USA, governo italiano anti-Internet e pro-Mediaset


Non si può certo dire che non l’avessimo detto. In questo blog, in quello di Guido Scorza, in quello di Enzo Di Frenna, di Alessandro Gilioli, di Beppe Grillo e di tanti altri che mi scuso di non citare, più che dirlo l’abbiamo gridato. Per mesi, per anni. Insieme a Piero Ricca e a Guido abbiamo girato l’Italia con Libero Web in Libero Stato: Milano, Firenze, Roma e prossimamente Napoli. Insieme a Enzo e a 60 audaci siamo andati a Roma, davanti all’ambasciata americana, a danzare a piedi nudi contro il Decreto Romani.

E chissà che proprio da queso flash mob non abbia preso spunto David Thorne, l’ambasciatore USA a Roma, che in uno dei cablogrammi su Wikileaks, datato proprio febbraio 2010, riferisce a Washington delle critiche, delle perplessità e dei sospetti dell’amministrazione Usa sulla “legge Romani”, che “darà possibilità di bloccare o censurare qualsiasi contenuto” e “favorirà le imprese di Silvio Berlusconi di fronte ai suoi competitor“, a conferma di un “modello di business familiare in cui Berlusconi e Mediaset hanno usato il potere del governo in questo modo sin dai tempi del primo ministro Bettino Craxi“.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Scrive ancora Thorne ad Obama: “la legge sembra scritta per dare al governo il potere di censurare o bloccare qualsiasi contenuto di Internet se il governo lo ritiene diffamatorio” perché “offrirebbe le basi per intraprendere azioni legali contro le organizzazioni di mezzi di comunicazione che dovessero entrare in competizione politica o commerciale contro membri del governo“.

Ma la conferma più comica, come osserva anche Fabio Chiusi sul Nichilista, arriva dal timore di Thorne che il Decreto Romani possa “essere un precedente per Paesi come la Cina, che potrebbero copiarla o portarla a giustificazione dei propri attacchi contro la libertà di espressione“. L’Italia, insomma, più avanti addirittura della Cina. Che cosa vi dicevo?

Fonti interne alla Confindustria avrebbero confermato a Thorne “il ruolo di Paolo Romani come leader all’interno del governo per aiutare Mediaset a mettere Sky in una situazione di svantaggio“. Il Decreto Romani sarebbe solo “un modo per controllare il dibattito politico su Internet” e, “vista da una prospettiva commerciale, la norma diretta a limitare i video e le televisioni disponibili su Internet aiuta Mediaset mentre la società del premier esplora il mercato della televisione via Internet“.

Nei cablogrammi Thorne ricorda che da anni gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sul governo italiano perché approvi leggi che evitino conseguenze legali per chi opera su Internet, “inclusa l’infame intenzione di esigere che i blogger debbano avere la licenza di giornalisti, che viene concessa dal governo“. Se qualcuno si fosse chiesto perché io e Di Frenna avessimo scelto l’ambasciata americana, all’epoca, per inscenare la protesta contro il Decreto Romani, eccolo servito.

Grazie a tutti gli audaci che ci hanno seguiti a Roma. Come vedete, anche in conseguenza della forte attenuazione della pericolosità del Decreto Romani ottenuta sia a livello di definizione normativa sia a livello attuativo in sede AgCom, i vostri sforzi non sono stati vani.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a USA, governo italiano anti-Internet e pro-Mediaset

  • 6

    Grande Claudio!!!

    Deve essere una bella soddisfazione scoprire che i propri sforzi non sono stati vani, hai avuto anche tu il tuo piccolo ruolo per creare una italia un filo migliore.

    L’informazione libera, è questo il nodo cruciale per spazzare via questa banda di affaristi senza scrupoli dediti al bracconaggio mediatico.

  • 5
    Gianfranco M

    Una lunga battaglia che fa onore a tutti i combattenti di questi primi anni di resistenza della rete, che auspicatamente verrà ricordata quando questa stagione di oscurantismo politico e tecnologico tramonterà.

    Il tempo te ne darà merito e ti conferirà memoria, Claudio, vedrai.

  • 4
    Nune

    Due cose:

    1.- Se USA sia o meno garante della libertà di espressione, non è (interamente) rilevante in questo caso. Certamente è un momento delicato per prendere la nazione americana come esempio, visto il caso Assange. Ciò che deve interessare è il semplice fatto (e credo questo sia stato uno degli obbiettivi di Messora) che ciò che si diceva, ciò che molti hanno provato a spiegarci riguardo il Decreto Romani non è rimasto nelle “pagine dei blogger” ma che ha attirato l’attenzione dello sguardo internazionale e, soprattutto, che ha prodotto documentazione preziosa che mette allo scoperto detta vicenda.

    2.- Riguardo le parole di Rebel (who?), la sfiducia è stata respinta non perché “una buona fetta dell’Italia” ci sia con B. ma perché c’è un sistema politico ammalato dalle ossa che non, dico NON, rappresenta il vero popolo italiano.

    Infine, ci si prova una sensazione di vivere in dimensioni diverse: politica e scelte di potere da una parte, e il popolo reale, il lavoratore, il precario, le famiglie, l’Italia civile dall’altra… 

     

     

    • 4.1
      Rebel

      Berlusconi rappresenta e COME una buona fetta dell’Italia.Se dovessimo andare al voto, ancora il mafioso di Arcore e tutto il suo giardino di delinquenti ripiazzerebbero le chiappe dentro il parlamento.

      Qualunque personaggio pubblico, se l’Italiano avesse un minimo di sensibilità critica, sarebbe squalificato dopo aver dichiarato pubblicamente che un mafioso, omicida, narcotrafficante, è un eroe.

      E’ un giardino di delinquenti il parlamento, p****ne, e parenti di questi ultimi.

      lo specchio di questa nazione di m**da.

      E’ vero.. Non siamo tutti così.. 

      Mi ritrovo da molti anni in quella fetta che non ha manifestato il voto.

      Questo è uno dei blog di informazione a mio avviso tra i più importanti in Italia. 

      Piero Ricca è un altro esempio.

      L’Italia non ha mai avuto una rivoluzione; abbiamo avuto un Re che ha fatto ridere mezzo mondo quando scappò a gambe levate lasciando l’Italia.. Abbiamo perso la guerra con il nostro ducetto m**doso e il popolo italiano becero e ignorante che lo votava, con le sue mire espansionistiche e le sue folle oceaniche che assistevano ai suoi ridicoli comizi.

      La storia è una ruota che gira e torna sui suoi passi.. 

      Bisogna attendere il peggio, che presto arriverà.

      La responsabilità NON è della classe politica ma chi li ha legittimati per 15 anni a romperci i c*****ni.

      Comunque, è la mia opinione, e le opinioni sono come i buchi del c**o: ciascuno il suo.

      Saluti.

       

       

       

  • 3

    Che a dirle certe cose siano gli americani sa tanto di barzelletta e nulla toglie al fatto che dicano la verità.

    Comunque anche tutta questa faccenda assange ha qualcosa che non mi torna!

  • 2
    Rebel

    E’ finita.

    Il dovere civile e , non da meno, morale di combattere è doveroso.

    La realtà è ben altro.

    Berlusconi è l’effetto non la causa.

    Ha ottenuto la fiducia e di questo sono contento.

    Un’ennesima dimostrazione di una buona fetta dell’Italia.Se il resto è rappresentato da Bersani e la Finocchiaro con tutte le porcherie e le nefandezze che gli sono passate sotto il naso, vi pare poco?

    L’ambiente è andato a fare in c**o, e gli operai con la segatura in testa, che combattono per leccare il pavimento delle aziende.

    Pensavano anche loro di andare avanti all’infinito a produrre auto, elettrodomestici e quant’altro senza che arrivassero i conti prima o poi?

    Ciascuno la propria responsabilità, non vedo l’ora che tutto sprofondi.

    Berlusconi è un rivoluzionario.

    100, 1000 berlusconi.

    W Berlusconi.

    Mangano? E’ un eroe, ne sono convinto ora più che mai.

  • 1
    piero

    "Se qualcuno si fosse chiesto perché io e Di Frenna avessimo scelto l’ambasciata americana, all’epoca, per inscenare la protesta contro il Decreto Romani, insomma, eccolo servito."

    Io avevo criticato più volte in passato questa scelta e ne se sono ancora più convinto dopo queste rivelazioni, anche perchè tra l’altro segnalano un paradosso (il promotore viene perseguitato quindi dal paese principe della libertà di espressione??).
    Servi e orgogliosi di esserlo??
    I contenuti di questo blog sono molto utili però certi articoli mi fanno cadere le braccia e inizio a intravedere una certa malafede (o spero ingenuità). Non mi rimane altro che levarlo dai preferiti a cancellarmi dalla newsletter.

    • 1.1

      Servi? Orgogliosi di esserlo? C’è solo scritto che all’epoca gli Usa facevano pressioni sul governo italiano perché non avallasse leggi illiberticide sulla rete, ragion per cui la protesta simbolica fu inscenata davanti all’ambasciata americana. Non c’è scritto nient altro e non si da nessuna valutazione sulle mosse successive e sulla posizione americana su Wikileaks. Peraltro Assange è stato ampiamente difeso dalle pagine del blog.

       
      Se te ne vuoi andare fai pure, ma mi piacerebbe che le critiche fossero più costruttive e meno da invasati, altrimenti si diventa servi, sì, ma del proprio fanatismo.
       
    • 1.2
      Federico M

      @Piero.

       Tu stai male, fratello…

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>