Non confondere o ingannare il consumatore

 

« Un paio di settimane fa ho sostituito il BlackBerry Pearl che avevo da tre anni con un BlackBerry Bold, molto più evoluto. Inutile dire che i progressi fatti dalla tecnologia in tre anni mi hanno molto colpito. Anche quando non dovevo chiamare qualcuno, o scrivere messaggini o mandare email, continuavo ad accarezzare il mio nuovo Bold. Osservavo lo schermo meravigliosamente nitido, sentivo la scorrevolezza del track pad, provavo la sconvolgente velocità delle sue risposte, ammiravo la seducente eleganza della grafica. In breve, ne ero infatuato. »
[Jonathan Franzen, Corriere della Sera, prima pagina, 29.05.2011]

C’ë davvero bisogno di iniziare un articolo sulla prima pagina del Corriere della Sera, il primo quotidiano nazionale, in questo modo? É davvero necessario, per parlare del rapporto tra l’uomo, la tecnologia e i social media, citare marca e modello precisi di un telefonino e intesserne lodi tanto sperticate da fare arrossire perfino il più spregiudicato dei commerciali?

 

Forse Jonathan Franzen, annoverato dal New Yorker tra i primi 20 scrittori del XXI secolo, se ne potrà fregare, ma non vige anche per i giornali lo stesso divieto che la legge impone per ogni forma di pubblicità indiretta alla televisione o al cinema?

Se non esiste, visto che la ratio é la stessa (ovvero non confondere o ingannare il consumatore), credo che andrebbe introdotto. O perlomeno, De Bortoli dovrebbe controllare meglio.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a Non confondere o ingannare il consumatore

  • 3
    lalla

    stamani a radio tre cultura, la pagina 3 dei giornali, è stato il primo articolo letto, sono rimasta allibita quando ho visto che ne avevi fatto un post, complimenti!!

  • 2

    cloc3 ha scritto :
    barcare il lunario senza porsi troppi problemi deontologici, neanche nelle cose pi

     

    scusate avete frainteso, quello che citi per me era un esempio. Per me Messora può scrivere quello che vuole. Non è detto che io sia d’accordo però e non per questo devo essere considerato una sorta di “nemico del popolo”.

    (per la cronaca: il blackbarry non lo comprerei mai, io sono per l’opensource)

     

    saluti a tutti

    • 2.1

      Guarda… bastava esprimere la tua posizione senza “L’articolo va dunque molto più in profondità di quello che riesce a leggere il nostro amico Messora.”, perché non è diritto di critica ma un’offesa gratuita (o non mi vorrai dire che il senso dell’articolo è così complesso e profondo che davvero ritieni che io non ci possa arrivare?)

  • 1

    byoblu ha scritto :
    L’articolo va dunque molto più in profondità di quello che riesce a leggere il nostro amico Messora. Il fatto che l’articolo vada o non vada in profondità esula dallo “scope” di queesto articolo. Se tu fossi in grado di separare i due aspetti, a livello concettuale, forse ne converresti. Nella frase evidenziata in questo post, che è l’incipit dell’articolo, puoi sostituire Blackberry Bold e BlackBerry Perl con “il mio smartphone di ultima generazione” e ottieni lo stesso identico risultato a livello semantico, ma proprio identico, e anche a livello stilistico (visto che parliamo di uno scrittore) senza nessun bisogno di fare pubblicità a nessun brand. Per quanto riguarda la profondità dello stesso articolo, beh… uff.. scusa.. sto sudando… caspita… effettivamente alle profondità apicali che raggiunge l’ossigeno inizia a scarseggiare e i canarini a morire… Sto per prendermi la seconda laurea, allora forse sarò in grado perlomeno di comprendere il titolo… E no, … lo so che ci tenevi ma… non siamo amici.

     

    Quando ti faranno scrivere un pezzo sul corriere potrai scriverlo come ti pare. Io, ripeto, non ci trovo niente di scandaloso nell’indicare un oggetto preciso. L’idea che il “popolo” sia un beota ignorante non mi appartiene anche quando non condivido le scelte che fa. Piuttosto sono le sensazioni che evoca lo scrittore a superare il particolarismo a cui fai riferimento (ovvero tra 10 anni probabilmente nussuno saprà cos’à sto blackberry ma il concetto di feticismo tecnologico sarà ben compreso lo stesso) e da cui non riesci a liberarti (per necessità o progettualità, non so).

    PS

    la prossima volta evita di dare del “cretino” al tuo interlocutore e ribatti con argomenti solidi, benché – capisco – che non fosse questo il tuo stile sicuramente ti verrebbe difficile sbarcare il lunario.

     

    PPS

    “amico” era mera retorica, se non lo avessi inteso.

    • 1.1

      L’idea che il “popolo” sia un beota ignorante non mi appartiene anche quando non condivido le scelte che fa.

      Non l’ho mai scritto. E se ritieni che io lo abbia “evocato”, allora ritieni anche, per estensione, che il legislatore pensi che il “popolo” sia un cretino, visto che esistono leggi apposite per tutelare per esempio il “popolo” dalla pubblicità indiretta al cinema e alla televisione.

      Nè ti ho mai dato del cretino (piuttosto, la tua allusione al fatto che io non sappia leggere “in prodondità” l’articolo in questione, lascerebbe presupporre il contrario). Se poi ti senti la coda di paglia, non so, solo tu puoi valutare.

    • 1.2

      Claudio. sbagli a rimbeccare così a queste provocazioni. lascia pure che siano i tuoi lettori a farlo.

      Ti ringrazio, ma è più forte di me, specialmente quando sono pieno di oppiacei (domani mi ricoverano e martedì mi operano). Ho letto la lista degli effetti collaterali e fa impressione :))

      E poi è una questione di rispetto: se un lettore si rivolge a me, ritengo segno di rispetto rispondergli personalmente, ovviamente compatibilmente col tempo che uno ha a disposizione, che di volta in volta può variare.

    • 1.3
      cloc3

      Claudio. sbagli a rimbeccare così a queste provocazioni. lascia pure che siano i tuoi lettori a farlo.

      spero che il buon Masx usi maggiore onestà intellettuale di quella che qui dimostra quando pubblica sul proprio sito web materiali per la diddattica nella scuola dell’infanzia, altrimenti siamo male.

      d’altra parte, è difficile trovare argomenti solidi agli occhi di certi soggetti, abituati a sbarcare il lunario senza porsi troppi problemi deontologici, neanche nelle cose più evidenti. magari, il punto debole del tuo articolo non è il contenuto in sè, ma la mancanza di originalità del problema posto. siamo talmente abituati a questo bombardamento di pubblicità occulte che, se tu ce ne indichi una specifica, rispondiamo come Masx: embè? dove sta la notizia?

      anzi, lui fa anche di più: accusa te per aver riportato l’articolo, trasformandoti a tua volta in strumento di propaganda. è la solita, trita retorica dei detrattori del buon Galileo: non guardare alla luna, ma al dito che la mostra.

    • 1.4

      "Quando ti faranno scrivere un pezzo sul corriere potrai scriverlo come ti pare."

      p.s. Questa è la terza offesa che hai accumulato a partire dal tuo primo commento. hai intenzione di continuare ancora per molto?

      Ti rispondo lo stesso. Buttata lì così, francamente (e se tu avessi seguito il blog dall’inizio come tanti che sono qui lo sapresti), non muoio dalla voglia di scrivere un articolo per un quotidiano: mi basta e mi avanza la fatica di portare avanti il mio blog (non è la volpe e l’uva: credo che prima o poi la rete se li magnerà a colazione). E se proprio lo dovessi scrivere, al di là dei contenuti dell’articolo di Franzen che mi sono fatto spiegare perché "non ero in grado di comprendere nella loro profondità", non lo scriverei così, perché trovo deontologicamente profondamente scorretto non porsi il problema di fare una pubblicità così smaccata verso un brand. Lo trovo allucinante.

      Te lo ripeto perchè sembra che tu non colga: il contenuto e il significato dell’articolo stesso non ha nessuna rilevanza nella mia valutazione. Non lo ho commentato perché non era l’oggetto del post. Si poteva scrivere allo stesso modo sostituendo la marca e il modello del device con locuzioni generiche.

      Se per te è un non problema è un tuo diritto: il fatto di avere opinioni diverse è la premessa che giustifica la stesura di carte e codici come la Costituzione, come il diritto e perfino luoghi di discussione come questo blog. Quello che non è un tuo diritto è usare toni poco lusinghieri nei confronti di chi esprime la sua posizione. D’altronde avevo rilevato pochi giorni fa come dall’Editto di Erragudi fossero passati 2500 anni, ma con la sgradevole sensazione che siano passati invano.

  • 0
    GasolineAddict

    Personalmente c’è una cosa che mi ha coperto di magone: non ho letto l’articolo in questione, ma spero che quel “…e le passioni della vita” si riferisca ad altro e non al suddetto ammennicolo… un telefono è un pezzo di plastica, una canzone (sostituite a piacere con un altro mezzo espressivo di vostro gradimento) è destinata a vivere finchè qualcuno la porterà nel cuore… se esistesse una equa scala di valori un pezzo di plastica dovrebbe essere regalato (o quasi), un bel disco invece uno dovrebbe sudarselo e goderselo… non sono forse queste le passioni? Avete mai incontrato qualcuno che conosce il nome degli ingegneri che hanno progettato il proprio telefono (ai quali peraltro va il mio massimo rispetto!), oppure che si sia messo a piangere di fronte a uno smartphone? povera generazione di tecnofeticisti, innamorati dei loro balocchini…

  • -1
    Fabio Freepres

    il vento cambia, mi avete detto.
    e ci ho creduto, il 15 maggio.
    ci credo ancora, perchè di suor Mestizia non se ne può più…!!
    ma credevo che il vento portasse via tutte le bugie, e tutti i tatticismi…
    invece non sappiamo ancora chi sarà nella squadra di Giuliano, quando sarà in Comune..!
    e anche sta storia della lettera della Moratti, non poteva rispondere….???
    vediamo di cominciare bene, ma per davvero….

  • -2
    Andrea2

    Guardate, io uso ancora il 3310 della nokia da 12 anni.

    Sono felicissimo, spero non mi abbandoni mai, e nessun articolo al mondo mi farebbe comprare quel tipo di cellulare, anche se a pubblicizzarlo fosse dio in persona…

    Per il resto ha ragione Claudio. Sarebbe stato lo sesso anche se non si fosse citato il brand.

    E poi a me personalemente che tipo di cellulare usa quello li non me ne può fregare di meno :D

    Ciao!

  • -3

    Mi pare un articolo di pubblicità a pagamento, fatto bene, difficile da individuare e pagato molto bene

  • -4

    Leggere l’articolo di questo scritto non mi ha certo indotto a acquistare un blackbarry. Mi ha invece colpito l’efficacia con cui descrive il feticismo tecnologico e mi ha fatto pensare a gesti e pensieri che anche io ho avuto con altri oggetti tecnologici. L’articolo va dunque molto più in profondità di quello che riesce a leggere il nostro amico Messora.

    Del resto, se fosse come dice lui, anche questa pagina del suo blog potrebbe configurarsi come pubblicità ingannevole.

    Penso che non bisogna idealizzare un consumatore completamente critico. Allo stesso tempo non si può pensare  che il consumatore sia un completo idiota. E se è un tale idiota da essere indotto a comprare questo aggeggino elettronico attraverso una pubblicità nascosta non credo che vada proprio a leggersi un articolo di tale Jonathan Franzen. Penso sia molto più efficace un film visto in sala o in tv.

    • -4.1
      Anas E.

      Masx ha scritto :

      “…Allo stesso tempo non si può pensare  che il consumatore sia un completo idiota. E se è un tale idiota da essere indotto a comprare questo aggeggino elettronico

      Beh ! Io quando vedo una pubblicità di tante macchine, dove non ti dicono quanto è sicura, quanto consuma, quanto INQUINA… Ma tela vogliono vendere solo perchè porta la firma di uno stilista o solo perchè ha un impianto HI-FI…Allora io sento che mi trattano da IDIOTA, SCEMO e imbranato.

      In questo articolo per me puzza di  Pubblicità OCCULTA

    • -4.2

      L’articolo va dunque molto più in profondità di quello che riesce a leggere il nostro amico Messora.

      Il fatto che l’articolo vada o non vada in profondità esula dallo “scope” di queesto articolo. Se tu fossi in grado di separare i due aspetti, a livello concettuale, forse ne converresti.

      Nella frase evidenziata in questo post, che è l’incipit dell’articolo, puoi sostituire Blackberry Bold e BlackBerry Perl con “il mio smartphone di ultima generazione” e ottieni lo stesso identico risultato a livello semantico, ma proprio identico, e anche a livello stilistico (visto che parliamo di uno scrittore) senza nessun bisogno di fare pubblicità a nessun brand.

      Per quanto riguarda la profondità dello stesso articolo, beh… uff.. scusa.. sto sudando… caspita… effettivamente alle profondità apicali che raggiunge l’ossigeno inizia a scarseggiare e i canarini a morire… Sto per prendermi la seconda laurea, allora forse sarò in grado perlomeno di comprendere il titolo…

      E no, … lo so che ci tenevi ma… non siamo amici.

    • -4.3
      cloc3

      invece claudio ha ragione da vendere.

      sono davvero usciti allo scoperto. la propaganda commerciale nel settore del commercio tecnologico ha meno pudore e meno dignità che Berlusconi e i suoi fan boys.

      adesso poi, con i chiari di luna che android prospetta a tutti quanti, se la vedono davvero brutta. che sia il momento buono per parlare di quella cosa pruriginosa chiamata software libero, che tutti la sanno ma nessuno la dice?

  • -5
    Ada

    Il divieto esiste eccome. Denuncia all’AGCM e vedi che li sanziona!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>