L’anacronismo della retorica berlusconiana


Berlusconi è ossessionato dall’amicizia. Oggi, dopo un primo intervento al Senato dove ha subito l’inflizione della lettura come perverso e raffinato strumento di tortura – e dunque è risultato misurato, quasi plastico nella sua edulcorata finzione -, nel pomeriggio è tornato a parlare a braccio, esibendosi nella parte che gli riesce meglio e, francamente, che risulta più convincente e credibile. Un discorso che mi prendo la briga di riportare per intero, perché credo possa insegnare molto del berlusconismo e della distorsione istituzionale che ha deformato il volto della politica.

 

Silvio Berlusconi vive e interpreta se stesso come un condottiero medioevale, alle cui doti di intermediazione e alla cui capacità relazionale erano affidate per intero le sorti di tutta la comunità. La fioritura di una società, nel culto di se stesso che Berlusconi professa, non dipende dalla complessa tela di rapporti e connessioni disegnata tra i ruoli e le funzioni che lo sviluppo delle scienze politiche ha identificato nel corso di un elaborato processo di raffinamento progressivo che noi chiamiamo civiltà. No, il benessere economico e perfino spirituale dipendono esclusivamente dalle sue personali qualità, capaci da sole di sostituirsi a un insieme di regole pletoriche ed inefficaci, scritte per individui meno dotati che non lo eguagliano per spirito di iniziativa, per meriti, per competenze e per tutte quelle qualità individuali nelle quali supremamente eccelle.

Non stupisce dunque se egli crede profondamente nel rapporto personale come unico approccio possibile alla costruzione di rapporti proficui con gli stati esteri, essendo nella sua retorica tale rapporto non già un collegamento tra collettivi che si scambiano valori, servizi, cultura, di cui il Presidente del Consiglio si fa tramite all’interno del perimetro discrezionale che la Costituzione gli assegna, ma fondamentalmente un rapporto tra due soli uomini, i quali devono andare d’accordo. I sentimenti individuali, che Berlusconi sottolinea menando vanto di suscitare, sono in realtà superflui nel quadro dei rapporti diplomatici tanto quanto una profonda amicizia tra i presidenti di gruppi industriali diversi sia richiesta per sviluppare un accordo di collaborazione reciproca. Anzi, potremmo dire che un forte legame personale negli affari, così come in politica, risulti perfino controproducente, poichè si corre il rischio di piegare gli interessi aziendali, o come in questo caso gli interessi di un paese, alla necessità di non arrecare danno all’amico o di favorirlo senza che questo trovi giustificazione in alcuna ragione di stato. E’ un altro tipo di conflitto di interessi: tanto più un ruolo politico è spersonalizzato, tanto meglio esso verrà servito.

Eppure Berlusconi non perde occasione per affermare che la sua personale amicizia con Putin, con Medvedev, con Erdogan, con Obama e perfino con Gheddafi sia la chiave che permette alle delegazioni diplomatiche di funzionare e costruire rapporti di proficua collaborazione, riportando così l’orologio dello studio delle scienze sociali indietro di mille anni, senza che nessuno gli chieda conto di affermazioni paradossali e prive di senso in una democrazia moderna. Segno che non solo il grado di istruzione del cittadino non è abbastanza elevato per comprendere il funzionamento di una macchina meravigliosa che è chiamato a manutenere ogni cinque anni, ma che neppure la competenza e la preparazione della politica è sufficiente a isolare la retorica berlusconiana lasciandola annaspare nelle sue contraddizioni, come si farebbe con uno sciamano che irrompesse in una sala operatoria pretendendo di trapanare il cranio con un omero di scimmia temperato in mano.

Alla luce di queste riflessioni, diventa interessante leggere ed ascoltare i discorsi di Silvio Berlusconi imparando a farne l’analisi illogica per isolare e comprendere quegli elementi chiave i quali, costruiti uno sull’altro in una successione che sfida le costruzioni impossibili di Maurits Cornelis Escher, contribuiscono a rappresentare quel teatrino dell’assurdo nel quale siamo inesorabilmente sprofondati da oltre 15 anni.

E’ tempo di crescere e riappropriarsi del tempo… Il nostro.

Berlusconi al Senato.

 Risposta agli interventi dei senatori in aula.

 Io credo davvero che la storia chiarirà che quelle cose sono state fatte dal Presidente del Consiglio italiano. E grazie alla sua capacità di sucitare amicizia, rispetto e stima nei suoi interlocutori, anche per non essere soltanto un politico, e tantomeno un politico di professione, ma per avere avuto una storia personale che lo ha fatto diventare un Tycoon e che agli occhi soprattutto degli anglosassoni questo fatto è un fatto che incute ammirazione e rispetto, per tutto questo io sono intervenuto in maniera assolutamente positiva in tutte le vicende e in molte altre vicende che lei, Senatore, ha ricordato. Vedremo se la storiadarà ragione a me. Io sono sicuro che darà a me e non a lei.  Bene, poi per quanto riguarda anche le osservazioni venute fuori dalle dichiarazioni dei funzionari di questa o di quella ambasciata che molto spesso recuperano le loro osservazioni leggendo certi giornali, e certamente non i giornali amici nostri, io vi prego di riandare alle dichiarazioni di Barack Obama, alle dichiarazioni di Hillary Clinton, e prima di loro alle dichiarazioni di Bill Clinton, di George Bush e di tanti altri protagonisti della politica internazionale.Per quanto riguarda la Russia io ho un’amicizia personale forte sia con Vladimir Putin che con Dmitry Medvedev. Ritengo che siano delle persone che vogliono veramente portare la Russia ad essere una vera democrazia, ma il percorso da un totalitarismo alla democrazia è un percorso difficile, è un percorso lungo, è un percorso che richiede molti sforzi e molto tempo. Io conosco questi signori profondamente. Ho colloquiato con loro per ore ed ore e dentro di me si è formato questo convincimento. La Russia per noi? La Russia per noi è un fornitore importante. Prendiamo da loro quasi il 30% dell’energia che consumiamo, e le nostre imprese trovano in Russia uno spazio enorme per intraprendere delle attività positive. Quindi io, in Russia, come d’altronde in altri paesi, ho svolto da imprenditore prestato alla politica il ruolo di un agente che cura gli interessi delle aziende italiane, prima di tutto le aziende italiane di cui noi siamo titolari, come l’Eni, come l’Enel, come Finmeccanica, e abbiamo portato a casa contratti assolutamente importanti per importi che vanno oltre i 3 punti di PIL in questi due anni, e con opere che ci siamo aggiudicati proprio, io credo, grazie all’intervento del governo italiano, tra l’altro abbiamo visto l’opera, che è la più importante opera del mondo, che è il raddoppio del canale di Panama per una nostra impresa italiana. In tutte queste vicende… Southstream… Ricordo che Southstream è stato firmato dal governo Prodi, e non dal nostro governo, noi l’abbiamo soltanto continuato a sostenere perché riteniamo che il passaggio attraverso l’Ucraina dei rifornimenti di gas all’Europa sia sottoposto alle difficili condizioni di quel paese, e quindi che in qualunque momento ci sarebbe potuto essere o ci potrà essere un blocco di quel passaggio, e quindi è un fatto di sicurezza far sì che ci possa essere un’adduzione di gas fuori dal territorio dell’Ucraina e fuori dalle sue acque territoriali. E proprio per l’intervento personale mio, per l’amicizia che ho saputo accendere con Tayyip Erdogan, il premier turco, ho ottenuto che il gasdotto potesse passare nelle acque territoriali turche del Mar Nero e non nelle acque dell’Ucraina, e di questo evidentemente la Federazione Russa mi è grata. Ecco, io credo che noi abbiamo tutto l’interesse ad avere questo rapporto con la Federazione Russa. Permettetemi uno spunto polemico. Voi stavate con l’Unione Sovietica quando non dovevate starci, e adesso che dovreste avere a cuore la Russia, siete contro la Federazione Russa.
Una sola cosa, vorrei dare al Senatore Zaia questa assicurazione: grazie a Dio, lavorando in un paese che amo e che mi ha dato questa possibilità, ho conseguito una fortuna personale e familiare che non avrei mai pensato di poter conseguire. Garantisco sui miei figli e sui miei sei nipoti che non c’è un solo dollaro di tutta questa operazione di diplomazia commerciale che è entrato ed entrerà nelle mie tasche. Lo garantisco nella maniera più assoluta.

Per quanto riguarda altri fatti che attengono alla realtà, qualcuno ha detto L’Aquila, come se all’Aquila in Abruzzo il governo avesse demeritato. Noi siamo intervenuti con assoluta efficacia e tempestività. In pochi mesi abbiamo realizzato le abitazioni per tutte le famiglie che avevano visto la loro casa completamente distrutta. Abbiamo dato alle altre famiglie i mezzi per ristrutturare la casa, e oggi all’Aquila e nei comuni dei quartieri sono aperti più di diecimila cantieri. Per il centro dell’Aquila stavamo portando via le macerie. Una delibera del Consiglio Comunale dell’Aquila ci ha chiesto di non farlo per dare una spinta alle aziende locali a cui avrebbe dovuto essere affidata questa cura, naturalmente dietro un compenso economico. Per ultimo, il centro dell’Aquila richiederà molti anni per la ricostruzione, ed è molto semplice capire perché, perché ogni fabbricato dovrà essere sottoposto a un’indagine tecnica approfondita, da cui risulterà se si potrà operare nella direzione della ristrutturazione o se invece bisognerà demolire il fabbricato e ricostruirlo ab imis con le tecniche antisismiche. Quindi per L’Aquila noi abbiamo fatto in maniera assolutamente superlativa tutto ciò che si doveva fare da parte del governo nazionale, e ultima cosa: è stato tentato di gettare del fango sulle attività della Protezione Civile per quanto riguarda gli appalti. E’ intervenuta la Corte dei Conti, è intervenuta l’Autorità dei Lavori Pubblici, i risultati sono stati i seguenti: i contratti sono stati costruiti in maniera assolutamente esemplare, onesta, l’esecuzione dei contratti è stata fatta nei tempi dichiarati, ai prezzi dichiarati. Non c’è stato nessun ricorso di nessuno che abbia perso un appalto, quindi il nostro intervento dell’Aquila io lo rivendico come un intervento di grande spessore e valore a merito del mio governo.

Napoli. I rifiuti a Napoli. In 58 giorni abbiamo eliminato la questione dei rifiuti che era diventata una vera tragedia nazionale. Non soltanto per i cittadini di Napoli, della Campania, ma per le immagini drammatiche che sono state trasmesse su tutte le televisioni del mondo e per il fatto che tutti i telegiornali del mondo si erano occupati di questa vicenda, e i nostri prodotti, il Made in Italy, il nostro turismo ha sofferto di questo grandemente. Abbiamo lasciato dopo due mesi la vicenda indicando esattamente alle istituzioni locali che cosa si doveva fare perché altrimenti nel giro di due anni, due anni e mezzo ci sarebbe stato un ritorno possibile a quella situazione allora risolta. Le autorità locali e massimamente il Comune di Napoli, affidato alla conduzione della sinistra, non hanno fatto assolutamente nulla. Non sono stati indicati o aperti altri impianti di interramento, non sono stati neppure fatti gli appalti per i termovalorizzatori che in numero di tre sono necessari per risolvere definitivamente il problema dei rifiuti a Napoli.

Ci si fa l’accusa di essere noi a non saper far crescere il PIL italiano di più dell’1,5%, mentre quello di altri stati europei cresce di più. Ma gli altri stati europei non hanno avuto in carico le stesse negative eredità che abbiamo avuto noi. Uno: il debito pubblico creato dai governi che dal 1980 al 1992 hanno saputo moltiplicarlo per otto volte. Il Partito Comunista ha votato il 90% delle decisioni di quei governi. Due: la sinistra ecologista ha stoppato le nostre centrali nucleari. Eravamo all’avanguardia, perché mi sembra che un certo Enrico Fermi fosse stato l’inventore della possibilità di produrre energia attraverso le centrali nucleari. La Francia ha seguito un percorso opposto e oggi, con le sue centrali nucleari che sono sicurissime, produce l’85% del suo fabbisogno, col che l’Italia paga dal 30% al 50% di più le energie che consumiamo con le nostre imprese, con le nostre fabbriche, con le famiglie, il che ci pone in una difficoltà enorme nel competere con i prodotti delle aziende francesi e tedesche. Terza cosa: le infrastrutture, anche per il fatto degli ecologismi di sinistra, e per la mancanza di mezzi dovuti al pagamento degli interessi per l’alto debito che era stato messo insieme, noi da 30 anni non abbiamo praticamente realizzato infrastrutture, il che fa costare i nostri prodotti in maniera drammatica, per il costo della logistica superiore a quello degli altri paesi, e rende meno facile, meno sicuro anche il trasferimento oltre che delle merci anche dei cittadini al nostro interno. Quarta cosa che abbiamo ereditato: una pubblica amministrazione pletorica, inefficiente, che molto spesso arriva a svolgere un ruolo di oppressione burocratica nei confronti delle aziende e dei cittadini. E a questo proposito il ministro Brunetta ha presentato al Consiglio dei Ministri il piano definitivo per la digitalizzazione di tutta la pubblica amministrazione in modo che nel giro di 18 mesi tutti i cittadini e tutte le imprese italiane, attraverso il loro computer e attraverso internet, potranno colloquiare e svolgere tutte le pratiche con le istituzioni locali e centrali invece di spendere, ogni famiglia, 18 giorni per recarsi presso gli uffici pubblici come avviene oggi. Comunque questa è un’eredità pesante che abbiamo ricevuto, se è vero come è vero che la pubblica amministrazione ci costa 4500EUR a testa contro i 3500EUR che costa in paesi come la Spagna, come la Germania, come l’Olanda.

Infine la giustizia. Abbiamo una giustizia civile, non parlo per amor di patria della giustizia penale, che ha tempi impossibili, 8 anni di media per una causa di lavoro, 9 anni in media per farsi pagare una fattura che un’azienda ha scritto ad un’azienda in modo corretto, tempi assolutamente impossibili che si trasformano in costi per tutte le nostre aziende e che inducono molte aziende straniere che vorrebbero fare investimenti in Italia ad astenersene.

Ci sarebbero molte altre cose da dire ma credo che anche nella discussione alla Camera potrà essere completato il discorso e quindi chiudo, sempre ancora rivolgendomi agli amici del FLI e chiedendo veramente a loro di passare una notte piena di riflessioni e augurandomi che davvero la notte porti consiglio. Chiedo pertanto a nome del governo di porre la questione di fiducia sull’approvazione della proposta di risoluzione numero 1 presentata dai senatori Gasparri, Bricolo e Quagliarello.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a L’anacronismo della retorica berlusconiana

  • 2
    DB

    Ottima, illuminata e illuminante, descrizione della prospettiva Berlusconiana.

    Questa visione è appunto condivisa anche dai suoi sostenitori che cercano l’Eroe, con una storia alle spalle e cantori per intonarla, che gli permetta di credere ancora in qualcosa.

    La realtà di fatto è che è normale e naturale preferire il personaggio piuttosto che una grigia macchina esecutiva, Berlusconi questo lo sa e lo ha sfruttato per bene, dimostrando che i vincoli imposti lungo la storia per evitare i personalisimi diventano di fatto perfettamente inutili se venduti al popolo come catene contro il benessere tanto agognato.

    Comunque…

    Davvero bell’articolo, mi hai fatto sentire il bisogno di iscrivermi a Flattr per supportarti ;-)

    • 2.1

      Spero di non averti fatto sentire solo il bisogno ;))
      Grazie per avere supportato e, forse, condiviso idee e rilfessioni che spesso la gente tralascia in nome della rapidità e dell’informazione in pillole.

  • 1
    roberto p.
    roberto p.

    … la distanza tra il paese reale e il paese di palazzo cresce sempre di più…

    … queste parole scavano un profondo fossato, in questa distanza, che sarà  molto   difficile riempire …

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>