La tristezza definitiva dei grillini quando parlano

 Spiace sempre quando senti qualcuno (in questo post) che non dimostra di tenere in giusta considerazione centinaia di migliaia di suoi concittadini che, a loro modo, si impegnano a fondo, con autentica corrispondenza tra intenzioni e dichiarazioni, per cambiare questo paese. Specialmente quando  quella riga laconica e lapidaria, espressa in maniera sinteticamente snob, con quel gusto estetico tipico di chi si rivolge alla sua élite di riferimento, l’intellighenzia che usa il web per rimbalzarsi sorrisetti, occhiatine, ispirazioni, godendo del suono e dell’accostamento tra le parole in sé piuttosto che del loro portato comunicativo, viene poi motivata come segue:

« In realtà mi é capitato di ascoltare l’altra sera in mezzo al can can post votazioni l’intervista del candidato sindaco del M5S di Bologna e dell’altro grillino bolognese eletto alle precedenti elezioni (non i ricordo i nomi ora) e non sono riuscito a trattenere lo sconforto ;) »

 

 

Non mi sono mai chiesto se tra gli eletti e gli elettori del Movimento Cinque Stelle (che tra l’altro in questo caso coincidono) si annidino o meno degli intellettuali. Né del resto mi chiedo se sia necessario, soprattutto quando penso a quelle sagome di leghisti intenti a bere ampolle ripiene di salubre acqua del Po’, ad elevare orazioni al dio Odino e a lucidare da vent’anni gli stessi fucili al grido di Padania libera e Roma ladrona. Né credo in fondo che la tipica casalinga di Voghera rappresenti per il PDL un campione davvero significativo del livello medio di istruzione del suo elettorato. Peggio ancora, ho smesso di pensare istintivamente a un Ministro della Repubblica italiana come a un colto, forbito, raffinato interlocutore educato nelle migliori università, latore di una comprensione profonda multidisciplinare e di un pensiero policromo e attento alle sfumature.

Però ho sentito anche io quella che probabilmente è stata la stessa intervista. Non ricordo quali congiuntivi siano stati usati, ma ricordo un’idea forte, potente, innovativa nel suo essere così lampante, ovvia e scontata. Alla domanda “voi a quale formazione politica rubate i voti?“, ho sentito rispondere più o meno così: “I voti non appartengono a nessun partito, ma sono nell’esclusiva disponibilità dei cittadini, che li usano legittimamente per tutelare se stessi.“.

Non so se sia un discorso triste. Forse lo è per chi della politica ama la perpetua masturbazione sofista alla ricerca della prevalenza di questa o quella sfumatura ideologica, nell’eterno rincorrersi di rimandi colti, di richiami all’autorità morale di illustri predecessori che servono solo a dare spessore alla propria dimensione di inesistente vacuità, mentre la polis, lungi dall’essere amministrata, viene abbandonata a se stessa e razziata da chi non ha tempo da perdere nei circoli di raffinata e inconcludente accademia politica, ove peraltro si annidano complicità rilevanti spesso anche sotto il profilo penale.

Mi sono chiesto come difendersi da una parte del paese disinteressato alla sostanza e più incline a difendere i forti nei confronti dei deboli che viceversa, nel nome dell’appartenenza a una casta di sedicenti intellettuali che prova un gusto maggiore nell’esercitarsi in una forma di inattività oziosa di matrice onanista piuttosto che nell’azione di penetrazione e di cambiamento dello status quo.

Come si fa, in parole povere, a difendersi dai pensieri cattivi o semplicemente raffinatamente stupidi della gente? A volte trattenere lo sconforto, per un cuore semplice, è un’impresa più difficile che non guadagnarsi una fiducia a doppia cifra in moltissime amministrazioni comunali.

Ieri sera ho visto un film: Sleepers. Quattro ragazzini finiscono in un riformatorio nel quale le guardie carcerarie, che dovrebbero rieducarli, li sottopongono alle sevizie e alle violenze sessuali più infime che si possano immaginare. Tra gli aguzzini, all’interno della struttura carceraria,  ce n’è uno particolarmente cattivo e potente: non sembra esserci limite alla sua perfidia e alla sua volontà di potenza, così come il suo ego smisurato sembra non conoscere confini. Quando però, un giorno, uno dei quattro ragazzini riceve una visita, gli atteggiamenti della guardia carceraria tradiscono per la prima volta la presenza di uno scomodo e inquietante fantasma: la paura. Mentre accompagna il giovane detenuto nella sala delle visite, l’agente di polizia penitenziaria lo minaccia nervosamente: “se parli, ti uccido”. Nella sala d’attesa, ad attendere il ragazzino la cui anima un tempo era affidata alla sua custodia, c’è un prete: Robert De Niro.

Mi sono chiesto: perché un demonio che rappresenta la legge, che non teme nulla se non se stesso, che ha l’appoggio incondizionato dei suoi colleghi e può falsificare qualsiasi rapporto, sostenere qualsiasi tesi, sicuro della complicità nientemeno che dello Stato di New York, dovrebbe impensierirsi della presenza nella sala visite di… un prete? La domanda non è banale: se in visita fosse venuta la madre della vittima, o uno zio, non sarebbe stata la stessa cosa.

Ho osservato attentamente De Niro, il suo sguardo fiero e sicuro di sé. Poi mi sono soffermato sull’abito nero che indossava, e sul colletto bianco. E ho compreso.

Non c’era un uomo, di fronte al ragazzino che poteva scoppiare in lacrime e vuotare il sacco in qualsiasi momento. Di fronte a lui c’era una intera comunità: centinaia, migliaia di persone che nel tempo avevano combattuto, insieme, e si erano guadagnate rispetto, considerazione e influenza a tutti i livelli del tessuto sociale. Quel ragazzino aveva di fronte nientedimeno che una intera Chiesa. Ed era tutta infilata e rappresentata dentro lì, in quel piccolo colletto bianco.

Ecco, ho pensato: l’unico modo di difendersi dalle aggressioni e dalla violenza, perlopiù insensata come ogni forma di prevaricazione, è continuare a crescere, incrociando mani e braccia in una rete di pensieri e di convinzioni forti, fino a diventare una comunità autorevole e interlocutoria, un soggetto sociale che trova nelle sue radici identitarie la legittimazione, il principio e la fine delle sue convinzioni e delle sue azioni.

Fino a quel giorno l’unica forma di riconoscimento possibile, cari “grillini tristi“, sarà la vostra stessa autostima, saranno la convinzione e la caparbietà con le quali gratificherete le vostre idee, sarà l’onestà intellettuale di chi fa della coerenza tra il pensiero e l’azione un punto imprescindibile della sua opera politica, sarà la consapevolezza di non avere accettato promiscuità, compromessi al ribasso, di non avere ceduto alle sirene delle canzonature o delle adulazioni radical chic, sarà quella tensione ideale che vi fa sentire squadra in un mondo di rottamatori e di responsabili all’asta, di valori negoziabili, di obiettivi individuali che sopravanzano in ogni dove il supremo obiettivo del bene comune. Dovrete prendervi per mano e abbracciarvi tra di voi, perché tutto intorno non vedo nulla di buono in arrivo.

Eppure, un giorno, quel vostro particolare, caratteristico, inimitabile colletto bianco incuterà rispetto, nonché quella particolare forma di reverenza che si deve a chi rappresenta una comunità influente, numerosa e rappresentativa.

Non c’è niente di triste in un gruppo di cittadini che vogliono cambiare l’Italia, se non la tristezza di chi è costretto a restare a guardarli, perché forse non ne ha il necessario talento. Oppure non si è ancora risoluto a rimboccarsi le maniche a sua volta.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

19 risposte a La tristezza definitiva dei grillini quando parlano

  • 5
    AlessandroC

    Mi hai fatto commuovere…. sei o sono un romantico.

    Dice il detto “Non è tutto oro quello che luccica”, ma io aggiungo li o qui in mezzo abbiamo delle perle e dobbiamo farle crescere…

    Quelle già spuntate stanno infondendo speranza in altre potenziali.

    Ora diamoli una mano con contenuti di cui dovranno essere portavoci,

    con valori che dovranno sempre più essere impregnati,

    e con il nostro controllo per correggere i tanti futuri errori…..

    Solo la partecipazione ci salva.

     

    Grazie

  • 4
    hyne

    Devo dire che il titolo è fuorviante, pensavo che il movimento 5 stelle avesse fatto chissà che cosa… invece era più un’auto-riflessione personale, quasi un discorso fatto davanti allo specchio.

    Interessante, ma sembrava in certi punti un discorso astratto e simbolico, quasi come un’esercizio di retorica (intesa nel suo vero significato:”l’arte del saper parlare”) fine a se stesso tipo: 

    Mi sono chiesto come difendersi da una parte del paese disinteressato alla sostanza e più incline a difendere i forti nei confronti dei deboli che viceversa, nel nome dell’appartenenza a una casta di sedicenti intellettuali che prova un gusto maggiore nell’esercitarsi in una forma di inattività oziosa di matrice onanista piuttosto che nell’azione di penetrazione e di cambiamento dello status quo”

    Ma come te venuto in mente l’onanistico. haha…

    KEEP IT SIMPLE.

  • 3

    Lungo, ma come spesso accade il migliore.

  • 2
    Micheal

    Tra chi è solo forma e niente sostanza, preferisco quelli scarsi nella forma ma ricchi nella sostanza

  • 1
    Marco Giustini

    Claudio,

    il tuo post è splendido e di anno in anno stai crescendo in profondità delle tue riflessioni. Mi ha veramente commosso. Abbiamo bisogno di sentirci comunità, specialmente gli eletti, per non sentirci soli di fronte agli avversari.

    Grazie

    Marco Giustini

    consigliere 5 stelle di Roma

    • 1.1

      ciao Marco, ma non ci sei in twitter? che cosa proponete per il reddito minimo garantito? io porto avanti quello condizionato che si ammortizza con i buoni lavoro. Vuoi vedere? linka vicino al mio profilo twitter @laura12ottobre

      ti stavo pensando a proposito dei container da far diventare monolocali. Con tutti i disoccupati che ci sono nei cantieri e persone da alloggiare ……

      fatti sentire e tanti auguri !

  • 0

    C’è un’evidente volontà nell’establishment di desautorare il Movimento 5 Stelle secondo la logica “cambiano i suonatori, ma la musica è sempre quella”. Si tenta in tutti i modi di far passare l’idea che il Movimento sia composto da persone troppo giovani, troppo arrabiate, troppo ignoranti, non lucide e in definitiva non in grado di fare “politica” ma solo di sbraitare contro tutto e tutti. E intanto la proposta di legge arrivata in Parlamento anni fa si impolvera sugli scaffali…. Siamo un paese vergognoso!

     

  • -1
    Sisu71

    “Non c’è niente di triste in un gruppo di cittadini che vogliono cambiare l’Italia, se non la tristezza di chi è costretto a restare a guardarli, perché forse non ne ha il necessario talento. Oppure non si è ancora risoluto a rimboccarsi le maniche a sua volta.”

    Complimenti Claudio, hai fotografato perfettamente e lucidamente la situazione

  • -2
    MaRaNtZ

    A pensarci bene, il “grillismo” o comunque lo vogliamo chiamare, è la risposta dell’italia a quell’onda di tensione morale, innovazione, reazione sociale, richiesta di democrazia, che in altri paesi (dittatoriali) è sfociata in rivolta, e in tanti paesi democratici, penso alla Spagna e alla Grecia, in protesta di piazza.

    Egitto, Tunisia, Libia, Spagna, Grecia, il mondo sta disfacendo vecchie logiche e abbracciando una rivoluzione democratica, veicolata dal libero scambio di informazioni su internet, che può produrre la nuova rivoluzione culturale del ventunesimo secolo.

    In Italia, i grillini sono gli unici che hanno raccolto questa sfida.

     

     

  • -3
    Harlock

    L’esempio è chiaro, anche se nella realtà non so se quel ragazzino sarebbe stato tanto sicuro davanti a un prete!!!

    Andando all’argomento, credo che l’immagine dei grillini come tristi o peggio non sia altro che il riflesso della propaganda generale che cerca di screditarli. Se uno si informa solo con TV e giornali, oppure sentendo altri parlare di loro, penso che inevitabilmente ha una tale visione dei grillini.

    Penso che ci vorrebbe davvero un pò di cultura su come valutare le cose.
    Se io voglio giudicare le idee di una persona, cercherò quello che la persona stessa dice o scrive, non mi baso su quanto riportato da altri. Altri che hanno spesso ovviamente interesse a non parlare in modo obiettivo, giornalisti compresi.

    Se io devo valutare se una persona è capace nell’amministrazione pubblica, cercherò quello che ha fatto in passato e la sua formazione, e non mi baso sulle frasi ad effetto e propagandistiche che tutti sono capaci a dire (e che solo alcuni hanno la possibilità di diffondere).

    Soprattutto non mi pare buona una mentalità di tipo calcistico in politica, ovvero sostenere la propria fazione sempre e comunque, contro gli altri, qualsiasi cosa succeda. Questo purtroppo è molto diffuso.

    Meno emozioni e più raziocinio. Con le emozioni siamo manipolabili. Teniamoci le emozioni per la vita privata e usiamo la testa per la politica.

     

  • -4
    enan70

    "la tristezza definitiva dei grillini quando parlano" sei depresso fatte curà!

    • -4.1

      Forse dovresti farti curare tu, visto che il titolo è esattamente un riferimento critico ad un altro post che in tali termini si è espresso, e l’articolo non ne è che la contestazione.

      Ma si fa troppa fatica a leggere e a cercare di capire prima di commentare, eh?

  • -5
    sofiaastori

    Graaazie, Claudio!! Parole come carezze!

    Pensavo di aver già vissuto e superato gli attacchi ma mi rendo conto che il bello arriva adesso…in rete non faccio che leggere accuse, insinuazioni, derisioni nei confronti di Grillo e del M5S ed, in effetti, mi sento impreparata.
    Ero convinta che tanta foga spettasse ad altri personaggi e ad altre formazioni politiche…pazienza!

    Capiranno più tardi.

  • -6

    Claudio,

    posto che ognuno ha l’universo di riferimento che si merita (vedo che tu hai ben chiaro il mio, ti ringrazio) se l’intervista che hai visto e’ la stessa a cui mi riferisco nel commento che citi (non lo so) avrai visto – ma era solo un esempio fra i tanti di una arrembante faciloneria prestata all’impegno politico – un giovane entusiasta candidato sindaco a Bologna  spiegare che lui aveva speso 4000 euro per la campagna elettorale mentre tutti gli altri candidati l’avevano fatta con i soldi rubati ai cittadini. Questo piu’ o meno il livello del discorso. Ora io se il livello e’ questo mi intristisco. Non so se e’ snob – non mi parrebbe –  ma mi intristisco.

     

    saluti

  • -7

    Bravo!!! Non c’è niente di triste, se non l’atteggiamento tronfio, rinunciatario e "nasoturato" di chi si ostini a non cambiare!

  • -8
    davidene

    E’ davvero triste sentire i grillini parlare… se non altro perché ti sbattono in faccia la realtà nuda e cruda… una tristezza immane… non raccontano barzellette sulla bindi e il bunga bunga… non dicono di avercelo duro come Bossi (bellissimo poi il “populismo” usato come termine jolly… la gente non sa cosa voglia dire, loro forse nemmeno a sentire i loro discorsi… da bue non si può dare del cornuto all’asino)… pensate che addirittura ai comizi, i grillini parlano di acqua pubblica e nucleare, al posto di sbeffeggiare l’avversario politico di turno… davvero imperdonabile per un popolo di gossippari come quello italiano…

  • -9
    SilviaR

    Adoro quel film, soprattutto per quello che DeNiro decide di fare alla fine (scena che anche a me evoca la metafora delle “mani pulite in tasca”).

    La buona notizia è che la foresta che cresce E’ GIA’ interconnessa, per sua stessa natura, dunque chi attacca uno, attacca tutti quanti.

    E poichè la rete non dimentica, tutti questi bei post e i relativi intellettuali spargi-sale (non spargim**da perchè dal letame nascono i fior) saranno tenuti PER SEMPRE nella considerazione che meritano.

    Almeno fino a quando anche loro – tanto bravi a ricordare al mondo “che una volta lui su quello la pensava in un altro modo…” – sperimenteranno quell’importante momento di crescita che è l’ammettere in pubblico di aver sbagliato e di aver imparato qualcosa di nuovo. 

    Sempre se saranno ancora abbastanza giovani (dentro) da riuscirci senza essere sopraffatti dallo sforzo, che a mettersi per la prima volta davanti a uno specchio da vecchi, è molto più dura che da giovani.

     

  • -10
    Nibbio65

    Ciao Claudio.

    Ottimo post ed ottimo spunto di riflessione.

    Qualcuno (mi sembra Don Milani, ma non ne sono sicuro) diceva: “A che serve avere le mani pulite, se poi le teniamo in tasca?”

    L’importante è cooperare al cambiamento, ognuno di noi con le proprie capacità, piccole o grandi che possano essere.

    Ancora più importante è cominciare; soprattutto, quanto accaduto il 15 ed il 16 maggio deve avere un seguito ancora più ampio. Adesso bisogna andare avanti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>