Chi ha rubato il Wi Fi sui Freccia Rossa?


Sfreccia l’elegante e sinuosa forma del Freccia Rossa, attraversando campi e città, gallerie e ponti, mentre infila velocemente un varco aperto direttamente nel futuro. Al suo interno, le porte scorrono silenziosamente al passaggio del viaggiatore, le comode poltrone si allungano alla semplice pressione di un tasto e una coppia di monitor ai lati di ogni carrozza mostra una cartina sulla quale lampeggia in tempo reale la posizione geografica del convoglio.
Aiutami a continuare a fare informazione libera

 
Uomini barbuti, con la loro valigetta e un notebook sempre più sottile e leggero, trafficano indaffarati, immersi nella lettura dei giornali e di consistenti risme di fogli di carta (retaggio del secolo scorso). Ogni tanto digitano distrattamente qualche parola sulla tastiera, con l’aria di chi si trova ad utilizzare un oggetto trendy e hi-tech, dal funzionamento vagamente magico, interrogandosi su quello strano universo di termini inglesi e nuovi paradigmi.

Apro il mio notebook e, rapito dall’ebrezza di chi si trova immerso in un contesto di invidiabile avanguardia tecnologica, cerco la copertura Wi-Fi annunciata in pompa magna da Trenitalia e Telecom, qualche mese fa, salutato come l’innovazione tecnologica del secolo, coronamento di un progetto straordinario. Il collegamento wireless si aggancia immediatamente al router del treno, e una schermata colorata, non senza tradire un certo compiacimento, mi dà il benvenuto e mi annuncia che “Grazie alla collaborazione fra Ferrovie dello Stato e Telecom Italia, in questa area è possibile navigare in modalità Wi-Fi” e che il servizio è “in promozione gratuita fino al 14 settembre”. Se hai Tim o Vodafone, puoi ottenere le credenziali di accesso via sms, altrimenti puoi usare la tua carta di credito, al prezzo di 1EURcent per 24 ore. Bene, avendo un altro operatore di telefonia mobile, proviamo dunque con l’autenticazione via carta di credito.

Dopo qualche interminabile secondo di attesa, compare la schermata di inserimento dati. Compilo tutto, diligentemente, clicco su “Procedi” e attendo… Attendo… Attendo… Entro in galleria. Il servizio non è disponibile. Esco dalla galleria. Sono a Firenze. Ricomincio la procedura daccapo. Benvenuto. Carta di Credito. Compilo diligentemente. Procedi. Attendo…Attendo…Attendo… Il servizio non è disponibile. Aspetto di superare le ultime gallerie dopo Firenze. Sono in volata verso Roma. Bevenuto. Carta di Credito. Bla bla bla… Attendo… Superato il tempo limite di attesa di una risposta dal server.

Mi guardo intorno: in effetti tutti gli uomini barbuti (e non solo) che stanno navigando, hanno una appendice tubiforme che fuoriesce dalle porte usb dei loro notebook. Non c’è un computer senza chiavetta USB di collegamento a internet. Ogni tanto perderanno pure il segnale, a 300Kmh, ma perlopiù, almeno nelle tratte rettilinee e pianeggianti, funzionano bene.

Nella speranza che nel frattempo qualcosa fosse cambiato, speravo oggi di poter dimenticare una precedente esperienza nella quale l’autenticazione via carta di credito era andata a buon fine, ma il collegamento di fatto era stato disponibile solo per brevi istanti nella tratta Milano-Bologna, in maniera quasi inutilizzabile.

Insomma, più che infilare un varco nel futuro, per quanto riguarda la connettività alla rete i Freccia Rossa restano tristemente ancorati ad un presente deludente, che ci vede agli ultimi posti in ogni classifica che prenda in considerazione fattori chiave come lo sviluppo della banda larga (ma ahimé anche stretta andrebbe bene), la penetrazione di internet tra la popolazione e il digital divide.

Si arriva da Milano a Roma in meno di tre ore, è vero, ma prima di riuscire a scaricare le email facciamo prima a fare Trento – Brindisi in bicicletta. E meno male che il servizio è in promozione gratuita fino al 14 settembre: riesce difficile immaginare che ci possa mai essere qualcuno seriamente disposto a pagare.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

20 risposte a Chi ha rubato il Wi Fi sui Freccia Rossa?

  • 7
    Giannino

    Ragazzi lasciate perdere e’ inutile. Vivete in un paese di m**da..

    Provate a scrivere ai giornali e vedete se vi cagano.

  • 6

    Chissà se la nuova società NTV Spa ha a bordo il servizio wifi.

  • 5
    marionapoli

    confermo ciò che ha raccontato claudio. l’ultimo freccia rossa che ho preso risale ad un mese fa. con mia somma soddisfazione mi sono arrivate le credenziali istantaneamente, mi sono autenticato ed ho iniziato a navigare. da napoli a roma ho navigato, da roma a milano non mi è più arrivato uno straccio di dato. l’anomalia si è risolta nel viaggio di ritorno dove i dati hanno latitato nell’intera tratta milano-napoli.

    un “servizio” così non può che essere gratis e restare gratis finchè questi problemi non saranno risolti. ad onor del vero non credo sia facilissimo creare una rete wifi lungo 800 km di binario. se ci aggiungiamo la lentezza storica delle FS e di TI il gioco è fatto.

  • 4
    NickFrost

    Ahimè… faccio il programmatore e configuro reti wireless per un’azienda, per cui non mi posso definire un pivellino, però purtroppo debbo confermare che il servizio è esattamente come lo descrivi tu. Per quanto mi riguarda, completamente inutilizzabile, e tutte le persone con cui parlo hanno lo stesso feed-back. Un vero peccato…Ci avevo sperato molto. Mettono la rete perfino sugli aerei, ormai, e su un treno è così impossibile? Avessero evitato poi di presentarlo così pomposamente!

  • 3

    Non ho mai avuto problemi per navigare quando sono in treno. Infatti a questa problematica non avevo mai pensato prima. Alla fine qual’è il problema?

  • 2

    Non c’è niente da fare caro Claudio, anche io come te ho provato a registarmi, nella tratta Salerno-Firenze, ma non c’è stato verso…..ed ho dovuto cedere, connettendomi con il 3g del mio i-phone….sic!

    A loro non conviene investire sulla  banda larga, ma che ne dici di raccogliere le firme per un referendum propositivo, o una proposta di legge? Certo, c’è la concreta possibilità che faccia la medesima fine del parlamentepulito, invocato da grillo, ma almeno c’avremo provato!! Cordialmente, Francesco

  • 1

    Non è che il WiFi sul treno sia magia.

    Si tratta pur sempre di un banale access point WiFi, collegato ad internet attraverso la rete cellulare convenzionale. (Mi immagino un CHIAVETTONE USB GIGANTE dentro la motrice del treno…!! sic)

    E’ il collegamento alla rete cellulare che fa pena, e con il Jitter del segnale andando a 300 Km/h non può che essere peggio. Quindi, fino a che l’infrastruttura internet cellulare non si adegua e si modernizza, mi sa che il freccia rossa rimane “FECCIA” rossa.

    So di persone che, pur con le ultimissime chiavette USB con supporto a HSPDA+, riescono a malapena a inviare una email senza intoppi.

    E’ la modernità che avanza, siamo pieni di infrastrutture completamente inadeguate, estese come le erbacce da un capitalismo che ragiona in termini di fatturato e non di qualità del servizio.

     

     

  • 0

    Ma io ho sempre provato a navigare sull’eurostar e devo dire che non sono mai e proprio mai riuscito a trovare la linea wirelless pensavo non fosse ancora attiva.. Cmq andare con la chiavetta usb ad oggi è ancora la soluzione migliore…

  • -1

    Non è una cosa complicata connettersi ad una rete Wi-Fi. Ci riescono anche quelli più inetti. Piuttosto trovo strano che per usufruire del servizio uno debba essere cliente Tim o Vodafone. Non ci dimentichiamo che oltre a Wind e Tre, ci sono anche altri operatori. E’ scomodo e pericoloso chiedere i dati della carta di credito per usufruire del servizio. Sono curioso di conoscere il prezzo di questo servizio quando non sarà più gratuito. Spero che non sia superiore ad un euro…

  • -2
    hwbigg

    Non te la prendere, io non ho mai avuto problemi e finché é gratis utilizzo e ringrazio. Il problema vero, forse, é che la maggioranza degli utenti italiani ha, diciamo così, poca dimestichezza con la tecnologia

    • -2.1
      Franceskiello

      Non per fare una promozione alle ferrovie, tuttaltro…

      …recentemente stao viaggiando spesso per lavoro e devo dire che a parte in un caso (sto parlando di un viaggio su otto in frecciarossa) ove la rete wi-fi c’era ma non era connessa a nulla, ho sempre usato il servizio con buona qualità.

      Eppure accanto a me il 90% usava la chiavetta usb.

      Tra l’altro usavo la connessione con vpn e terminal server e non ho mai avuto problemi.

      Per me è un ottimo servizio, bisognerà vedere quale sarà il costo finita la sperimentazione.

      Saluti,

      Francesco

    • -2.2

      Sul fatto che la maggior parte degli italiani non abbia dimestichezza con la tecnologia sfondi una porta aperta, ma anche volendo saltare considerazioni di filosofia informatica che postulano che se un servizio è complesso, non è l’utente ad essere sbagliato, ma il servizio che deve essere semplificato (perché l’informatica è al servizio dell’uomo e non viceversa, e non dev’essere dominio dei soli informatici), ti posso garantire che molti dei viaggiatori da me interpellati non hanno problemi ad utilizzare la tecnologia: viaggiano con due o tre smartphones, li configurano come router per connettersi in Wi Fi, hanno iPad e tablet di ogni sorta e magari anche un sistema operativo Linux che riescono perfino a configurare, a livello driver, compilando etc (pochi, d’accordo, ma ci sono). Bene:vuoi dirmi che costoro non riescono a fare i semplici passi richiesti per navigare fluidamente come accade a te? Io sono informatico. Sono anch’io un newbie? La mia esperienza e quella di tantissimi viaggiatori è estremamente negativa ai limiti dell’inutilizzabile. Se la tua è positiva, magari cerchiamo di scoprire insieme perché: forse prendi alcuni treni, in certi orari, che funzionano meglio di altri? In ogni caso lasciamo spazio anche ad altri commentatori e poi tiriamo le somme.

  • -3
    Giannino

    A me come cliente non interessa l’infrastruttura che c’e’ dietro (nonostante ne capisca abbastanza di telecomunicazioni digitali..) non interessa che tipo di collegamento c’e’ fra il treno e le centrali ecc..
    Se trenitalia ha promesso che io posso navigare gratis, che garantisca il servizio e non che vende fumo per farsi bella e poi all’atto pratico devi imprecare e uscire dal treno col sangue acido. Certo non pretendo la banda larga come a casa ma un minimo di navigazione decente almeno si. Preferisco nessuna promozione pubblicitaria che essere preso per il c**o per l’ennesima volta.

  • -4
    hwbigg

    Se avessi provato a richiedere le credenziali via sms a Tim anche se non sei un suo cliente, avresti potuto navigare sempre, senza problemi e gratis. Io lo faccio ogni giorno sulla tratta bo-mi o bo-rm

    • -4.1

      non è una questione di credenziali ed ormai ho sufficiente esperienza di viaggi sul Freccia Rossa, conditi da interviste agli altri viaggiatori i quali incontrano le stesse difficoltà, per asserire che sei uno, forse l’unico, dei miracolati che non hanno bisogno della loro brava chiavetta. In questo scompartimento, in questo esatto momento, navigano tutti con la chiavetta USB. Se gli chiedi del servizio Wi Fi, fanno facce che sono tutto un programma.

    • -4.2
      hwbigg

      ma non scherziamo dai!!!! Quando non c’era il wi-fi non si riusciva ne a parlare a telefono ne a usare una chiavetta per collegarsi…non dite cose senza senso

    • -4.3

      non sei molto moderato nei tuoi giudizi, e non puoi accusare gli altri di dire cose senza senso. “Quando non c’era il WiFi” cosa significa? Dove? Sul Freccia Rossa, intendi? Io navigavo benissimo, come sto facendo adesso, con il mio routerino Wi Fi o con le chiavette Usb. Ogni tanto, certo, il segnale spariva qualche istante o qualche minuto, ma perlomeno nelle tratte rettilinee non ho mai avuto problemi. Con il Wi Fi di Trenitalia non sono mai riuscito a navigare. Solo la prima volta, e solo nei dintorni di Milano. Appena uscito dalla stazione, il servizio è diventato quasi inutile. Spero tu non voglia sostenere che è colpa mia, perché sarebbe presuntuoso da parte tua.

    • -4.4
      gabriele sarti

      Per lavoro sono costretto a fare spesso la tratta roma torino..parliamo della richiesta di username-password a tim che arriva via sms dopo 2 ore dalla richiesta.. parliamo del segnale che va e viene ogni 5 min..parliamo dell’eventuale standby del dispositivo di connessione (vedi ipod/iphone) con nuova richiesta di inserimento credenziali,spesso lunghissime..e lasciamo perdere la velocità di connessione che è meglio.. 

      E’ un servizio penoso..talmente tanto penoso che è da febbraio che prorogano l’offerta a 1 cent..tanto si rifanno sui costi di viaggio..

  • -5
    hwbigg

    Se avessi provato a richiedere le credenziali via sms a Tim anche se non sei un suo cliente, avresti potuto navigare sempre, senza problemi e gratis. Io lo faccio ogni giorno sulla tratta bo-mi o bo-rm

  • -6
    hwbigg

    Se avessi provato a richiedere le credenziali via sms a Tim anche se non sei un suo cliente, avresti potuto navigare sempre, senza problemi e gratis. Io lo faccio ogni giorno sulla tratta bo-mi o bo-rm

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Curarsi con la cannabis? In farmacia costa troppo, e in Sicilia parte l’autoproduzione.

Cannabis SativaHa quasi 35 anni e quando ha scoperto di essere malato di sclerosi multipla ne aveva 23. Per continuare coi numeri: sono 12 anni che Alessandro Raudino, operatore sociosanitario di Siracusa, combatte con la malattia. E quattro anni da quando ha fondato l'associazione Cannabis cura Sicilia: 170 soci, adesso azzerati...--> LEGGI TUTTO

Il complotto di tutti i complotti.

ventotene il complotto di tutti i complotti Questo è il Manifesto di Ventotene, incensato su larga scala da tutti i politici come il pilastro fondante dell'Unione Europea, come simbolo di democrazia e di libertà. La prova provata che tutto quello che denunciamo da anni è vero. Il complotto di tutti i complotti. La teorizzazione...--> LEGGI TUTTO

Euroinomani: Diego Fusaro e la verità che Porro finge di non capire.

Euroinomani Diego Fusaro: "Appurato il fatto evidente, conclamato, che l'Europa è il nostro problema oggi, per il fatto che sta imponendo politiche depressive, di austerità, di lotta contro i diritti del lavoro e contro i diritti sociali, vi è una sorta di dogmatismo generalizzato che ripete come soluzione, come...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>