SOSTIENI IL 2011 DI BYOBLU.COM

 

Cari amici,

l’informazione libera è tale non perché non abbia idee forti, ma perché può cambiarle senza doversi preoccupare di perdere investimenti pubblicitari o, peggio ancora, di dover rendere conto a un editore. Un informatore non é libero quando non ha le idee chiare, ma quando le idee sono le sue.

Rivendicare il proprio diritto a cambiare idea, tuttavia, costa. Il prezzo è l’isolamento, un continuo stato di emergenza finanziaria, la solitudine professionale e il restringimento delle opportunità di carriera in qualsiasi altro settore lavorativo, perché è bene sapere che nel momento in cui ci si spende, le porte si chiudono.

Per fortuna si guadagna anche tanto: si cresce in termini di ricchezza umana grazie al confronto continuo con migliaia di persone, si studia di continuo, imparando molto dagli articoli e dagli approfondimenti cui si ha il privilegio di potersi dedicare, ma il premio più grande è senza ombra di dubbio la conquista della libertà.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

I momenti di sconforto sono all’ordine del giorno, ma se guardo ai risultati raggiunti dal blog in questi tre anni di duro lavoro personale, non posso che esserne soddisfatto. Solo nel 2010, e l’anno non è ancora finito, ho pubblicato 336 post, ho realizzato più di 111 video – escluse le dirette – per un totale di oltre 24 ore di programmazione ininterrotta, che dal 1° gennaio al 22 dicembre sono stati visti 1 milione 719 mila 203 volte! In poco meno di 12 mesi il blog ha servito oltre 3 milioni di letture a 1 milione di persone, di cui quasi la metà non sono stati visitatori casuali ma hanno navigato su queste pagine cercando byoblu.com di proposito. E non è retorica dire che proprio voi byobluers, con la vostra partecipazione assidua e appassionata, avete precisato, approfondito, rifinito e in qualche caso anche rettificato le informazioni pubblicate su queste pagine, scrivendo oltre 8 mila 600 commenti, cui devono aggiungersi i 12 mila 526 lasciati su YouTube e le migliaia che quotidianamente apponete sulla pagina pubblica di Facebook. Grazie a voi, la rete sociale costruita dal blog può ora contare su alcune migliaia di iscritti alla newsletter, su quasi 10 mila abbonati al canale YouTube e su circa 20 mila amici, tra la pagina pubblica e i due profili personali, che ogni giorno condividono gli articoli con il loro network di amici, colleghi e conoscenti, portando byoblu.com ad essere il 5° blog di politica italiano per importanza [fonte Wikio al 23/12/2010].

Insieme, io e voi, abbiamo superato momenti critici, come è accaduto a maggio e a luglio. E’ stato possibile grazie al contributo di pochissimi generosi sostenitori – semplici cittadini completamente scollegati da qualsiasi movimento politico – che hanno voluto rimanere anonimi e che mi hanno permesso non certo di risolvere, ma perlomeno di continuare a indebitarmi per sostenere le attività del blog il quale,  vale la pena ricordarlo, essendo un videoblog che realizza servizi su tutto il territorio con cadenza media giornaliera, necessita di costose attrezzature e di cospicui budget per gli spostamenti, a cui si devono aggiungere il costo dei servizi e soprattutto il costo della vita, che non può essere sostenuto dall’esercizio di un’attività lavorativa parallela perché, senza una redazione, la ricerca, la realizzazione e la pubblicazione dei contenuti è una sfida che una persona sola non può che affrontare dedicandovi un’attenzione continua, spasmodica ed esclusiva.

Ogni tanto qualcuno si chiede, con sincero interesse o a titolo di mera provocazione, chi me lo faccia fare. La risposta è semplice: voi, le vostre lettere, le vostre richieste, il vostro sorprendente bisogno di ritrovarsi insieme per discutere, per capire, per sapere, e quell’eterno insopprimibile bisogno di non sentirsi soli, di sapere che altri condividono le stesse domande, le stesse paure, gli stessi sogni. Un blog, a differenza di un giornale, è un luogo dove sentirsi unici, dove percepire il valore delle cose, dove coltivare un rapporto umano e tornare a credere nelle persone, in qualcosa che si può toccare, in un progetto che si può coltivare e contribuire a far crescere, perfino ostacolare se lo si desidera. E di progetti, il blog, ne ha seguiti tanti.

Primo fra tutti il terremoto, che queste pagine hanno contribuito a comprendere meglio, gettando nuova luce sulle indagini della Procura, esprimendo alcune delle prime voci fuori dal coro di autocompiacimento mediatico, producendo un documentario di 4 ore sulla prevedibilità dei terremoti che oltre 700 persone si sono fatte spedire a casa, apprezzandone il grado di approfondimento e l’equilibrio con il quale le diverse scuole di pensiero sono state trattate e messe a confronto, qualità riconosciute dagli stessi ricercatori dell’INGV.

Poi la strenua battaglia in difesa della rete, con decine di interviste; con i flash-mob organizzati a Roma davanti all’ambasciata americana insieme a Enzo Di Frenna e a 60 eroi scelti proprio tra quelli di voi più audaci, che spingevano David Thorne, in un cablogramma inviato a Obama, a sostenere che quello italiano è un governo anti-internet; con l’impegno alla stesura di un emendamento che scongiurasse i danni incalcolabili che sarebbero stati inflitti dall’approvazione del Diritto di Rettifica alla rete; con il tour di Libero Web in Libero Stato, organizzato nelle principali città per parlare di rete tra la gente e con la gente. E poi ancora l’appello contro il Decreto Pisanu, gli approfondimenti sul Wi-Fi, la lotta continua contro tutte le leggi ammazza-internet, la difesa dei diritti di cittadinanza digitali dalla vessazione dei grossi social network e Dio solo sa cos’altro sto dimenticando.

Il blog ha inoltre sostenuto con convinzione la causa ambientalista, producendo e distribuendo guide di successo alla costruzione di un impianto fotovoltaico autonomo, con documentari informativi sul nucleare, con la difesa non meno importante delle piccole realtà di eccellenza locali come lo stagno di Spinetoli ribattezzato lo stagno delle Meraviglie, con interviste internazionali esclusive come quella a Mathis Wackernagel del Global Footprint Network (ripresa anche da siti internazionali). Ma l’elenco potrebbe proseguire se per dovere di sintesi non fosse meglio passare all’impegno nei confronti dei diritti umani: dalle richieste di una madre che chiede una degna sepoltura per suo figlio alle disperata istanze di 3 ragazzi di colore in cima a una torre, dimenticati da tutti, passando per il sostegno alla battaglia di Frediano Manzi contro l’usura, che anche grazie alle telecamere del blog è entrata nell’agenda politica del Parlamento; dalle interviste a caldo realizzate in diretta dai cortei degli aquilani a Roma alle testimonianze raccolte dai passeggeri della Flottilla che venivano assaltati in acque internazionali dalle navi militari israeliane, senza tralasciare le decine di interviste e di approfondimenti realizzati per sensibilizzare i cittadini sul tema della mafia, come gli incontri con Giulio Cavalli, Loris Mazzetti, Letizia Battaglia, Peter Gomez e tanti altri ancora…

Mi fermo qui per non diventare enciclopedico, ma mi preme sottolineare che molti sono i servizi e le inchieste in cantiere, magari da mesi, che non ho potuto realizzare per mancanza fisica di tempo, tra cui un lungo documentario sulla situazione della Val Susa e sulla lotta dei valsusini contro un’opera, la TAV, giudicata dispendiosa e inutile, il quale attende il montaggio video da oltre un anno; o ancora come un esclusivo reportage realizzato nel luogo dell’esplosione del treno merci, a Viareggio, che attende di vedere la luce da quest’estate, e ancora come una lunga e approfondita inchiesta a un super-esperto europeo che smonta la teoria dell’incidente aereo sostenuta dai media e dai governi per quanto riguarda il disastro di Smolensk, per il quale il blog aveva già realizzato un documentario che spiegava come la decapitazione dell’élite polacca avvenuto nello scorso marzo richiamasse sinistramente quanto accaduto 60 anni prima, durante la seconda guerra mondiale, con il cosiddetto massacro di Katyn.

Colgo l’occasione per scusarmi con i protagonisti degli interventi ancora da pubblicare, e voglio rassicurarli che non ho abbandonato il progetto e che presto le loro storie vedranno la luce.

E colgo l’occasione per complimentarmi con voi, lettori del blog, per avermi sostenuto nella continua ricerca di qualcosa che assomigli il più possibile alla verità: insieme, abbiamo conferito un premio agli aquilani: il XXXI Premio Ischia internazionale del Giornalismo, categoria Social Network 2010, che ho vinto nello scorso luglio ma che ho sentito di dover attribuire ai protagonisti della tragedia abruzzese, perché le storie che sono state premiate erano le loro, così come loro era il dolore di avere perso ogni cosa. Quando ho portato la targa a Poggio Picenze, il 18 luglio 2010, la sala ha tributato un lungo applauso che da solo valeva cento, mille premi. Un emozione che non scorderò mai.

Ma i progetti non sono solo quelli passati: sono anche e soprattutto quelli futuri.

Innanzitutto partiamo dal blog. Ringrazio i ragazzi che hanno messo a punto la versione attuale, Mauro, Orazio e Antonio: la piattaforma ha svolto egregiamente il suo dovere ed ha segnato un grande passo avanti nella professionalità e nella potenzialità della comunicazione. Sfortunatamente, gli impegni di lavoro pressanti hanno impedito loro di seguirlo nel tempo come avrebbero desiderato fare, e così la piattaforma non si è evoluta. Soprattutto, ultimamente non vengono più inviate le email automatiche di approvazione dei commenti o le email di conferma dopo l’iscrizione al blog o alla newsletter. E neppure posso ricevere i vostri messaggi e le vostre segnalazioni effettuate dal modulo commenti.

Per questi motivi, e per realizzare i propositi che ho in animo per il nuovo anno, ringrazio fin da subito una piccola squadra di operosi e volenterosi cittadini che da qualche mese, passin passetto, nei ritagli di tempo sta mettendo a punto la nuova versione di byoblu.com, interamente open source e ospitata su server sicuri fuori dai confini italiani. Sono Luigi Quintavalle, Roberto Luttino e Giancarlo Niccolai. Se fra di voi c’è qualche altro eroe che abbia maturato una significativa esperienza nel mondo delle piattaforme di blogging open source e vuole metterla a disposizione, il team ringrazia fin da ora (potete scrivere a byoblu[chiocciola]gmail.com).

In secondo luogo, grazie alla nuova strumentazione che Babbo Natale ha portato in dono al blog (vedremo più avanti di cosa si tratti e di chi sia veramente Babbo Natale), il 2011 sarà l’anno delle inchieste e dei mini-documentari, realizzati sulla base delle vostre indicazioni e da voi eventualmente co-prodotti e finanziati.

Ma la novità più importante è sul fronte della sfida al Decreto Romani. Con il nuovo anno partirà un nuovo canale televisivo, visibile in alta definizione sia sul web senza problemi di banda – che sul televisore di casa grazie ad uno speciale decoder che unisce il digitale terrestre e le web-tv in un’unica interfaccia semplice e veloce da navigare. Si occuperà di informazione libera, rilancerà i contenuti del blog e di altre fonti selezionate e proporrà programmi di approfondimento, dibattiti, dirette su temi ed eventi di attualità e realizzerà tutto quello che ancora una volta insieme, io e voi, sapremo inventarci per allargare l’influenza delle nostre argomentazioni e crescere sotto l’aspetto della comunicazione.

Può diventare un’esperienza meravigliosa, un ulteriore passo avanti verso il cambiamento, ma per realizzarlo compiutamente serve il vostro sostegno. Servono attrezzature, servono cittadini digitali consapevoli ed informati, in grado di collaborare sui contenuti, ma servono anche editori che vogliano detenere quote simboliche del nuovo canale digitale, aiutando il futuro a diventare più velocemente presente.

Fino a quando non avrà raggiunto numeri sufficienti a diventare appetibile per inserzionisti accuratamente selezionati, il canale (di cui non vi svelo ancora il nome) vivrà grazie ai vostri contributi e agli sforzi di chi vi parteciperà con entusiasmo e spirito di sacrificio.

Ogni mese, i nomi degli editori 2.0 che avranno permesso alle trasmissioni di andare in onda sarà pubblicato in un apposito spazio e le loro storie e i loro volti, se lo vorranno, saranno raccontate all’interno del palinsesto.

Per chi desiderasse accreditarsi tra i primi sostenitori del progetto, è possibile effettuare una donazione libera fino al 12 gennaio, scegliendo tra i modi messi usualmente a disposizione dal blog.

Chi invece non fosse interessato ma volesse comunque riconoscere al blog l’enorme impegno profuso nel 2010, e aiutarlo a profonderne uno ancora maggiore per il 2011, può allo stesso modo effettuare una donazione libera. Sarà il suo regalo di Natale a chi ogni giorno combatte la guerra che lui non può o non sa combattere, oppure che già lo impegna su altri fronti.

 Nel frattempo, un cittadino particolarmente sensibile e generoso ha scelto di dare l’esempio e di finanziare l’informazione libera mettendo a disposizione la considerevole somma di 10 mila euro. Sebbene sostenere il blog e sostenere le spese personali di chi il blog lo fa tutti i giorni, rinunciando per questo a uno stipendio, nella realtà siano sinonimi, ho tuttavia preferito investire questa cifra in attrezzature necessarie per crescere e che non mi sarei mai potuto permettere di acquistare da solo.

Prima di svelarvi quali, ho chiesto a Roberto, che vuole mantenere un rigoroso anonimato, il permesso di pubblicare la sua lettera, perché voglio condividere con voi, nel giorno della vigilia di Natale, la gioia e la speranza che scaturiscono dalla consapevolezza che in questo paese, nonostante tutto, esistano ancora persone come lui, e forse le incontriamo tutti i giorni, andando a fare la spesa, senza neppure rendercene conto.

 Caro Claudio,

  per i più, la mia storia sembrerà estremamente banale: una persona colpita da una grave malattia che comunque, in qualche modo, si è ripresa ed ha perfino ricominciato a lavorare. Fine della storia. Per me no: è l’inizio di una seconda vita.

  Nel gennaio del 1997 subisco una devastante ischemia cerebrale, nella regione del cervelletto (da entrambe le parti). Nella letteratura medica, se sopravvivi al coma oltre 72 ore sei salvo, ma non si sa con quali handicap ti ritrovi. Tempo dopo, ho saputo che i dottori mi davano per spacciato, e che se mi fossi salvato sarei rimasto un vegetale. La “fortuna” ha voluto che la mia ischemia si fermasse al cervelletto, lasciando intatte tutte le altre facoltà mentali, pur compromettendo irrimediabilmente le attività motorie, compreso il linguaggio.

  Superato il primo momento di shock (è come se ti colpisse un fulmine e ti lasciasse tramortito a terra) ho cominciato un lungo e doloroso percorso di riabilitazione. Ho passato mesi su una sedia a rotelle, quasi immobile, davanti ad una finestra, ma con la mente ho dovuto rivedere tutta la mia vita, quella già trascorsa e quella che avrei dovuto affrontare da quel momento in poi, con tutte le mie menomazioni. Ti posso garantire che a 35 anni (dopo solo 7 mesi di matrimonio) è dura!

  Talmente dura, che spesso ho pensato fosse impossibile, che non avrei avuto più una “vita”. Devo dire che in tutto questo è stato determinante l’affetto dei miei cari, in primo luogo di mia moglie che inizialmente si è buttata a capofitto nella tragedia (sicuramente in modo “incosciente”), arrivando dopo qualche anno a darmi la gioia di diventare padre, episodio che mi ha restituito alla vita. Ora “dovevo” migliorare, dovevo “farcela”. Per continuare a lottare, avevo finalmente, e ancora ho, uno stimolo incommensurabile.

  In seguito, tutto il resto è avvenuto quasi automaticamente. La maggior parte dei tecnici con i quali collaboravo hanno atteso la mia ripresa lavorativa: persone che avevano apprezzato il mio lavoro nel passato e che quindi hanno voluto che la mia collaborazione con loro continuasse, incuranti delle mie menomazioni motorie.

  Oggi mi sento una specie di “miracolato“, tanto che non posso non dividere questo “miracolo” con gli altri. Sostengo l’Unicef, Save the Children, ho adottato una bambina a distanza, in Perù. Ma non mi sembrava abbastanza.

  Però devo anche fare i conti con le mie sostanze. E’ tanto tempo che penso al modo di reperire risorse, senza far mancare qualcosa alla mia famiglia, e a come veicolarle. Sai, le donazioni a enti assistenziali, genericamente non servono a granché. Soprattutto in questa Italia, che dovrebbe garantire a questi stessi enti il sostegno…

  Ecco, appunto, l’Italia. Un Paese che sta vivendo un periodo storico drammatico, peggiore  di quello prefascista. In quello c’erano le spinte socialiste, i lavoratori lottavano per ottenere delle condizioni dignitose (se vogliamo semplificare, il fascismo servì proprio ad arginare quelle spinte). Ma quello in cui viviamo oggi, impressiona! E’ come se il benessere economico (virtuale, perché ci costa circa  30 mila euro di debito pubblico a testa, vecchi e neonati compresi) avesse narcotizzato una parte di questo Paese (maggioritaria) non più disposta a reagire, anzi al contrario: disposta a difendere i propri aguzzini. Oltre tutto un benessere economico raggiunto con la logica dei condoni, che ha notevolmente spostato il limite della percezione della legalità, tanto che le varie mafie governano l’economia nella più totale libertà. La politica dominante ormai è la rappresentazione della mafiosità, logica che ha trasformato l’Italia da museo a cielo aperto a discarica a cielo aperto. Tutto questo in meno di cinquant’anni, tanto che mi chiedo se, andando avanti di questo passo, fra altri cinquant’anni saremo ancora qua a discutere. Un paese allo sbando, dove nessuno, salvo pochi uomini liberi, riesce a trovare la forza di reagire.

  Uomini liberi come Marco Travaglio, Beppe Grillo, Michele Santoro, Daniele Luttazzi, Sabina Guzzanti, ecc. ma soprattutto (per me) Claudio Messora, che con le sue parole è quello che più mi rappresenta.

  Ti seguo da parecchio tempo, apprezzo molto il tuo lavoro, le tue denunce, i tuoi pensieri, tanto che mi sono detto: “contribuire a diffondere la libera informazione: questo è quello che devo fare! Ma come, se non ne ho le capacità?”.

  Poi quel tuo post illuminante: chi non può o non sa fare, può almeno dare.

  E’ lì che è nata l’idea: vendere un bene inutilizzato ed inutilizzabile (la casetta in Umbria inagibile poiché terremotata), senza togliere nulla al bilancio familiare. Non so quanto servirà questo gesto, però soddisfa pienamente due mie esigenze: garantire il mio impegno a mia figlia (non importa se risulterà inefficace, io avrò fatto il possibile) e gratificare pienamente il mio spirito di condivisione.

  Roberto P.

Roberto ha acquistato per il blog una videocamera Sony PMW-EX1R, due radiomicrofoni Sennheiser, l’EW 135-p G3 (il classico gelato) e l’EW 122-p G3 (quello a cravatta), batterie, un microfono direzionale e un faretto, entrambi da montare sulla videocamera, uno zaino, un cavalletto professionale e una scheda di memoria aggiuntiva da 32 Gb. Per evitare qualsiasi ombra sull’utilizzo reale della donazione, anche se Roberto avrebbe indifferentemente contribuito alla mia sussistenza personale, ho chiesto che la somma venisse interamente accreditata sul conto corrente bancario del negoziante.

A nome mio, e credo di non sbagliarmi se parlo anche a nome di quel milione di persone che nel 2010 sono passate almeno una volta dal blog, non posso che dirti: grazie Roberto. Se il 2011 vedrà la realizzazione di lavori più professionali, gran parte del merito sarà stato tuo.

E ora a voi: se credete nei progetti che potremmo sviluppare insieme, allora coraggio: questo è il momento di darmi una mano.

Da Byoblu.Com, un sereno Natale a tutti. Ma il giorno di Santo Stefano vi voglio incazzati più di prima.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

14 risposte a SOSTIENI IL 2011 DI BYOBLU.COM

  • 8

    Carissimo Claudio, e gentili lettori/sostenitori del blog,

    volevo, nello spirito delle richieste/denunce del post, dimostrarmi “inc**zato“, pertanto sarà mia cura sostentare come posso, gli eroi dell’informazione, ed incrementare il mio contributo, era quello che volevo e ne ho avuto l’opportunità.

    Devo dire, personalmente, che ho imparato molto da chi diffonde l’informazione libera, oggi il mondo mi appare molto diverso da quello che il Matrix istituzionale, vuole farci apparire.

    Sinceramente non mi sento di avere “le palle” come Claudio o gli altri citati, ma a mio modo e “passin passetto” dono il mio “restare umano” per la causa.

    Voglio augurare a tutti un buon 2011, che sicuramente si aprirà scoppiettante per le tante “novità” che ci riserva, e statene sicuri per i risvolti politici ed economici della attuale vicenda italia.

    Auguri “inc**zati” a tutti !!

    Luigi Quintavalle

  • 7
    sofiaastori

    Fantastico!! Sarò felice di dare un piccolo contributo anch’io.

    Adesso vado a dormire che domani sarò davanti ai fornelli a partire dall’alba (24 a tavola).

    Buon Natale!

  • 6
  • 5
    Benso

    BUON NATZLE ANCHA TE BYO!!!

  • 4
    Paola F

    Grazie di esistere

  • 3

    Buon natale. 

     

  • 2

    Mi fa piacere per te e per il tuo blog Claudio,buone festività unitamente alla tua famiglia :)

     

    Gennaro

  • 1
    sil lan

    Ecco,  Natale è trascorso sereno, e oggi è Santo Stefano…

    Tanti auguri a te e a tutti i frequentatori del blog per il 2011!

    E a Roberto un sentito “grazie” non solo per lo splendido regalo, ma anche e soprattutto per le parole, che inducono alla speranza e al coraggio…

    P.S. La mia pensione è andata tutta per i “Babbo Natale” dei miei nipotini, ma nella prossima ci sarà sicuramente  una “Befana” che contribuirà (un granello di sabbia, ma se i granelli sono tanti…), all’informazione libera del mio blogger preferito.

  • 0

    complimenti. ho letto con attenzione e ho ascoltato alcune tue comunicazioni audiovideo. Mi sembra interessante quello che fai. Un buon modo per spendere le risorse che hai maturato e che avevi di tuo. Mi piace la gente che fa cose per conto suo, interessanti e di contenuti. Mi piace chi sa comunicare. In bocca al lupo. Se vuoi vieni a vedere anche il mio sito http://www.simoneperotti.com. Ciao. Simone

  • -1
    Quilo

    Senza parole.

    Grazie a te e a Roberto.

    Auguri.

  • -2
    sofiaastori

    Fantastico!! Sarò felice di dare un piccolo contributo anch’io.

    Adesso vado a dormire che domani sarò davanti ai fornelli a partire dall’alba (24 a tavola).

    Buon Natale!

  • -3
    Fabrizio

    Grazie Roberto le tue parole mi hanno emozionato…   Grazie Claudio il tuo lavoro aiuta il nostro paese a diventare piu’ bello !! Grazie di cuore!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – I veri numeri dei giornali, Pier Luca Santoro (Datamediahub)

Pierluca Santoro Datamediahub - playI veri numeri dei giornali e della rete, nell'intervento di Pier Luca Santoro, Datamediahub, a #SUM01, il primo evento organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>