Emilio Fede, il traditore

 

Era sempre stato il suo più fido scudiero. Ospite fisso nelle sue residenze. Commensale di dieci, cento, mille cene allietate dalle melodie di Apicella e dai sorrisi delle odalische. Definito ancora in questi giorni come un grandissimo amico dallo stesso Berlusconi. Parliamo di Emilio Fede, l’uomo che ha avuto in appalto un intero canale televisivo al solo scopo di incensare il suo mentore nonché fraterno compare. L’abusivo per eccellenza, in onda grazie al conflitto di interessi sulla pelle di Francesco Di Stefano che per oltre dieci anni ha visto negata ogni possibilità di trasmettere nonostante quelle frequenze fossero ormai sue di diritto, come ribadito da tutte le sentenze della giustizia italiana e di quella europea. Fede, il giornalista del minculpop moderno che procurava al sultano, e insieme a lui ne godeva, orde di concubine in un tripudio di carni in vendita, nel più completo disfacimento di qualsiasi valore etico e morale, indulgendo a una lascivia tale che persino le orge più scatenate di Sodoma e Gomorra al confronto sarebbero apparse come una innocua festicciola di laurea.

 

 

Nulla evidentemente è cambiato dai tempi dei romani, da quei festini goliardicamente dipinti anche nelle pagine di Asterix nei quali, al cospetto della corte dei governatori, si mangiava, ci si ubriacava, ci si accoppiava e si dava di stomaco in appositi vomitatoi, al solo fine di ricominciare daccapo ancora ed ancora, fino alla completa dissoluzione della mente (prima) e del corpo (poi). Schiavi erano tutti gli altri ieri, schiavi siamo tutti noi oggi.

In un tale disprezzo per qualsiasi forma di principio etico o di rispetto per la vita e per le proprie responsabilità nei confronti dei sudditi, lasciati in balia della carestia a coltivare illusioni e a cibarsi degli avanzi, non stupisce che, per gli officianti dei riti sabbatici celebrati alla corte dello zar, i valori così come li conosciamo noi perdano di ogni significato. Tra questi, va ridefinito il concetto di amicizia.

« Non dico che dividerei una montagna, ma andrei a piedi certamente a Bologna, per un amico in più…
[…] e se ti sei innamorato di lei, io rinuncio anche subito, sai
forse guadagno qualche cosa di più, un vero amico, tu.»

Così cantava Riccardo Cocciante, non senza un filo di retorica ma certamente descrivendo l’aspirazione ideale di qualsiasi rapporto che possa essere definito di amicizia. Berlusconi ha comprato di tutto nella sua vita: televisioni, sentenze, parlamentari, donne… Ma certamente l’amicizia no, quella non gli è mai riuscito di ottenerla. A meno che per amicizia lui non abbia sempre inteso qualcosa di diverso rispetto al sentire popolare – come è del resto probabile – e cioè una forma di adesione interessata ai suoi affari che nulla ha che vedere con la sfera delle emozioni o dei sentimenti, quanto piuttosto con un rapporto di spalleggiamento reciproco, un mutuo soccorso, una associazione simbiotico-parassitaria che si rinsalda nel raggiungimento e nel mantenimento del successo, con un’attitudine predatoria nei confronti del tessuto sociale che diventa una risorsa da conquistare e successivamente sfruttare senza pietà. Fede non è del resto nuovo a questa visione dei rapporti umani: già negli anni ’80 organizzava cene per allocchi di lusso, in società con Flavio Briatore, per spennare sprovveduti e ingenui milionari al tavolo di gioco.

Così accade che anche il più fido alleato di Silvio Berlusconi, il Sancho Panza di Arcore, venga intercettato mentre insieme a Lele Mora tesse un piano per estorcere 400 mila euro al suo amico fraterno. Amico in berlusconese, si intende. Mora ha bisogno di 1 milione e 200 mila euro e Fede, che conosce bene il suo Presidente e se ne è guadagnato la fiducia con anni e anni di onorato servizio, con infinite apicellate a squarciagola, con pantagrueliche magnate e roccosiffrediane palpate in compagnia, si propone come intermediario, studiando insieme a Mora la forma migliore per spillare al riccastro i soldi.
Normale solidarietà tra sanguisughe? Tutt’altro, perché senza dire nulla al compagno di sangue sempre in berlusconese parlando – da buon giocatore d’azzardo Fede ricarica con fredda lucidità la cifra da chiedere a Berlusconi per conto di Mora, ben consapevole che la promessa di restituzione dei soldi di quest’ultimo è, per ammissione dello stesso, destinata ad essere disonorata:

Fede: « Lele, studiamo insieme… Gli dico: “Senti, ho visto Lele, non sta bene ed è preoccupato, forse credo che una mano bisognerebbe dargliela, hai fatto tanto bene a tanta gente, lui poi se lo merita più degli altri” ».
Mora: « [ndr: mi raccomando, digli che] poi lui metterà in vendita due o tre cose e saprà come ritornare indietro tutto… Tanto poi campa cavallo che l’erba cresce… ».
Fede: « Vuol dire che possono diventare uno e mezzo: io ne prendo quattro e tu otto, va bene? ».
Mora: « Benissimo, meraviglia, meraviglia, bravo direttore, bravo ».

Io, un amico così, non lo vorrei. Ma io vivo in un altro mondo, come la maggior parte di tutti voi. Fossi in Berlusconi, a questo punto mi terrei stretto Dell’Utri. Sempre che anche lui non si riveli essere il prossimo traditore a penzolare giù dall’albero…

 

 

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

8 risposte a Emilio Fede, il traditore

  • 6
    Harlock

    Mah io non finirò mai di stupirmi di quanta gente c’è che ancora si fida di certa gente. Si fida di Fede. E ora magari credono davvero che Berlusconi abbia un rapporto stabile.

    Comunque bravo, io non avrei azzeccato il passato remoto del verbo tessere. Ho dovuto controllare.
    Manca solo l’accento: tessé.

  • 5

    Mariluna così piccola ha già capito tutto.

    Ci sono troppe persone che muoiono senza neanche immaginare.

  • 4
    Pippo

    Emilio Fede è un vero soggetto

    deve tutto a Berlusconi che lo ha ripescato quando era in difficoltà screditato e ormai quasi fuori dalla rai e gli ha affidato il tg5 e ultimamente  gli aveva sistemato la moglie (diana de feo ex giornalista rai) facendola eleggere al senato

    ed ecco come lo ripaga

    però in fondo Berlusconi dovrebbe apprezzarlo e alla fine lo perdonerà; è un l’allievo che cerca di superare il maestro

     

     

     

  • 3

    Chi si assomiglia si piglia.

  • 2

    La situazione è chiarissima: da una parte c’è chi ha la dignità personale di capire cosa vuol dire tutto questo, dall’altra c’è chi si augura di avere la figlia fidanzata al nano. Non c’è possibilità di dialogo né di redenzione. Se fossi ancora in Italia, probabilmente cercherei ancora di fare qualcosa, per rispetto verso me stesso soprattutto. Poiché ho la fortuna di non essere più lì, non ho nessunissima intenzione di farmi etichettare né confondere con la maggioranza dei miei connazionali che dimostrano al mondo quali valori pubblici sono da premiare, e quindi in fondo dimostrano quale sia la nostra forma mentis. Ancora un anno e mezzo circa, e dovrei riuscire concretamente a dimostrare che con quella roba lì non c’entro più nulla.

    Gli orientali dicono che "la forma è sostanza", e per la madonna se è vero.

  • 1
    kautostar86

    L’ho sempre pensato che non vale la pena di invidiare qualcuno, solo perchè è pieno di soldi, questa è solo un’ulteriore conferma!

  • 0

    sono delle macchiette.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>