Mathis Wackernagel

dailymotion  YouTube Vimeo

ricordatevi di abilitare i sottotitoli in italiano

 

Dal punto di vista della Terra, intesa come pianeta, la nostra estinzione non fa una grande differenza. Non più di quanta ne faccia una moria di scarafaggi chiusi in un barattolo senza più aria da respirare e neppure un grammo del proprio sterco da mangiare. E’ la storia degli ecosistemi: via una risorsa, via tutti quelli che ne sono dipendenti. Speravamo di essere diversi, ci siamo autoproclamati sapiens, ma la nostra sapienza ha una lungimiranza a scarto ridotto, buona solo per gli interessi di prossimità, possibilmente personali. Le evidenze circa la sventura che il futuro ci riserva come specie non ci esimono dall’eludere qualsiasi provvedimento teso ad arrestare l’ineluttabile corso del destino, cui andiamo incontro felici e spensierati come uno stupido gruppo di lemmings. E nessuna mano a cliccare sulle nostre sorti…

 

Divoriamo, consumiamo, escretiamo e ci riproduciamo come batteri, ricoprendo di mefitiche concrezioni la pelle ormai infetta del pianeta che ci ospita. Ma quanto potrà davvero andare avanti?

Se lo è chiesto Mathis Wackernagel, uno dei fondatori del Global Footprint Network. Mathis e la sua organizzazione hanno calcolato con buona approssimazione quante risorse la Terra è in grado di produrre in un anno e il ritmo con il quale le consumiamo. Oggi per esempio, domenica 5 dicembre, abbiamo già consumato il 145% del budget della natura. Ogni anno, quando si supera il 100%, ovvero l’equivalente di un pianeta, si celebra amaramente l’Overshoot Day, il giorno del sovrasfruttamento. Significa che da quel momento in poi ci indebitiamo, un po’ come quando si usa la carta di credito perché con il bancomat non si può prelevare. Solo che, a differenza di quanto accade con un conto corrente, quando i soldi finiscono sul serio non c’è nessuno a rifinanziare il debito. Semplicemente, si muore.

Ho incontrato Mathis a Milano, ospite di alcuni umanoidi stranamente ancora interessati al proprio destino. L’ho intervistato per voi.

Byoblu meets Mathis Wackernagel

 

Claudio Messora: Ciao e benvenuto su Byoblu.Com. Ho visto quei fantastici pianetinisul tuo sito web.Mathis Wackernagel: Li vendiamo!Claudio Messora: Quanto ci vorrà ancora prima che quei pianetini si esauriscano del tutto?Mathis Wackernagel: Sì, sai, con lo sovrasfruttamento biologico è una discesa sdrucciolevole. Non è tipo: “all’improvviso collassi” o qualcosa del genere… Insomma, la pesca collassa in fretta, ma le foreste… puoi sovrasfruttarle per lungo tempo e si fanno sempre più rachitiche e brutte… oppure l’erosione che va molto lentamente e la produttività va giù ecc. Insomma, è una pendenza scivolosa, e questa discesa sdrucciolevole è già iniziata. Abbiamo sovrasfruttato le risorse planetarie per un po’ di tempo e in maniera più consistente da circa trent’anni più o meno. Alcuni paesi lo stanno già sperimentando in prima persona. Se pensi a posti come il Darfur o Haiti, sono aree dalle risorse estremamente limitate che non sono in grado, a causa di limitazioni finanziarie, di acquistare risorse da altri paesi, e così sono direttamente limitate da cio’ che è disponibile entro il loro territorio, con conseguenze drammatiche sul loro grado di benessere. Questo è quello che accade se non prendiamo il problema delle risorse seriamente.

Se invece lo prendiamo seriamente, potremmo vivere abbastanza bene. Voglio dire, considerate questo: oggi ci sono tante persone in sovrappeso od obese quante ce ne sono che muoiono di fame. E infatti ci sono più o meno tante persone che muoiono per l’obesità e per le complicazioni legate al sovrappeso quante ne muoiono di fame. Questo dimostra l’assurdità della situazione. Questo non è altro che il sintomo.. Ma se prendiamo la questione delle risorse sul serio e davvero iniziamo a pensare, come fossimo agricoltori, qual’è il nostro livello ottimale per il consumo di risorse? Perché se ne consumiamo sempre di più, e non ne abbiamo, ci scaviamo con le nostre mani una fossa. E il miglior consiglio che si può dare a chi si scava una fossa con le sue mani è “SMETTILA DI SCAVARE”! E per chiedersi cosa sta davvero succedendo, che cosa dobbiamo fare per uscire da quella fossa, un modo è quello di fare chiarezza sul nostro mondo e capire quanta natura abbiamo e quanta ne utilizziamo, e chiedersi se possiamo permetterci il deficit, se siamo in deficit, in un qualsiasi deficit ecologico. E se non possiamo, allora facciamo un piano e chiediamoci dove dovremmo andare.

Claudio Messora: I piani di cui parli dovrebbero tuttavia essere perseguiti a livello governativo perché, per esempio, ho fatto il vostro test per calcolare la mia impronta e il mio risultato è stato di oltre sei punti e mezzo. [ndr. errata corrige, mi ero sbagliato: ho rifatto il test e la mia impronta è 1,9.]

Mathis Wackernagel: Questo significa che ci vorrebbero sei pianeti se tutti vivessero come te.

Claudio Messora: Si’. Così ho provato, perché mi sentivo in colpa, a modificare qualche parametro, in accordo con quello che ragionevolmente posso cambiare, e ho totalizzato un punteggio di 5.9 [ndr. vedi sopra: la mia impronta è 1,9]! Quindi, innanzi tutto: qual’è un risultato accettabile per quel test? Secondariamente: qual’è stato il tuo risultato? …sempre che tu abbia fatto il test, ovviamente!

Mathis Wackernagel: Vado in bicicletta al lavoro, cuciniamo pasti vegetariani,

Claudio Messora: Ma prendi…

Mathis Wackernagel: …e prendo molti aerei! Quindi è tremendo! Se tutti vivessere come me, ci vorrebbero più pianeti di quanti ce ne vorrebbero se tutti vivessero come gli americani. E’ un triste bilancio, potresti dire… Ma il mio punto di vista è: dobbiamo veramente guardare qual’è l’interesse personale che viene leso quando non perseguiamo la sostenibilità. E in realtà sono proprio le organizzazioni, le istituzioni a non potersi spostare. Una città che non si prepara per il futuro, non sarà pronta per quel futuro. Un paese che non si prepara per il futuro, semplicemente non sarà pronto per quel futuro. Io ho gambe: posso andarmene. Una città e un paese non possono spostarsi.

Claudio Messora: Io credo che il problema, almeno qui in Italia, è che siamo così egoisti… Così pensiamo che quello che non produciamo, sia sufficiente comprarlo. Esportiamo i problemi.

Mathis Wackernagel: Come farete ad avere successo con questa strategia, sapendo che nel corso degli ultimi anni il potere d’acquisto dell’Italia, se comparato con la media mondiale, è in costante diminuzione? In un mondo sempre più ipersfruttato e con un deficit italiano sempre più vasto, intendo un deficit ecologico, quali sono i vostri piani, con un potere d’acquisto sempre inferiore, per trovare le risorse che vi necessitano? Non sembra essere un piano molto lungimirante. Ripensatelo!

Claudio Messora: Tu viaggi molto, e immagino parlerai con molte organizzazioni, sicuramente con molti governi… Hai avuto contatti con il governo italiano? Qualcuno ti ha dato retta in questo paese?

Mathis Wackernagel: Non siamo molto attivi con il governo italiano. Abbiamo fatto sapere al ministero dell’ambiente che ci sarebbe piaciuto realizzare una collaborazione di ricerca per verificare, per scoprire se i nostri numeri rappresentano realmente l’Italia in maniera accurata, e io penso che sarebbe nell’interesse del vostro paese sapere se siete in deficit oppure no. E’ un po’ come quando ti occorre di sapere quanto oro hai in banca, per esempio, no? Quindi penso che sarebbe una buona cosa per l’Italia. Nessuno si è ancora messo in moto, ma in compenso stiamo lavorando ad un progetto con i paesi del Mediterraneo, e alcuni di loro hanno mostrato un discreto interesse, per esempio il Marocco. C’è anche interesse da parte della Turchia, abbiamo conversazioni in corso con persone della Giordania, A dire il vero la Spagna ha riesaminato la sua impronta ecologica da sola, qualche anno fa, insomma: c’è un buon movimento! Voglio dire: ci sono così tanti paesi nel mondo, noi non ne facciamo una battaglia. Aiutiamo i paesi che vogliono avere successo, e quelli che vogliono semplicemente mantenere la loro attuale rotta, e pensano che sia una buona cosa per loro, gli auguriamo buona fortuna!

Claudio Messora: Spero che l’Italia non sarà tra quelli che non faranno niente. Come ti è successo di inziare a studiare queste cose e fondare la Footprint Network Organization?

Mathis Wackernagel: Credo che tutto affondi nella mia giovinezza. Quando avevo circa dieci anni, accaddero due cose: la prima è l’uscita di un libro dal titolo “Limits to growth” (limiti della crescita). Ho semplicemente dato un’occhiata a come si stava evolvendo il mondo se non avessimo avuto cura delle nostre risorse. Me l’ha mostrato mio padre, mi ha fatto vedere le curve e io ho realizzato che sarei stato vivo, che nel corso della mia stessa vita avrei vissuto cambiamenti radicali se non fossimo stati attenti, e questo, seppure bambino, mi preoccupò molto. Nello stesso tempo, nello stesso anno avemmo la prima crisi del petrolio. La Svizzera decise, come reazione, di istituire tre domeniche a piedi, una cosa molto eroica! A me, che ero un bambino, piacque molto. Furono tre giorni fantastici, veramente memorabili! E così, un futuro senza macchine, senza petrolio, agli occhi ingenui di un bambino sembrò una cosa estremamente positiva! Così pensai: perché il mondo non dovrebbe essere diverso? E probabilmente dovrà essere diverso!

E poi ebbi moltissime opportunità. Sono stato diverse estati in una fattoria, durante le vacanze, per capire meglio come funziona la natura come si lavora con le mucche eccetera. Questo mi diede modo di sviluppare più di un apprezzamento della nostra stessa dipendenza dalle risorse naturali. Credo che l’impronta ecologica iniziò a uscire fuori, nel dibattito, all’incirca ai tempi della Conferenza di Rio, [non comprendo] che per la prima volta portò la discussione sullo sviluppo sostenibile all’attenzione mondiale. Però, allo stesso tempo, non ebbero mai il coraggio di dire che abbiamo un solo pianeta a disposizione. Fondamentalmente, hanno dato una riverniciatina alle cose, hanno pensato che ogni cosa fosse stata sistemata e che questo era abbastanza. E’ buffo, dissero “tutto quello di cui abbiamo bisogno è uno sviluppo sostenibile”, ma andando a fondo e guardando i dettagli non c’era niente che si rapportasse ai vincoli sulle risorse. Una situazione davvero grave, ecco perché abbiamo pensato che, come contributo al dibattito, avere uno strumento che aiuti accuratamente a mostrare quanti pianeti abbiamo e quanti ne utilizziamo sarebbe un utile contributo.

Ora, si è forse trattato di un contributo un po’ lento, e parliamo di vent’anni fa. Abbiamo iniziato a lavorare con i governi e proprio come una giovane persona impaziente, non più così giovane a dire il vero, vorrei che accadesse tutto molto più in fretta perché prima ci diamo da fare, più sarà semplice. E’ come con i biglietti aerei, sai… Se attendi l’ultimo minuto a comprare il biglietto, ti costerà davvero tanto!

Claudio Messora: C’è stata anche qualche critica ai fattori che tenete in considerazione per calcolare…

Mathis Wackernagel: Certamente! Io lo spero, che vengano fuori delle critiche.

Claudio Messora: State lavorando per raffinare il modello e aggiungere nuovi valori?

Mathis Wackernagel: Io credo che la cosa più importante è che non siamo un organizzazione fideistica. Per favore, non credeteci sulla parola. Siamo un’organizzazione scientifica: metteteci alla prova! Insomma, le critiche ci sono sempre. Ci sono critiche valide, ci sono critiche sciocche, come sempre… Noi continuiamo a migliorare, e a tenere in considerazione le critiche. Miglioriamo sempre la metodologia, e potrebbe essere migliorata certamente di più, sicuramente! Ogni anno facciamo passi avanti, facciamo uscire una nuova edizione… Potremmo fare salti quantistici più grandi, se avessimo più risorse, ovviamente, ma in ogni caso il nostro metodo mostra solide tendenze, e anche se lo cambiassimo la storia non cambierebbe poi di molto, perché sopra ogni altra cosa crediamo che il nostro metodo sia piuttosto una sottostima dell sovrasfruttamento che è in atto, non una esagerazione. A mano a mano che i risultati saranno migliorati è più facile che i risultati mostreranno un’impronta ecologica più ampia e una minone biocapacità di base.

Claudio Messora: Ultima domanda: tu credi davvero che l’umanità imparerà la lezione in fretta e cercherà di cambiare strada?

Mathis Wackernagel: Io credo che in realtà si tratti di un messaggio di speranza, e cioè che se solo iniziamo a riconoscere i nostri stessi interessi più a fondo, potremmo ritrovarci in gran bella forma. Non è una battaglia perduta in partenza. Dobbiamo solo trovare le persone giuste, il messaggio giusto, e le cose possono cambiare abbastanza radicalmente. Per esempio, ci sono due paesi nel mondo che sono radicalmente diversi da tutti gli altri paesi che hanno il petrolio, solo perché hanno avuto un’intuizione. NOn si tratta di ideologia, e neppure di pressione morale. E’ solo perché vedono il petrolio come un bene, una risorsa, e non come un guadagno. E semplicemente per questo, hanno rafforzato i loro conti in banca invece di spendere i soldi, e sono stati in grado di gestire le loro risorse molto di più a loro vantaggio piuttosto che essere prosciugati o cadere in cicli di dipendenza che preoccupano un paese come nel caso della Russia, del Venezuela, della Nigeria, o dell’Alaska per esempio, dove il denaro è stato semplicemente speso, se ne è andato e ora tutti ne sono più dipendenti. Quindi solo la visione giusta circa il significato di quello che è veramente di valore può fare una enorme differenza su come gestiamo le nostre nazioni.

Claudio Messora: Grazie per i tuoi sforzi.

Mathis Wackernagel
: Grazie anche a te per i tuoi sforzi,.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

9 risposte a Mathis Wackernagel

  • 1
    uruk-hai

    Gli hai per caso chiesto quali sono i due paesi menzionati nell’ultima risposta che sono radicalmente diversi da tutti gli altri che hanno il petrolio e lo hanno utilizzato come risorsa e non come puro guadagno? A me non vengono in mente…

  • 0
    MindsOxigen

    Solo una parola per tutta l’umanità ignara, irresponsabile, irrefrenabile, indicibile, incomprensibile, irriverente, indigente, immanente, inconciliabile, instabile, indecente, inconcludente..ecc.

    H O M E

    http://www.youtube.com/watch?v=I1fQ-3-CEFg

    http://www.youtube.com/watch?v=wntYBSZ0Hvs

    La terra è una e le sue risorse sono limitate. Chi decide per noi "multinazionali e governi" sorreti entrambi da ideali e personaggi poco illuminati e ancor meno interessati alla salvaguardia ed al benessere dell’intero ecosistema di cui tutti noi siamo parte profondamente correlata ed inseparabile.

    Consiglio a tutti di guardare questo straordinario documentario che rende davvero l’idea di come il nostro pianeta ed i suoi abitanti debbano fare ora delle scelte sagge e coraggiose per avere domani un futuro prospero e sostenibile.

    Project Home

    Project Venus

     

  • -1

    Come detto nel film “The Corporation”, stiamo cadendo senza paracadute e non ce ne accorgiamo perché il suolo non è abbastanza vicino.Quando qualcuno se ne accorgerà sarà tardi. Grazie byoblu.

  • -2

    Sulla mia lapide vorrei la scritta: Fu consapevole di aver vissuto nell’era del petrolio e della disinformazione di Massa. ;)

  • -3
    Ambient84

    La mia impronta sulla terra è pari ad 1,7 pianeti. Me cojoini!

    Dovremmo tutti diventare uomini ecologici e per iniziare ad essere uomini ecologici, bastano poche mosse:

    Guidare rilassati: non premere sempre l’acceleratore, non far salire i giri del motore, non sgasare e frenare dolcemente.

    Fare la spesa con i sacchetti di iuta: evitare assolutamente sacchetti inutili di plastica, che spesso si rompono, meglio zaini e carrellini.

    Riduttori di flusso su ogni rubinetto: con una semplice beccuccio meccanico risparmi il 50% dell’acqua senza accorgertene, se non dalla bolletta!

    Usare la bici: il principale mezzo di locomozione o, quando non si può, i mezzi pubblici come taxi, metro e treno al posto dell’auto personale.

    Niente imballaggi e confezioni monodose: cibi pratici e veloci, ma talvolta poco igienici e poco saporiti. Il take-away e l’usa e getta fanno della nostra civiltà del petrolio, una società di plastica.

    Usare lampadine a basso consumo: costano di più,a ma rendono di più, anche se lo smaltimento crea qualche problemuccio.

    Pulire sì, ma senza eccessi: lavarsi i denti non necessita di acqua corrente, ma di un bicchiere d’acqua. Allo stesso modo la doccia, lavare i piatti, etc..

    Niente stand by: quelle piccole lucine bastardissime che succhiano luce 365 giorni l’anno a tutte le ore pensate che non siano troppe?

    Fare la differenziata: Plastica, vetro e latta; carta e cartone; avanzi di cibo e fazzoletti.. per nulla difficile! Tutto si può riciclare se ci s’impegna.

    Controllare le etichette: cibi e bevande prodotte (no imballati in..) in italia, classi di consumo degli elettrodomestici, mancanza di agenti chimici dannosi, etc…

    Scegliere pentola a pressione: o mettere il coperchio su pentole e padelle perché dimezza le emissioni e i consumi di gas.

    Casa ecologica: Doppi infissi e isolamento evitano la dispersione; sfruttamento dell’energia eolica, fotovoltaica e geotermica; recupero acque piovane e humus. Un piccolo orticello e un libro da leggere ;-)

    Credo che possiate aggiungere altri mille suggerimenti che ci possano consentire di evolvere allo stato di uomini ecologici, non più uomini di plastica nell’era del petrolio. 

    Creiamo noi l’aspettativa, creiamo noi la domanda. I nostri governanti saranno obbligati ad ascoltare questo bisogno di ecologia, se c’è!, e le aziende saranno costrette a creare l’offerta, invece di badare alla psicologia del consumatore.

     

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>