzata: Equacoin. Oggi Mirko Da Corte, esperto di criptovalute e cofondatore di DigiCanDo, raccoglie in questo video una serie di domande e di critiche costruttive con...--> LEGGI TUTTO

Sovranità Perduta for Dummies – Live domande e risposte Con Marco Mori

Sovranità perduta for dummies - Marco Mori - Play La registrazione del lungo e interessante live andato in onda oggi, alle 14:30, sulla sovranità svenduta, sul decreto del Tribunale di Cassino e su quello che si può fare da qui in avanti. Ospite di Claudio Messora, l'avvocato di Rapallo Marco Mori, che insieme a Niki...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>