Fare una telefonata è da mafiosi

Vorrei che fosse chiara una cosa. Alcuni, tra i commenti postati su questo blog, sul Fatto Quotidiano e su Facebook, in buona fede mi incoraggiano sostenendo che avere il blog aiuterà a risolvere prima e meglio “il mio caso“. Questo è esattamente l’opposto del proposito con il quale sto raccontando quello che accade ad un paziente qualunque, in un ospedale qualunque di una qualunque grande città.

Se avessi voluto “risolvere il mio caso”, avrei fatto una telefonata. Perché è così che le cose funzionano in Italia: fai una telefonata alla persona giusta (e qualche numero in rubrica me lo sono fatto) e tempo 24 ore hai tutte le attenzioni del mondo. Invece io ho scritto una lettera aperta.

 

Perchè si sa: così fan tutti! Abituato a non avere diritti, ad essere sopraffatto dalla legge del più forte, a soccombere, a farsi da parte al cospetto di cittadini più uguali degli altri, l’italiano cerca disperatamente agganci, maniglie, escamotage, qualunque sotterfugio possa consentirgli di uscire vivo da un sistema improntato al clientelismo, ai favori personali, al potere gestito per elargire prebende e non per garantire diritti. Poi, una volta ottenuto al prezzo del servilismo più umiliante e indecoroso il suo “risultato personale”, anziché vergognarsene passa addirittura al bar a vantarsene con gli amici. Racconta delle sue conoscenze e di come abbia, grazie a loro, “risolto il suo problema”, esattamente come fanno i pescatori che si vantano di avere tirato in secca il pesce più grosso.

 

Ecco come siamo: deboli, vigliacchi, spaventati al punto da apparire come Benigni e Troisi che scrivono la lettera a Savonarola, “sempre con la faccia sotto ai tuoi piedi”, pronti a rinnegare pubblicamente i nostri stessi diritti per poi cercare di riacquisirli pagandoli due volte, una con le tasse e una con la mercificazione della nostra dignità.

 

Scrivendo sul blog, io al contrario ho scelto di essere cittadino qualunque; di quelli che per quanto si sforzino proprio non riescono a tirare fuori un solo nome interessante che sia uno dall’agenda telefonica; di quelli che se gli va di culo trovano di fronte a sé una persona per bene, o uno stronzo che però quel giorno lì, magari perché ha appena avuto una buona notizia, si sente buono e perfino generoso al punto da far loro passare come un favore quello che in realtà fa parte delle normali spettanze; di quelli che in uno stato di diritto chiedono il rispetto dei loro diritti solo quando ogni altro sotterfugio si rivela fallimentare.

 

Ogni approccio difforme è un approccio mafioso. Quindi resto qui, non tanto in attesa di una risonanza magnetica pur necessaria dopo 10 giorni di ricovero d’urgenza (*) ma più che altro di ottenere la “giusta considerazione” da parte del sistema ospedaliero. Voglio vedere se un paziente che non ha nessuno, che affronta la sua degenza in solitudine, che non può permettersi di sguinzagliare parenti furibondi al perenne inseguimento di infermieri sfuggenti, di medici indaffarati e di primari frettolosi su e giù per i corridoi dei reparti e per le scale di raccordo – perché un ufficio non ce l’hanno o perché lo tengono riservato – possono avere l’onore di sperimentare un sano rapporto “medico-paziente” per almeno cinque minuti della loro permanenza. Voglio vedere se e quando finalmente un medico si siederà accanto al mio posto letto per conoscermi, magari presentandosi, qualificandosi come punto di riferimento, come figura di raccordo stabile e rassicurante nel comprensibile trambusto di un reparto ospedaliero, scusandosi a nome della struttura per eventuali disguidi, rassicurandomi sugli interventi correttivi in atto, magari anche, perchè no, visitandomi ed esaminando un’ipotesi articolata di trattamento e guarigione. Voglio vedere quando e se accadrà ciò che dovrebbe avvenire sempre, per tutti, senza il borsino delle raccomandazioni o la deferenza spontanea verso i degenti illustri, pratiche che non hanno nulla di diverso, in linea di principio, rispetto alla richiesta di aiuto che il bravo picciotto fa al boss mafioso per risolvere un problema che gli sta a cuore.

 

Tutto questo deve ruotare intorno a quel complesso di valori umani senza i quali qualsiasi servizio erogato ai cittadini è un involucro vuoto e fortemente squilibrato nei confronti dei potenti o dei servili, non meno responsabili, che con il loro vassallaggio ne perpetuano l’egemonia e l’insaziabile bramosia di predazione sociale.

 

Qui Ospedale Sacco,Milano. GIORNO 10 dal mio ricovero.


(*) Update. E’ venuto il primario. Pare che la risonanza fosse stata prenotata, ma inspiegabilmente fosse poi scomparsa dai sistemi. In ogni caso è riuscito a ottenere dalla radiologia un appuntamento per oggi, e finalmente l’esame è stato effettuato. Sono in attesa dei risultati. Abbiamo finalmente iniziato a comunicare. Vi tengo aggiornati.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

19 risposte a Fare una telefonata è da mafiosi

  • 11
    Egidio

    Niente da dire se non i miei complimenti per la lucidità e l’equilibrio.

    Permettimi un solo accenno alla mia rabbia, quando dopo aver profuso tutte le energie per far girare in maniera equa per chichessia la ruota arruginita del sistema pubblico incontro invece chi mi dice “dottore, sa io sono grande amico del primario tal dei tali…, come la mettiamo con i miei esami?”.

    Perchè le medaglie hanno sempre due facce.

    Ancora auguri.

  • 10

    La foto nel post del 21 mi rattristava, meglio questa. http://www.byoblu.com/image.axd?picture=/dovelamiarisonanza.jpg

  • 9
    heisenbug

    Buona Pasqua!

  • 8
    ViP

    In tutta la tua chiacchierata non ti ho mai sentito parlare  di “medico privato” o “intra Moenia”.

    E’ un caso o è l’hai evitato in modo consapevole?

  • 7
    marcosolare

    Ti auguro una lunga vita in salute e luciditá (vedi la Montalcini)!In bocca al grande lupo che é la mala-sanitá italiana!. . . . .

  • 6
    marcosolare

    Ti auguro una lunga vita in salute e luciditá (vedi la Montalcini)!In bocca al grande lupo che é la mala-sanitá italiana!. . . . .

  • 5
    marcosolare

    Ti auguro una lunga vita in salute e luciditá (vedi la Montalcini)!In bocca al grande lupo che é la mala-sanitá italiana!. . . . .

  • 4
    Luca26

    Claudio ti seguo sempre dal tuo blog, ma questa volta devo farti un’osservazione per difendere la mia professione. L’infermiere non è l’assistente socio sanitario “OSS” che è un’altra figura prevista come personale di supporto agli infermieri impiegati nella unità operativa. 

  • 3

    O.T.Buona Buona pasqua @Claudio,

    riposa e divertiti e con buona PACE 

  • 2
    roby

    la sanita pubblica e gratuita  per tutti è solo una chimera. Vince sempre chi è piu forte o con i soldi o con le conoscenze o con le grida;il giusto e l’onesto soccombono se non hanno fortuna.

    Perciò claudio datti da fare a gridare piu forte possibile per rimetterti in piedi ed aiutare chi non può gridare!,Grazie per tutto quello che stai facendo anche da lì. ! ciao sei un grande.

  • 1
    Al

    Tre cose da dire però innanzi tutto voglio augurarti di guarire bene e presto! E intanto di passare serenamente questi giorni di festa.

    Prima cosa (e premesso che per il resto condivido tutto quello che dici) nel video dici che scrivi una lettera e che ti presenti al direttore sanitario come collaboratore del Fatto Quotidiano e blogger. Questo per me equivale a dire: “Forse lei non sa chi sono io…” (sono il collaboratore di un giornale che ti può fare un c**o (mediatco) così…
    Comunque nella lettera al direttore sanitario che hai pubblicato sul blog ti qualifichi solo come blogger e mi auguro che sia questa seconda la versione che hai mandato.

    Seconda cosa: nel video dici “… vai al San Raffaele e hai un Igienista Mentale che ti cura”. Se è un lapsus è bellissimo! :)  :)

    Terzo: la cancellazione della prenotazione dai sistemi non si fa da sola. Se il sistema è stato programmato con un minimo di criterio dovrebbe rimanere traccia di chi fa e cancella le prenotazioni. Io chiederei al primario di informarsi su chi ha cancellato la prenotazione e di chiedergli conto del motivo. (Puoi sempre citare la legge di Perkins: “Nulla si Prenota e nulla si Sprenota da solo”).
    Così se, metti l’improbabilissimo caso che ti abbia cancellato per metterci uno che ha fatto una telefonata alla persona giusta, magari la prossima volta si fa qualche scrupolo in più (sempre che metti caso il primario gli abbia detto che a fare certe cose si rischia il posto).

  • 0
    pierluigi

    Sono contento per te!! Un primo passino è stato fatto.

    Le acque si sono smosse da sole o è stato, per caso, la tua lettera aperta?

    Anche i medici leggono….

    Stammi bene

  • -1
    mc2

    Tanti auguri Claudio.L’Italia… anzi il mondo sarebbe diverso se ci fosse più coraggio e più consapevolezza dei propri diritti.A causa di questo atteggiamento timoroso dei più, chi sta al potere (appunto come hai già detto nel post) può permettersi di far passare un diritto per un favore. Prendo per esempio l’episodio dell’emergenza sbarchi a Lampedusa: quando il Premier è andato lì a parlare ai lampedusani, aveva l’atteggiamento di uno che stava facendo un “favore” invece che il suo DOVERE (ci mancava solo che dicesse: “proprio perché siete voi, faccio un’eccezione… ma non ditelo a nessuno!!!”).

  • -2

    Secondo me, le tasse – ed ancor prima i diritti costituzionali – e anche più in generale quelli universali dell’uomo – bastano a maturare ragionevoli aspettative di cura che mi appaiono al momento largamente disattese.

    Non posso quindi che concordare sulla tua scelta, tanto meno scontata o banale, visto che chiedere per favore le cose che ti spettano è sì umanamente umiliante ma è un sistema che sul piano dell’utilità, madiamente funziona. E quando c’è di mezzo la propria colonna vertebrale, non è facile tener fede a dei principi o a degli ideali che presentano qualche rischio di essere recepiti con fastidio o permalosità.

    Bravo, Claudio, io sostengo attivamente questo tuo modo di operare.

  • -3

    E’ encomiabile (o se vogliamo, normale) il fatto che sebbene ne avessi la possibilità tu non abbia sfruttato le tue conoscenze. Sono comunque convinto che il fatto che tu sia un blogger così conosciuto abbia fatto la differenza eccome.

    A un pinco pallino qualunque credo che la risonanza non sarebbe ricomparsa altrettanto magicamente nei sistemi, anche dopo la ricezione di una lettera aperta.

    Ovviamente, auguroni di buona guarigione, e complimenti per questa interessantissima saga ospedaliera :)

    Sandro, Cagliari

  • -4
    Lady Doc

    Complimenti!

    1-0 per la democrazia! =)

  • -5

    Claudio, posso oramai affermare di essere onorato della tua conoscenza, sapessi quante volte ho voluto farla io quella telefonata, ma non avevo alcuna conoscenza da tirare in ballo.

    A volte mi chiedo, dove arriveremo, sono sulla cinquantina, bruttino, oramai alle pezze, che futuro mi attende ??

    Quanti si sentono come me ?? e quanti non hanno il numero giusto, o meglio non hanno neanche il cellulare ??

    Buona Pasqua a tutti, e quando domenica uscite dalla chiesa, con l’abitino della festa, aprite il vostro portafoglio, ma non a quelli che vi attendono subito fuori, sulla scalinata, andateli a cercare i veri bisognosi, magari abitano al piano di sopra, e non li conoscete affatto …

  • -6
    Anas E.

    Salam Aleicum !

    Ci hai dato una lezione di educazione civica che ormai è una parola  strana se non dico fuori moda per tanti, Così si ottiene  un dovere; così si denuncia una anomalia, non con le raccomandazioni e nemmeno con la violenza, ma con la pazienza, l’orgoglio e sopratutto la dignità.

    Sono fiero e lieto di averti conosciuto, ti stimo e ti rispetto, sei una persona molto equilibrata.

    Che sia di lezione per tutti noi !!!

    RESPECT :)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>