Gheddafi vuole far fuori Berlusconi

Ti farò un’offerta che non puoi rifiutare“, disse il mafioso in una celebre scena de “Il Padrino“. Questa è la qualità dei legami che si stringono con i boss. Nessuno spazio per i contorni grigi: o sei dentro o sei fuori, o sei “nel cerchio della fiducia“, per dirla alla De Niro, oppure sei un nemico. E se sei un nemico, che Dio abbia pietà della tua anima.

È qualcosa di molto simile allo stato di natura, dove vige la legge del più forte. Una comunità sopravvive grazie all’assoluta fedeltà dei suoi membri. Una sola mela marcia può mettere in pericolo tutto l’albero. Ha sempre funzionato così, ai tempi dell’uomo delle caverne come a quelli dei barbari. Funziona così nelle forze armate, dove in tempo di guerra vige la legge marziale. Funziona così ancora oggi, nel mondo della criminalità organizzata come nella società civile, ovunque la posta in gioco si faccia via via più importante. L’unica differenza è nella punizione applicata. Se sei membro del board di un’azienda o dello staff politico di un ministro te la cavi (forse) con l’esclusione da ogni coinvolgimento diretto e indiretto con la catena di potere. Se invece sei il braccio destro di un capo clan, inizia a sceglierti un pilastro della “Salerno – Reggio Calabria” di tuo gradimento: ci passerai il resto dell’eternità e le tue ossa saranno materia di studio per gli archeologi del futuro.

Le regole di una moderna democrazia, con la sua bella Costituzione a garantire gli inalienabili diritti di cittadinanza, servono proprio a tutelare gli individui, tra l’altro, dalle “esecuzioni sommarie“. Ci sono voluti millenni ma, almeno formalmente, ci siamo dati leggi, procedimenti processuali, regolamenti di garanzia, giudici, avvocati e corpi militari in grado di garantirne l’applicazione. Per questo è opportuno che chi rappresenta un simile apparato di convivenza civile, in quanto simbolo, non lo esponga a contaminazioni pericolose, instaurando rapporti di natura equivoca con sistemi di potere legati a una concezione dei legami personali atavica, primordiale e perciò incontrollabile. Per questo, i baciamano a Gheddafi, sultano di una autocrazia violenta, instaurata sul principio mafioso del “cerchio della fiducia“, erano molto più che equivoci, così come la fornitura di 200 ragazze bionde sopra il metro e settanta per le sue lezioni di islam con conversioni a cottimo, così come la concessione di suolo pubblico italiano per l’allestimento di tende regali libiche in luogo di una più consona e sobria accoglienza in hotel, così come ogni altra esibizione di familiarità ed ogni ostentazione di “amicizia” personale in luogo di un più appropriato e freddo rapporto istituzionale.

Ora che l’amico di Gheddafi, il fido alleato, il “fratello di sangue” Berlusconi (fotografato insieme al boss libico su tutti i manifesti cittadini dall’Alpi alle piramidi, dalla tripolitania alla cirenaica) ha “tradito”, per il leader di una comunità tribale non resta che applicare la sua personale regola di sopravvivenza, le legge che senza processo e senza il riconoscimento di alcuna attenuante decreta la condanna a morte.

Così Berlusconi viene a sapere, da sue “fonti certe”, che Gheddafi ha dato mandato di farlo fuori e che il macabro verdetto riguarda anche i suoi figli. E cosa potrebbe fare, se non “avere paura”? Il nostro capo del Governo, indebolito da uno stile di vita più libico di quello dello stesso leader africano, braccato dalla giustizia che egli stesso amministra e ricattato da escort, alleati e perfino dalla sua stessa maggioranza, adesso è anche spaventato. E giustifica il suo “tradimento” tirando in ballo le pressioni politiche americane e il voto del Parlamento, avverso il quale egli non ha poteri. Pare, visto dall’esterno, come quel fido ex-socio di malaffari che di fronte al mitra puntato alla tempia piagnucola disperato, giurando e spergiurando che non è colpa sua.

Eppure è solo colpa sua, perché in fondo nessuno l’ha costretto a farsi picciotto con i mafiosi, commerciante con i barbari, bolscevico con il Cremlino, compagno con i dittatori dell’est europeo, unno con gli unni, druido gallico con i celtacchioni o, se preferite (scegliendo metafore a lui più congeniali), investitore spericolato in mercati altamente instabili.

Oggi, nel luglio 2011, Silvio Berlusconi chiosa sinistramente la fine ingloriosa del suo “capolavoro di diplomazia estera” (come lo chiama lui), ripetendo come un mantra «Me l’ha giurata!», e aggiungendo «Quello li la democrazia mica la capisce!».

 Ecco, ma se Gheddafi la democrazia mica la capisce, perché allora hai prostrato uno Stato sovrano democratico come l’Italia ai piedi di un dittatore, permettendo tra l’altro che acquisisse con i suoi fondi sovrani e personali (che poi sono la stessa cosa) azioni di maggioranza di banche italiane e quote di grandi gruppi industriali partecipati dallo Stato?

Noi ti avevamo avvisato, e parafrasando Bennato ora non ci resta che dirti: «E’ stata tua la colpa, e allora adesso che vuoi?»

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a Gheddafi vuole far fuori Berlusconi

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>