Lettera aperta a Tommaso Tessarolo, direttore di Current TV Italia


Caro Tommaso,

come forse saprai, non sono d’accordo con la crociata che Current ha lanciato chiedendo alla gente un massiccio supporto in difesa dell'”unico canale di informazione libera e indipendente” in Italia. Non lo sono per i motivi che ho espresso negli articoli “Current.Tv non è il futuro dell’informazione libera” (link) e “Dieci milioni di dollari per Al Gore” (link), nonché nei rispettivi, logorroici commenti agli articoli stessi.

 

In buona sostanza, ritengo Current una televisione commerciale che, a mio avviso, ha disatteso l’interessante idea iniziale di piattaforma democratica per la diffusione di contenuti dal basso (ZapNews di Udo Gümpel, canale 924 di Sky visibile anche in chiaro attraverso i satelliti HotBird e Astra, viceversa trasmetteva sempre video pescati dalla rete, senza troppo clamore), non si è particolarmente distinta per la sua attitudine alla trasparenza nella selezione dei contenuti e dei fornitori, ha investito in una direzione conformista (come l’affidare programmi di approfondimento a personaggi già largamente noti al pubblico radio-televisivo, o addirittura dubbi rispetto all’onestà intellettuale con la quale esercitano la professione di giornalista), ma soprattutto sta investendo il suo pubblico della responsabilità di negoziare le sue condizioni contrattuali con Sky Italia, agitando lo spettro della censura in una campagna mediatica che giudico strumentale e non sostanziale.

Da Europa7 a Streamit, passando per Pandora.Tv e, perché no, per i numerosi blog di informazione professionale, altre sono le realtà che hanno dovuto combattere a vario titolo con forme conclamate di censura (comprese le denunce intimidatorie per diffamazione aggravata a mezzo stampa, affrontate senza strutture editoriali alle spalle), perpetrate alla luce del sole e unanimemente riconosciute come tali, che tuttavia hanno affrontato la questione da un punto di vista imprenditoriale, scegliendo la strada della prosecuzione legale ed arrivando ad adire a tutti i tribunali della Corte di giustizia europea, riscuotendo sentenze favorevoli in ogni grado e ordine di giudizio. Se Current ritiene di essere stata vessata e di averne le prove, anzichè rifiutare un’offerta contrattuale di Sky Italia comunque sostanziosa (diversi milioni di euro su base triennale) ancorché giudicata insufficiente, dovrebbe parimenti e con fiducia ricorrere per via giudiziale, dimostrando così le sue affermazioni, invece di chiedere al popolo della rete di sollevarsi esigendo dai suoi partner commerciali (Sky) di migliorare la loro offerta contrattuale a colpi di fax molesti. Per queste cose esistono gli uffici commerciali, e tu in qualità di direttore generale di un’azienda lo sai molto bene.

Questa è ovviamente la mia personale ed opinabile posizione in merito. Vale uno. Alcuni lettori del blog, tuttavia, mi segnalano che sulla vostra pagina pubblica sostenete che si tratti di “disinformazione totale…”. Riporto una sintetica screenshot per agevolare la contestualizzazione.


Ora, si può essere d’accordo o non essere d’accordo, ma accusare di disinformazione chi lotta da tre anni per fare informazione, pur filtrata dalla propria personale sensibilità – e non potrebbe essere diversamente – , avendo sempre concesso gli spazi di cui dispone a chiunque ne avesse fatto richiesta, in maniera trasversale, rischiando per questo di inimicarsi tutti, a turno, uno per uno, mi pare un’accusa eccessiva di cui non ti chiedo conto, perché non è questo il modo per l’appunto di fare “informazione“, ma che mi fornisce lo spunto per dimostrarti che questo spazio è a disposizione di tutti e accoglie le tesi di chiunque voglia esporre le sue ragioni in maniera circostanziata e chiarificatrice, nell’esclusivo interesse dell’opinione pubblica.

E’ con vivo piacere e non senza una qualche aspettativa, presumibilmente disposizioni d’animo comuni alla gran parte dei lettori e dei video-iscritti del blog, che ti invito dunque a venire davanti alle telecamere di byoblu.com (ne ho qualcuna professionale anche io, donata da generosi e convinti sostenitori delle mie attività di informazione libera), tanto siamo a Milano tutti e due (io purtroppo non posso muovermi perché sono in attesa di essere operato), per raccontarci, carte alla mano e soprattutto de visu, che fa sempre un altro effetto, come sono andate realmente le cose, perché la vostra battaglia non è strumentale ma fotografa una precisa realtà sostanziale e, da ultimo, se Current abbia o meno disatteso alle nostre aspettative iniziali, oltre a tutte le altre considerazioni che vorrai esplicitare nel merito. Una chiacchierata lunga a piacere e che verrà pubblicata senza tagli, come usa fare in rete dove non ci sono problemi di spazi né di palinsesti.

Ovviamente nulla ti costringe a farlo se non lo desideri, e del resto come diceva Costanzo ‘domandare è lecito, rispondere è cortesia‘, ma in mancanza di un tuo riscontro positivo voglio perlomeno augurarmi che vorrai frenare i tuoi collaboratori dall’accusarmi di fare disinformazione, perché come vedi io sono in buona fede e la mia missione è sempre quella di essere a disposizione di chiunque abbia la volontà di confrontarsi con la rete, personalmente, in un faccia a faccia cordiale, piacevole e, mi auguro, pieno di informazioni utili a comprendere a fondo il senso di questa battaglia che al momento, francamente, mi lascia ancora perplesso. E sono sicuro che comprenderai che, per una questione di onestà intellettuale nei confronti di me stesso e di chi frequenta questo spazio, non posso permettermi di sostenere battaglie che mi lascino anche solo parzialmente perplesso.

Resto in attesa, e insieme a me tanti lettori del blog,
Ciao,
Claudio

Pagina pubblica di Current TV su Facebook: http://www.facebook.com/CurrentItalia

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

16 risposte a Lettera aperta a Tommaso Tessarolo, direttore di Current TV Italia

  • 7
    marc0

    Ciao Claudio,

    ne aprofitto per farti i complimenti per il tuo lavoro e per la tua coerenza per dire quello che va detto senza schierarsi e parlando pure fuori dal coro “dei buoni” farcendoci aprire ancora di + gli occhi

    purtroppo pure io come in tanti che oramai vedono solo in una direzione mi sono arrabbiato subito fornendo appoggio alla causa di Current avendo però qualche perplessità che sono aumentate ancora di + leggendo queste tue righe, ho provato ad avere una risposta come te e come tanti a questo dubbio nato dopo la lettura della proposta di contratto ma attendo ancora.

    sarei molto dispiaciuto dell’uscita dal palinsesto di Current ma ancora di + se questo avvenisse per colpe di entrambe le parti per non aver trovato un punto d’incontro.

    spero vivamente che current risponda a queste domande avendo molta stima del canale e di chi ci opera.

  • 6
    libera182

    ragazzi qui si parla di libertà di informazione, di cospirazione murdoch-berlusconi, ma scusate – a prescidere da chi abbia ragione – questi di current vendono contenuti… sono editori.. pretendono soldi da Sky …dovranno fare i conti con il mercato? con gli ascolti? con il gradimento? quantomeno allora accettassero l’offerta se vogliono esistere sul satellitare? e poi… ma perchè allora Al Gore non va sul digitale terrestre? perchè non se lo prendono?

  • 5

    Caro Antonello,

     il fatto che Beppe abbia rilanciato l’appello significa che lo debbano fare tutti? Dov’è finita la ragion critica individuale? Allora han ragione, secondo il tuo ragionamento, a chiamare il popolo di Grillo "grillini". Oppure c’è possibilità di discostarsi? No, perché se non c’è possibilità di discostarsi l’uno dall’altro, ti ricordo che non ha nessun valore neppure il darsi ragione. Il valore di sposare una causa comune è tanto maggiore quanto la scelta è frutto di maturazione critica: se è frutto di mera adesione fideistica, allora non vale niente.

    Detto questo, nonostante due post e una lettera aperta vedo che c’è ancora chi non comprende il nocciolo della questione, che può essere condivisa o meno, ma che almeno va compresa per quello che significa.

    1. Personalmente, se Current continua a trasmettere ne sono felice
    2. Non credo all’ipotesi del complotto. Credo più a una mera questione di cifre e clausole contrattuali. Ha tutta l’aria di essere una normale trattativa
    3. Anche se ci fosse stata una volontà di mettere i bastoni tra le ruote a Current, ora in ogni caso un’offerta è stata formulata, il che automaticamente esclude che si possa agitare il punto 2.
    4. Sui termini contrattuali della trattativa (ovvero quanti soldi mi date e quando) sono questioni che si discutono tra le parti, essendo entrambe le parti, per l’appunto, soggetti commerciali: leggittimo da parte di Sky offrire di più o di meno in base a sue valutazioni, altrettanto leggitimo da parte di Current accettare o ridiscutere rilanciando, o perfino non accettare e comprarsi frequenze sul digitale terrestre che così, perlomeno, la vedono tutti in chiaro senza bisogno di far l’abbonamento a Sky.
    5. completamente strumentale, dati i punti 3 e 4, il richiamo alla difesa della libertà di informazione, che a mio parere è stato fatto in maniera un po’ furbetta per far sollevare folle facilmente infiammabili e forzare Sky ad offrire condizioni più vantaggiose per Al Gore.

    Il punto che io contesto è il 5. Le considerazioni e i raffronti li svolgo credo adeguatamente nei due post che ho scritto e nella lettera aperta. Vedo che tu questi punti, unitamente alle mie argomentazioni, non li discuti minimamente, adagiandoti sul presupposto che "l’ha detto Beppe" e che "Current dice che…".

    Mi spiace di fare il bastian contrario. Vorrei che Current continuasse a trasmettere e credo abbia tutte le risorse, facendo parte di un network mondiale, per farlo autonomamente, anche sul digitale terrestre, ma vorrei che lo facesse rientrando in quello spirito iniziale che forse tu non hai seguito, quando ancora sembrava dovesse essere un esperimento democratico di partecipazione alla produzione dei contenuti dal basso, prima cioè di diventare una televisione inaccessibile, inavvicinabile, che non risponde se cerchi di contattarla e da spazio a gente come Cruciani, che nelle sue scorribande a Mediaset e a Radio24 finge sempre di ignorare l’ultima intervista di Paolo Borsellino che ricorda come Mangano fosse una testa di ponte con un ricco imprenditore del nord. Se i soldi di Sky che vengono chiesti in più devono finire nelle tasche di Cruciani, ecco.. io posso non obiettare, ma non partecipo all’agitazione di massa.

    In ogni caso io ho esposto le mie perplessità. Puoi non condividerle e sei libero, così come io sono libero di sollevarle. Ho scritto una lettera aperta. Se qualcuno crede di dover interloquire e presentarsi a rispondere, bene, ne prendiamo atto e magari cambiamo tutti idea (perché ci sono tante persone che la pensano come me e sono altrettanto perplesse). Se viceversa Current ritiene di non dover dare nessuna spiegazione, anche quello è un messaggio chiaro e inequivocabile e ne prenderemo atto.

    Ti ricordo infine l’osservazione che ho fatto all’inizio: preoccupati quando frequenti uno spazio dove trovi qualcuno che la pensa sempre e solo esattamente come te, perché o ti sta prendendo in giro o stai perdendo tempo: gli spazi di riflessione e di critica sono preziosi come l’oro. Non bisogna mica spaventarsi: basta rispondere alle critiche argomentandole una ad una. Dopodichè uno può anche ammettere di avere torto e cambiare idea. Non è vergogna e anzi qualifica ancor di più l’uomo d’onore. Se invece non hai argomenti o glissi, di solito significa che quelle argomentazioni sono centrate.

  • 4
    acimoto

    In attesa.

  • 3
    Alessandra

    Io lotto per te e per quelli come te, Claudio.

    Per quanto mi riguarda Current ha la faccia (e le tasche) di Al Gore per lottare e può farlo anche senza di me. Lo dimostra il fatto che in men che non si dica il Nobel, nonchè ex vicepresidente USA, sia apparso in Tv a lamentare le proprie ragioni. Niente di male in questo, ma dimostra che Current può fare da sola.

    Mi piace Current, ma mi piaceva di più com’era in origine, sperimentale, con gente che osava nelle tecniche di comunicazione e non solo nei contenuti.

    Questa causa non mi appartiene.

    Comunque vedremo che ti diranno via Skype.

    Salluti e mille volte grazie per il tuo lavoro.

  • 2
    Livia

    Ciao Claudio,

    Tommaso vuole rispondere alla tua lettera e stava cercando la tua email. Potresti inviarmela all’indirizzo nella mia firma? Thanks!

  • 1
    GaiaOverAll

    Vogliamo Claudio alla direzione di Current Italia :)

  • 0
    High Definition

    Caro Messora,

    ti ricordo l’incipit di Beppe Grillo a proposito di questa vicenda:

    “Riprendo un appello di Current. Va aiutato. Ricordo che è l’unico canale a trasmettere senza alcuna censura il Passaparola di Marco Travaglio pubblicato sul blog ogni lunedì”.

    Secondo te sbaglia anche lui?

    Possibile che per te non conti niente il fatto che Current sia l’unica anche a trasmettere preziose interviste con Milena Gabanelli di Report, l’unica (con sky Tg24) a trasmettere “Rai per una notte” (mi hai risposto che non lo ha fatto per disinteressatamente; sarebbe come accusare Beppe Grillo di fare tutte le battaglie che fa, solo per soldi).

    Possibile che non riesci a capire che non possiamo far chiudere Current e magari anche Annozero e Report e Ballarò per tenerci solo il web, dove ormai molti sanno che basta un click da parte dei potenti per far scomparire interi profili da Facebook, da Youtube etc etc?

    Eppure molti di quelli stessi che ti hanno risposto in tutti i blog aperti su questo argomento ti hanno segnalato questi problemi, come quello che ti ha fatto presente che, se esistesse solo il web, molti sarebbero ancora tagliati fuori in Italia, visto che attualmente non sono raggiunti dalla banda larga. Rileggi almeno l’altro mio post pubblicato in altra pagina

    (http://www.byoblu.com/post/2011/05/20/CURRENTTV-NON-E-IL-FUTURO-DELLINFORMAZIONE-LIBERA.aspx).

    O forse non vuoi proprio sentire ragioni?

    Il web è importantissimo, senza dubbio. Ma se impostiamo la nostra battaglia illudendoci che si possano lasciar chiudere tranquillamente i pochi spazi televisivi di controinformazione, allora, credimi, non abbiamo capito niente.

    Sì, caro Messora: per me, col tuo atteggiamento, stai facendo cattiva informazione.

    Non so se funzionerà ma ho cercato di firmarmi con nome e cognome (non vorrei che dessi del vigliacco anche a me, come fai con quelli che hanno pubblicato un parere diverso dal tuo).

    Anzi, mi rifirmo anche qui.

                                                                     Antonello Nebbia

    ps.: NON mi manda Current!

  • -1
    Michele Carbone

    byoblu ha scritto :
    Quando un macrosistema come Sky ingloba una così vasta scelta di contenuti diventa sempre più sottile il confine tra ciò che è di Murdoch (e quindi il potere decisionale di un solo uomo) contro ciò che è legittimamente richiesto dall’utenza. Questo genericamente ha un senso e si chiama etica. E posso essere d’accordo. Lo stesso discorso l’ho fatto per i grossi network sociali, che pur essendo privati DEVONO, per il peso che hanno, rispondere agli utenti e ai loro diritti, tutelando l’ordine democratico da un influsso potenzialmente nefasto (solo 17 milioni sono i cittadini che fanno rete su Facebook).Però in quel discorso le parti sono: grossa corporation e singolo privato, quindi stiamo tutelando gli interessi del privato cittadino.Qui le parti sono: “grossa news corporation <==> grosso network aziendale televisivo”. Continua a non convincermi quest’idea di sostituire i singoli cittadini al potere contrattuale di un’azienda nei confronti di un’altra. Poi se ovviamente credi alla storia della volontà di censura, a priori, allora è logico che l’azione collettiva è giusta. Ma prima, se mi permetti, bisogna averne la certezza, perché altrimenti si rischia di fare una battaglia ridicola.

    Ma la qualità di aziende come Sky, Facebook, Google non sarà mai realmente “etica”, poiché sono troppo in profondità nei meccanismi commerciali per offrire questo tipo di garanzie; il valore aggiunto negativo è dato dalla scarsissima influenza che hanno le leggi nazionali ed internazionali nel settore e l’ancor meno sentita minaccia avvertita dagli utenti (dovuta anche al presente infinito in cui i soggetti sociali vivono la rete).

    Il mondo in cui si muove Current non è esattamente lo stesso in cui si muove il soggetto sociale che agisce nel web. Le regole sono diverse. Non sono per la censura a priori ma guarda, ci sono una serie di circostanze quantomeno sospette: i falsi (o quantomeno contrastanti) dati sull’audience diffusi da Sky, la riduzione delle ore di programmazione fresca (essenziale per non mandare sempre le stesse cose in loop), l’interesse di Sky nel penetrare il mercato del DT in Italia…Capirai che il contesto è completamente differente. Sappiamo benissimo che nel mondo capitalista e finanziario un contratto he generalmente un signficato spesso “simbolico”.

    Un accordo commerciale non raggiunto può giustificare l’eliminazione dell’informazione fruita da un gran numero di persone? Specie se di carattere giornalistico? Non difenderei, ad esempio, un giornale che campa di finanziamenti pubblici se il suo direttore arringasse le folle con le medesime motivazioni di Al Gore. La gente paga per vedere Current, fino a prova contraria. Gli utenti minacciano la cancellazione degli abbonamenti, se Current viene eliminata: a prescindere dal fatto che le perdite per Sky sarebbero risibili, eventualmente bilanciate dal nuovo canale tematico sul calcio o il cinema HD, non mi pare proprio giusta questa cosa. Anche perchè Sky può permettersi qualunque cosa, può comprarla, giocarci un pò e buttarla via quando vuole senza sostanzialmente perderci nulla. In pratica controllare tutto il settore dell’informazione televisiva.

    Io credo che i cittadini che scelgono di difendere Current TV lo facciano perché effettivamente la vedono come una privazione ingiustificata (anche perché per ora i dati forniti da Mockridge e Al Gore/Hyatt non giustificano lo schierarsi dall’una o dall’altra…ricordo che tu stesso hai sottolineato più volte che il problema è, per tua impressione, di natura esclusivamente commerciale.

    Io penso ci sia dell’altro e che l’appelo di Al Gore sia importante. E’ una forma, applicata fuori dal web di qualcosa che all’interno della rete avviene quotidianamente. Inoltre credo che se abbia cominciato questa battaglia qualche informazione per evitare una colossale figura di cacca lui ce l’abbia. Io penso che, sotto la bandiera del contratto commerciale, sventolata da Sky, possa nascondersi qualunque cosa.

    • -1.1

      Quel che pensi tu è legittimo ed è un’ipotesi plausibile. Ma non è confermata. E’ un’ipotesi. Per il resto, ti parrà anche brutto, ma Sky può benissimo fare le offerte che vuole a chi vuole e come vuole. Che la gente paghi per vedere Current è tutto, legalmente e commercialmente, da dimostrare: la gente paga per avere Sky e per il bouquet che Sky può variare a proprio piacimento. Sky non a caso offre pacchetti, non singoli canali.
      Uno può certamente lamentarsi con Sky se non c’è più Current, lo può fare da abbonato, in senso generale, e questo è legittimo.
      Ma pretendere che Sky innalzi la sua offerta a Current sulla base dello spettro della censura e della difesa della libertà di informazione, beh.. senza una prova evidente e in presenza di mere trattative commerciali è una visione difficilmente sostenibile.
      Poi l’indignazione che muove le masse no è sempre sostenuta dalla ragionevolezza ma spesso segue gli umori dell’intestino. Io però ho un blog di informazione e non posso sostenere “ipotesi”. Devo mettere a confronto dati, posizioni diverse (ho contattato anche SKy) e cercare, ove possibile, una sintesi.

  • -2
    Michele Carbone

    Sono proprio curioso di sentire la risposta a questo punto!

  • -3
    High Definition

    Caro messora,

    grazie per il tono cordiale della risposta.

    Non ho risposto a tutte le tue argomentazioni per amore di sintesi. Ma sono zncora qui a risponderti che stai facendo confusione. l’offerta di Sky a Current è di circa 1.000.000 di euro l’anno (più introiti pubblicitari). Ma è molto bassa. circa un terzo rispetto al triennio precedente. Current sostiene che è un’offerta addirittura offensiva, la stessa offerta che gli avevano fatto PER CHIUDERE. E lo documentano.

    Io non voglio scendere in ulteriori polemiche ma ti sottopongo (e consiglio a tutti i lettori) quanto riferito dal “Fatto quotidiano” qui:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/05/21/current-tv-la-verita-sui-dati-d%E2%80%99ascolto/112802/#comments

    Sbagliano dunque tutti? Anche il “Fatto quotidiano”? E già che ci sei leggiti anche il mio commeto postato alla stessa pagina.

    Qui i casi sono due: o non si conosce l’intera storia del novecento (e del ventennio Berlusconiano) o ci siamo tutti sognati che la democrzia va difesa con ogni mezzo disponibile, o si sbagliano tutti i più credibili analisti, operatori della controinformazione, OPPURE tu sei vittima di un grave errore di prospettiva.

    Tutti contribuiscono alla nostra lotta, blogger, tv “democratiche on-line (partecipare alle quali  costerebbe però 540 euro all’ora (http://www.tvpopolare.it), sviluppo del web, ma anche tv (sempre perfettibili) come Current.

    Perchè non ci dedichiamo invece ad una campagna di e-mail da inviare Current per far cancellare dal palinsesto l’agghiacciante programma di Cruciani?

    Dalle (in questo caso nostre) tesi ed antitesi, forse può nascere una sintesi più elevata.

    Ciao

     

    • -3.1

      Sbagliano dunque tutti? Anche il “Fatto quotidiano”?

      Caro High,

       permettimi però di sorridere della tua ingenuità. Ti spiego perchè.

      Prima citi Grillo (nell’altro tuo commento), dicendo che anche lui sostiene la battaglia di Current. Grillo ha fatto un minipost con una riga di premessa sua. Il minipost di solito è riservato a quelli che per lui sono poco più che “comunicati stampa”: da spazio a quello che succede in rete senza metterci la faccia e senza troppe argomentazioni. E’ il comunicato stampa, o la lettera di un utente, a prendersi la responsabilità di quello che vi è scritto dentro.

      Poi mi citi il Fatto Quotidiano, chiedendoti se sbagliano tutti, e mi dai un link. Peccato che quel link non porti verso un articolo del Fatto Quotidiano, ma verso il blog sul Fatto Quotidiano di Tommaso Tessarolo. Cioè, come prova che il Fatto Quotidiano ha studiato le carte e si è fatto una certa idea, mi porti le considerazioni di una delle due parti in causa, firmate dal direttore di Current.Tv? :) Intendiamoci, mica sto dicendo che ha torto, ma certamente è un po’ ingenuo da parte tua non verificare nemmeno le fonti, e in un qualsiasi “procedimento” o “processo” sarebbe una testimonianza senza valore, come se la moglie testimoniasse a favore del marito.

      Insomma… più senso critico e una lettura più attenta non guastano.
      In ogni caso, credo che Tommaso abbia in animo di rispondere a questa lettera, dunque suggerisco di attendere le sue considerazioni prima di riempire ancora pagine e pagine di commenti che potrebbero poi rivelarsi superflui.

      A presto,
      Claudio

  • -4

    Claudio riesce, come al solito, a dar diastole ai miei flaccidi muscoli.

    Il dono di informare in maniera disarmante e senza sofismi, coi soli mezzi di cui dispone, lascia ampio margine di speranza ai naviganti.

    Current dovrebbe essere una piattaforma su cui, illustri sconosciuti posano una voce, qualunque sia, per passare ad altre voci ed altre ancora.

    E’ ascoltando che si imparano nuove cose. E’ così da sempre.

    Nessuno può arrogarsi il diritto esclusivo di etichettarsi “Libera Informazione”.

    Si è davvero liberi quando le proprie idee sono opinabili o condivise ma soprattutto quando sono liberamente sostenute.

    I milioni di Sky rendono Current semplicemente quello che è: il Canale 130 DT.

    E’ facile essere fr**i col c**o degli altri.

     

  • -5
    Michele Carbone

    High Definition ha scritto :
    Caro Messora, ti ricordo l’incipit di Beppe Grillo a proposito di questa vicenda: “Riprendo un appello di Current. Va aiutato. Ricordo che è l’unico canale a trasmettere senza alcuna censura il Passaparola di Marco Travaglio pubblicato sul blog ogni lunedì”. Secondo te sbaglia anche lui? Possibile che per te non conti niente il fatto che Current sia l’unica anche a trasmettere preziose interviste con Milena Gabanelli di Report, l’unica (con sky Tg24) a trasmettere “Rai per una notte” (mi hai risposto che non lo ha fatto per disinteressatamente; sarebbe come accusare Beppe Grillo di fare tutte le battaglie che fa, solo per soldi). Possibile che non riesci a capire che non possiamo far chiudere Current e magari anche Annozero e Report e Ballarò per tenerci solo il web, dove ormai molti sanno che basta un click da parte dei potenti per far scomparire interi profili da Facebook, da Youtube etc etc? Eppure molti di quelli stessi che ti hanno risposto in tutti i blog aperti su questo argomento ti hanno segnalato questi problemi, come quello che ti ha fatto presente che, se esistesse solo il web, molti sarebbero ancora tagliati fuori in Italia, visto che attualmente non sono raggiunti dalla banda larga. Rileggi almeno l’altro mio post pubblicato in altra pagina (http://www.byoblu.com/post/2011/05/20/CURRENTTV-NON-E-IL-FUTURO-DELLINFORMAZIONE-LIBERA.aspx). O forse non vuoi proprio sentire ragioni? Il web è importantissimo, senza dubbio. Ma se impostiamo la nostra battaglia illudendoci che si possano lasciar chiudere tranquillamente i pochi spazi televisivi di controinformazione, allora, credimi, non abbiamo capito niente. Sì, caro Messora: per me, col tuo atteggiamento, stai facendo cattiva informazione. Non so se funzionerà ma ho cercato di firmarmi con nome e cognome (non vorrei che dessi del vigliacco anche a me, come fai con quelli che hanno pubblicato un parere diverso dal tuo). Anzi, mi rifirmo anche qui.                                                                  Antonello Nebbia ps.: NON mi manda Current!

     

    Quoto tantissimo.

    Bisogna portare la logica aperta e democratica del web all’interno delle istituzioni mediatiche, anche quelle commerciali, ma che sono pur sempre finanziate dagli utenti. Quando un macrosistema come Sky ingloba una così vasta scelta di contenuti diventa sempre più sottile il confine tra ciò che è di Murdoch (e quindi il potere decisionale di un solo uomo) contro ciò che è legittimamente richiesto dall’utenza.

    • -5.1

      Quando un macrosistema come Sky ingloba una così vasta scelta di contenuti diventa sempre più sottile il confine tra ciò che è di Murdoch (e quindi il potere decisionale di un solo uomo) contro ciò che è legittimamente richiesto dall’utenza.

      Questo genericamente ha un senso e si chiama etica. E posso essere d’accordo. Lo stesso discorso l’ho fatto per i grossi network sociali, che pur essendo privati DEVONO, per il peso che hanno, rispondere agli utenti e ai loro diritti, tutelando l’ordine democratico da un influsso potenzialmente nefasto (solo 17 milioni sono i cittadini che fanno rete su Facebook).
      Però in quel discorso le parti sono: grossa corporation e singolo privato, quindi stiamo tutelando gli interessi del privato cittadino.
      Qui le parti sono: “grossa news corporation <==> grosso network aziendale televisivo”.

      Continua a non convincermi quest’idea di sostituire i singoli cittadini al potere contrattuale di un’azienda nei confronti di un’altra.
      Poi se ovviamente credi alla storia della volontà di censura, a priori, allora è logico che l’azione collettiva è giusta. Ma prima, se mi permetti, bisogna averne la certezza, perché altrimenti si rischia di fare una battaglia ridicola.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>