Il business FAD

In Italia si muore sul luogo di lavoro perché le norme sulla sicurezza non sono applicate in modo corretto. Il Testo Unico 81 del 2008 dice chiaramente che i datori di lavoro sono obbligati a fare formazione ai propri dipendenti, ma il business di “attestati ai sensi di legge“, che le imprese si procurano spendendo poche centinaia di euro, nasconde molte ombre. C’è in ballo un business di oltre 500 milioni di euro.

Oggi Enzo Di Frenna ci racconta cosa siano i FAD, ovvero la cosiddetta formazione a distanza effettuata attraverso l’uso di piattaforme di e-learning. C’è chi in rete guadagna facendo formazione e chi spende del suo per fare informazione.

 

 

SICUREZZA SUL LAVORO: IL BUSINESS DEI FAD

la nuova inchiesta di Enzo Di Frenna


 Il settore della sicurezza sul lavoro è un business milionario, che può rendere molto ricchi. In che modo? Ad esempio attraverso la Fad – cioè la Formazione a distanza – esercitata utilizzando in modo abile internet.

Ogni anno in Italia muoiono mille lavoratori e si verificano circa 800 mila infortuni. Il testo Unico 81 del 2008, voluto dall’ex ministro del Lavoro del governo Prodi, Cesare Damiano, disciplina la complessa materia che tutela la salute e sicurezza dei lavoratori e prevede una serie di obblighi, tra cui la formazione per il lavoratore. Infatti, se i dipendenti di un’azienda sono al corrente dei rischi a cui possono essere esposti, hanno più probabilità di evitare incidenti o contrarre malattie professionali. Il datore di lavoro, che può essere una piccola impresa o anche un’industria, si rivolge a società private ed associazioni per effettuare tale formazione. Che però ha un costo. Tanto per farsi un’idea, ogni attestato rilasciato dopo la frequentazione di un corso, ha un prezzo incredibilmente variabile: si parte da 35 euro, e si sale a 70, 150, 250, 450, mille euro ed anche di più, se si considerano le offerte a pacchetti. Questi corsi sono spuntati in Internet come i funghi. Niente aula, niente presenza fisica dei lavoratori, niente confronto con l’istruttore, ma solo un rapporto con la macchina: basta compilare dei questionari, dopo aver scaricato e studiato alcuni manuali. Ma sono molti a suscitare dubbi su tale modalità. Lo ha fatto per primo Rocco Vitale, presidente di Aifos, la principale organizzazione dei formatori della sicurezza in Italia, che ha denuciato in vari articoli la presenza di operatori usano la Fad in modo molto discutibile e richiamando il legislatore alla necessità di regolare il settore.

Anche Giancarlo D’Andrea, segretario nazionale del sindacato dei formatori Firas-Spp sulle pagine del quotidiano Punto Sicuro ha lanciato nel 2010 la sfida, parlando di Fad e operazione trasparenza. D’Andrea parla di una “sfrenata commercializzazione di percorsi formativi su cui gravano pesanti sospetti di illegittimità”. Inoltre, ha proposto a diversi imprenditori del settore di sedersi intorno a un tavolo per affrontare la questione, ma molti si sono defilati ed altri hanno storto il naso. Ma l’iniziativa della Firas-Spp va avanti e D’andrea scrive che “mancheranno all’appuntamento chi specula sulla mancanza di regole, chi vive di mancanza di regole o comunque ne trae beneficio, chi pensa che per lui le regole non valgano, e chi, normalmente, delle regole se ne frega, perché come è evidente anche il problema della formazione a distanza ha attinenza alla più generale questione della cultura della legalità che tanto incide sul grado di civiltà del Paese e sul diritto a lavorare in sicurezza.”

L’8 aprile 2011 si è tenuto a Roma – sempre per iniziativa di Firas-Spp – il 1° Congresso nazionale dei formatori della sicurezza sul lavoro, durante il quale è stata espressa la necessità di regolamentare la professione del formatore, certificando in maniera chiara i suoi corsi e gli attestati che rilascia. Inoltre, è stata proposta una Carta Dentologica del formatore, per stringere lo spazio di coloro che operano con pochi scrupoli. E’ stato poi annunciato che alla fine del 2011, nella città di Favara, si terrà il primo seminario internazionale sulla Fad, per portare alla luce i criteri con cui si può utilizzare tale modalità in maniera deontologicamente corretta.

Come vedete, su questo settore gravano molte ombre. La Fad produce un fatturato di centinaia di milioni di euro. Vi faccio un esempio: se una società eroga 20 mila corsi all’anno, al costo medio di 200 euro, incassa 4 milioni di euro ogni anno. Ma molti corsi, come dicevo, costano anche molto di più. Quindi vi possono essere casi in cui il fatturato supera i 5-6 milioni di euro all’anno. In Italia vi sono molti soggetti che erogano corsi per la sicurezza in modalità Fad. Il blog ha rintracciato una cinquantina di sigle, a cui bisogna aggiungere un certo numero di associazioni ed enti bilaterali. Quindi è plausibile che in Italia il mercato della Fad superi i 500 milioni di euro all’anno.

Ma vediamo come funziona un meccanismo che potrebbe nascondere possibili manovre illegali.Abbiamo sottoposto alcune domande sulla Fad a Lorenzo Fantini, dirigente dell’area Sicurezza del Ministero del Lavoro, avvocato ed esperto di materie giuridiche in materia di sicurezza, nonché presidente della Commissione permanente sullo Stress lavoro correlatoo presso il ministero.

Ecco l’esempio che gli abbiamo sottoposto.

Un signor X è titolare di una società che vende corsi on line, cioè in modalità Fad. Sul suo sito scrive che i corsi sono progettati da un’associazione che si occupa di formazione e da un ente bilaterale. Il testo Unico 81, infatti, all’articolo 37 dice che la formazione deve essere svolta in collaborazione con enti paritetici (cioè gli enti bilaterali, che sono organizzazioni che raggruppano associazioni di lavoratori, imprese e sindacati). Il dominio dell’Ente Bilaterale è intestato alla società del signor X, il presidente di tale Ente è un contabile del signor X. Infine, sul sito dell’Ente non c’è un indirizzo, un telefono, il nome del presidente e tra i membri aderenti figura una fantomatica organizzazione di piccole imprese, che riconduce alla società del signor X e che non ha nessu sito web, ma solo un dominio che è in intestato alla società del signor X. Allo stesso tempo, il signor X risulta essere presidente di una associazione che si occupa di formazione, che eroga corsi in modalità Fad attraverso la società del singor X.

Abbiamo chiesto quindi a Fantini se in una situazione del genere, gli attestati di tali corsi venduti on line hanno una validità ai sensi del Testo Unico 81/2008 e Decreto legislativo 106 del 2009. Gli abbiamo anche domandato se è possibile che una sola persona possa erogare corsi in modalità Fad, possedere un Ente Bilaterale ed essere presidente di una associazione che si occupa di sicurezza sul lavoro e promuove corsi Fad.

Fantini ci ha risposto che “tutto questo NON è possibile ex legge”.

Un simile meccanismo, in perfetto stile scatole cinesi, può solo essere partorito da un ragazzino geek – cioè che passa molte ore su un computerino convinto dell’onnipotenza della tecnologia – oppure da un signor X esperto di sicurezza sul lavoro, coadiuvato da una squadra di informartici, che possono anche operare all’oscuro del meccanismo, perché districarsi nel ginepraio legislativo che regola il settore della sicurezza sul lavoro è impresa davvero difficile. Il Testo Unico 81 ha infatti accorpato centinaia di leggi, ma resta ancora molto lavoro da fare per semplificare e blindare alcuni settori, come la Fad. Il Ministero del Lavoro, come è in grado di rivelare il blog, sta mettendo a punto proprio in questi giorni le regole per una Fad certificata, che sbarri il passo a possibili speculazioni.

Il blog si occuperà ancora dell’argomento dei corsi di formazione per lavoratori. In Italia, infatti, le Forze dell’Ordine hanno già verificato diversi casi di truffa sui corsi di aggiornamento professionale per i lavoratori e il problema è stato segnalato più volte anche alla procura di Torino, dove lavora il giudice più inflessibile d’Italia in tema di sicurezza sul lavoro: il pm Raffaele Guariniello. E anche la Commissione parlamentare d’inchiesta del Senato, che si occupa di sicurezza sul lavoro e presieduta dal senatore Oreste Tofani, a quanto pare si occuperà presto di Fad attraverso una serie di audizioni, ricordando tra l’altro che la commissione ha gli stessi poteri inquirenti della magistratura.

Il Testo Unico 81, purtroppo, è stato indebolito dal governo Berlusconi, attraverso il decreto 106 del 2009 – detto correttivo dell’81 – che in pratica fa una virata nei confronti degli interessi economici di imprenditori e affaristi, riducendo la tutela nei confronti dei lavoratori.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

2 risposte a Il business FAD

  • 1
    Claudio.farna

    Comico come il controllo avvenga anche nei siti di informazione…sicuro l’ algoritmo ha letto il titolo dell’ articolo del  blog sulle fad…e ad ad hoc a piazzato un bel banner su corsi per segretaria di studio medico!   Mamma mia raga non si sfugge più a nulla!!!

     

  • 0
    fedeborgia

    attenzione: il caso del signor X è portato all’estremo. Esistono codici etici, esistono persone che fanno FAD abbinata all’aula, esistono corsi validi ed effettivamente certificati. Faccio formazione da 4 anni ormai, in tutti i luoghi di lavoro miei e di amici e conoscenti non esistono situazioni del genere, ma nella maggior parte dei casi esiste FAD accompagnata da qualche ora in aula.

    E poi scusate se mi permetto un appunto. Se proprio fosse così sentito il problema della sicurezza sul lavoro, sarebbe gradito se anche il lavoratore ci mettesse un pochino di interesse, ogni tanto faccio formazione ad aule di mummie

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Trump: “Barack Obama e Hillary Clinton hanno fondato l’Isis”

Trump Donald Trump, Barack Obama, Hillary Clinton e l'Isis Donald Trump , dal palco della Florida, mercoledì 10 agosto, non ha dubbi: "Barack Obama e Hillary Clinton hanno fondato l'Isis". E no, non hanno solo "colmato uno spazio politico lasciato vuoto", l'hanno proprio fondato (l'uno) e co-fondato (l'altra). Intervistato...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>