L’isola dei cassintegrati

Io non vi lascerò tranquilli
Io voglio che voi vi incazziate!

 

Sono incazzato nero, e tutto questo non lo accetterò più!

Dopo la grande balla di Berlusconi in Abruzzo, in occasione delle elezioni regionali del 2008, ricordo che a pochi mesi di distanza misi in guardia i sardi dalle promesse di un pinocchio che stava replicando pedissequamente, farsa per farsa, menzogna per menzogna, battuta per battuta, come il Mangiafuoco di un teatrino del male, la stessa commediola dell’arte che aveva allestito per le genti d’Abruzzo. Le quali ci erano cascate in pieno, salvo poi neppure sollevare il sopracciglio quando le promesse, a soli sei giorni di distanza, erano state come da copione totalmente disattese.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Ecco il video-faldone dell’epoca:

 

Lettera aperta a Renato Soru
Operazione Save Sardinia

Video correlati

 

1. La Grande Balla 2. Lettera a Chiodi 3. Reazioni
La grande balla di Berlusconi in Abruzzo Videolettera a Gianni Chiodi Fatto l'inganno, trovata la legge!

I sardi provarono anche a darmi retta, ma il dispiegamento mediatico a tappeto di tutte le emittenti sarde degli imprenditori amici del lupo, sia in video che in radio-diffusione, senza contare il rastrellamento di tutta la stampa al gran completo, salvo rare eccezioni e in barba a qualsiasi par condicio (che tanto poi i quattro spicci di multa li paga Spinelli) ha avuto la meglio. E così, oggi la sardegna si ritrova con le stesse grandi opere abruzzesi promesse e mai realizzate, con un bel po’ di cemento sulle coste e con un governatore all’ultimo posto di gradimento delle classifiche italiane.

Fa niente, sarà per la prossima volta.

Mi scrive Marco Nurra, dalla Sardegna, uno dei gestori di un’isola nell’isola: quella dei cassintegrati.

L’ISOLA DEI CASSINTEGRATI

la nostra battaglia per il lavoro, in una terra dove non ce n’é quasi più

  Quando un sardo pensa alla Sardegna, pensa che non ci sia al mondo posto migliore dove vivere, che non esista un luogo pari per bellezza, per tradizioni e per la sua gente. Un sardo, quando lascia la sua terra, porta, con sé i ricordi, gli odori, i sapori e i colori delle proprie origini. Ci sono sardi che addirittura scoprono di essere tali solo trovandosi in terra “straniera” e ce ne sono altri che maledicono l’isola ma non potrebbero mai abbandonarla.  Quando un “continentale” pensa alla Sardegna, è più probabile che evochi nella sua mente le immagini di spiagge da cartolina, di agriturismo dove entri per pranzare ed esci all’ora di cena, rotolando. Pensa all’accento marcato di quelle genti, per lui curioso e divertente. Pensa a quell’ospitalità caratteristica di chi si offende se non accetti un suo invito a pranzo. Un italiano, quando torna dalla Sardegna, può vantarsi con i colleghi di lavoro di essere stato in un paradiso.Quando i giornali parlano della Sardegna, invece, non esaltano le tradizioni del suo popolo, la spettacolarità dei suoi paesaggi o la sua ricchezza storica: parlano del tasso critico di disoccupazione, dei giovani costretti ad emigrare per trovare lavoro, di una politica marcia e vergognosamente suddita e di un presidente, Ugo Cappellacci, all’ultimo posto nella classifica di gradimento italiana. I giornali raccontano di un esercito di pastori a cui viene proibito persino l’accessoal porto di Civitavecchia, di imprese che dopo aver sfruttato il territorio per decenni chiudono i battenti e mandano tutti a casa, con un bel calcio in culo, e di lavoratori che lottano per far valere i loro diritti costituzionali. Un luogo molto diverso da quel paradiso terrestre che si potrebbe immaginare.Non è un caso quindi che proprio in Sardegna sia nata la prima protesta 2.0 della storia d’Italia. Un’azione ingegnosa e rivoluzionaria che ha unito la lotta operaia più testarda alla tecnologia della Rete. Sto parlando de L’isola dei cassintegrati, l’unico reality (purtroppo) “reale”.Tutto ebbe inizio quando un manipolo di operai in cassa integrazione dell’impresa petrolchimica Vinyls decisero, un anno fa, di occupare l’Asinara, ex carcere di massima sicurezza oggi parco naturale. “Se la Ventura fa L’isola dei famosi, allora noi facciamo L’isola dei cassintegrati!“. La trovata, nonostante i dubbi iniziali, è riuscita a smuovere le più importanti testate nazionali grazie ad una pagina facebooke a un blog, fautori di un vero e proprio cortocircuito mediatico senza precedenti.Dopo un anno di occupazione (ebbene sí: quegli operai vivono ancora oggi nelle celle dell’ex prigione!), la situazione della loro vertenza lavorativa sembra avere finalmente preso una piega positiva e si parla di una riapertura degli impianti, forse addirittura per il mese di febbraio. Ma L’isola dei cassintegrati, forte di questo risultato, non si ferma. La lotta operaia sul web ha superato i confini dell’Asinara e oggi i nuovi protagonisti del reality sono Rockwool, Fiat, Eutelia, Omsa, Movimento Pastori Sardi, Vol2, Geas, Eaton, precari della scuola e tanti altri, ma la linea editoriale è sempre la stessa: “c’è un Italia fatta di famosi e di finzione televisiva e, all’opposto, esiste un popolo di gente reale che soffre, che lotta e che puntualmente viene ignorato“.  Non so se parodiare un reality show per dar voce al malcontento dei cittadini sia una scelta estrema o un atto di coraggio, ma una cosa è certa: se un tempo bastava riempire una piazza per fare notizia, nell’Italia di oggi non basta più. Vedendo i media tradizionali che si parlano addosso mi viene voglia di andare alla finestra e gridare che “sono incazzato nero e che tutto questo non lo accetterò più!” L’isola dei cassintegrati è anche questo, è il grido di rabbia lanciato nel web da persone stufe di essere ignorate.

Claudio Messora, che ci ha gentilmente offerto questo spazio sul suo blog, è tra coloro che fomentano un cambiamento di coscienza: lo scenario della contestazione sta cambiando e la Rete ha già affilato le proprie armi. Facciamo in modo che il “virus” si espanda come una macchia d’olio.

uno dei creatori de L’isola dei cassintegrati,
Marco Nurra

 

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

2 risposte a L’isola dei cassintegrati

  • 2
    teleabuso

    Regione autonoma la Sardegna?… Ma dove sta l’autonomia?… Non resta forse sempre schiava dei politicanti e del sistema economico?
    Nella bellissima Sardegna si trova anche il poligono di Quirra, se non erro, e non si capisce (perché non si vuole far capire, naturalmente) quali armi vi si sperimentano (di sicuro anche quelle all’uranio impoverito). Fatto sta che nelle zone limitrofe c’è un alto tasso d’incidenza sui tumori. Altro sfregio e non certo il solo.

    Secondo me non bisogna come bischeri affacciarsi alla finestra e gridare: “sono inc**zato nero e tutto questo non lo sopporto più”. Evitiamo le americanate… e soprattutto di far sapere al mondo che si è inc**zati. A chi può fregarne della nostra inc**zatura? Non è forse proprio questa insofferenza, soprattutto se sbandierata, su cui fanno leva i politicanti di turno per ottenere consensi?… Bisognerebbe disubbidire. Mi riferisco agli uomini di buona volontà.

    Il guaio è che speriamo ab aeterno che la politica possa risolvere i nostri problemi, una debolezza umana… E noi qui stiamo a spartirci i torti e i diritti, schierandoci a destra e a sinistra.

    La Sardegna potrebbe vivere benissimo quasi soltanto con l’affluenza tuiristica, la pastorizia, l’agricoltura. L’autonomia regionale andrebbe sfruttata meglio. I beni della Sardegna sono questi, no?… Se iniziamo a cementificare le coste, a sperimentare armi nei poligoni, a impiantare nuovi stabilimenti chimici, ecc… con il solo scopo del posto di lavoro, a tutti i costi (e costi quel che costi!) cosa succederà?… C’è il rischio che i posti ce li daranno veramente e contribuiranno a farci ammalare e a distruggere l’ambiente. Il politico, la grande industria, le multinazionali non fanno che questo. Ma i posti di lavoro ci sono e stanno già sul territorio; non c’è bisogno che qualche fantapolitico ce li regali, facendoceli pagare a caro prezzo. Vedi Taranto e poi muori (è proprio il  caso di dirlo!)

    Nella mia regione, la zona del Basso Molise è ormai piena di fabbriche e fabbrichette, e volte non si sa che cosa producono alcune di queste. E spesso rifletto sul fatto che questa nostra zona industriale (una volta agricola e fertilissima) è ormai irrecuperabile per l’agricoltura (il terreno è avvelenato ormai), e le zone limitrofe subiscono le ricadute dei fumi tossici e chissà cosa… Personalmente lo noto quando c’è un po’ di nebbia, una nebbia che ha un odore e un sapore e che te la senti nei polmoni. Se invece della zona industriale si fosse optato per l’incentivazione dell’agricoltura, questa zona (fertilissima, almeno in passato) avrebbe dato molto di più, anche in posti di lavoro, in salute e tutela per l’ambiente.

    Non vi è tutta questa neccessità di fabbriche e industrializzazione a tutto spiano. Io, personalmente,  sono riuscito, per esempio, a produrre una quantità mensile di rifiuti domestici pari complessivamente solo a un chilo o due (di plastica e indiferrenziato). E basta. Opto prima per il riuso e poi per il riclaggio. L’umido lo butto nel terreno delle campagne. Posso migliorare ancora, tenendo in mente come obiettivo il rifiuto zero. Il mio impegno evidentemente mi ha spinto a questa soluzione, mica male però… Se anche i produttori di rifiuti (dato che ogni prodotto prima o poi diventerà rifiuto) facessero altrettanto, i rifiuti prodotti sarebbero talmente scarsi che tutto e tutti ne trarrebbero un gradissimo vantaggio, no?…
    Sì, ma i posti di lavoro?… si dirà… Se nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma…

    Do it yourself. Se la Sardegna (come qualsiasi altro luogo del pianeta) vuole, può. Non pensiamo più ai politici, pensiamo un po’ più egosisticamente a noi.

    Questa mia modesta semplificazione ovviamente si scontra contro la macchina di sistema che vuole autoperpetuarsi, con la sua ormai ben collaudata logica del divide et impera. Lo so che è difficile proporre un altra visuale, ma se non si cambia modo di concepire il nostro rapporto con il mondo, affonderemo sempre più…

    La Sardegna è… sono le sue coste, il suo entroterra, i suoi nuraghi, le sue bellezze paesaggistiche, la pesca, la pastorizia, l’agricoltura. Una volta che si è rovinato tutto questo, cosa resta?… Il posto di lavoro?… Ci saranno molti posti di lavoro per ospedali (medici e paramedici), becchini, risanamento ambientale  (della serie più si inquina e più si può lavorare risanando)…

    Bisogna dire basta alla politica che ci svende al migliore offerente, ma non urlando dalla finestra, ma con i fatti. E i fatti non sono a volte quelli che si vedono, in quanto ce li fanno vedere in un dato modo: preconfezionati.

    Nel mio piccolissimissimo penso di aver dato un calcettino al sistema. Tantissimi calcettini fanno un bel calcione nel culone dei politicanti, perché no?… Dove sputa il popolo, come si sa, si forma una fontana, purché non scenda in piazza e si metta a urlare dalla finestra. Un popolo insomma fatto di individui responsabili e non di pecoroni qualunquisti che aspettano dall’alto la manna dal cielo. Manna che quando arriva si risolve in mannaia per la loro capoccia speranzosa.

  • 1

    Reality della tv sono la feccia dell’umanità.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

L’EURO È UNA SCIAGURA – Valerio Malvezzi

L'Euro è una sciagura - Valerio Malvezzi Valerio Malvezzi, economista e professore di Comunicazione Finanziaria all'Università di Pavia, reduce dal successo straordinario ottenuto al convegno "ECONOMIA, BANCHE E LAVORO" di Siena, accanto ad Alberto Bagnai e Claudio Borghi (qui il suo intervento), è venuto nello studio di Byoblu per raccontare, intervistato da Claudio...--> LEGGI TUTTO

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRA CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>