DEAD MAN BLOGGING


Daniele Martinelli è stato condannato per diffamazione, avendo scritto che «il silenzio mafioso è la “strategia condivisa” che per ora accomuna Riccardo De Corato ad altri colleghi di partito », ed avendo sostenuto che De Corato percepisce uno stipendio come deputato e uno come vice sindaco di Milano. La sentenza è immediatamente esecutiva: 10 mila euro più il pagamento delle spese legali. L’appello è consentito solo a chi deve pagare dal mezzo miliardo in su. Daniele ha chiuso il blog, almeno fino a quando non riuscirà a trovare i soldi che gli servono.

Io potrei fare presto la sua stessa fine. Qualche mese fa, mentre ero steso a letto in attesa di essere operato, mi è arrivata una lettera da L’Aquila in cui venivo informato di avere un avvocato d’ufficio. Era un modo carino per dirmi che sono stato denunciato per diffamazione aggravata a mezzo stampa in relazione alla vicenda dell’ing. Armido Frezza e del crollo della palazzina in via XX settembre, nonostante avessi pubblicato la loro rettifica (non essendovi tenuto se non in virtù della mia idea di informazione libera, perché questo blog non è equiparato – e dunque non soggiace – alla legge sulla stampa) e nonostante avessi invitato pubblicamente e privatamente lo stesso, tramite sua figlia e il suo avvocato, a farsi intervistare per fornire la sua versione dei fatti. Leggete “Strane voci a L’Aquila” e “Prima diffida e richiesta di rettifica per Byoblu.Com“.
Per lo stesso motivo, a giorni dovrò comparire alla Procura dell’Aquila, la stessa che per ironia della sorte ha acquisito agli atti la mia inchiesta sulla videocassetta che uccide, nel corso delle indagini che hanno condotto al processo alla Commissione Grandi Rischi, per rendere le mie dichiarazioni nel corso di un interrogatorio prima dell’avvio della causa (il pm non ha ritenuto di archiviare). Frezza è difeso dallo studio legale Marazzita. Chi è del mestiere sa di cosa parlo. Con una delle sue parcelle più insignificanti, probabilmente potrei pagarci tutti i debiti contratti con il blog.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Non ne avevo parlato prima perché non volevo dare l’impressione di cavalcare gli eventi. Ne parlo ora perché la condanna di Daniele è l’occasione per far comprendere come un blog come questo non sia esattamente come parlare di taglio e cucito la sera nel tempo libero. Un conto é divertirsi a commentare le ultime uscite di una classe politica imbarazzante, un conto è raccontare le cose che succedono in un territorio di guerra come lo era l’Abruzzo nei mesi successivi al terremoto, quando il resto dell’informazione ufficiale e blasonata taceva o si concentrava sugli orsacchiotti di peluche in mezzo alle macerie. Si può parlare di peluche avendo alle spalle un editore che ti garantisce dalle ritorsioni legali e, all’estremo opposto, si possono pestare i piedi che nessun’altro vuole pestare, avendo alle spalle solo debiti o, i più fortunati, una casa da ipotecare.

Al di là della tutela legale, che in alcuni casi può essere coperta da qualche avvocato generoso che si mette a disposizione in forma gratuita, se si viene condannati bisogna pagare somme che per il querelante di solito sono spiccioli, ma che per un blogger significano la galera. Una condanna per diffamazione (al di là della ragione e del torto, su centinaia e centinaia di contributi una virgola fuori posto può sempre scappare) significa una ed una sola cosa: la fine di un blog, anche se storico e conosciuto, e la rovina personale di un blogger, che non può che smettere di fare quello che fa e iniziare a preoccuparsi di salvare se stesso.

Dobbiamo solo decidere se questo è un mestiere che si può fare, da persone libere e indipendenti, oppure se non si può fare e bisogna tornare indietro a quando esistevano soltanto i giornalisti, perché i blogger indipendenti che fanno informazione libera sono morti che scrivono. Prima o poi qualcuno dà una spintarella al loro fragile, precario equilibrio.

Per questo, insieme ad alcuni illuminati tra di voi, sto valutando come dare vita ad una associazione che si occupi di sostenere materialmente i blogger indipendenti che sono in costante difficoltà e che secondo il vostro giudizio rendono un valido servizio alla collettività. La tutela legale è solo uno dei problemi di uno spazio libero e indipendente come questo. La sopravvivenza fisica viene ancora prima.
I tempi sono ormai maturi. Con l’estate, speriamo di coglierne i frutti.

Nel frattempo, mi corre l’obbligo di segnalarvi che se prima delle vacanze desiderate contribuire alla causa (mai espressione fu più azzeccata: anche solo fare avanti e indietro da Milano a L’Aquila ha un costo), sapete come fare: http://www.byoblu.com/page/sostienimi.aspx

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

29 risposte a DEAD MAN BLOGGING

  • 14
    r.carpentieri

    Caro Claudio anch’io sono stata querelata per ben 2 volte e sto aspettando gli sviluppi. Sono una blogger ed un citizen reporter.

    Gli articoli incriminati uno dal sindaco, l’altro dal direttore risorse umane di Asià (Napoli) sono questi:

    Caro estinto, prima mi esibisci il contratto e poi ti dò il nulla osta alla tumulazione!

    http://www.agoravox.it/Caro-estinto-prima-mi-esibisci-il.html#forum34903

    Asìa di Napoli. Una denuncia ed un appello alla magistratura: si sequestrino i registri di rifornimento carburante di Asìa !


    Dalle imposizioni di assunzioni clientelari e dazioni illecite di tangenti alle imposizioni dei distributori di carburante. La truffa di Asìa.

    http://www.openjournalist.com/altro/segnalazioni/asia-di-napoli-una-denuncia-ed-un-appello-alla-magistratura-si-sequestrino-i-registri-di-rifornimento-carburante-di-asia/

    Penso che lo scudo della rete di Grillo sia assolutamente insufficiente e che occorre costituire un fondo per le vittime delle querele intimidatorie, nel caso si venga condannati. Io ho comunque fiducia nella Magistratura e ritengo che la querela sia un’arma a doppio taglio per il querelante: diciamo che abbiamo una grande occasione, quella di materializzare una sanzione processuale memorabile per chi piega lo strumento (lecito) della denuncia penale al potere (illecito) di chi ha torto marcio!

    Comunque diamoci da fare con questa associazione a sostegno dei blogger querelati !

    Per il resto occorre rivedere la norma incriminatrice, ma la casta non lo farà mai, e se possibile occorre discernere tra testata giornalistica e blog.

    In bocca al lupo! Viva il lupo per tutti!

    P.S. Io sono disposta ad attivarmi in ogni sede 

  • 13
    r.carpentieri

    Caro Claudio anch’io sono stata querelata per ben 2 volte e sto aspettando gli sviluppi. Sono una blogger ed un citizen reporter.

    Gli articoli incriminati uno dal sindaco, l’altro dal direttore risorse umane di Asià (Napoli) sono questi:

    Caro estinto, prima mi esibisci il contratto e poi ti dò il nulla osta alla tumulazione!

    http://www.agoravox.it/Caro-estinto-prima-mi-esibisci-il.html#forum34903

    Asìa di Napoli. Una denuncia ed un appello alla magistratura: si sequestrino i registri di rifornimento carburante di Asìa !


    Dalle imposizioni di assunzioni clientelari e dazioni illecite di tangenti alle imposizioni dei distributori di carburante. La truffa di Asìa.

    http://www.openjournalist.com/altro/segnalazioni/asia-di-napoli-una-denuncia-ed-un-appello-alla-magistratura-si-sequestrino-i-registri-di-rifornimento-carburante-di-asia/

    Penso che lo scudo della rete di Grillo sia assolutamente insufficiente e che occorre costituire un fondo per le vittime delle querele intimidatorie, nel caso si venga condannati. Io ho comunque fiducia nella Magistratura e ritengo che la querela sia un’arma a doppio taglio per il querelante: diciamo che abbiamo una grande occasione, quella di materializzare una sanzione processuale memorabile per chi piega lo strumento (lecito) della denuncia penale al potere (illecito) di chi ha torto marcio!

    Comunque diamoci da fare con questa associazione a sostegno dei blogger querelati !

    Per il resto occorre rivedere la norma incriminatrice, ma la casta non lo farà mai, e se possibile occorre discernere tra testata giornalistica e blog.

    In bocca al lupo! Viva il lupo per tutti!

    P.S. Io sono disposta ad attivarmi in ogni sede 

  • 12
    r.carpentieri

    Caro Claudio anch’io sono stata querelata per ben 2 volte e sto aspettando gli sviluppi. Sono una blogger ed un citizen reporter.

    Gli articoli incriminati uno dal sindaco, l’altro dal direttore risorse umane di Asià (Napoli) sono questi:

    Caro estinto, prima mi esibisci il contratto e poi ti dò il nulla osta alla tumulazione!

    http://www.agoravox.it/Caro-estinto-prima-mi-esibisci-il.html#forum34903

    Asìa di Napoli. Una denuncia ed un appello alla magistratura: si sequestrino i registri di rifornimento carburante di Asìa !


    Dalle imposizioni di assunzioni clientelari e dazioni illecite di tangenti alle imposizioni dei distributori di carburante. La truffa di Asìa.

    http://www.openjournalist.com/altro/segnalazioni/asia-di-napoli-una-denuncia-ed-un-appello-alla-magistratura-si-sequestrino-i-registri-di-rifornimento-carburante-di-asia/

    Penso che lo scudo della rete di Grillo sia assolutamente insufficiente e che occorre costituire un fondo per le vittime delle querele intimidatorie, nel caso si venga condannati. Io ho comunque fiducia nella Magistratura e ritengo che la querela sia un’arma a doppio taglio per il querelante: diciamo che abbiamo una grande occasione, quella di materializzare una sanzione processuale memorabile per chi piega lo strumento (lecito) della denuncia penale al potere (illecito) di chi ha torto marcio!

    Comunque diamoci da fare con questa associazione a sostegno dei blogger querelati !

    Per il resto occorre rivedere la norma incriminatrice, ma la casta non lo farà mai, e se possibile occorre discernere tra testata giornalistica e blog.

    In bocca al lupo! Viva il lupo per tutti!

    P.S. Io sono disposta ad attivarmi in ogni sede 

  • 11
    Lara54

    anche Mazzetta è stato denunciato da quegli araldi della vera fede che sono quelli di Pontifex

  • 10
    platone

    SVEGLIATEVI ITALIOTI……………………….

    http://www.youtube.com/watch?v=zN4RAYTyoxQ

     

     

    LA VERA EVOLUZIONE NON E’ AVERE TRE CELLULARI MA POTER COMUNICARE TELEPATICAMENTE…………………

  • 9
    bigalfry

    Che brutto affare! E’ veramente odioso quando gente straricca chiede come risarcimento cifre tali che per loro sono spiccioli(quindi non risarcirebbero veramente nessun danno reale), ma tali da rovinare i comuni cittadini! Questo non è un uso corretto della giustizia! Questo vuol dire brandire l’accusa di diffamazione come una minaccia e, nel concreto, come un modo sicuro e legale di annientare il nemico e di rovinarlo! Che vergogna! Credo che l’argomento andrebbe affrontato anche in ambito politico, sul piano generale della libertà di espressione in rete, ma purtroppo coi tempi che corrono(AGCOM) meglio di no! Spero che vada tutto bene. Grazie del servizio che ci dai(ho saputo della delibera AGCOM solo dal tuo blog)!! Bella l’idea di creare un’associazione per aiutare i blogger.

  • 8
    Tummarellox

    Incredibile come siamo ridotti.

    Totale supporto e rispetto a te, Claudio, che sei molto più di un blogger, sei un vero guerriero.

    Molti avrebbero già gettato la spugna ma si vede che credi profondamente in quello che fai (grazie) e che non vuoi mollare.

    Sappi che hai il supporto di tanta gente che considera sacrosanto il lavoro che offri alla collettività, gratuitamente.

    PS: se passi per Sulmona fai uno squillo! :P

  • 7

    allibita ha scritto :
    10.000 di qua per salvarti già un’altra volta, 10.000 di là. Vuoi introdurre per caso una manovra salvablog? Mi sa che opto anch’io per l’apertura di un blog a sfondo politco e quasi quasi mi faccio mantenere dai miei bloggers

     

     

    Fai bene @Byo a lasciare commenti simili.Per far capire il livello in cui sono (s)caduti

  • 6

    Anche noi a Minerbio, provincia di Bologna, siamo stati querelati x diffamazione dal Sindaco. Stiamo aspettando gli sviluppi…Questo il link incriminato, giudicatw voi!http://www.minerbioelavocedelcittadino.com/2010/10/il-sindaco-minganti-si-nasconde-dietro.html?m=0

  • 5
    jonnymind

    Ci vorrebbe un’associazione. Blogging e informatici riuniti in una associazione tipo l’adusbef, con tanto di numero di conto per il 5 per mille e con quote associative. Oltre ad occuparsi del fondo di garanzia, si occuperebbe anche della difesa preventiva e delle manovre di lobbing politico per impedire che questi scempi come quelli dell’AGCOM vedano la luce, o per abrogarli nel caso che vengano promulgati.

    Ricordo una discussione simile fra i commenti di phrack, e si parlava del fatto che gli informatici in generale e gli hacker in particolare sono troppo disorganizzati per fare fronte comune.

    Però, aclune cose successe di recente stanno cambiando questa situazione. Assange, Stallman, Lessig, stanno indicando la via di un meta-hacking che non esclude il campo sociale, anzi, lo include a pieno.

    Potrebbe essere venuto il momento di farci un pensiero serio. Qualche contatto ce l’ho.

  • 4
    allibita

    10.000 di qua per salvarti già un’altra volta, 10.000 di là. Vuoi introdurre per caso una manovra salvablog? Mi sa che opto anch’io per l’apertura di un blog a sfondo politco e quasi quasi mi faccio mantenere dai miei bloggers

    • 4.1
      Silvia De Sttefanis

      Cara “allibita”, d’accordo che la mamma dei cretini è sempre incinta, ma nel tuo caso si deve essere accoppiata con il papà degli imbecilli. Non sai neppure leggere quello che c’è scritto.

    • 4.2
      Aigor

      Allibito sono io, come penso molti altri, a leggere un commento del genere.

      Complimenti, fai parte di quella parte di italiani che prende un libro, legge la quarta di copertina, e si comporta (e ragiona) come se il libro l’avesse letto tutto.

       

    • 4.3
      Aigor

      Allibito sono io, come penso molti altri, a leggere un commento del genere.

      Complimenti, fai parte di quella parte di italiani che prende un libro, legge la quarta di copertina, e si comporta (e ragiona) come se il libro l’avesse letto tutto.

       

    • 4.4
      Aigor

      Allibito sono io, come penso molti altri, a leggere un commento del genere.

      Complimenti, fai parte di quella parte di italiani che prende un libro, legge la quarta di copertina, e si comporta (e ragiona) come se il libro l’avesse letto tutto.

       

    • 4.5

       Lasciate perdere. Scrive da un anonimizzatore di email. E da una rapida verifica sull’indirizzo IP, di cui lui, dato che vuole farsi mantenere "dai suoi bloggers" (SIC!), evidentemente ignora l’esistenza e il significato, ho capito chi è.
       L’indirizzo email lasciato in fase di commento, insieme al link di verifica, serve ad evitare lo spam e a far assumere ai singoli commentatori la responsabilità legale di quanto scrivono (e morale). Scrivere da un anonimizzatore di email () è pertanto una chiara violazione delle policy e da diritto a cancellare il commento. Questo lo lascio perché avete risposto in tanti e perché si commenta da solo.

  • 3
    Giamporsi

    byoblu ha scritto :
    Lo scudo della Rete fa parte della tutela legale, che come ho scritto può anche essere messa a disposizione gratuitamente da avvocati generosi. Il punto è che una causa per diffamazione, oltre alle spese accessorie (chi mi paga il viaggio a L’aquila e tutti quelli che seguiranno?) può significare una condanna, e una condanna significa soldi che non ti paga nessuno e che probabilmente, se fai il blogger per la gloria, non hai.

     

    ok, avevo inteso male io allora… pensavo che con “associazione che si occupi di sostenere materialmente i blogger” intendessi quel tipo di sostegno, cioè legale e non a livello di altre spese…

  • 2
    cloc3

    concordo sul fatto che la pena sia sproporzionata, e che punisca in un modo violento e sconsiderato.

    colpire un persona colpevole di una semplice offesa riducendola all’indigenza è un’applicazione moderna della legge del taglione.

    il guaio è che l’assunto della mia convinzione è di carattere esclusivamente relativo. la stessa identica pena, applicata a un giornalista professionista, apparirebbe del tutto insignificante.

    è difficile pretendere una sensibilità tanto sottile da un semplice testo di legge. forse dovrebbero essere i diritti dell’uomo, o qualche principio di diritto naturale, o la stessa Costituzione, a garantire in tal senso. forse anche lo fanno, ma la nostra società non è civile a sufficienza per applicarle.

    in un certo senso, è la natura di Internet a porre dei problemi che non si erano mai creati in precedenza. Purtroppo, non me la sento del tutto di supportare Martinelli nel comportamento che ha generato questo episodio. forse un eccesso lo ha compiuto davvero e avrebbe potuto esprimere la propria libertà in un modo meno aggressivo. la libertà di espressione che pretendiamo da Internet è un diritto che corrisponde a un grado più alto di responsabilità. è giusto reclamare equilibrio e misura nell’essere giudicati, ma dobbiamo allo stesso tempo imporre a noi stessi equilibro e misura nell’uso di questo strumento.

    fai molto bene a pensare a un organismo di sostegno ai blogger, purché si costituisca primariamente per definire e confermare i criteri di qualità e di autocontrollo nell’uso della rete, e solo in secondo ordine affronti i temi della protezione sindacale (pur sacrosanta) dei propri membri.

  • 1

    Daniele Martinelli non mi è mai piaciuto. L’ho sempre percepito come un Emilio Fede della sinistra, e ho smesso di seguire il suo blog da quell’articolo su una donna che sarebbe stata discriminata e abbandonata dal Comune della sua città, quando invece si era scoperto che così non era, ma che era lui a non essersi andato a informare anche dall’altra parte.

    Io ci andrei cauto a comparare Martinelli a Byoblu. Lui ha oggettivamente fatto il passo più lungo della gamba, se non hai mezzi di sostegno a pararti le spalle eviti di accostare parole come “mafioso” a un politico (ok ok, “silenzio mafioso”, non mafioso il politico), perchè se non sei nato ieri sai come tira il vento da queste parti. Sai che, se sei un minimo in vista, alla prima certa gente ti salta addosso. Quindi un po’ se l’è anche cercata, al di là del fatto che poi abbia torto o ragione in tribunale, e al di là del fatto che sia giusto o meno che un blogger sia denunciato per frasi ambigue.

    L’esempio di Claudio è di ben altra specie. Ha pubblicato la rettifica, li hai invitati a un confronto… Penso che si veda chi è nel giusto, e chi ha sempre agito con correttezza. Certo… benchè sia una master seccatura, soprattutto economica, soprattutto per le già precarie condizioni di Byoblu.

    Io ho deciso di contribuire con un fisso all’anno al blog, e non me la sono sentita di dare extra per la condizione del blog comunicata qualche mese fa per principio, però se si parla di spese lagali a seguito di una denuncia del genere son ben felice di contribuire, spero che qualcuno faccia altrettanto.

  • 0
    carpentieri

    Caro Claudio anch’io sono stata querelata per ben 2 volte e sto aspettando gli sviluppi. Sono una blogger ed un citizen reporter.

    Gli articoli incriminati uno dal sindaco, l’altro dal direttore risorse umane di Asià (Napoli) sono questi:

    Caro estinto, prima mi esibisci il contratto e poi ti dò il nulla osta alla tumulazione!

    http://www.agoravox.it/Caro-estinto-prima-mi-esibisci-il.html#forum34903

    Asìa di Napoli. Una denuncia ed un appello alla magistratura: si sequestrino i registri di rifornimento carburante di Asìa !


    Dalle imposizioni di assunzioni clientelari e dazioni illecite di tangenti alle imposizioni dei distributori di carburante. La truffa di Asìa.

    http://www.openjournalist.com/altro/segnalazioni/asia-di-napoli-una-denuncia-ed-un-appello-alla-magistratura-si-sequestrino-i-registri-di-rifornimento-carburante-di-asia/

    Penso che lo scudo della rete di Grillo sia assolutamente insufficiente e che occorre costituire un fondo per le vittime delle querele intimidatorie, nel caso si venga condannati. Io ho comunque fiducia nella Magistratura e ritengo che la querela sia un’arma a doppio taglio per il querelante: diciamo che abbiamo una grande occasione, quella di materializzare una sanzione processuale memorabile per chi piega lo strumento (lecito) della denuncia penale al potere (illecito) di chi ha torto marcio!

    Comunque diamoci da fare con questa associazione a sostegno dei blogger querelati !

    Per il resto occorre rivedere la norma incriminatrice, ma la casta non lo farà mai, e se possibile occorre discernere tra testata giornalistica e blog.

    In bocca al lupo! Viva il lupo per tutti!

    P.S. Io sono disposta ad attivarmi in ogni sede 

  • -1

    Mentre la figlia del presidente Berlusconi ,Marina dice che “non paga,non pagherà , Daniele Martinelli è stato condannato-V.E.R.G.O.G.N.A. A quando una VERA RIVOLTA POPOLARE,PER CACCIALRI DA PALAZZO!!!!!

  • -2
    Giamporsi

    Claudio ma esiste già lo “scudo della Rete”, fatto dallo staff di Grillo… qui il link:

    http://www.beppegrillo.it/battaglie/lo_scudo_della_rete.php

     

    detto questo, è normale che prima o poi ci si caschi nella morsa della querela.. speriamo solo che, il fatto che tu abbia pubblicato la rettifica ti permetta di non essere giudicato colpevole e pagare dei soldi….sai già a quanto ammonta la querela??

    • -2.1

      Lo scudo della Rete fa parte della tutela legale, che come ho scritto può anche essere messa a disposizione gratuitamente da avvocati generosi. Il punto è che una causa per diffamazione, oltre alle spese accessorie (chi mi paga il viaggio a L’aquila e tutti quelli che seguiranno?) può significare una condanna, e una condanna significa soldi che non ti paga nessuno e che probabilmente, se fai il blogger per la gloria, non hai.

  • -3

    byoblu ha scritto :
    Lo scudo della Rete fa parte della tutela legale, che come ho scritto può anche essere messa a disposizione gratuitamente da avvocati generosi. Il punto è che una causa per diffamazione, oltre alle spese accessorie (chi mi paga il viaggio a L’aquila e tutti quelli che seguiranno?) può significare una condanna, e una condanna significa soldi che non ti paga nessuno e che probabilmente, se fai il blogger per la gloria, non hai.

    Credo che non si possa avere fiducia nella giustizia a giorni alterni. Fai bene a preoccuparti per le spese processuali, e credo che molti saranno pronti a sostenerti, ma se arriva una condanna bisogna anche cominciare a credere che sia perchè qualcosa di sbagliato sia stato fatto. E se ne pagano le conseguenze. Io credo che nello specifico se è davvero andata come dici, devi trovare veramente un giudice amico dell’accusa perchè arrivi una condanna…

    • -3.1

      Aggiungo che secondo me e per quanto ricordo, questa denuncia può avere i tratti della temerarietà. Potrebbe anche essere una scelta sensata (benché ingiusta) sul piano della convenienza del Sig. Frezza.

      Per questo non voglio che che tu ti debba solo difendere, ma che tu possa anche contrattaccare. Quindi ti servono avvocati bravi (e possibilimente costosi) quanto il Marazzitta.

      Abbiamo una grande occasione: quella di materializzare una sanzione processuale memorabile per chi piega lo strumento (lecito) della denuncia penale al potere (illecito) di chi ha torto marcio.

    • -3.2

      chi ha detto che non ho fiducia nella giustizia? Ci sono tre gradi di giudizio, così come per Martinelli. Però intanto i 10/15mila li deve tirare fuori, no?

  • -4
    claudio 42

    Credo si dovrebbe fare un gruppo di blog disposti ad esporre una raccolta fondi nel caso che un blogger abbia grane legali. Nel caso dò il mio appoggio.

  • -5

    Per quanto mi riguarda non ti preoccupare. Fin quando posso sostengo i watchdog, e non sarò io a bacchettarli quella volta che abbaieranno sbagliandosi.

    Ti chiedo di girare parte dell’accredito – nella misura che riterrai – a Daniele Martinelli, per la quale c’è già stata sentenza di condanna.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>