Luigi De Magistris


Il Blog di Claudio Messora sul Fatto Quotidiano  Dal mio blog sul Fatto Quotidiano (link)


De Magistris si avvale dell’immunità europarlamentare. Cori di insulti, schiamazzi scomposti, offese. D’accordo, detta così riecheggia nell’inconscio collettivo intessendo sinistre assonanze di mastelliana memoria. A beneficio di chi avesse ancora le vesti integre e potesse aspettare una decina di minuti prima di stracciarsele, proviamo a fare un ragionamento insieme.

 

 

 Luigi De Magistris si avvale dello strumento dell’immunità così come è declinato al Parlamento Europeo, ma poiché siamo italiani, ragioniamone dal nostro punto di vista. Cosa dice l’Art.68 della Costituzione italiana?

«I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza. Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza»

L’Italia tutela dunque il parlamentare, anche dopo la riforma del 1993, sotto due profili sostanziali: quello del diritto di espressione nell’esercizio delle sue funzioni e quello della tutela rispetto al sovvertimento del potere politico ottenuto mediante quello giudiziario. Perlomeno a grandi linee questa vorrebbe essere l’intenzione. Ma di buone intenzioni, si sa, sono lastricate le vie dell’inferno.

La prima parte è certamente condivisibile. L’attività di un politico, che dovrebbe essere la più nobile – tanto da conferire a chi la esercita il titolo di onorevole – impone di non omettere informazioni essenziali che possano evitare ai cittadini di compiere scelte elettorali sbagliate. L’ottica è quella del bene comune: se ad esempio io venissi a sapere che una cordata imprenditoriale ha infiltrazioni nella classe dirigente tali per cui ne può derivare un danno alla comunità, il mio compito sarebbe certamente quello di denunciarlo pubblicamente, sottraendo consenso alla cricca. Lo scontro politico è preminentemente verbale, aspro, polemico, o così almeno dovrebbe essere in una democrazia vitale, dove le spinte opposte sono bilanciate in un gioco di poteri istituzionali che deve agevolare il conflitto ma anche dargli un solco costituzionale entro il quale scorrere. Tanto che si dice da tempo che l’opposizione in Italia non esista, proprio perché fare opposizione, e quindi fare politica, presuppone un livello di scontro manifesto che scongiuri il rischio di accordi e accordicchi perpetrati in segreto.

Da qui l’esigenza di uno strumento che tuteli il politico dalla sua esposizione giudiziaria, proprio nell’interesse della comunità che egli rappresenta: imbavagliare un deputato minacciandolo di ritorsioni legali equivale a togliere libertà di espressione ai cittadini che lo hanno eletto.

Di natura diversa è il secondo ordine di tutele, quello che impedisce a un parlamentare di essere arrestato senza il consenso della giunta per le autorizzazioni, salvo rare eccezioni. Se nel primo caso parliamo più che altro di querele per diffamazione, ovvero di strumenti giudiziari che essendo alla portata di tutti costituiscono facili leve per intimidire il parlamentare e inibire la sua vis politica, nel secondo caso si entra già in un quadro più complesso, perché generalmente si vuole creare uno scudo immunitario che difenda il politico da un contesto accusatorio circostanziato e ricco di elementi probatori, solitamente di rilevanza penale, tanto da essere oggetto di richiesta di autorizzazione a procedere da parte della magistratura, emessa dopo un iter di valutazioni preliminari che ne accertano la consistenza e la pertinenza. In questo contesto, da cosa si vuole realmente difendere il parlamentare? Essendo solitamente le accuse gravi e circostanziate, o si ritiene che l’accusato sia potenzialmente colpevole, e dunque nulla giustificherebbe la negazione di tale autorizzazione, oppure si ritiene che la tesi sia politica, e dunque che vi sia il cosiddetto fumus persecutionis, ovvero la «parvenza di persecuzione»: le azioni compiute dalla magistratura, cioè, non sembrano giustificate dalla mera applicazione della legge o dalla ricerca della verità, ma sembrano nascondere l’intenzione di nuocere a una persona in particolare. Con la seconda parte dell’Art.68, insomma, in linea di massima ci si tutela dalla possibilità dal sovvertimento del potere politico ad opera di quello giudiziario.

Che uso di quest’ultima facoltà si faccia in Italia, alla fine, lo sappiamo tutti. L’immunità parlamentare non viene quasi mai usata per difendere la libertà di espressione politica, ma viene quasi sempre invocata per sottrarsi all’arresto e ai procedimenti penali.

Quale uso ha fatto De Magistris dell’immunità europarlamentare? Non vi è nessun dubbio che parliamo della tutela della libertà di critica. Una volta se ne è avvalso per una querela depositata da Clemente Mastella, mentre in questi giorni se ne avvale per difendersi dalla causa civile che Bagnoli Futura SpA ha intentato contro di lui dopo la sua affermazione, datata 3 giugno 2010: “Bagnoli è una pagina vergognosa di commistione tra politica e crimine attorno al denaro pubblico“. E’ evidente che non si tratta di accuse di rilevanza penale che possano alimentare l’infamante sospetto che l’eurodeputato abbia commesso un reato, se non l’eventuale diffamazione (in questo caso tutta da provare) che però, come abbiamo visto, rientra nei rischi del mestiere di chi fa politica e, se è commessa nell’esercizio del ruolo istituzionale, deve essere tutelata e lo è quasi ovunque. In Spagna, in Germania, in Belgio e in Francia, per esempio, i parlamentari non sono responsabili né civilmente né penalmente, né possono essere soggetti a un’inchiesta a causa di qualsiasi dichiarazione o opinione fatta in parlamento, o nell’esercizio della loro funzione di rappresentante (anche se in Germania la calunnia è esclusa da questa forma di libertà di espressione). Lo stesso accade nei Paesi Bassi, in Svezia, in Belgio, nel Regno Unito e in tanti altri paesi del mondo.

E’ giusto dunque rinunciare all’immunità parlamentare in nome di un principio, di un’ideologia tranchant, che non fa distinguo, rischiando di spuntare i (pochi) e preziosi strumenti di critica che la Costituzione ci assegna? Possiamo permetterci il lusso di mettere il bavaglio ai parlamentari eletti, proprio quando questi, puntando il dito, si rendono più utili alla collettività?

In virtù di questa riflessione, se De Magistris si sottrae alle querele di Mastella sfruttando le prerogative che gli derivano dalle funzioni cui è stato preposto dopo una delle poche competizioni elettorali che ancora prevedono la preferenza diretta, confesso che non agita più di tanto i miei sonni, pur già molto inquieti. Diverso se De Magistris fosse invece stato indagato per crimini che esulano dal quadro della libertà di espressione politica. In questo secondo ipotetico caso, avvalersi dell’immunità europarlamentare sarebbe certamente un gesto incoerente e condannabile.

Se invece lo stesso abbandona il Parlamento Europeo, dove i cittadini l’hanno espressamente mandato con un compito ben preciso, per cambiare in corso d’opera la sua “destinazione d’uso” e candidarsi con un coupe de theatre a sindaco di Napoli, ecco… questo invece confesso che desta in me alcune perplessità di ordine deontologico.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Luigi De Magistris

  • 5
    dl31

    aggiungo pure perche all’euro-parlamento non ci fanno decidere a noi se è giusto dare l’immunità a qualcuno ??????

    se si votano tra loro è normale che se la passano sempre liscia !!!!!

  • 4
    Art

    Il ragionamento non fa una grinza caro Claudio. Ed anche per la candidatura a Napoli dovresti articolare il ragionamento come hai fatto per l’immunità. A Napoli De Magistris non voleva candidarsi. Si attendevano le mosse del PD, del maggior partito di opposizione. e quali mosse ha fatto? Prima non si smarca da Bassolino, che resta un esponente importante e potente della sinistra locale. Poi si lancia in primarie al limite della farsa, con classico contorno di capibastone, votazioni dubbie, conteggi fuori controllo. Una dimostrazione di incapacità gravissima in un territorio molto delicato. Davanti a questo ridicolo PD, chiunque ami Napoli sentirebbe una spinta immane a fare qualcosa. E da molte parti De Magistris riceveva pressioni a candidarsi. E lo ha fatto, anche a costo di contraddirsi, e di affrontare i soliti pronti a stracciarsi le vesti in nome di un’ideologia senza se e senza ma (come giustamente dici nel post).

    Concludo che nemmeno io avrei voluto vedere De Magistris candidato. Avrei preferito un PD al comando di una sinistra in grado di smarcarsi dai vecchi poteri, e capace di candidare persone nuove, pulite, con idee moderne. Ed invece il PD candida Morcone.

  • 3

    Tutto nell’IDV desta ormai perplessità…

  • 2
    Quilo

    Caro e inestimabile Claudio, per completare il quadro bisogna commentare l’incomprensibile smentita fatta da LDM il giorno dopo essersi avvalso dell’immunità.

    L’immunità viene infatti esercitata il 4 aprile e il 5 aprile LDM dichiara: “Mi difenderò ovviamente nei processi, senza scudi immunitari ad hoc”.

  • 1
    claudiorossi

    C’e’ una bella differenza tra reati comuni e reati d’opinione. La costituzione voleva tutelare i parlamentari solo per questi ultimi e per le azioni tese ad intimidirli. Quindi, in questo caso De Magistris ha fatto bene. Se poi la “casta” ha allargato la tutela a qualsiasi tipo di reato e ormai l’espressione “immunita’” per i parlamentari richiama un salvacondotto generale, e’ necessario distinguere (ovviamente non per il colore del parlamentare ma per il tipo di immunita’ richiesta).

  • 0
    dl31

    de magistris non ha mantenuto una sola promessa fatta sia quando si è fatto votare a euro-parlamentare, sia ora che ha fatto uso dell’immunità !!!!!!!

    aveva promesso la creazione di una mega procura europea non appena arrivato in europa…..che fine ha fatto ??????

    si faccia processare senza far uso dell’immunità !!!!!!!

    o saranno state solo belle chiacchere quelle che ha fatto fino ad ora !!!!!!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

M5S: “THE ALDE AFFAIR” SPIEGATO A CHI ANCORA NON L’HA CAPITO

M5S - THE ALDE AFFAIR SPIEGATO A CHI ANCORA NON L'HA CAPITOIn molti ancora non si spiegano come sia stato possibile per il Movimento 5 Stelle il fallito tentativo di entrare nell'ALDE, il Gruppo Politico Europeo più europeista che c'è. È comprensibile: le istituzioni europee sono lontane, opache e volutamente complicate. In questo video cerchiamo di fare chiarezza sulle questioni tecniche...--> LEGGI TUTTO

CHIESA E MESSORA SU UE E MES: LA POLITICA NON ESISTE PIÙ.

Chiesa Messora su UE e MES - La politica non esiste piu - playGiulietto Chiesa e Glauco Benigni intervistano Claudio Messora sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità altrimenti detto Fondo Salva Stati, e sul finire lanciano una proposta di giornalismo investigativo per identificare i gruppi di potere che si nascondono dietro i gruppi di lavoro nella Commissione Europea. ...--> LEGGI TUTTO

“Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”…

Come tremano Dopo la colossale figura di palta, anziché una letterina di scuse per avere esposto tutto il Movimento 5 Stelle al pubblico ludibrio, a un fallimento politico colossale e avere rovinato irrimediabilmente i rapporti nel Gruppo Politico dove M5S Europa risiede, l'Efdd, arriva questo testo sul blog...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

Gentiloni, il Presidente del Consiglio che vuole cedere sovranità all’Europa – Diego Fusaro

Gentiloni vuole cedere sovranità all'europa di Diego Fusaro Ora è ufficiale: Sergio Mattarella ha scelto Paolo Gentiloni per formare il nuovo governo in seguito alle dimissioni di Matteo Renzi sconfitto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. Lo stallo, dunque, è superato. Mattarella ha sostenuto con enfasi, al...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Governo Gentiloni: cambiare tutto per cambiare in peggio.

La conferenza stampa di Paolo Gentiloni dopo l'incarico ricevuto da Mattarella ad esplorare la formazione un nuovo Governo. Nuovo Governo che, secondo lo stesso Gentiloni, si muoverà in continuità con il Governo precedente e con la stessa maggioranza. Un renziano al posto di Renzi. Come dice...GUARDA

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>