NOI, QUI IN RETE, FACCIAMO COSI’ – 2011 D.C.

A Bergamo fanno così: se dici cose che non piacciono, uomo, donna, bambino oppure anziano che tu sia, ti mettono le mani al collo. A Milano invece fanno così: se una donna viene aggredita e malmenata i vigili non indagano, non ascoltano testimoni che vogliono deporre spontaneamente e non redigono verbali. Ma se la stessa donna sposta una bicicletta con un piede, allora si tratta di un’atto di intollerabile inciviltà che le costa l’identificazione immediata da parte di un tutore delle forze dell’ordine comunali.

Il Comitato Elettorale di Matteo Forte (PDL, candidato comunali Milano) risponde al video dell’aggressione al Movimenti Cinque Stelle con una diffida a rimuovere tutti i contenuti da Youtube e dal blog.


Da Matteo, un giovane di 26 anni, mi sarei atteso una eventuale lettera aperta, scritta con la serenità di chi non ha nulla da temere da un confronto pacato, non essendo peraltro accusato direttamente di nessun fatto specifico. Invece arriva una diffida e una richiesta di rimozione di contenuti. Un atto vecchio, un’esibizione muscolare debole, spuntata e inutile, peraltro priva di sostanza nella pretesa di tutelarsi da una diffamazione inesistente nello specifico, che ottiene l’effetto contrario a quello che probabilmente si prefiggeva e che dimostra una sola cosa: il nuovo che avanza, in politica, è in realtà solo il vecchio che non retrocede. Stiamo crescendo una nuova generazione di politici che della rete non ha compreso nulla, né lo spirito né le potenzialità, e che crede ancora che un buon governo ed il futuro si costruiscano a colpi di carte bollate. Questo è il lato davvero deludente a consuntivo di questa piccola, squalificante vicenda.

Per questo motivo, parafrasando la famosa e controversa lettera di Pericle agli ateniesi, scritta nel 461 a.C., duemilacinquecento anni dopo dico forte e chiaro a Matteo, così come a tutti i cosiddetti “giovani” ancorati ad un’idea di informazione come luogo di conquista, di censura, dove fare rogo di libri, di articoli e di video per evitare il confronto e liberarsi dal fastidio del dialogo, che

NOI QUI IN RETE FACCIAMO COSI’ [2011 D.C.]:Le informazioni non si rimuovono mai: si integrano.

Nel testo sotto la lettera ricevuta dal Comitato Elettorale di Matteo Forte. Nel video accluso le mie argomentazioni nel merito.

CHIARIMENTI

dal Comitato Elettorale di Matteo Forte


In riferimento ai fatti riportati da un video pubblicato sui siti www.beppegrillo.it, www.byoblu.it, e altri, si precisa che:1. Quanto riportato dalla signora Paola Bernetti, candidata al Consiglio Comunale di Milano per la lista Movimento 5 stelle Beppegrillo.it, contrasta con le numerose testimonianze dei presenti, in particolare: alcuni sostenitori di Matteo Forte, verso le ore 12.30 di sabato 7 maggio 2011, dopo aver consegnato un volantino a una signora presente nel mercato di via Papiniano, si sentivano rivolgere dalla signora Bernetti espressioni come: “Ecco voi prendete i voti solo dalle vecchie con l’alzheimer”. Un ragazzo presente nel mercato, sentiti gli insulti rivolti all’anziana signora, avvicinatosi alla Bernetti, le rivolgeva parole simili: “Come si permette lei? Se fosse sua nonna? A Bergamo faremmo così…”. A questo punto il ragazzo appoggiava le mani al collo della signora.

2. Nessuno dei sostenitori di Matteo Forte ha, pertanto, mai aggredito verbalmente, né fisicamente, la signora Bernetti, autrice del video in oggetto.

3. Consideriamo estraneo a noi qualsiasi atteggiamento violento e lesivo della libertà altrui e respingiamo ogni modalità di campagna elettorale che non sia quella di un confronto franco e sereno sui programmi e sui candidati.

4. Il ragazzo protagonista del diverbio con la signora Paola Bernetti non è in alcun modo collegato a Matteo Forte ed alla sua campagna elettorale: affermare il contrario è falso e tendenzioso, oltre che diffamatorio nei confronti del candidato Matteo Forte e dei suoi sostenitori;

5. La Polizia Locale di Milano, intervenuta tempestivamente, accertati i fatti e ascoltati alcuni testimoni presenti, tra cui il titolare di una bancarella vicina, non ha ritenuto che vi fossero elementi per procedere ad azioni legali di alcun tipo.

Chiediamo la rimozione immediata di ogni strumento testuale e/o visivo che sia lesivo della verità dei fatti e della nostra libertà.Per questo ci riserviamo di tutelare la nostra onorabilità e la verità dei fatti attraverso azioni di natura legale in tutte le sedi che riterremo opportune.

Certi di una pronta risposta,

porgiamo cordiali saluti

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a NOI, QUI IN RETE, FACCIAMO COSI’ – 2011 D.C.

  • 4
    titabs

    Lo so che forse il tema non è del tutto attinente ma sarebbe utile rilanciare anche tra gli altri blogger quanto segnala:

     http://metilparaben.blogspot.com/2011/05/una-firma-per-salvare-dal-patibolo-i.html

     Il link finale è:

    http://www.avaaz.org/it/uganda_stop_homophobia_petition/?cl=1059301648&v=9055

  • 3
    RIHOIR.it

    Ciao a tutti,

    sono stato tra coloro che hanno raccolto l’invito di contattare Matteo Forte, sollecitando un chiarimento per amor di pubblico diritto ad informazione e giudizio.

    I suoi commenti mi sembrano positivi, specialmente nelle intenzioni di formalizzare una posizione definitiva rispetto a fatti che non possono facilmente accertarsi con quella inoppugnabilità che invece vorremmo. Non ci sono registrazioni. E le testimonianze di parte possono essere credute sulla base di convincimenti personali, senza per questo costituire una prova, una verità dimostrata. Se tanto mi dà tanto, il partito dell’amore in verità si dimostra ogni giorno campione e professore di odio. Anche oggi, il capo-urbe Letizia Moratti con il suo sfidante Giuliano Pisapia. Qui si dice ci si dissocia da Lassini ma ci si comporta come lui.

    Per restare ai “si dice” avrei tuttavia gradito che il Sig. Matteo Forte anteponesse ai propri interessi elettorali e d’immagine il proprio dispiacimento per quanto accaduto alla signora Paola Bernetti. Perché è chiaro che la notizia che tutti noi maggiormente preoccupa è che una persona sia stata fisicamente aggredita con pericolo per la propria incolumità personale, avendo il torto di fare attività politica.

    Né voglio sperare che per il Sig. Forte le eventuali provocazioni verbali della Sig. Paola Bernetti possano costituire una giustificazione.

    La buona immagine, purtroppo, non è un diritto, specialmente quando contraria al’informazione, cioè alla rappresentazione veritiera dei fatti.

    Credo che il Sig. Forte dovrà rassegnarsi a rispondere a sé stesso di un’immagine – la propria – fondata sull’insopprimibile belief di coloro che hanno avuto modo di venire a conoscenza di fatti spiacevoli occorsi, per caso o per causa, in prossimità del suo staff elettorale, così come la Sig.ra Bernetti, ricevuta la solidarietà di tutti, potrà certamente essere resa destinataria – per chi lo ritterrà ragionevole – di dubbio d’inopportunità circa la sua esuberanza.

    La mia idea è che il vigile dovesse tirar giù i sacrosanti nomi. Le cose si fan sempre in tempo a chiudere, di fronte allevidenza. Ma non concordo con il Sig. Forte sulla sua fiducia nei vigili, lui che appartiene ad un partito così scettico sui magistrati. Non concordo sia perché non mi risulta per cronaca che a loro volta le forze dell’ordine abbiano un immagine idonea di per sè ad assicurarne nè integerrimità né tanto meno infallibilità. Sia perché i vigili non hanno l’obbligo istituzionale di perseguire la giustizia (ma solo fini amministrativi, come già detto non automaticamente onorati).

  • 2
    Fra86

    Inizialmente avevo uno sguardo critico per quanto riguarda Matteo Forte ma sul suo sito ha inserito un video dove fa capire con chi si schiera(http://www.matteoforte.it/gallery/) Nell’intervista doppia gli viene chiesto di fare delle smorfie positive o negative in base ai nomi che l’intervistatore annuncia. Ovviamente fa delle smorfie negative contro Beppe G, Travaglio ecc e positve alla Moratti e…. Bin LADEN??? (1’12”)

  • 1
    gc

    si ma nome e cognome di quel genio che picchia le signore?

    come si fa picchiare qualcuno in difesa del pdl, berlusconi, bossi, moratti…è assurdo…

    vorrei vederlo in faccia questo coraggioso difensore (anche aggratiss magari) della casta…per favore!!!!

  • 0
    cicciosoft

    Secondo me Claudio il giovane barbuto sei tu o, se ha un posto al mercato, forse, Matteo Forte. Certo alla fine non si doveva stare così male 2.500 anni fa visto ciò che scrivevano, chissà se avessero capito a Bergamo già allora “come si fa”.

    Il servizio ai cittadini che la politica dovrebbe fornire è un’utopia aimè, la tua presenza e il bisogno che tu scriva, anche coi tuoi “dolori” e con le tue momentanee difficoltà fisiche, è il segno che c’è bisogno di chi faccia minuto per minuto il punto della situazione e malgrado tutto eserciti un controllo di presenza costante verso chi vorrebbe fare come gli pare. Il giorno che smetterai di scrivere e chiuderai il tuo blog la nostra civiltà avrà degnamente raggiunto la maturità necessaria a considerarsi finalmente “evoluta”.

  • -1
    diamante65

    complimenti per il post, una vera e propria lezione di democrazia, non entro nel merito della questione, esprimo soltando la mia solidarietà alla signora aggredita. La rete è l’unica via che bypassa i loro schemi preconfezionati, loro lo sanno e hanno paura, non molliamo !

  • -2
    Publio Valerio

    Il chiarimento contiene diversi elementi contraddittori.

    Il principale è che 

    al punto 1) si conferma l’aggressione fisica, come cosa normale e corretta in risposta alla provocazione (qualora fosse vera)

    al punto 4) si dissocia dal tizio, come se il comportamento del tizio fosse cosa immorale e di cui vergognarsi (come infatti è)

    Innsomma si giustifica l’accaduto e due righe dopo ci si prende le distanze.

    Questo dimostra quanto il comitato elettorale di questo sbarbatello sia superficiale e per niente intelligente.

  • -3

    Io vorrei che per una volta Santoro ad Annozero dicesse ai telespettatori che i commenti al videomessaggio di Berlusconi per le amministrative sono disattivati.

  • -4
    paolobarbiere

    Grandissimo come sempre Claudio!

    Spero di rivederti presto in posizione verticale.

    Paolo

  • -5
    dadobb

    Grande Claudio, come sempre o quasi.

    NON MOLLARE, le brave persone prenderanno sempre più le distanze da certe genti.

     

    Un saluto e auguroni per la tua “martoriata” schiena. Davide, Genova.

  • -6
    MaRaNtZ

    Messora, lascia perdere questi stolti alla “Matteo Forte”.

    Il solo fatto che sul loro sito non siano permessi commenti è già sufficiente a capire come non siano altro che “claque” di appoggio alla Moratti, senza ideali, senza politica, solo il vuoto pneumatico che fischia nelle loro orecchie per differenza con la pressione atmosferica.

    Prendersela con loro non serve, perchè sono già dei morti.

    Ovvio che non devi lasciarti intimidire da simili gretti personaggi, è sufficiente mostrare all’opinione pubblica “come” si comportano, trasparenza che loro non accetterebbero mai, tanti sarebbero gli insulti dei cittadini con cui verrebbero ricoperti in pochi istanti.

    P.S: Hanno pure tolto la voce “contattami” dal loro sito.

    Paolo Marani

  • -7

    Per le biciclette, l’atto di spostamento appare proporzionato alla difesa di diritti ed interessi propri ed altrui.

    Questo avvalora la sensazione di un comportamento del vigile contrario ai doveri di imparzialità di comportamento.

  • -8

    Vorrei aggiungere che l’espressione “A Bergamo facciamo così….” mi infastidisce molto. Questi signori pensano di rappresentare tutti i bergamaschi, tutti i milanesi ed il nord in genere. Vorrei che IDV e M5S cominciassero a parlare il loro linguaggio e dicessero finalmente: “qui a Milano noi di IDV facciamo così, siamo persone perbene noi!”. Gli abitanti del Nord che ragionano con la pancia si identificano in quel “noi a Bergamo” e pensano veramente che tutti i bergamaschi siano così. Come ho scritto all’onorevole Donadi, mi piacerebbe che IDV facesse sparire gli adesivi della Lega dai cartelli stradali o li neutralizzasse ponendo al loro fianco un gabbiano. Queste persone vanno neutralizzate con le loro stesse armi. Vedi radio Padania che potrebbe essere affiancata da radio IDV. ;-)

  • -9
    flash

    hei ragazzone per l’ernia c’è solo una soluzione lunga ma efficace garantito si chiama yoga!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! uno come te’ che informa tanta gente non c’è ancora arrivato!!!!!!!!!!!!!

    i medici non capiscono un c**zo di queste cose non sanno perchè escono fuori i dischi ti ibbottiscono di m**dicine si si m**dicine prova, noi abbiamo bisogno di gente come tè. ciao

  • -10

    Infine,

    la miglior testimonianza di solidarietà del Sig. Forte nei confronti della Sig. ra Bernetti (con le relative virtuose ricadute d’immagine che il Sig. Forte sembra così appassionatamente ricercare), sarebbe stato uno sforzo suo e del suo gruppo di sostenitori presenti sulla scena dei fatti per cercare – come possibile – di ricostruire l’identità dell’aggressore.

  • -11
    Lady Doc

    Claudio,
    l’altro giorno ho visto un tuo clone (sbarbato) a bardo di una KIA arancione in giro per Pisa… be aware of it!

  • -12
    Nicola

    Ho letto tutto per benino. C’è un solo motivo per essere certi che “il tizio del PdL”, non scrivo il nome per non fargli pubblicità, abbia torto e sappia bene che uno dei suoi collaboratori ha usato violenza nei confronti di un libero cittadino. Se avesse ragione, denuncerebbe per diffamazione sito, blogger, signora, youtube e tutto il mondo. Se preferisce non passare per la giustizia ordinaria, ma farsi giustizia da sé secondo il codice PdL, è ovvio dove stia la ragione.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Deutsche Bank a processo! Ma ci dovrebbero andare loro…

Gli infami dello spread - Deutsche bank indagata dalla Procura di Trani Era il 2011 quando gridavo forte e chiaro che lo spread era un'invenzione, un imbroglio. Era il 2012 quando raccontavo dei 7 miliardi di Bot venduti da Deutsche Bank nel luglio 2011 (fu quella la causa dell'innalzamento dello spread). Perché? Presto detto. Come scrivevo, subito dopo, il 20...--> LEGGI TUTTO

Nino Galloni: “Siamo quattro milioni di eroi”.

Alternativa per l'Italia - Nino Galloni - non c'è nessuna crisi "Come è possibile che si parli di crisi se non c'è nessuna scarsità reale delle risorse produttive, delle materie prime, dell'approvvigionamento, dei prezzi, dei costi e delle quantità nell'economia globale? Noi "crediamo" che ci sia una crisi, ma la crisi è solo una crisi di consapevolezza!"....--> LEGGI TUTTO

25 aprile: scontri a Milano. L’altra versione.

25 aprile - scontri a milano - l'altra versioneTitolano così i maggiori quotidiani italiani, mettendo in evidenza il marcato antisemitismo che cresce in Italia. In realtà l’episodio che si riferisce alle brigate ebraiche è stato molto più marginale e vi sono stati tafferugli in tutt'altra parte del corteo, per motivi molto diversi e non riportati. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Banca d’Italia dà soldi a chi paga le tasse all’estero

Banca dItalia non deve investire in chi paga le tasse all'esteroLa Banca d'Italia è un istituto che deve perseguire finalità pubbliche. E allora perché investe solo in alcuni gruppi industriali, su listini americani, e per di più in società che portano i soldi delle loro tasse nei Paesi Bassi? Gli USA sono uno...--> LEGGI TUTTO

La Commissione Europea vuole più reattori nucleari ovunque. Subito!

LA UE VUOLE PIÙ NUCLEARELa Commissione europea vuole "accelerare" la costruzione di reattori nucleari in Europa. Lo scrive oggi lo Spiegel online che cita un documento "strategico" di Bruxelles volto a "tutelare il predominio tecnologico nel settore nucleare" europeo. Secondo il documento, "gli stati membri devono rafforzare...--> LEGGI TUTTO

Bitcoin: in Svizzera ci si pagano le tasse

Bitcoin - Ci pagano già le tasse. Zugo, Zurigo, Svizzera Fonte: Il Sole 24 Ore L'amministrazione comunale di Zugo - con al timone il sindaco Dolfi Müller - qualche giorno fa ha deciso di adottare Bitcoin come moneta per pagare le tasse comunali. Dal prossimo 1 luglio, dunque, i cittadini di Zugo (30mila...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Trapianto del pene: negli USA il primo successo.

Trapianto di pene -Il primo successo negli Usa -Thomas ManningIl trapianto del pene è da oggi una realtà: per la prima volta negli USA un paziente a cui il pene era stato amputato dopo un cancro, riceve un nuovo pene da un donatore. La storia di Thomas Manning Il signor Thomas Manning, di...--> LEGGI TUTTO

Cervello: la bufala dell’emisfero destro contro quello sinistro

Cervello - La bufala dell'emisfero destro contro quello sinistroÈ il fondamento di miriadi di test di valutazione della personalità, di tantissimi libri di auto-motivazione ed esercizi di team-building. Ed è tutta una bufala. La cultura popolare porta a ritenere che le persone logiche, metodiche e analitiche siano dominate dall'emisfero sinistro del cervello, mentre i creativi, gli artisti, siano dominati dalla...--> LEGGI TUTTO

Cane si finge morto per ingannare lo sconosciuto.

Il cagnolino si finge mortoIl cane più comico del web si finge morto quando lo prende in braccio un estraneo. Poi si rianima, quando torna tra le braccia del proprietario, e ringhia minaccioso. Insomma, fa il forte quando ha alle spalle i forti e si paralizza quando...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vaccini al mercurio, la pistola fumante: il “Simpsonwood Memo”

Massimo Mazzucco - Vaccini e Mercurio "Da almeno 15 anni gli scienziati americani sono consapevoli di una correlazione fra il mercurio dei vaccini (Timerosal) e l'autismo. Ma invece di dare l'allarme, hanno preferito seppellire tutto". (altro…)...GUARDA

Erdogan il capo occulto dell’Isis?

Erdogan il capo occulto dell'Isis "Molti osservatori vedono in Erdogan il capo occulto di Isis, che forse non è estraneo ai fatti recenti di Parigi e di Bruxelles. Erdogan esige una zona libera e protetta per i guerriglieri "cosiddetti" moderati, ma sicuramente anti-Assad, cosa che Obama fino ad ora gli ha...GUARDA

Smettiamo di bombardarli – Messora a La Gabbia

La Gabbia MESSORA A LA GABBIA Messora a La Gabbia - Smettiamo di bombardarli...GUARDA

Mario Monti vs Gianluigi Paragone – La Gabbia

Mario Monti vs Gianluigi Paragone a La Gabbia - byobluIl lungo faccia a faccia tra Mario Monti e Gianluigi Paragone, a La Gabbia, in versione integrale. Mario Monti affronta Gianluigi Paragone in un lungo faccia a faccia a La Gabbia. L'intervista è integrale ma, per motivi di sintesi, è priva del lungo...GUARDA

Robot Atlas, la verità secondo il Guardian: tutta scena?

Robot Atlas, la nuova incredibile versioneDue minuti incredibili con il nuovo robot Atlas. Ma in questo video, che ha fatto il giro della rete, secondo il Guardian ci sarebbe molta "propaganda", pensata da un'azienda che fa marketing aggressivo e arrogante. Il nuovo robot Atlas La nuova versione del robot...GUARDA

Ricetta maiale: tanto amore e poco forno

Animali divertenti - Il maiale è dolcissimo (ma non al forno)Una nuova ricetta per il maiale: invece di farlo al forno, fatelo rosolare in una teglia piena di amore e conditelo con un po' di coccole. Gli animali non sono solo divertenti, ma sono spesso una sorpresa che va ben oltre il gusto di un maialino al forno. ...GUARDA

La Rochelle, Francia: cargo alla deriva verso la costa con 300 tonnellate di gasolio

La Rochelle - Modern Express - Francia Cargo DerivaLa Rochelle: il cargo Modern Express, alla deriva da quasi una settimana al largo della costa francese che si affaccia sul mare Atlantico, sta per arenarsi a terra, con i serbatoi pieni di 300 tonnellate di gasolio.  I disperati, ultimi tentativi per scongiurarlo. La Rochelle: il cargo...GUARDA

D’Attorre (PD): vi hanno disoccupati apposta!

D'Attorre - PD - Vi hanno disoccupati apposta - Play "È naturale che per questa strategia la disoccupazione debba rimanere alta. Uno dei parametri a cui siamo inchiodati è quello della disoccupazione strutturale. Questi genii di Bruxelles hanno stabilito che ogni Paese ha un certo tasso di disoccupazione sotto il quale non può scendere perché altrimenti sale l'inflazione....GUARDA