La Lega Nord abbandona l’aula all’Inno di Mameli


Non sono particolarmente appassionato del 150° dell’Unità d’Italia. Sono appassionato all‘unità degli italiani, questo sì, che perseguono il bene comune e che rispettano le leggi. La Lega Lombarda riesce ad essere più demagogica perfino di Berlusconi, con i suoi riti iniziatici da Disneyland di quart’ordine allestiti per bambinoni mai cresciuti. C’è gente che per passare il tempo compra armi giocattolo e va nei boschi a fingere di fare la guerra, forse perché la guerra vera non l’ha mai vista: sfido chiunque a ritornare vivo dall’inferno e ad avere voglia di giocare al piccolo esorcista. Quando però parliamo di governo, di bilanci pubblici, di sanità e di regolamentazioni, tutto vorrei tranne che essere governato da qualcuno scelto dopo avere bevuto ampolle piene di acqua del Po, dopo avere inneggiato al dio Odino, dopo avere imbracciato fucili che non sa neppure usare e, da ultimo, dopo avere bruciato una bandiera in nome della quale si candida ad amministrare la cosa pubblica.

Eppure questa è la destra italiana di successo: un gruppo di lupi travestiti da saltimbanchi, da giullari e da trasformisti per circuire la mente di uno stuolo di buontemponi giocherelloni.


 

Oggi, al Consiglio della Regione Lombardia, consiglieri e assessori della Lega sono usciti dall’aula mentre suonavano l’Inno di Mameli (che, sia detto per inciso, a me piace un casino, ma questo è un altro post). Sarebbe come dire che faccio domanda di assunzione alla Alpitour e poi esco quando sventolano la bandiera del villaggio turistico e suonano la sigla del team di animazione prima di ogni spettacolo (tanto per restare in tema). Se io fossi in Alpitour, animatori così li sbatterei fuori a calci in culo. Peccato che Aristotele avesse ragione: la democrazia è cosa per gente evoluta, altrimenti la demagogia prende il sopravvento e tutto degenera presto in tirannide.

Eleonora Bianchini, giornalista e scrittrice, ha scritto un libro sulla Lega Nord. L’ho intervistata.

IL LIBRO CHE LA LEGA NORD NON TI FAREBBE MAI LEGGERE

Intervista ad Eleonora Bianchini, giornalista e scrittrice, autrice del libro.


Chi è la Lega Nord? E’ un partito per la secessione o il federalismo? I nostri ministri cosa ci dicono? Continuano a portare avanti una politica orientate al federalismo e al risparmio, contro una ‘Roma ladrona’ che ha risucchiato le risorse economiche di noi cittadini. Denaro pubblico finito nelle mani del Mezzogiorno da sempre in antitesi con un Nord ‘produttivo’. Ma la Lega di lotta equivale a quella di governo o ci sono delle differenze? E fino a che punto nei fatti è fedele a sè stessa?

Sicuramente la Lega di oggi ha due facce: quella federalista, rappresentata dal programma di governo orientato al federalismo, dalla scuola alla sanità, e quella di lotta, che tutti gli anni va a Pontida e continua a urlare ‘Secessione!”, che vuole la separazione dal Sud ed è convinta che la dirigenza sia lontana dalle logiche di partitocrazia, di familismo e di promozione della politica attraverso i legami di sangue.

In realtà il Carroccio in 20 anni di vita si è molto avvicinato a quello che voleva combattere, inclusa la partitocrazia e la logica dello spreco di denaro pubblico. Ricordiamo ad esempio i finanziamenti richiesti da Manuela Marrone, moglie di Umberto Bossi per la ‘Bosina’, la scuola padana che ha fondato e che si è accaparrata 800mila euro, prelevati dalle tasche dei cittadini. Insomma, quando c’è da giocare la partita per il denaro, la Lega continua ad accodarsi come fanno gli altri partiti da cui dice di essere schifata.

Nonostante questo, però, riesce ancora a convicere. Convince l’immagine di un leader come Umberto Bossi, un uomo carismatico che riesce a trascinare il suo popolo presentandosi d’estate con il sigaro e la sua canottiera bianca, e a mostrarsi vicino agli elettori, mentre a Pontida siede a mangiare con i militanti. E come lui tanti dirigenti del partito.

La Lega è anche il partito contro gli immigrati, quello delle proposte per la negazione dei diritti delle donne e degli omosessuali. Negli ultimi mesi, inoltre, abbiamo anche assistito alla discriminazione contro i bambini di Adro dove una scuola pubblica è stata tappezzata col simbolo del Carroccio, il Sole delle Alpi, fingendo che appartenesse alla storia dei popoli padani.

Contro gli immigrati ricordiamo l’operazione ‘White Christmas’ del Comune di Coccaglio, in provincia di Brescia: la polizia municipale andava porta a porta per stanare chi era senza permesso di soggiorno ognuno dei quali valeva un premio di 500 euro per il vigile controllore. Una ‘taglia’ col denaro pubblico.

Appartiene alla Lega anche il nostro ministro dell’Interno Roberto Maroni che ha preferito celebrare la Festa della Repubblica del 2 giugno a Varese, anzichè nelle sedi istituzionali, e lì ha voluto che la banda al posto dell’inno di Mameli intonasse ‘La Gatta’ di Gino Paoli. E’ lo stesso partito in cui Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, per l’inaugurazione di una scuola preferisce sentire il ‘Va’ pensiero’, per lui più rappresentativo dell’Inno di Mameli.

La Lega è anche un partito che ha sempre mantenuto un rapporto ambivalente con la Chiesa cattolica: ai tempi di Giovanni Paolo II, Umberto Bossi era convinto che il Vaticano fosse una lobby massonica che controllava i padani ‘nel cesso e nel letto’ mentre con Ratzinger, assestato su posizioni più integraliste e conservatrici, il Carroccio è riuscito a trovare una sponda sulle questioni etiche, dal diritto alla vita fino a Eluana Englaro. C’è chi sostiene, tuttavia, che questa vicinanza non sia data dalla comunanza dei valori, ma all’impossibilità di realizzare quanto ha da sempre promesso ai suoi elettori: il federalismo.

Questi sono solo alcuni degli aspetti trattati ne “Il libro che la Lega nord non ti farebbe mai leggere” dove troverete la storia del rapporto tormentato e contraddittorio che la Lega ha intrattenuto con le nostre istituzioni, gli interrogativi sul progetto federalista dalla sanità alla scuola, oltre alla vicenda poco dibattuta della Credieuronord, la banca padana miseramente fallita nonostante le trattative con Antonio Fazio e Ginapiero Fiorani. Infine, leggerete della violazione dei diritti delle minoranze.

In conclusione vorrei leggervi uno stralcio della prefazione del giornalista di inchiesta Ferruccio Pinotti che scrive della Lega: “Un partito che ha fatto della demagogia e del populismo la sua strategia di azione, riuscendo a guadagnarsi posizioni di potere crescenti nel silenzio generale. Un’ascesa che è sintomatica delle paure della globalizzazione, della chiusura verso l’altro, dei fantasmi che agitano una democrazia fragile”.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a La Lega Nord abbandona l’aula all’Inno di Mameli

  • 2
    Anas E.
    1. La Lega è il frutto di un popolo smemoranto e di una leaderchip incoerente, un popolo governato con la xenofobia col sogno della terra promessa “la Padania, che cos’è??? una terra legendaria, forse ci sono più prove dell’esistenza di Atlantide che della Padania”.
    2. La Lega è quella che fa discorsi separatisti, chiede la secessione e allo stesso tempo dice che gli stranieri non sono integrati e non vogliono esserlo.
    3. La Lega è quella che faceva le dieci domande ” Berlusconi sei mafioso?”, adesso sta al governo accanto a lui e lo difende. 8 Luglio 1998
    4. La Lega è quella che “combatte” l’integralismo, il terrorismo e difende la sicurezza, e per dare il buon esempio 9 ottobre 2010 e’ stato eliminato dall’ordinamento italiano il reato di banda armata a scopi politici. per salvare i suoi vecchi militani”camice verdi”.
    5. La Lega è quella che alza il dito medio all’inno nazionale. bossi 20 Luglio 2008
    6. La Lega è quella che usa la carta igienica tricolore. Bossi nel ’97.
    7. La Lega è quella del “padroni a casa nostra” ma con decine di basi militari USA  sparse sul territorio e decine di testate nucleari sotto il sedere.

     

     

  • 1
    platone

    Se un senatore come il lider della lega (lega di cosa poi?) negli stati uniti avesse detto che con la bandiera della nazione si sarebbe pulito il c**o,sicuramente lo avrebbero deportato a guantanamo e non solo parla male anche della costituzione,negli stati uniti d’america la costituzione ha piu di 200 anni ma nessun politico si sogna di cambiarla ne hanno molto orgoglio e rispetto,qui i nostri politici sono l’esempio piu’ triste e drammaticamente ridicolo che la cosa che meno gli importa e il bene della nazione e del popolo.L’italia e’ oramai la macchietta dell’europa abbiamo un capo del governo che crede di essere il re di persia e ha gia il suo arem una opposizione senza forza e si continuano a dare brutti esempi morali ai giovani.Solamente il popolo puo’ cambiare le cose pero’ oramai ci vorra tempo per curare le ferite fatte da un piano mediatico durato piu’ di 20 anni,la gente non dovrebbe piu’ cercare fettici nella politica e lasciare indietro nel passato i vecchi totem e avere fiducia e speranza solamente in loro stessi,e l’unico modo per eovluzionare gia che i politci solamente vogliono dei polli da sacrificare al loro sadismo.Mi viene in mente un meraviglioso passaggio della bibbia;quando il diavolo dice a gesu’:se ti inchini davanti a me ti faro signore della terra,chiede questo a gesu quando e lui il creatore,cosi’ fanno i politici si compratono come se fossero loro i padroni quando invece sono solamente i servi del popolo.

  • 0

    come sempre, ignoranti.

    Nell’Inno di Mameli c’è anche una citazione sulla Lega Lombarda, ma quella vera, non la loro stupida parodia.

    Dall’Alpe a Sicilia

    Ovunque è Legnano

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>