CATACOMBE DIGITALI

La delibera AGCOM è passata, ma questo non era in discussione. Piuttosto, è passata con una serie di rimodulazioni dovute in larga parte al movimento di protesta che si è scatenato in rete. Dal momento in cui sarà pubblicato il testo che è stato approvato, ci saranno 60 giorni di tempo per partecipare alla discussione pubblica e presentare eventuali proposte di modifica.

La AGCOM tenta di rasserenare gli animi ed emette un comunicato stampa nel quale assicura di non avercela con chi fa informazione libera né con chi utilizza brevi spezzoni di filmati protetti da copyright per alimentare il dibattito democratico. Affrontiamo questi aspetti nella prima parte del video di oggi. Quello che invece mi preme sottolineare in questo articolo è il contenuto della seconda parte. Nella delibera approvata ieri, infatti, si nasconde un’insidia pericolosissima per un principio fondamentale, oserei dire un baluardo che si erge a tutela della libertà che la rete internet è in grado di veicolare (tema sviluppato ampiamente nel video “la lunga, triste storia degli attacchi alla rete“): la neutralità della rete.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

La delibera consta di due parti: nella seconda si specifica il nuovo iter burocratico che porta all’eventuale rimozione di un contenuto (con la non trascurabile differenza che ora è prevista la possibilità di far intervenire un magistrato), mentre nella prima parte si lanciano alcune proposte per sviluppare l’offerta legale e la promozione effettiva dell’accesso ai contenuti da parte degli utenti

E’ proprio qui che si annida la serpe velenosa, nello stralcio seguente:

« promozione di accordi tra operatori volti a semplificare la filiera di distribuzione dei contenuti digitali relativi alle nuove modalità di sfruttamento favorendo l’accesso ai contenuti premium »

Chi sono gli operatori a cui la proposta si riferisce? Trattandosi di distribuzione via internet, le prime possibilità che vengono in mente sono i grossi motori di ricerca (Google, Yahoo, Bing…) e gli Internet Service Provider (Telecom, Libero, Fastweb, Vodafone…). I primi in quanto nessun contenuto in rete “esiste“, se non compare tra le prime posizioni dei motori di ricerca, i secondi in quanto gestori della banda internet e, sempre più spesso, promotori di offerte commerciali e tecnologiche che portano pacchetti di prodotti multimediali direttamente sui televisori delle case.

Stanti così le cose, quel “favorendo l’accesso ai contenuti premium” si tradurrebbe in una maggiore rilevanza di film e partite provenienti dall’industria dei contenuti nei risultati dei motori di ricerca, con il conseguente declassamento dei contenuti prodotti dagli utenti, e nella priorità di utilizzo delle risorse di banda e in una maggiore fruibilità dei contenuti offerti dagli internet service provider in bundle con i loro pacchetti e in accordo con le grandi case di produzione, sempre a discapito del materiale pubblicato dal cittadino qualunque che tiene un blog e produce video a vario titolo. E’ la morte della neutralità della rete.

L’assunto fondamentale del principio di neutralità della rete è che “tutti i bit sono creati uguali“, intendendo con questo che, al fine di garantire la libertà di espressione e di tutelare internet dal trasformarsi in una grande, inutile televisione, l’infrastruttura tecnologica e i servizi che vi girano sopra devono trattare con pari dignità qualsiasi contenuto vi transiti sopra, indipendentemente dalla sua tipologia e dalla sua provenienza. Questo garantisce ad esempio che il video del signor Rossi possa essere trovato e visto esattamente come il grande film campione di incassi, e che dunque non siano le strategie di mercato a nascondere oppure esaltare un contenuto, ma unicamente l’interesse generato dal contenuto stesso nel pubblico che lo gradisce, e dunque lo premia con una migliore indicizzazione, oppure lo disprezza e dunque lo relega all’anonimato.

Se quello stralcio del comunicato stampa AGCOM, presumibilmente tratto dal testo della delibera approvata, si riferisce a quello che credo, ovvero al coinvolgimento dei motori di ricerca e dei fornitori di connettività internet affinché premino i contenuti ufficiali e, mediante appositi accordi commerciali, li rendano fruibili e li veicolino con maggiore efficacia e priorità rispetto ai contenuti prodotti dalla comunità di navigatori, allora è necessario intervenire per impedire che questo ennesima proposta formulata da chi vuole portare logiche vecchie nel nuovo mondo possa tradursi in una regolamentazione ufficiale.

Diversamente, sarebbe una mannaia sulla libertà di parola nella sua nuova, pluripotente declinazione 2.0, perché comunicare attiene certamente alla possibilità di potersi esprimere, ma implica la facoltà di potersi rivolgere ad un pubblico, e dunque di non essere relegati a gridare nelle catacombe digitali, a un pubblico di occasionali e fortuiti visitatori, mentre dai telecomandi della rete non si potrà accedere che all’ultimo film prodotto da Mediaset o alle partite di Champions.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a CATACOMBE DIGITALI

  • 2

    Beh, la cosidetta neutralità delle Rete è già adesso più un pio desiderio che una realtà, considerato che si tratta di una struttura commerciale – con origini militari – che campa sulla vendita di contenuti, diffusa a livello mondiale ma i cui i”nterruttori” sono comunque in mano ai provider, anche se molti, pochi rispetto al numero degli utenti e non animati da spirito di carità. La delibera fotografa questa spiacevole realtà. 

  • 1

    Preso atto di due modifiche importanti, quella sugli spezzoni protetti da copyright e quella sulla necessità di coinvolgere un magistrato per l’oscuramento, la mia impressione è che la frase “incriminata” sia meno pericolosa di come tu la interpreti. IN effetti si potrebbe anche interpretare in un’ottica di facilitare il canale web come ulteriore canale di distribuzione di contenuti a pagamento rispetto ai già consolidati canali del DVD in affitto e della vendita del DVD o alla pay-tv, il che non mi sembra affatto un problema. Oggi non è facilissimo acquistare un contenuto legale in rete perché arriva molto dopo quello illegale e quando ormai è disponibile da tempo sui vari blockbuster o addirittura allegato a qualche rivista. Sul sito dell’AGCOM se ne parla: la loro idea è di uscire sul canale web subito dopo l’uscita nelle sale, il che, per chi ha un televisore collegato al web sarebbe una grande comodità.

  • 0
    roby64

    Ma perchè, ora esiste la Netneutrality ? Pensiamo, tanto per fare un esempio, che aderire al programma Adsense non incida nella SERP di Google ?

    E ancora, Google mi indicizza bene con termini specifici… ma con termini generali non esisto (salvo i newbie che mettono nella casella di ricerca il nome del sito).

     

  • -1
    paola f

    Vorrei far notare che in questi giorni si parla oltre che della delibera Agicom, anche del possibile divieto alle tv locali a ricorrere al TAR e sul blog di Grillo si cominciano a sentire discorsi da Cota o da un certo Giorgetti nel cercare di vietare i posti, teatri, palasport ecc, a Grillo o a chiunque non piaccia al regime, per esibirsi… Vedo Santoro molto in bilico

    ciao claudio

  • -2
    brusca

    concordo sulla carenza di etica delle multinazionali interessate… però il problema è di chi si affida a google come fosse il vangelo.

    se vogliamo, gli stessi fruitori bovini del servizio televisivo tradizionale, saranno fruitori bovini del servizio digitale… il problema non sta tanto in una multinazionale che vuol fare soldi ma in noi, che abbiamo potere di scelta e scegliamo la via più comoda.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>